Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 26 aprile 2021

Conferma di Antonello Giannelli alla presidenza di Anp

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Ancodis esprime le congratulazione per la conferma del Dott. Giannelli alla presidenza di Anp con un messaggio del Presidente Rosolino Cicero: “Apprendiamo la notizia della conferma del Dott. Giannelli alla guida dell’Associazione Nazionale Dirigenti Pubblici e alte professionalità della scuola (ANP). Ancodis esprime sincere congratulazione al Presidente Giannelli con il quale in questi anni si è aperto un costruttivo dialogo sul tema dello sviluppo della carriera docente, del governo e dell’istituzione del middle management nel sistema scolastico italiano. Siamo sicuri che – così come in ogni autonoma Istituzione scolastica le figure di sistema e i docenti collaboratori si adoperano in una leale e costruttiva collaborazione al Ds e al DSGA nell’esclusivo interesse delle comunità scolastiche – Anp e Ancodis continueranno – in un leale e costruttivo confronto – a portare avanti la proposta di un modello di governance moderno, efficiente e gratificante per quanti decidono di assumere ruoli nella governance scolastica. Al Presidente Giannelli e a tutta la comunità di Anp un sincero augurio di buon lavoro dai collaboratori del Ds e figure di sistema di Ancodis.”

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Andrea Mandelli confermato alla guida della Federazione Farmacisti

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Nelle giornate del 23, 24 e 25 aprile si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Comitato centrale e del Collegio dei Revisori dei conti della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. Dopo la proclamazione dei risultati, il Comitato Centrale si è riunito per l’elezione del Consiglio di Presidenza. Andrea Mandelli è stato confermato alla Presidenza, Luigi D’Ambrosio Lettieri è stato confermato alla carica di Vicepresidente, Maurizio Pace a quella di Segretario e Mario Giaccone a quella di Tesoriere. Il Comitato Centrale è ora composto da Andrea Carmagnini, Vitaliano Corapi, Florindo Cracco, Luciano Diomedi, Maximin Liebl, Paolo Manfredi, Maurizio Manna, Roberto Pennacchio, Gianfranco Picciau, Francesco Rastrelli, Giovanni Zorgno. Il Collegio dei Revisori dei conti è costituito da Andrea Giacomelli, Giuseppe Guaglianone, Sigismondo Rizzo. Alle elezioni ha partecipato il 96% degli aventi diritto e la lista del Presidente Mandelli ha raccolto il 90% dei suffragi. Questo risultato premia la linea politica professionale, perseguita in questi anni dalla Federazione, a sostegno della sanità pubblica, delle istituzioni e a beneficio dei cittadini. Il Comitato Centrale, nella sua prima riunione, ha deliberato di avvalersi del lavoro delle seguenti commissioni: Pari opportunità , coordinata da Daniela Musolino, Presidente dell’Ordine di Reggio Calabria; Medicina di genere, coordinata da Anna Olivetti, Presidente dell’Ordine di Gorizia; Volontariato e Solidarietà, coordinata da Enrica Bianchi, Presidente dell’Ordine di Cuneo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Le Signore dell’Arte

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Milano da martedì 27 aprile è finalmente possibile poter ammirare le oltre 130 opere protagoniste della mostra Le Signore dell’Arte. Storie di donne tra ‘500 e ‘600 a Palazzo Reale di Milano, che resterà aperta fino al 25 luglio 2021. Dal 2 marzo ad oggi la mostra è stata visitata soltanto online, con le visite guidate in diretta organizzate da Arthemisia, da circa 3.000 persone. La novità delle visite guidate online ha riscosso un grande successo di pubblico e di critica, ma oggi finalmente è arrivato il momento di ammirare le opere dal vivo.La mostra è dedicata alle più grandi artiste vissute tra ‘500 e ‘600: 34 artiste vengono riscoperte attraverso le loro opere a testimonianza di un’intensa vitalità creativa tutta al femminile, in un singolare racconto di appassionanti storie di donne già “moderne”.Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Fede Galizia, Giovanna Garzoni e non solo. Tra questi grandi nomi più conosciuti dal grande pubblico anche nuove scoperte, come la nobile romana Claudia del Bufalo, che entra a far parte di questa storia dell’arte al femminile; ma anche opere esposte per la prima volta come la Pala della Madonna dell’Itria di Sofonisba Anguissola, realizzata in Sicilia, a Paternò, nel 1578 e mai uscita prima d’ora dall’isola; così come lascia per la prima volta Palermo la pala di Rosalia Novelli Madonna Immacolata e san Francesco Borgia,unica opera certa dell’artista, del 1663, della Chiesa del Gesù di Casa Professa; o la tela Matrimonio mistico di Santa Caterina di Lucrezia Quistelli del 1576, della parrocchiale di Silvano Pietra pressoPavia.La mostra, curata da Anna Maria Bava, Gioia Mori e Alain Tapié, è promossa dal Comune di Milano- Cultura e realizzata da Palazzo Reale e Arthemisia, con il sostegno di Fondazione Bracco, e aderisce al palinsesto I talenti delle donne, promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dedicato all’universo delle donne, focalizzando l’attenzione, per tutto il 2020 e fino ad aprile 2021, sulle loro opere, le loro priorità e le loro capacità. Per garantire l’accesso alla mostra nel rispetto di tutti gli standard di sicurezza è fortemente consigliata la prenotazione e sono aperte le prevendite sul sito http://www.ticket.it. Da martedì 27 aprile la mostra sarà aperta da martedì a domenica dalle 10.00 alle 19:30 | ultimo ingresso un’ora prima della chiusura | lunedì chiuso. Da martedì a venerdì la prenotazione è consigliata. Sabato, domenica e festivi la prenotazione è obbligatoria e non può essere effettuata lo stesso giorno della visita.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Apre la mostra “GOYA Fisonomista”

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Roma Dal 29 aprile al 18 settembre 2021 Sala Dalí – Instituto Cervantes Piazza Navona, 91 apre la mostra “Goya Fisonomista” a cura di Juan Bordes. Dopo Madrid, Bordeaux, Algeri e Praga viene esposta anche a Roma, da giovedì 29 aprile fino al 18 settembre 2021, la mostra che raccoglie 38 incisioni di Francisco Goya appartenenti a tre delle sue famose serie: Los Caprichos (29 incisioni), Los Disparates (5 incisioni) e Los Desastres (4 incisioni). Questa accurata selezione che analizza i rapporti dei volti di Goya con i trattati di fisiognomica dell’epoca, si completa con 109 riproduzioni di illustrazioni del XVIII e XIX secolo, oltre a un video. Organizzata dall’Instituto Cervantes e dalla Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, la mostra “Goya Fisonomista. Il volto dell’opera grafica di Goya” si potrà visitare gratuitamente dal martedì al sabato dalle ore 16 alle 20, su prenotazione. Francisco de Goya y Lucientes (Fuendetodos, 1746 – Bordeaux, 1828) costruisce nelle opere presenti in questa esposizione dei volti particolarmente espressivi, che sono la rappresentazione dell’inconscio collettivo della sua epoca. Volti che parlano senza sotterfugi direttamente al popolo, principale destinatario del messaggio delle sue opere. Questa mostra – inaugurata per la prima volta nel giugno del 2018 alla Calcografía Nacional (Madrid) – riflette l’aspetto più brutale, emotivo e singolare del pittore e incisore aragonese. Analizzando il rapporto tra i volti più significativi dei suoi personaggi e le teorie fisiognomiche pubblicate tra il Settecento e l’Ottocento.Rivelando, inoltre, l’interesse di Goya per la fisionomia, in parte originato dal suo viaggio in Italia, dove le ristampe di Giovanni Battista della Porta erano popolari in un momento in cui la scienza studiava il riflesso della malattia mentale nei volti delle persone. Una pseudoscienza che cercava l’animalità del volto umano e delle sue espressioni, e che faceva parte del sapere popolare sin dal XVI secolo.Per dimostrare il vincolo di Goya con queste teorie, vengono evidenziati i parallelismi tra una selezione di litografie delle principali serie dell’artista spagnolo (insieme ad ingrandimenti fotografici dei volti dei suoi personaggi) e i grandi album fisionomici di Le Brun o l’enciclopedia di Moreau de la Sarthe (1806-1809). Grazie a questi paragoni le fonti di Goya diventano evidenti, con un allestimento che mette a confronto le varie opere, mostrandoci tre tipi di fisionomie: l’animale, il patologico e il degradato.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il sito archeologico di Pompei riaprirà il 27 aprile

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

L’accesso al sito sarà possibile dal martedì alla domenica nei consueti orari estivi (Pompei 9,00 – 19,00 con ultimo ingresso 17,30), con giorno di chiusura il lunedì fino al 7 giugno 2021.Dal 7 giugno per tutto il periodo estivo e fino a nuova comunicazione il sito resterà aperto tutti i giorni. Il sabato e la domenica la prenotazione per l’ingresso sarà possibile esclusivamente con acquisto on line sul sito http://www.ticketone.it, da effettuarsi il giorno precedente.L’accesso e l’uscita per l’area archeologica di Pompei saranno possibili dal varco di Piazza Anfiteatro e di Piazza Esedra.La visita si svilupperà lungo un percorso consigliato da apposita segnaletica all’interno del sito e sull’app di supporto My Pompeii, allo scopo di assicurare una visita in sicurezza e nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie anti Covid.Sarà possibile passeggiare all’interno dell’Anfiteatro, accedere alla Palestra grande e alla mostra “Venustas. Grazia e Bellezza a Pompei”. Si potranno visitare i Praedia di Giulia Felice e spostarsi su Via dell’Abbondanza con accesso alle principali domus, ma anche attraversare la necropoli di Porta Nocera, l’Orto dei fuggiaschi, arrivare al quartiere dei teatri e al Foro triangolare. Da Via dell’abbondanza, inoltre, si potrà raggiungere il Foro con tutti i suoi edifici pubblici e religiosi, visitare lo spazio esterno delle Terme Stabiane o risalire Via Stabiana fino a Via del Vesuvio dove ammirare la casa di Leda e il cigno. L’ingresso di Piazza Esedra è consigliato per chi volesse accedere immediatamente all’Antiquarium di Pompei, di recente inaugurato nel suo nuovo allestimento. L’elenco completo degli edifici visitabili è consultabile sul sito http://www.pompeiisites.orgIl biglietto di ingresso al sito sarà acquistabile sul sito http://www.ticketone.it, unico rivenditore online autorizzato o presso le biglietterie di Piazza Anfiteatro e di Piazza Esedra e consentirà l’ingresso al sito sia da Piazza Anfiteatro sia dal varco di Piazza Esedra.Il sabato e la domenica il biglietto potrà essere acquistato esclusivamente on line sul sito http://www.ticketone.it, con acquisto il giorno precedente come da DPCM del 2 marzo 2021 art.14.Dal martedì al venerdì l’acquisto sul sito è possibile anche nella stessa giornata fino a esaurimento disponibilità.Costo del biglietto:Pompei: intero € 16.00 – ridotto € 2.00 – Gratuità e riduzioni come da normativa. Al momento dell’acquisto on-line il visitatore potrà scegliere la fascia oraria di ingresso, prevista ogni 15 minuti per un massimo di 500 persone ogni 15 minuti, fino alle ore 13,00. Dopo le ore 13,00 l’ingresso consentito è per un massimo 300 persone per turno. Il biglietto dovrà essere mostrato all’ingresso, direttamente su smartphone/tablet (QRcode) o già stampato a casa su carta e poi conservato per registrarlo sul tornello in uscita. E’ tollerato un ritardo di 10 minuti massimo rispetto all’orario della fascia oraria indicata, tanto per i visitatori quanto per le guide. Per i possessori della card Pompei365, la validità dell’abbonamento sarà prorogata per il numero di giorni, corrispondenti a quelli di chiusura imposti dall’emergenza sanitaria.I visitatori saranno sottoposti, all’arrivo, a misurazione della temperatura mediante termoscanner. Resta obbligatorio l’utilizzo della mascherina nei luoghi chiusi e aperti a prescindere dalla distanza interpersonale. Tutte le informazioni relative alle misure di sicurezza del contenimento del contagio da SARS-COV 2 e alle modalità di visita saranno fornite ai visitatori attraverso i monitor presenti agli ingressi e la cartellonistica. La visita avverrà nel pieno rispetto delle misure di distanziamento previste dal Comitato Tecnico Scientifico, anche con il supporto di segnaletica direzionale appositamente installata dal Parco. Saranno garantiti dispenser di gel igienizzante all’ingresso e presso i servizi igienici a disposizione dei visitatori.Da Piazza Anfiteatro è possibile, inoltre, usufruire del percorso “Pompei per tutti”, senza barriere architettoniche, con possibilità di ritorno in uscita a Piazza Anfiteatro o eventualmente da Piazza Esedra, utilizzando l’ascensore dell’Antiquarium.Presso l’ingresso di Piazza Anfiteatro e Piazza Esedra sarà possibile richiedere un servizio visite guidate, dalle ore 9,00 alle 13,00.I gruppi potranno accedere secondo le seguenti indicazioni: · gruppi di visitatori autonomi, massimo 5 persone · gruppi accompagnati da guide turistiche, massimo 10 persone (max 25 persone se il gruppo è dotato di auricolari/whisper usa e getta).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La portaerei Cavour della Marina Militare certificata per l’impiego degli F-35B

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

By Christian Flammia. Il velivolo da combattimento di quinta generazione del programma Joint Strike Fighter ha capacità di decollo corto e atterraggio verticale La portaerei Cavour ha completato le “prove in mare” (sea trials) per l’impiego operativo dell’F-35B, il velivolo da combattimento di quinta generazione del programma Joint Strike Fighter con capacità di decollo corto e atterraggio verticale di prossima dotazione alla Marina Militare in sostituzione degli AV8B-plus. Una sfida resa ancor più impegnativa dalla situazione legata alla pandemia che ha imposto rigidi protocolli sanitari. I test di compatibilità sono durati quattro settimane, iniziati con la partenza da Norfolk il 28 febbraio scorso e con il primo appontaggio dell’F-35B avvenuto il 1 marzo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Occhi puntati per la ripartenza a settembre

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Ripartire il 26 aprile, ma soprattutto i primi di settembre. L’intenzione del commissario straordinario, riporta HuffPost, “è quella di fare presto per far ripartire la scuola, di ogni ordine e grado, in sicurezza e in presenza dal prossimo anno scolastico” per “evitare che si ripeta quel che è successo da settembre a oggi”, con la scuola riaperta e richiusa a ogni sbalzo della curva epidemica. Per scongiurare questo pericolo occorrono “misure di testing, contact tracing e di supporto a premessa della riapertura delle scuole per l’anno scolastico 2021/2022”. Praticamente quello che è mancato quest’anno e che ancora si chiede per l’ultimo scorcio di anno scolastico, commenta Orizzonte Scuola. È chiaro che il tutto dovrà essere accompagnato dalle altre misure di prevenzione già adottate dalla scuole: mascherina, distanziamento, igiene delle mani, ventilazione degli ambienti. Ma la protezione di chi si reca a scuola dovrà realizzarsi anche e soprattutto al di fuori degli istituti scolastici. “In Italia – si legge in premessa del documento – le scuole non rientrano nei primi contesti di diffusione virale, che sono nell’ordine il contesto familiare/domiciliare, quello sanitario assistenziale e quello lavorativo. In particolare i casi osservati in ambito scolastico sembrano riflettere la trasmissione dell’infezione nella comunità e non viceversa”.Per Anief fa bene il commissario straordinario a preoccuparsi di assicurare dei percorsi agevoli casa-scuola-casa. Per ridurre i rischi dei contagi al minimo, però, bisogna anche prendere le distanze dalle politiche taglia-scuole che hanno cancellato 15mila plessi, oltre 200 mila posti da insegnante e 50 mila Ata. Ricostituiamo quelle unità scolastiche e di personale, rinnoviamo il protocollo sulla sicurezza, le vaccinazioni di tutto il personale scolastico, i tracciamenti, i tamponi rapidi e i collegamenti diretti tra Asl e scuole. Diamo maggiori spazi e un nuovo reclutamento. Sono tutte azioni che farebbero il bene dei nostri alunni e di chi lavora a scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contratto Forze di Polizia ma trattativa complessa

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

“Apprezziamo e accogliamo con favore le dichiarazioni del Ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta secondo il quale l’Accordo per il rinnovo contrattuale per gli operatori del comparto sicurezza si potrà raggiungere entro giugno, così come apprezziamo la ripresa del negoziato, con la convocazione delle Organizzazioni Sindacali e delle Rappresentanze per mercoledì prossimo. Anche alla luce delle tabelle relative alle risorse economiche disponibili pervenute nella tarda serata di ieri, tuttavia, notiamo come il percorso sia faticoso e necessiterà probabilmente del supporto di tutto il Governo per consentire il superamento di alcuni ostacoli che permangono da lungo tempo e sono anche la conseguenza del blocco dei contratti degli anni scorsi”. Lo dichiara Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria, in vista della ripresa delle procedure per il rinnovo del contratto di lavoro, scaduto da quasi tre anni, degli operatori delle Forze di Polizia e delle Forze Armate.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Comunicare con un alunno affetto da un disturbo dello spettro autistico è sempre possibile

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Non bisogna temere di non capirlo, e la classe in questo lavoro riveste un ruolo centrale. L’Istituto di Ortofonologia (IdO) lancia un messaggio rassicurante a tutti gli operatori del settore, dagli insegnanti ai medici, e lo fa con la forza dell’esperienza: dal 2000 segue i bambini con autismo grazie al ‘Servizio Scuola’ nato nell’ambito del modello riabilitativo DERBBI (Developmental, Emotional Regulation and Body-Based Intervention) – Progetto Tartaruga. È una storia lunga 20 anni, quindi, quella raccontata oggi dall’equipe degli operatori IdO attivi nelle scuole, in occasione della sesta ed ultima lezione del corso di formazione gratuito online proprio su ‘Autismo e Progetto Riabilitativo Tartaruga DERBBI’, promosso insieme alla Fondazione Mite con il patrocinio della Società italiana di pediatria (Sip). Il corso ha già totalizzato nelle cinque lezioni precedenti oltre 19.000 visualizzazioni.La proposta formativa è stata rivolta a psicologi, pediatri, neuropsichiatri infantili, logopedisti, psicomotricisti, educatori professionali, insegnanti di sostegno e curriculari, pedagogisti, operatori del settore e genitori, con lo scopo di diffondere un’informazione approfondita e fornire strumenti osservativi e operativi per predisporre interventi mirati rivolti ai minori che rientrano nei disturbi dello spettro autistico alla luce dei risultati raggiunti attraverso l’approccio evolutivo DERBBI.In sostanza, l’equipe del Servizio Scuola assume la funzione di sostegno delle dinamiche attuate dal bambino all’interno del gruppo classe, proponendo un confronto sugli strumenti da adottare in funzione delle esigenze e delle potenzialità del bambino. “Le difficoltà maggiori che incontrano i docenti e gli operatori scolastici- spiega Gianluca Panella, psicoterapeuta dell’età evolutiva dell’IdO e membro dell’equipe che lavora nelle scuole- riguardano la pianificazione di strategie adeguate per favorire gli apprendimenti e l’inclusione del bambino. Talvolta si rilevano criticità per quel che concerne la comunicazione e la relazione con il piccolo e i suoi genitori, il processo di autonomia inerente la routine scolastica e l’area dell’alimentazione”.Parte essenziale del Servizio Scuola IdO è l’osservazione in classe. “Si tratta di un intervento indiretto sul bambino, ad opera dei referenti delle osservazioni, che passa attraverso la costruzione di una relazione di fiducia con l’insegnante. Il referente accompagna l’insegnante durante il percorso scolastico, accogliendo i suoi vissuti e offrendo un confronto costante, per sostenere la sintonizzazione tra l’insegnante e l’alunno. Si individuano insieme le strategie operative più adeguate alla specificità del singolo bambino- conclude l’equipe IdO- per quel che concerne anche gli apprendimenti e l’inclusione”.Ai partecipanti saranno inviati gratuitamente articoli e libri sul progetto Tartaruga – DERBBI e alla fine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione. Inoltre verrà proposto un questionario su alcuni dei contenuti affrontati nell’ambito delle lezioni al fine di rilevare il livello di gradimento. E’ possibile rivedere le lezioni: https://www.ortofonologia.it/autismo-progetto-riabilitativo-tartaruga-derbbi-2/

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il software che rivoluziona il lavoro del medico di base

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Migliorare la qualità del lavoro dei medici, la soddisfazione degli assistiti e l’efficacia complessiva del Sistema Sanitario Nazionale: è questo lo scopo per cui è nato CGM STUDIO, il nuovo software gestionale di cartella clinica interamente progettato sulle reali esigenze di un professionista della salute. E guidarlo al meglio verso le nuove sfide imposte dalla transizione digitale.Velocità, semplicità e sicurezza sono le parole d’ordine di questo nuovo prodotto informatico destinato a cambiare in maniera significativa le modalità di fruizione dei servizi offerti con la nuova struttura “all in cloud”. Significa che l’applicazione è completamente web-based: basta avere una connessione internet per accedere al software da qualsiasi postazione pc e tablet, consentendo al medico di avere a disposizione, ovunque e in totale sicurezza, tutti i dati dei suoi pazienti.CGM STUDIO consente di effettuare tutte le operazioni quotidiane del medico di base: fissare appuntamenti, compilare anamnesi, consultare la cartella clinica, prescrivere un farmaco o una visita specialistica, consultare lo storico delle prescrizioni, redigere un certificato in modo rapido e intuitivo da qualsiasi luogo, anche durante una visita a domicilio.L’esperienza ultratrentennale derivata dalla progettazione e dal successo di numerosi software di cartella clinica utilizzati da diverse migliaia di medici in tutta Italia, è stata sfruttata nella progettazione di CGM STUDIO che abbina all’affidabilità ormai consolidata, il salto tecnologico del trasferimento sulla nuvola, con grandi vantaggi in termini di semplicità e sicurezza.Essere totalmente in cloud, infatti, significa da un lato non avere più alcun rischio di perdita o furto di dati, dall’altro di dimenticarsi di quelle “fastidiose” procedure di installazione del programma, sincronizzazione e allineamento dei dati, aggiornamento degli archivi, del prontuario farmaceutico o dei cataloghi delle prestazioni.gli aggiornamenti sono infatti automatici e quotidiani, senza nessuna operazione manuale, lasciando al medico il solo compito di occuparsi del suo assistito: “è arrivato finalmente il momento che il medico dismetta i panni del tecnico informatico e recuperi quella funzione di ascolto del paziente che è la centralità assoluta della sua professione”, afferma Francesco Di Liscia, General Manager Doctors AIS di CompuGroup Medical Italia.Perché, come recita la Mission Aziendale, non si tratta di semplice gestione dei dati clinici: nel mondo sono sempre a rischio vite umane e, afferma Frank Gotthardt, Founder di CompuGroup Medical SE & Co. KGaA, “nessuno dovrebbe soffrire o morire solo perché, da qualche parte, mancano delle informazioni mediche”. Ulteriori dettagli per l’iscrizione ed il collegamento all’evento webinar saranno disponibili direttamente sulla pagina ufficiale: http://www.cgmstudio.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’evento di Invitalia e del Parco Archeologico di Ercolano per valorizzare la filiera culturale turistica e far nascere nuove imprese

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Una piattaforma di digital marketing per la realizzazione di video interattivi creati in real time dagli utenti; una app di servizi e opportunità per il tempo libero rivolta a persone disabili o con difficoltà motorie e un museo diffuso che punta al turismo di qualità poggiando sulla cooperazione e sulla sostenibilità del territorio.Sono le tre idee diventate imprese grazie agli incentivi di Invitalia e raccontate nel corso dell’evento “La cultura diventa impresa. La tua. Gli incentivi di Invitalia per avviare un’impresa culturale nel territorio vesuviano” svoltosi il 22 aprile presso il Parco Archeologico di Ercolano.L’incontro, il terzo della serie dopo gli eventi al Marta di Taranto e presso la Reggia di Caserta, nasce dalla collaborazione tra Invitalia, l’Agenzia di sviluppo del Governo e il Parco Archeologico di Ercolano. L’obiettivo è stimolare la filiera creativa delle imprese del territorio e promuovere la valorizzazione del patrimonio culturale. Azioni, progetti, nuove imprese che guardano alle possibili connessioni con un attrattore culturale e turistico come Ercolano unico al mondo. Un motore rinnovato e potenziato grazie agli strumenti agevolativi di Invitalia, al fine di stimolare percorsi di autoimpiego. La collaborazione con il Parco, oltre ad incrementare il know how delle due aziende, ha contribuito a valorizzare il patrimonio storico-archeologico del sito UNESCO, dimostrando ancora una volta l’importanza della sinergia tra attrattore e territorio, in un rimando di stimoli e suggestioni che possono concretamente innescare e rafforzare positive dinamiche di sviluppo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il valore della donna investitrice

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Giovedì 29 aprile, dalle ore 10:00, AIPB, Associazione Italiana Private Banking, e CANDRIAM, gestore globale multi-asset con focus su investimenti sostenibili e responsabili, presentano lo studio CANDRIAM-AIPB, realizzato con IPSOS, “Il valore della donna investitrice: il contributo della consulenza finanziaria per superare gli stereotipi di genere”, per riflettere sul ruolo che rivestono in Italia le donne con un’ampia disponibilità finanziaria e una posizione di rilievo nei sistemi sociali ed economico-finanziari, e su come queste possano rappresentare un modello aspirazionale e contribuire a innescare un circolo virtuoso di rilancio economico e riduzione del gap di genere. Nel dibattito si confronteranno politici, manager ed esponenti del mondo della finanza e interverranno, insieme all’autore e curatore del Rapporto Andrea Alemanno, Senior Client Officer di Ipsos, Paolo Langè, Presidente AIPB, Elena Bonetti, Ministro per le Pari Opportunità e per la Famiglia, Maria Cecilia Guerra, Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, Sabrina Pignedoli, Deputata del Parlamento Europeo e membro della Commissione per il controllo dei bilanci, Monica Poggio, CEO & SBR Bayer Italy, Matthieu David, Head of Italian Branch di CANDRIAM e Antonella Massari, Segretario Generale di AIPB. In particolare, si discuterà di come anche l’industria del Private Banking sia chiamata ad affrontare la questione femminile e ad offrire una consulenza professionale adeguata alle aspettative delle donne, a cui va ricondotto il 35% dei circa 900 miliardi di euro gestiti dal settore. Il nuovo modello consulenziale delineato dal Rapporto dovrà includere competenze dei private banker su tematiche trasversali e capacità di offrire percorsi di lungo periodo per rispondere alle esigenze di un investitore competente, maturo, aperto al confronto e interessato a generare impatti virtuosi: la donna investitrice e “di altro profilo”.È possibile registrarsi all’evento al seguente link: https://openevents.it/eventi/candriam-aipb/.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La gestione del rischio legato al cambiamento climatico: considerazioni e ostacoli

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

A cura di Chris Wagstaff, Responsabile pensioni ed educazione all’investimento di Columbia Threadneedle Investments. Cosa devono chiedersi i proprietari di attivi prima di adottare una politica efficace di gestione del rischio legato al cambiamento climatico? Quali sono gli ostacoli da superare in fase di attuazione? Il cambiamento climatico è un rischio sistemico globale che riveste un ruolo sempre più importante ai fini della gestione del rischio. Ma nel formulare e quindi adottare una politica di gestione del rischio legato al cambiamento climatico, i proprietari di attivi devono porsi alcune domande chiave e considerare una serie di aspetti fondamentali. Tra questi figurano: Capire a che punto del processo di costruzione del portafoglio vanno inglobate le considerazioni sulla gestione del rischio legato al cambiamento climatico e se queste debbano costituire input primari o secondari. In molti casi, la gestione del rischio legato al cambiamento climatico è parte integrante della selezione dei gestori ma probabilmente secondaria rispetto a fattori quali il tasso di rendimento richiesto, i parametri di rischio, la diversificazione e la liquidità nel determinare l’asset allocation strategica, che possono incidere in maniera significativa sul profilo di rischio/rendimento, sulla diversificazione e sulle caratteristiche di liquidità del portafoglio.Se allineare o meno i portafogli agli obiettivi dell’Accordo di Parigi,come hanno cominciato a fare molti titolari di attivi, anche in vista di una probabile evoluzione in tale direzione del quadro normativo. Non si tratta di un compito facile in quanto non esiste un unico approccio riconosciuto per misurare e valutare l’allineamento delle temperature e, di fatto, la stessa intensità di carbonio di un portafoglio. Per non parlare dei percorsi di transizione delle posizioni di un portafoglio avendo a disposizione dati per lo più circoscritti ad azioni, obbligazioni societarie e titoli di Stato. Fortunatamente, la pubblicazione della Paris Aligned Investment Initiative dell’IIGCC aiuterà i gestori patrimoniali e i proprietari di attivi ad adottare politiche d’investimento in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. L’Accordo di Parigi fissa un obiettivo di lunghissimo termine a cui ambire, ma i proprietari di attivi guarderanno inevitabilmente al proprio gruppo dei pari per un primo confronto di base e per monitorare in corso d’opera i parametri climatici prescelti. Perché tale raffronto funzioni, tutte le parti in gioco dovranno aumentare il livello di trasparenza e fissare traguardi intermedi realistici.Tenendo presente quanto sopra, i proprietari di attivi (coadiuvati dai loro consulenti d’investimento e gestori patrimoniali) devono aggirare tre grandi ostacoli per valutare l’esposizione al carbonio e alle emissioni di gas serra dei loro portafogli. Si tratta di: scarsità di analisi dei dati di qualità sulle emissioni di gas serra di Ambito 1, 2 e, soprattutto, 3; disomogeneità dei dati ESG (ambientali, sociali e di governance), nell’ambito dei quali il rischio climatico è un fattore di rischio chiave della componente “E”; infine le informative carenti delle aziende sulle emissioni di gas serra. L’ultimo punto compromette fortemente l’accuratezza sia dei dati ESG che di quelli sulle emissioni di gas serra compilati dai fornitori di dati e quindi analizzati dai gestori patrimoniali. Misurare le emissioni non è una scienza esatta. In particolare, le emissioni Scope 3 hanno una definizione vaga, sono per lo più stimate e soggette al rischio del doppio conteggio, inoltre il modo in cui i fornitori di dati raccolgono le informazioni varia enormemente in quanto ognuno utilizza metodologie diverse e adotta una visione differente dello stesso fattore. Malgrado queste limitazioni, gli investitori stanno utilizzando i dati a disposizione (principalmente di Ambito 1 e 2 ma anche di Ambito 3, spesso dopo aver apportato qualche correzione discrezionale) per decidere quali sono le società che si stanno impegnando per potenziare le proprie credenziali di sostenibilità e usare questi dati per monitorarne i progressi nel corso del tempo.Adottando idealmente target basati sulla scienza e allineati agli obiettivi di Parigi, i gestori e i proprietari di attivi potranno sostenere in maniera più efficiente i “vincitori”, ossia le imprese dotate delle tecnologie e dei vantaggi competitivi atti a prosperare grazie alla transizione verso un mondo a basse emissioni di carbonio. Potranno inoltre utilizzare queste informazioni per prendere decisioni informate sull’esclusione o l’allontanamento del portafoglio da determinati settori o titoli.Le esposizioni del portafoglio a questi rischi vengono tipicamente riportati sotto forma di impronta di carbonio. La TCFD raccomanda ai proprietari di attivi di comunicare l’intensità di carbonio media ponderata dei loro portafogli (per ogni titolo in portafoglio) sulla base delle emissioni di Ambito 1 e 2 (quelle che esulano dal controllo dell’organizzazione) ed espresse in tonnellate di CO2 equivalenti (tonnellate di emissioni di CO2)/fatturato in milioni di USD). Tuttavia, nei rapporti preparati per i titolari di attivi, e in particolare per i portafogli azionari, molti gestori forniscono parametri supplementari, come le emissioni di carbonio (tonnellate di emissioni di CO2/milioni di USD investiti) e le emissioni di carbonio totali (tonnellate di emissioni di CO2).Parimenti, l’analisi del rischio fisico può essere condotta da diverse angolature. Per esempio, se gli attivi di un portafoglio sono “geolocalizzabili”, è possibile misurare l’esposizione al rischio fisico associato al cambiamento climatico usando direttamente gli strumenti di modellizzazione del rischio catastrofale, analizzando i rischi fisici del portafoglio dovuti a pericoli come inondazioni, terremoti e incendi. Ciò, a sua volta, può far scattare analisi più dettagliate su come gestire o assicurare tale esposizione al rischio. Ad integrazione di questa analisi del rischio – benché si tratti di un’area ancora sperimentale, e fermi restando i tre limiti appena discussi – i gestori e i proprietari di attivi stanno cercando di potenziare la gestione del rischio legato al cambiamento climatico sviluppando indicatori basati sul Value-at-Risk (VaR) delle esposizioni climatiche del portafoglio al fine di stimare le perdite potenziali in un dato scenario climatico. (abstract da http://www.columbiathreadneedle.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Allevamenti bovini e transizione ecologica”

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Questo il titolo del webinar promosso da Cia-Agricoltori Italiani, in programma martedì 27 aprile, alle ore 10:30. Obiettivo raccontare un settore pieno di sfumature, che ogni giorno mescola tradizione e innovazione scientifica, e che vuole essere attivamente coinvolto e dare un forte contributo alla sfida della sostenibilità, come chiede l’Europa con il Green Deal.L’evento, in diretta streaming qui, si terrà in un’azienda specializzata nell’allevamento di bovini, la Società Agricola Vio Antonio e C. in località Valcasoni, Eraclea, nella provincia di Venezia.Dopo i saluti del presidente di Cia Veneto Gianmichele Passarini, il videomessaggio del ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli e quello del presidente della Regione Veneto Luca Zaia, ci sarà la relazione introduttiva “Traguardi raggiunti e obiettivi futuri” a cura di Bruno Ronchi, ordinario di Nutrizione e Alimentazione Animale dell’Università della Tuscia.A seguire, moderati dal giornalista Mimmo Vita, si terranno gli interventi di: Matteo Boso, presidente O.I.C.B. Organizzazione Interprofessionale Carne Bovina, su “Allevamenti in linea con la sostenibilità”; Tiziana Stallone, biologa nutrizionista, su “Consumo di carne e impatto su ambiente e salute”; Andrea Gavinelli, capo unità Benessere animale e Resistenza antimicrobica della DG Sante Commissione Ue, su “La produzione animale nel contesto del Green Deal”; Carlo Siciliani, presidente Uniceb, su “Esigenze del trasferimento tecnologico nella trasformazione delle carni”; Marcello Veronesi, presidente Assalzoo, su “Contributo dell’alimentazione animale nel processo di transizione ecologica”. Parteciperanno al webinar Jean Pierre Fleury, presidente Gruppo di Lavoro Carni Bovine del Copa-Cogeca, e Giampaolo Vallardi, presidente Commissione Agricoltura del Senato. A concludere i lavori sarà Dino Scanavino, presidente nazionale Cia-Agricoltori Italiani.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce oggi la Slow Food Coffee Coalition

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Al via la Slow Food Coffee Coalition, una rete aperta nata dall’iniziativa di Slow Food insieme al Gruppo Lavazza, che collabora con l’associazione della chiocciola dalla metà degli anni ‘90. Questa rete, nelle intenzioni dei promotori, unirà tutti gli attori della filiera del caffè, dai produttori ai torrefattori, dai distributori ai consumatori, accomunati dall’amore per questa bevanda e ispirati dall’idea di un caffè buono, pulito e giusto per tutti. Un nuovo modello di relazione, ispirato ai valori della cooperazione, che tiene conto dell’evoluzione dei paradigmi di produzione e consumo, lanciato – in occasione della Giornata Mondiale della Terra – da Torino tra gli eventi che concludono i 6 mesi straordinari di Terra Madre Salone del Gusto. L’obiettivo è creare nuove connessioni e migliorare la relazione tra agricoltori e consumatori, per irrobustire il primo e più fragile anello della filiera e promuovere l’identità e la conoscenza del caffè con chi lo sceglie ogni giorno. la Slow Food Coffee Coalition invita tutti gli attori della filiera interessati al caffè ad aderire al suo Manifesto perché insieme ci impegniamo a garantire e godere di un prodotto buono, pulito e giusto. Una rete mondiale quindi, che crede nella tutela dell’ambiente, nella salvaguardia dei diritti fondamentali dell’uomo e del lavoro, nella trasparenza, nella tracciabilità, nell’educazione e nel diritto al piacere, e che fa di questi elementi le pietre miliari di un nuovo cammino. Tutti noi possiamo decidere di aderire alla Coalition per fare formazione, per favorire uno scambio di idee e di buone pratiche, ma anche per ideare nuove attività concrete o ascoltare e condividere.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

American Express ancora ai vertici nella classifica di Great Place To Work

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

American Express si è classificata seconda per la categoria Large Companies nella classifica Best Workplaces Italia pubblicata da Great Place to Work Italia, un risultato ancora più importante dato il difficile anno trascorso, che fa seguito agli ottimi piazzamenti nella classifica raggiunti dal Gruppo negli scorsi anni (primo posto nel 2020 e nel 2018 e secondo posto nel 2019).Tale riconoscimento premia la strategia di American Express di mettere le persone al centro, consolidata nell’anno passato, in cui l’azienda ha avuto come primo obiettivo quello di proteggere la salute dei propri colleghi, estendendo il lavoro da remoto all’intera popolazione aziendale sin dalle fasi iniziali della pandemia.American Express ha affrontato i cambiamenti epocali dovuti alla pandemia mantenendo alto il coinvolgimento delle persone grazie a un modello di leadership empatica ed inclusiva, all’incremento dell’utilizzo di strumenti digitali e alla smaterializzazione dei processi, alla promozione di un clima aziendale basato su fiducia e responsabilità e all’evoluzione dei programmi di welfare, continuando a promuovere la crescita dei talenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aprile è il mese internazionale della rosacea

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

E’ una malattia cronica della pelle che può suscitare imbarazzo a causa delle manifestazioni cliniche visibili sul volto. Colpisce circa 415 milioni di persone in tutto il mondo e oltre 3 milioni di persone in Italia, ovvero circa il 7-8% della popolazione adulta. La rosacea, come ogni malattia cronica, necessita di controlli periodici, i quali però nell’ultimo anno, a causa del Covid-19, hanno subito forti rallentamenti. In particolare, come dimostrato in un’indagine condotta in Canada e Germania da Galderma, da inizio pandemia solo il 33% delle persone con rosacea si è recata dal proprio medico o dermatologo e solo l’8% ha ricevuto un video-consulto. Analogamente, anche in Italia l’epidemia da Covid-19 ha sommerso tutta la sanità, come ha evidenziato il report «Equità di accesso alle cure e Covid-19» dell’associazione Salutequità; rispetto al 2019, nel periodo marzo-maggio 2020 si è avuta una riduzione di circa il 58% del numero di ricette per prestazioni di specialistica erogate e nel periodo gennaio-giugno 2020 la riduzione è stata pari a 13,3 milioni di prestazioni di accertamenti diagnostici e a 9,6 milioni di visite specialistiche. Si tratta di una condizione visibile, spesso caratterizzata da sintomi quali arrossamento transitorio o persistente e/o manifestazioni infiammatorie quali papule e/o pustole. Questi sintomi se trascurati, possono aggravarsi diventando persistenti. Per questo motivo è stata creata una guida personalizzata per la visita con il dermatologo che i pazienti possono compilare e scaricare sul sito http://www.facciaafacciaconlarosacea.it realizzato da Galderma. Il sito Web guida gli utenti con una serie di domande relative ai propri segni e sintomi, all’impatto emotivo della rosacea e ai trattamenti utilizzati. Una volta completato il questionario viene generata una guida per la visita dermatologica personalizzata in grado di facilitare un dialogo aperto medico-paziente.Un recente studio multicentrico italiano, pubblicato su Dermatologic Therapy Journal, ha analizzato l’impatto dell’uso della mascherina, indossata per almeno 6 ore al giorno, nei pazienti con rosacea e acne non in trattamento. In entrambi i casi, è stato rilevato che l’uso prolungato del dispositivo aveva peggiorato i sintomi della malattia, influendo in modo significativo sulla qualità di vita dei pazienti. In particolare, per la rosacea, è stato riscontrato dopo 6 settimane un peggioramento della malattia, rilevato sia dal clinico sia dall’autovalutazione del paziente, con una diminuzione statisticamente significativa nella qualità di vita. “Questo studio ha evidenziato come la mascherina mantenuta aderente sul viso per tutta la giornata, protettiva per il SARS-CoV-2, è però dannosa per le dermatosi infiammatorie del viso, come la rosacea”, commenta Giovanni Damiani, Assegnista di Ricerca presso l’Università degli Studi di Milano e Direttore dello Young Dermatologists Italian Network (YDIN). “Lo studio ha seguito 36 pazienti con rosacea durante il primo lockdown ed ha monitorato l’andamento della patologia valutandoli al tempo 0 e dopo 6 settimane. I risultati sono stati inaspettati in quanto la mascherina andava a peggiorare la gravità della rosacea aumentando il numero di pustole e l’intensità dell’eritema. In altre parole, la mascherina amplificava l’infiammazione della pelle dei pazienti esaminati. Risulta, perciò, cruciale consultare il proprio specialista anche in pandemia per un monitoraggio stretto della rosacea, sia questo in persona o in teledermatologia”. La rosacea può peggiorare se non trattata e le persone che sospettano di soffrirne devono consultare il proprio dermatologo per una diagnosi precoce e per discuterne il trattamento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sviluppo di una dipendenza patologica

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

E’ un fenomeno multidimensionale, dalla causalità complessa, determinato dalla combinazione tra fattori di vulnerabilità e precipitanti. La CBT delle dipendenze patologiche nasce dal contributo fornito da K. Carroll, la prima a utilizzare i concetti della terapia Cognitivo-Comportamentale adattandoli al trattamento dei pazienti con dipendenza da sostanze. Il meccanismo che interviene nella dipendenza comportamentale (ad esempio da gioco, da shopping o da sesso) è similare a quello che connota la dipendenza da sostanza (con craving, assuefazione, tolleranza ed astinenza…) determinando un quadro fenomenologicamente molto simile.L’approccio Cognitivo-Comportamentale considera il comportamento di dipendenza come un “coping maladattivo” (strategia non funzionale di risoluzione di un problema) appreso all’interno di una specifica storia familiare e/o in un determinato ambiente socio-culturale. La CBT per il trattamento della dipendenza comportamentale si basa su una fase preliminare di valutazione psicodiagnostica e di assessment specifico mirata a costruire la concettualizzazione del caso e la definizione degli obiettivi di intervento.A questa fase segue quella di intervento (con psico-educazione sulla dipendenza; analisi funzionale del comportamento; individuazione degli stimoli “trigger”; rimozione degli stimoli condizionati; intervento motivazionale; gestione del craving; intervento cognitivo). Inoltre il trattamento consta di strategie comportamentali di esposizione e fronteggiamento degli stimoli (interni o esterni) tipicamente connessi al comportamento disfunzionale di dipendenza. Queste strategie standard sono poi da integrare con un intervento di coinvolgimento, psico-educazione e sostegno ai familiari che presenta le sue specificità, tutti aspetti che saranno oggetto del seminario. Webinar piattaforma Zoom – 20 ore di formazione così distribuite: 7 maggio 2021 (ore 14-18), 8 maggio 2021 (ore 9-13), 4 giugno 2021 (ore 9-18), 5 giugno 2021 (ore 9-13). E’ rivolto a psicologi-psicoterapeuti (anche in formazione) e ai medici (psichiatri o neuropsichiatri infantili). Si svolgerà con un massimo di 100 partecipanti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ECSA welcomes recognition of the shipping industry as a transitional sector in sustainable finance package

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

La Commissione europea ha adottato un pacchetto sulla finanza sostenibile con l’obiettivo di migliorare il flusso di investimenti verso attività sostenibili e quindi utilizzare strumenti finanziari per rendere l’Europa climaticamente neutra entro il 2050. L’ECSA accoglie con favore il fatto che l’industria marittima europea sia stata riconosciuta nell’ambito della tassonomia come settore transitorio. Tuttavia, l’ECSA sottolinea che, per guidare una efficace transizione, è fondamentale che i criteri di screening tecnico siano realistici e neutrali dal punto di vista tecnologico.L’ECSA accoglie con favore il fatto che l’industria marittima sia stata riconosciuta come un settore “Transizionale” ai sensi dell’art 10 (2) del Regolamento sulla Tassonomia. “L’industria marittima europea si impegna a raggiungere i suoi obiettivi di decarbonizzazione e ambientali. Allo stesso tempo, essendo un’industria ad alta intensità di capitale in cui molte navi sono uniche nel loro genere, è anche fondamentale garantire l’accesso a soluzioni innovative e sostenibili, che possano guidare l’intera industria marittima verso un futuro più verde e sostenibile. Quindi il finanziamento della transizione è vitale.” ha dichiarato Martin Dorsman, segretario generale dell’ECSA.Il Climate Delegated Act fornisce la prima serie di criteri tecnici per definire quali attività di trasporto marittimo contribuiscono in modo sostanziale alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici, i primi due dei sei obiettivi ambientali definiti dal regolamento sulla tassonomia (regolamento (UE) 2020/852).L’ECSA rileva, tuttavia, che i criteri di screening tecnico per il trasporto marittimo al momento definiti nel Climate Delegate Act, sono troppo restrittivi, il che comporta il rischio di mettere in pericolo la transizione. Come afferma la comunicazione della Commissione, la tassonomia dell’Unione europea (Eu Taxonomy) attualmente non definisce come devono essere trattate le attività no-green.In quest’ottica, l’ECSA accoglie con favore il chiarimento della Commissione europea secondo cui il EU Taxonomy Climate Delegated Act è un documento vigente, che sarà soggetto a regolari necessari aggiornamenti. “Oltre ai dettagli tecnici, ci sono tuttavia principi che dovrebbero essere elementi costitutivi nello sviluppo e nell’aggiornamento dei criteri di screening tecnico” ha aggiunto Martin Dorsman.L’ECSA accoglie con favore l’impegno della Commissione a garantire che la tassonomia rimanga basata sulla scienza e neutrale dal punto di vista tecnologico. In base a questo principio, gli armatori europei trovano importante che i criteri di controllo tecnico rimangano coerenti lungo l’intera catena di approvvigionamento, il che richiede ulteriori miglioramenti. Un esempio è la coerenza tra le norme applicabili per la fabbricazione di una nave e l’operabilità della nave. Inoltre, quando si cerca di ridurre le emissioni e di migliorare altri obiettivi ambientali, l’industria marittima dipende anche da altre parti interessate (ad esempio costruttori navali, produttori di motori, catena di approvvigionamento di carburante, infrastrutture portuali). Occorre valutare attentamente anche se l’industria marittima abbia il potere di influenzare la transizione in conseguenza delle sue attività economiche. Dato che l’attività economica della navigazione è basata sull’asset-nave e dato che il carico che trasporta dipende dalla domanda e dall’offerta del mercato di stakeholders di altri settori industriali, considerare il carico come parte dell’attività marittima secondo la tassonomia marittima potrebbe portare a conseguenze impreviste e negative. “Sarebbe altamente controproducente e ingiusto penalizzare il finanziamento per l’industria marittima sulla base del carico trasportato. Oltre ad allontanare i finanziamenti per soluzioni innovative, ciò comporterebbe il rischio di accelerare un trasferimento modale inefficiente. (fonte: http://www.confitarma.it/)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Economist: A special edition on our coronavirus coverage

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 aprile 2021

Our cover in Asia tells the grim story of covid-19 in India, which is struggling with a catastrophic second wave. Until March, India was recording barely 13,000 new covid-19 cases a day, fewer than Germany or France and a drop in the ocean for a nation of 1.4bn. By late last month, however, it was rocketing. On April 21st India clocked 315,000 new positive tests, above even the biggest daily rise recorded in America, the only other country to report such highs. A return of the virus was inevitable, but the government’s distraction and complacency have amplified the surge. (We also cover the story in our daily podcast, “The Intelligence”).In the Netherlands, the state is funding pilot programmes to explore whether rapid testing of patrons for covid-19 can allow reopening of restaurants, museums, cultural events and the like. The budget is huge: €1.1bn ($1.3bn) through August, more than 0.1% of GDP. But critics say the experiments are so flawed that they may prove useless. In Africa, vaccination is off to a slow start. Just 6m doses have been administered in sub-Saharan Africa, fewer than in New Jersey. Just 1% of African adults have received a first jab, versus a global average of 13%. Scant supply is the biggest problem, but not the only one.Meanwhile, Latin American athletes are jumping the queue for vaccines: on April 13th Lionel Messi helped to score 50,000 vaccines for Conmebol, the South American football confederation, after sending three signed shirts to Sinovac, a Chinese pharmaceutical company. American export controls on raw materials and equipment threaten to hinder global vaccine production. Production lines in India, turning out at least 160m doses of covid vaccine a month, will soon grind to a halt unless America supplies 37 critical items.Our “Free exchange” columnist considers how to think about vaccines and patents during a pandemic—do public-health crises call for a departure from the rules? We explore the issue further in a pair of “By Invitation” articles, in which economists and business leaders make their arguments for and against suspending intellectual property rights on medical products related to covid-19.On “The Jab”, our podcast reporting from the sharp end of the vaccination race, we turn our attention to Europe. The continent is suffering a third wave of covid-19 after the European Commission’s vaccine roll-out stalled. France’s president, Emmanuel Macron, has said Europe “lacked ambition” in its vaccine efforts. How can European countries catch up?Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »