Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 1 gennaio 2021

La Fidest cambia pelle

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021


I lanci d’agenzia della fidest (storico) sono visibili su:

https://fidest.wordpress.com 

La Fidest è un’agenzia stampa a diffusione gratuita.

Fidest is a free circulation press agency

Ho deciso di chiudere una porta ma avendo contestualmente l’accortezza di aprirne un’altra più diretta e personale. In questo ambito riscopro la mia anima di opinionista sui temi che più da vicino toccano la nostra natura e ci permettono di interagire con chi avrà la bontà di seguirmi condividendo o criticando la mia linea di pensiero sui grandi temi di attualità: politica, sociale, economia.

I decided to close a door but at the same time have the foresight to open another one that is more direct and personal. In this context I rediscover my soul as a commentator on the themes that closely touch our nature and allow us to interact with those who will have the goodness to follow me by sharing or criticizing my line of thought on the major topics of current affairs: politics, society, economy .

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

L’anno “particolare” del volo in parapendio e deltaplano

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Il volo libero giunge agli sgoccioli di un anno che definire “particolare” è giusto un eufemismo, ma con assoluta certezza che tutto tornerà come prima e non solo per chi vive con la passione di esplorare il cielo. La quarantena, da reclusione e patimento, si è evoluta in occasione di crescita e informazione. Grazie alle modalità di incontro on-line, centinaia di piloti hanno potuto partecipare a riunioni dove sono intervenuti esperti di volo in parapendio e deltaplano. Sono state occasioni di studio, istruzione e riflessione sulle tecniche di volo libero e sulle materie connesse. La stessa assemblea annuale FIVL è avvenuta a distanza. Ovviamente le restrizioni sanitarie hanno influito sulle attività di volo agonistiche e amatoriali, a partire dalla cancellazione dei campionati europei che si sarebbero dovuti svolgere nel comprensorio del Monte Cucco (Perugia), quelli di deltaplano, e in Serbia, quelli di parapendio. Tutto rimandato al 2022 perché l’anno prossimo si volerà per i titoli mondiali.Durante lo scorcio estivo, allentate le restrizioni anti epidemia, si è tentato di recuperare almeno i campionati italiani. Operazione fallita e titolo non assegnato nel caso del deltaplano e non per colpa del virus, ma del maltempo che ha imperversato sul sito di volo proprio nella settimana scelta per la gara. È andata meglio allo Spring Meeting in Friuli. Bene anche il salvataggio del campionato di parapendio, trasferito d’urgenza dall’Emilia Romagna al comprensorio di Cuorgnè-Chiesanuova (Torino). All’impresa, perché tale è stata di fatto, hanno lavorato senza badare a risparmi di energie i volontari del club Volo Libero Santa Elisabetta.Ne è scaturita una bella settimana di voli, con una partecipazione sorprendente e numerosa oltre ogni aspettativa. Scudetto a Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano), già campione mondiale di parapendio in carica insieme a tutta la squadra azzurra, come quella di deltaplano lo è da sei edizioni consecutive.Sempre approfittando della pausa dopo la prima quarantena, è stato possibile praticare l’hike & fly, volo ed escursionismo, cioè completare un percorso in volo o a piedi. La Hike & Fly Presolana, tra le montagne della Val Seriana (Bergamo), la Dolomiti Super Fly in Trentino, la Hike & Fly Experience sul Monte Grappa, non sono i soli esempi di come questa disciplina stia affascinando sempre nuovi piloti. Il calendario prevedeva una dozzina di questi raduni che non sempre la pandemia ha permesso. Se ne riparlerà nel 2021 quando il peggio sarà alle spalle come tutti ci auguriamo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Pace, Sant’Egidio: oggi manifestazione in streaming

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Roma. Dalle 11.05 in streaming, testimonianze da diversi paesi, come Mozambico, Libano, Siria, Sud Sudan e Centrafrica. Voci dai corridoi umanitari e dall’isola greca di Lesbo – Alla fine collegamento con l’Angelus di Papa Francesco. La Comunità di Sant’Egidio non rinuncia a cominciare il nuovo anno insieme a chi lavora per un mondo più giusto e più umano, libero da guerre, terrorismo e ogni forma di violenza. Rispondendo al tema che Francesco ha scelto per la Giornata, “La cultura della cura come percorso di pace”, dopo un’introduzione del presidente della Comunità, Marco Impagliazzo, nel corso dell’evento – che sarà tradotto in diverse lingue e seguito in tutti i continenti – si ascolteranno voci e testimonianze da: i centri Dream, per la cura dell’Aids in Africa e la prevenzione del Covid-19, in particolare quello di Zimpeto, in Mozambico, visitato un anno fa dal Papa; il Nord dello stesso paese, dove gli attacchi dei gruppi armati hanno creato non solo tante vittime ma migliaia di sfollati; il Libano, dove l’esplosione dell’estate scorsa ha indebolito ulteriormente una nazione già in grande sofferenza.Si parlerà anche dei corridoi umanitari, aperti dallo stesso Libano (per i profughi siriani) e dall’isola greca di Lesbo, del processo di pace in Sud Sudan e del Centrafrica, dove si sono appena svolte le elezioni presidenziali e occorre proteggere il percorso verso il disarmo e il dialogo nazionale.Alla fine di un intenso giro tra le “ferite” del mondo e le speranze di pace, ci si collegherà all’Angelus di Papa Francesco per ascoltare il suo messaggio. La “manifestazione virtuale” sarà trasmessa in streaming – con la traduzione in diverse lingue – a partire dalle 11.05 del 1 gennaio, sul sito http://www.santegidio.org e sulla pagina Facebook della Comunità.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aumenti 2021: tra tariffe, prezzi e costi dei servizi

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Come ogni anno l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha effettuato una stima sull’andamento dei prezzi e delle tariffe per il nuovo anno alle porte. Per il 2021 si prevede un forte impatto sui conti delle famiglie, pari a +795,80 Euro annui A determinare tali andamenti sono i rincari in alcuni settori, specialmente quello alimentare (i cui costi da tempo non conoscono ribassi) e a quello dei trasporti (dovuto in larga misura al maggior utilizzo dei vicoli privati a causa della paura di contagio sui mezzi pubblici).Si prospettano lievi discese dei costi per quanto riguarda la tariffa del servizio idrico con l’introduzione del nuovo sistema tariffario.Seppure in linea con gli aumenti che calcoliamo ogni anno, a peggiorare la situazione per il 2021 vi è la situazione di grave difficoltà in cui si trovano molte famiglie a causa delle conseguenze della pandemia. Non bisogna trascurar, infatti, che tali aumenti avvengono in un contesto estremamente delicato e in molti casi non faranno altro che accrescere disuguaglianze e disparità all’interno del Paese.Per questo riteniamo urgente e necessario l’avvio di un piano per il rilancio economico che punti sullo sviluppo, sulla ricerca, sull’occupazione, ma soprattutto sul contrasto alle disuguaglianze. Ci troviamo di fronte ad una sfida epocale: è doveroso nei confronti dei cittadini e del Paese operare scelte coraggiose e lungimiranti, mettendo in campo ogni sforzo e ogni risorsa per gettare basi stabili utili ad avviare una nuova fase di crescita.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Neri Pozza 2021: I saggi in uscita

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Il 2021 di Neri Pozza sarà un anno ricco e importante per la saggistica della casa editrice. Si comincia con due titoli della collana I Colibrì. Il primo, Nascita e avvento del fascismo di Angelo Tasca, è un’opera che ha fatto scuola nell’interpretazione storiografica del fascismo. Tasca, tra i fondatori del Partito Comunista d’Italia e uno dei più importanti esponenti dell’antifascismo italiano, la scrisse nel 1938 avanzando una lucida analisi della sconfitta politica della democrazia e della vittoria della dittatura. L’edizione di questo testo si basa su quella di Gallimard e l’introduzione porta la firma di Ignazio Silone. Il secondo, I rivoluzionari marginalisti. Come gli economisti austriaci vinsero la guerra delle idee di Yanek Wasserman, mostra come la Scuola austriaca di economia, fondata da Carl Menger a Vienna nella seconda metà dell’Ottocento e che ebbe tra i suoi esponenti Ludwig von Mises, Friedrich Hayek e Joseph Schumpeter, abbia conquistato gli Stati Uniti con una visione nuova dell’agire umano che va oltre la semplice dottrina economica. La Storia sarà protagonista anche di due importanti titoli che inaugurano “Il tempo storico”, la nuova sezione dei Colibrì curata da Pier Luigi Vercesi.In Lady Montagu e il dragomanno, Maria Teresa Giaveri ripercorre la storia entusiasmante alle origini del primo vaccino giunto in Europa grazie a una donna tenace e dallo spirito moderno che riuscì a vincere la resistenza della «medicina ufficiale».In Storia della solitudine Aurelio Musi conduce invece il lettore in un viaggio attraverso le varie forme che la solitudine, scelta o imposta, ha assunto nel corso della storia, dalla Grecia antica passando per il Medioevo fino a oggi: dal viandante all’eremita, da don Chisciotte cavaliere solitario fino al ludopatico dei tempi più recenti.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuove regole Eba in materia di default dei creditori

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

«Fratelli d’Italia fa proprio e rilancia l’appello lanciato dalle associazioni di categoria per chiedere alle istituzioni di Bruxelles di rivedere le nuove regole Eba in materia di default dei creditori e di calendar provisioning, che entreranno in vigore pggi 1 gennaio 2021. Secondo queste norme basterà uno scoperto minimo sul conto per essere segnalati alla centrale rischi come insolventi. Le banche saranno sommerse di nuovi crediti deteriorati e risponderanno con una nuova stretta creditizia. Un vero e proprio disastro annunciato che rischia di infliggere il colpo di grazia a migliaia di lavoratori e aziende in sofferenza a causa della crisi generata dal Covid. Da settimane FdI, attraverso la delegazione nel Parlamento Ue, chiede al Commissario all’Economia Paolo Gentiloni di battere un colpo. La risposta è stata un assordante silenzio. E tace anche il governo italiano che non ha mosso un dito per cercare di ottenere almeno un rinvio delle nuove norme. Non ci fermeremo: in Italia e in Europa continueremo a chiedere un intervento urgente, perché difendere le imprese italiane è un dovere della politica e delle istituzioni». Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Neri Pozza 2021 I romanzi e i saggi in uscita: La narrativa italiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

I due romanzi italiani della primavera sono Il maestro e l’Infanta di Alberto Riva e Neve d’ottobre di Angela Nanetti. Il primo è un raffinato romanzo storico sul rapporto che legò il mite e tormentato compositore Domenico Scarlatti alla figlia del re del Portogallo – poi regina di Spagna -, Maria Bárbara di Braganza. Scopriremo che fu lei la sua vera ispirazione, tant’è che le celebri Sonate del compositore napoletano, eseguite dai più grandi pianisti del Novecento, na­scono come esercizi per le mani della principessa, e che la loro amicizia durò tutta la vita.Il secondo romanzo è una commovente storia di destini fatta di silenzi, di ferite e di non detti: ambientato sulle montagne del Tirolo negli anni che precedono la Seconda Guerra Mondiale, ha per protagonisti due fratelli e in particolare di uno dei due, Giulio, seguiremo la vita piena di incertezze e inquietudini, una dolorosa ricerca della felicità, mai compiuta. Una lettura struggente e indimenticabile.Per l’estate non può mancare un giallo alla Scerbanenco: con La banda degli uomini Flavio Villani ci porta in una Milano anni Trenta dove, all’apoteosi del regime fascista, un anarchico con il vizio dell’alcol muore per cause apparentemente naturali, ma poiché la famiglia non è convinta si mette a indagare e pian piano la nebbia si dirada rivelando la verità.Nel corso dell’anno appariranno le opere di due affermate autrici della casa editrice: Wanda Marasco e Piera Ventre. Wanda Marasco ritorna finalmente in libreria dopo il successo della Compagnia delle anime finte, romanzo finalista al Premio Strega 2017, con un’opera, Il cammino di vetro, che ha al suo centro una delle figure più illustri della scienza medica italiana, oltre che del nostro Risorgimento, Ferdinando Palasciano, visto però con gli occhi della donna della sua vita, Olga de Wavilow, una nobile di origine russa che si prese cura di lui fino agli ultimi anni segnati dalla demenza.Piera Ventre, l’autrice di Sette opere di misericordia, torna con Gli spettri della sera, un racconto ambientato nelle campagne del Monferrato, dove due adolescenti sperimentano la loro iniziazione alla vita e ai fantasmi della mente.Farà, infine, il suo esordio in Neri Pozza Silvana La Spina con L’uomo del Viceré, un giallo storico ambientato nella Palermo rancorosa e fatiscente del 1783 in cui la nobiltà è in lotta contro il nuovo Viceré, l’illuminista e intellettuale marchese Caracciolo. Dopo l’efferato omicidio di alcune bambine, il Viceré decide di richiamare in città Maurizio di Belmonte, un nobile fuggito da Palermo, e affidargli le indagini.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Neri Pozza 2021. I romanzi e i saggi in uscita: la narrativa straniera

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

A gennaio e a marzo saranno protagonisti due Premi Pulitzer: Richard Russo scrittore americano che, dopo Il declino dell’Impero Whiting, torna con Le conseguenze (Chances Are), un’opera che indaga il sottile equilibro tra decisione e destino, tra scelta e fatalità, e Viet Thanh Nguyen con Il militante (The Committed): l’attesissimo seguito de Il simpatizzante, un magistrale romanzo di spionaggio ambientato nella Parigi degli anni Ottanta. A gennaio e a marzo saranno protagonisti due Premi Pulitzer: Richard Russo scrittore americano che, dopo Il declino dell’Impero Whiting, torna con Le conseguenze (Chances Are), un’opera che indaga il sottile equilibro tra decisione e destino, tra scelta e fatalità, e Viet Thanh Nguyen con Il militante (The Committed): l’attesissimo seguito de Il simpatizzante, un magistrale romanzo di spionaggio ambientato nella Parigi degli anni Ottanta.Temi attuali come immigrazione e integrazione saranno raccontati dalla giovane, ma già acclamata scrittrice cino-americana Susie Yang che, nel suo Ivy, la bianca (White Ivy) illustra il desiderio di una giovane immigrata cinese di integrarsi nella società americana a discapito della propria identità. Un romanzo che è già finalista al Center for Fiction Prize e sarà presto anche una serie TV Netflix.Razzismo e pregiudizio saranno esplorati da Therese Anne Fowler che ci spiega cosa significa essere neri nell’America di oggi, raccontandoci una storia dal sapore shakespeariano in cui si mescolano razzismo, abuso e amori tragici: Un bel quartiere (A good neighbourhood), un romanzo che è già nella lista dei bestseller del New York Times, USA Today e Los Angeles Times.Partendo da un famoso disastro ferroviario degli anni ’50 e narrando di una ricerca intorno alla partenogenesi, l’inglese Clare Chambers ci porrà un grosso interrogativo: si può perseguire la felicità o ci si deve accontentare dei piccoli piaceri quotidiani che la vita offre? Il suo Piccoli piaceri (Small pleasures) è un romanzo che ha già raccolto parecchi apprezzamenti nel mondo letterario britannico: da David Nicholls a Tracy Chevalier e da India Knight a Jessie Burton fino a Lissa Evans.Tra le opere di narrativa straniera in programma nella seconda metà dell’anno una menzione particolare la merita certamente Thésée o della vita nuova (Thésée, sa vie nuovelle) di Camille de Toledo, romanzo finalista al Prix Goncourt, secondo Yannick Haenel l’unico romanzo «davvero indimenticabile» della Rentrée francese del 2020.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Coronavirus. Vaccinazione: per obbligo o per convinzione?

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

La seconda ipotesi è migliore, ma ci sono resistenze alla vaccinazione. Il problema si pone, in particolare, per il personale sanitario. Facciamo un esempio. Un cittadino si ricovera in ospedale per una patologia e il medico curante non vaccinato è portatore di virus. Si corre il rischio di infettare il paziente e provocarne la morte. Per converso, il cittadino potrebbe rifiutare le cure del medico ospedaliero non vaccinato. Chi curerà il paziente se il personale sanitario non è vaccinato? Altro esempio riguarda le residenze per anziani (RSA). Chi si prenderà cura degli anziani se il personale sanitario non vaccinato è portatore di virus? Sappiamo che è proprio l’anziano a essere maggiormente in pericolo di infezione e morte, stante l’età. Si pone il problema: dove finisce il diritto alla libertà di scelta di non vaccinarsi del personale sanitario e dove inizia il diritto alla salute e alla vita del cittadino, paziente o anziano che sia?Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola e affollamento delle classi

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

A fronte di una media nazionale di 20,34 alunni per classe, l’Emilia-Romagna è la regione con la più alta densità di alunni (21,86) seguita da Lombardia (21,44), Toscana (21,24) e Lazio, al quarto posto con una media di 20,92 studenti. Le classi meno “affollate” si trovano in Molise (17,73), Basilicata (18,06) e Calabria (18,13). E’ quanto emerge da un’analisi condotta da DAS (gruppo Generali), compagnia specializzata nella tutela legale che sta registrando in questo periodo una crescita di richieste per Difesa Scuola, copertura rivolta a dirigenti scolastici, personale docente e non docente ma anche ad allievi e genitori che svolgono il ruolo di membri di diritto degli organi collegiali.Nel Lazio si registra un maggiore affollamento nella scuola primaria con una media di 19,39 alunni per classe che collocano la regione al quarto posto in Italia con 231.825 iscritti distribuiti in 11.956 classi. Ad avere un minore affollamento è la scuola media (6° posto in Italia) con 21,22 alunni per sezione. Negli altri gradi scolastici la media laziale si attesta sempre al quinto posto nazionale. Per gli istituti superiori 251.989 studenti sono suddivisi in 11.472 classi con una media di 21,97 alunni, la stessa della scuola dell’Infanzia, dove 81.877 bambini frequentano 3.727 sezioni.In un contesto come quello attuale, condizionato dalla pandemia, Difesa Scuola di DAS tutela dal punto di vista legale dirigenti scolastici, personale docente e non docente, allievi e genitori, sia in casi di procedimento penale, sia per far valere le proprie ragioni in caso di danni subiti per fatto illecito di terze parti, o ancora per presentare ricorso contro una sanzione amministrativa ritenuta ingiusta. Sia all’interno, sia all’esterno degli istituti scolastici, è richiesto, per tutti, di agire nel pieno rispetto di quanto disposto dai Dpcm relativamente alla sanificazione e igienizzazione degli ambienti, all’uso dei dispositivi di protezione, alla misurazione della temperatura, al distanziamento durante l’ingresso negli edifici, sugli scuolabus, e in aula.In ambito civile, le garanzie previste da Difesa Scuola sono attive anche per quanto riguarda la circolazione stradale, in caso di vertenze scaturite nel tragitto da casa a scuola e viceversa e nei trasferimenti in gruppo, in occasione di viaggi di istruzione e di visite e uscite didattiche in genere, seppur attualmente sospese dall’ultimo decreto emanato. Difesa Scuola garantisce anche un servizio di consulenza telefonica, tramite numero verde, per avere il parere immediato ed esperto di avvocati specializzati in caso di dubbi di natura legale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: La psicologa Elisa Caponetti analizza la didattica a distanza

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

L’apprendimento cognitivo è influenzato dalle emozioni. Esiste infatti una stretta connessione tra la vita emozionale degli alunni e la loro capacità di acquisire nuove competenze e conoscenze e ciò in quanto entrambi sono processi che si generano nella nostra mente. La scuola rappresenta quindi un luogo privilegiato in cui poter osservare e valutare le dinamiche emotive e cognitive che si attivano nei processi evolutivi. L’emergenza Covid ha stravolto in maniera drastica e immediata le abitudini di tutti noi, modificando in modo radicale e fulmineo il nostro quotidiano. Se ciò è vero per gli adulti, questo si è verificato con ancora maggior dirompenza sulle vite dei bambini e dei ragazzi, costretti a doversi adattare ad un quotidiano a loro fino a quel momento sconosciuto.L’impossibilità, per molti studenti, di poter andare a scuola e l’imposizione di doversi adeguare alla cosiddetta DAD (didattica a distanza) dall’oggi al domani, non è stato vissuto come un evento positivo dalla stragrande maggioranza dei minori. I ragazzi, a partire dal mese di marzo, sono stati così catapultati in una nuova dimensione fatta di assenza di socializzazione e isolamento domiciliare. La socializzazione, le consuetudini quotidiane, i compagni di scuola, contribuiscono massicciamente allo sviluppo emotivo e sociale.D’improvviso gli studentisono stati sconnessi dal mondo reale e si sono ritrovati costantemente connessi a quello virtuale. Il rapporto umano è stato delegato alla modalità virtuale, generando così conseguenze sia a livello emotivo che cognitivo e soprattutto nell’alterazione di un proprio stato di benessere.Inizialmente, si era invece verificata in molti, una reazione positiva. Il lockdown ha consentito ai bambini di stare insieme a mamma e papà 24 ore su 24 potendo così ricevere attenzioni esclusive da entrambi i genitori. Ma questo è stato vero soprattutto per i più piccoli. Per gli studenti adolescenti, le cose sono state ben più complicate. Soprattutto in questa fascia d’età, il contatto umano è imprescindibile e non può essere sostituito o compensato dalla tecnologia. Con la didattica a distanza si è creato un nuovo modo di fare insegnamento e apprendimento. Se da un lato si è cercato di preservare la continuità scolastica, dall’altro, l’utilizzo dischermi di pc, smartphone e tablet hanno reso più difficile cogliere l’empatia e l’espressività dei volti, che filtrano le emozioni alterando con facilità la realtà. E così la vita reale si è trasformata velocemente in virtuale. Spesso poi ci sono state criticità aggiuntive date da assenza di privacy, soprattutto nei casi in cui l’abitazione dello studente è di dimensioni ridotte o se la famiglia è numerosa.Le conseguenze seguite al drastico cambiamento imposto dalla DAD, nella maggior parte dei casi, sono state molteplici e sovente hanno arrecato serie ripercussioni a livello cognitivo, emotivo, relazionale ed educativo.Ovviamente, ogni singolo caso è specifico, in quanto ogni situazione presenta esiti di benessere e malessere diversificati. Ciò nonostante, si stanno riscontrando comportamenti disadattivi molto comuni insieme ad una rilevante conseguente instabilità emotiva.Se andiamo ad approfondire la sintomatologia riscontrata, vediamo che è stata estremamente variegata: occhi arrossati, stress, paure crescenti di vario tipo, depressione, ansia, crisi di panico, frustrazione, senso d’impotenza e inquietudine. Ma anche, svilimento, profondo senso di inadeguatezza e solitudine. Estremamente comune poi l’insorgenza di insonnia e mal di schiena a causa della postura adottata per dover stare tanto tempo seduti di fronte ad uno schermo. L’isolamento forzato ha purtroppo inoltre prodotto seri rischi comportamentali. Affianco a tutto ciò, va segnalato lo sviluppo di dipendenze a cui siamo stati tutti più esposti a rischio, a maggior ragione ciò è valso per i soggetti con maggiori precedenti fragilità. In particolare, si è diffusa l’addiction alimentare e la dipendenza da pc, smartphone e strumenti tecnologici.E’ vero però che in un momento in cui ci siamo sentiti privati di tutto, un modo per restare connessi è stato proprio grazie ai nostri inseparabili apparecchi tecnologici per cui durante questa pandemia rappresentano un’apparente salvezza!

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I desideri degli studenti italiani

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

I tempi difficili non fermano però le ambizioni lavorative degli studenti: gli under 30 sognano per il nuovo anno di trovare un lavoro in linea con il proprio percorso di studi (55%), che possa renderli economicamente indipendenti (47%) e gli aiuti a realizzarsi come professionisti (28%). Complice il periodo, il contratto di lavoro fisso è un traguardo auspicabile per solo uno studente su 3 (32%). I lavori ideali per gli studenti laureandi? Anche grazie alla scoperta delle opportunità della tecnologia, tra didattica a distanza e servizi sempre più digitalizzati, in cima spiccano le professioni creative legate al mondo della comunicazione web e social (45%), seguite subito dopo dai ‘grandi classici’, nel campo della medicina (29%), traendo ispirazione da medici ed infermieri in prima linea nel fronteggiare l’emergenza dovuta alla pandemia, dell’ingegneria (14%), marketing (9%). C’è anche chi si dice fortemente interessato a prendere parte ad un start up innovativa (19%) e a progetti legati alla creazione di prodotti hi-tech 4.0 (26%). Quali sono i modelli aspirazionali dei giovani oggi? A primeggiare non è un personaggio ma una categoria: infatti la maggioranza dei giovani (64%) afferma di volersi ispirare a tutti quei medici ed infermieri che hanno dimostrato senso di responsabilità: donne e uomini che si sono messi al servizio del prossimo in occasione della pandemia che ha colpito il mondo. A seguire in classifica alcuni personaggi del mondo dello sport: in questo contesto spiccano nomi come Ronaldo (57%), vera e propria “industria vivente” capace di fare business anche fuori dal campo di gioco, e Lewis Hamilton (51%), anch’egli capace di alternare alle proprie vittorie sportive numerosi successi imprenditoriali. Come prima donna a cui ispirarsi, troviamo la celebre influencer e imprenditrice digitale Chiara Ferragni (42%) per la sua capacità di creare business mettendo al centro la propria persona e le proprie capacità, avendo dimostrato nel corso degli anni determinazione nell’affermarsi non solo nella moda, ma anche nelle diverse attività che la vedono coinvolta in prima persona. Tra i primi nomi in classifica spiccano quelli del “papà di Microsoft” Bill Gates (40%), un modello per la sua capacità di rivoluzionare ed innovare ancora oggi, e l’eterno Barack Obama (37%) esempio di integrità e di carisma, anche grazia alla sua autobiografia da poco pubblicata anche in Italia. Simbolo di resilienza e reazione alle vicissitudini della vita, i giovani di oggi hanno imparato a riscoprire ed ispirarsi alla figura di Frida Kahlo (34%), la celebre artista messicana che attraverso le sue opere ha espresso la sua forza e il coraggio nel non arrendersi alle vicissitudini della vita. Un altro esempio di forza e tenacia più attuale è quello di Bebe Vio (31%), scelto come modello dai giovani per i traguardi sportivi raggiunti nonostante le problematiche che ha dovuto affrontare e con cui convive dall’età di 11 anni. Tra gli altri modelli troviamo J.K. Rowling (25%), autrice di bestseller tra le più amate al mondo, giunta al successo dopo una lunga gavetta e molti sacrifici. Considerato positivamente per la sua conoscenza e saggezza, Alberto Angela (24%) è amato dai più giovani per la sua capacità di fare divulgazione storica e scientifica in tv in modo semplice e chiaro. Tra le altre italiane i giovani menzionano anche Samantha Cristoforetti (21%), prima donna italiana negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Un tempo si desiderava un viaggio in giro per il mondo o terminare gli studi il prima possibile

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Quest’anno, dopo le vicissitudini legate al Covid-19, che hanno rivoluzionato abitudini e stili di vita, gli studenti chiedono prima di tutto un ritorno a seguire le lezioni a scuola o all’università (65%) e la possibilità di confrontarsi di persona con compagni e insegnanti (56%). Pensando un po’ più al futuro e a ciò che sarà dopo l’università, le ambizioni portano i giovani a desiderare un posto che sia in linea con il proprio percorso di studi (55%) e che gli permetta di poter ottenere l’indipendenza economica dalla famiglia (47%), possibilmente con un contratto di lavoro fisso (32%). A dispetto di chi li considera “poco concreti” o “con la testa tra le nuvole”, 1 studente su 2 confessa di conoscere le difficoltà del periodo e di nutrire per sé dei sogni molto concreti (53%), di potersi laureare a pieni voti (35%) o di superare gli esami senza patemi d’animo particolari (41%). È quanto emerge da uno studio di In a Bottle (https://www.inabottle.it), condotto con metodologia WOA (Web Opinion Analisys) su circa 1500 studenti tra i 18 e i 25 anni con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio online sui principali social network, forum e community per capire quali sono desideri e aspettative per il 2021. Quali esigenze dovrebbe soddisfare la realizzazione di un sogno per gli studenti italiani? Complice gli ultimi 12 difficili mesi, la maggioranza dei ragazzi evita voli pindarici e vorrebbe soltanto “migliorare il proprio tenore di vita per garantire maggiore serenità a sé stessi e ai propri cari” (43%) e “dare una soddisfazione ai propri genitori” (35%), sempre più preoccupati per i tempi difficili che stiamo vivendo e desiderosi di un futuro migliore per i propri figli. In secondo piano, almeno in questo periodo, le aspettative riguardano la realizzazione di un sogno che coincida con la possibilità di “dedicare un po’ di tempo a sé stessi” (16%) o di trovare l’amore della vita (11%), seppur ancora in giovane età. Quali desideri per il nuovo anno esprimeranno gli studenti allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre? La pandemia che stiamo vivendo ha inevitabilmente fatto scoprire, anche ai ragazzi, l’importanza delle piccole cose e di ciò che, fino a 12 mesi fa, davamo tutti per scontato. Ecco quindi che il 65% dei ragazzi chiedono prima di tutto un ritorno alla normalità ad iniziare dall’istruzione: un tempo veri e propri spauracchi per milioni di studenti, adesso università ed istituti scolastici diventano simbolo di un ritorno alla normalità, auspicabile quanto prima. A seguire c’è anche la voglia di tornare a confrontarsi di persona con compagni e insegnanti (56%)., abbandonando la tanto discussa didattica a distanza e le lezioni, in alcuni casi addirittura le sessioni di laurea, in videocofnerenza. Sembra quindi che gli studenti riconoscano il potere socializzante che la scuola e l’università rappresentano, visti non più come luoghi dove recepire soltanto nozioni e conoscenze.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nomina Padoan a Unicredit grazie a forzatura ad personam decreto ministeriale

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Interrogazione a ministro Gualtieri “La nomina dell’ex ministro Padoan nel Consiglio di amministrazione di Unicredit e la successiva designazione a presidente è frutto di una forzatura ad personam del decreto ministeriale attuativo della direttiva Ue del 2013, finalmente varato lo scorso dicembre dopo un’attesa di sette anni?”.E’ quanto si chiede in un’interrogazione al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso.Il senatore di FdI evidenzia che “al di là della dichiarazione dell’ex ministro Padoan di indipendenza, ai sensi dello Statuto sociale di Unicredit e del Codice di autodisciplina delle società quotate, questi doveva essere a conoscenza dell’impedimento posto proprio dal decreto ministeriale attuativo della direttiva Ue”. Infatti, osserva il senatore Urso, “anche se al momento della designazione il decreto non era stato varato, in qualità di ex ministro dell’Economia e per aver materialmente preparato lo schema di decreto legislativo attuativo, Padoan doveva sapere benissimo che non avrebbe potuto ricoprire la carica di consigliere, visto che negli ultimi due anni era stato prima membro di un governo e poi deputato nelle file del Pd. Un chiaro tentativo di aggirare l’ostacolo normativo che gli avrebbe impedito di accedere al consiglio di amministrazione di Unicredit”.Ma per il senatore Urso questa non è la sola anomalia visto anche “lo stralcio tra le disposizioni transitorie e finali dello stesso decreto attuativo della parte in cui si rimanda alle linee guida elaborate dall’Abe e dalla Banca Centrale europea per l’applicazione delle disposizioni contenute nel decreto. Un’eliminazione che rappresenta un perfezionamento ad personam del Regolamento, e che ha consentito la modifica della parte riguardante i requisiti e l’idoneità di chi va a svolgere incarichi all’interno degli Istituti bancari. Spianando così la strada a Padoan”.Da qui la richiesta del senatore Urso al ministro Gualtieri “di valutare se, alla luce del varo del decreto ministeriale e dell’evidente incompatibilità in cui si trova l’ex ministro Padoan, sussistano quei requisiti di indipendenza che richiede la legge e nel caso di agire di conseguenza per tutelare il sistema bancario dal rischio di possibili alterazioni prodotte proprio da gestioni non imparziali”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fratelli d’Italia prepara una mozione di sfiducia al Governo?

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

«Tra le improbabili ricostruzioni che leggo oggi sulla stampa ce n’è una che mi ha particolarmente colpito. La curiosa tesi sarebbe, in sostanza, che Fratelli d’Italia, con la sua indisponibilità a formare governi con Renzi, oltre che con il Pd e M5S, fermerebbe ogni possibilità di far cadere questo governo rivelandosi “il migliore alleato di Giuseppe Conte”. Mi ha particolarmente colpito perché mi corre l’obbligo di ricordare che FdI è tra i pochissimi a non aver mai votato la fiducia a Conte dall’inizio della legislatura. Io non credo alla buona fede di Renzi e alla reale volontà di aprire una crisi di governo ma sarei contenta di sbagliarmi: in ogni caso è una cosa che si può verificare facilmente. Propongo a chi realmente voglia, come noi, mandare a casa definitivamente il governo Conte, e comunque a tutto il centrodestra, di presentare una mozione di sfiducia al presidente del consiglio e all’intero governo. Così vedremo, ancora una volta, chi vuole mantenere in vita l’attuale esecutivo (o al massimo puntare a un rimpastino), con tutti i gravissimi danni che sta arrecando agli italiani e chi invece vuole mandarlo veramente a casa». Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

De Vito e i poteri per Roma Capitale

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

“Colgo con favore e rispondo con disponibilità e soddisfazione all’invito della sindaca Raggi ad avviare un tavolo strategico – in sinergia con tutte le forze sociali e politiche della città – sul tema delle risorse, dei poteri e delle funzioni da attribuire alla nostra Capitale. Un invito che mi ha sollecitato a depositare in data odierna una mozione urgente con la quale si chiede alle forze politiche presenti in Aula Giulio Cesare di impegnarsi nella direzione proposta dalla sindaca”. E’ quanto dichiara in una nota il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito. “Sono convinto infatti – e ho avuto modo di ribadirlo più volte – che una Capitale non possa essere amministrata con i poteri che il Testo Unico degli Enti Locali riserva agli altri 8800 comuni italiani. Sostengo da tempo la necessità che il governo si impegni affinché la nostra città venga dotata degli strumenti che le permettano di adeguarsi al rango delle grandi Capitali, destinando a Roma tutte le risorse necessarie per migliorarne i servizi e la qualità della vita” ha proseguito De Vito.“Spiace constatare che, ad oggi, siano mancate le condizioni politiche per la realizzazione del ‘Forum Sviluppo Roma’ che avrebbe contribuito all’avvio di un percorso su temi come il Recovery Fund, il Giubileo 2025 e l’Expo 2030 ma sono certo che la proposta della sindaca rappresenti l’importante opportunità di realizzare quella progettualità di medio/lungo periodo necessaria per condurre la nostra Capitale nella direzione di quel processo di internazionalizzazione cui Roma dovrà necessariamente andare incontro” ha concluso il presidente.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fincantieri. Urso (FdI): governo latitante o succube dei francesi?

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

“Si verifica proprio quello che avevamo denunciato nella nostra interrogazione al Senato due mesi fa, che ancora attende risposta dal governo: Fincantieri costretta a rinunciare all’acquisizione dei cantieri francesi Stx anche per le condizioni poste di fatto dalla Commissione UE, con una tattica dilatoria e nel contempo compromissoria”. A dirlo il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, responsabile del Dipartimento Impresa di FdI e vicepresidente del Copasir.”Guarda caso, la Commissione UE utilizza due pesi e due misure in vicende analoghe: severa con l’operazione cantieristica mentre non pone alcun rilievo alla fusione automobilistica di FCA-PSA che, come emerge solo ora in modo evidente, consegna ai francesi la maggioranza della governance. Insomma, le fusioni e le aggregazioni europee vanno bene se favoriscono il predominio industriale della Francia e sono ostacolate quando interessano l’Italia. Anche questo era nella lista della spesa che Macron ha imposto al duo Gualtieri-Conte nelle trattative sul Recovery Fund?”, conclude il senatore Urso.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bilancio al comune di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Troviamo assurdo che nel piano investimenti di Roma Capitale per il triennio 2021-2023 ci siano delle differenze di attribuzioni di fondi e d’interventi che non trovano nessuna spiegazione logica. Si passa dagli oltre 28 mln peri XIV Municipio, guarda caso dove risiede il Sindaco Raggi, ai poco più di 2 mln di € nei municipi IV e XI, entrambi guidati da un commissario del M5S dopo che i presidenti sono stati sfiduciati dalla maggioranza dei consiglieri, poi che i presidenti sfiduciati siano stati nominati commissari dalla Raggi è una vergogna della quale abbiamo già parlato. Dichiarano Rachele Mussolini consigliere di Roma Capitale e Federico Rocca responsabile romano degli enti locali di Fratelli d’Italia. Non ricordiamo in passato un bilancio con delle differenze così enormi anche perché si è sempre cercato di usare dei parametri come il numero di abitanti, l’estensione territoriale e alcune specificità territoriali. Al contrario la Raggi e il M5S sembrano aver adottato solo un mero calcolo politico. A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca e allora non vorremmo che qualcuno abbia deciso di punire i territori che hanno voltato le spalle al M5S. Il IV e XI hanno dei commissari che potevano e dovevano dire la loro nel cercare di bilanciare le risorse del Campidoglio, invece nulla, molto probabilmente sapendo che non saranno ricandidati non hanno voluto spendere le loro energie per difendere i territori che il mandato gli impone di tutelare e rappresentare, alla faccia del rispetto dei cittadini. A questo punto – concludono Mussolini e Rocca – possiamo parlare non di municipi commissariati ma di municipi abbandonati dalla Raggi e dal M5S

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: due donne delle istituzioni che pensano come gestire il futuro della Capitale

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

Sono Virginia Raggi e Giorgia Meloni. Ad una lettera della Raggi La Meloni risponde sul Messaggero: ““Confermo la nostra disponibilità a collaborare e ad offrire il nostro contributo per il bene di Roma Capitale e dei romani. Mi consenta però di segnalarle l’estremo ritardo con il quale lei arriva a proporre l’istituzione di un tavolo di confronto sui poteri speciali e le risorse per la Capitale, un’iniziativa che noi sosteniamo da quasi cinque anni e che lei avrebbe dovuto far sua all’inizio della sua consiliatura. Questo non è avvenuto, e ancora oggi i tempi di avvio di questa iniziativa non sono chiari nella sua lettera, che non riporta una data di convocazione né un preciso cronoprogramma. E anche questo non fa ben sperare sulla reale volontà di raggiungere l’obiettivo”. E soggiunge: “Gli atti e le proposte presentate in Parlamento, in Regione Lazio e in Assemblea capitolina testimoniano il nostro lavoro e confermano che il nostro impegno per Roma c’è sempre stato e non mancherà mai. Ricordo – continua Meloni – che è sulla base della mozione di FdI approvata dall’Aula Giulio Cesare che Lei ha avuto la forza di andare dal presidente del Consiglio Conte per porre il tema, non più rinviabile, di dare a Roma lo status e la dignità che merita. Ed è sempre grazie a Fratelli d’Italia se nelle linee guida sul Recovery Plan è stato dedicato un focus a Roma Capitale”. Lei ha ragione quando sostiene che la legge di bilancio non ha previsto precipui impegni per Roma. Noi per primi ci saremmo aspettati che un governo sostenuto dai partiti che esprimono il Sindaco di Roma e il presidente della Regione Lazio colmasse questo vulnus, ma non è andata così. Ne abbiamo preso tristemente atto e abbiamo tentato di proporre delle soluzioni”. “È di Fratelli d’Italia, infatti, l’emendamento alla legge di bilancio con il quale si chiedeva la creazione di un fondo ad hoc per stanziare un miliardo di euro finalizzato a coprire gli interventi finalizzati al trasferimento dei poteri a Roma Capitale. Il Governo e la maggioranza, composta dal suo partito e da quello del presidente Zingaretti, lo hanno bocciato. Allora, abbiamo presentato un ordine del giorno ed è solo grazie alla nostra determinazione se alla Camera è stato approvato all’unanimità delle forze politiche. Ora il Parlamento e il Governo si sono assunti un impegno solenne, che deve essere rispettato perché Roma è la Capitale d’Italia e il suo futuro è una questione nazionale, che coinvolge le Istituzioni nazionali e non solo le forze politiche, sociali ed economiche romane. Sindaco, è ora di passare dalle parole ai fatti: il nostro contributo, il nostro impegno e le nostre proposte ci saranno sempre ma perdere altro tempo sarebbe un affronto a Roma e all’Italia. E noi non siamo disposti a farlo. La saluto e ricambio gli auguri di un felice anno nuovo” – conclude il presidente di Fratelli d’Italia. (n.r. Quando ci fu la candidatura della Raggi l’accogliemmo con entusiasmo perché vi intravedemmo una svolta al dominio incontrastato degli uomini e convinti come siamo stati che il “senso pratico femminile” sarebbe stato l’elemento in più per far uscire dal pantano in cui sera cacciata la Capitale. Ora potrebbero esserci non una ma due donne, anche se politicamente distanti tra loro, e se una ha lasciato qualche rammarico di troppo la Meloni saprebbe fare la differenza. E’ che Roma ha un passato politico turbolento e i romani, a loro volta, non sono stati sempre all’altezza della situazione dando a vedere il loro bisogno d’avere una guida politica ferma e decisa per fare delle scelte che potrebbero apparire a taluni impopolari ma che noi riteniamo necessarie. Manca, in altri termini chi dimostra con i fatti la capacità di dialogare con la gente, di cercare la collaborazione di tutti senza pregiudizi ideologici, senza badare solo al proprio ritorno politico. Vorremmo, questa volta, che le candidature fossero al di sopra dei colori politici ma che i politici si assumessero l’onere di sostenerle con un programma serio e fattibile. Non ci servono i nomi altisonanti, i politici “trombati” alla ricerca di una poltrona qualunque essa sia, ma di una città che possa essere amministrata con il cuore e la mente.)

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Loretta Goggi e i giochi di potere della politica italiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 gennaio 2021

«Conscia delle difficoltà che affliggono molti di noi, della sofferenza che è entrata in decine di migliaia di case non risparmiando nessuno, dai bambini agli anziani, e dell’impegno costante profuso a rischio della vita di tutti coloro che si sono impegnati per salvare quella degli altri in questi giorni, costretta a restar ferma nella mia casa di Roma perché alcune persone sono risultate positive al Covid sul set del film a cui sto lavorando a Bari, mi sono fermata a riflettere ancora su questo 2020 giunto ormai alla fine e a chiedermi cosa augurarmi e augurarci per quello a venire». Così Loretta Goggi in una lettera aperta di auspicio per il 2021 che apparirà sul numero uno di Famiglia Cristiana. «Su tutto», prosegue la Goggi, «vincere la battaglia – ma sarebbe più giusto definirla guerra – contro il virus, senza però dimenticare con superficialità cosa abbia significato e ci abbia lasciato in eredità, e ritrovare la nostra salute fisica, psichica e spirituale, accompagnata da una ripresa dell’economia che distribuisca lavoro per tutti». Loretta Goggi invita, forti dell’esperienza della pandemia, «a guardare bene in profondità dentro di noi, rielaborare il senso della vita e impegnarci attivamente a scegliere per l’Italia chi possa guidarla, individuare e sostenere persone capaci di guardare ai reali bisogni del Paese mettendo fine alle ripicche e ai giochi di potere, divenuti insopportabili, indirizzando le energie ed esperienze verso quello che dovrebbe essere l’unico disegno di legge necessario: ridare vita ai sogni di tutti coloro che sono stati regolarmente privati dell’attenzione che le loro condizioni avrebbero richiesto e riconoscere il merito alle grandi professionalità di quei molti che sono stati in grado di sostenere e risolvere con il loro impegno il peso schiacciante di enormi difficoltà».

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »