Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 10 aprile 2021

Giornata Nazionale del Mare

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

L’11 aprile si celebra la Giornata Nazionale del Mare per valorizzare il mare come risorsa culturale, scientifica, ricreativa ed economica. Francesca Santoro, specialista di programma della Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO e promotrice del Decennio del Mare in Italia, sottolinea la necessità di proteggere un patrimonio che può contrastare il cambiamento climatico e creare occupazione. Appuntamento con un un nuovo “Aperitivo blu – Un Totem Per l’Oceano” del Decennio del Mare per parlare di Blue Economy l’11 aprile alle ore 19 con Simone Perotti, candidato con il suo libro “I Momenti Buoni” al Premio Strega 2021. Sono 27 le aree marine protette in Italia (AMP), cui si aggiungono 2 parchi sommersi, che tutelano complessivamente circa 228.000 ettari di mare e 700.000 km di costa*. Andando a guardare nel dettaglio, il 19,12% delle acque territoriali italiane (0-12 miglia nautiche) è coperto da aree marine a vario titolo protette: aree in cui le attività umane – ad esempio pesca e turismo – dovrebbero essere parzialmente o totalmente limitate, i pesci riescono a riprodursi e si conserva la biodiversità del più grande ecosistema del Pianeta. Tuttavia solo nell’1,67% dei casi si tratta di aree che implementano efficacemente i propri piani di gestione, mentre per il resto si tratta di piccoli paper park, ovvero aree marine che non sono efficacemente gestite. Inoltre, soltanto lo 0,1% è coperto da aree a protezione integrale. L’Italia insieme a Regno Unito, Spagna, Germania e Francia, è tra i maggiori contributori all’Economia Blu dell’UE sia per l’occupazione (con un contributo combinato del 58%) che per il valore aggiunto lordo VAL (con un contributo combinato del 69%). Nel 2017, in termini di VAL dell’economia blu dell’UE il bacino marittimo del Mediterraneo – di cui fa parte l’Italia – ha toccato quota 59,6 miliardi di euro, 29% del totale a livello europeo, arrivando dopo Oceano Atlantico ((73,4 miliardi di euro) e Mare del Nord (63 miliardi di euro). Tuttavia, la dimensione in termini di occupazione è stata invertita: il 40% dell’occupazione della Blue Economy si trova nel Mediterraneo (1,78 milioni di dipendenti), il 29% nell’Oceano Atlantico (1,29 milioni di dipendenti) e solo il 20% nel Mare del Nord (0,87 milioni di dipendenti). Per quanto riguarda l’Italia, nel dettaglio, negli ultimi 10 anni (dal 2009 al 2018) ha visto la sua quota di occupazione e di VAL diminuire. D’altra parte però, l’Italia ha un ruolo importante dal punto di vista ambientale: si stima che sia responsabile del sequestro di 13.2 milioni di tonnellate annue di Carbonio Blu, il valore più alto tra gli stati membri dell’UE nel Mar Mediterraneo.La Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO (COI-UNESCO), è stata istituita nel 1960 come ente dell’UNESCO con autonomia funzionale, è l’unica organizzazione competente per le scienze del mare nell’ambito del sistema delle Nazioni Unite.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Question Time in Commissione esteri concernente per il sostegno all’attività degli Enti gestori dei corsi di lingua italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“Durante il Question Time in Commissione esteri, ho chiesto al Governo di rinviare di un anno l’entrata in vigore delle disposizioni attuative della circolare 3 del 2020 del Maeci e di avviare un tavolo di lavoro con gli Enti gestori per salvaguardare i corsi di italiano in Nord America. (https://webtv.camera.it/evento/17885) A rispondere a nome del Governo è stato il Sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano, che ha mostrato disponibilità al dialogo e ad attivare procedure flessibili ma non ha dato alcuna indicazione circa il rinvio che ho chiesto in accordo con gli Enti gestori e il Cgie.Pertanto, nella mia replica, dopo aver ringraziato il Sottosegretario per l’atteggiamento di dialogo, ho precisato che la risposta è insufficiente per il fatto che non accoglie la mia richiesta, in che significa mettere a rischio i corsi di italiano con la perdita di circa 300 mila studenti in Nord America.Ho fatto notare che “la situazione degli Enti gestori è veramente emergenziale alla luce di queste nuove disposizioni, gli enti gestori non sono in grado di integrare il contributo ministeriale”.Ho sottolineato che “è in gioco la proiezione internazionale dell’Italia e il rapporto con i connazionali all’estero” e che “andare avanti su questa strada significherebbe chiaramente abbandonare i nostri connazionali all’estero a loro stessi e tagliare i ponti con la Madrepatria”.E per queste ragioni ho auspicato un ripensamento del Governo insistendo sul “rinvio di un anno dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni” ed ho chiesto che nel frattempo si avvii “un tavolo tecnico di concertazione con gli Enti gestori per mettere a punto, in maniera graduale, disposizioni più rispondenti alle esigenze delle Comunità italiane all’estero e quindi anche del nostro Paese”.Auspico che l’attenzione al bene dell’Italia, compresa quella all’estero, e la salvaguardia dei diritti linguistici dei nostri figli possa far tornare il Governo sui propri passi ben comprendendo che sarebbe la strada migliore per tutti e io, sicuramente, continuerò a lavorare in questa direzione.” Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Fitzgerald Nissoli, deputata di Forza Italia eletta in Nord e Centro America.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Scuola:Rojc (Pd), pandemia ha evidenziato lacune in campo digitale

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“E’ necessario confrontarci con l’impreparazione in campo digitale, che costituisce una delle massime sfide del Next Generation EU per porre le basi del nostro futuro”. Lo ha detto la senatrice Tatjana Rojc (Pd) intervenendo oggi nell’aula di Palazzo Madama durante la discussione della mozione, approvata,sul potenziamento dell’insegnamento della matematica edell’educazione digitale. “Per decenni – ha sottolineato la senatrice – il nostro Paese non ha voluto né saputo cogliere in toto le sfide che invece nel mondo, dagli Stati Uniti all’India, trovavano spazio attraverso la consapevolezza che il digitale, e quindi la formulazione matematica, sarebbe divenuto la lingua globale per eccellenza, l’investimento per il futuro dell’umanità” Per Rojc, che ha ricordato il premio Nobel Carlo Rubbia e il pioniere della computer art Edvard Zajec,“la pandemia ha messo in evidenza molte delle nostre lacune,scardinato innumerevoli certezze, portato alla luce la voragine tra ciò che è e ciò che invece dovrebbe essere, soprattutto in quella che generalmente viene definita una scienza esatta”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: “Si provveda a stabilizzare i precari, va tutelata la carriera professionale”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“Anche chi ha un diploma magistrale o tecnico professionale se ha visto riconosciuto il suo titolo per insegnare come supplente ha diritto ad avere riconosciuto lo stesso pure per entrare nei ruoli dello Stato. Continueremo a combattere in Italia e in Europa fino a quando questo diritto non verrà integralmente riconosciuto. Oggi in Senato, al fine di tutelare la posizione di migliaia di insegnanti precari, abbiamo chiesto la proroga dei contratti e il divieto dei licenziamenti in questo momento di emergenza epidemiologica”: a dire ciò è stato Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato rappresentativo Anief, durante il seminario sulla legislazione scolastica organizzato per la provincia di Roma.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione docenti, assegnare i 500 euro annui anche ai precari

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

I 500 euro annui della carta del docente, eventualmente cumulabile con il residuo dell’anno scolastico 2019/20, permettono di acquistare libri, riviste, ingressi nei musei, biglietti per eventi culturali, teatro e cinema o per iscriverti a corsi di laurea e master universitari, a corsi per attività di aggiornamento, svolti da enti qualificati o accreditati presso il Ministero dell’Istruzione. Inoltre, la Carta del Docente – scrive Orizzonte Scuola – permette “di sostenere la formazione continua dei docenti e di valorizzarne le competenze professionali” (art. 1, comma 121, legge 107/2015). Di conseguenza, personal computer, computer portatili o notebook, computer palmari, e-book reader, tablet, strumenti di robotica educativa rientrano nella categoria degli strumenti informatici che sostengono la formazione continua dei docenti. E anche prodotti utili ad attuare la didattica a distanza (fino al 31 dicembre prossimo). Si possono acquistare anche tutti i programmi e le applicazioni, (disponibili in formato elettronico, disponibili in cloud, scaricabili online o incorporati in supporti quali memorie esterne, CD, DVD, Blue Ray), destinati alle specifiche esigenze formative di un docente, come ad esempio programmi che permettono di consultare enciclopedie, vocabolari, repertori culturali o di progettare modelli matematici o di realizzare disegni tecnici, di videoscrittura, di editing e di calcolo (strumenti di office automation). Con la Carta del Docente, infine, si può seguire un corso on line purché svolto dagli enti accreditati o qualificati Miur ai sensi degli articoli 2 e 3 della direttiva 90/2003, e dai soggetti di cui all’articolo 1 commi 2 e 3 della medesima Direttiva.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola. Drago (FdI): lo Stato colmi il divario tra formazione scientifica e umanistica

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“Potenziare lo studio della matematica farà crescere l’approccio scientifico dei nostri studenti. Fratelli d’Italia ha espresso convintamente un voto favorevole alla mozione sull’insegnamento della matematica e dell’educazione digitale, ma dobbiamo comunque evidenziare che con questa mozione la maggioranza certifica il fallimento del provvedimento dei 500 euro annui stanziati per la formazione di ciascun docente. Vista l’inadeguata formazione di una parte dei docenti, dimostrata ad esempio nelle difficoltà nell’adozione della Dad, meglio si sarebbe fatto destinando direttamente quei soldi per rimpinguare i magri stipendi del personale insegnante, facendo in modo che il ministero dell’Istruzione si faccia carico direttamente della formazione permanente degli insegnanti. Pur essendo del tutto evidente la correlazione tra la struttura del pensiero matematico e la struttura dell’azione della lingua, il nostro sistema scolastico, ad oggi, manifesta un preoccupante divario tra formazione scientifica e umanistica. Una distanza che va colmata quanto prima, rivedendo molti dei parametri che contraddistinguono l’accesso all’insegnamento della matematica da parte di docenti con lauree tra le più disparate, che, associate alla formazione carente e alla scarsità di tirocini, determinano un’enorme discrepanza nell’apprendimento da parte degli studenti. Un problema reale per i ragazzi che invece dovrebbero apprendere la matematica in maniera omogenea e attiva, rendendosi attori nella costruzione del proprio sapere. Non si può prescindere dalle fasi di crescita delle giovani generazioni. Importante sarebbe rendere l’ultimo anno della scuola dell’infanzia obbligatorio, evitando, così, salti nelle fasi di apprendimento e cognitive. Infine, proprio per garantire un approccio armonico allo studio della matematica, lo Stato dovrebbe impegnarsi nel dedicare maggiore attenzione nei confronti dei disturbi dell’apprendimento (DSA) che andrebbero considerati per quello che in realtà sono, ossia dei diversi stili di apprendimento”.

Posted in Politica/Politics, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ebraismo, licenza inedita in una Università pontificia

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

Roma Pontificia Università Gregoriana Piazza della Pilotta 4. Il nuovo percorso accademico sarà presentato in un apposito evento il prossimo 21 aprile 2021. Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming su bit.ly/licentiatebea Gli interventi saranno in inglese e in italiano con traduzione simultanea. Dopo il saluto del Rettore del Pontificia Università Gregoriana, P. Nuno da Silva Gonçalves SJ, P. Etienne Vetö presenterà nel dettaglio il nuovo programma di studi mentre P. Norbert Hofmann SDB, Segretario della Commissione per i Rapporti Religiosi con gli Ebrei del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (PCPUC) spiegherà quale impatto potrà avere la Licenza sulle relazioni ebraico-cristiane. Nella seconda parte del programma si offrirà un “assaggio” dell’attività del Centro Bea attraverso una riflessione rabbinico-patristica offerta da due docenti, Rav David Meyer e il Dott. Massimo Gargiulo. Il Centro “Cardinal Bea” della Pontificia Università Gregoriana è un’unità accademica al cui interno operano studiosi cristiani ed ebrei, e un numero significativo di corsi e seminari sono tenuti a due voci. Questo tipo di insegnamento unisce alle competenze accademiche la possibilità di vivere un’esperienza delle relazioni ebraico-cristiane, promuovendo uno scambio di reciproco arricchimento e creando uno spazio per il dialogo e l’interazione.Le due colonne dei corsi e seminari del Centro Cardinal Bea – sia per la Diploma Annuale sia per la nuova Licenza sono: a) Studi giudaici – mira ad offrire una preparazione solida e ampia sull’ebraismo b) Relazioni ebraico-cristiane – promuove inoltre lo sviluppo di una teologia delle relazioni ebraico-cristiane, formando gli studenti in questo campo. Le principali aree di studio approfondito includono: letteratura rabbinica, storia, filosofia ebraica, liturgia ebraica e preghiera, cultura e arte ebraica, pensiero ebraico contemporaneo, storia e pratica delle relazioni ebraico-cristiane, teologia cristiana e relazioni ebraico-cristiane, e ebraico biblico – ebraico moderno.Il nuovo programma di Licenza prevede inoltre corsi interdisciplinari di Studi Biblici, Storia e Teologia utilizzando le risorse delle diverse Facoltà della Pontificia Università Gregoriana, del Pontificio Istituto Biblico, del Pontificio Istituto Orientale e i programmi di scambio accademico con l’Università Ebraica di Gerusalemme.La sede a Roma del Centro “Cardinal Bea”, a stretto contatto con la Santa Sede, facilita la collaborazione con autorevoli esponenti del dialogo ebraico-cattolico nel mondo. La vicinanza con la comunità ebraica di Roma, una delle più antiche d’Occidente, offre le condizioni ideali per vivere il dialogo, attraverso incontri, dibattiti e partecipazione a momenti di preghiera e liturgia nelle sinagoghe, attività considerate parte del processo di formazione.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

“La sovranità digitale passa dall’infrastrutturazione della Nazione”

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

Da Nord a Sud, senza più aree bianche, nere o grigie, e dalla proprietà pubblica della rete. Secondo l’ultimo aggiornamento pubblico rilasciato da Open Fiber il 26 febbraio, risultano coperte solamente il 25% del totale delle unità abitative e meno del 25% del totale dei Comuni previsti nelle gare. La copertura della FTTH, la fibra a casa, effettivamente realizzata rappresenta solamente il 17% della copertura totale. E’ necessario, comunque, un convinto investimento sull’FWA perché sappiamo che la fibra “fisica” difficilmente potrà arrivare in tutte le case. Ci sono casi di successo, anche imprenditoriale, come Linkem, azienda competitiva anche sui mercati internazionali. Il governo deve riuscire a sintetizzare i legittimi interessi di Tim e Open Fiber, e degli altri operatori. Al di là degli evidenti problemi di sicurezza cibernetica, delle reti e del ruolo che hanno operatori con connessioni con Stati extraeuropei come la Cina, in vista soprattutto della costituzione della rete unica, è necessario garantire un regime autorizzativo per scavi e permessi che possa superare l’attuale burocrazia – soprattutto nelle aree dove sono presenti sovrintendenze. Gli istituti scolastici hanno ricevuto nel corso della pandemia circa 10 mila euro a plesso per la digitalizzazione, e per i voucher banda larga siamo in ritardo sulla Fase 2, essendo ancora in prenotifica alla Commissione Europea. Come forza politica, siamo stati i primi a inserire in un atto parlamentare il tema della “Sovranità Digitale”, ancora prima del pacchetto europeo sulla sovranità tecnologica. L’Italia e l’Europa hanno un ritardo decennale rispetto alle “superpotenze” digitali. L’intelligenza artificiale, il diritto ad essere connessi e gli altri diritti digitali, l’etica degli algoritmi e del loro processo di sviluppo, il sostegno all’impresa innovativa, la necessità di una sempre più stretta connessione fra ricerca e impresa, una più incisiva tassa sui servizi della Rete: la Sovranità Digitale è – e sarà – il punto chiave degli anni a venire. E’ necessario riformare, come abbiamo chiesto in molti emendamenti, l’Agcom, per dotarla di meccanismi di salvaguardia della libertà di manifestazione del pensiero sulle piattaforme digitali. Le piattaforme digitali sono ormai più influenti degli Stati, come dice Maurizio Mensi. E’ necessario l’intervento di un “arbitro” istituzionale che intervenga in tempo reale: in Italia può essere una “super” Agcom, con più mezzi e fondi a disposizioni. Presenteremo presto una legge quadro su questi temi.” Così Federico Mollicone, Responsabile Innovazione di Fratelli d’Italia, a margine del convegno ”Le nuove reti per l’industria italiana e per i consumatori’.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccino: Fp Cgil Medici, psicologi fondamentali in pandemia, no a svalorizzazione

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“Gli psicologi hanno svolto, e continuano a farlo, un ruolo fondamentale nella pandemia, in ragione di una forte crescita del disagio psicologico che questa genera. Ed è per tali ragioni che le parole le parole del premier Draghi rischiano di generare una contrapposizione tra persone e professioni, svalorizzando il lavoro e la funzione che gli psicologi ricoprono”. Ad affermarlo è la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn in merito alle parole del presidente del Consiglio, Mario Draghi, specificando che: “Gli psicologi sono operatori sanitari ma non stanno né nelle platee né chiusi all’interno di uno studio, lavorano sia in ambito pubblico che privato: dalla sanità agli enti locali, dal terzo settore, dalla scuola alla giustizia passando per le organizzazioni, poiché la dimensione psicologica è insita in ogni settore produttivo”.Inoltre, osserva la categoria, “adesso che la pandemia ha stravolto il mondo del lavoro e la vita di ognuno di noi, il disagio psicologico dilaga manifestando picchi di intensità mai conosciuti. Aumentano i comportamenti disadattivi, le psicopatologie nell’infanzia e nell’adolescenza, i ricoveri nei reparti di salute mentale, il malessere psicosociale, le conflittualità famigliari e la violenza”. La Fp Cgil Medici e Dirigenti sanitari ricorda che “é necessario ampliare la dotazione organica dei servizi di salute mentale, nei consultori e nelle cure primarie, per garantire ai cittadini la possibilità di risposta ad un fabbisogno che è cambiato in modo repentino e profondo. Il Covid 19 sviluppa disturbi di natura post traumatica da stress molto gravi che rischiano di minare l’equilibrio psichico a lungo termine.Per il sindacato, quindi, “occorre investire nella prevenzione e nella promozione della salute e, in prima istanza, nel mondo giovanile. Eppure non si ha traccia di un piano organizzato di assunzioni nel Servizio sanitario nazionale mentre invece si accusano i professionisti. Le responsabilità del ritardo del piano vaccinale sono da ascrivere alla frammentazione organizzativa e alla mancanza dei vaccini, non certo al lavoro degli psicologi che sono da sempre in prima linea nella tutela della salute dei cittadini”, conclude.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La metà dei ricoveri programmati è saltata nei primi sei mesi 2020 a causa della pandemia

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

Lo ha certificato l’Agenas che la Scuola Sant’Anna di Pisa (MES) ha condotto e presentato uno studio ad hoc, da cui il “lato peggiore” che emerge è la differenza nelle Regioni, che genera una netta mancanza di equità tra i cittadini.A dicembre lo stesso allarme lo ha lanciato Salutequità, Organizzazione indipendente per la valutazione della qualità delle politiche per la salute, che oltre alla caduta libera di ricoveri (una media del -40%, ma non solo tra quelli programmati) ha messo in evidenza il crollo delle ricette per prestazioni di specialistica ambulatoriale (-58%, 13,3 milioni di accertamenti diagnostici e 9,6 milioni di visite specialistiche in meno) e screening oncologici (-50/55%: nel complesso nei primi mesi 2020 non sono state diagnosticate circa 4.300 neoplasie e 4.000 adenomi) oltre che una drastica contrazione della spesa per farmaci innovativi non oncologici che, in alcune Regioni, ha riguardato anche quelli oncologici.Covid-19 è stato ed è ancora un moltiplicatore di disuguaglianze, con un rischio prevedibile sul livello di salute degli italiani.E su questo Salutequità incalza: se nei primi sei mesi il risultato è questo, cosa è accaduto fino a fine anno? Perché un dato che dovrebbe essere già ormai, purtroppo, evidente, tarda ancora a essere reso noto? “Nella seconda parte dell’anno, solo per fare un esempio – ricorda Tonino Aceti, presidente di Salutequità – l’ulteriore riduzione degli screening ha prodotto 13.011 minori diagnosi tra lesioni, carcinomi e adenomi avanzati: il 57% in più del dato della prima metà dell’anno”. Aceti punta il dito sul ritardo con cui sono resi noti i dati: “I ritardi nella pubblicazione dei dati contenuti nelle rilevazioni ufficiali hanno sempre rappresentato una criticità importante del SSN, sia dal punto di vista della verifica dell’efficacia degli interventi, sia da quello sulle modalità di utilizzo delle risorse stanziate, a partire da quelle previste nei provvedimenti emergenziali per il potenziamento del SSN, dall’assistenza territoriale, al recupero delle liste di attesa”. E Salutequità lancia precise proposte per colmare il gap di cui anche Agenas e i suoi partner potrebbero essere attori.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Pompei il neo Direttore Generale del Parco Archeologico Gabriel Zuchtriegel

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

E’ stato nominato il 20 febbraio scorso dal Ministro della Cultura Dario Franceschini, in successione a Massimo Osanna, attuale Direttore Generale dei Musei Statali. La sua nomina è stata controfirmata ieri dal Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta.Il nuovo direttore è stato scelto tra i 44 candidati, di cui 10 di origine straniera, che si sono sottoposti al vaglio della Commissione presieduta da Marta Cartabia, Presidente emerita della Corte costituzionale e attualmente Ministro della Giustizia. Al termine della selezione, conclusa con i colloqui dei dieci candidati della short list, tenutisi il 10 e 11 febbraio, la commissione ha individuato la terna dei candidati sottoposta al Ministro, tra i quali è stato nominato il nuovo direttore che ha preso oggi servizio. Gabriel Zuchtriegel, nato nel 1981 a Weingarten, in Germania ha studiato archeologia classica, preistoria e filologia greca a Berlino, Roma e Bonn, dove nel 2010 ha concluso un dottorato di ricerca sul sito laziale di Gabii nei pressi di Roma. È stato borsista dell’Istituto Archeologico Germanico e della Fondazione Alexander von Humboldt, che nel 2012 l’ha portato all’università della Basilicata (Matera) per un progetto di ricerca triennale sulla colonizzazione greca lungo la costa Ionica. Ha insegnato presso gli atenei di Bonn, Matera, Napoli “Federico II” ed è autore di numerosi articoli e monografie, tra cui “Colonization and Subalternity in Classical Greece”, Cambridge University Press 2018. Nel 2019, gli è stato riconosciuto il premio di Ravenna Festival. Nel 2015, ha collaborato nel “Grande Progetto Pompei” quale membro della Segreteria tecnica di progettazione. Da novembre 2015 ha diretto il Parco archeologico di Paestum, al quale nel 2020 si è aggiunto il sito di Velia, ambedue iscritti nella lista del patrimonio UNESCO. Zuchtriegel, che è sposato e ha due figli, è di origine tedesca; dal 2020 è anche cittadino italiano.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Erosione costiera litorale romano

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

“La Regione Lazio ha recentemente approvato nel Lido di Ostia il progetto per la realizzazione di due pennelli parzialmente sommersi tra lo stabilimento Pinetina e lo stabilimento Gambrinus, che non risolverà il problema erosivo del litorale romano. Si tratta di una soluzione palliativa e inefficace, già adottata frequentemente in passato, che oltre a essere costosa economicamente non solo non risolve il problema, ma di fatto può innescare processi di erosione nelle zone limitrofe”. Lo ha affermato Ilaria Falconi, Consigliere nazionale della Società Italiana di geologia ambientale (SIGEA).“Nel dettaglio – ha continuato Falconi – nel Lazio su 290 km di litorale, le spiagge sono circa 220 km e il 18 % di queste è a rischio erosione. Fra le aree a rischio ci sono le foci fluviali, quindi le zone comprese tra Fiumicino e Ostia. In questo tratto di costa ben 16,20 km, oltre 80% dei 19,80 km di lunghezza, sono in forte erosione. Dati drammatici, che dopo ogni inverno vedono arretrare le spiagge.La Regione Lazio ha recentemente finanziato un progetto che prevede la realizzazione d’interventi di ripascimento e il posizionamento di un pannello a “T” tra lo stabilimento Pinetina e lo stabilimento Gambrinus nel Lido di Ostia, per una spesa prevista di oltre 2 milioni di euro.L’esperienza ha dimostrato che, gli interventi di difesa costiera con opere strutturali, come i pennelli, abbiano un’efficacia modesta nel contrastare l’erosione ma, piuttosto possono con la loro presenza generare effetti negativi sull’ambiente emerso e sommerso circostanti. Inoltre, si possono formare correnti di ritorno, aderenti al pennello e/o tra un pennello e l’altro, che sono molto pericolose per i bagnanti che rischiano seriamente di annegare. Dalla loro posa, infatti, sarebbe auspicabile il posizionamento di apposita cartellonistica sulle spiagge al fine di sensibilizzare i cittadini sulla presenza di eventuali pericoli intrinseci (ad es. correnti di ritorno, formazione di buche).Infine, se si considera che i pennelli sarebbero realizzati in prossimità della spiaggia di Capocotta e della Tenuta Presidenziale di Castelporziano e dell’Area Marina Protetta Secche di Tor Paterno – aree di grande pregio a livello naturalistico – si possono ipotizzare effetti dannosi che la realizzazione dell’opera produrrebbe all’ecosistema dunale. La SIGEA, riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente come associazione di protezione ambientale ritiene indispensabile che sia avviata al più presto la procedura di valutazione d’impatto ambientale, su quest’opera”. La Società Italiana di Geologia Ambientale porterà la problematica relativa all’Erosione del Litorale Romano, all’attenzione dell’opinione pubblica con un importante WeBinar.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaccino Sputnik V, come Figaro

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

E’ come Figaro: tutti lo cercano, tutti lo vogliono, ma lui non c’è. Ci riferiamo al vaccino russo Sputnik V. A livello nazionale e locale, in Europa, si cerca il vaccino Sputnik V. Il problema è che il vaccino russo non è ancora certificato dall’EMA, l’Agenzia europea dei farmaci.Si immagini cosa succederebbe se lo Sputnik V fosse acquistato e inducesse in centinaia di persone forti reazioni avverse, anche letali. Si scatenerebbero le accuse contro chi, irresponsabilmente, ha acquistato (governi) e somministrato (medici) un vaccino non certificato. Questa eventualità non viene posta in evidenza dai media, intenti a sponsorizzare iniziative estemporanee di questo o quell’esponente politico, da Salvini a Zingaretti, da Meloni a De Luca e Zaia. Intanto è scoppiato il caso della Slovacchia, il cui primo ministro si è dimesso a causa dell’acquisto del vaccino Sputnik. L’agenzia dei farmaci slovacca, Sukl, equivalente alla nostra Aifa, ha dichiarato che non può autorizzarne l’uso “a causa di una quantità di dati mancanti dal produttore, incoerenza delle forme di dosaggio e l’impossibilità di confrontare fra loro i lotti utilizzati in vari studi e paesi”. L’Ema vuole investigare se la sperimentazione ha seguito le corrette procedure previste per la ricerca di un vaccino. In una lettera inviata al British Medical Journal, un gruppo di scienziati internazionali ha rilevato incoerenze sui dati di efficacia comunicati dai ricercatori russi. Insomma, di vaccini ne abbiamo e ne avremo, acquistati dalla Ue; si tratta di somministrarli e questo è compito dei singoli Stati. Figaro lasciamolo cantare. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Protocollo vaccini in farmacia

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

In un momento di emergenza come questo, i farmacisti sono stati al fianco della popolazione e continueranno a esserlo con quanto sarà necessario per uscire dalla crisi. A fronte dell’esigenza di allargare il più possibile e nel più breve tempo la capacità vaccinale del nostro Paese, ben venga anche la figura del farmacista vaccinatore, ma a condizione che possa operare con tutte le indispensabili misure di sicurezza a tutela tanto del professionista, quanto di chi riceve il vaccino. Tra queste, in primo luogo, la presenza del medico, che garantisca un tempestivo intervento in caso di eventi avversi e detenga la responsabilità della somministrazione. A lanciare l’appello Francesco Imperadrice, presidente del Sindacato nazionale farmacisti non titolari, Sinasfa, che ha inviato una lettera al Commissario straordinario per l’emergenza. Tutto questo, «a fronte di un percorso di studi che ha fornito al farmacista una preparazione e una impostazione professionale di tutt’altra natura. I farmacisti, va considerato, non hanno mai inoculato prima d’ora nessun vaccino, non hanno maturato alcun tipo di esperienza al riguardo. Per chi non è abituato, non è semplice gestire un’emergenza, capire tempestivamente cosa stia succedendo e sapere come agire, in attesa che arrivino i soccorsi. Non siamo medici e non siamo infermieri». Il punto, per Sinasfa, è che «per poter somministrare i vaccini ci vogliono le debite condizioni di sicurezza e queste, per farmacisti che non lo hanno mai fatto prima, consistono nella presenza del medico». Per altro, sul fonte della responsabilità, «nel caso in cui si verificasse un evento avverso, chi ha somministrato il vaccino rischia di essere inserito nel registro delle notizie di reato nella veste di indagato per verificare che tutti i protocolli e le procedure siano state applicate in maniera corretta, oltre ovviamente a verificare la presenza in farmacia – ed eventualmente il corretto uso – di tutti i dispositivi di sicurezza previsti dall’Accordo. Solo alla fine delle indagini il Giudice potrebbe verificare l’applicabilità o meno dello scudo penale, introdotto di recente con il cosiddetto Decreto Covid, e, quindi, decidere se aprire o meno un procedimento a carico del vaccinatore». Detto questo, «per quanto non possiamo non rilevare che tutto sia avvenuto senza che ci sia stato un confronto all’interno della categoria, vorrei chiarire che non è una questione di contratto scaduto o di un apparato normativo contrattuale che non prevede tali mansioni. I farmacisti, fin dall’inizio della pandemia, sono stati in prima linea al fianco della popolazione e continueremo a esserlo e a fare quanto necessario per uscire dalla crisi. Ma per noi c’è una questione di sicurezza e in questo senso la presenza del medico durante l’inoculazione, in farmacia o altrove, è fondamentale, per la tutela in primo luogo dei cittadini, ed averlo escluso ci sembra ad alto rischio». Francesca Giani (abstract fonte Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Fiera di AIE Più libri più liberi torna a Roma dal 4 all’8 dicembre

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

Roma. Dopo lo stop del 2020 a causa dell’epidemia di Covid, torna quest’anno dal 4 all’8 dicembre la Fiera nazionale della piccola e media editoria Più libri più liberi, che si terrà come da tradizione alla Nuvola dell’Eur di Roma, organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE). Lo annuncia la presidente Annamaria Malato: “Come avevamo promesso lo scorso anno, quando le restrizioni legate alla pandemia ci imposero la difficile ma necessaria decisione di annullare il nostro evento, Più libri più liberi tornerà alla Nuvola di Fuksas, nel ventennale della sua nascita, nelle sue date tradizionali: dal 4 all’8 dicembre. Una grande ed emozionante scommessa sulla capacità del Paese e dell’editoria italiana di ripartire ‘in presenza’, tornando a re-incontrarsi, dopo un anno certamente difficile che ha però anche dimostrato la grandissima capacità di resistenza e di adattamento del mondo del libro”. Per il presidente di AIE Ricardo Franco Levi ripartire già nel 2021 con una grande Fiera che si tiene nella cornice della Nuvola di Fuksas è “una decisione che prendiamo con lo stesso senso di responsabilità con cui l’anno scorso avevamo annunciato, mesi prima della data prevista per lo svolgimento, la cancellazione dell’edizione 2020. Sarà un evento che terrà conto delle inevitabili limitazioni e norme di sicurezza che dovremo assumere per affrontare quella che speriamo sia solo la fase finale dell’epidemia. Ma ripartire è importante perché le Fiere sono fondamentali come occasione di confronto tra lettori ed editori e, sul lato professionale, per l’internazionalizzazione dell’editoria italiana. Più libri più liberi ha in sé entrambe queste anime e siamo fieri, con questa iniziativa, di confermare il nostro impegno a favore della piccola e media editoria italiana”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Repubblica di Barbiana

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

La mia esperienza alla scuola di Don Lorenzo Milani Di: Paolo Landi Editore: Libreria Editrice Fiorentina Collana: Manifesti Pagine: 344 euro 18. Paolo, autore del libro, figlio di contadini del Mugello, voleva studiare ma la sua famiglia era priva di mezzi…si ritrova, così, alla scuola di Don Lorenzo Milani. E’ suo padre a portarlo a Barbiana che ha sentito parlare di Don Milani: “è un prete che fa scuola gratis, è lassù perché era troppo dalle parte dei poveri”. Paolo sale a Barbiana ogni giorno in bicicletta, impara le lingue francese, spagnolo, inglese e da lì comincia a spiccare il volo verso una lunga carriera come la sua biografia ci racconta. Nel libro emerge una nuova lettura di Don Lorenzo, emarginato dal vescovo Florit assieme al prete operaio Don Borghi, entrambi saranno salvati dalla sospensione a divinis da un intervento del Papa. Emerge un Don Milani che teme di morire senza un riconoscimento della Chiesa al suo operato. Il Vescovo Florit, che esilia Don Milani a Barbiana, gli impone la censura poi Florit si ritrova lui stesso”vittima”, il Papa ha chiesto le sue dimissioni. Nel libro emergono i motivi più veri e profondi dell’esilio, il suo essere con i poveri, con i lontani… La testimonianza di Don Milani si racchiude in un binomio: è la parola che fa eguali, che fa sovrani, che apre al divino, ma è la coerenza l’impegno, la testimonianza che rendono credibili. Questo grande messaggio sarà riconosciuto dalla Chiesa, 25 anni dopo la morte. Nel libro emerge un Don Milani che prende coscienza d’avere pochi anni di vita e coglie ogni “pretesto” per trasmettere ai posteri il proprio pensiero. Nasce cosi: I CARE chiamato dopo: l’obbedienza non è più una virtù, la lettera ai giudici, la lettera a una professoressa. Il libro si sofferma sul Don Milani prete, il Don Milani maestro, l’influenza che il Priore di Barbiana ha avuto nel mondo del lavoro, i riconoscimenti avvenuti nell’ultimo anno da parte della Chiesa con Papa Francesco (Un prete duro come un diamante che continua a trasmettere luce sul cammino della Chiesa) e dal Ministero dell’Istruzione (Don Milani un grande educatore).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carlo Serafini: Il Fondo Sandro Penna

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

COLLANA: BIBLIOTECA DI CULTURA/759 PP: 216 PREZZO: 19,50€ Biblioteca Guglielmo Marconi Biblioteche di Roma.Per espressa volontà del poeta, la biblioteca di Sandro Penna venne donata alla sua morte al Comune di Roma. Dopo alterne vicende, che hanno visto il fondo ridursi a circa la metà della sua originaria consistenza, il patrimonio di libri è oggi conservato presso la Biblioteca Guglielmo Marconi di Roma. Grazie alle ricerche intraprese è stato possibile recuperare gli originari cataloghi cartacei, digitalizzarli e ricostruire così l’intero lascito. Diviso in due parti, il volume offre i risultati di questa ricerca attraverso l’analisi del Fondo (Parte I) e l’esame dettagliato di ogni singolo volume (Parte II). Lo studio mette a disposizione degli studiosi uno strumento di indagine critica sull’officina e sulla poetica di uno dei maggiori poeti del Novecento, entrato con unanime riconoscimento nel canone della Letteratura italiana.Carlo Serafini (Roma, 1969) insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università della Tuscia di Viterbo e Giornalismo culturale a “La Sapienza” Università di Roma. Ha tenuto Laboratori didattici e di scrittura e corsi di Letteratura italiana presso l’Università de L’Aquila. Ha svolto attività di ricerca, studio e catalogazione dei Fondi Baldacci, Caproni e Penna per conto dell’Università per Stranieri di Perugia. È stato collaboratore de “Il Messaggero” e autore e consulente per Rai Educational e Rai Scuola. Ha pubblicato articoli e saggi sui maggiori autori del Novecento e le due monografie: Il Quinto comandamento. Studi su Federigo Tozzi (Vecchiarelli, 2008) e Italo Svevo. Lo scrittore, il critico, il drammaturgo (Aracne, 2012). Membro della redazione della rivista di cultura contemporanea “L’Illuminista” e del progetto su fondi e archivi storici MEMO della MOD. Relatore in numerosi Convegni nazionali e internazionali, è ideatore e curatore del progetto di ricerca su letteratura e giornalismo Parola di scrittore (3 vol. Bulzoni Editore). Nel gennaio 2014 ha ottenuto l’ASN come Professore di II fascia di Letteratura italiana contemporanea.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La distribuzione cinematografica in Italia: storie, ricerche, metodologie

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

COLLANA: IMAGO/21 PP: 268 PREZZO: 20,00€ Aa.Vv. IMAGO 21 Vito Zagarrio L’archivio politico. Ricordo di Steve Ricci. La distribuzione cinematografica in Italia: storie, ricerche, metodologie a cura di Damiano Garofalo, Andrea Minuz e Emiliano Morreale Damiano Garofalo, Andrea Minuz, Emiliano Morreale, La distribuzione cinematografica in Italia: storie, ricerche, metodologie Francesco Di Chiara e Paolo Noto, Integrazione verticale al contrario? Il ruolo della distribuzione nel sistema industriale del cinema italiano del dopoguerra Gaia Amadori e Mariagrazia Fanchi, L’anello forte. Il sistema dell’esercizio in Italia: dati, prospettive, approcci metodologici Barbara Corsi e Alfonso Venturini, Da Pittaluga a Cinema 5: storia di un circuito Valerio Coladonato, La Pathé e la distribuzione del cinema italiano d’autore: i casi de La dolce vita e Il Gattopardo Martina Lovascio, La vendita internazionale di film storici italiani tra anni Novanta e anni Duemila Stefano Guerini Rocco, Natale a Zurigo. Il ruolo delle comunità italofone nella distribuzione del cinema italiano in Svizzera Luca Barra, Una finestra secondaria? Alcune considerazioni sulla programmazione televisiva dei film nei primi decenni della tv commerciale italiana Giorgio Avezzù, Fratelli unici. Successo in sala e in televisione del cinema italiano Valentina Re, Crime sì, ma “di qualità”: sulla circolazione transnazionale del prodotto televisivo Emiliano Rossi, Un treno da non perdere: la circolazione dell’audiovisivo sui portali di bordo dell’alta velocità italiana tra prospettive, opportunità e qualche obsolescenza Alessio Lazzareschi, Gli incentivi alla distribuzione internazionale di opere cinematografiche secondo la legge n. 220 del 2016

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Piergiuliano De Luigi: I segreti generali degli organi costituzionali

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

Volume I. L’autore è nato a Roma il 07/03/1997, nell’anno accademico 20182019 ha conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche, Sociali e Internazionali presso l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Dipartimento di Scienze Politiche, discutendo la tesi in Storia istituzionale dell’Italia Repubblicana: “Sergio Berlinguer Segretario generale della Presidenza della Repubblica”, relatore il prof. Alessandro Giacone. Attualmente è iscritto al secondo anno del corso di laurea magistrale in Governo e Politiche, presso la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali “Guido Carli” (LUISS). Successivamente al conseguimento della laurea triennale ha proceduto ad estendere lo studio della materia oggetto della tesi a tutte le figure dei Segretari generali degli Organi costituzionali: il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, i Segretari generali delle Camere del Parlamento, il Segretario generale della Presidenza del Consiglio dei ministri e il Segretario generale della Corte costituzionale. In considerazione dell’importanza e della complessità della materia studiata e delle diversità esistenti tra i Segretari generali degli organi monocratici e i Segretari generali degli organi collegiali, essendo stato completato lo studio relativo ai primi, viene pubblicato il presente volume, dedicato, pertanto, alle figure dei Segretari generali della Presidenza del Consiglio dei ministri e della Presidenza della Repubblica. Nel secondo volume, di prossima pubblicazione, sono trattate le figure dei Segretari generali del Senato della Repubblica, della Camera dei deputati e della Corte costituzionale.FUORI COLLANA Politica. PP: 112 PREZZO: 19,50€

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Paolo Puppa: La recita interrotta

Posted by fidest press agency su sabato, 10 aprile 2021

Pirandello: la trilogia del teatro nel teatro.Paolo Puppa, già ordinario di storia dello spettacolo all’Università di Venezia e direttore del dipartimento delle arti, ha alle spalle volumi su Pirandello, Fo, Rosso di San Secondo, Ibsen, D’Annunzio, Goldoni, Storie della messinscena e della drammaturgia, monografie su attori come Baseggio, su registi come Brook e sul monologo. Come coeditor, ha diretto per la Cambridge nel 2006 The History of the Italian Theatre, per la Routdlege nel 2007 Encyclopedia of the Italian Literature, per la Cambridge Scholars nel 2013 Differences on stage, premiato col George Freedley Memorial Award. Nel 2014, La Serenissima in scena: Da Goldoni a Paolini (ETS). Attualmente collabora al Dizionario biografico degli italiani. Codirige altresì la rivista Archivio d’Annunzio. Come commediografo, ha all’attivo molti copioni, pubblicati, tradotti e rappresentati anche all’estero, tra cui La collina di Euridice (premio Pirandello ‘96) e Zio mio (premio BignamiRiccione ‘99). Si ricordano, in particolare Famiglie di notte, Venire, a Venezia, Cronache venete, Le commedie del professore e il recentissimo Altre scene. Copioni del terzo millennio. Sempre nel 2006 ha ottenuto il premio come autore dall’Associazione critici di teatro per Parole di Giuda da lui stesso interpretato. Nel 2008 ha vinto il premio teatrale Campiglia marittima con Tim e Tom. Nel 2015, il romanzo Ca’ Foscari dei dolori. Infine, nel 2018 ha vinto il premio nazionale Ugo Betti, dedicato ai terremotati, con Scosse in famiglia e agli inizi del 2019 il premio per la critica teatrale intitolata a Rosso di San Secondo, Marionetta d’argento. Sempre nel 2019, la raccolta di saggi Scene che non sono la mia.COLLANA: BIBLIOTECA TEATRALE / STUDI E TESTI / 200 PP:188 PREZZO: 19,00€

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »