Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Con il COVID-19 e il climate change, cresce l’engagement di LGIM verso le aziende

Posted by fidest press agency su sabato, 3 aprile 2021

Legal & General Investment Management (LGIM), uno dei più grandi asset manager al mondo, ha pubblicato il suo decimo “Active Ownership” report annuale. La società rivela che nel corso del 2020 ha aumentato del 21% le azioni di engagement con le aziende e ha continuato a esercitare il suo diritto di voto a livello globale, opponendosi all’elezione di oltre 4.700 amministratori di società, con l’obiettivo di apportare cambiamenti positivi nelle aziende in cui investe. Il 2020 è stato un anno eccezionale per l’engagement. A marzo LGIM ha scritto alle aziende presentando suggerimenti costruttivi su come affrontare la pandemia in corso e i relativi lockdown, dal sostegno ai dipendenti alla raccolta di capitali. Oltre al crescente focus su temi quali la retribuzione dei dirigenti, la governance dei consigli di amministrazione e le disuguaglianze di reddito, la stewardship di LGIM ha continuato a far luce sulla diversity di genere ed etnica delle aziende, nonché sulla minaccia di lungo termine del cambiamento climatico. Nel 2020, LGIM ha ampliato i suoi UK Principles of Executive Pay per evidenziare che aumenterà i controlli su quelle società che hanno ricevuto sostegno dal governo o dagli azionisti – tramite capitale aggiuntivo o dividendi sospesi – o quelle che hanno effettuato licenziamenti del personale, ma hanno continuato a pagare bonus ai dirigenti. LGIM è stata coinvolta in 145 consultazioni sulle retribuzioni – rispetto alle 96 del 2019 – riguardanti le modifiche alle politiche da sottoporre agli azionisti alle assemblee generali del 2021 e le ulteriori incertezze sulla pandemia di COVID-19. Nel 2020, sono state 341 le proposte di adozione di una nuova politica retributiva presso le società del Regno Unito, ed LGIM ha espresso voto contrario per 128 (il 37,5%). Di queste, 82 (il 64%) riguardavano politiche con requisiti di partecipazione azionaria successiva all’uscita che non soddisfacevano i principi retributivi individuati da LGIM. All’inizio del 2020, LGIM ha annunciato la sua decisione di votare contro tutte le società in cui i ruoli di presidente del consiglio di amministrazione e CEO fossero congiunti e nel corso dell’anno ha votato contro 411 società in cui le due funzioni erano unite. Solo in Nord America, ha espresso voto contrario nei confronti di 280 amministratori con ruoli non separati e ha sostenuto 42 proposte degli azionisti che chiedevano un presidente indipendente.LGIM ha rafforzato il suo engagement sui temi della diversity nel 2020, lanciando campagne di alto profilo per promuovere una maggiore diversity etnica all’interno dei consigli, impegnandosi nel contempo sulla diversity di genere e di leadership in Giappone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: