Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 9 febbraio 2021

L’establishment e il populismo

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Il mondo sembra diviso tra chi sostiene l’establishment e chi il populismo. È quanto abbiamo avuto modo di constatare negli Usa e, nel nostro piccolo, anche in Italia con la Lega di Salvini. Vi ho escluso sia Fratelli d‘Italia di Giorgia Meloni sia i pentastellati di Grillo e Vito Crimi. E la ragione, a mio avviso, è spiegabile. Fratelli d’Italia è un partito che ha radici solide nella destra italiana. Una destra sociale che è stata in passato ben rappresentata da Giorgio Almirante. Ha mostrato un agire in concreto che ha, tuttavia, perso una parte della sua credibilità per aver scelto come alleati Forza Italia di Berlusconi e Salvini della Lega. Cinque stelle a sua volta deve la sua nascita dal profondo malumore esistente tra gli elettori di destra e di sinistra nei confronti dei loro partiti di riferimento. In buona sostanza si avvertiva la necessità di un cambio di passo che non appariva credibile con le alchimie di una classe politica incapace di imporre una reale svolta al Paese, modernizzandolo. Un malumore che, purtroppo, nemmeno i pentastellati sono riusciti del tutto a sedare perché una parte di coloro che l’hanno votato alle ultime politiche del 2018 hanno rinunciato ad appoggiarli ritenendo che i loro paladini hanno accettato una governabilità al ribasso e con alleati poco credibili. Nel frattempo, è cresciuta nella classe politica italiana la tendenza alla frammentazione con la costituzione di partiti ad personam. Alla fine, siamo giunti ad una vera e propria crisi di sistema. Come possiamo uscirne? È difficile dirlo anche perché la stessa soluzione Draghi, di là dell’autorevolezza del personaggio, lascia insoluti i problemi di fondo ovvero sulla possibilità che la politica adottata dai partiti possa realisticamente incidere sulla tenuta del sistema paese senza essere travolti da logiche di potere, altrove gestite. A questo punto mi spiace ammettere che abbiamo perso tempo prezioso dietro i soliti pifferai che ci hanno promesso ciò che non volevano realizzare. E i pentastellati, mi spiace dirlo, hanno perso la corsa verso una svolta credibile della politica italiana essendo venuta meno la loro leadership che ha preferito imbarcarsi in diatribe di basso profilo sia personali sia ideologiche. La base, invece, dovrebbe sapere che il Movimento è nato come protesta ma ha saputo anche prospettare un modello di società dove occorra difendere le attese di quanti oggi si sentono emarginati. In questo frangente il Movimento resta vitale e deve dimostrarlo con i fatti a partire dagli uomini e dalle donne che sono diventati i paladini di questa svolta epocale. È una questione di sintonia. Bisogna che il messaggio sia chiaro e soprattutto credibile. Non si possono inseguire le chimere e soddisfare le aspirazioni partigiane. Occorre un progetto di ampio respiro perché non possiamo guardare solo il contingente ma volgere uno sguardo al futuro e prepararsi a raggiungerlo con forza e determinazione. Lo dobbiamo ai nostri figli. Lo dobbiamo al benessere dell’umanità, nessuno escluso. Riccardo Alfonso

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Renzi: dalla polvere sull’altare?

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Per mesi abbiamo guardato a Renzi con perplessità, poi con diffidenza, infine con fastidio. Lo abbiamo considerato un guastafeste alla ricerca della gloria perduta, assatanato di vendetta. A considerare quello che gli è successo nel giro di qualche anno, Renzi deve aver certo sviluppato più che un dente avvelenato, un’intera dentiera. A noi resta da fare l’analisi politica del suo operato, cominciando con l’osservare che la caduta di Renzi è coincisa con l’esplosione dei grillini. Da questa punto d’osservazione, si intendono meglio i successivi fuochi d’artificio. Renzi è rimasto nel PD, alle elezioni ha sommato voti suoi personali con quelli del PD. Una volta intascato il tesoretto elettorale, il suo gruppo è poco dopo uscito dal PD, rimanendo però inizialmente nella coalizione PD- M5S-Leu. Dall’interno di quella maggioranza ha continuato a lanciare quotidiani strali e prendere quotidiane distanze, sino all’uscita eclatante, l’opposizione incomprensibile ai più, con l’epilogo ultimo, la caduta del secondo governo Conte. Quid hoc ad aeternitatem? Questa domanda, in veste medievale, è inevitabile porsela. A che mirava, a che mira Renzi? La tesi della vendetta come motivazione, non basta più. Ebbene, credo che oggi dobbiamo riconoscere, dietro tutte le mascherine, la scopo ultimo e sostanziale dell’operazione-Renzi: la demolizione del Movimento 5 Stelle. A certi movimenti, come quello dell’ “Uomo qualunque” di postbellica memoria, succede di scomparire con la stessa velocità con cui sono comparsi. Del M5S interessanti apparivano certi stimoli, certi superamenti, come quello della sempre più insignificante distinzione destra-sinistra, residuo dell’accidentale, non certo sostanziale distinzione fascismo-comunismo. Eppure, visto all’opera, il Movimento ha denunciato ingenuità e trasformismi che ne stanno minando le fondamenta. Renzi ha puntato tutto su questo tracollo, per la solida ragione che da quel tracollo il suo IV dovrebbe uscirne ingrassato. Ma non solo lui, persino lo stesso PD, dal tracollo del M5S può attendersi una rendita ricca, tornando ad aggirarsi avvicinare il 30%. Certo, anche la Lega è alla finestra, in attesa di qualche manna pentastellata. Questo spiega la ragione per cui lo stesso PD, o almeno molti dei suoi uomini più rappresentativi, abbia nei confronti dell’operazione-Renzi una posizione attendista e silenziosamente speranzosa. Tutto questo a Renzi è stato possibile grazie alla circostanza eccezionale della crisi sanitarioeconomica in corso; la maggioranza degli italiani vedeva bene un governo di salvezze nazionale, di emergenza, la cessazione del solito pollaio, e questo è quello che Renzi ha reso all’Italia. Questo è quello che il governo Draghi rappresenterebbe. Ai prossimi giorni ed alle prossime elezioni, la parola di conferma o smentita di tanta supposizione.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

2021: Artisti italiani

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Prefazione Maria Gabriella Savoia Premessa Arianna Sartori Formato cm 30,6×21,6 pp. 480 Prezzo € 60,00 “Confesso di non aver mai vissuto un periodo così difficile come questo… negli ultimi decenni, ho vissuto e visto molte situazioni sociali e politiche particolari e difficili, ma in questo anno bisesto, con questo “male sconosciuto” tutto è cambiato, chiusi i negozi e gli artigiani, il panorama delle nostre città è fortemente cambiato, quasi desolatamente vuote, prive di quella vitalità a cui eravamo così affezionati, così tutte le nostre abitudini sociali sono state bloccate, distrutte e cancellate.Tutto ciò che costituiva la nostra normale routine è andato stravolto; aspettiamo con tristezza, i telegiornali serali per sapere dove, come, quanti!… cosa non possiamo più fare e quando non possiamo più uscire. Proviamo a fidarci e obbediamo con rassegnazione! ma ci restano l’incertezza e l’irrequietudine della quotidianità e sono forse questi gli aspetti più destabilizzanti del nostro vivere quotidiano. Allora che facciamo? Non è meglio fermarsi ed aspettare? Ci fermiamo? Domande, dubbi, che condividiamo tra noi… Cosa ha mosso allora la curatrice Arianna Sartori, per convincerla a realizzare, proprio in piena emergenza, un’opera impegnativa come il volume “Artisti italiani 2021 catalogo Sartori d’arte moderna e contemporanea”? Dicevo aspettiamo…? Ma aspettare, cosa…? No! Arianna è un tritasassi, lavoratrice indefessa, dolcissima come poche, certamente molto determinata; difficile da fermare, anzi! Ha deciso che il futuro è avanti e quindi ha stabilito di percorrere questo difficile momento come portavoce di quel panorama artistico nazionale, spesso ma, mai come adesso, dimenticato.Così ha coinvolto gli artisti conosciuti, amici, ma soprattutto stimati e li ha tutti invitati in questa impresa che si pone come obiettivo la divulgazione del bello nell’arte anche e soprattutto ora. A tutti loro ha dedicato pagine ricche di dati e riproduzioni bellissime delle opere, realizzando un volume dalla veste editoriale moderna, da sfogliare con passione o per curiosità, alla ricerca di un artista specifico o di una tecnica particolare, arricchendo le schede con i dati necessari per raggiungere l’artista, cellulare, sito internet o mail oltre ai tradizionali indirizzi. (…)” Maria Gabriella Savoia

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anche a gennaio 2021 Scanzi rimane in testa, alla Top 15 dei giornalisti sui social

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Anche in gennaio è il solito Andrea Scanzi a dominare la Top 15 dei giornalisti italiani sui social, stilata da Sensemakers per Primaonline sulla base dei dati di Shareablee. Come accade ormai da nove mesi, cioè dall’aprile 2020, la firma del Fatto Quotidiano è primo per numero di interazioni (like, commenti e condivisioni su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube): ne ha totalizzate 9,2 milioni, 1,3 milioni in più di dicembre. Scanzi è primo anche per numero di visualizzazioni dei suoi video su Facebook e YouTube, 35,2 milioni, 4,2 milioni in più rispetto al mese precedente.La crisi di governo aperta da Matteo Renzi in piena pandemia, facendo dimettere i due ministri di Italia Viva, ha alimentato le discussioni sui social in gennaio e quasi tutti i giornalisti ne hanno beneficiato. Lorenzo Tosa, secondo in classifica, è passato da 2,7 a 3,3 milioni di interazioni; Enrico Mentana, terzo, da 2 a 2,3 milioni; Nicola Porro, quarto, da 1,8 a 1,9 milioni (le sue video view, invece, sono calate di mezzo milione). Saverio Tommasi, il giornalista e video reporter di Fanpage entrato in classifica per la prima volta in giugno, sale sei gradini e si piazza al quinto posto con 1,5 milioni di interazioni, più del doppio di dicembre. In salita, dal nono al sesto posto, anche Marco Travaglio, molto attivo nel sostegno al governo Conte e nella critica a Renzi e ai renziani, tanto da beccarsi una querela (l’ennesima) da Maria Elena Boschi, capogruppo alla Camera di Italia Viva.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’impegno a scuola diventa impegno civico e per l’ambiente

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

L’impegno a scuola va di pari passo con l’attenzione all’ambiente. È così che il senso civico dimostrato dai ragazzi di Buguggiate si è fatto testimonianza concreta che l’amministrazione comunale e la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate hanno voluto premiare. Domenica 7 febbraio, nell’ambito della Giornata del ringraziamento, sono stati consegnati cinque premi di studio ai migliori studenti: tre che hanno ultimato il percorso delle secondarie di primo grado e due che hanno superato brillantemente l’esame di stato al termine delle superiori. Oltre alla borsa di studio, i giovani hanno ricevuto anche una cartolina attraverso la quale poter piantumare un nuovo albero attraverso una piattaforma digitale.«Ci piacerebbe che l’eccellenza sia la il segno distintivo del nostro paese», ha detto il sindaco di Buguggiate, Matteo Sambo. «Un’eccellenza che passa dai risultati di questi giovani, ma anche da un senso civico fatto di rispetto delle regole e dei ruoli che abbiamo visto in questa pandemia quanto sia importante. Un senso civico che passa anche dall’attenzione all’ambiente: per questo, dando continuità al gesto che l’amministrazione comunale ha fatto acquistando un piccolo bosco di 10 piante di cacao, regaliamo una cartolina attraverso la quale questi ragazzi potranno mettere a dimora, seppur a distanza, un nuovo albero».
Partner dell’iniziativa e sempre vicina ai giovani, la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate si è confermata al fianco del Comune nella premiazione. «Anche se ricevete una borsa di studio, il regalo più grande ce lo state facendo voi», ha sottolineato il vice presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Diego Trogher, intervenuto alla cerimonia. «Ai vostri genitori avete dato delle emozioni importanti e siete l’esempio per i vostri compagni. L’invito che rivolgo è di continuare così: impegnarsi fino in fondo e credere sempre nelle vostre potenzialità. La nostra Bcc crede nei giovani e crede nelle persone, è per questo che vogliamo essere vicini a quanti si impegnano per raggiungere elevati risultati». Sono stati premiati: Giulia Meleti Davide Bernasconi e Mirko Bosisio per i risultati ottenuti al termine delle scuole medie e Sara Broggini e Federica Colombo che hanno superato in modo brillante l’esame di stato alla fine delle superiori.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro: Fuga dalla città

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Il Covid 19 ha per sempre cambiato il mondo. Nessun continente escluso. Ogni singola nazione ha dovuto fronteggiare l’emergenza sanitaria, l’Italia è stata al centro dell’attenzione mondiale all’inizio della pandemia, la regione Lombardia al centro dell’attenzione mediatica, Milano l’emblema della fuga. Proprio sulla città meneghina vuole stringere il fuoco della lente il volume del giornalista Fabio Massa “Fuga dalla città”, edito da Chiarelettere. In libreria dal prossimo 11 febbraio il testo racconta la città attraverso i protagonisti della scena milanese culturale, politica, economica, universitaria, attraverso delle interviste al Presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, il sindaco di Milano Beppe Sala, e ancora tra gli altri, al già presidente di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo Giuseppe Guazzetti, Stefano Boeri, Ferruccio Resta, Pierfrancesco Maran.Il libro di Massa racconta una città che da modello urbano e sociale è finita nel vortice delle cronache. Fuga dalla città significa fuga dei capitali, dei lavoratori, degli studenti, dei turisti. Fuga dalla città racconta la trasformazione improvvisa e violenta di Milano: i grandi affari immobiliari bloccati e le nuove strategie dei poteri che contano, l’emergenza abitativa, gli uffici vuoti, il presente e il futuro dello smart working, le sacche esagerate di ricchezza e benessere da un lato e la schiavitù e lo sfruttamento del lavoro dall’altro (dai rider al caporalato), il disastro della sanità “d’eccellenza” incapace di affrontare l’emergenza, la cultura a pezzi (dalla Scala ai piccoli teatri), il calcio in panne, con l’avventura del nuovo stadio fermata sul nascere, la crisi profonda della politica ma anche le risorse e le possibilità per uscirne, costruendo una città più giusta, eguale, umana. By Alessia Testori

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus: gli anticorpi materni possono proteggere i neonati

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Secondo uno studio pubblicato su Jama Pediatrics, gli anticorpi materni IgG diretti contro Sars-CoV-2 passano attraverso la placenta al figlio se la donna contrae l’infezione da nuovo coronavirus durante la gravidanza, sia in forma asintomatica che sintomatica. «Gli anticorpi di derivazione materna sono un elemento chiave dell’immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne a SARS-CoV-2 durante la gravidanza, e il successivo trasferimento transplacentare di anticorpi può aiutare a organizzare la gestione neonatale e le strategie di vaccinazione materna» afferma Dustin Flannery, del Children’s Hospital di Philadelphia e della University of Pennsylvania, a Philadelphia, primo autore dello studio. I ricercatori hanno valutato l’associazione tra concentrazioni di anticorpi specifici per Sars-CoV-2 nella madre e nel neonato. La coorte in studio era composta da 1.714 donne, con età mediana di 32 anni, di cui 450 identificate come nere/non ispaniche, 879 come bianche/non ispaniche, 203 come ispaniche, 126 come asiatiche e 56 come appartenenti ad altra razza/etnia. In particolare, sono stati analizzati i dati di 1.471 coppie madre/neonato per le quali erano disponibili il sangue materno e il cordone ombelicale per la ricerca di IgG e IgM. Tra queste coppie sono stati rilevati anticorpi IgG e/o IgM per Sars-CoV-2 in 83 donne al momento del parto e anticorpi IgG sono stati rilevati nel sangue del cordone ombelicale di 72 su 83 neonati. Le IgM non sono state rilevate in nessun campione di sangue del cordone ombelicale e gli anticorpi non sono stati rilevati in nessun bambino nato da madre sieronegativa. Undici bambini nati da madri sieropositive erano sieronegativi; di questi, cinque erano nati da madri con soli anticorpi IgM e sei da madri con concentrazioni di IgG significativamente inferiori rispetto a quelle riscontrate nelle madri di neonati sieropositivi. Le concentrazioni di IgG nel sangue del cordone ombelicale erano correlate positivamente con le concentrazioni di IgG materne, e rapporti di trasferimento placentare superiori a 1,0 sono stati osservati sia tra le donne con infezioni asintomatiche che tra quelle con Covid-19 lieve, moderato e grave. I rapporti di trasferimento sono aumentati con l’aumentare del tempo tra l’inizio dell’infezione materna e il parto. «I nostri risultati dimostrano che gli anticorpi specifici per Sars-CoV-2 di derivazione materna possono fornire protezione da Covid-19 ai neonati» concludono gli autori. (fonte: Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francesco Delzio: Liberare Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Un divario economico e sociale enorme, inaccettabile – e non solo dal punto di vista etico – separa gli abitanti che vivono al centro di Roma da quelli dei quartieri periferici. A lanciare con forza l’allarme è Francesco Delzio, manager, intellettuale e docente universitario nel suo nuovo libro appena edito da Rubbettino «Liberare Roma. Come ricostruire il sogno della città eterna».«A Roma – scrive Delzio – circa 700.000 persone vivono al di fuori del Grande Raccordo Anulare. Senza asili nido, senza luoghi della cultura, senza alcun presidio di sicurezza da parte di Carabinieri e Polizia. Nascono da ciò nuove e ancor più violente forme di esclusione che possono trasformarsi in “prigionia urbana”. I nuovi “prigionieri urbani” sono soprattutto i soggetti più fragili – anziani, malati cronici, donne, bambini e tutti coloro i quali non possono sostenere i costi di un’auto – che vivono nei nuovi insediamenti urbani fuori dal Grande Raccordo Anulare, pur essendo privi di un mezzo di spostamento proprio. Ciò li taglia totalmente fuori dalle opportunità che la grande città può offrire, a causa delle pessime performance del trasporto pubblico locale, e li condanna a vivere ogni ora della loro giornata in quartieri dormitorio assediati dal traffico»Non solo, ma attingendo ad alcuni studi pubblicati di recente Delzio osserva come applicando alle aree dell’Urbe “l’indice di sviluppo umano” si osservi come «tra aree come i Parioli o il centro storico, in cui l’indice è molto alto, e le aree che fanno registrare l’indice più basso come quelle localizzate nel quadrante Est della città o sul litorale, esiste una differenza molto simile a quella registrata tra Paesi avanzati e Paesi in via di sviluppo».«È la dimostrazione – conclude Delzio – dell’esistenza di una spaccatura profondissima all’interno di Roma, che oggi appare addirittura insanabile, tra la cittadella dei ricchi e la metropoli dei poveri. Di fronte a questo livello di differenze, l’appartenenza di centro e periferie a un’unica città diventa solo una formalità amministrativa. E nei prossimi anni tutto lascia pensare che i fenomeni di polarizzazione della ricchezza e di erosione del ceto medio si acuiranno ulteriormente (a Roma come in tutto il mondo avanzato): la Capitale tenderà a esportare la sua periferia nell’area regionale».Non sono però solo le disuguaglianze tra centro e periferia a finire sotto la lente d’osservazione di Delzio. Sfogliando le pagine del pamphlet si può osservare una Roma prigioniera della cattiva politica e della pessima amministrazione. Prigioniera dello stesso ruolo di Capitale, senza lo status e i finanziamenti delle altre Capitali europee. Prigioniera dell’inerzia della sua classe dirigente economica, sociale e culturale che, per convenienza o pavidità, ha scelto di disinteressarsi del bene comune. Prigioniera – soprattutto – di un sistema di rendite unico a livello globale che rassicura e stordisce i romani, ne raffredda gli animal spirits e blocca gli ascensori sociali. Ma non tutto è perduto. Roma può ancora rinascere, ma per farlo deve passare da una terribile strettoia che deve trasformare la Capitale nel terreno della “battaglia finale” della produzione, dell’innovazione e delle competenze contro le rendite. «Incrociando le caratteristiche della Capitale con i macrotrend a livello globale – argomenta Delzio – è possibile costruire un grande progetto che la posizioni “in vantaggio” nella sfida per lo sviluppo che si giocherà nei prossimi anni tra metropoli globali e città internazionali (…) La politica romana ha fallito troppe volte per poterci riprovare da sola: l’unica speranza è chiamare a raccolta le forze migliori della società».

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia riparte dal lavoro: emergenze e criticità da affrontare

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Tra le tante priorità che il Governo Draghi dovrà immediatamente affrontare il lavoro avrà certamente una corsia preferenziale. L’attuale situazione occupazionale presenta delle emergenze assolute, sottolineate ancora una volta dall’ultima rilevazione ISTAT di dicembre. “Per questo sono necessari degli interventi di sistema, utili non solo ad avere risultati-tampone immediati, ma anche ad essere fondamenta per il rilancio futuro del Paese. Per pianificare gli interventi necessari è quanto mai opportuno partire dalle criticità emerse nella gestione di questo lungo periodo di pandemia, intervenendo con riforme di sistema anche tramite i fondi che saranno assegnati al Recovery Plan”, commenta Marina Calderone, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il programma del governo Draghi c’è già

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

I principi sono quelli delineati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, suggeriti dalla Ue che domani dibatterà sul Recovery Plan. Occorre, certo, riempire il programma di progetti, attribuire fondi e individuare la struttura alla quale far capo.Il presidente incaricato Mario Draghi sa bene come fare e meno male che c’è una persona preparata e competente come lui.Rimane il problema dei partiti, o meglio, della maggioranza dei partiti e del popolo che li ha eletti.Nelle elezioni nazionali del 2018, il popolo espresse un voto antieuropeo e anti euro, che si concretizzò nella preferenza al M5S, alla Lega e a FdI. Il 54% degli elettori votò per questi partiti.Oggi, i partiti hanno cambiato radicalmente posizione e il 70% degli italiani vede con favore la presidenza Draghi, che rappresenta per eccellenza l’Europa e l’euro.M5S, Pd e Leu, fino a pochi giorni fa proclamavano: o Conte o elezioni. Oggi, sono tutti con Draghi.Potremmo parafrasare il detto “tutto è bene ciò che finisce bene”. Vedremo nei prossimi mesi, quando saranno varati provvedimenti necessari e non graditi, come reagirà il popolo e i partiti che lo rappresentano. Ci sarebbe da valutare il servilismo retrogrado dei media e di qualche “maitre à penser”, ma è l’Italia, e meno male che ci sono cittadini che non credono ai terrapiattisti.Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione online del volume “Il paesaggio violentato”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Parma. Giovedì 11 febbraio, a partire dalle 16.30, avrà luogo su Zoom la presentazione online del volume Il paesaggio violentato. Le due guerre mondiali, le persone, la natura, a cura di Giorgio Vecchio e Gabriella Gotti (Ed. Viella, 2020), organizzata nell’ambito della Convenzione Quadro attualmente in essere tra Istituto Alcide Cervi e Università di Parma. Alla presentazione interverranno il Rettore Paolo Andrei, la Presidente dell’Istituto Alcide Cervi Albertina Soliani, il curatore del volume e docente di Storia contemporanea all’Università di Parma Giorgio Vecchio, l’Assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra eAlessia Morigi, docente di Archeologia del Paesaggio all’Università di Parma. Il volume, che inaugura la nuova Collana dell’Istituto Cervi, raccoglie gli Atti del Convegno Internazionale organizzato da Istituto Alcide Cervi e Università di Parma a Palazzo del Governatore, a Parma, il 21 e 22 novembre 2018 e raccoglie saggi di Moreno Baccichet, Andrea Villa, Salvatore Trapani, Fabien Archambault, Elena Monicelli, Andrea Ventura, Bruno Ronchi, Emanuele Cerutti, Massimo Zaccaria, Federico Goddi, Luciano Casali, Matteo Ermacora, Roberta Pergher, Giorgio Vecchio, Fabio Verardo e un saggio conclusivo di Alessia Morigi. La presentazione, che verrà trasmessa in diretta sulle pagine Facebook del Museo Cervi e dell’Istituto Alcide Cervi, potrà essere seguita anche su Zoom utilizzando il seguente link di accesso: https://us02web.zoom.us/j/85155489959.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Benzina: sale prezzo medio, sfiora 1,5 euro al self service

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

In base all’elaborazione di Quotidiano Energia, salgono al distributore i prezzi praticati di benzina e diesel, sfiorando per la benzina 1,5 euro al litro.”Una vergogna! Gli aumenti dei carburanti, secondo i dati settimanali del ministero dello Sviluppo Economico, durano ininterrottamente dal 16 novembre 2020, con un rialzo di 9,5 cent al litro sia per la benzina (9,453) che per il gasolio (9,426) rispetto agli ultimi dati settimanali disponibili, relativi al 1° febbraio. Insomma, su un pieno di 50 litri di carburanti c’è stato un aggravio di 4,73 euro per la benzina e 4,76 euro per il gasolio. Su base annua è pari ad un incremento di spesa per autovettura, considerando i consumi pre-lockdown di due pieni di carburanti al mese, pari a 113 euro all’anno per la benzina e 114 euro per il gasolio” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Serracchiani: “Il nostro faro è la salvezza del Paese senza calcoli di partito”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

“Siamo un punto fermo in un mondo politico trasformista”. Così la presidente della commissione Lavoro della Camera, Debora Serracchiani, in un’intervista al giornale Il Piccolo, oggi in edicola, parlando della formazione del nuovo Governo. Per Serracchiani “In questi mesi il Pd ha aiutato lo sviluppo di una coscienza europeista di tutta la maggioranza, anche grazie al lavoro di Conte, che ha fatto comprendere all’Ue che questa crisi non poteva essere affrontata limitandosi a tenere a bada i conti. Ora Draghi può essere la chiave per l’utilizzo migliore delle risorse del Recovery Plan”. Riguardo a un’eventuale alleanza organica tra Pd e M5s, Serracchiani ha detto che “dobbiamo consolidare il nuovo Governo e lavorare insieme salvaguardando il patrimonio positivo del precedente Governo. Vedremo dove queste convergenze ci porteranno”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A proposito del governo Draghi

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

“Sul governo Draghi il problema non è l’autorevolezza del presidente incaricato, persona di cui riconosciamo le competenze, ma è sulla composizione che lo sostiene perché sostanzialmente si tratta della fallimentare ex maggioranza nella quale si innesterebbero altre forze politiche opposte”.Lo dichiara il vice capogruppo vicario di Fratelli d’Italia al Senato, Isabella Rauti, intervenendo a Radio Inblu.”Il risultato quindi è quello di una compagine estremamente eterogenea che non potrà dare risposte coraggiose alle emergenze del Paese – sottolinea Rauti – perché si troveranno su posizioni contrapposte dalle sintesi impossibili se non con pericolosi compromessi al ribasso. E anche sulle materie più urgenti, come riscrivere il Recovery plan o lavorare sul piano vaccini, ammesso che anche questo non comporti un punto di vista politico, resta il problema che siamo in presenza di una maggioranza parlamentare sostanzialmente di sinistra e contraddittoria di cui lo stesso Draghi potrebbe ritrovarsi ostaggio”. “Al momento – conclude Rauti – nessuno conosce i programmi del nascente governo e Fratelli d’Italia ha fatto una scelta coerente con la sua storia e con il programma elettorale, ovvero di non sostenere governi tecnici e non andare mai al governo col Pd e con il M5S: valeva ieri, vale oggi e varrà domani”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mario Tassone: l’incarico a Mario Draghi

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Il presidente della Repubblica Mattarella ha agito nell’interesse del Paese affidando a Mario Draghi l’incarico di formare il governo. Si apre uno scenario nuovo? Finiranno le contorsioni e le acrobazie di una legislatura dove la non politica ha prevalso? Certo l’incarico a Mario Draghi, personaggio di indiscutibili capacità, offre una opportunità alla comunità nazionale perché esca dall’abulia della resa morale e civile. È necessario ripensare a tutti questi anni in cui un tarlo ha corroso le fondamenta della repubblica. Molte complicità, molte pigrizie, molte rinunzie hanno favorito la democrazia dei leader, capi circondati non da un popolo decidente ma osannante. Partiti, associazioni sociali e culturali sono stati piegati all’irrilevanza del tramonto. Oggi Draghi può essere la cesura a un lungo arco temporale dove principi, esperienze umane condivise si sono stemperate e dileguate. Si può riprendere il cammino interrotto con un colpo di mano e una resa senza combattere negli anni ‘92-93. Ma non è tutto nelle mani del presidente del consiglio incaricato ma è anche in quelle del popolo che deve ritrovare il coraggio per difendere dignità e storie manomesse. Il 2018 la stragrande degli elettori italiani votò per il progetto del VFC di Grillo. Ecco i risultati! La gente non può essere incolpevole per principio. Oggi vanno tutti verso Draghi: i soliti trapezisti, gli impenitenti servi dalle fastose livree che hanno sempre offeso e sporcate le nostre storie migliori. Sono tutti con Draghi per continuare a esistere e “agire” a tempo debito. Abbiamo visto in questi giorni, in Tv, personaggi parlare con tono greve, pensoso da statista…erano i “ragazzi” reclutati da Palazzo Chigi per trasformare un ramo del parlamento in un mercato. Una brutta sporca vicenda dove non è giusto stendere veli. Draghi varerà il “suo” governo. Non ci si illuda che è una parentesi. L’ex presidente della Bce è come un antico console romano chiamato a salvare la repubblica minacciata da troppe conflittualità. Non dunque una parentesi ma una possibile soluzione alla crisi del sistema: ritrovare la Politica, salvare la democrazia lasciata in ostaggio per troppo tempo agli azionisti di un “mondo” senza memorie e idee!

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Immigrazione, serve equilibrio e discontinuità con governo Conte”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Immigrazione, durante le consultazioni “ne abbiamo fatto cenno, non si può far finta che il problema non esista perché alla prima occasione si riproporrà.Va quindi deciso a priori se il governo seguirà la politica migratoria definita dai decreti Lamorgese oppure tornerà alla politica migratoria definita dai decreti Salvini, e in questa seconda ipotesi non siamo disponibili”. Lo afferma Federico Fornaro, capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. “Con Pd e M5s abbiamo approvato i decreti Lamorgese, la nostra posizione è netta e distante da quella della Lega.” Per il capogruppo di Leu “è corretto porre queste questioni per rispetto del presidente incaricato e per non bruciare una delle figure più rappresentative e garante di fiducia”. Secondo Fornero “la decisione spetterà al presidente incaricato insieme al Presidente della Repubblica, se da una parte una maggioranza larga garantisce i vantaggi numerici dall’altro lato rischia di dividersi e far perdere tempo per mediare al presidente”.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’altro volto dell’Alzheimer

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Avere una demenza, essere una persona. (FrancoAngeli/Self-help). Il volume, a cura di Pietro Vigorelli, si avvale della collaborazione con esperti di diversi settori: Emanuela Botticchio, Elena Colombetti, Vittore Mariani, Giuseppina Massi, Leo Nahon, Susana Gonzalez Ramirez, Ilaria Vigorelli. Introduzione di Carlo Cristini.Ha per obiettivo di arricchire l’immagine corrente dell’essere persona, facendo in modo che possa comprendere i malati con demenza, inclusi quelli in fase avanzata.Descrive le proposte dell’ApproccioCapacitante® per realizzare una cura centrata sulla persona nella realtà quotidiana delle Case per anziani.Si rivolge a chi è coinvolto nella cura, operatori e familiari, ma anche a chi vuole interrogarsi sulla possibilità di riconoscere nell’Altro una Persona, anche se molto diversa e quasi eclissata.www.gruppoanchise.itDisponibile nelle principali librerie e online, sia il libro che l’ebook (IBS, Amazon, FrancoAngeli…)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A 4 anni dal rapimento di suor Gloria Narvaez

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

«La Chiesa cattolica in Mali continua a pregare e a mobilitarsi per ottenere la liberazione della suora colombiana Gloria Cecilia Narváez Argoty, da quattro anni in mano ai suoi sequestratori jihadisti legati ad Al-Qaeda». Lo ha affermato, in un colloquio con la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), padre Alexandre Denou, Segretario generale della Conferenza Episcopale del Mali. Buone notizie di Suor Gloria erano pervenute nell’ottobre 2020 a seguito della liberazione di Sophie Pétronin, medico francese 75enne, sua compagna di prigionia, il cui rilascio aveva riacceso la speranza di una imminente liberazione. Padre Denou ha anche ringraziato ACS per l’interesse mostrato per la suora colombiana, membro della Congregazione delle Suore Francescane di Maria Immacolata, rapita nella missione di Karangasso.Suor Rosa Julia Ibarra, religiosa della stessa Congregazione, in occasione di un evento organizzato nel novembre scorso da ACS a Bogotà, ha dichiarato: «è un momento difficile, è doloroso sapere suor Gloria ancora prigioniera e in condizioni di salute malferme, lei che ha sempre mostrato sollecitudine per la Chiesa e per la causa dei poveri. Negli ultimi quattro anni è stata nel deserto, alternandosi tra 33 campi dei jihadisti. Vi chiedo di pregare per suor Gloria e per tutti i cattolici rapiti, per i credenti e i non credenti. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per continuare a dar loro voce».Dopo il video diffuso come “prova di vita” dai suoi rapitori nel settembre 2018, le ultime notizie della suora colombiana risalgono alla data della liberazione di Sophie Prétonin, che, durante la conferenza stampa all’aeroporto militare Villacoublay di Parigi, aveva parlato di suor Gloria preannunciandone la liberazione per le prime ore del 5 ottobre 2020, chiedendo con insistenza di fare urgentemente qualcosa per le sue precarie condizioni di salute.
Prima del rapimento, avvenuto il 7 febbraio del 2017 ad opera del Fronte di Sostegno all’Islam e ai Musulmani (SGIM), Suor Gloria aveva promosso a Karangasso, territorio devastato dalla discriminazione e dalla povertà, in cui solo una minoranza della popolazione è cattolica, un progetto di alfabetizzazione e di promozione delle donne, che vedeva la partecipazione di 500 cristiane e musulmane. Si prendeva inoltre cura di circa 30 bambini in un orfanotrofio e dei malati.«Abbiamo perso una donna dinamica, impegnata sia nell’apostolato che nel sociale, e l’ha persa anche la comunità di Karangasso, dove operava. Nel 2015 ho avuto l’opportunità di conoscere il lavoro che svolgeva, – ha affermato suor Rosa Julia Ibarra – avere un cristiano rapito per la sua fede è una ferita per la Chiesa e per ogni battezzato. Credo sia tempo di alzare la voce per la liberazione di suor Gloria».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Modern British Art Evening Sale

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

London – The Modern British Art Evening Sale will be led by Sir Winston Churchill’s Tower of the Koutoubia Mosque (1943, estimate: £1,500,000-2,500,000), offered from The Jolie Family Collection. It is presented alongside two further works by the former Prime Minister of the UK, Scene at Marrakech (circa 1935, estimate: £300,000-500,000), offered by order of the Trustees of Viscount Montgomery’s Will Trust and St Paul’s Churchyard (1927, estimate: £200,000-300,000). Masters of British sculpture include outstanding examples by Lynn Chadwick, Barry Flanagan, Barbara Hepworth, Henry Moore and William Turnbull. Sir John Lavery’s painting of Doris Delevingne, The Viscountess Castlerosse, Palm Springs (1938, estimate: £400,000-600,000) is offered from the collection of Charles Delevingne, while a selection of portraits from the Estates of L.S. Lowry and Carol Ann Lowry reveal the artist’s intimate observations of people. Further highlights include Jack Butler Yeats’ expressive painting Until We Meet Again and Head of Frank Auerbach, a portrait of the artist by his close friend Leon Kossoff, one of only three ever created (1956, estimate: £100,000-150,000). The Modern British Art Evening Sale will directly follow A Family Collection: Works on Paper, Van Gogh to Freud, livestreamed from our saleroom in New York.The sale will include six important sculptures from the Collection of Mireille and James Lévy. Henry Moore’s Maquette for King and Queen (estimate: £750,000-1,000,000), leads the group and was conceived and cast in 1952. King and Queen works are regarded among his most popular and recognised sculptures, and the only series to depict a single pair of adults. Small Maquette No. 2 for Reclining Figure (conceived in 1950 and cast in 1965, estimate: £200,000-300,000) is one of just two maquettes that Moore created in preparation for his most celebrated masterpiece: Reclining Figure: Festival, 1951. Endowed with a purity of form and a sense of physical intimacy, the unique slate sculpture Three Round Forms (1951, estimate: £200,000-300,000) embodies Barbara Hepworth’s mature approach to form and material. Three carefully arranged elliptical forms stand with intricate tension, personifying the artist’s preoccupation with exploring relationships that arise when multiple forms are juxtaposed. Square Forms (Two Sequences) (conceived in 1963-64 and cast in 1966, estimate: £300,000-500,000) demonstrates Hepworth’s masterful ability to achieve equilibrium between the demands of bronze and its expressive possibilities.Les Deux, (1997, estimate: £250,000-350,000) is one of Barry Flanagan’s most striking hare sculptures, which typified his figurative work from 1979 onwards, a cast of which has never appeared at auction before. Regarded as Flanagan’s most recognisable motif, the hare has become synonymous with his artistic practice. This is presented alongside Gendrd I / Gendrd II (1994, estimate: £300,000-500,000), one of Flanagan’s most playful and endearing works, from the collection of the late Clodagh Waddington. Two Reclining Figures (1972, £400,000-600,000) is one of Chadwick’s most significant and monumental works of the period. The figures are impressive in scale, life size, measuring almost two metres in length.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Halo Signs Definitive Agreement to Acquire two Additional LA Dispensary License Applicants

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2021

Toronto. Halo Collective Inc. (“Halo” or the “Company”) (NEO: HALO) (OTCQX: HCANF) (Germany: A9KN) is delighted to announce the signing of definitive agreements to acquire an interest in two successful Los Angeles dispensary license applicants and 100% ownership of each applicant’s related management company (“the Transaction”), in a strategic move to further the Company’s presence in California’s growing cannabis market. As Halo continues to implement its seed to sale verticalization strategy, owning and operating retail businesses is a key tactic to increase value by controlling distribution and adding operating margin. As such the signing of definitive agreements to acquire 66 ⅔% of the two Los Angeles dispensary businesses, as well as 100% of their respective management companies marks a significant milestone for the Company. Halo plans to open the flagship stores in Hollywood and Westwood adjacent to Beverly Hills and at least one site will feature the first FlowerShop* branded dispensary. The Company plans to brand the first applicant SDF11 LLC (“SDF11”), located in Hollywood, FlowerShop*, a cannabis lifestyle and conceptual wellness brand by Feel Better in which G-Eazy is a partner and key member. As previously disclosed, Halo also owns 25% of Feel Better LLC (“Feel Better”). The second dispensary, ZXC11 LLC (“ZXC11”), has leased approximately 1,500 square feet in Westwood within two miles of the University of Los Angeles California campus (“UCLA”). Upon closing the Transaction, the Company plans to deepen its operations through these two storefronts and the Company’s first dispensary acquisition that is already slated to open in the North Hollywood (“NOHO”) village of Los Angeles.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »