Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 18 febbraio 2021

Nasce l’Innovability School: percorso di alta formazione per start-up

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Al via giovedì 18 febbraio la prima edizione dell’Innovability School, organizzata dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia (attraverso Uniser), la Fondazione Enel, la Fondazione Lars Magnus Ericsson e la Rete delle Università per lo sviluppo sostenibile (Rus).La scuola riconosce nelle start-up un ruolo particolarmente rilevante nell’affrontare in maniera responsabile le sfide della sostenibilità e si rivolge soprattutto a quelle che hanno come oggetto sociale prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti innovativi ad alto valore tecnologico, per attuare un cambiamento culturale. La Scuola affronterà i temi dello sviluppo sostenibile in un’ottica applicativa, attraverso l’illustrazione di casi reali e buone pratiche, approfondendo i diversi temi legati allo sviluppo sostenibile, in particolare l’economia circolare e l’innovazione digitale. I diversi argomenti saranno trattati con un approccio sistemico, in modo da evidenziare le connessioni tra gli argomenti trattati e le sfide imprenditoriali per integrare pienamente la sostenibilità nel modello di business.Le attività didattiche si svolgeranno in forma ibrida nel rispetto delle norme per la gestione dell’attuale emergenza sanitaria. Il percorso formativo, che si articola in quattro fasi basate su apprendimento individuale, webinar, lezioni teoriche, seminari e lavori di gruppo, sarà arricchito dalla partecipazione attiva di accademici, rappresentanti delle istituzioni, delle imprese e delle organizzazioni. Sarà disponibile un percorso di tutoraggio e di mentorship da affiancare alle start-up in base alle loro esigenze.Il lancio dei webinar avverrà giovedì 18 febbraio con una tavola rotonda che vedrà la partecipazione di Cesare Avenia, presidente della Fondazione Lars Magnus Ericsson; Ernesto Ciorra, direttore Innovability di Enel; Giulio Lo Iacono, responsabile attività trasversali di ASviS; Ginevra Lombardi, professoressa di Economia presso l’Università degli Studi di Firenze; Athanassia Athanassiou, ricercatrice presso l’Istituto Italiano di Tecnologia e di Patrizia Lombardi, prorettore del Politecnico di Torino e Presidente della Rete delle Università per lo sviluppo sostenibile. A seguire, una lectio Magistralis del professor Alberto Di Minin della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AltaRoma: Showcase

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Roma 18/20 febbraio 2021.JAJO madeinitaly tra i brand protagonisti del progetto SHOWCASE di Altaroma L’urban mood è … glamour! JAJO madeinitaly, nasce nel 2016 da un’idea di Rosario Migliaccio, fashion designer e ricercatore di nuove tendenze nel campo del pret-à-porter donna/uomo. Dopo un’esperienza trentennale nel settore moda, decide di dar vita ad un suo personale progetto, valorizzato quest’anno dall’invito pervenuto da Altaroma, che lo ha selezionato ed inserito nel panel dei brand presenti nell’Edizione di Showcase febbraio 2021, il progetto che ha come propria mission l’ampliamento dei rapporti commerciali e agevolare i contatti B2B tra brand emergenti e buyer nazionali ed internazionali.JAJO madeinitaly, nelle linee e nelle forme del suo “mood/urban – man/woman”, propone una sintesi stilistica che ha fra i suoi principi fondanti: la ricerca e l’innovazione, l’originalità e la valorizzazione artigianale del nostro handmade. Ogni collezione è progettata e realizzata con dedizione e attenzione, ogni outfit è creato pensando alla comodità e alla praticità di chi lo indosserà. Partendo da questo concetto si sviluppa la collezione JAJO per l’autunno-inverno 20/21. Soprabiti, giacche e accessori realizzati con tessuti impermeabili, resi caldi dalla pura lana merino che in alcuni casi fodera completamente i capi. Le borse continuano la loro tradizione di multifunzionalità, rendendole con piccoli accorgimenti, diverse secondo le proprie esigenze. I colori: il nero, il grigio fumo, il vinaccia, il viola e il beige il cui apporto schiarisce il tutto. «Questa collezione, dichiara Rosario Migliaccio, è nata da una pianificazione maturata nel corso degli ultimi anni, e l’impegno creativo che l’ha generata è stata motivata dal mio vivere quotidiano nelle varie città metropolitane dove ho vissuto, dall’esigenza di spostarmi in modo pratico, funzionale e glamour”. (foto copyright JAJO madeinitaly tuttigiornièunico)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Radio Onda UER sceglie lo sport femminile

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Radio Onda UER dedicherà ampio spazio allo sport femminile nelle sue trasmissioni. La neonata web radio, che fa parte delle attività di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma, ha scelto di occuparsi di quella parte dello sport che ancora oggi, purtroppo, incontra pregiudizi e non trova grande attenzione sui mezzi di comunicazione. Il Gruppo sportivo Panthers dell’Università Europea di Roma ha un’ampia partecipazione di ragazze, che mostrano grande entusiasmo ed impegno. Prima della sospensione per l’emergenza sanitaria, la squadra femminile di calcio a cinque guidava la classifica del campionato universitario romano.“Crediamo molto nelle nostre giovani atlete”, afferma Matteo Anastasi, coordinatore del Gruppo Panthers. “Le incoraggiamo e le sosteniamo. In Italia, purtroppo, la dimensione femminile dello sport è ancora troppo discriminata rispetto a quella maschile. Pensiamo, ad esempio, ad alcuni pregiudizi che ci sono nei confronti delle ragazze che giocano a pallone. Questo è veramente ingiusto. Ultimamente sono stati fatti passi importanti, soprattutto grazie al successo delle bravissime atlete della nazionale di calcio femminile. Questo è sicuramente un buon segno, che lascia ben sperare per il futuro”.“Mi ha colpito molto quello che ha scritto Papa Francesco nel suo recente Messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali”, spiega Carlo Climati, ideatore e coordinatore di Radio Onda UER. “Il Santo Padre ha detto che ogni strumento è utile e prezioso solo se ci spinge ad andare e vedere cose che altrimenti non sapremmo, se mette in rete conoscenze che altrimenti non circolerebbero, se permette incontri che altrimenti non avverrebbero. Penso che questo spirito di accoglienza e di apertura rappresenti una fonte di ispirazione per Radio Onda UER, per favorire un’autentica cultura di dialogo e di incontro. Con questo spirito abbiamo pensato di dare spazio alla parte femminile del mondo sportivo, per farla conoscere di più e contribuire all’abbattimento di muri, pregiudizi e discriminazioni. Ci occuperemo di calcio, basket, volley, pallanuoto e di tutte le altre discipline che vedono le ragazze protagoniste”.Le trasmissioni sullo sport si possono ascoltare e scaricare il venerdì, alle 15.00, sulla pagina web di Radio Onda UER:
https://www.universitaeuropeadiroma.it/formazioneintegrale/radio-onda-uer/

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’olio extravergine d’oliva mette d’accordo tutti

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Con l’emergenza sanitaria in corso e con le conseguenti restrizioni imposte a ristoranti e locali le famiglie italiane sono tornate a cucinare a casa e a fare scorte di prodotti salutari e Made in Italy. Fra questi, creme, salse, vellutate, biscotti, grissini, taralli, cracker e chi più ne ha più ne metta. Tutti prodotti preparati con olio extravergine di oliva che, anche grazie ai molteplici effetti positivi che può avere sull’organismo, conquistano i consumatori e fanno impennare la domanda. A testimoniarlo un recente report della Commissione Europea, che, per quanto riguarda l’Europa, ha registrato un +15,6% nelle esportazioni verso i paesi extraeuropei fra ottobre 2019 e settembre 2020, in particolare verso Australia (+37,5%), Brasile (+31%) e Canada (+28,1%). Relativamente all’Italia, invece, fra ottobre 2019 e agosto 2020 le esportazioni intraeuropee sono aumentate del 24,7%. Un export dinamico quindi che, insieme al +7,4% di vendite alla GDO dei primi undici mesi del 2020 registrate dall’ISMEA, ha compensato le perdite dovute alla chiusura del canale della ristorazione. Basti pensare che in Italia 9 famiglie su 10 consumano olio extravergine d’oliva tutti i giorni secondo Coldiretti. Con questi ritmi il mercato globale dell’olio extravergine, che nel 2020 valeva 1465,5 milioni di dollari, secondo WMFJ arriverà a valere oltre 1,8 miliardi di dollari entro il 2026, con un CAGR del 3.6%. “Durante il lockdown le persone hanno avuto modo di fermarsi e riflettere sulla propria alimentazione e questo ha influito su ciò che cercano sugli scaffali dei supermercati – ha affermato Federica Bigiogera, marketing manager di Vitavigor – Quanto emerge dalle indagini di mercato è evidente ora più che mai: i consumatori prediligono ingredienti di qualità, sani e preferibilmente nostrani. Per noi è importante fare tesoro di questi dati ed è anche per questo motivo che da oltre 60 anni utilizziamo per i nostri grissini solo olio extravergine d’oliva al 100%, evitando l’utilizzo di olio di palma, grassi animali o idrogenati, OGM e conservanti”. Vale dunque la pena analizzare in che modo l’olio extravergine può contribuire al nostro benessere. In un recente studio pubblicato da ABC News si legge che l’olio Evo, ricco di composti come fenoli e grassi monoinsaturi, può diminuire il grado d’infiammazione e il livello di grassi nel sangue, aumentando invece la quantità di HDL, il colesterolo “buono” che aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache. “Le proprietà benefiche dell’olio extravergine sono legate principalmente alla sua composizione – ha confermato la dott.ssa Alice Parisi, biologa nutrizionista – L’alta concentrazione di polifenoli e tocoferoli, infatti, contrasta l’ossidazione delle macromolecole biologiche, ovvero DNA, proteine e lipidi, e aiuta a prevenire cancro, diabete e numerose malattie cronico-degenerative. Io ne raccomando il consumo a crudo, in quanto le alte temperature degradano i composti dell’olio”. Non è quindi una sorpresa che la dieta mediterranea, di cui l’olio Evo è uno dei cardini principali, si sia classificata come migliore dieta al mondo del 2020 secondo US News & World Report. Povera di carne rossa, zuccheri e grassi saturi e ricca di cibi salutari come frutta, verdura, legumi, cereali e noci non solo ci fa stare bene, ma è ottima anche se si desidera perdere qualche chilo.Ma quali sono le previsioni del mercato dell’olio extravergine per l’anno in corso? In Italia non delle migliori, almeno in termini di quantità: l’ISMEA ha registrato un calo della produzione del 30% rispetto allo scorso anno. I motivi sono da ricercarsi nelle anomalie climatiche e nella Xylella che hanno devastato gli ulivi del Sud e in particolare della Puglia, regione responsabile del 51% della produzione italiana. Tuttavia, il clima più mite che si è registrato nel Nord della Penisola nel 2020 ha permesso di assistere a incrementi sostanziali per quanto riguarda alcune regioni settentrionali e centrali come Toscana (+31%), Umbria (+70%) e Liguria (+100%), a testimonianza del fatto che quando si tratta di agricoltura è fondamentale adattare le coltivazioni al clima. E se la quantità non è eccelsa, non si può dire altrettanto della qualità: l’olio extravergine d’oliva, infatti, è un grasso liquido estratto dalle olive, coltura tradizionale del bacino del Mediterraneo, ed è l’unico olio da cucina prodotto senza l’uso di agenti chimici e raffinazione industriale. By Matteo Gavioli

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gruppo Fos un approccio sostenibile

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

A cura di Antonio Amendola, Fund Manager Equity Italia ed Europa di AcomeA SGR. Il fondo AcomeA PMItalia ESG ha introdotto una nuova policy di investimento volta all’azionariato attivo sostenibile verso le PMI italiane. Lo scopo del fondo, quindi, non è comprare titoli con alto rating ESG, bensì individuare le realtà con maggiore potenziale e aiutarle in modo attivo a portarlo alla luce del sole. L’ottica della sostenibilità è sempre stata un punto principale del nostro stock picking anche prima dell’ESG, ora facciamo la nostra parte come azionisti attivi per aiutare le PMI a individuare i punti critici lavorandoci insieme. Il primo approccio tangibile di questo cambio di passo, lo abbiamo avviato con una nostra società presente in portafoglio sin dall’IPO: Fos. Il gruppo Fos è una società del comparto IT quotata sul segmento AIM. La società ha sostanzialmente due anime interconnesse: una parte votata alla classica consulenza informatica e una parte votata all’innovazione a tutto tondo che li porta a proporre innovazioni tecniche di primo livello. Proprio partendo da questa seconda anima, abbiamo individuato tanto spazio per aiutare la società a mettere in luce il carattere sociale e di sostenibilità ambientale dei suoi prototipi. Il titolo sin dall’IPO non ha performato bene come i suoi competitor AIM, ma non di certo per mancanza di solidi fondamentali o prospettive di crescita. Al contrario, una mancanza di visibilità è molto probabilmente la causa di questa sottoperformance. Inoltre, nell’ultimo mese dell’anno, Fos ha acquisito InRebus Technologies pagandola con un misto di carta e cash e a multipli ben al di sotto della media di settore. Quindi oltre il potenziale di crescita interna, FOS si dimostra anche capace nella crescita per linee esterne.
La società ha indubbiamente fondamentali di ottima qualità, completati da una posizione di cassa positiva e da una generazione di cassa costante. Il settore è di primo interesse, vista anche la strategicità in ottica di digitalizzazione crescente delle aziende e della pubblica amministrazione. Il gruppo Fos ha dimostrato di essere capace di crescere anche per linee esterne, oltre che per linee interne. Molteplici sono le innovazioni tecniche sfornate dalla fucina Fos, tanto che sono stati coinvolti nella costruzione del Ponte Morandi di Genova. Il titolo ha sicuramente sofferto dalla quotazione per caratteristiche qualitative più che quantitative: il management si è concentrato maggiormente sull’attività aziendale, piuttosto che sulle comunicazioni massicce come alcuni competitor. Come investitori attivi abbiamo quindi iniziato questo rapporto bilaterale sul tema sostenibilità per aiutarli, anche grazie alle nostre analisi, a far emergere il loro potenziale e le loro attività. Continueremo quindi ad interfacciarci con il management per definire un piano di lungo periodo e per monitorare lo sviluppo dei lavori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo programma di sostegno al comparto olivicolo-oleario

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

“È il momento di unire le forze per sfruttare al meglio le risorse messe a disposizione dal Mipaaf in questo settore. In particolare, è necessario investire sul miglioramento dell’impatto ambientale dell’olivicoltura che vede finanziamenti per tutte le operazioni di mantenimento di oliveti ad alto valore ambientale e paesaggistico a rischio abbandono. È l’occasione per lanciare un Piano nazionale Recupero Oliveti Abbandonati, che oltre al dramma colturale e produttivo unisce il problema ambientale di erosione del suolo. Le Città dell’Olio da tempo sono impegnate in progetti che uniscono il fenomeno dell’abbandono olivicolo a politiche di agricoltura sociale. Bisogna unire le forze tra gli Enti locali che hanno la responsabilità di governo del territorio, e le associazioni di produttori affinché il patrimonio olivicolo italiano con la sua biodiversità unica al mondo, diventi una risorsa strategica per vedere le nostre “comunità” riprendere vita anche grazie all’olivicoltura, unendo le attività di recupero (valore ambientale, sociale ed identitario) con l’innovazione.” Con queste parole Michele Sonnessa, Presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, commenta la firma del decreto “Disposizioni nazionali concernenti i programmi di sostegno al settore dell’olio di oliva e delle olive da tavola”. I nuovi programmi di sostegno al comparto olivico-oleario partiranno il prossimo 1° aprile e si concluderanno entro il 31 dicembre 2022 e potranno contare su una dotazione complessiva pari a 69,2 milioni di euro di cui 34,59 milioni quale contributo comunitario. Di tale plafond almeno il 20% potrà essere utilizzato per interventi sul miglioramento dell’impatto ambientale dell’olivicoltura, almeno il 30% destinato al miglioramento della qualità della produzione e almeno il 15% per interventi sul sistema della tracciabilità, della certificazione e della tutela della qualità dell’olio di oliva e delle olive da tavola, in particolare il controllo degli olii venduti ai consumatori finali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

“L’intelligenza artificiale nella diagnosi medica: opportunità e pericoli”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Torino Venerdì 26 febbraio alle 17.30, l’Accademia di Medicina di Torino organizza una seduta scientifica on line dal titolo “L’intelligenza artificiale nella diagnosi medica: opportunità e pericoli”. Introduce l’incontro Teresa Cammarota, vicepresidente dell’Accademia di Medicina e Primario emerito di radiologia. Il relatore sarà Daniele Regge, socio dell’Accademia e Professore Associato di Radiologia all’Università di Torino nonché Direttore della Radiodiagnostica, presso l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Candiolo (TO). In un futuro non troppo lontano l’intelligenza artificiale concorrerà con l’uomo nello svolgimento di molte attività lavorative. Anche il medico dovrà adeguarsi, lasciando ampi spazi al contendente virtuale. Gli algoritmi matematici potrebbero competere con il medico nella interpretazione delle immagini radiologiche o nella lettura dei vetrini di anatomia patologica o ancora nella scelta della terapia migliore per ogni singolo paziente. Anche in chirurgia, i robot potrebbero sostituirsi alle braccia del chirurgo. Nella seduta scientifica si illustreranno i principi, le nuove e potenziali applicazioni dell’intelligenza artificiale nell’ambito della diagnostica. Si cercherà di capire come le nuove tecnologie cambieranno la professione del medico. Infine, come per tutte le grandi rivoluzioni, anche quella dell’intelligenza artificiale non è priva d’insidie e occorre comprendere come queste potranno essere scongiurate.In ottemperanza alle disposizioni del DPCM relative alle misure di contenimento della pandemia, si potrà seguire l’incontro solo collegandosi al sito

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ministero del Turismo. Un inutile baraccone

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Col nuovo governo abbiamo la ricomparsa del ministero del Turismo. Lo guida il leghista Massimo Garavaglia. Nel 1993, l’82,28% degli italiani lo abolì con un referendum. E fu istituzionalizzato un dato di fatto che da tempo era un doppione: ogni Regione si gestisce il proprio. Di conseguenza le Regioni si sono organizzate, anche rappresentanze all’estero. Le infrastrutture si sono adeguate. Gli aeroporti, per esempio. Prima ce n’erano due grossi e alcuni piccoli, ogni Regione oggi ne ha più d’uno. C’è bisogno di un ministero per gestire anche tutti questi aeroporti? Il fatto che il Turismo sia fondamentale per l’economia nazionale giustifica il passaggio dalle Regioni al Governo? Ma non sarà un passaggio… ogni Regione continuerà le proprie politiche, e lo Stato si aggiungerà. Per cosa? Distribuire meglio i fondi Ue?… e c’era bisogno di un ministero per questo? Non bastava il ministero dello Sviluppo Economico?
Abbiamo un presentimento. Come è accaduto per il ministero delle Politiche Agricole (abolito nel 1993 con referendum: 70,23% a favore) e reistituito da tempo, una nuova burocrazia rispetto a politiche che sono solo comunitarie e regionali.Ci sono diversi elogi per la ricomparsa del ministero del Turismo. I disperati di una delle economie più colpite dalla pandemia, talvolta vi si aggrappano come a quelli che portano le sigarette e le arance in prigione. Era questo l’effetto desiderato? Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola mobilità e vincolo quinquennale

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Quasi pronta l’ordinanza ministeriale sulla mobilità per l’a.s. 2021/2022, che sarà presentata nei prossimi giorni ai sindacati. Anief pronta ad avviare azioni legali per i propri iscritti che presenteranno la domanda al fine di favorire i trasferimenti rispetto ai posti limitati e ai vincoli di permanenza di cinque anni per neo assunti e sui posti di sostegno, peraltro dichiarati illegittimi da diverse sentenze. Possibile ricorrere per ottenere la corretta valutazione dei titoli e dei servizi nonché per il diritto alla precedenza nella mobilità interprovinciale ai docenti che assistono genitori con disabilità grave. Avvia la preadesione gratuita ai ricorsi con i legali ANIEF. È imminente la pubblicazione dell’ordinanza con cui il nuovo Ministro dell’Istruzione darà avvio ai trasferimenti per l’anno scolastico 2021/2022 e che presto sarà presentata ai sindacati, sempre che il Parlamento non ascolti il giovane sindacato e approvi un emendamento specifico al milleproroghe. L’ANIEF parteciperà all’incontro per esporre, ancora una volta, le proprie richieste di risoluzione delle numerose criticità che permangono sulle regole della mobilità.Tra queste, la più urgente è senza dubbio il vincolo quinquennale di permanenza nella sede di assunzione per tutti i neo immessi in ruolo dal il 1° settembre 2020 e la limitazione dei posti vacanti assegnati alla mobilità prima delle prossime immissioni in ruolo. La norma, introdotta dall’articolo 1, commi 17-octies e 17-nonies della legge n. 159/2019, estende a tutti gli insegnanti assunti nell’a.s. 2020/21 il blocco quinquennale, a dispetto di quelli assunti negli anni precedenti, negando anche il diritto all’assegnazione provvisoria nel silenzio delle altre organizzazioni sindacali firmatarie di contratto. A tale vincolo, ricordiamo, non sfuggono nemmeno i docenti che per lavorare usufruiranno della “Call veloce” o della possibilità di inserirsi in coda nelle GMRE in altra regione. Ed è per questo motivo, non a caso, che lo scorso settembre si è registrato il clamoroso fallimento delle assunzioni da ‘Chiamata veloce’, con i precari scoraggiati dalla prospettiva di un “esilio” di ben cinque anni. Il blocco quinquennale sul sostegno, la mancata valutazione del servizio presso la scuola paritaria e di quello pre-ruolo per intero nelle graduatorie interne di istitutoIn applicazione dell’art. 23, comma 7 del Contratto collettivo nazionale integrativo vigente firmato dalle altre OO.SS. rappresentative nel 2019, e che scadrà il prossimo anno, rimane purtroppo confermato il blocco quinquennale su posti di sostegno per tutti gli insegnanti, indipendentemente dalla data di assunzione, nonostante le numerose sentenze ottenute dai legali Anief presso i tribunali del lavoro che lo hanno annullato e avverso il quale bisogna continuare a ricorrere in tribunale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Sono riprese le prove del concorso straordinario per le assunzioni di 32 mila insegnanti della scuola secondaria: a causa dell’alto numero di casi di Covi-19, la procedura, introdotta con il DD n. 510 del 23 aprile 2020 e DD n. 783 dell’08 luglio 2020, è stata contrassegnata da uno lungo stop, interrotto solo ieri con il riavvio della prova unica alla quale fino a venerdì prossimo si sottoporranno meno di 20 mila candidati su oltre 64 mila partecipanti. Sono molti gli interrogativi che continuano a pesare sul concorso straordinario. “Innanzitutto – scrive Orizzonte Scuola – bisognerà capire se ci sarà il contingente, classe di concorso per classe di concorso, per coprire i posti banditi. Gli unici risultati finora noti riguardano le province autonome di Trento e Bolzano. Le graduatorie saranno pubblicate nell’USR responsabile della procedura. Ciò è scontato per le classi di concorso le cui prove sono state svolte in tutte le regioni, mentre è utile precisarlo per le procedure “aggregate”. In questo caso l’USR della regione in cui è stata svolta la prova è responsabile anche del procedimento successivo, fino alla pubblicazione delle graduatorie.Ciò è stato specificato nel DD n. 783 dell’08 luglio 2020: “Nell’ipotesi di aggregazione territoriale delle procedure, disposte ai sensi dell’art. 400, comma 02, del testo unico in caso di esiguo numero dei posti conferibili in una data regione, l’USR individuato quale responsabile dello svolgimento dell’intera procedura concorsuale, provvede all’approvazione delle graduatorie di merito sia della propria regione che delle ulteriori regioni indicate nell’allegato medesimo”. Inoltre, continua la stampa specializzata, le graduatorie sono distinte per ciascuna regione.
Sul concorso continua a pesare il problema delle mancate partecipazioni alle prove. Anief ha presentato ricorso e sono arrivate le prime sentenze. Innanzitutto, il TAR del Lazio ha dato piena ragione all’Avvocato Patrizia Gorgo dell’Anief sulla necessità di prevedere prove aggiuntive per coloro che non si sono potuti presentare per cause correlate alla malattia o alla normativa sul contenimento del contagio da Sars-COV-2. Il giudice regionale ha quindi ritenuto pertinente la motivazione di non presentarsi alle verifiche, ritenendo “sussistente il pregiudizio irreparabile che i ricorrenti subirebbero nel non poter partecipare alla selezione prima che questa si concluda definitivamente, con conseguente obbligo dell’Amministrazione di prevedere una sessione suppletiva non appena si registreranno le condizioni di sicurezza necessarie”. Il TAR del Lazio, dunque, ha accolto le richieste Anief e concesso ai nostri iscritti l’istanza cautelare, disponendo “l’effettuazione di prove suppletive nei termini che l’Amministrazione indicherà ai ricorrenti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esce il libro Verso…il futuro di Carlo Stasi

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

La casa editrice I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno, è lieta di annunciare l’uscita dell’ultimo libro di Carlo Stasi, dal titolo “Verso … il Futuro”. Pur se nato nel cuore dell’Europa ed imbevuto di cultura europea, Carlo Stasi ha radici profondamente radicate nella sanguigna terra salentina. Ha sempre amato viaggiare, spinto da un’intensa passione conoscitiva e da una forte tensione creativa. Alla poesia ha affiancato la musica e la pittura intrecciando sonorità e motivi grafici nelle sue opere: una poesia “iconica”, “da vedere” per “leggere” e “riflettere”, dando “immagine alla parola” e “parola all’immaginazione”. Corredato da interventi critici di grandissimo rilievo e spessore, questo libro documenta e raccoglie 40 anni della produzione poetica visiva edita ed inedita di questo “artista della parola”. In questo libro si riesce a cogliere la poliedricità espressiva di Carlo Stasi, dove la parola e il segno sono soggetti ad un continuo lavorìo di separazione di segnali e contenuti che vanno oltre il Tempo e lo Spazio, perché divengono essi stessi Tempo e Spazio di una narrazione sui generis. Il visus (o la visione per mera esemplificazione) è la risultante di memorie associative in grado di classificare varie sfumature di sensibilità, tensione emotiva, pulsioni estetiche in categorie non predefinite, in grado di lasciare il lettore a se stesso, non nel senso di deriva e abbandono, ma di libertà immaginativa e di conseguenza espressiva in grado di concretizzare nuovi universi narrativi e poetici che rapiscono e ammaliano. VERSO…IL FUTURO! (pubblicazione corredata da un ricco apparato iconografico) di Carlo Stasi racconta di come l’autore vede, osserva e vive il mondo, il suo mondo, il nostro mondo attraverso il segno della parola e la parola del segno, raccontando di sensazioni, sentimenti unici e irripetibili che si fanno visioni che solleticano il cuore e lo spirito. Prefazione di Lamberto Pignotti. Interventi di Augusto Ponzio, Giovanni Dotoli, Richard Demarco, Vincenzo Guarracino, Susan Petrilli, Luciano Ponzio, Emilio Filieri, Andrea D’Urso, Donato Di Poce, Alessandro Laporta, Giuliana Coppola, Stefano Donno, Paola Scialpi, Mauro Marino, Chiara Evangelista, Nicola Salvatore, Salvatore Luperto, Maurizio Nocera, Carmen De Stasio, Paolo Vincenti, Antonietta Fulvio, Raffaele Messinese, Francesco Pasca, Massimo Pasca, Mario De Marco.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Manca strategia Paese”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Rischiamo emarginazione mentre potremmo essere protagonisti”: è quanto rileva il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, responsabile Impresa di FdI e vice presidente del Copasir, nella prima interrogazione rivolta al presidente del Consiglio e al neo ministro per la transizione digitale.”La situazione è grave ma è ancora recuperabile: serve chiarezza di intenti e un progetto chiaro e condiviso, quello che sinora è mancato negli Esecutivi che si sono susseguiti negli ultimi dieci anni”.Urso evidenzia come “trent’anni fa un’azienda italiana come Telecom era tra le prime cinque aziende mondiali di telecomunicazioni prima che scellerate politiche di privatizzazioni, prive di visioni strategiche, ne distruggessero il patrimonio”; mentre ora “l’Italia è pericolosamente indietro tra i mercati europei delle telecomunicazioni, lenta nel ridurre il gap infrastrutturale e di mercato esistente, incapace di garantire l’accesso alla rete internet a tutta la popolazione, assicurandone la velocità”.Il senatore di FdI rileva, quindi, che il controllo della società della rete unica, in ragione della sua importanza e strategicità, rappresenta una condizione imprescindibile per la sicurezza dello Stato, per la sicurezza dei cittadini e per l’esercizio stesso delle prerogative afferenti alla sovranità dello Stato, e deve pertanto essere saldamente mantenuto in mani italiane e sotto un controllo effettivo dello Stato”, mentre sinora l’Esecutivo “è sembrato non avere affatto una chiara posizione in merito, lasciando addirittura pensare che voglia favorire il controllo da parte di una azienda straniera”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tutela dei consumatori contro TikTok

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Nella giornata di oggi il BEUC, l’Organizzazione Europea dei Consumatori, ha inviato una denuncia alla Commissione Europea e alla Rete di cooperazione per la tutela dei consumatori contro TikTok. Il noto social network, che riscuote un grande successo fra bambini e adolescenti, è accusato di non tutelare adeguatamente gli utenti da contenuti inappropriati, pubblicità occulta e di violarne numerosi diritti. Insieme al BEUC, le organizzazioni di consumatori di 15 Paesi del network, fra cui Altroconsumo in Italia, si sono rivolte alle autorità – in Italia, il Garante privacy e l’Autorità garante della concorrenza e del mercato – chiedendo di indagare sulla condotta del social.Già nel 2019, Altroconsumo aveva chiesto l’intervento del Garante privacy poiché TikTok consentiva l’iscrizione dei minori fino a 13 anni senza il consenso dei genitori, come invece previsto dal Regolamento europeo per la protezione dei dati personali.Alla luce di una nuova ricerca del BEUC, oggi TikTok torna ad essere accusato per il mancato rispetto di numerosi diritti degli utenti, come la poca trasparenza delle condizioni d’uso e le pratiche di marketing scorrette che colpiscono maggiormente bambini e adolescenti:
· clausole vessatorie nei Termini di Servizio che si presentano poco chiari, ambigui e comportano uno squilibrio tra il professionista che fornisce il servizio e gli utenti, a danno di questi ultimi;
· clausole vessatorie e pratiche commerciali scorrette nella Politica per gli articoli virtuali[2] che include, tra le altre cose, carenza di chiarezza delle informazioni precontrattuali e assenza di un meccanismo efficace di autorizzazione che prevenga abusi del sistema di pagamento in-app utilizzato per acquistare le “monete virtuali” di TikTok;
· mancata adozione di misure efficaci per tutelare gli utenti, tra i quali ricordiamo numerosi bambini e adolescenti, dalla pubblicità occulta delle aziende, attraverso influencer, e da contenuti potenzialmente dannosi.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Superbonus edilizio 110%

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

E’ partito e pur tra molte difficoltà, penso ad esempio all’eccessiva burocrazia e ai ritardi nelle risposte degli uffici comunali a corto di personale, sta dando ottimi risultati sia in termini di aziende edili che stanno lavorando sia di posti di lavoro salvati e riattivati. Per questo credo che si tratti di una misura da incentivare anche nel futuro o quanto meno su cui non far calare dubbi o ripensamenti” così la presidente della commissione Attività Produttive della Camera, Martina Nardi.“E’ naturale che il neo ministro all’Economia Franco appena insediatosi – spiega Nardi – abbia davanti molte questioni da approfondire per cui, oltre agli auguri di buon lavoro, lo invito, appena lo riterrà opportuno, a un confronto in Commissione per rendersi conto del lavoro che abbiamo fatto e di quello che abbiamo intenzione di fare anche sul superbonus”.“La Commissione – conclude Nardi – ritiene indispensabile garantire alle famiglie e alle imprese certezze sul futuro che il superbonus non verrà toccato in corso d’opera ma sarà mantenuto almeno per tutto il 2023. Inoltre siamo convinti che possa essere prolungato il circolo virtuoso che sta generando sia sotto il profilo ambientale, grazie a case meno energivore e più sicure, sia occupazionale in un settore che più di altri ha pagato pesantemente la crisi finanziaria 2007-2008 e da cui non si è più ripreso”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Auto: Mobilità elettrica

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

In Italia ci sono più di 19.300 punti di ricarica elettrica in 9.700 stazioni aperte al pubblico. Di queste, 8 su 10 sono in aree pubbliche (nelle strade, per esempio) e il restante 20% su terreni privati con accesso pubblico (parcheggi, supermercati, centri commerciali…). Nel 2020 è stato installato il 40% in più di questi sistemi, numeri che continueranno a crescere nel 2021. Oltre la metà di questi punti di ricarica si trova nel Nord del Paese. Il Lazio è una delle regioni più impegnate con 1.700 punti ricarica; solo dietro alla Lombardia che ne ha 3.300, Piemonte con duemila, Emilia-Romagna con oltre 1.800. Anche Veneto e Toscana ne hanno 1700.Tra i migliori posti per ricaricare i veicoli elettrici ci sono sicuramente i parcheggi. Quando si passeggia in città, si fa shopping, si va in centro per un appuntamento, ci si sposta per lavoro o per incontrare gli amici si parcheggia la macchina e allo stesso tempo si ricarica. Una volta ripresa l’auto, la sua autonomia sarà di nuovo al massimo. Secondo i dati forniti da https://parclick.it azienda leader in Europa per la prenotazione di parcheggi online, il 32% dei parcheggi italiani ha già dei sistemi di ricarica per auto elettriche. Le regioni con più punti sono Lazio, Lombardia, Campania, Toscana, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte. E le singole città con più punti sono Roma, Milano, Firenze e Napoli.Ci sono diversi tipi di veicoli elettrici:
Ibridi Funzionano con due motori: uno a combustione principale (benzina o diesel) e uno elettrico. In questo caso la batteria si ricarica quando l’auto rallenta, quindi queste auto non hanno bisogno di stazioni di ricarica.
Ibridi plug-in Anche questi veicoli hanno un motore a combustione e un motore elettrico. La differenza con le auto ibride è che il motore elettrico ha la priorità. La batteria si ricarica quando l’auto rallenta ma può anche essere collegata a una fonte esterna di energia elettrica e questo rende più facile guidare il 100% del tempo con il motore elettrico rispetto a un’auto ibrida tradizionale.
100% elettrico.Sono veicoli che funzionano solo con l’elettricità. Hanno uno o più motori elettrici, quindi batterie ricaricabili con più capacità. Per queste auto le stazioni di ricarica sono essenziali e indispensabili, anche se le batterie durano più a lungo visto che non c’è un motore a combustione per supplire nel caso in cui il motore elettrico si scarichi. Le auto elettriche rappresentano un mercato in crescita. Secondo i dati dell’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri (UNRAE), i veicoli elettrici rappresentano già lo 0,7% delle nuove immatricolazioni in Italia, una cifra che sembra piccola ma è superiore a quella del 2019. Inoltre, da gennaio a novembre 2020 gli acquisti di ibridi plug-in sono aumentati di 20 volte nonostante con la pandemia sia stato un anno difficile per i produttori di auto. Infatti, gli ibridi (ibridi plug-in e non plug-in) sono stati gli unici veicoli che hanno registrato vendite maggiori nel 2020 rispetto all’anno precedente. A livello europeo, nell’ultimo anno, delle auto vendute una su cinque era ibrida o elettrica.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Univendita fa il suo ingresso Stanhome

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Nuovo ingresso di prestigio in Univendita, la maggiore associazione italiana della vendita diretta a domicilio. La base associativa si allarga con l’entrata di Stanhome Italia, importante realtà specializzata nella vendita di prodotti per la cura della casa, la cura personale e la bellezza. L’azienda in Italia ha una community di oltre 60.000 persone tra Sales Consultant e Clienti privilegiati.«Con l’arrivo di Stanhome Univendita acquisisce un nuovo socio che rappresenta un’assoluta eccellenza per qualità dei prodotti e modello di vendita – commenta il presidente di Univendita Ciro Sinatra –. Stanhome è una realtà storica del settore della vendita a domicilio, conosciuta e apprezzata da generazioni di consumatori. Un’azienda che da sempre fonda il suo successo sulla cura della relazione diretta con i clienti e sull’adesione a valori quali etica, qualità, benessere, centralità della persona e sostenibilità. Gli stessi valori che sono alla base dell’operato di Univendita, e a partire dai quali costruiremo insieme un percorso di crescita».Stanhome è un’azienda fondata nel 1931 negli Stati Uniti e che festeggia quindi quest’anno il suo 90esimo anniversario. Nel 1962 è stata aperta la sede italiana, che si trova a Roma. Dal 1997 l’azienda fa parte del Gruppo Rocher. Attraverso i suoi 5 brand, Stanhome offre una vasta gamma di prodotti professionali per la pulizia e la cura della casa, dermocosmetici studiati per tutta la famiglia, prodotti di bellezza e articoli di make-up con formulazioni innovative e ingredienti di alta qualità.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccino AstraZeneca, conservazione e indicazioni d’uso

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Il Covid-19 Vaccine AstraZeneca, vaccino monovalente, è disponibile in Italia in flaconcini multidose contenenti 10 dosi che vanno conservati in frigorifero (2°C – 8°C) e non deve essere congelato. È raccomandato alle persone dai 18 fino al compimento dei 55 anni (54 anni e 364 giorni) in assenza di patologie che aumentino il rischio clinico associato all’infezione da Sars-CoV-2. Sono le indicazioni “ad interim” del Ministero della Salute nella circolare di aggiornamento sui vaccini disponibili e in particolare sul vaccino di AstraZeneca il terzo che ha ricevuto da parte dell’Ema l’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata.Il documento spiega che il vaccino AstraZeneca “è disponibile in flaconcini multidose contenenti 8 dosi o 10 dosi da 0,5 ml ciascuno. In Italia, al momento, sono distribuiti solo flaconcini contenenti 10 dosi. Il flaconcino multidose non aperto deve essere conservato in frigorifero (2°C – 8°C) e non deve essere congelato. I flaconcini devono essere tenuti nell’imballaggio esterno per proteggerli dalla luce. Il flaconcino non deve essere diluito e non deve essere agitato. La stabilità chimica e fisica durante l’uso è stata dimostrata dal momento dell’apertura del flaconcino (prima puntura dell’ago) fino alla somministrazione, per non più di 48 ore in frigorifero (2°C – 8°C). Entro questo periodo di tempo il prodotto può essere conservato e utilizzato a temperature fino a 30° per un unico periodo di tempo fino a 6 ore. Trascorso questo periodo di tempo, il prodotto deve essere smaltito”.Per le indicazioni d’uso ad interim del vaccino, la circolare richiama il documento di aggiornamento delle categorie e dell’ordine di priorità dal titolo vaccinazioni raccomandazioni ad interim sui gruppi target, elaborato da ministero in collaborazione con la struttura del Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Aifa, Iss e Agenas, che contiene le destinazioni d’uso del vaccino AstraZeneca, basate sulle indicazioni di Aifa e sul parere del Consiglio superiore di sanità. “Pertanto, il vaccino viene raccomandato alle persone dai 18 fino al compimento dei 55 anni (54 anni e 364 giorni) in assenza di patologie che aumentino il rischio clinico associato all’infezione da Sars-CoV-2. Tra le categorie per cui viene raccomandato il vaccino, la priorità di somministrazione (come indicato nel documento) sarà per il personale scolastico e universitario docente e non docente, per le Forze armate e di Polizia, per i setting a rischio quali penitenziari e luoghi di comunità e per il personale di altri servizi essenziali e, a seguire, per il resto della popolazione”. Il vaccino deve essere “somministrato per via intramuscolare preferibilmente nel muscolo deltoide del braccio”, Il ciclo di vaccinazione con il vaccino AstraZeneca “consiste in due dosi separate (da 0,5 ml ciascuna). L’Aifa, rilevando che i dati attualmente disponibili indicano che già dopo 4 settimane dopo la prima dose si raggiunge un livello di protezione efficace che si mantiene fino alla 12° settimana e che, quanto all’effetto della 2° dose, questo appare più consistente quanto più ci si avvicina alla 12° settimana, raccomanda che la seconda dose dovrebbe essere somministrata idealmente nel corso della 12° settimana (da 78 a 84 giorni) e comunque ad una distanza di almeno 10 settimane (63 giorni) dalla prima dose”. Le indicazioni “potranno subire modificazioni nel corso della campagna vaccinale sulla base di nuove evidenze scientifiche”. Per quanto riguarda il consenso sottoscritto in occasione della somministrazione della prima dose è valida per tutto il ciclo vaccinale, comprensivo di prima e seconda dose. Infine, “relativamente alla scheda anamnestica, la verifica dello stato di salute e/o di patologia anche in occasione della seconda somministrazione si pone quale elemento imprescindibile per la decisione di procedere alla vaccinazione da parte del personale sanitario. In ragione di ciò, è necessaria una verifica da parte del personale sanitario preposto alla vaccinazione in merito ad eventuali modificazioni dello stato di salute e/o di patologia intercorse dopo la somministrazione della prima dose, ivi compresi eventuali reazioni avverse e/o effetti collaterali, da annotarsi nella scheda anamnestica”. (fonte Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Chieti: Chirurgia vascolare

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Innovativo intervento per riparare l’aorta toracica passando per un foro all’inguine. Niente taglio del torace, rischio minimo per posizionare un’endoprotesi aortica progettata su misura del paziente Il direttore sanitario Muraglia: “E’ il momento di attivare un aortic center nella Palazzina Cuore”.Un foro di pochi millimetri praticato all’altezza dell’inguine, senza incisioni chirurgiche o procedure invasive potenzialmente stressanti, ha consentito all’équipe della Chirurgia vascolare ed endovascolare dell’Ospedale di Chieti di impiantare su un paziente, per via percutanea (senza taglio), un’endoprotesi aortica custom-made, ovvero costruita su misura. Il paziente, 73enne, era affetto da aneurisma in prossimità del cuore, causato da un’ulcera che aveva indebolito la parete dell’aorta. Si tratta di uno degli interventi sempre più complessi e innovativi, ma sempre meno invasivi, eseguiti nell’unità operativa diretta da Franco Fiore. La tecnica adottata rappresenta l’evoluzione di metodiche avanzate ed eseguite in pochissimi e selezionati centri, grazie alla sinergia con la Radiologia interventistica, la Cardiochirurgia, l’Anestesia e terapia intensiva, i cardiologi dell’Aritmologia e a tutto il personale della Sala operatoria. È il momento di pensare al futuro: «Le patologie vascolari sono sempre più frequenti e rappresentano la prima causa di morte – sottolinea il direttore sanitario Asl, Angelo Muraglia -. Non appena sarà superata la pressione esercitata dalla pandemia, le professionalità e il livello di organizzazione che abbiamo a disposizione ci consentiranno di attivare un “Aortic center” d’eccellenza all’interno del Polo cardiotoracovascolare. Potremo così sfruttare tutte le potenzialità offerte dalla Palazzina Cuore dell’Ospedale di Chieti, dove abbiamo già trasferito la Chirurgia vascolare, affiancandola alla Cardiochirurgia e a una Chirurgia toracica, avendo la possibilità di attivare un’ulteriore sala ibrida». In media l’unità operativa di Chirurgia vascolare del “SS. Annunziata” esegue circa cento interventi l’anno per il distretto aortico, sia toracico sia addominale. La tecnica endovascolare mininvasiva, appena introdotta a Chieti per il trattamento degli aneurismi, è un’opzione indicata per pazienti ad altissimo rischio chirurgico e anestesiologico, esposti al reale pericolo di complicanze intraoperatorie e perioperatorie.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regioni. Vaccini dal pizzicagnolo. Il caso Lombardia e Veneto

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Prima i veneti, no prima i lombardi. Così, chi governa queste regioni, Letizia Moratti, vicepresidente della Lombardia e Luca Zaia, presidente del Veneto, vorrebbero affrontare il problema delle vaccinazioni. E’ la chiave sovranista regionale sanitaria. Magari ci sarà qualche comune che rivendicherà la precedenza: prima i veronesi o i bergamaschi. Zaia e Moratti sono pronti ad acquistare i vaccini. Non si sa da chi, perché quelli della Pfizer, di Moderna e AstraZeneca sono già prenotati. Si pensa a quelli russi o cinesi? La domanda sorge spontanea: questi vaccini sono stati validati dalle agenzie del farmaco europee e italiane (Ema e Aifa)? No, a tutt’oggi. Zaia e Moratti quali vaccini vogliono acquistare? Da chi e con quali garanzie? Non è dato di sapere. I vaccini non si acquistano dal pizzicagnolo (salumiere) un tanto al chilo, perché sono farmaci che devono essere testati e certificati. Non si può rispondere alle legittime attese dei cittadini con promesse inattuabili. Cosi non si governa, si sfascia. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Richieste di crediti da parte delle famiglie

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2021

Dopo le pesanti flessioni che hanno segnato il 2020, il nuovo anno si è aperto con una contrazione del numero di richieste di finanziamenti da parte delle famiglie italiane (vere e proprie istruttorie formali contribuite sul Sistema di Informazioni Creditizie gestito da CRIF): la componente dei mutui immobiliari fa segnare un -6,6% malgrado la vivacità delle surroghe, mentre i prestiti nel complesso vedono un calo pari a -13,1% rispetto al corrispondente mese del 2020.In scia con quanto era stato registrato nella seconda parte del 2020, le famiglie stanno adottando un atteggiamento estremamente cauto, rinviando i propri progetti di spesa e riducendo di conseguenza anche la propensione a richiedere un finanziamento: nel mese di gennaio le richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi si caratterizzano infatti per un calo del -1,4% rispetto al corrispondente mese del 2020, a fronte del ben più marcato -27,1% fatto segnare dai prestiti personali.Un’ulteriore evidenza che emerge dallo studio di CRIF riguarda l’importo medio dei finanziamenti richiesti, che nell’aggregato di prestiti personali e finalizzati nel primo mese dell’anno si è attestato a 9.431 Euro, sostanzialmente invariato rispetto al valore del gennaio 2020. Dopo il calo fatto segnare nell’ultima parte del 2020, anche a gennaio le richieste di mutui e surroghe restano in territorio negativo, facendo segnare una flessione del -6,6% malgrado il comparto benefici ancora di una dinamica positiva dei mutui di sostituzione, sostenuti da condizioni di offerta vantaggiose. Per quanto riguarda la distribuzione per classe di durata dei mutui, invece, anche il mese di gennaio ha visto gli italiani orientarsi verso piani di rimborso più lunghi, con più del 79% delle richieste che prevede una durata superiore ai 15 anni.“La perdurante incertezza riguardo i tempi di ritorno a una situazione di normalità, acuita anche dall’instabilità dello scenario politico, sta frenando le decisioni degli italiani relativamente ai consumi, specie quelli di beni durevoli o non strettamente indispensabili, e all’investimento sulla casa” – commenta Simone Capecchi, Executive Director di CRIF – Per il comparto del prestiti le previsioni per l’anno in corso restano positive, con un progressivo recupero delle richieste favorito dall’auspicato miglioramento dell’attività economica, mentre la dinamica dei mutui potrebbe confermarsi in territorio negativo anche nei prossimi mesi”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »