Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 221

Scuola: I docenti precari dopo 36 mesi vanno immessi in ruolo

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 gennaio 2021

Mentre la scuola italiana deve fare i conti con una supplentite crescente, con sempre più precari da nominare su cattedre vacanti e l’incapacità anche nell’attuare il semplice turn over, il Comitato europeo dei diritti sociali evidenzia come in Italia i docenti precari continuino ad essere vessati: nei nostri confini nazionali, il loro destino professionale viene infatti pregiudicato illegittimamente dalla mancata adozione della direttiva 1999/70/CE, introdotta dal Consiglio europeo proprio per evitare l’abuso sistematico di precariato. Una inosservanza che brucia ancora di più perché adottata pure nell’anno dell’emergenza epidemiologica,La sentenza di Strasburgo non lascia adito a dubbi: vista la situazione del personale dell’istruzione pubblica, con insegnanti precari assunti con contratti successivi ed interruzioni per una durata complessiva superiore a 36 mesi, nonché i contenuti sulla stessa materia presenti nell’articolo D (paragrafo 2) della Carta sociale europea (« le Comité ») il Comitato europeo dei diritti sociali ritiene che “vi sia stata un’ingerenza sproporzionata nei loro diritti di guadagnarsi da vivere in un’occupazione liberamente intrapresa”.Pertanto, secondo il Comitato europeo dei diritti sociali, il reclutamento italiano si caratterizza negativamente, sia per “l’assenza di efficaci tutele preventive e riparatrici contro gli abusi derivanti dall’indebito ricorso a contratti a tempo determinato”, sia per “l’incertezza giuridica, derivante dalle ripetute modifiche alla legislazione e alla giurisprudenza e alle limitate possibilità di ottenere contratti a tempo indeterminato indipendentemente dalle effettive competenze e dall’esperienza lavorativa”.Alla luce di questa pronuncia, diventa ancora più evidente come l’attuale legislazione italiana (legge 107/2015, legge 159/2019) non sia più in grado di proteggere il diritto dei lavoratori precari di guadagnarsi da vivere attraverso un’occupazione intrapresa liberamente: una circostanza sulla quale nemmeno la giurisprudenza della stessa Corte di Cassazione e della Corte costituzionale italiana è riuscita a trovare un rimedio valido.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: