Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 5 gennaio 2021

Elisabetta Casellati Presidente del Senato all’Ospice Pediatrico di Padova

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

La Presidente del Senato Elisabetta Casellati, in occasione della festività dell’Epifania, ha voluto consegnare di persona ai bambini dell’Hospice Pediatrico di Padova, dei piccoli panettoni che sono arrivati anche in Pediatria. L’omaggio è stato riservato inoltre agli anziani di una RSA dell’ULSS 6 Euganea come segno di vicinanza. Nel corso della breve cerimonia tenutasi oggi alle 10.30 presso l’Hospice Pediatrico, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Daniele Donato, ha accolto la Presidente del Senato, ringraziandoLa per la Sua presenza in questa occasione. “In questo tempo difficile, che vede le festività svolgersi in un clima di solitudine e preoccupazione, tanti bambini, malati, persone anziane vivono la loro condizione di fragilità in maniera amplificata. È allora con il calore dei piccoli gesti che possiamo recuperare quell’abbraccio umano oggi precluso dalle restrizioni della pandemia” ha dichiarato la Casellati, Presidente del Senato. Alla consegna erano presenti, oltre al Dott. Donato, Franca Benini, direttore dell’Hospice Pediatrico, Liviana Da Dalt, direttore del Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino, Paolo Fortuna, direttore dei Servizi Socio Sanitari dell’ULSS 6 Euganea e Fabio Incastrini, presidente dell’RSA I.R.A. di Padova.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Le scuole riaprono, ma il trasporto pubblico resta in balìa di provvedimenti emergenziali

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Roma. La data della riapertura delle scuole è finalmente certa, il 7 gennaio elementari e medie, l’11 le superiori, ma il problema dell’affluenza sui mezzi del trasporto pubblico resta preoccupante. Le soluzioni messe in campo per poterla abbattere restano palliativi che non rappresentano la soluzione. Così si continua a dare linee di superficie in gestione temporanea alle aziende private, che specialmente a Roma non hanno dato un servizio efficiente e di qualità. Le uniche ad averne tratto giovamento sono infatti le società, che hanno incrementato i loro profitti.Tali scelte, lo ripetiamo, potevano essere giustificate nella prima fase emergenziale. A un anno di distanza constatiamo che c’era tutto il tempo per intervenire in maniera strutturale nelle aziende pubbliche, ma che questo non è stato fatto. Il progredire della pandemia evidenzia purtroppo l’importanza che avrebbe avuto un trasporto pubblico oggetto negli anni di giusti investimenti e giuste sinergie.L’azienda pubblica di Roma, l’Atac, con i fondi messi a disposizione da Governo e Regione avrebbe potuto dare fondo alle graduatorie dell’ultimo concorso per autisti (ancora 1500 persone in graduatoria) e acquistare altri autobus che dopo un anno sarebbero oggi sicuramente in consegna. Interventi strutturali che sarebbero stati utilissimi anche a fine pandemia, consegnando alle città un servizio veramente efficiente e di qualità. Invece si è scelta una volta di più la via dell’emergenza, affidando per tre mesi altre linee alle aziende private (070, 246, 246p, 515, 709, 731, 795, 118, 071, 061, 435, 443, 654, 500, 551, 021, 043, 319), pur sapendo che la pandemia non si esaurirà in un trimestre, motivo per cui a breve ci ritroveremo nuovamente a gestire una situazione in emergenza, con relativo sperpero di fondi.La soluzione è una sola e la pandemia lo ha dimostrato con tutta la sua crudeltà: bisogna implementare un servizio di trasporto pubblico efficiente, grazie a maggiori investimenti e più assunzioni. Unione Sindacale di Base – Lavoro Privato – Trasporti Roma e Lazio

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il Governo Conte è ai titoli di coda”: Il caso scuola

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Solo a notte fonda, e in un Cdm dove i ministri rossogialli si sono divisi sul giorno della riapertura delle scuole, tra il 7 e il 25, è stata adottata una soluzione inoppugnabile, suggerita da task force, comitati scientifici, virologi, epidemiologi, infettivologi, istituto superiore di sanità, Oms, Ue, Onu, eccetera: le scuole riapriranno l’11.Quello che non sono riusciti a fare in 9 mesi non potranno certo farlo in 4 giorni, ma Conte non ha nemmeno il senso del ridicolo. Siamo stati sempre a favore della riapertura delle scuole con la didattica in presenza ma ci rendiamo conto che non aver coinvolto le scuole paritarie per decongestionare, non aver attivato le convenzioni con i gestori di trasporti privati, non aver stabilito lo slittamento degli ingressi e delle uscite, non aver previsto la sanificazione settimanale degli istituti, significa non aver dato senso a questo lungo interminabile periodo di Dad.Sulle scuole si è fatta solo politica, questa la morale e si sta litigando per questione di poltrone, uno dei tanti argomenti per fare o non fare il rimpasto, cambiare o no il Capo del Governo. Il contagio e la salute degli italiani non c’entrano nulla”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il “patriota” Renzi tra lo stai sereno e “mo’ te frego”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

«Quando ieri sera ho sentito Matteo Renzi definirsi un patriota sono saltata sulla sedia. Non so cosa c’entri con il patriottismo chi fa parte di un governo che sta svendendo pezzi interi di Italia a basso costo in cambio del sostegno delle consorterie europee. Poi ci ho riflettuto e sono contenta. Come lo sono stata quando ho sentito dire a Delrio del Pd “Non possiamo lasciare la parola patrioti alla Meloni” o a esponenti di SI “Siamo noi i veri patrioti”. Quando anni fa scegliemmo di definire Fratelli d’Italia il partito dei patrioti ci guardarono, come al solito, dall’alto in basso. Dissero che era una parola vecchia, priva di senso oramai. Ora tutti fanno a gara a definirsi patrioti, anche quando chiaramente non lo sono. Diceva Giorgio Almirante: “Quando vedi la tua verità fiorire sulle labbra del tuo nemico, devi gioire, perché questo è il segno della vittoria”». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 10 gennaio 1971 moriva a Parigi la grande stilista francese Coco Chanel

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Nonostante i racconti, le biografie e i film sulla sua vita, Gabrielle Chanel, per tutti Coco Chanel, continua a rimanere ancora un mistero. Una donna nata poverissima, rimasta orfana e risorta alla vita diventando la prima grande influencer della storia e l’ icona che ha rivoluzionato il mondo della moda. Una donna intelligente, che è riuscita a rimanere un mistero anche a tanti anni dalla sua morte. Questa nuova biografia, indaga tra le pieghe della sua vita portando alla luce nuove rivelazioni sulla Coco Chanel privata, i suoi grandi amori, le sue passioni che abbracciavano anche il mondo femminile, e i suoi immensi dolori. In un periodo in cui la guerra incendiava il mondo, lei spinse il suo genio anche fuori dalle porte del suo atelier per abbracciare le idee naziste. La sua vita vista dal settimo piano dell’ hotel Ritz di Parigi tra le inseparabili sigarette, modelle filiformi, abiti iconici e giovani amanti. Tutto il profumo di un’epoca in un racconto che somiglia ad un romanzo dalle sfumature forti che mescola, creazioni da sogno, intrighi internazionali e verità inimmaginabili su una donna esile che ha avuto il mondo tra le sue mani e che ancora continua con il suo mito, ad influenzare intere generazioni. Roberta Damiata (Palermo 1966) è una giornalista, direttore di testate di Gossip (Eva3000) Cronaca (Scomparsi) e Moda (Vision 2.0). Ha cominciato a scrivere da giovanissima pubblicando molte biografie di cantanti anni ’80. Corrispondente da Londra e opinionista in trasmissioni televisive Rai e Mediaset. Ha vinto nel 2015 il Premio Donna dell’anno, e nel 2017 il premio eccellenze I Love Ischia. Attualmente scrive per il settimanale F e per il sito de IlGiornale.it Vive a Roma. (foto copertina libro)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Interventi di ristoro specifici per il settore sciistico”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Roma – “Ieri mattina, assieme ad Antonio Misiani e grazie ai colleghi parlamentari Claudia Porchietto, Silvia Fregolent e Dario Bond, abbiamo incontrato alcuni rappresentanti del settore sciistico, dagli impianti di risalita agli insegnanti di SCI, dalle scuole ad una parte importante dell’indotto.Ci siamo confrontati su come sostenere il settore, per delineare il miglior approccio utile a definire subito un sostegno concreto. Abbiamo anche analizzato le modalità con cui gli altri Paesi europei hanno affrontato le forti perdite di questa stagione. È stata un’importante occasione di confronto, per conoscere a pieno i problemi di una filiera che lavora quasi esclusivamente d’inverno e che quindi, non era stata particolarmente interessata dalle precedenti limitazioni.All’interno del prossimo Decreto “Ristori”, a cui stiamo già lavorando, potrebbero già rientrare alcuni interventi di ristoro specifici, che tengano proprio conto della particolarità del settore e del ruolo strategico che riveste anche per il turismo invernale e sportivo.A livello parlamentare, poi, dovremo affrontare, già in conversione del Decreto Milleproroghe, anche il tema delle scadenze tecniche legate agli impianti, tutelando la sicurezza di tutti. Dobbiamo continuare a garantire, a tutte le imprese, gli strumenti necessari per superare questa crisi. È un dovere, non solo morale”. Lo scrive, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna in libreria “Lettere al centro del mondo”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

In occasione del centenario della nascita di Sciascia, torna in libreria l’epistolario tra Leonardo Sciascia e Mario La Cava. «Caro Sciascia (…) ho parlato a Moravia di te; ma egli disse di non conoscerti. Alvaro mi disse che gli pareva di averti conosciuto una volta e pensava che tu fossi di professione libraio. A Panfilo gentile parlai pure di te e mi disse che avrebbe letto volentieri la tua rivista; la quale fino al giorno della mia partenza da Roma non si trovava nelle librerie. Ho parlato ancora di te ad Achille Fiocco, critico teatrale e a Roberto Rebora, ugualmente critico di teatro». È un frammento di una delle innumerevoli lettere che Leonardo Sciascia e lo scrittore calabrese Mario La Cava si scambiarono per oltre trent’anni, dal 1951 al 1988 e che l’editore Rubbettino ha raccolto in un volume curato da Milly Curcio e Luigi Tassoni dal titolo “Lettere dal centro del mondo”, pubblicato qualche anno fa e rilanciato oggi in libreria in occasione del centenario della nascita dello scrittore siciliano celebrato il prossimo 8 gennaio. È una corrispondente fitta, in cui la cortesia cede il passo all’amicizia, quella tra La Cava e Sciascia. Il primo che aveva già pubblicato per Einaudi “I caratteri” aveva avuto modo di conoscere i “nomi che contano” del panorama letterario ed editoriale italiano, il secondo vi si affacciava proprio in quegli anni. Nel lungo susseguirsi di scambi epistolari si assiste a un capovolgimento della situazione, con un La Cava, il cui successo era ormai lentamente svanito, che chiede a Sciascia di intercedere in suo favore in varie occasioni e presso varie personalità. Ma non è tanto l’osservazione del mutare delle fortune umane a rendere così prezioso questo volume, quanto l’idea, viva e forte in entrambi gli scrittori, che la periferia può diventare centro del mondo e che la scelta di osservare il mondo da un angolo sperduto di Calabria o di Sicilia può trasformarsi in un’occasione irrinunciabile di esercizio della proprio libertà e indipendenza. Una lezione quanto mai attuale in un tempo come quello che viviamo in cui la pandemia ha di fatto bloccato la smania di muoversi e viaggiare che caratterizza la nostra epoca.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“E’ uscito in tutte le librerie il terzo capitolo della saga I Cinque Re dell’autore romano Luca Raiti”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

E’ uscito in libreria e nei web stores il terzo volume della saga fantasy di Luca Raiti: “I cinque re vol III – L’esercito delle ombre” pubblicato per Terre Sommerse editore. Nell’episodio conclusivo della Saga, che si ricollega direttamente ai due capitoli precedenti “I Cinque re” e “L’isola dei morti”, Jeroan, Gal e i Quattro Custodi dovranno affrontare la tappa piú difficile del loro viaggio. Nemici vecchi e nuovi sfodereranno ogni mezzo per impedire ai ragazzi di sconfiggere i Cinque Re e restaurare la libertà nel Darnak. Infatti, la Grande Lega dei Cinque Re sta ormai sottomettendo ogni terra libera del Darnak. La sua armata, composta dagli invincibili Erebon, sembra essere inarrestabile. Solo un antico esercito, frutto della magia nera, potrebbe competere con la loro forza, ma il potere per risvegliarlo dalla morte risiede nelle persone più lontane dall’essere eroi che siano mai esistite: il ladruncolo Redan, la nobile e sfrontata Selda, la bella ma ingenua Enithal e l’insicuro Del. Su di loro peserà il destino del Regno e dovranno trovare in sé stessi la forza di piegare la Fiamma, il Tempo, la Vita e lo Spirito, per combattere gli oppressori e garantire la salvezza del Darnak. Nel secondo volume della saga dei Cinque Re, Enithal, Del, Redan e Selda dovranno affrontare la loro sfida più grande. Soli, divisi e braccati, dovranno trovare la forza di proseguire il loro viaggio tra mille insidie e pericoli, ignari che la riuscita o il fallimento della loro missione, sono ora nelle mani di Jeroan e Gal, i Reali di Durgal coinvolti loro malgrado nella vicenda e chiamati a raggiungere la tappa più difcile dell’intero percorso: Karden L’Ox, l’Isola dei Morti. Non resta che scoprire quali avventure ci aspettano alla fine del viaggio.Classe 1992, Luca Raiti è un giovane romano appassionato di letteratura, fumetti e teatro. Innamorato da sempre del genere fantasy e di J.R.R. Tolkien in particolare, ha iniziato a scrivere fin dai primi anni del Liceo. I Cinque Re, primo capitolo di una saga in tre parti, è la sua opera d’esordio. Terre Sommerse https://www.terresommerse.it/

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ritorno in classe? L’opinione dei sindacati

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

I rappresentanti dei sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Gilda, Snals e Anief si sono riuniti per discutere di ritorno in classe, contagi e vaccini, didattica a distanza, stipendi, reclutamento e precariato. Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato rappresentativo Anief, ha affermato che “prima di tornare in classe è necessario avviare un controllo con test per tutto il personale, visto che abbiamo mediamente dai 12mila ai 20mila contagi al giorno. Perché questi test erano auspicabili il 1° settembre e non adesso? Sono indispensabili per gestire questa tragica situazione. Necessario fare test obbligatori per sapere chi ha contratto il virus, per vedere come il Covid-19 si è mosso nelle nostre case in queste settimane. È un problema infatti chiudere e aprire le scuole in continuazione, stiamo parlando della salute di studenti e docenti, della probabile terza ondata, visto che a metà gennaio potrebbe esserci il picco”. Per quanto riguarda la didattica a distanza, Pacifico ha affermato che la “dad è stata la modalità esclusiva in occasione della chiusura delle scuole ma è un errore pensare che il rimedio possa essere la cura. È importante capire l’importanza della scuola nella nostra società e gli italiani lo hanno compreso. Gli insegnanti stanno facendo un ottimo lavoro con la dad, con ovvie difficoltà, soprattutto per i precari che non hanno accesso alla card, che permetterebbe loro di fornirsi degli strumenti necessari. Noi pensiamo a una didattica integrata, da accompagnamento a quella in presenza”. Sempre a proposito della didattica a distanza, il leader dell’Anief ha concluso affermando che “il contratto firmato ha permesso di tutelare i lavoratori della scuola”.Per quanto concerne la questione retributiva, Marcello Pacifico ha sottolineato come “gli stipendi degli insegnanti italiano siano di molto inferiori a quelli dei colleghi europei, risulta necessario adeguarsi. Inoltre noi ci stiamo battendo per far riconoscere il rischio biologico e quello burnout”.Per quanto riguarda poi la questione della mobilità, il presidente del giovane sindacato ha affermato che “è indispensabile garantire sia il diritto al lavoro che quello alla famiglia”. Per quanto riguarda poi il precariato, il sindacalista ha aggiunto che “la Legge 159/2019 non ha dato le giuste risposte, bisogna inserire i precari della scuola nel doppio canale di reclutamento. Necessario guardare alla soluzione, specie in questo periodo che registra un record di precari”. In conclusione Pacifico ha affermato che “bisogna ascoltare le parti sociali se non altro perché sono state scelte dai lavoratori, così come i politici sono stati scelti dagli italiani. Quindi bisogna cooperare” per il bene della scuola”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Fp Cgil, garantire sicurezza a personale sistema integrato

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

“Bisogna alzare il livello di protezione per il personale scolastico tutto. In particolare per il segmento 0-6 dove, come dimostrano studi fatti, la percentuale dei contagi da Coronavirus è la più elevata di tutte tra il personale scolastico”. A chiederlo è la Fp Cgil, aggiungendo che: “Come rivendichiamo nella nostra mobilitazione ‘Rinnoviamo la Pa’, servono misure urgenti per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori pubblici”. In particolare, specifica la categoria della Cgil, “nel sistema integrato 0-6 chiediamo l’adozione generalizzata per il personale delle mascherine Ffp2, a totale carico dello Stato. Al momento il personale, infatti, in una situazione oggettivamente diversa dal restante personale scolastico nel rapporto con l’utenza, è dotato di sola mascherina chirurgica”.Per la Fp Cgil, “alla luce dell’esplosione dei dati del contagio, e in linea con quanto rivendichiamo nella mobilitazione unitaria per rinnovare la pubblica amministrazione, abbiamo bisogno di intervenire urgentemente per garantire salute e sicurezza, garantendo al personale tutto dispositivi di protezione individuale adeguati al rischio corso. Così come rivendichiamo il diritto delle lavoratrici e dei lavoratori dei servizi educativi di essere inseriti, prima del previsto, nel programma vaccinale”, conclude.Giorgio Saccoia

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno, a supplenza quest’anno 83mila cattedre

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Le assunzioni sui posti di sostegno e la copertura dei vacanti ufficializzati dalla Legge di Bilancio 2021 sono pressoché vanificati dalle situazioni in atto e da norme contrattuali. Lo scrive oggi Tuttoscuola spiegando che secondo la legge finanziaria, saranno 25 mila i posti di sostegno che verranno stabilizzati nel corso del triennio (5 mila quest’anno, 11 mila l’anno prossimo e 9 mila nel 2023), “ma i posti in deroga nel frattempo aumentano. Sono passati, infatti, dai 73.170 del 2019-20 agli 83.651 di quest’anno con un incremento di oltre 10mila posti (esattamente 10.481). Considerata la tendenza di incremento in atto dei posti di sostegno in deroga, nel triennio considerato è più che probabile che alla fine sarà maggiore il numero dei nuovi posti di sostegno in deroga (oltre 30 mila) rispetto a quelli stabilizzati dalla legge di bilancio (25mila)”.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “È giunta l’ora di procedere con le immissioni in ruolo di tutti i precari che hanno svolto oltre 36 mesi. Produrre vincoli e selezioni per chi è già stato ampiamente selezionato o che ha dimostrato le sue capacità e competenze sul campo ci ha portato al record di supplenze, con oltre il 40 per cento di insegnanti precari, che porta due alunni disabili su tre a cambiare ogni anno docente e a compromettere la continuità didattica”.Sul sostegno non si riesce proprio a trovare una soluzione. Oggi la rivista specializzata Tuttoscuola parla di “cane che si morde la coda”, perché “al termine delle operazioni mobilità il “sostegno registra in termini percentuali una quantità di posti rimasti vacanti maggiore di ogni altro settore”. Pertanto, “suona abbastanza stridente l’affermazione del comma 960 della legge di bilancio “Allo scopo di garantire la continuità didattica per gli alunni con disabilità…”. Anief ritiene sempre più impellente l’esigenza di assumere sugli oltre 80 mila posti oggi vacanti: invece, continuano ogni anno ad andare a supplenza annuale. E lo stesso vale per diverse migliaia di posti di assistente alla comunicazione. Lo stesso Istat ha detto che l’obbligo di passare alla dad, il 9 aprile scorso (d.l. 8 aprile 2020, n.22) per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid19, ha prodotto un ostacolo ulteriore “al proseguimento dei percorsi di inclusione intrapresi dai docenti, riducendo sensibilmente la partecipazione degli alunni con disabilità”, rendendo ancora “più complesso un processo delicato come quello dell’inclusione scolastica”. Un contesto reso ancora più difficile dal fatto che il 37% “di docenti individuati per rispondere alla carenza di insegnanti per il sostegno” purtroppo “non ha una formazione specifica” per assistere al meglio gli alunni disabili.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Energia: dal 1 gennaio pmi obbligate a passare al cosiddetto mercato libero

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Si è compiuto il primo gennaio il primo passo verso l’abbandono del mercato di maggior tutela nel settore dell’energia. A staccare la spina del mercato tutelato sono state circa 200 mila pmi, obbligate a passare al mercato libero in nome di una incompiuta liberalizzazione. Dal 1 Luglio 2007, infatti, esiste il mercato libero dell’energia, senza che mai si siano creati in esso i presupposti di una reale, libera, corretta e trasparente concorrenza. Secondo la nostra lunga esperienza in materia, invece, il mercato libero è stato il terreno di prova in cui si sono sviluppate e alimentate le più selvagge e sfrenate pratiche commerciali scorrette a danno dei clienti. Non parliamo solo di prezzi poco convenienti: la stessa Arera parla di un aumento medio, passando al mercato libero, di circa il 20% rispetto alle tariffe del mercato tutelato, con un aggravio di circa 675 mln l’anno a carico delle famiglie, ci riferiamo alle offerte poco chiare, contorte, ingannevoli, alle pratiche aggressive e al mancato rispetto delle più basilari norme sulla trasparenza nei confronti dei clienti. Una realtà che più volte abbiamo apertamente denunciato, in nome della quale ci siamo rifiutati di condividere il manifesto per la liberalizzazione condiviso da alcune aziende e associazioni dei consumatori meno attente sul tema.Per manifestare la nostra contrarietà all’abolizione del mercato tutelato ed al passaggio forzato a un mercato che di libero ha solo il nome non abbiamo messo a disposizione i nostri sportelli alla farsa dei “facilitatori” che avrebbero dovuto informare i cittadini sulla “bontà” di questa operazione, facilitandone appunto il passaggio al mercato libero. Al contrario abbiamo sempre rivendicato la necessità di una corretta informazione, soprattutto per sottrarre i cittadini dalla disinformazione e dalle vere e proprie minacce delle aziende. Campagna che, secondo una recente disposizione normativa, entro il 31 gennaio 2021 ARERA, GSE, Acquirente Unico ed ENEA dovranno organizzare. Per questo abbiamo chiesto loro di mettere al centro delle iniziative il punto di vista dei consumatori, attraverso un processo condiviso con le associazioni che li rappresentano.Ma, al fianco di una corretta informazione è necessario rendere più concorrenziale e trasparente il mercato, sfoltendo la vera e propria giungla di aziende, oltre 700, che vi operano. Per questo, da anni, chiediamo un albo ufficiale dei venditori, per far sì che sul mercato possano operare solo coloro che rispettano i diritti dei cittadini e dei lavoratori, che sono in possesso di tutti i requisiti necessari sul piano economico e che improntino la loro strategia industriale agli obiettivi dell’agenda 2030.Così come è impostato oggi, invece, il passaggio definitivo al mercato libero si configura solo come un enorme regalo alle maggiori aziende del Paese. Regalo che non abbiamo mai avallato e che abbiamo sempre contrastato in quanto a tutto svantaggio dei cittadini. Ci teniamo a sottolinearlo in risposta ad alcune accuse rivolte genericamente alle “associazioni dei consumatori che regolano i conti con Enel nel retrobottega”. Gli accordi nel retrobottega non fanno parte della nostra cultura, anzi, ben vengano queste polemiche per affermare la necessità di rapporti trasparenti e limpidi tra associazioni dei consumatori e aziende, che vadano al di là di sistemi di certificazione e di sostegno a vario titolo, su cui anche noi chiediamo di fare chiarezza.La data per il passaggio obbligato delle famiglie al mercato libero si avvicina, ma c’è ancora un anno di tempo per intervenire: su questa e su altre questioni, a partire dalla riforma degli oneri di sistema in bolletta attendiamo risposte dal Parlamento, in primis da chi si era impegnato a riparare a tali ingiustizie. Sarà un anno ricco di iniziative e rivendicazioni, per ottenere misure più eque per i cittadini, soprattutto per coloro che si trovano in situazioni di povertà o vulnerabilità energetica e per chi assiste malati che necessitano apparecchiature elettromedicali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

500 nuove figure professionali: Deadline per le candidature online è il 31 gennaio 2021

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Aeroviaggi, prima catena alberghiera per posti letto in Sicilia e Sardegna, si affida alla piattaforma integrata di CVing per selezionare oltre 500 nuove figure professionali che andranno a comporre il suo team per la stagione estiva 2021. Le figure ricercate entreranno a far parte dello staff di animazione, di cucina, di sala, ma si ricercano anche addetti al bar, al ricevimento e camerieri ai piani. La novità nel processo di recruitment di Aeroviaggi è l’innovativa piattaforma firmata CVing, giovane realtà italiana digitale focalizzata nell’e-recruiting. Infatti, la piattaforma, che si integra perfettamente alla sezione Lavora con noi del portale Aeroviaggi, permette agli aspiranti candidati di registrare e caricare sulla piattaforma CVing, anche direttamente dal proprio smartphone, un breve video colloquio on demand, affinché sia visionato e valutato direttamente dal team di HR di Aeroviaggi. Il colloquio online prevede la risposta a 5 domande video che il team di HR sottopone a tutti i candidati per quel determinato ruolo: le domande si sbloccano una alla volta, e quando la prima appare sullo schermo il candidato ha 30 secondi di tempo per prepararsi, dopodiché parte la registrazione della risposta, che dura massimo un minuto. I video colloqui registrati vengono caricati in automatico nella pagina della piattaforma dedicata al recruiter che li consulta per una valutazione conclusiva. Il nuovo modello, che fonde tecnologia e innovazione del processo di selezione, è un valido supporto al lavoro di HR, che può in questo modo ottimizzare le tempistiche e concentrare le proprie risorse esclusivamente sui candidati più idonei ad occupare le posizioni proposte. Per presentare la propria candidatura per le diverse posizioni aperte, è necessario collegarsi al portale Aeroviaggi al link: http://bit.ly/Aeroviaggi

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anziani e malattia renale cronica

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Torino 15 gennaio 2021 alle ore 17.30 all’Accademia di Medicina nella relazione “Malattia renale cronica e prevenzione dei fattori di progressione nell’anziano”, tenuta dal Prof. Piergiorgio Messa, professore ordinario di Nefrologia dell’Università degli Studi di Milano, direttore della Nefrologia Dialisi e Trapianti Renali del Policlinico di Milano e dal 2019 Presidente della Società Italiana di Nefrologia.L’argomento della giornata ed il relatore saranno introdotti dal prof. Piero Stratta, professore ordinario di Nefrologia dell’Università del Piemonte Orientale. Nelle ultime decadi con il progressivo allungamento della vita si è assistito ad un notevole e rapido incremento nelle popolazioni occidentali del numero dei pazienti anziani in età superiore ai 65 anni con malattia renale cronica, con una prevalenza che supera il 13%, ma con dati particolarmente drammatici nell’età superiore ai 70 anni dove la prevalenza supera di molto il 40%. Queste osservazioni unitamente all’esistenza di un’ampia fascia di pazienti con manifestazioni sub cliniche ed alla possibile successiva evoluzione verso l’insufficienza renale terminale, rendono di notevole importanza una diagnosi precoce, un riferimento tempestivo allo specialista ed un trattamento adeguato dei fattori di progressione quali l’ipertensione arteriosa, il diabete associato, il dismetabolismo lipidico, l’obesità, e l’adozione di corretti stili di vita. In ottemperanza alle disposizioni del DPCM relative alle misure di contenimento della pandemia, si potrà seguire l’incontro solo collegandosi al sito http://www.accademiadimedicina.unito.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Raccolta dei rifiuti associati a prodotti elettronici

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Nel 2020 Erion1 ha gestito su tutto il territorio italiano circa 300.000 tonnellate di rifiuti associati ai prodotti elettronici, tra RAEE domestici (più di 260.000 tonnellate), Rifiuti Professionali (9.500 ton) e Rifiuti di Pile e Accumulatori (oltre 29.600 ton). La quantità totale di rifiuti gestiti, che supera del 4% quella registrata nel 2019 (circa 290.000 ton), è paragonabile al peso di 41 Tour Eiffel. Tra i RAEE domestici gestiti da Erion nel 2020 prevalgono quelli del Raggruppamento R2 (Grandi Bianchi) con 112.000 tonnellate, pari al 43% del totale. Seconda posizione per i RAEE del Raggruppamento R1 (Freddo e Clima) con 79.000 tonnellate (30%), seguiti dai RAEE di R3 (Tv e Monitor) con 44.000 tonnellate (17%), R4 (Piccoli Elettrodomestici) con più di 25.000 tonnellate (10%) e, infine, R5 (sorgenti luminose) con circa 150 tonnellate. “I risultati ottenuti da Erion nel 2020 sono molto importanti, non solo perché superiori a quelli raggiunti precedentemente da Ecodom e Remedia, ma soprattutto perché confermano che la fusione di queste due grandi realtà rappresenta una scelta vincente per accompagnare i nostri Produttori nella transizione ecologica già in atto in Europa e per rendere ancora più concreto il loro impegno continuo per la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.” – ha dichiarato Giorgio Arienti, Direttore Generale di Erion WEEE – “Quelli del 2020 sono risultati ancora più significativi se si considerano i disagi che la pandemia da Covid-19 ha causato al Paese. Il blocco quasi totale della filiera dei rifiuti elettronici ha portato a una contrazione della raccolta nei mesi di marzo e aprile. Un calo che Erion ha saputo colmare nella seconda metà dell’anno, superando così del 4% i già ottimi risultati del 2019.” I risultati operativi del 2020 confermano il ruolo chiave di Erion nello sviluppo di una reale Economia Circolare a livello nazionale2. Il tasso di riciclo delle Materie Prime Seconde è stato pari al 89%3 del peso dei RAEE domestici gestiti. In dettaglio, dalle oltre 260.000 tonnellate, Erion WEEE ha ricavato 133.000 tonnellate di ferro, pari al peso di 294 treni Freccia Rossa; 5.000 tonnellate di alluminio, pari a 6 milioni di caffettiere; 6.000 tonnellate di rame, pari a 66 volte il peso del rivestimento della Statua della Libertà e 35.000 tonnellate di plastica, pari a 14 milioni di sedie da giardino. Il corretto trattamento di questa tipologia di rifiuti ha permesso di risparmiare oltre 420 milioni di kWh di energia elettrica, pari ai consumi domestici annui di una città di quasi 400.000 abitanti (come Bologna) e di evitare l’immissione in atmosfera di oltre 1.700.000 tonnellate di anidride carbonica, come la quantità di CO2 che verrebbe assorbita in un anno da un bosco di 1.700 kmq (esteso quanto la provincia di Lucca).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regione Lombardia: Sfiducia a Gallera

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

“La Lega sfiducia pubblicamente l’assessore Gallera, per le ingiustificabili accuse ai medici lombardi. Gallera parla di comunicato condiviso con la presidenza. Dopo le dimissioni dell’assessore, attendiamo quindi quelle del presidente Fontana e della sua Giunta. L’inadeguatezza dimostrata da Gallera è la stessa del presidente Fontana e della sua maggioranza che, fino all’ultimo, ne ha avallato e sostenuto l’operato. Salvandolo in ogni circostanza in cui il Movimento 5 Stelle ha chiesto all’assessore conto di quella serie interminabile di errori, che hanno reso la Lombardia la regione italiana in cui la pandemia ha riscosso il suo tributo più doloroso” così il capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Massimo De Rosa.“Lo scaricabarile sui medici lombardi in ferie, per coprire i ritardi di Regione Lombardia nell’avvio della campagna vaccinale anti-Covid – impietoso il confronto con le altre regioni – è solo l’ultimo increscioso episodio di una catena di inadeguatezze che si susseguono dal mese di marzo. Dopo il fallimento della campagna di vaccinazione antinfluenzale, ora il timore è che anche la somministrazione del vaccino anti-Covid abbia il medesimo esito. Pretendiamo un immediato cambio di passo. Noi siamo pronti con le nostre proposte, come la PDL per riformare la sanità in Lombardia. Lo scempio fatto dal centrodestra della nostra regione è sotto gli occhi di tutto il Mondo. È il momento di ricominciare”, conclude De Rosa.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto di Natale in live streaming

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Torino. Mercoledì 6 gennaio, ore 21. Il Quintetto di fiati della Filarmonica TRT è il gruppo composto da elementi della Filarmonica. Nella filosofia di programmazione mostrano un grande interesse per il variegato mondo musicale, con percorsi stilistici che esulano dal repertorio classico per quintetto di fiati, spingendosi nel mondo ricco delle trascrizioni operistiche e sinfoniche, con incursioni anche nell’ambito jazzistico.Il Quintetto di fiati della Filarmonica TRT svolge la sua attività da quasi un ventennio con un ottimo consenso di pubblico e di critica. I singoli componenti hanno maturato esperienza nelle collaborazioni con le massime istituzioni musicali italiane ed estere: Orchestra di Santa Cecilia, Teatro Regio di Torino, Orchestra Nazionale Rai, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro alla Scala, Teatro San Carlo, Teatro La Fenice, Mahler Chamber Orchestra, Orchestra Sinfonica di Cannes, Orchestra OSI, Opera di Nizza.Il Teatro Superga abbraccia la sfida di tenere accesa la cultura, reinventandola, attraverso l’ideazione di un nuovo format. “Nel Salotto Con” vuole infatti essere un nuovo modo per vivere la cultura in un periodo sospeso senza tenere spoglio il palcoscenico: un servizio di streaming fruibile dal salotto di casa che porta tra le mura domestiche gli spettacoli della stagione trasmessi in diretta su piattaforma dedicata direttamente dal palco del teatro di Nichelino. https://nelsalottocon.it WhatsApp 011.6279789

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenza profughi nell’area balcanica

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

La situazione già precaria dei migranti in Bosnia Erzegovina rischia di aggravarsi ulteriormente sia per il peggioramento delle condizioni meteo, sia per i continui trasferimenti da un campo profughi all’altro, in strutture dove mancano le condizioni minime per una sopravvivenza dignitosa. L’esito è una probabile catastrofe umanitaria che può condurre anche a violenze e gravi tensioni sociali.È infatti appena cominciata la ricostruzione del campo di accoglienza Lipa, andato quasi completamente distrutto qualche giorno fa, con l’esercito che sta montando le prime tende.Lipa è però un luogo assolutamente inadatto all’accoglienza, soprattutto in questo periodo invernale. Era infatti stato chiuso la settimana scorsa perché altamente pericoloso per la vita delle persone che ospitava: è sprovvisto di elettricità, acqua potabile e riscaldamento, in una zona dove le temperature scendono sotto zero. Subito dopo la sua chiusura, un incendio aveva distrutto le poche tende rimaste nel campo.Le 1.200 persone ospitate al momento della chiusura erano finite per strada senza una sistemazione alternativa. I tentativi di riaprire l’ex campo Bira (nella città di Bihac) o di allestire l’ex caserma in località Bradina (non distante da Sarajevo) da parte delle autorità locali sono falliti per le proteste dei cittadini e delle autorità locali. Alla fine la soluzione è stata la riapertura del campo di Lipa, nonostante tutti gli attori internazionali fossero contrari, perché significa mettere a rischio la vita di centinaia di persone, dal momento che in quel campo non potranno essere garantite in poco tempo le condizioni minime necessarie per vivere.Una situazione quella della Bosnia Erzegovina che riporta l’attenzione di tutti sulla Rotta Balcanica che inizia in Grecia e finisce in Italia o in Austria. Una rotta che vede bloccate migliaia di persone in vari campi profughi e in altre soluzioni inadeguate, tanto più che con l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia di Covid-19, molti migranti in transito, ospitati in strutture inidonee, sono stati messi in quarantena in condizioni proibitive. Strutture e campi, già di per sé inadeguati e sovraffollati, si sono trasformati in luoghi in condizioni estreme e non più sostenibili: senza servizi, in condizioni igieniche pessime, con gravi rischi per la salute psichica per i migranti, molti dei quali sono costretti a vivere all’addiaccio. È di settembre 2020 la tragedia del Campo di Moria nell’isola di Lesbo, nel quale andarono distrutte tutte le strutture di accoglienza già fatiscenti. Una situazione di abbandono e disinteresse da parte delle autorità locali ed internazionali.Occorre un’iniziativa istituzionale immediata mettendo a disposizione adeguate strutture di accoglienza che quantomeno offrano un riparo a chi sta rischiando la propria vita.Fin dal 2015, Caritas Italiana è presente lungo tutta la Rotta Balcanica a fianco dei migranti e a supporto di tutte le Caritas locali (Grecia, Albania, Macedonia, Bosnia Erzegovina, Serbia) che stanno offrendo un sostegno a queste persone, con l’avvio di servizi di accoglienza, supporto psico-sociale, protezione dell’infanzia, tutela dell’igiene, distribuzione di cibo e di beni necessari per decine di migliaia di persone. Nelle scorse settimane, grazie a un contributo della CEI e una donazione di Papa Francesco, Caritas Italiana e Caritas Bosnia e Erzegovina hanno potuto avviare nuovi servizi nei campi di transito dell’area di Bihac e di Sarajevo, oltre che di distribuire articoli invernali (sciarpe, guanti, cappelli, scarpe) a oltre 1.500 ospiti dei campi.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lombardia: Le problematiche regionali del trasporto

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Il Movimento 5 Stelle Lombardia, chiede che l’assessore ai Trasporti, Claudia Terzi, riferisca al più presto in Commissione regionale trasporti e infrastrutture sul coordinamento dei servizi di trasporto pubblico in vista della possibile ripartenza delle attività nel mese di gennaio.Il consigliere regionale del M5S Lombardia Nicola Di Marco dichiara: “Pensiamo sia necessaria la presenza in commissione dell’assessore competente per un momento di confronto, con tutte le forze politiche, in cui chiarire quali siano i piani per i trasporti, previsti per la ripresa.Infatti, nelle prossime settimane i lombardi torneranno all’operatività e vanno evitati alcuni degli errori fatti alla riapertura di settembre. L’offerta deve essere potenziata in modo omogeneo; la sicurezza dei pendolari deve essere considerata una delle priorità per evitare assembramenti e di conseguenza possibili nuovi aumenti dei contagi. Già a dicembre abbiamo depositato la richiesta di audizione ma senza ricevere risposta. Ora non vogliamo più sentire scuse”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rc auto: aumenti per 700.000 italiani

Posted by fidest press agency su martedì, 5 gennaio 2021

Secondo Facile.it sono circa 700.000 gli automobilisti italiani che, avendo nel 2020 denunciato alla propria assicurazione un incidente con colpa, nel 2021 dovranno fare i conti con un peggioramento della propria classe di merito e, di conseguenza, con un aumento del premio RC auto.Il dato, frutto dell’analisi di oltre 640.000 preventivi di rinnovo RC auto raccolti a dicembre 2020 tramite il portale, evidenzia come il valore, sebbene alto, sia comunque notevolmente diminuito rispetto a quello rilevato un anno fa (-40,5%).A determinare la riduzione sono stati in grande parte il Covid e le conseguenti limitazioni alla mobilità imposte durante i lockdown; questi fattori hanno significativamente inciso sul numero di veicoli in circolazione e, di conseguenza, un calo dei sinistri stradali avvenuti nel corso dell’anno. Buone notizie, invece, per gli automobilisti virtuosi; a dicembre 2020, sempre secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it, per assicurare un veicolo occorrevano, in media, 471,65 euro, ovvero il 12,03% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »