Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Scuola: Sostegno disabili, è caccia agli specializzati

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 febbraio 2021

I tanti precari specializzati con il quinto Tfa sostegno hanno pieno diritto a chiedere di partecipare al concorso straordinario e l’attivazione di prove suppletive specifiche per loro: “è un atto – spiega il leader dell’Anief Marcello Pacifico – che si può adottare anche alla luce degli ultimi dati per cui alle più recenti prove preselettive del concorso straordinario c’erano più posti di sostegno che candidati”. Un fatto che “aiuta a comprendere il motivo per cui la questione sia sottoposta al vaglio della Corte costituzionale e nelle more di riaprire i termini per la partecipazione a questi concorsi”.Il percorso dell’Anief è già delineato. “Nel caso in cui ci dovesse essere un rifiuto da parte della pubblica amministrazione – dice ancora Pacifico -, allora a questo punto ci si organizzerà per presentare un ricorso con i legali in convenzione con Anief e per poter chiedere la parità di trattamento, rispetto anche agli altri colleghi che hanno già presentato la domanda”.“Quindi – conclude Pacifico – sono pronte queste iniziative nuove legali per raggiungere due obiettivi: il primo è quello di avere insegnanti specializzati in cattedra il prossimo anno, tra quelli che conseguiranno la specializzazione nel 2021, visto il rinvio dei concorsi; il secondo è quello di garantire il più possibile l’allargamento della platea dei precari verso la stabilizzazione, attraverso il superamento della procedura concorsuale”.Il sindacato ricorda che la decisione è stata presa, in accordo con l’Ufficio legale, anche dopo avere appreso della vittoria Anief in Consiglio di Stato in favore proprio di quei candidati che, secondo il DD n. 510/2020, non avrebbero potuto partecipare al Concorso Straordinario Sostegno perché non erano formalmente iscritti ai corsi di specializzazione (TFA) in quanto non avviati entro il 29 dicembre 2019 o non conclusi entro il termine del 15 luglio 2020. Forte anche di questa posizione, Anief avvia quindi le procedure di preadesione allo specifico ricorso per richiedere l’ammissione a prove suppletive per tutti i candidati che non hanno potuto presentare domanda di partecipazione al concorso proprio a causa delle previsioni contenute nel bando. Rimane indispensabile inviare entro il 22 febbraio la specifica domanda elaborata dall’Ufficio Legale Anief: si procederà in giudizio in caso l’Amministrazione non conceda l’accesso al concorso riservato e finalizzato all’immissione in ruolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: