Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 28 marzo 2021

Arte diffusa e partecipata: Il futuro è ibrido

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Una delle immagini più significative per descrivere i luoghi della cultura in epoca Covid-19, è quella di Palazzo Strozzi, sulla cui facciata l’artista francese JR, protagonista internazionale della Street Art, ha realizzato l’opera “La ferita”. Uno squarcio sul Palazzo rinascimentale per stimolare una riflessione sull’accessibilità di tutte le istituzioni culturali costrette a fare i conti con chiusure e spazi contingentati. Una ferita simbolica, che rappresenta in modo forte e potente la capacità di reagire della cultura e con la cultura, riconoscendole un ruolo irrinunciabile nelle nostre comunità. Non è un caso che il progetto sviluppato per la candidatura di Procida al titolo di Capitale italiana della cultura per il 2022, ruoti attorno al concetto ‘La cultura non isola’, scelto prima dell’emergenza sanitaria, ma oggi ancora più significativo. “Da un punto di vista comunicativo il digitale facilita e accelera alcuni processi”, ha raccontato Agostino Riitano, Direttore di Procida 2022, intervenendo al webinar ‘Cultura e Digitale’. Cambiamenti e prospettive nella fruizione dei contenuti culturali’, tenutosi il 24 marzo scorso per iniziativa delle Delegazioni Ferpi di Campania, Lazio e Triveneto, cui hanno preso parte operatori culturali provenienti da quattro aree Paese. “Stiamo lavorando ad un processo di co-creazione affinché si superi la dimensione del produttore e del consumatore – ha detto Riitano –. Abbiamo bisogno di ricostruire quei legami mancanti, perché è sulla relazione viva tra attore e spettatore che si realizza l’orizzonte della cittadinanza”. Indubbiamente l’industria culturale, tra le più penalizzate dall’emergenza sanitaria, ha dato prova di resistenza, innovazione e capacità di adattamento, offrendo al proprio pubblico nuovi spazi e nuove forme di fruizione. In alcuni casi sperimentando diversi format, in altri aprendosi ad una molteplicità di canali, in altri ancora uscendo da liturgie consolidate per esplorare nuovi percorsi. Tuttavia, non va dimenticato che quello artistico oggi resta un comparto che ha chiuso i suoi spazi fisici, lasciando a casa e senza lavoro maestranze e tanti artisti. Il leitmotiv che ha accomunato le diverse esperienze confluite nel webinar è stato quindi il digitale, in assenza forzata di fisicità unico abilitatore per la scrittura di quel “Manifesto per la rinascita dell’Arte” tratteggiato nel percorso del Peggy Guggenheim di Venezia: “200 giorni di chiusura su 365. In quei giorni abbiamo ridisegnato la geografia del nostro pubblico – ha raccontato Alexia Boro, Direttrice Comunicazione e Relazioni Esterne della Collezione – ponendo le basi di un futuro che ruota su tre parole: ispirazione, sostenibilità e presente, dove la tecnologia diventa sinonimo di accessibilità ed inclusione. E senza dimenticare che l’arte è prima di tutto emozione, un’emozione che a dispetto delle chiusure può, deve, essere restituita attraverso le potenzialità del digitale”.Quell’inclusione che ha fatto raggiungere numeri da capogiro ad un’istituzione storica come il Teatro San Carlo “primo in Italia ad organizzare una produzione live in streaming con la Cavalleria Rusticana, che ha venduto 35000 biglietti e ha registrato una copertura di 2 milioni di persone in tutto il mondo di cui il 23% under 35”, come ha commentato Antonio Parlati, Presidente Sezione Industria Culturale e Creativa, Unione Industriale Napoli.Altra parola chiave emersa dal confronto è “ibridazione”. Se uno spazio digitale si è aperto nell’offerta culturale, è stato presto occupato da nuove generazioni di visitatori ed anche da artisti pronti a cimentarsi con i linguaggi ibridi imposti da quel binomio tecnologia-cultura cui Civita ha già dedicato 5 rapporti. “La pandemia è stata un catalizzatore di tendenze già in atto – ha raccontato Simonetta Giordani, Segretario Generale dell’Associazione –. Il digitale rappresenta un’opportunità per restituire centralità alle strutture culturali, consentendo loro di svolgere una funzione più contemporanea, facendo crescere al contempo economia, imprese e occupazione”. E imprese e istituzioni culturali devono collaborare, lavorare insieme.Una visione di futuro all’interno della quale necessario trovare un punto di equilibrio, rafforzando la relazione con le filiere fisiche e garantendo una maggiore accessibilità al ricchissimo patrimonio artistico-culturale del nostro Paese. Va in questa direzione il progetto Catanzaro 4.0 promosso dal Comune calabrese e aggiudicatario di un bando Mise per le tecnologie emergenti cui Vodafone sta lavorando. “Il 5G può abilitare nuove esperienze di fruizione per il turismo e la cultura – ha affermato Cinzia Campanella, responsabile soluzioni 5G Vodafone Business -. A Catanzaro saranno realizzati veri e propri laboratori a cielo aperto, mixando sia utenti in presenza che a distanza, con particolare attenzione alle persone con disabilità che potranno fruire di contenuti grazie ad esperienze tattili e multisensoriali”. Come si vede, mondi diversi, ma interconnessi, con al centro la Cultura e l’Arte, e la loro ininterrotta fruizione, per la rinascita delle nostre comunità. (By Diana Daneluz)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna vaccinale, Regioni chiedono incontro con Draghi

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Dopo la “strigliata” del premier Mario Draghi, che in Parlamento aveva parlato di differenze tra le Regioni nelle somministrazioni delle dosi «difficili da accettare», i governatori delle Regioni chiedono un confronto urgente con il Governo sulla campagna vaccinale, per un «cambiamento di passo». In programma, quindi, un incontro a Palazzo Chigi che potrebbe verificarsi lunedì. Prima di quella data le task force del generale Francesco Figliuolo saranno già entrate in azione per fornire supporto. Si parte da Molise e Basilicata, dove saranno inviati in queste ore un medico e due infermieri, impegnati in particolare per le vaccinazioni nei paesi e nei luoghi più isolati. Il Commissario Covid sarà in Calabria e poi in Sicilia, dove incontrerà tecnici e autorità. Ad Avellino, invece, in meno di 12 ore l’esercito ha trasformato un drive through della Difesa in un centro vaccinale mobile. Il Piano prosegue, quindi, con l’invio nei territori delle prime task force del Commissario Covid e l’arrivo di altri 4 milioni e mezzo di dosi entro fine marzo: si tratterebbe del maggiore incremento settimanale di fiale finora. Arriva, intanto, la versione definitiva del documento delle “linee di indirizzo organizzativo e strutturale dei punti vaccinali territoriali straordinari” dopo il vertice tra Stato e Regioni. Ma non basta. Sul piano politico c’è da scongiurare il rischio di un ennesimo strappo dopo le parole del premier in Parlamento. «Il piano di vaccinazione è stato fatto dal Governo nazionale, non è stato fatto dalle Regioni. Il Governo avrebbe benissimo potuto, ove l’avesse voluto, chiederci di sospendere le categorie prioritarie», attacca Giovanni Toti. A mediare con il fronte dei governatori di centrodestra è il presidente della Conferenza delle Regioni Bonaccini: il primo passo è una lettera indirizzata a Draghi in cui si chiede «un confronto urgente con il Governo sull’andamento della campagna vaccinale» perché’ «un cambiamento di passo si deve realizzare, ma devono farlo insieme Governo e Regioni».A livello europeo, la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen mette AstraZeneca alle strette: «Deve recuperare sui suoi ritardi con gli Stati membri prima di potersi impegnare di nuovo nell’esportazione di vaccini». Dopo i tagli, i ritardi ed i giochi di prestigio dei mesi scorsi, la casa farmaceutica dovrà rispettare i patti, perché ora l’Unione si è attrezzata con le armi per difendersi. A partire dal meccanismo di autorizzazione all’export, che nella sua ultima versione rafforzata, seppur col richiamo alle cautele da parte di alcuni, ha riscosso il consenso generale. E nella mobilitazione generale «per accelerare sulla produzione e la distribuzione delle dosi», evidenziata dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel, con il collegamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden si sono gettate le basi per collaborare sul fronte della distribuzione globale di vaccini anti-Covid. Nonostante ciò, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz tiene il punto nella sua protesta sul metodo per la ripartizione delle dosi, a suo dire iniquo e «corrotto», e fa irritare mezza Europa. Dopo aver preso nelle settimane scorse il timone del gruppetto degli scontenti, il cancelliere si è presentato al cospetto degli altri capi di Stato e di governo Ue senza nessuna voglia di mediare. I 10 milioni di dosi di vaccino anticipate alla Commissione da Pfizer per il secondo trimestre, è la sua tesi, devono andare a chi ne ha più bisogno. Quindi, sostiene, anche all’Austria colpita dai ritardi di consegna di AstraZeneca. Altrimenti, Vienna porrà il veto. Uno scetticismo suffragato dai numeri: fin qui, l’Austria ha vaccinato 14,6 persone ogni 100 residenti, al di sopra della media Ue di 13,6, secondo i dati dell’Ecdc. (fonte: doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dopo Pasqua rientreranno a scuola 3,7 milioni di alunni

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Un anticipo di questo rientro massiccio si avrà martedì 30 marzo, con il passaggio del Lazio dalla zona rossa all’arancione, quando circa un milione di alunni lasceranno la DAD, mentre passano in zona rossa la Toscana, la Calabria e la Valle d’Aosta. La nuova mappa delle presenze a casa o a scuola dal 7 aprile sarà la seguente: 3,2 milioni di studenti continueranno a seguire in DAD da casa (erano 6,9 milioni nei giorni scorsi) e 5,3 milioni nelle aule (erano solo 1,6 milioni). Passeranno da 2 a 6 su dieci gli alunni che potranno seguire le lezioni in classe e socializzare con compagni e insegnanti. Non si verificava questa situazione dall’inizio di marzo quando gli alunni in presenza erano stati 5,4 milioni. Il quadro non è omogeneo sul territorio: nelle Isole sarà confermato a scuola in presenza l’83% degli alunni, mentre nelle regioni settentrionali sarà in presenza il 57%. La Regione con la minore quota di studenti in presenza sarà la Campania (solo il 51%), quella con la maggiore presenza il Lazio (quasi l’84%). Dal prossimo 6 aprile 5,3 milioni di studenti seguiranno le lezioni in presenza a scuola. Sono il 62,3% (sei su dieci) degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie. Tra loro 3,1 milioni frequentano scuole dell’infanzia, scuole primarie e il primo anno di secondaria di I grado anche se si trovano in regioni classificate in zona rossa. Per la stessa ragione potranno tornare nelle istituzioni educative, indipendentemente dal colore della regione, i bambini dei nidi d’infanzia. Da martedì prossimo, 30 marzo, 687mila ragazzi delle scuole laziali lasceranno la DAD per il cambio del colore della regione che da rossa passerà all’arancione, ma oltre mezzo milione di alunni toscani e 285mila calabresi andranno in zona rossa, tutti temporaneamente in DAD fino al 6 aprile. Per due giorni, prima che inizino le vacanze pasquali, saranno poco più di 2milioni gli alunni in presenza e quasi 6,5 milioni quelli in DAD. Se prima della data del rientro alcune regioni classificate in zona rossa transiteranno in zona arancione, il numero degli alunni in presenza potrebbe aumentare soprattutto in riferimento ai ragazzi degli ultimi due anni della secondaria di I grado e al 50% degli studenti delle superiori.La modifica di colore disposta dall’ordinanza del ministro della salute avrà effetto da martedì 30 marzo, mentre il parziale ritorno in presenza dopo Pasqua è stato deciso dal presidente Draghi che ha voluto rompere il vincolo delle zone rosse, autorizzando il rientro in presenza dei bambini della scuola dell’infanzia, degli alunni della primaria e di quelli del primo anno della scuola secondaria di I grado. Nello specifico, secondo i calcoli di Tuttoscuola, dovrebbero essere dunque 5.296.519(sei su dieci) gli alunni di scuole statali e paritarie che potranno seguire le lezioni in presenza su un totale di 8milioni e 506mila. I dati comprendono circa anche un milione e 400mila bambini di scuola dell’infanzia da settimane esclusi dalle attività educative in presenza a scuola. Le regioni più interessate da questa riapertura in presenza con quantità notevoli di ragazzi a scuola sono la Lombardia con 785.910 in presenza (e 615.903 in DAD), il Lazio con 687.592 (e 133.737 in DAD), la Campania con 484.731 (e 460.262 in DAD), la Toscana con 265.966 (e 238.650 in DAD), il Veneto con 373.003 in presenza (e 307.093 in DAD). Con la quasi totalità degli alunni in presenza (82-83%) le Isole: la Sicilia con 614.891 e la Sardegna con 170.004 alunni in presenza. Complessivamente vi saranno 5,3 milioni (62,3%) di alunni in presenza a scuola e 3,2 milioni (37,6%) in DAD, con la consueta alternanza del 50% per gli studenti delle superiori nelle regioni in cui è consentito. Con riferimento ai diversi settori scolastici, seguiranno le attività didattiche a scuola 1.393.010 bambini delle scuole dell’infanzia (il 100%), 2.605.865 alunni della primaria (il 100%), 906.011 alunni della scuola secondaria di I grado (il 52,9%) e parzialmente in alternanza al 50% 407.304 studenti delle superiori (il 14,6%). L’approfondimento completo su tuttoscuola.com

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Famiglia, Serracchiani, assegno unico è legge Pd

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

“Un aiuto sostanziale alle famiglie, voluto e perseguito con tenacia dal Pd. L’Assegno unico per i figli introduce in Italia un cambiamento storico nel sistema dei sostegni strutturali ai nuclei familiari. Proprio nell’anno in cui il nostro Paese soffre di più per la crisi economica e la denatalità, il Pd crea letteralmente i presupposti della rinascita post pandemia, dando la mano a chi ha figli e alleva il futuro”. Così la presidente della commissione Lavoro della Camera Debora Serracchiani, a proposito della norma istitutiva dell’Assegno unico per i figli, a firma Delrio-Lepri, che sarà votata martedì prossimo.”Un assegno mensile per tutti, sostanzioso, dalla nascita alla maggiore età, maggiorato per i disabili – spiega Serracchiani – significa in particolare aiutare le donne a mettersi o a restare sul mercato del lavoro. Su questo fronte non abbiamo bisogno di inseguire nessuno: è una nostra battaglia sociale e l’abbiamo vinta. Ne faremo altre – conclude – con chi vorrà esserci”.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Personale Ata, fermento per il rinnovo delle graduatorie d’istituto: già 200 mila domande

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

A meno di una settimana dall’avvio della finestra di aggiornamento della terza fascia delle graduatorie d’istituto del personale amministrativo, tecnico e a vario titolo facente parte degli Ata, sono quasi 200 mila le domande già pervenute al ministero dell’Istruzione. E rimangono confermate 4 milioni di domande, di cui la metà di nuovo inserimento, attese fino al prossimo 22 aprile, che si riconducono nella procedura, valida per il triennio 2021/23. A dirlo è stato Marcello Pacifico, leader dell’Anief, durante un’intervista a Italia Stampa, ricordando anche le incongruenze che stanno emergendo nella presentazione dei titoli e dei servizi. È davvero l’alto interesse per la formazione delle nuove graduatorie del personale Ata negli oltre 8.200 istituti scolastici italiani, per complessivi 50 mila plessi, sulla base dell’ultimo decreto ministeriale, il n. 50 del 3 marzo 2021: un decreto che però non prevede l’inserimento dei candidati con la licenza di scuola media nonostante le recenti norme abbiano consentito il lavoro del personale delle cooperative con questo stesso titolo nei profili di collaboratore scolastico. Anief ricorda che è lunga la lista dei profili professionali per i quali si potrà presentare domanda: assistente amministrativo, assistente tecnico, collaboratore scolastico, cuoco, infermiere, guardarobiere, addetto alle aziende agrarie. “Per chi fa la prima volta l’inserimento”, con il sistema Istanze Online “dovrà essere in possesso dello SPID per la propria identità digitale” “Qualora il sistema on line non dovesse accettare le richieste formulate, come nel caso del diploma di licenza media per fare il supplenza come collaboratore scolastico, si dovrà procedere comunque con una domanda cartacea e poi procedere al ricorso” con il supporto dei legali in convenzione con il giovane sindacato.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il volo libero in parapendio in attesa della riapertura

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Pur costretti dall’emergenza sanitaria a restare con i piedi a terra, i piloti di deltaplano e parapendio non rinunciano a mantenersi informati sulla disciplina e a programmare il futuro.Grazie alla tecnologia, una serie di appuntamenti a distanza tutt’ora in corso hanno raccolto quasi 4000 presenze. Ospiti tecnici, istruttori e i nostri campioni mondiali, sono stati affrontati argomenti come meteorologia, materiali, strategie di volo, manutenzione dei mezzi, sicurezza e volo in parapendio abbinato all’escursionismo, meglio noto come hike and fly, in pratica o voli o cammini.Sull’onda del successo che questa disciplina sta raccogliendo, sono stati programmati tre raduni per la prossima estate: Hike&Fly Experience, il 12 giugno, con salita a piedi lungo i sentieri storici del Monte Grappa. Poi volo in un sito noto per le sue eccellenti condizioni aerologiche e atterraggio di precisione nei pressi del Garden Relais di Borso del Grappa (Treviso). Organizzazione Volo Libero Montegrappa e Parazoo.La Prealpi Tour 2021 si terrà a Feltre (Belluno) dal 18 al 20 giugno, una combinazione di trekking e volo in parapendio tra rifugi e malghe nelle Prealpi Trivenete. Partenza dall’area Boscherai a Pedavena e aggiramento di sette punti prestabiliti prima dell’arrivo in val di Lamen. Organizzazione Para&Delta Club Feltre.Pensata dal club Volomania, l’11 e 12 settembre appuntamento a Rovetta (Bergamo) per la H&F Presolana, nome mutuato dal massiccio montuoso delle Prealpi Bergamasche, detta anche “Regina delle Orobie” per i suoi 2.521 metri. Lo scorso anno i cinquanta posti previsti sono andati esauriti e il trofeo è finito al capo opposto della penisola, vinto dal pilota siciliano Giuliano Minutella.A proposito di regine, nell’hike & fly il titolo regale spetta alla XAlps, gara biennale giunta quest’anno alla decima edizione. Decollerà il 20 giugno dalla piazza di Salisburgo dedicata a Mozart per raggiungere il Monte Bianco e tornare in Austria, un viaggio di andata e ritorno attraverso Germania, Svizzera, Francia e Italia. Dodici i punti di aggiramento, detti anche boe o turnpoint per un totale di 1.238 km da coprire entro il 2 luglio in volo o consumando le suole delle scarpe. Infatti in questa tipologia di competizioni nessun altro mezzo di trasporto è ammesso. Ogni 48 ore l’ultimo della coda viene eliminato. Parteciperanno 33 piloti da tutto il mondo, comprese tre donne. Dal Trentino e Alto Adige gli azzurri in lizza: Aaron Durogati, Tobias Grossrubatscher e Nicola Donini.Per portare a termine questa massacrante maratona ogni atleta dovrà fare i conti con il tempo, le condizioni meteo, l’orografia e la propria forma fisica L’uomo da battere è l’inossidabile, coriaceo ed eterno svizzero Christian Maurer che di Xalps ne ha vinte ben cinque. By Gustavo Vitali

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anief: “Stessi diritti per i lavoratori della scuola precari e di ruolo”

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, durante il seminario sulla legislazione scolastica di oggi, organizzato per le province di Perugia e Terni, ha sottolineato come sia importante riconoscere anche ai precari i diritti dei lavoratori della scuola stabilizzati. Il leader del sindacato ha affermato che “anche il personale precario docente e il personale amministrativo hanno diritto alla card per poter svolgere la propria attività pure a distanza. In realtà bisogna fare in modo che con il rinnovo del contratto tutto il personale a tempo determinato abbia gli stessi diritti del personale di ruolo in termini di ferie, malattie, permessi, retribuzione e carriera”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giunti Edu “I saperi essenziali”

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

In libreria da mercoledì 31 marzo. Una raccolta di tre volumi dedicata alle scienze, alla storia e alla geografia, rivolta ai ragazzi e alle ragazze delle classi terze della scuola secondaria di primo grado, che rende più facile comprendere, memorizzare, studiare e ripassare.Giunti Edu, società del gruppo Giunti dedicata storicamente al settore psicoeducativo, rafforza con questa collana l’obiettivo di lavorare su testi per tutti, innovativi e dinamici, che possano rendere ragazzi e ragazze autonomi nello studio e nel ripasso e, contemporaneamente, offrire un’esperienza immersiva e appassionante verso quei saperi irrinunciabili, essenziali, a volte percepiti come troppo complessi e distanti per appropriarsene veramente.La collana, curata da Elisabetta Nigris, docente di Didattica generale e Progettazione didattica e valutazione all’Università degli studi di Milano-Bicocca, si avvale della competenza di disciplinaristi, che garantiscono il rigore scientifico dei contenuti, e di esperti di didattica, attenti all’applicazione dei risultati delle più recenti ricerche sul processo di apprendimento.Volumi che aiutano ragazzi e ragazze a individuare e riconoscere i concetti e gli argomenti essenziali da studiare, organizzare i contenuti per ripassare senza dimenticare le cose più importanti e prepararsi alle verifiche, durante tutto l’anno e all’esame finale. I testi sono progettati per avvicinare i ragazzi alle discipline, con un linguaggio ricco e articolato ma accessibile, che ne facilita la comprensione, rendendo piacevole la lettura.Ogni volume contiene gli argomenti fondamentali affrontati nella classe terza della scuola secondaria di I grado, organizzato in unità e capitoli. Ogni unità si apre con l’indice dei saperi essenziali per individuare velocemente i nuclei da ripassare, e in ogni pagina è presente un’area “focus” con domande per concentrare l’attenzione sul contenuto principale e schemi che sistematizzano i nodi salienti di un paragrafo, ricorrendo a parole chiave utili per il ripasso. Attraverso un QR code si accede anche alla sezione online con altri esercizi utili per simulare verifiche, interrogazioni e domande d’esame.I saperi essenziali di Scienze. Il volume contiene gli argomenti essenziali affrontati nella classe III della scuola secondaria di I grado: l’energia e la materia, dall’Universo al pianeta Terra, la storia degli organismi viventi, la reazione agli stimoli esterni e la riproduzione, con un approccio coinvolgente che aiuta lo studente a scoprire e capire la vita in tutte le sue forme e lo esorta a tutelare il nostro pianeta. I saperi essenziali di Storia. Il volume contiene gli argomenti essenziali affrontati nella classe III della scuola secondaria di I grado: la Storia mondiale dalla seconda rivoluzione industriale all’inizio del terzo millennio, raccontata dal punto di vista politico, culturale, sociale, economico e geografico.I saperi essenziali di Geografia. Il volume Saperi Essenziali di Geografia contiene gli argomenti essenziali affrontati nella classe III della scuola secondaria di I grado: il pianeta Terra e i continenti (Asia, Africa, America, Oceania e Antartide). Questi ultimi vengono presentati in un’esplorazione continua di territorio, fattori umani (storia, popolazione, lingue, religioni, culture) e attività economiche: elementi in stretta relazione, che si influenzano l’uno con l’altro, in un vero e proprio sistema.Giunti Edu è società del gruppo Giunti che offre servizi e prodotti per insegnanti e professionisti che operano dentro e fuori la scuola: dalla valutazione della difficoltà e del disturbo all’intervento educativo e di recupero. La linea editoriale di Giunti EDU è basata sulla fondatezza scientifica degli strumenti e dei materiali prodotti, frutto dell’esperienza pluriennale degli autori, che integrano le attività di ricerca con le esperienze sul campo. Giunti Edu è ente accreditato MIUR per la formazione degli insegnanti.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eurostat: in Italia tasso natalità più basso dell’Ue

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Il Vecchio continente sta diventando davvero vecchio. E l’Italia è tra i Paesi che invecchiano di più. Il tasso delle nascite è infatti costantemente in discesa. Lo certifica l’Eurostat (l’Ufficio statistico della Ue) nel rapporto divulgato oggi secondo cui nel 2019 nell’Unione europea sono nati solo 4,17 milioni di bambini: si è dunque confermata una tendenza al ribasso iniziata dopo il 2008, quando le nascite avevano raggiunto quota 4,68 milioni. «Il tasso di fertilità totale, si legge nell’indagine di Eurostat, si è attestato a 1,53 nascite per donna nell’Ue nel 2019 (ultimi dati disponibili), una piccola diminuzione rispetto al suo recente picco nel 2016 (1,57), ma un aumento rispetto al 2001 (1,43)». Il più alto tasso di fertilità totale dall’inizio di serie storiche comparabili è stato nel 2008, quindi nel 2010 e 2016 (1,57), oscillando tra 1,51 e 1,57. Nel 2019, la Francia (1,86 nati vivi per donna) era lo Stato membro con il più alto tasso di fertilità totale nell’Ue, seguita da Romania (1,77), Repubblica Ceca, Irlanda e Svezia (tutte e tre 1,71) e Danimarca (1,70). «Al contrario, scrive Eurostat, i tassi di fertilità più bassi sono stati osservati a Malta (1,14 nascite per donna), Spagna (1,23), Italia (1,27), Cipro (1,33), Grecia e Lussemburgo (entrambe 1,34)». I dati Eurostat “devono far riflettere molto, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”: bisogna preoccuparsi per un’Italia che non solo non va avanti ma va indietro. Quanto alle responsabilità, dipende da una cultura politica tesa a dimenticare i problemi centrali della società. C’è un problema concreto di tranquillità sociale, non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto lavorativo.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il British Council annuncia la costituzione del ‘CAB’

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Il British Council ufficializza la nascita del primo Cultural Advisory Board (CAB), il tavolo di confronto tra esponenti del mondo della Cultura di Italia e Regno Unito volto a indagare i temi di maggiore rilevanza nel settore per fornire risposte concrete e attuabili.Il Cultural Advisory Board rientra nel piano programmatico di iniziative e impegni istituzionali per il 2021, eredità della UK/Italy Season 2020 e testimonianza dell’impegno dell’ente britannico a sostenere insieme a partner nel Regno Unito e in Italia la ripresa e lo sviluppo della cultura, delle politiche sociali e di un futuro sostenibile.Il 2021 è un anno importante per i due Paesi, che sono coinvolti nella leadership del G7 e del G20 e che collaboreranno in occasione di COP26, la conferenza sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, per la costruzione di un futuro sostenibile.Il British Council Italy Culture Advisory Board si riunirà tre volte nel corso del 2021 per guidare l’agenda condivisa sulle questioni chiave per il prossimo futuro: · Aumentare la resilienza e il posizionamento del settore culturale britannico e italiano, attraverso un dialogo costante e la condivisione di conoscenze e competenze · Incrementare i benefici per il Regno Unito e l’Italia derivanti dalle relazioni culturali bilaterali dei due paesi · Posizionare la cultura al centro delle relazioni bilaterali fra Regno Unito e Italia “Il British Council Italy Culture Advisory Board nasce dal terreno fertile della Stagione di eventi culturali bilaterali ‘UK/Italy 2020’ dell’autunno scorso, e rappresenta oggi un veicolo chiave per guidare ciò che il British Council fa da oltre 80 anni: costruire connessioni, comprensione e fiducia tra le persone nel Regno Unito e in altri paesi attraverso l’arte e la cultura, l’istruzione e la lingua inglese.” ha precisato la Launay.A comporre il CAB neo-costituito un parterre di riconosciuti professionisti ed esperti del mondo culturale e artistico, nominati a seguito di un bando aperto nel febbraio 2021, che ha cercato di garantire una gamma complementare di esperienze e conoscenze in modo che il board rifletta la ricca diversità del settore della cultura italiana, nel rispetto dei principi di Equality, Diversity e Inclusion propri del British Council. Ne fanno parte: · Leonardo Alfonsi, Direttore, Psiquadro, impresa sociale per la communicazione della scienza · Diana Anselmo, Studentessa e attivista, Vice Presidente di Al.Di.Qua. Artists · Ugo Bachella, Presidente, Fondazione Fitzcarraldo · Andrea Cusumano, Artista, academico, e Direttore Artistico Letterature Festival Internazionale · Linda Di Pietro, Chief Cultural Officer, BASE · Fabrizio Grifasi, Direttore Generale ed Artistico, Fondazione Romaeuropa · Francesco Mannino, Manager Culturale e Presidente, Associazione Officine Culturali Impresa Sociale ETS · Prof. Cav, Simon Mordant, co-presidente esecutivo Luminis Partners; vicepresidente del MOMA PS1 di New York; membro del Comitato Esecutivo del Tate International Council di Londra · Prof. Federica Olivares, Direttrice, International Program in Cultural Diplomacy, Università Cattolica del Sacro Cuore · Maria Nevina Satta, Direttrice, Sardegna Film Commission · Massimiliano Tonelli, Direttore, Artribune.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccinazioni anziani e regioni che si sottraggono all’obbligo

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

“Sui vaccini ai cittadini over 80 Draghi accusa quelle Regioni che “trascurano i loro anziani in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale”. Parole che confermano le denunce di Fratelli d’Italia sullo scandalo dei “furbetti del vaccino”, che hanno tolto delle dosi alle persone più fragili e che rischiano di più se contraggono il Covid. Continueremo a batterci per fare chiarezza e a chiedere priorità nella vaccinazione degli anziani, anche a domicilio e con il coinvolgimento di medici e farmacisti”. Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini: Rojc (Pd), no a “rivolta” Fedriga contro Draghi

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

“Davvero incredibile e inaccettabile la ‘rivolta’ di Fedriga contro il presidente Draghi. Chi guida una Regione come il Friuli Venezia Giulia in testa ai primati negativi in Italia per morti, contagi e intasamento delle terapie intesive, non può permettersi il lusso di indignarsi, né di deformare la realtà spacciando per successo un fallimento: meglio sarebbe un dignitoso silenzio. Ognuno si prenda le sue responsabilità, non si usino le classifiche e i numeri solo quando fanno comodo”. Lo afferma la senatrice Tatjana Rojc (Pd), replicando al presidente Fvg Massimiliano Fedriga, il quale, in relazione alle parole del premier Draghi in Senato sulle responsabilità delle Regioni nella campagna vaccinale, ha detto che “è inaccettabile mettere le Regioni sul banco degli imputati”. “Tre su quattro delle nostre ex province – precisa Rojc – sono al vertice in Italia per nuovi contagi giornalieri su 100mila abitanti, il Fvg negli ultimi 7 giorni il FVG è primo in Italia per deceduti sul milione di abitanti, peggioriamo anche nelle vaccinazioni finendo 14^. Tutte le Regioni hanno problemi ma qualcuno fa meglio e altri devono impegnarsi di più. L’umiliazione non va su operatori sanitari e tecnici che stanno dando l’anima, ma su chi per incapacità e arroganza peggiora la tragedia della pandemia”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Locazioni: mercato in sofferenza in tutte le aree del Paese ma prezzi fermi

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Non solo le grandi città a vocazione turistica sono state colpite dagli effetti del Coronavirus, ma tutto il Paese – a un anno dall’inizio della pandemia – ha visto cambiare il mercato immobiliare degli affitti. A dimostrarlo i dati relativi all’ultimo semestre (settembre 2020 – febbraio 2021) registrati dall’Osservatorio di Immobiliare.it, secondo cui in Italia l’offerta di immobili in affitto è aumentata dell’1,8%, mentre la domanda è diminuita di quasi 6 punti e mezzo percentuali. A variare meno sono solo i costi: per un trilocale in affitto si spendono in media 801 euro, con una variazione percentuale negli ultimi sei mesi pari all’1%.Guardando al dettaglio delle diverse aree del Paese emergono trend differenti tra loro. Nel Nord-est emerge una generale condizione di sofferenza in cui sono calate sia l’offerta che la domanda di immobili in affitto rispetto a settembre 2020.Il Nord-ovest invece registra un mercato a due velocità differenti: cresce l’offerta (+3,5%), ma scende la domanda che perde 6,5 punti percentuali. Per quanto riguarda i costi, restano invariati, segnando un +0,2% che va ad incidere poco sul prezzo finale.Centro e Isole sono accomunati dalla crescita significativa dell’offerta di immobili in affitto, provenienti dallo stock precedentemente destinato all’uso turistico, pari al 2,3% per il Centro e al 5,2% delle Isole. In queste ultime diminuisce invece in maniera profonda la domanda di abitazioni (-19,9%)Infine il Sud che – come il Nord-est – vede il segno meno sia per quanto riguarda la domanda (-3,3%) che l’offerta (-3,4%) di abitazioni in locazione negli ultimi 6 mesi. A salire sono solo i prezzi che segnano un aumento di 3,3 punti percentuali portando il costo medio di un trilocale a 613 euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini e avvocati. I deboli pagano per il potere della lobby

Posted by fidest press agency su domenica, 28 marzo 2021

Tra i diversi errori nella campagna vaccinale ce n’è uno che griderebbe vendetta, ma speriamo sia solo riconosciuto e si proceda altrimenti: i vaccini somministrati con priorità per categoria e non età dei malati/morti, visto che l’età media dei morti per Covid è 81 anni e solo l’1% ha meno di 50 anni, e la morte non ha guardato in faccia le categorie. Io sono avvocato, 44 anni, e avrei potuto vaccinarmi con priorità. Non sono no-vax. Anzi!! Ero imbarazzata e continuo ad esserlo, per gli altri avvocati e per la comunità. Tutti i miei colleghi, alcuni anche perplessi come me, non si sono tirati indietro… la salute è salute. “E poi – mi è stato anche detto – non è che la tua dose la danno ad un’ottantenne…”. La vita – hanno cercato di farmi capire – è “real” come la “politik”. E come per gli avvocati: i giudici, i giornalisti, i taxisti, i commercianti, gli insegnanti, le forze dell’ordine, i militari, etc. Tutti con ottime ragioni ma “distratti” rispetto al numero “80”.La mia realtà, però, è altra. La serenità con me stessa, in un mondo di altri a cui appartengo e da cui la mia vita dipende. Attingo e dò. Interscambio. In questo caso posso dare di più, la mia vita è meno in pericolo. Dovevo prestarmi anche io? Una sola “categoria” aveva ed ha senso di priorità: il personale sanitario, tutto. Il resto è una drammatica “fakenews” che ognuno racconta a se stesso.Ecco perché ho deciso ché la mia serena scelta divenga testimonianza, strumento di lotta e di riflessione per chi oggi ha il potere di invertire questa tragedia, anche se la scia di morti che non avrebbero potuto esserci griderebbe vendetta. Parlo e testimonio solo per costruire.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »