Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 8 gennaio 2021

Vaccino anti-Covid, dall’Europa via libera a Moderna

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

L’Agenzia europea del farmaco (Ema) e la Commissione europea hanno dato il via libera al vaccino dell’azienda statunitense Moderna, definito “efficace e sicuro”. Per oggi è atteso anche il via libera da parte dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e già dalla prossima settimana è previsto l’arrivo in Italia delle prime dosi di Moderna, della cui distribuzione si occuperanno i militari: il piano della Difesa prevede lo stoccaggio nell’hub nazionale di Pratica di Mare e il trasporto nei vari centri di somministrazione con i mezzi militari. Nei prossimi tre mesi, giungeranno in Italia 1,3 milioni di dosi Moderna, con cadenza settimanale: 100mila a gennaio, 600mila a febbraio e 600mila a marzo.Con l’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio per Moderna da parte della Commissione europea saranno dunque due i vaccini utilizzabili in Europa, in attesa di altre autorizzazioni. Prossima potrebbe essere quella per il candidato vaccino di Oxford/AstraZeneca/Irbm, già in uso in Gran Bretagna.Il vaccino Moderna «ci fornisce un altro strumento per superare l’attuale emergenza», ha affermato Emer Cooke, direttore esecutivo Ema. Il farmaco è utilizzabile a partire dai 18 anni di età e nella sperimentazione su circa 30mila soggetti ha dimostrato un’efficacia del 94,1%, Utilizza l’innovativa tecnologia dell’Rna-messaggero, come quello Pfizer, e richiede una doppia dose. Il vaccino rimane stabile a temperature standard di refrigerazione tra 2 e 8 gradi C per 30 giorni. Inoltre, si prevedono condizioni di trasporto e conservazione a lungo termine a temperature standard del congelatore di -20 gradi C per 6 mesi. La stessa azienda rileva come l’Ema abbia assicurato una “valutazione rigorosa e indicazioni dettagliate” e la Commissione Tecnico Scientifica di Aifa si riunirà oggi per esaminare il dossier sull’autorizzazione all’immissione in commercio in Italia e definire le modalità di utilizzo nel Servizio sanitario.Per il ministro della Salute Roberto Speranza, è un passo avanti significativo ma, aggiunge, «la sfida è ancora dura, ma quello di oggi è un altro importante passo avanti contro il virus». Ma sarà con l’arrivo anche degli altri vaccini che ci sarà una vera accelerazione alla campagna vaccinale, ha rimarcato il consulente del ministro della Salute Walter Ricciardi: «Sono convinto che il vaccino AstraZeneca arriverà tra non molto, mentre nel secondo trimestre del 2021 dovrebbe arrivare anche quello Johnson. Questo ci consentirà di incrementare la campagna vaccinale italiana. Solo allora saremo in grado di dare accelerazione e arrivare all’estate a vaccinare metà popolazione italiana e poi – ha concluso – l’altra metà vaccinabile». (fonte Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Democrats Usa: Our work continues

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

History will remember yesterday’s insurrection at the Capitol as a dark and shameful moment for our country. It is proof that no matter how far we believe to have come, we still have further to go in the fight for the soul of our nation.As the late Congressman John Lewis said, “Democracy is not a state. It is an act, and each generation must do its part to help build what we called the Beloved Community, a nation and world society at peace with itself.” I am in constant awe of this grassroots community and our fight for a more just nation — because it has not been easy.When I took over as chair, we had just lost the White House. Democrats controlled neither chamber of Congress. Chaos and misery had risen to the forefront of our nation, just as they have today. Rather than despair in defeat, we made significant investments early, when the election was far from people’s minds, to ensure the foundation of our party would be ready in time for candidates to build upon it and to ultimately get us back on track.It was that mindset — resolve in the face of adversity, belief in our collective power, and hope for a better tomorrow — that powered us forward in those dark days. It’s clear we must call upon those values again right now, as we face down the darkness of this moment. The only way through is forward. I hope you will take a moment to reflect on our victories in Georgia.It means that now, Democrats will control not just the White House, but both chambers of Congress, too. It means pushing full speed ahead to pass Joe Biden and Kamala Harris’s agenda to build our country back better. That is no minor accomplishment.The results in Georgia prove that if we invest in years of work supporting grassroots organizing, state parties, and our party’s data and technology, we can flip any seat and any state. But yesterday’s events at the Capitol prove that Democratic victory is just the start when it comes to healing our nation.Over the next four years, we can build on our victories. We can grow our majorities in the Senate and the House. Most importantly, we can restore compassion, decency, and democracy to our nation.Together, we can continue to build power from the ground up alongside Democratic elected officials and state parties to make real change for our country. Our work continues on behalf of the American people. By Tom Perez Chair Democratic National Committee

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Joe Biden Announcing Department of Justice nominees

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

“After an unprecedented assault on our democracy and the certification of the Electoral College votes, I am proud to announce key nominations for the Department of Justice.Our first-rate nominees are eminently qualified, embody character and judgment that is beyond reproach, and have devoted their careers to serving the American people with honor and integrity.They will restore the independence of the Department so it serves the interests of the people, not a presidency, rebuild public trust in the rule of law, and work tirelessly to ensure a more fair and equitable justice system. They will use the full extent of their authority to move us closer to the American ideal of equal justice under law — de-politicizing and rooting out systemic racism from our laws, restoring voting rights, prosecuting hate crimes, eliminating racial disparities in sentencing, ending mandatory minimums, and restoring trust between law enforcement and the communities they serve through reforms that make our communities safer.This tested slate includes some of the nation’s most accomplished public servants: Judge Merrick Garland as Attorney General. Judge Garland is a Department of Justice veteran and independent jurist on the United States Court of Appeals for the District of Columbia. A consensus-building voice, Judge Garland has worked under Democratic and Republican administrations. He will restore integrity and the rule of law, boost morale of the dedicated career professionals at DOJ, and build a more equitable justice system that serves all Americans. Lisa Monaco as Deputy Attorney General Monaco served in the Department of Justice for fifteen years, as Assistant Attorney General for National Security, a senior official in the Office of the Deputy Attorney General and as a career prosecutor. She has been a trailblazer for women in national security, and she will help manage the Department effectively and with integrity on day one. Vanita Gupta as Associate Attorney General A former Acting Assistant Attorney General and one of the best-known and most respected civil rights attorneys in America, Gupta has spent her career fighting successfully for greater equity in our justice system and advancing the rights and dignity of every American. Gupta served as Acting Assistant Attorney General for the Civil Rights Division — the chief civil rights prosecutor for the United States. She is a successful consensus builder on tough issues, with years of experience managing complex settlements and advocacy experience. As the Indian-American daughter of immigrants, she would be the first woman of color to serve in this role. Kristen Clarke as Assistant Attorney General for Civil Rights.Clarke has extensive civil rights experience, starting her career in civil rights as a career attorney in the Civil Rights Division at the Department of Justice where she handled cases of police misconduct, hate crimes, human trafficking, voting rights, and redistricting cases. She has been a champion of systemic equity and equal justice throughout her career, including in her current role as president and executive director of the Lawyers’ Committee for Civil Rights Under Law and when she served as the head of the Civil Rights Bureau for the New York State Attorney General’s Office. Kiersten, these leaders will work with the dedicated career professionals at DOJ to restore the mission and independence of the Department, always follow facts and the law, and serve and protect the American people with the integrity they deserve. They are among the most accomplished legal minds in our country who also reflect the best of America’s full range of talents and background. I am honored they accepted this call to serve at such a critical time in our nation’s history”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Debutto progetto editoriale

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Los Angeles. Debutta su tutte le principali piattaforme online il nuovo podcast firmato da LA CASE Books, progetto editoriale nato nel 2010 a Los Angeles da un’idea di Jacopo Pezzan e Giacomo Brunoro. Casa editrice digitale specializzata in eBook e Audiolibri, dal 2020 LA CASE Books pubblica anche libri cartacei ed è presente in tutti i più importanti digital store internazionali con un catalogo che supera i 600 titoli in 7 lingue (inglese, italiano, tedesco, francese, spagnolo, russo e polacco).“Nel 2010 siamo stati i primi a pubblicare in audiolibro in italiano i grandi casi di true crime italiani e internazionali” commenta Jacopo Pezzan. “Oggi, con la prima stagione della collana TRUE CRIME DIARIES vogliamo affrontare con un taglio non convenzionale gli aspetti meno noti delle vicende criminali più celebri. Un lungo viaggio tra verità giudiziarie controverse, cold case e segreti inconfessabili che hanno dato vita a una mitologia pop. Storie nere affrontate da punti di vista spesso inaspettati: dai misteri italiani ai delitti del Vaticano, dalle storie terribili dei serial killer agli episodi più controversi delle vite delle icone pop contemporanee”.“Il primo episodio di TRUE CRIME DIARIES” continua Giacomo Brunoro “parte dalla recente decifrazione di uno dei codici inviati da Zodiac al San Francisco Chronicle più di 50 anni fa e indaga il rapporto tra media e serial killer. Fin dai tempi di Jack lo Squartatore, infatti, diversi serial killer hanno instaurato una stretta relazione con la stampa: il Mostro di Firenze, Zodiac, Ludwig, Unabomber, BTK… sono tanti gli assassini seriali che hanno sentito il bisogno di comunicare con o attraverso la stampa. Abbiamo provato a capire per quale motivo questi criminali hanno corso enormi rischi pur di contattare i media, evidenziando le differenze tra le rivendicazioni lucide e programmatiche di Ted Kaczynski e Ludwig, e quelle apertamente di sfida del Mostro di Firenze o di Zodiac”.“Nella puntata dell’8 gennaio” conclude Jacopo Pezzan “abbiamo scelto di raccontare la Los Angeles di Charles Manson e della Family. Un viaggio on the road sulle strade della California alla scoperta dei luoghi in cui è esplosa la follia di Manson e della Family nell’estate del 1969. Durante la fase di preparazione del nostro libro e audiolibro su Charles Manson abbiamo visitato e studiato a più riprese quei luoghi. Abbiamo voluto raccontare una Los Angeles diversa dalle immagini patinate delle serie tv e dell’immaginario hollywoodiano. Dai sobborghi di Canoga Park alle colline tra Bel Air e Beverly Hills, fino alle zone più esclusive di Hollywood e del Sunset Boulevard, passando attraverso Van Nuys e Sherman Oaks, per arrivare alla storica sede della Family, ovvero lo Spawn Ranch sperduto tra i canyon californiani. Un racconto ricco di dettagli che permette agli ascoltatori di capire meglio le dinamiche della Family e delle sue azioni sanguinarie, scoprendo anche una serie di curiosità inedite sui luoghi della Manson Family e sulla loro storia”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Guerra e pace dell’energia” di Demostenes Floros

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Un saggio che, per la prima volta, mette in luce gli elementi geopolitici che si celano dietro ai principali progetti europei ed euroasiatici di approvvigionamento energetico e, soprattutto, i possibili effetti internazionali che da essi potrebbero scaturire.I gasdotti che uniscono, e che potrebbero unire, nel futuro prossimo, l’ Unione Europea e la Federazione Russa rappresentano la contraddizione esistente tra i rapporti politici e militari (Nato) tra i Paesi europei e gli Stati Uniti da una parte e gli interessi energetici e commerciali di Berlino, Parigi, Roma, Ankara con Mosca – porta verso l’Asia – dall’altra.Ogni pipeline definisce, infatti, una serie di relazioni industriali e geopolitiche.In Italia, nel corso degli ultimi quindici anni, i diversi governi che si sono susseguiti – pur con pregi e limiti differenti – sono stati incapaci di sostenere una linea di equilibrio tra Stati Uniti e Federazione Russa avente l’obbiettivo di perseguire, in primo luogo, gli interessi nazionali all’ interno di un contesto multipolare profondamente mutato. Le scelte strategiche che verranno adottate dal nostro Paese nel settore dell’energia – a partire dall’obiettivo dell’Unione Energetica Europea – non potranno prescindere dall’evoluzione politica dell’Ue e dal futuro – tuttora nebuloso e non privo di rischi – della moneta unica. Dinanzi alla Germania, divenuta nel frattempo principale hub-energetico europeo, dovremmo forse rivedere il concetto di Sicurezza energetica nazionale? Se sì, come? Un saggio che, per la prima volta, mette in luce gli elementi geopolitici che si celano dietro ai principali progetti europei di approvvigionamento energetico e, soprattutto, i possibili effetti internazionali che da essi potrebbero scaturire.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’obiettivo di tutti i tipi di vaccino

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

E’ il medesimo: ottenere una risposta del sistema immunitario al fine di neutralizzare la proteina spike che si trova sulla superficie del virus e “forza” i recettori delle cellule umane consentendo al virus di penetrare all’interno di esse. Al momento esistono limitate evidenze su quale tecnologia possa fornire i migliori risultati: sembrerebbe per esempio, dai primi studi pubblicati, che i vaccini a RNA messaggero generino una maggiore risposta anticorpale, mentre con quelli a vettore virale si otterrebbe una migliore risposta cellulo-mediata ed una maggiore attivazione delle cellule T. Kate Bingham, responsabile della task force governativa britannica sui vaccini, ha annunciato che a partire dall’inizio del 2021,dopo che saranno stati autorizzati diversi tipi di vaccino, sarà avviato in Gran Bretagna un trial nel quale verrà somministrata ai volontari una prima dose con un tipo di vaccino, ed un richiamo dopo qualche settimana con un altro tipo95. La multimazionale AstraZeneca ha annunciato l’inizio di un programma di ricerca clinica per valutare la sicurezza e l’immunogenicità dell’uso combinato del proprio vaccino AZD1222, sviluppato in collaborazione con l’Università di Oxford e basato sull’adenovirus dello scimpanzè, e del vaccino russo Sputnik V, realizzato dall’Istituto Gamaleya e che usa come vettore un adenovirus umano.Solo col tempo e col progredire della vaccinazioni sarà possibile dare una risposta a questioni quali, ad esempio, la sicurezza a lungo termine e su categorie come le donne incinta e i bambini, l’efficacia complessiva sugli anziani e sugli immunodepressi, la durata della protezione assicurata dal vaccino, e se esso prevenga la trasmissione del virus oppure garantisca soltanto la protezione dalle forme gravi della malattia. L’AIFA sul proprio sito ha pubblicato una sezione “Domande e risposte”97, nella quale fornisce tutte le informazioni utili sul vaccino attualmente approvato in Italia per la somministrazione (Pfizer-BioNTech). Altro tema molto rilevante nella prospettiva dell’inizio delle vaccinazioni è la definizione di priorità nella vaccinazione, in modo tale da poter mettere al sicuro al più presto le persone che, per età, lavoro svolto o condizioni mediche, necessitino di maggior protezione contro la malattia. La ECDC ha recentemente pubblicato un documento nel quale definisce le possibili strategie per definire le priorità nella vaccinazione anche sulla base del tipo di protezione garantita dal vaccino. In aggiunta ai vaccini nuovi, si stanno infine testando vaccini vecchi di decenni, realizzati con virus vivi attenuati, sulla base dell’ipotesi che questi vaccini possano attivare il sistema immunitario al di là della risposta al patogeno specifico per il quale sono stati realizzati, e fornire una protezione ad ampio spettro contro le malattie infettive. Il primo di questi vaccini è il BCG (Bacillus Calmette–Guérin), che esiste da cento anni ed è tuttora il vaccino base contro la tubercolosi: in oltre venti centri di ricerca e università di tutto il mondo si sta testando proprio questo vaccino come possibilità per ridurre il rischio di contrarre il Covid-19. Negli Stati Uniti invece un gruppo di ricerca guidato da Robert Gallo, uno degli scopritori del virus HIV, sta verificando l’efficacia contro il coronavirus del vaccino orale OPV contro la poliomielite, messo a punto da Albert Sabin nel 1957.E sempre negli Stati Uniti, un gruppo di ricerca dell’Università dell’Oklahoma ha avviato un trial su anziani residenti in case di riposo per verificare se l’inoculazione di un vaccino ampiamente utilizzato contro l’Herpes Zoster possa stimolare il sistema immunitario e fornire protezione anche contro il COVID-19. A cura di Salvatore Curiale – Istituto Nazionale Malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” IRCCS – Roma – © INMI

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Covid-19: L’attività didattica ed educativa nelle scuole

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio di dispositivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con il loro utilizzo. La didattica per le scuole secondarie di secondo grado si svolgerà interamente a distanza sino al 9 gennaio; a partire dall’11 gennaio e sino al 16 gennaio dovrà essere garantita al 50% della popolazione studentesca la didattica in presenza, tranne che nelle regioni che si trovano in “zona rossa” (vedi oltre), nelle quali la didattica sarà svolta interamente a distanza. Rimane garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per garantire l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata; • I corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi solo in modalità a distanza. Sono consentiti i corsi di formazione specifica in medicina generale nonché le attività didattico-formative degli Istituti di formazione dei Ministeri dell’Interno, della Difesa, dell’Economia e delle finanze e della Giustizia. I corsi per i medici in formazione specialistica e le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie e medica possono in ogni caso proseguire anche in modalità non in presenza. Sono consentiti i corsi abilitanti e le prove teoriche e pratiche effettuate dagli uffici della motorizzazione civile e dalle autoscuole, e tutti i corsi abilitanti o comunque autorizzati o finanziati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, gli esami di qualifica dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale, nonché i corsi di formazione da effettuarsi in materia di salute e sicurezza, nel rispetto delle nor- me dettate dall’INAIL; • Le riunioni degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado possono essere svolte solo con modalità a distanza. Gli enti gestori provvedono ad assicurare la pulizia degli ambienti e gli adempimenti amministrativi e contabili concernenti i servizi educativi per l’infanzia. L’ente proprietario dell’immobile può autorizzare, in raccordo con le istituzioni scolastiche, l’ente gestore ad utilizzarne gli spazi per l’organizzazione e lo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, non scolastiche né formali. Le attività dovranno essere svolte con l’ausilio di personale qualificato, e con obbligo a carico dei gestori di adottare appositi protocolli di sicurezza conformi alle linee guida nazionali193 e di procedere alle attività di pulizia e igienizzazione necessarie. Alle medesime condizioni, possono essere utilizzati anche centri sportivi pubblici o privati; • sono sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, nonché le attività di tirocinio, da svolgersi nei casi in cui sia possibile garantire il rispetto delle prescrizioni sanitarie e di sicurezza vigenti; • le università, sentito il Comitato Universitario Regionale di riferimento, predispongono, in base all’andamento del quadro epidemiologico, piani di organizzazione della didattica e delle at-tività curriculari che tengano conto dell’evoluzione del quadro pandemico territoriale e delle corrispondenti esigenze di sicurezza sanitaria; le attività formative e curricolari si svolgono a distanza, possono svolgersi in presenza le sole attività formative e curricolari degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio nonché quelle dei laboratori, nel rispetto delle linee gui- da fissate dal Ministero dell’Università e della Ricerca194 nonché sulla base del protocollo per la gestione di casi confermati e sospetti di Covid-19195; a beneficio degli studenti che non riescano a partecipare alle attività didattiche o curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreuti- ca, le Università o Istituzioni dovranno, ove possibile, garantire le attività in modalità a distanza, tenendo conto anche delle specifiche esigenze degli studenti con disabilità; inoltre dovranno assicurare, laddove necessario, il recupero delle attività formative e curriculari non svolte, e non dovranno considerare le assenze maturate ai fini della eventuale ammissione ad esami finali nonché ai fini delle relative valutazioni; • è sospeso lo svolgimento dei concorsi pubblici e privati e di quelli di abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, e ad esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale, ivi compresi, ove richiesti, gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo e di quelli per il personale della protezione civile. Le Commissioni d’esame possono procedere alla correzione delle prove scritte concollegamento da remoto. a cura di Salvatore Curiale – Istituto Nazionale Malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” IRCCS – Roma – © INMI

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iran: promosso disegno di legge per eliminare Israele entro il 2041

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Una notizia incredibile e senza precedenti arriva dall’Iran, dove il parlamento ha promosso un disegno di legge per eliminare Israele entro il marzo del 2041. Ancora più incredibile è la motivazione: l’iniziativa legislativa è la risposta all’uccisione del comandante delle Forze Qods, Qassem Soleimani, avvenuta il 3 gennaio 2020, che l’Iran ritiene sia stato ucciso dagli Usa.Ma allora perché Teheran punta il dito contro Israele se affibbia la responsabilità della morte di Soleimani agli Stati Uniti? Perché non fa un disegno legge atto a distruggere l’America, New York o Washington?Domande che hanno una sola risposta: Teheran ha affermato di voler punire Israele quale alleato degli Usa. Ricapitoliamo. L’Iran ritiene che gli Stati Uniti siano i responsabili della morte di Qassem Soleimani e per vendicarlo promuovono una legge per distruggere Israele.Per chi dovesse credere che la notizia sia priva di fondamento, dovrà ricredersi perché arriva dall’importante agenzia di stampa iraniana Isna, secondo cui il disegno di legge prevede che i prossimi governi iraniani saranno obbligati a fare qualsiasi sforzo per distruggere Israele e rimuovere le forze americane dalla regione.Questo è solo odio per Israele, nulla più. Un odio che si somma alla volontà di nascondere i problemi interni al paese, puntando il dito contro Gerusalemme.Un odio che serve a ingannare il popolo iraniano, aumentandone l’avversione nei confronti di Israele, facendolo diventare un capro espiatorio.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hong Kong:Cina arresta attivisti opposizione ma da Ue silenzio su rispetto diritti civili

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

“L’UE firma l’accordo sugli investimenti con la #Cina senza reclamare il rispetto dei diritti umani e subito Pechino ne approfitta per reprimere il dissenso ad Hong Kong”. Lo scrive su twitter il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, capigruppo di FdI in Commissione Esteri e vicepresidente del Copasir in merito “agli arresti in massa di esponenti democratici ad Hong Kong realizzati sulla base di una legge sulla sicurezza nazionale che contrasta con gli accordi internazionali sulle prerogative dell’Isola. Il regime comunista, come tutti i regimi, percepisce ogni cedimento sui diritti come un via libera a calpestarli. Mi auguro che il Parlamento Europeo sappia trarne le conseguenze quando esaminerà l’accordo sugli investimenti fortemente voluto da Merkel e Macron per favorire gli interessi di loro settori produttivi. La nostra Europa si fonda anche su valori irrinunciabili e non solo sul Commercio e sugli affari”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Decreto ripresa

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

È giunto in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n.3 del 05-01-2021) il nuovo Decreto Legge incentrato sulle disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, frutto dell’accordo raggiunto nell’ultimo Consiglio dei Ministri per permettere un più regolare rientro degli alunni nelle loro scuole. Le disposizioni, che hanno effetto da stamane, all’articolo prevedono che “dal giorno 11 gennaio 2021 al 16 gennaio 2021 le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, garantendo almeno al 50 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni l’attività didattica in presenza. La restante parte dell’attività didattica, è svolta con didattica a distanza”. Ricapitolando, quindi, le scuole secondarie di secondo grado rientrano in aula dall’11 al 16 gennaio per almeno il 50% della popolazione studentesca. Dal 7 al 9 gennaio le attività didattiche si svolgono a distanza. Dalla scuola dell’Infanzia al primo ciclo il ritorno in classe si attuerà da domani 7 gennaio. Le scuole collocate nelle zone rosse, invece, praticheranno la didattica a distanza dalle classi di seconda media alla quinta superiore. Nel frattempo, “le Regioni stanno decidendo in ordine sparso le date di rientro e le modalità”, ricorda Orizzonte Scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iveco ceduta a azienda di stato cinese?

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

“L’ipotesi che anche Iveco sia ceduta ad una azienda statale cinese preoccupa anche per i suoi risvolti nella produzione di veicoli militari”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, vicepresidente del Copasir, in merito a notizie diffuse dai media su trattative in corso.“Stupisce l’assenza della politica su azioni che riguardano i principali asset produttivi del Paese che rischiano di avere conseguenze non solo sul piano economico ed occupazionale ma anche su quello della sicurezza nazionale. In tal caso, peraltro, è necessario valutare anche l’ipotesi di utilizzare la golden power” conclude il senatore Urso.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I 10 giocatori di calcio più costosi al mondo

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Il Centro Internazionale per lo Studio dello Sport (CIES), soprannominato “l’Osservatorio calcistico”, ha appena svelato la classifica annuale dei calciatori con il più alto valore di mercato. Il costo potenziale dei migliori calciatori viene valutato sulla base di criteri molto concreti, come l’età, la posizione, l’attività nel club e nella nazionale, il livello del campionato in cui giocano, i mezzi finanziari del club se necessario. venditore e quelli dei potenziali acquirenti, la durata del contratto o la nazionalità. L’attaccante del Manchester United Marcus Rashford ha preso il comando con un valore di 165,6 milioni di euro. Fa detronizzare così, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, la stella del PSG, Kylian Mbappé, ora 5 ° nella prestigiosa classifica: 1. Marcus Rashford (165,6 milioni di euro) 2. Erling Haaland (152 milioni di euro) 3. Trent Alexander-Arnold (151,6 milioni di euro) 4. Bruno Fernandes (151,1 milioni di euro) 5. Kylian Mbappé (149,4 milioni di euro) 6. Jadon Sancho (148,3 milioni di euro) 7. João Félix (141,5 milioni di euro) 8. Alphonso Davies (139,2 milioni di euro) 9. Raheem Sterling (136,9 milioni di euro) 10. Kai Havertz (136 milioni di euro)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

College of Europe, Bruges campus

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

For more than 70 years the College of Europe has contributed to the European integration project, providing generations of leaders the knowledge, experience and collective wisdom that enabled them to turn the dream of a unified, peaceful and prosperous continent into reality. Today, exactly as in the times of its foundation, the College of Europe is ready to form a new generation of women and men capable of imagining and building the social, economic and political renaissance of our continent, guided by the project of integration as well as its relations with the rest of the world.On our two campuses, Bruges and Natolin, you will find not only a top quality postgraduate institute of European studies with a unique interdisciplinary approach and senior academics and practitioners from over twenty-five countries, but also a truly European living experience that will remain with you for the rest of your life, as you will become part of an extraordinary network – the College family.If what you are looking for is the chance to deeply understand Europe as it is, but also to contribute shaping its present and future, the College of Europe is the place to be. The “College Formula” ensures that, for 10 months, students live and follow together an intensive programme in a challenging and highly stimulating educational environment – which truly prepares them to live and work in an increasingly integrated Europe. The student body – around 340 students in Bruges and 130 students in Natolin (Warsaw) – reflects a real diversity of culture and personal experience. Across both campuses, students with an average age of around 25 and originating from over 50 different countries, usually speak three to four languages. All have completed a university degree in a field appropriate for participation in the College’s postgraduate programmes, and quite a few already hold a postgraduate degree. The College’s demanding entry requirements and rigorous selection procedures ensure that students who are recruited are of the highest calibre.The College is a private university/institution and can rely on an extensive network of contacts in European institutions, national administrations, international organisations, European universities and professional circles. Alumni of the College of Europe occupy positions of responsibility in Europe and across the world. Many come back to the College to share their experiences with the students. Although the College has no scholarships of its own, more than 70% of all College students benefit from whole or partial scholarships, these being granted by governments or private institutions.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo, i dati Otex su Venezia

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Il fatturato generato sul territorio di Venezia dal turismo residenziale, nei primi undici mesi del 2020, è stato di 70,2 milioni di euro, con una perdita del 63,74% rispetto allo stesso periodo del 2019: è quanto emerge dall’analisi di Otex, primo osservatorio sul turismo residenziale extralberghiero in Italia, che ha avviato una serie di studi per avere una visione più completa e corretta del fenomeno in un momento molto delicato per il settore del turismo, colpito duramente dalle conseguenze della pandemia Covid-19 e dalle conseguenti politiche di lockdown. Dopo i numeri positivi del primo bimestre (+5,15% a gennaio, +27,5% a febbraio anno su anno), il trend del fatturato 2020 in Laguna è stato negativo da marzo in poi, con la flessione più cospicua nel mese di maggio (-80,53%). Il mercato analizzato da Otex, all’ultimo aggiornamento, presenta una riduzione dell’offerta di annunci di oltre 1.620 unità. “In percentuale quindi stimiamo una riduzione delle unità attive nel mercato del 22,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”, spiega Marco Nicosia, data analyst di Otex, evidenziando come “sempre più operatori, in maniera progressiva da marzo, stiano perdendo fiducia nel turistico e siano sempre più usciti dal mercato, con un rallentamento di questo fenomeno in settembre 2020”. La variazione percentuale mese su mese dell’offerta, infatti, è stata del -22% circa a novembre, contro il -19% rilevato ad agosto e il -10% di maggio. “Venezia è stata colpita prima dall’acqua alta e poi dal Covid, e oggi ci troviamo con una città completamente vuota”, afferma Stefano Bettanin, presidente di Property Managers Italia, secondo cui “oggi c’è la necessità di aiuti concreti, di un sistema di semplificazione che consenta di rilanciare il turismo extralberghiero. Il primo settore che ripartirà una volta esaurita l’emergenza sarà questo, e rimetterà in moto altre attività che oggi sono ferme. Non è né giusto né utile puntare il dito, come è stato fatto anche a Venezia, contro un settore che ha permesso alle città di vivere, e che le altre città europee, pensiamo per esempio a quanto accade in Francia, si stanno muovendo per incentivare”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La pandemia e gli indigeni sud americani

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

In Sudamerica milioni di colpiti aggrediti dalla pandemia rischiano di non ricevere assistenza e cure necessarie. La situazione è più a rischio proprio nei territori del Rio de la Plata: Argentina, Brasile ed Uruguay. La stima è di 3 milioni di indigeni che stanno morendo a causa del Covid-19, a un tasso che è il doppio rispetto a quello nel resto della popolazione dei Paesi coinvolti.A denunciarlo è la ong «Casa Dinastica del Rio de la Plata» (www.virreinatodelriodelaplata.org), che dal 1989 si batte per i diritti delle minoranze svantaggiate e delle popolazioni indigene nei distretti del Rio de la Plata. La pandemia ha già colpito 42 tribù di indios argentini, 44 tribù di indios brasiliani, e 9 tribù di indios uruguaiani. Vista la gravità della situazione, Casa Dinastica del Rio de la Plata sollecita l’attenzione delle Nazioni Uniti e dei singoli governi sull’aumento dei casi di Covid-19 nei villaggi indigeni della regione del Rio de la Plata, affermando di trovarsi di fronte alla mancanza di politiche pubbliche efficienti per combattere la malattia.«I governi degli stati coinvolti non stanno adeguatamente aiutando con i test rapidi e non riescono a raggiungere le popolazioni indigene più isolate» puntualizza Viola Lala, press officer della World Organization for International Relations (www.woirnet.org).Certo è che la pandemia di Coronavirus rappresenta una grave minaccia per la salute delle popolazioni indigene di tutto il mondo. «Le comunità indigene hanno già uno scarso accesso all’assistenza sanitaria e tassi significativamente più elevati di malattie trasmissibili e non trasmissibili» sottolinea Alejandro Gastón Jantus Lordi de Sobremonte, presidente della Casa Dinastica del Rio de la Plata.Associandosi alle preoccupazioni del Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali del Segretariato delle Nazioni Unite (UNDESA), del Presidente del Forum Permanente delle Nazioni Unite sulle Questioni Indigene, Anne Nuorgam, e della World Organization for International Relations, la Casa Dinastica del Rio de la Plata (www.virreinatodelriodelaplata.org) lancia dunque l’allarme sulla vulnerabilità delle popolazioni indigene, aderendo alla campagna #WeAreIndigenous dell’ONU e #WeAllAreIndigenous della WOIR.Secondo la Casa Dinastica del Rio de la Plata, anche quando le popolazioni indigene sono in grado di accedere ai servizi sanitari, subiscono stigma e discriminazione. E molto più spesso sono vittime della mancanza di accesso ai servizi essenziali ed alle altre misure preventive chiave come acqua pulita, sapone e disinfettanti.Le strutture mediche locali —se e quando ve ne siano— sono spesso poco attrezzate e carenti di personale. «Un fattore chiave è garantire che questi servizi e strutture siano forniti nelle lingue indigene e in base alle situazioni specifiche di queste popolazioni» sottolinea Viola Lala, press officer della WOIR.«Noi tutti dobbiamo impegnarci per includere le esigenze e le priorità specifiche delle popolazioni indigene nell’affrontare la pandemia di Covid-19» conclude Alejandro Gastón Jantus Lordi de Sobremonte, presidente della Casa Dinastica del Rio de la Plata. (AJ-Com.Net) AJ/VL 06 GEN 2021 10:00 NNNN

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Classifica delle compagnie aeree più sicure del 2020

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Velivoli a terra e drastica diminuzione del traffico hanno portato anche a numerosi licenziamenti. Tuttavia AirlineRating ha stilato anche per il 2021 la classifica delle compagnie aeree più sicure, analizzando 405 aziende. Tra i criteri utilizzati figurano non solo il numero di incidenti, ma anche il livello di sicurezza, di avanguardia e qualità degli aeromobili, innovazione e personale addestrato a fronteggiare le emergenze, gli audit governativi e l’età della flotta. «Le compagnie aeree hanno grandi e piccoli incidenti ogni giorno, ma la maggior parte provengono da problemi tecnici, non operativi. È il modo in cui l’equipaggio gestisce gli incidenti che determina il successo di una buona compagnia aerea» ha dichiarato il redattore capo Geoffrey Thomas. Al primo posto figura, senza troppe sorprese, Qantas, che da decenni è all’avanguardia sul piano della sicurezza, e non solo. Seguono Qatar Airways, Air New Zealand, Singapore Airlines, Emirates, EVA Air, Etihad Airways, Alaska Airlines, Cathay Pacific Airways, British Airways, Virgin Australia / Virgin Atlantic, Hawaiian Compagnie aeree, Southwest Airlines, Delta Air Lines, American Airlines, SAS, Finnair, Lufthansa, KLM e United Airlines.Compagnie low cost – L’azienda esperta del settore ha anche stilato l’elenco delle dieci compagnie aeree low cost più sicure del 2021 (in ordine alfabetico): Air Arabia, Allegiant, Easyjet, Frontier, Jetstar Group, Jetblue, Ryanair, Vietjet, Westjet e Wizz. AirlineRating ha anche analizzato le compagnie aeree che nel 2020 hanno reso i voli più sicuri anche dal punto di vista sanitario, durante la pandemia. «Queste compagnie sono andate ben oltre la semplice protezione dei viaggiatori» ha aggiunto Thomas. Ad esempio Qatar Airways ha fornito protezioni mediche e mascherine, ed Emirates ha introdotto un’assicurazione sanitaria e un kit individuale. Ecco l’elenco in ordine alfabetico delle prime 20 compagnie: Air Baltic, Air New Zealand, Alaska Airlines, All Nippon Airways, AirAsia, British Airways, Cathay Pacific Airways, Delta Air Lines, Emirates, Etihad Airways, Eva Air, Japan Airlines, Jetblue, KLM, Korean Airlines, Lufthansa, Singapore Airlines, Southwest, Qatar Airways e Westjet. Nell’allestire la classifica, AirlineRating ha inoltre individuato che ben 119 compagnie aeree si sono attivate nella lotta alla pandemia, ma 117 non avevano pubblicato nessuna raccomandazione sul proprio sito internet. C’è inoltre una buona notizia evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”: la sicurezza in volo sembra crescere anno dopo anno. C’è poi una buona notizia: secondo l’Aviation Safety Network il 2019 è stato uno degli anni più sicuri di sempre con 20 incidenti mortali e 283 decessi, superato solo dal 2017 in cui furono registrati 10 incidenti mortali e 44 decessi.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Apriamo un dibattito sul nostro futuro

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Da anni, oramai, siamo portati a concentrare la nostra attenzione più sul presente e molto meno sul futuro. Siamo preoccupati per il clima ma nel momento in cui dovremmo prendere delle importanti decisioni ci dilunghiamo in noiosi e lunghi dibattiti che lasciano il tempo che trovano. Lo stesso accade se pensiamo al sociale, alla povertà nel mondo, alla salute, all’istruzione e all’evoluzione tecnologica in atto. Ci rendiamo “fumosamente” conto che dobbiamo mettere mano a un progetto d’ampio respiro se vogliamo che l’umanità non imbocchi il tunnel del non ritorno, ma anche in questo caso ci accontentiamo di qualche accenno come se quanto accade intorno a noi non ci riguarda direttamente eppure si riverberano in noi momenti di consapevolezza dei gravi errori che stiamo commettendo nel rendere le condizioni di vita sempre più precarie. Ma spesso queste riflessioni si rivelano un attimo fuggente prima di rituffarci nei problemi che ci legano al contingente: lo studio, il lavoro, la mobilità, il modo di tenere in piedi il nostro budget che inesorabilmente si assottiglia, l’assistenza sanitaria e via di questo passo. Una donna, che a giorni partorirà, mi confessava i suoi timori sul futuro del nascituro e si chiedeva se avesse fatto bene a volerlo e se non fosse stato solo il frutto del suo egoismo. Tutto questo dovrebbe indurci ad agire, a ricercare un cambiamento, a lavorare con impegno per realizzarlo all’istante. Si tratta, ovviamente, di un aspetto che va a monte del problema. Dovremmo da subito instillare nei nostri figli una visione della vita più votata ai valori e molto meno ai suoi aspetti edonistici nel senso del piacere immediato a prescindere. Se partiamo, infatti, dal concetto che l’umanità debba farsi carico di due diritti fondamentali quali il diritto alla vita e a vivere dovremmo comprendere sino in fondo il modulo di vita che si richiede. Come possiamo, infatti, garantire la vita per chi nasce nella povertà? Per chi è generato in una terra inospitale e gli è impedito di cercare luoghi diversi e spesso per via del colore della sua pelle? E allora ci chiediamo perché il diritto a vivere non garantisce a tutti, indistintamente, un’infanzia affrancata dalla miseria, un’istruzione e un’assistenza sanitaria adeguate? Un tetto sotto cui ripararsi e da adulto un lavoro sicuro e una vecchiaia serena? Perché anche nelle città dell’opulenza vi sono migliaia di persone che non hanno una casa e dormono sotto i ponti o nei rifugi d’emergenza? Perché un giovane deve tenderti la mano per chiederti un obolo per la sua sopravvivenza? E poi ci meravigliamo se una tale condizione suscita in alcune vittime uno stimolo alla rivolta, a riscattare la sua dignità umiliata con la violenza? Questo è un presente che non può avere un futuro senza suscitare la ribellione, senza generare instabilità e conflitti regionali cruenti. Dobbiamo proporci un avvenire diverso prima che sia troppo tardi per arrivarci. È la sola strada se vogliamo guardare i nostri figli e sorridere alla loro vita e al come cerchiamo di costruirla facendo ammenda dei nostri errori. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Esistono delle certezze matematiche dalle quali non si può prescindere

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

E’ il caso degli iperspazi. Essi costituiscono una delle teorie più elevate ed astratte della matematica tanto che al loro apparire furono considerati come semplice fantascienza. Tuttavia, per evitare equivoci, va anche ricordato che la scienza non è in grado di affrontare la totalità del pensiero ma solo delle astrazioni di essa. Ma in ogni caso tutte le volte che modifica le sue frontiere deve, nello stesso tempo, revisionare i suoi principi e, così facendo, tutto il pensiero dell’uomo nel suo insieme è sottoposto a profonde rettifiche. Ma solo in tale misura le conoscenze si scambiano utili informazioni e si evolvono pur nel rispetto delle singole autonomie. In questa fattispecie il mondo scientifico deve essere considerato come un sistema in perenne evoluzione da cui emergono – per Charles Singer – “degli esemplari di valore e precisamente quegli esemplari che furono così risolutamente respinti dai filosofi materialisti della prece-dente generazione. Per nostra fortuna quel tipo di filosofo che si permetteva di ignorare le grandi conclusioni a cui è arrivata la scienza, sta ora per scomparire.” Ma ora anche la scienza deve farsi più dialettica per rendere i metodi della filosofia più influenti nel determinare la natura del mutamento. In questa misura occorre riconsiderare il concetto di una radicale separazione tra i singoli mondi mentali degli individui e l’intelletto e la materia. Ma vi è anche un altro messaggio che non va sottaciuto. Spesso noi riserviamo poco spazio agli uomini d’ingegno che ci sono contemporanei e così facendo disperdiamo un gran patrimonio d’idee e di studi che solo fortunosamente i posteri riescono a raccogliere e a fondare, su di essi, più ardite teorie e attente riflessioni. Sull’argomento penso ci possa bastare un esempio tra i più noti. Mi riferisco a Giambattista Vico. La sua esistenza fu stentata ed avara di soddisfazioni. Il suo impegno culturale sembrava destinato ad un ingiusto anonimato anche dopo la sua morte. Dobbiamo al Filangieri e al Goethe che, leggendo la sua “Scienza nuova”, intravidero in essa “presentimenti sublimi del buono e del giusto che un giorno regneranno su questa terra.” Da allora fu un crescendo continuo d’estimatori di “rango”: da Foscolo al Manzoni e sino a Benedetto Croce e dalla Parigi di Michelet alla Germania di Wegel e di Marx. Solo in tal modo l’ignoto ed ignorato Vico si collocò degnamente nel mondo della cultura del suo e di tutti i tempi cominciando ad assumere i connotati di un “genius loci”. Eppure egli era quasi schiacciato da una costellazione di detrattori che lo accusavano di avere una scarsa conoscenza della cultura europea, di polemizzare con Cartesio in modi e tempi sbagliati, di essere, secondo Giuseppe Ferrari, servile con i potenti ed eccessivamente “entusiasta per il cattolicesimo.” Nello stesso tempo non si tollerava il suo italiano involuto e latineggiante, pieno di riguardo per le accademie e la sua povertà di riferimenti. Tale severità di giudizio non era espresso dall’anonimo cronista ma da Pietro Giannone che con il Genovesi erano considerati i maggiori intelletti napoletani del tempo. Le idee esposte nei “librettini di Vico” erano considerate incomprensibili da questi dioscuri e non degne di “torcersi il cervello” per intenderle. Erano in definitiva la cosa più “scipita e transonica che si potesse leggere.” Sparivano in questo modo, per i suoi critici, la potenza e l’acutezza delle sue intuizioni e concezioni, l’originalità del pensiero, l’ampiezza degli interessi e le folgoranti associazioni di parole e d’idee sia pure in un contesto baroccamente composito e ridondante. Di certo il Vico poteva vestire l’abito del suo tempo esprimendosi con un linguaggio accademico un po’ greve e goffo senza fantasia e senza humour, ma ciò non gli impediva di mettere in mostra il suo talento e le sue felici intuizioni. Oggi, a distanza di circa tre secoli, la fama del Vico invece di appannarsi risplende di rinnovata luce. Per Marx l’affermazione principale del Vico è che solo un mondo può essere davvero conosciuto dall’uomo ed è il mondo della storia, perché è l’uomo a farla, e si conoscono veramente solo le cose che si fanno. Lo stesso dicasi per il mondo delle scienze e della tecnica essendo una sua pura invenzione. La natura, invece, l’uomo la trova, può subirla o modificarla, ma non può conoscerla sino in fondo. “La tecnologia – osserva Marx riandando al pensiero vichiano – svela il comportamento attivo dell’uomo verso la natura, l’immediato processo di produzione dei suoi rapporti sociali vitali e delle idee dell’intelletto che ne scaturiscono.” “Resta oggi – scrive Giuseppe Galasso – lo scandalo di un pensiero che si rivela suscettibile di tante letture, perfino in chiave esistenzialistica, per un’evidente ricchezza di motivi e capacità di sollecitazione, rafforzate da aspetti d’ambiguità e d’oscurità, non per una consuetudine accademica. Rimane la difficoltà di aggregarlo ad una scuola particolare e di farne un idealista o un positivista, un cattolico o uno storicista e via dicendo, perché continuamente riemergono dai suoi scritti implicazioni e inflessioni che vanificano i tentativi d’appropriazione.” E’ questo un altro aspetto che ci richiama alla cultura del domani formata da un pensiero che non ha la pretesa d’essere originale ed esclusivo, ma sa di dover sempre e in ogni caso fare i conti con il suo passato. Esso non si cancella perché ognuno di noi è depositario di quella parte di verità che da sola non riesce a dirci tutto, ma i cui pezzi, sia pure minuti, sono fondamentali per ricostruire l’intero disegno del Creatore. Sta a noi raccogliere queste microscopiche schegge, con pazienza e costanza, e fare in modo che si ricompongano nella loro primigenia interezza. E Vico ha fatto la sua parte. Resta a noi oggi, detergendo ciò che è appartenuto solo al suo tempo, come un guscio che nasconde un seme, ridarlo alla nuda terra affinché da esso germogli la pianta del pane della vita e ci permetta di guardare di là dalla vita. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Europa che vorremmo

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

Se tralasciamo il discorso su ciò che i nostri padri pensavano sull’Europa da europei e ci limitiamo a considerare i fatti odierni dobbiamo renderci conto che dopo tanti sforzi unitari e le relative accelerazioni annettendo senza farci molti scrupoli paesi che non avevano ancora maturato l’idea dello stare insieme e le regole che avrebbero dovuto condividere e alla possibile perdita di parte della loro sovranità in tema di politica estera, di economia, di finanza, di giustizia, di certo la loro vocazione unitaria avrebbe mostrato non poche crepe. È questo a mio avviso il tallone di Achille di una comunità che pensa ai propri confini in termini nazionali e non di certo sovranazionali. L’Europa sembra oggi insofferente al conto che la storia le presenta dopo decenni di colonialismo, post colonialismo e di governi fantoccio in paesi dove l’ordine di scuderia era quello di sfruttare, impoverire, immiserire in nome del profitto fine a sé stesso. Abbiamo fatto scempio degli stessi diritti che enunciavamo con orgoglio in nome della “realpolitik” per dedicarci animo e corpo alla ricerca e il mantenimento del potere, indipendentemente da questioni religiose o morali. Eravamo tanto invasati alla ricerca diplomatica di un primato fra gli Imperi Europei che abbiamo saputo dar seguito naturale alle feluche dei propri ministri, diplomatici, accademici sostituendole con gli elmi del guerriero e scatenare guerre sanguinose e immani distruzioni per affermare un predominio che la diplomazia delle feluche non era riuscita ad assicurare. Ora che i tempi del guerreggiare in armi sono passati di moda un’altra cultura si è affermata affinando l’ingegno degli europei verso un modo di pensare più ricercato. Così l’Europa comunitaria si è trasformata in uno scudo protettivo e in un terreno di lauti profitti per chi avendo perso la guerra sul terreno di battaglia ritrova la sua revanche in senso storico politico nel campo dell’economia e della finanza. Questo doppio binario di politica interna ed internazionale messo in piedi da chi continua a sentirsi storicamente erede di un passato imperiale è destinato a far pagare un prezzo molto elevato a quelle nazioni in Europa e altrove che hanno subito il fascino del più forte e non compreso l’insidia che nascondeva. Se questa è l’Europa che vogliamo abbiamo sbagliato alla grande perché non vi è dignità per i sudditi. E qui mi fermo. Come dire? Ai posteri l’ovvia sentenza. (Riccardo Alfonso direttore centri studi sociali e politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Percorsi di pace ed equa ridistribuzione delle risorse

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2021

«In molte parti del mondo occorrono percorsi di pace che conducano a rimarginare le ferite, c’è bisogno di artigiani di pace disposti ad avviare processi di guarigione e di rinnovato incontro con ingegno e audacia». Un appello che papa Francesco ha lanciato nell’enciclica Fratelli tutti e ribadito nel Messaggio per la 54a Giornata Mondiale della Pace. Il 2020 è stato segnato dal COVID-19 e ora è necessario l’impegno di tutti per rialzarsi ed uscire migliori da questa crisi. Serve quella che il Pontefice definisce cultura della cura, cioè un «impegno comune, solidale e partecipativo per proteggere e promuovere la dignità e il bene di tutti, quale disposizione ad interessarsi, a prestare attenzione, alla compassione, alla riconciliazione e alla guarigione, al rispetto mutuo e all’accoglienza reciproca». Questa è la via privilegiata per la costruzione della pace.Per porre fine ai conflitti che continuano a coinvolgere una settantina di Stati – tra cui Libia, Yemen, Birmania, Iraq, Siria, Pakistan, Nigeria, Africa subsahariana, Medio Oriente, Nagorno-Karabakh, Ucraina, Venezuela – e circa 900 tra milizie, guerriglieri, gruppi terroristici, separatisti, anarchici.Ma anche per risolvere crisi tra loro fortemente connesse, come quella climatica, alimentare, economica e migratoria, che la pandemia ha aggravato, provocando lutti, sofferenze e disagi.Si tratta di integrare vari aspetti, secondo un approccio olistico che guarda all’uomo in quanto tale. In questa prospettiva si incrocia il concetto di sviluppo umano integrale che implica un impegno “emancipativo”, teso cioè a favorire la promozione della dignità e dei diritti della persona, la cura del bene comune, la solidarietà, la cura e la salvaguardia del creato. La pacifica convivenza fra i membri della famiglia umana deve ispirarsi ai valori più alti e condivisi, a partire da quello dell’inclusione e della partecipazione, fondamentali a livello metodologico per considerare gli altri come soggetti e non oggetti di ogni azione e iniziativa. Occorre innanzitutto rigettare la “cultura dello scarto” e avere cura delle persone e dei popoli che soffrono le più dolorose disuguaglianze, attraverso un’opera che sappia privilegiare con pazienza i processi solidali – che integrino e non escludano – rispetto all’egoismo spesso imperante degli interessi contingenti, sia su base individuale, sia collettiva.Bisogna, al tempo stesso, di integrare pertanto la dimensione individuale e quella sociale, con un’attenzione alla dimensione economica e politica, valorizzando sempre più l’importanza della comunità, mediante il dispiegamento del principio di sussidiarietà, favorendo l’apporto di tutti come singoli e come gruppi, a partire dal basso. È proprio l’originale proposta di ‘società della cura’ ad essere l’oggetto al centro del dibattito da una vasta ed eterogenea galassia di movimenti sociali, associazioni, attivisti che hanno in qualche modo profeticamente anticipato di pochi mesi il Messaggio di Papa Francesco, riconoscendo molte delle stesse priorità e degli stessi temi: la conversione ecologica della società; lavoro; reddito e welfare nella società della cura; la riappropriazione sociale dei beni comuni e dei servizi pubblici; la centralità dei territori e della democrazia di prossimità; pace, cooperazione, accoglienza e solidarietà; scienza, tecnologia e finanza al servizio della vita e dei diritti. http://www.insiemepergliultimi.it

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »