Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 19 gennaio 2021

“L’importanza della selezione dei titoli nel mercato Europeo delle small cap”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

A cura di Mine Tezgul, Gestore di portafoglio di Columbia Threadneedle Investments. La gestione del capitale nel bel mezzo di una crisi può rivelarsi impegnativa, ma il nostro approccio d’investimento di lungo termine e la nostra disciplina di valutazione ci hanno aiutati a sfruttare l’instabilità dei mercati. Le società europee di minori dimensioni hanno mostrato una buona tenuta durante la crisi pandemica. Nell’arco dei dodici mesi sino a fine settembre 2020, l’indice EMIX Europe ex UK Small Cap ha generato un rendimento totale del 5,7% in euro, mentre il rendimento in sterline è stato dell’8,4%, a fronte del -7,3% (in euro) dell’MSCI Europe, un indicatore attendibile delle performance delle large cap.Probabilmente, questi risultati non erano del tutto scontati all’inizio. Le imprese più piccole sono soggette a rischi maggiori e possono essere colpite più duramente in una fase di rallentamento economico perché sono meno diversificate e possono avere risorse minori su cui contare. Come ci approcciamo dunque a questo contesto d’investimento, specie durante una crisi? Innanzitutto, una crisi testa la capacità di tenuta del modello di business e dell’adeguatezza patrimoniale di un’azienda. La nostra filosofia d’investimento, che si concentra sulle imprese di alta qualità con fossati economici solidi, rendimenti appetibili e bilanci sani, ci ha aiutato a differenziarci durante questo periodo di maggiore incertezza. Le società con fondamentali deboli vedono il proprio valore patrimoniale dileguarsi durante le recessioni se vi entrano con una leva finanziaria eccessiva. Per contro, le aziende con modelli di business robusti che generano free cash flow e dimostrano di saper crescere senza indebitarsi oltremisura sono in grado di attraversare una turbolenza economica in maniera più efficace e di uscirne addirittura rafforzate. La selezione dei titoli è dunque di fondamentale importanza.La pandemia globale ha accelerato molti trend già individuati come fattori di crescita strutturali per le tipologie di aziende che noi prediligiamo. Ad esempio, la digitalizzazione e l’aumento del consumo di dati hanno continuato ad avallare la legge di Moore e ad alimentare la spesa per investimenti in semiconduttori, che favoriscono le imprese leader nei mercati di nicchia delle tecnologie per semiconduttori. Al contempo, le principali società di pagamenti europee, che hanno potenziato il proprio potere di fissazione dei prezzi attraverso il consolidamento, hanno registrato una crescita vigorosa grazie al continuo passaggio dai contanti ai pagamenti elettronici, sospinto dalle scelte dei consumatori e dalle normative. Le aziende che producono test diagnostici e tecnologie medicali hanno ampliato notevolmente le proprie basi, grazie agli investimenti nell’automazione e nell’innovazione nel settore sanitario, che sosterranno per molti anni la crescita dei loro ricavi ricorrenti. Le piattaforme tecnologiche che godono di un forte effetto di rete hanno rafforzato la propria posizione conquistando nuove categorie di clienti “vischiose” a fronte dell’accelerazione del passaggio alle transazioni online in settori come commercio elettronico, online banking, consegne alimentari e giochi online. Riteniamo che questi trend rimarranno intatti e che, abbinati ai vantaggi competitivi, decreteranno i vincitori nel lungo termine.D’altro canto, le aziende che abbiamo deciso di evitare in ragione delle criticità strutturali create dalle tecnologie dirompenti e dai rischi di sostenibilità hanno sofferto ulteriormente quest’anno a causa delle restrizioni legate alla pandemia e della maggiore attenzione ai fattori ESG. Il settore degli immobili commerciali, ad esempio, risente del deterioramento del potere di fissazione dei prezzi dovuto all’evoluzione della domanda, esacerbata dal telelavoro e dagli acquisti online. L’innovazione tecnologica nel campo della distribuzione dei contenuti video, al contempo, continua a rappresentare una sfida per i cinema. I rischi di sostenibilità e le passività ad essi associate rimangono elevati nei settori più inquinanti, come il petrolio e il gas. Valutare la sostenibilità è uno dei pilastri del nostro processo d’investimento e confermiamo il sottopeso sulle aziende esposte a tali rischi significativi.
Infine, il nostro approccio d’investimento di lungo termine e la nostra disciplina di valutazione ci hanno aiutati a sfruttare l’instabilità dei mercati innescata dai timori di breve termine legati alla crisi sanitaria. Durante l’ondata di vendite indiscriminata nella prima metà dell’anno abbiamo aperto e incrementato posizioni nelle società di elevata qualità a prezzi convenienti, che offrivano notevoli margini di rialzo rispetto al valore intrinseco.Destreggiarsi nelle fasi di volatilità dei mercati non è facile, ma per gli investitori pazienti esistono delle opportunità. L’universo small cap è particolarmente fertile in tal senso, perché le aziende che lo compongono sono più trascurate e meno comprese dagli analisti. Ciò conferisce a un gestore attivo un maggiore spazio di manovra per generare alfa investendo nelle idee d’investimento high-conviction oggetto di accurate ricerche. La nostra filosofia d’investimento orientata alla qualità e alla crescita, il nostro processo bottom-up di stampo fondamentale e l’approccio di lungo termine ci hanno consentito di ottenere buoni risultati sia nelle fasi rialziste sia in quelle ribassiste. Restando fedeli al nostro processo d’investimento siamo riusciti ad attraversare con successo i variegati contesti di mercato presentatisi nel 2020, e ci prefiggiamo di fare altrettanto in futuro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento Europeo: Lunedì 18 Sessione Plenaria

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Bruxelles. Lunedì 18 Briefing sulla Plenaria 15.30-16.30 Programma (EN) Discussioni: 17.00-22.30 Tra i temi discussi: rafforzare il mercato comune, istituzione dello strumento di sostegno tecnico, applicazione e rispetto delle norme nell’ambito del commercio internazionale.
Martedì 19 Sessione Plenaria Discussioni 8.30-13.00 Tra i temi discussi: strategia globale dell’UE sulla vaccinazione COVID-19, situazione umanitaria dei migranti alle frontiere esterne dell’UE.
15.00-19.00 tra i temi discussi: politica estera, di sicurezza e di difesa comune, diritti umani, relazioni UE-Asia.
19.00 – Annuncio risultati votazioni finali su:
• Istituzione strumento di sostegno tecnico
• Diritti dell’UE per l’applicazione e il rispetto delle norme nell’ambito del commercio internazionale. Programma
Link alla diretta Briefing gruppo S&D con la Presidente Iratxe GARCÍA PÉREZ (ES). 09.45-10.15
Link alla diretta
Briefing gruppo The Left con i co-Presidenti, Manon AUBRY (FR) e Martin SCHIRDEWAN (DE).
11.15-11.45 Link alla diretta
Mercoledì 20 Sessione Plenaria Discussioni 08.30-13.00 Discussione sull’insediamento del nuovo Presidente degli Stati Uniti e situazione politica attuale, con la partecipazione della Presidente della Comissione Ursula Von der Leyen e del Presidente del Consiglio Charles Michel; presentazione del programma della Presidenza portoghese, con la partecipazione della Presidente della Commissione e del primo ministro portoghese, António Costa.
15.00-19.00 Tra i temi discussi: crisi sociale e occupazionale durante la pandemia COVID-19, alloggi dignitosi a prezzi abbordabili, diritto alla disconnessione.
19.00 – Annuncio risultati votazioni finali su:
• Intelligenza artificiale
• Relazione annuale (2019) diritti umani e democrazia nel mondo
Programma Link alla diretta
09.30 – Incontro del Presidente Sassoli con il primo ministro portoghese, António Costa
Giovedì 21 Sessione Plenaria Discussioni 08.30-13.00 Tra i temi discussi: conseguenze dei terremoti in Croazia, parità di genere, casi di violazione dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto.
16.30 – Annuncio risultati votazioni finali su:
• Diritto alla disconnessione
• Alloggi dignitosi e a prezzi abbordabili
• Prospettiva di genere nella crisi COVID-19
• Strategia UE per la parità di genere
• Situazione dei diritti umani in Turchia e in Vietnam
Programma Link alla diretta
13.00 – Intervento del Presidente Sassoli alla conferenza online “B20 Italia”
Intervento del Presidente Sassoli alla sessione di apertura della conferenza organizzata da Confindustria per raccogliere le proposte del mondo imprenditoriale in occasione della prima presidenza dell’Italia al G20.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo Bauhaus europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

La Commissione ha avviato la fase di progettazione dell’iniziativa Nuovo Bauhaus europeo annunciata dalla Presidente von der Leyen nel discorso sullo stato dell’Unione 2020. La Commissione ha avviato la fase di progettazione dell’iniziativa Nuovo Bauhaus europeo annunciata dalla Presidente von der Leyen nel discorso sullo stato dell’Unione 2020. Il Nuovo Bauhaus europeo è un progetto ambientale, economico e culturale che mira a combinare design, sostenibilità, accessibilità, anche sotto il profilo economico, e investimenti per contribuire alla realizzazione del Green Deal europeo. I valori fondamentali del Nuovo Bauhaus europeo sono quindi sostenibilità, estetica e inclusività. La fase di progettazione intende sfruttare un processo di cocreazione per plasmare il concetto esaminando le idee, individuando le esigenze e le sfide più urgenti, e collegare tra loro i portatori d’interessi. Come elemento della fase di progettazione, questa primavera la Commissione avvierà la prima edizione del premio Nuovo Bauhaus europeo.La fase di progettazione sfocerà nell’apertura degli inviti a presentare proposte nell’autunno prossimo per dare vita alle idee del Nuovo Bauhaus europeo in almeno cinque sedi negli Stati membri dell’UE, grazie all’impiego di fondi dell’UE a livello nazionale e regionale.La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Il Nuovo Bauhaus europeo è un progetto di speranza per esplorare come vivere meglio insieme dopo la pandemia. Si tratta di conciliare la sostenibilità con lo stile per avvicinare il Green Deal europeo alla gente, ai loro pensieri, alla loro casa. Per riuscire il Nuovo Bauhaus europeo abbiamo bisogno di tutte le menti creative: designer, artisti, scienziati, architetti e cittadini.” Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “Con il Nuovo Bauhaus europeo vogliamo sviluppare un quadro innovativo per sostenere, agevolare e accelerare la trasformazione verde combinando sostenibilità ed estetica. Se formiamo noi stessi un ponte tra il mondo dell’arte e della cultura e il mondo della scienza e della tecnologia, riusciremo a coinvolgere la società intera: i nostri artisti, studenti, architetti, ingegneri, il mondo accademico, gli innovatori; daremo il via a un cambiamento sistemico.” Elisa Ferreira, Commissaria per la Coesione e le riforme, ha osservato: “Il Nuovo Bauhaus europeo riguarda il nostro modo di vivere insieme, i valori, gli spazi comuni di lavoro e di svago, le nostre esperienze collettive e personali. È un progetto per tutte le regioni e i territori d’Europa. Nella misura in cui promuove soluzioni accessibili, contribuirà alla coesione sociale e alla soluzione dei problemi abitativi. Se davvero vogliamo apportare un cambiamento nella realtà che ci circonda per vivere insieme meglio e in modo sostenibile, dobbiamo pensare come il Nuovo Bauhaus europeo possa collegare la generazione di nuove idee con l’esecuzione sul posto, nei luoghi prescelti. La riflessione è lanciata nella Commissione su come mobilitare gli strumenti che abbiamo per avviare una prima serie concreta di azioni sul Nuovo Bauhaus europeo.”
Comincia qui un processo innovativo di coprogettazione. Le organizzazioni che desiderano rafforzare il proprio impegno in questo processo possono diventare “partner del Nuovo Bauhaus europeo” rispondendo all’invito sul sito web.Nei prossimi mesi la Commissione assegnerà premi agli esempi proposti che rappresentano l’integrazione dei valori fondamentali dell’iniziativa e che possono animare il dibattito sui luoghi in cui viviamo e la loro trasformazione.Nella prossima fase dell’iniziativa, quella di “realizzazione”, saranno avviati cinque progetti pilota per coprogettare nuove soluzioni che siano sostenibili, inclusive e abbinate allo stile. La terza fase sarà quella di “diffusione” delle idee e dei concetti che definiscono il nuovo Bauhaus europeo attraverso nuovi progetti, la creazione di reti e la condivisione delle conoscenze, in Europa e altrove.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cancro del polmone non a piccole cellule

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Takeda Italia annuncia la disponibilità anche per i pazienti italiani di brigatinib in monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con cancro del polmone non a piccole cellule (NSCLC), avanzato ALK positivo (chinasi del linfoma anaplastico) non trattati precedentemente con inibitori ALK che affianca l’indicazione al trattamento in monoterapia di pazienti adulti con NSCLC positivo per ALK, in stadio avanzato, precedentemente trattati con crizotinib ottenuta il 26 ottobre 2020.Brigatinib è un inibitore della tirosin-chinasi di nuova generazione studiato per colpire selettivamente e inibire le alterazioni genetiche ALK.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presidente Conte, contro l’ipocrisia, l’opportunismo e la scelleratezza

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

“Il Presidente Conte ha usato ancora una volta con parole di grande umanità, buon senso e responsabilità, nell’esprimere il proprio disagio nei confronti dei cittadini in merito alla scellerata crisi di Governo avviata nel bel mezzo di questa drammatica pandemia e senza alcun plausibile fondamento.” – cosi Enzo Pirillo, Presidente del Circolo Culturale Saragat Matteotti di Roma“L’ampia disamina della situazione del Paese, nonché dell’Europa e del mondo intero vessati dal Covid, si è conclusa con l’accorato invito a sostenere e prolungare la durata del Governo –testualmente- anche con il contributo politico di formazioni che si collocano nel solco delle più nobili tradizione europeiste, liberale, popolare, SOCIALISTA! Operando una coscienziosa scelta di campo contro le derive nazionaliste e le logiche sovraniste.
Ritrovandoci in pieno nelle parole del Presidente Conte –prosegue Enzo Pirillo- ed apprezzando da sempre il Suo operato, non possiamo che essere moralmente vicini, cercando di farlo anche e soprattutto praticamente, attraverso i nostri rappresentanti eletti in Parlamento! Pertanto il Circolo culturale Saragat Matteotti, risponde presente all’appello del Presidente del Consiglio, contro la scellerata crisi di Governo avviata in un momento in cui -francamente- proprio non se ne sentiva il bisogno. Auspicando –infine- che chi ha compiuto questa scelta irresponsabile possa finalmente fare i conti con la propria coscienza, in attesa di verificare alle urne l’apprezzamento del POPOLO italiano! Enzo Pirillo Presidente del Circolo Culturale “Saragat – Matteotti” Roma

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Regenerate Australia”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

E’ il piano WWF di rinascita per ripristinare gli habitat, recuperare la fauna selvatica, promuovere un’economia basata sulle energie rinnovabili, sull’innovazione e a zero emissioni. Più di 15.000 roghi – che hanno bruciato soprattutto foreste e boschi ma anche terreni adibiti a pascoli e praterie- hanno impattato un’area totale di almeno 19 milioni di ettari (Filkov et al. 2020) in diversi Stati e rilasciato in atmosfera 900 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Gli effetti più devastanti sulle vite umane e sulla biodiversità si sono registrati in Australia orientale, con circa 12,6 milioni di ettari di foresta bruciati, fra cui il 54% delle foreste pluviali del Gondwana australiano (Queensland e New South Wales), l’81% della Greater Blue Mountains Area (NSW) e il 99% dell’Old Great North Road: tre siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità che custodiscono habitat e animali unici al mondo.Secondo un primo studio del governo australiano, ben 191 specie minacciate hanno visto diminuire in maniera significativa il loro habitat. Tra queste, 49 ne hanno perso più dell’80%, 65 più del 50% e 77 oltre il 30%. A gennaio 2020, il professor Chris Dickman stimava che più di 1 miliardo di vertebrati erano probabilmente morti a causa degli incendi, ma un recente report del WWF Australia ha aggiornato questa stima a circa 3 miliardi, considerando i dati più recenti sulle densità delle diverse popolazioni di mammiferi (143 milioni), rettili (2,46 miliardi), uccelli (181 milioni) e anfibi (51 milioni), e tenendo conto degli animali colpiti indirettamente dagli effetti secondari del fuoco. Gli animali che sopravvivono all’azione del fumo e delle fiamme rischiano infatti di non sopravvivere a causa di una ridotta disponibilità di risorse alimentari e aree di rifugio, che si traducono in una maggiore competizione intra e inter-specifica e nell’aumento del rischio di predazione da parte di specie come i gatti domestici (Felis catus) e le volpi rosse (Vulpes vulpes), specie aliene introdotte dall’uomo. Si tratta di minacce a medio-lungo termine, che potrebbero aumentare il tasso di estinzione delle specie, già purtroppo alto, oltre a mettere a rischio ulteriori specie ed ecosistemi che prima non erano considerati minacciati. Solo fra i mammiferi, si stima che nelle aree distrutte dagli incendi vivessero 40 milioni di opossum e petauri, più di 36 milioni di antechini, topi marsupiali e altri insettivori, 5,5 milioni di ratti canguro, bandicoot, quokka e potoroo, 5 milioni di canguri e wallabies, 1.1 milioni di vombati, 114.000 echidna e circa 60.000 koala.
“Regenerate Australia” un programma quinquennale da 300 milioni di dollari, per supportare azioni di ripristino degli habitat, di recupero per la fauna selvatica, promuovere un’economia sostenibile – basata sulle rinnovabili e non sul carbone – con l’obiettivo di rendere l’Australia un paese “a prova di futuro”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

All’Università di Parma webinar su uno “Screen New Deal” per il dopo pandemia

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Parma. Secondo appuntamento venerdì 22 gennaio per il ciclo di webinar Screens and the digital mediascape (in Pandemic times) – Schermi e ambiente mediatico digitale (ai tempi della Pandemia), organizzato dal Laboratorio Interdipartimentale Neuroscience & Humanities dell’Università di Parma, diretto dal neuroscienziato Vittorio Gallese. L’appuntamento è alle 17 su Zoom con il filosofo Mauro Carbone sul tema della Filosofia-Schermi e della proposta di uno “Screen New Deal” per il dopo pandemia. Dopo il Coronavirus, gli schermi sono usciti vincitori dal dibattito in corso sul loro uso. Adesso è necessario ragionare insieme su una filosofia per l’oggi, che possa aiutare a comprendere nel modo migliore pratiche, implicazioni, impatti e trasformazioni di questi aspetti, partendo da come i nostri rapporti con gli schermi sono cambiati in questo tempo di pandemia (link per partecipare https://us02web.zoom.us/j/89783243973, Meeting ID: 897 8324 3973).
Mauro Carbone è un filosofo italiano. Dal 2009 è professore ordinario di Filosofia all’Université “Jean Moulin”-Lyon 3, di Lione; dal 2012 è membro senior dell’Institut Universitaire de France. Si occupa principalmente di fenomenologia ed estetica contemporanea. È tra i massimi specialisti del pensiero di Maurice Merleau-Ponty ed è protagonista indiscusso dell’attuale dibattito sulla “Cultura visuale”.
Mauro Carbone è il fondatore della rivista Chiasmi International. Studi trilingui sul pensiero di Merleau-Ponty, che ha co-diretto sin dalla sua fondazione nel 1999.
Il ciclo di webinar, in programma da gennaio a metà aprile, comprende 8 appuntamenti aperti a tutti su piattaforma Zoom con esperti di rilievo internazionale, con l’obiettivo di scandagliare argomenti di commistione tra le neuroscienze e le scienze umane. I media digitali e le pratiche sociali da essi promosse stanno cambiando la nostra relazione con il mondo, introducendo dimensioni nuove e scarsamente esplorate che richiedono nuove concettualizzazioni e indagini empiriche. Questa serie di webinar mira a gettare nuova luce sugli schermi digitali e sul loro impatto sulle nostre vite e società, adottando un approccio multidisciplinare con l’aiuto di alcuni dei migliori esperti internazionali su queste tematiche.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stangata carrello spesa: +117 euro per coppia con 2 figli

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Secondo i dati definitivi di dicembre resi noti oggi dall’Istat, l’inflazione media del 2020 è pari a -0,2%, dal +0,6% del 2019.”Bene che l’Italia per la 3° volta dall’inizio delle serie storiche iniziate nel 1954 sia tornata anche nel 2020 in deflazione. Non poteva essere diversamente visto il crollo dei consumi e del Pil dovuto alla pandemia. La riduzione dei prezzi contiene la caduta del potere d’acquisto delle famiglie e consente di risparmiare sulla spesa” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”L’aspetto negativo, è che spesso si tratta solo di un effetto ottico. Alcuni risparmi, infatti, sono solo teorici, falsati dal lockdown. Per i trasporti, ad esempio, il calo dei prezzi del 2,3%, che in tempi normali avrebbe prodotto una minor spesa, per una famiglia media, di 80 euro, 124 euro per una coppia con due figli, non determina in pratica alcun effetto reale sul portafoglio degli italiani, visto che sono stati costretti a starsene a casa per gran parte dell’anno” prosegue Dona.”A incidere di sicuro, invece, il rialzo del carrello della spesa dell’1,3% che determina una vera e propria stangata. Insomma, se per una coppia con due figli, l’inflazione media a -0,2% significa avere avuto nel 2020, sulla carta, una minor spesa di 77 euro, il rincaro dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona comporta una maggior spesa di 117 euro. Per una coppia con 1 figlio, la riduzione del costo della vita dello scorso anno è stata pari, ipoteticamente, a 76 euro, ma per gli acquisti di tutti i giorni il salasso reale è di 106 euro. Per una famiglia tipo, il risparmio in tempi normali sarebbe stato complessivamente di 69 euro, ma l’aggravio certo per la casalinga di Voghera che va al mercato a fare la spesa per la famiglia media italiana è pari a 88 euro” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro domestico: Boom di assunzioni durante il lockdown

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Ma ancora 1 milione in nero. Le famiglie spendono 15,1 miliardi annui, facendo risparmiare allo Stato 10,9 miliardi di Welfare. 2 milioni di lavoratori domestici (6 su 10 in nero). Secondo i dati INPS 2019, i lavoratori domestici regolari sono 849 mila, in lieve calo rispetto al 2018 (-1,8%). Negli ultimi anni sono costantemente aumentate le Badanti (+11,5% dal 2012) e diminuite le Colf (-32,1%): oggi le Colf sono in lieve maggioranza (52%) rispetto alle Badanti (48%).Da fonti Istat sappiamo però che il tasso di irregolarità nel settore domestico è del 57,6%1 , per cui la componente registrata all’Inps rappresenta meno della metà del totale. In aumento italiani e over 50.
Sebbene gli stranieri siano ancora in netta maggioranza (70,3%), otto anni fa questa percentuale era nettamente maggiore (81,1%): mentre gli stranieri sono diminuiti (soprattutto tra le Colf), gli italiani sono aumentati (prevalentemente tra le Badanti).Un’altra tendenza significativa riguarda le classi d’età: se nel 2012 la maggioranza dei lavoratori domestici aveva un’età compresa tra 30 e 49 anni (54,0%), oggi la fascia più numerosa è quella di oltre 50 anni (52,4%). Nello stesso periodo è diminuita anche la componente giovane (sotto i 29 anni), passata dal 14,5% al 5,3% del totale. 10,9 risparmiati dallo Stato grazie alla spesa delle famiglie. Nel 2019 le famiglie italiane hanno speso 15,1 miliardi di euro per i lavoratori domestici (retribuzione, contributi, TFR).
Questo rappresenta per lo Stato un risparmio in termini di welfare e assistenza, in quanto accogliere in struttura tutti gli anziani non autosufficienti costerebbe 10,9 miliardi. Senza contare che il lavoro domestico vale l’1,1% del PIL (17,9 miliardi di € di valore aggiunto). La “sanatoria” 2020. La regolarizzazione inserita nel Decreto Rilancio (DL 34/2020) ha visto 177 mila domande di emersione di lavoratori domestici (85% del totale).
Ciò ha portato nelle casse dello Stato oltre 100 milioni di euro (30,3 al netto delle spese amministrative), a cui potrebbero poi aggiungersi oltre 300 milioni di euro l’anno, dati dal gettito fiscale e contributivo dei lavoratori regolarizzati. Gettito fiscale inespresso. Gli 849 mila lavoratori domestici regolari portano oggi un gettito fiscale pari a 1,5 miliardi di euro. Manca però ancora molto per una piena espressione del potenziale: se tutti i 2 milioni di lavoratori fossero in regola, il gettito fiscale arriverebbe a 3,6 milioni annui. Boom di assunzioni a Marzo 2020. Il lockdown ha portato un boom di assunzioni di lavoratori domestici: oltre 50 mila nel mese di Marzo, +58,5% rispetto al 2019. Inoltre, sono state effettuate 1,3 milioni di richieste di bonus baby sitter (per un importo potenziale di 1,7 miliardi) e nel I semestre 2020 sono stati movimentati quasi 270 milioni di euro attraverso il Libretto Famiglia (quasi 20 volte in più rispetto al 2019). L’emergenza sanitaria ha portato un aumento del fabbisogno di assistenza da parte delle famiglie, soprattutto per i bambini (con le scuole chiuse) e gli anziani soli.Nel 2020 si è registrato un aumento delle assunzioni, anche grazie al bonus baby sitter. ‘Tuttavia, il lavoro nero rimane ancora forte nel settore domestico’ – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale DOMINA – e continua ‘Le proposte DOMINA sulla deducibilità delle spese e sul sostegno alle famiglie porterebbero un’emersione del lavoro sommerso, aumentando la sicurezza per lavoratori e famiglie e incrementando il gettito fiscale per lo Stato’.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Algoritmi. Droghe, San Patrignano e film. GAFAN?

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Per chi si occupa di consumatori di droghe questo è un periodo di confronto. Sembra. Di cosa si parla? Del film di Netflix che ha rispolverato vecchie (e sempre attuali) questioni tra chi cura i feriti di una guerra (San Patrignano), chi si impegna per estirpare questa guerra (antiproibizionisti) e chi vorrebbe inasprirla (proibizionisti).Il film di Netfllix è molto commentato su Facebook dove ci sono dibattiti di vario livello, guardandoli sul proprio device Apple, acquistato da Amazon dopo aver confrontato le offerte su Google. Diversi credono di aver scelto liberamente, ma sono scelte frutto di algoritmi che offrono in base a scelte già fatte in passato dal consumatore, rispetto agli interessi economici di chi li gestisce.
Le politiche su droghe e tossicodipendenze riguardano tutti, anche chi non usa queste sostanze (giustizia, ordine pubblico, salute, soldi pubblici, etc), e vengono valutate grazie ai servizi di aziende private il cui scopo è fare soldi. C’è un acronimo che le identifica, GAFA (Google, Amazon, Facebook e Apple) e, visto l’andazzo cambiamo in GAFAN (N per Netflix). Aziende che pagano tasse talmente basse che qualunque azienda dello stesso ambito (che pagano tasse tutt’altro che basse) ne subisce concorrenza sleale.Ricordiamo che il capo del Governo Giuseppe Conte faceva comunicava agli italiani tramite Facebook, anche se esiste la Rai, servizio pubblico, sempre ai primi posti per audience mediatici.E’ questa informazione ed economia libera? Non è che parlando di droghe, considerando che la tossicodipendenza è un aspetto marginale, facendolo grazie al film su San Patrignano facciamo propaganda al film di Netflix?Oltre l’algoritmo nei nostri device se n’è sviluppato uno nei nostri cervelli? Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rette RSA e normativa ISEE

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Con la recente sentenza pubblicata il 10 dicembre 2020, la terza sezione del Consiglio di Stato torna a ribadire concetti chiari e semplici in materia di ISEE: il calcolo della situazione economica di una persona disabile o non autosufficiente non può ricomprendere, né direttamente né indirettamente (attraverso artifici) gli emolumenti esclusi dalla tassazione IRPEF, quali pensioni di invalidità o indennità di accompagnamento.I Comuni, si legge, non hanno poteri discrezionali e normativi su come applicare l’ ISEE, che è a tutti gli effetti un Livello Essenziale di Assistenza e pertanto inderogabile, disciplinato dal DPCM 159 del 2013 come riformato nel 2016.Accade invece, che dopo anni di denunce, i Comuni continuano a fare un po’ quel che vogliono, affiancando allo strumento voluto e creato dal legislatore nazionale per valutare le sostanze di una persona, ulteriori, paralleli ed aggiuntivi criteri con cui selezionare chi ha diritto o meno ai benefici socio-assistenziali richiesti.D’esempio fra tutti il Comune di Firenze e di molti altri Comuni toscani, che, non potendo disconoscere la normativa ISEE, prevede che, a prescindere dall’ISEE stesso, coloro che godono del cd accompagnamento, versino circa 15 euro al giorno in più per il proprio ricovero. Che guarda caso, corrisponde proprio all’importo giornaliero dell’indennità di accompagnamento di un cittadino non autosufficiente. Insomma, si fa rientrare dalla finestra quel che è escito dalla porta.Tutto ciò e’ illegittimo, ed è stato più volte oggetto di censura del Consiglio di Stato, ma i Comuni preferiscono continuare a violare la legge, e sono per lo più impuniti. Perché? Perché nel nostro Paese, il sistema della perdurante violazione, da un lato conviene alle casse comunali, dall’altro è blindato da una giustizia settaria e drammaticamente lenta. Ed il cittadino, ma anche molte delle sue formazioni sociali ed appendici quali le libere associazioni e i comitati, non ha lo strumento per reagire prontamente alle illegalità, che, dunque, si perpetua ai danni dei più fragili.E se è pur vero che durante l’inerzia del Tar e delle istituzioni coinvolte (compreso il Difensore Civico, la Regione e i Comuni) gli organi superiori della magistratura amministrativa (Consiglio di Stato) si pronunciano, ciò non basta. Non è, infatti, sufficiente recapitare negli uffici comunali le sentenze in questione, o gridare allo scandalo (come stiamo facendo ogni volta che scriviamo del tema). Le sentenze hanno effetti solo sul cittadino che ha sfidato costi e tempi della giustizia. E così passano gli anni. I regolamenti illegali rimangono lì, i cittadini sono costretti a pagare anche quello che non devono, e questo è quanto. “La collettività è salva, il bilancio non ci consente altro”, si difende l’Ente, che per tutta evidenza ha la coda di paglia. Lo stato di diritto invece langue, dietro ad Amministrazioni pubbliche, coperte ed avallate dall’inerzia di altre Amministrazioni pubbliche.Claudia Moretti, legale, consulente Aduc

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo: Cosa dicevano Di Maio, Salvini, Meloni, Berlusconi, Renzi dei “voltagabbana”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

C’è un gran parlare in questi giorni di “costruttori”, cioè di parlamentari che dovrebbero sostenere il governo Conte, cambiando “casacca”, cioè passando da un gruppo parlamentare all’altro.Cosa dicevano i vari esponenti politici dei parlamentari “voltagabbana”? Vediamo.
Luigi Di Maio (M5S), prima delle elezioni sosteneva che chi entra in Parlamento con un partito e poi lo cambia se ne deve tornare a casa. Ieri li definiva traditori, oggi costruttori.
Matteo Salvini (Lega) ha dichiarato che un parlamentare che cambia casacca dovrebbe dimettersi, ma accetta i voltagabbana.
Matteo Renzi (Italia viva) ha dichiarato che un parlamentare che cambia casacca dovrebbe dimettersi, però eletto nelle liste del PD ne esce per fondare il gruppo parlamentare di Italia viva.
Giorgia Meloni (FdI) ha fatto sottoscrivere dai suoi un patto d’onore che li impegna a non “cambiare casacca”, ma accetta i voltagabbana.
Silvio Berlusconi (FI) è contrario al “cambio di casacca” ma accetta i voltagabbana. Insomma, se vieni nella mia Chiesa sei un converso e benedetto, se vai in altra Chiesa sei un traditore e un maledetto.
Quando si smetterà con le appartenenze chiesastiche sarà sempre tardi. Nessuno di costoro ricorda che i parlamentari rappresentano la Nazione e non i partiti, così come previsto dalla nostra Costituzione e da tutte le Costituzioni dei Paesi democratici e che parlare di casacche e gabbane non ha alcun significato perché non c’è il vincolo di mandato partitico.
Sappiamo che è difficile comprendere il significato di rappresentante della Nazione e non di partito, ma così è. Lo ricordiamo, per memoria, a un popolo smemorato e, soprattutto, ai parlamentari che, benché eletti, non conoscono e non osservano la Costituzione. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La fitoterapia nella disassuefazione da benzodiazepine

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Ansia ed insonnia sono i disturbi psichici più diffusi nella popolazione generale. Chi ne soffre spesso utilizza benzodiazepine, tra i farmaci più utilizzati al mondo. Esiste tuttavia un alto rischio di sconfinare in un uso cronico e in abuso: l’utilizzo a lungo termine comporta frequentemente dipendenza e tolleranza (e quindi uso di dosi sempre più elevate). In soggetti anziani può inoltre aggravare il declino cognitivo. Una review del 2017 riporta che sono numerosi gli studi preclinici ma ancora pochi quelli clinici; l’unica pianta con un’evidenza solida per l’ansia è il Piper methysticum, non prescrivibile in Europa; segnalata inoltre una buona quantità di evidenze per Valeriana, Centella, Ginkgo, Passiflora e Withania. È importante conoscere le peculiarità di ogni pianta per calibrare la scelta sul singolo paziente prescrivendo il giusto dosaggio; è fondamentale inoltre conoscere quali farmaci siano assunti, la presenza di eventuali patologie o di condizioni che possono beneficiare o meno degli effetti “pleiotropici” che spesso le piante presentano. Ad esempio, ricordiamo l’effetto positivo sulle funzioni cognitive di estratti di Bacopa monnieri e di Ginkgo biloba (di quest’ultima è bene non dimenticare l’effetto antiaggregante e quindi le possibili interazioni con farmaci in uso) oppure il fatto che Whitania somnifera può determinare un aumento degli ormoni tiroidei mentre la Melissa, utilizzata preferibilmente in forme di ansia con sintomatologia gastrointestinale, potrebbe ridurre l’attività della tiroide. Con queste premesse abbiamo analizzato la letteratura presente su PubMed con chiavi di ricerca che valutassero i clinical trials relativi all’efficacia di estratti di singole piante. I dati che si ricavano sono i seguenti:
– Alcune piante che hanno una lunga tradizione d’uso non hanno (o non ne hanno sufficienti) prove di efficacia, come Eschscholtzia (nessuno studio presente come pianta singola), Luppolo (due soli studi), Biancospino (un solo studio).
– Altre piante utilizzate primariamente per altri disturbi hanno dimostrato una buona efficacia su ansia e/o insonnia: Iperico (10 studi, fra il 1999 e il 2010 per un totale di 2317 soggetti valutati), Ginkgo (7 studi fra il 2005 e il 2018, campione di 966 persone in totale), lo Zafferano (6 studi fra il 2015 e il 2018, 400 soggetti in totale), il Panax ginseng (7 studi fra il 1999 e il 2017, campione complessivo di 271 soggetti), la Bacopa (5 studi fra il 2001 e il 2014, 266 soggetti in totale) e la Rodiola (3 studi, fra il 2007 e il 2015, 191 soggetti in totale).
– Per alcune piante utilizzate tradizionalmente ci sono sufficienti prove di efficacia basate su studi clinici: Camomilla (5 studi dal 2009 al 2020, 514 soggetti in totale), Passiflora (5 studi dal 2001 al 2020, campione di 306 soggetti totali) e soprattutto Valeriana (17 studi fra il 1982 e il 2019, su un campione totale di 1525 soggetti, ha dimostrato di determinare un miglioramento della qualità del sonno senza i tipici effetti collaterali delle benzodiazepine).
– L’unica sostanza presa in considerazione come singolo componente, la L-Teanina, ha dimostrato in 8 studi, pubblicati fra il 2004 e il 2019, su un totale di circa 200 soggetti, una buona efficacia nella riduzione di ansia e stress. Una buona conoscenza della letteratura è quindi imprescindibile per orientare la scelta in pazienti così delicati proprio per la natura del loro disturbo, tendenti alla sfiducia e all’abbandono di terapie ritenute inefficaci. (Fonte Fitoterapia33)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Risse Minori/Dj Aniceto:colpa della musica trap e della canna facile

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Ogni giorno notizie di minorenni armati di mazze, bottiglie e catene per futili motivi organizzano risse in quasi tutta Italia, altri li hanno preceduti, molti altri li seguiranno, TEMO. I Giovani d’oggi litigano e si sgozzano per futili motivi. Ascoltano la musica trap e diventano piccoli criminali, Provano la purple drunk e ci restano secchi, si fanno le canne e perdono il contatto con la realtà.” – cosi commenta il Dj Aniceto, uno dei dj piu’ impegnati nel sociale, esperto di new generation e gia’ membro della Consulta per le politiche antidroga a palazzo Chigi,l’escalation della violenza nelle nuove generazioni.”Tanta solidarietà ai familiari di questi giovanissimi sconsiderati.” – ha affermato Aniceto, protagonista come testimonial dei sani valori in molti programmi tv, tra i quali quelli di Piero Chiambretti. “Ma che sta succedendo alla generazione 3.0? La cosa che mi colpisce è la spoporzione del danno. Ragazzini nemmeno 18enni armati di coltelli e pistole; non escono per divertirsi ma soprattutto per fare risse. adolescenti vestite da trentenni che bevono e si drogano come le sanguisughe e il giorno dopo non ricordano più niente. Se fossi genitore sarei veramente preoccupato. Questa é un epoca molto difficile per educare figli. I Giovani sono confusissimi. I divieti non non sono piu’ imposti dai genitori ma dallo Stato facendoli vivere in una moderna dittatura e poi, Il mondo digitale, complice la Dad ed il lockdown, si è impossessato della mente di troppi giovanissimi. Li ha resi senza personalità. Vivendo quasi tutta la giornata sui telefoni e computer, cercano conferme, cercano identità , cibandosi degli insegnamenti disdicevoli della musica trap, e nutrendosi di tutta la violenza che vomitano quotidianamente i social network ed è chiaro che molti di loro confondono la realtà col virtuale e cosi quando escono per strada combinano casini. Casini costruiti ad arte come un set cinematografico per renderli finalmente protagonisti di una vita che il Covid ha cancellato a molti di loro. Infatti molti di questi bulletti li trovi nei video autoprodotti e ‘musicali’ su youtube. Poi la forza del BRANCO, della droga,e dell’emulazione fanno il resto. Tuttavia non riesco a condannare questi giovani sfortunati. Sono i giovani creati dalla società dai poteri forti più confusa che mai, che gestiscono il nostro mondo; giovani che non sanno fare i ‘giovani’ perchè nessuno ha insegnato loro come essere ‘giovani’ ed e’ per questo che molti di loro si trasformano in ‘rifiuti’ della Societa’”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Milano: “Giuseppe Sala ha ufficializzato la propria candidatura”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2021

Milano. Lo scorso 7 dicembre e successivamente ha avviato la campagna elettorale presentando la lista che porterà il suo nome. Siamo nel semestre bianco, per l’amministrazione comunale, ed è opportuno che la Giunta si limiti all’ordinaria amministrazione senza intraprendere azioni straordinarie, consentendo in ogni caso alle opposizioni di vigilare senza ostacoli e reticenze. Tuttavia, ho richiesto al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale di convocare il Tavolo permanente per l’Emergenza Coronavirus istituito il 5 marzo dal Consiglio Comunale che lo votò all’unanimità, per avere un aggiornamento su quanto sia stato speso del Fondo di Mutuo Soccorso e sui residui del Bilancio Comunale, ma il Tavolo non è più stato convocato. Oltre a una grave negligenza da parte della maggioranza, il protrarsi di tale situazione configura il mancato rispetto degli impegni assunti dal Sindaco e dal Presidente del Consiglio. Tale atteggiamento che penalizza l’Opposizione è stato denunciato anche al Prefetto di Milano. Questa grave situazione, sommata alla mancata convocazione in presenza del Consiglio Comunale, mette a rischio i principi di trasparenza e democrazia con i quali ci si dovrebbe avviare alla fase elettorale” denuncia Andrea Mascaretti Capogruppo FdI Palazzo Marino

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »