Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 27 aprile 2021

Greenpeace: Un piano poco verde

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Una mezza svolta verde per Greenpeace Italia il piano che ieri il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha presentato alla Camera dei Deputati. Con uno spazio davvero troppo esiguo per un serio dibattito pubblico e senza le schede progettuali da cui si potrebbe capire di più, il PNRR presenta qualche novità di rilievo ma ancora diversi limiti. “Registriamo con soddisfazione l’assenza di finanziamenti diretti al progetto CCS di Eni a Ravenna, l’inserimento delle smart grid, degli elettrolizzatori per 1 GW, l’agrovoltaico che si aggiunge all’agrisolare, seppure con risorse limitate” afferma Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia. “Sulla mobilità urbana, invece, è prevista una “cura del ferro” che basterebbe probabilmente per la sola Roma, investimenti nella mobilità ferroviaria locale limitati che, tra l’altro, migliorerebbero ben poco la qualità dell’aria delle nostre città”.Tra le note positive anche l’accenno alle tecnologie per le fonti rinnovabili offshore ma con poche risorse e peraltro condivise con altri progetti innovativi, un miglioramento sulle colonnine di ricarica elettrica (rispetto alla precedente versione) ma al di sotto di quello che servirebbe. Non è ancora chiaro, inoltre, se le riforme per sveltire le autorizzazioni alle rinnovabili consentiranno di vedere una crescita di almeno 6 GW all’anno, oltre 6 volte quanto registrato l’anno scorso.Tra le note negative manca una svolta sull’economia circolare, assenti misure per la riduzione della produzione di rifiuti e l’innovazione necessaria a ridurre il ricorso all’usa e getta specie per la plastica: un percorso che potrebbe aprire all’uso massiccio di inceneritori con rischi sanitari pericolosi.In tema agricolo, evidentemente il comparto non è considerato parte della transizione ecologica: non c’è un riferimento preciso allo sviluppo dell’agricoltura ecologica e biologica, né a un obiettivo di riduzione del numero dei capi allevati spostando le risorse della PAC su produzioni agroecologiche. L’importante stanziamento sul biometano, fonte che può contribuire alla decarbonizzazione, rischia però, in assenza di una politica agricola orientata alla riduzione delle emissioni e dei capi allevati non solo di mantenere i loro impatti su ambiente e salute, ma addirittura di stimolare richieste per nuove autorizzazioni, in aree già fortemente colpite dagli impatti del settore zootecnico intensivo.Infine, il piano assegna – minimo passo avanti rispetto a quanto visto nelle bozze precedenti – delle risorse, seppur poche, alla tutela della biodiversità, ignorando il ruolo fondamentale dei numerosi “servizi ecosistemici” da cui dipendono le nostre vite e la nostra salute.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Recovery Plan: Draghi riferisce alla Camera, Anief: programma ambizioso ma zoppo

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, “senza incrementi di spazi, plessi, organici, tempo scuola, il Recovery plan rischia di trasformarsi in un progetto ‘zoppo’. E perché non si dice con chiarezza che per ridurre l’alto tasso di dispersione si agirà sulla l’estensione dell’obbligo scolastico fino alla maggiore età, con avvio a tre anni? Perché non c’è un impegno chiaro sulla cancellazione delle classi pollaio, con l’introduzione di un tetto massimo di 18 alunni e meno di 15 in presenza di disabili? Che fine hanno fatto le docenze per moduli, alla docenza specialistica d’inglese e l’educazione motoria nella scuola primaria? Questo piano può soddisfarci, servono correttivi importanti. Stavolta i soldi ci sono, manca la lucidità politica sulle priorità da adottare”, conclude il leader della giovane organizzazione sindacale.Dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri, il Recovery Plan passa in Parlamento, con il premier Mario Draghi che nel pomeriggio ha riferito alla Camera dei deputati sulle misure previste. Il presidente del Consiglio ha confermate le 4 “missioni” annunciate: digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per una mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; inclusione e coesione; salute, a cui vanno aggiunti 16 Componenti. La missione Istruzione e Ricerca assorbirà 31,9 miliardi, il 17% delle risorse totali, di cui “uno finanziato con risorse nazionali tramite il Fondo complementare, e 31 con il Dispositivo europeo”, ha detto il premier. Per domani è prevista l’approvazione dell’Aula. “Gli interventi principali – ha elencato Draghi – riguardano: Il miglioramento qualitativo e ampliamento quantitativo dei servizi di istruzione, a partire dal rafforzamento dell’offerta di asili nido, scuole materne e servizi di educazione e cura per la prima infanzia. Lo sviluppo e il rafforzamento dell’istruzione professionalizzante. I processi di reclutamento e di formazione degli insegnanti. Il potenziamento e l’ammodernamento delle infrastrutture scolastiche, ad esempio con il cablaggio interno di circa 40.000 edifici scolastici, la riforma e l’ampliamento dei dottorati. Il rafforzamento della ricerca e la diffusione di modelli innovativi per la ricerca di base e applicata condotta in sinergia tra università e imprese. Il sostegno ai processi di innovazione e trasferimento tecnologico”. Secondo il capo del Governo, con questo progetto si “inciderà su fattori indispensabili per un’economia basata sulla conoscenza”.Anief sostiene che il programma predisposto dall’esecutivo Draghi sul Piano nazionale di ripresa e resilienza nell’ambito dei comparti Istruzione e Ricerca è ambizioso, può godere di una parte importante dei finanziamenti europei, peraltro anche incrementata nella fase di revisione precedente al Consiglio dei ministri svolto ieri. Tuttavia, permane la mancanza di “voci” rilevanti per i destini della scuola italiana, ad iniziare dalla mancanza di un impegno previso sull’aumento di istituti scolastici autonomi: l’indicazione del ‘potenziamento e l’ammodernamento delle infrastrutture scolastiche’ non è sufficiente. Come non c’è più un impegno diretto sulla semplificazione dei concorsi, con assunzioni da graduatorie per titoli e servizi, visto che si parla solo di rinnovo dei ‘processi di reclutamento’

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istat: 22,2% italiani in difficoltà

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Secondo l’Istat, a seguito dell’emergenza sanitaria, più di un quinto degli italiani (il 22,2%) ha avuto difficoltà nel far fronte ai propri impegni economici (pagare mutuo, bollette, affitto, spese per i pasti, etc.).”Dati tanto drammatici quanto ampiamente previsti, come il fatto che il 13,4% degli intervistati ha avuto problemi con il pagamento delle bollette e il 9,1% non è riuscito nemmeno a pagarle” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Per questo fin da marzo 2020, ai tempi del Cura Italia, avevamo chiesto l’estensione immediata dei bonus sociali di luce e gas a chiunque perdeva il posto di lavoro, senza dover far riferimento a un Isee di fatto vecchio e superato, la riduzione dell’Iva sul gas al 10% sull’intero consumo e non solo sui primi 480 Smc annuali, la sospensione degli oneri generali di sistema e delle componenti Terna sulle bollette di luce e gas, la riduzione dell’Iva dal 22 al 4% per tutti i contratti telefonici a consumo. Purtroppo, nessuna di queste ragionevoli proposte è mai stata accolta. Le riproponiamo ora al Governo Draghi” conclude Dona.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: 200mila studenti delle superiori continuano a fare la dad: gli istituti non sono pronti

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

In molti istituti superiori risulta ad oggi disattesa la nota 624 del 23 aprile, a firma del capo dipartimento Stefano Versari, con la quale il ministero dell’Istruzione ha indicato alle istituzioni scolastiche come comportarsi per il rientro in classe sulla base dei nuovi parametri e colori territoriali previsti dall’ultimo decreto sulle riaperture approvato dal Consiglio dei ministri.“Il problema che lamentano molti dirigenti scolastici delle scuole superiori – scrive l’Ansa – è riuscire a conciliare la presenza di almeno 20-25 ragazzi in aula (in alcuni casi, soprattutto nelle grandi città, i numeri sono ancora più alti e le aule spesso piccole) con le norme del Comitato tecnico scientifico sul distanziamento e con i protocolli per la sicurezza siglati nei mesi scorsi. Vi sono casi di città, come Napoli, dove “non tutte le scuole superiori riporteranno in aula la quasi totalità degli studenti; diverse scuole superiori hanno deciso di mantenere in presenza il 50 per cento degli studenti. Decisione presa anche in virtù dell’ordinanza emessa dal presidente della Regione, Vincenzo De Luca, che consente ai dirigenti scolastici di attestarsi al 50 per cento della didattica in presenza ”qualora risulti incompatibile l’applicazione delle linee guida del Dm n.39/2020”.Il sindacato ritiene che tutto questo era ampiamente prevedibile: non vi sono infatti ancora le condizioni sanitarie né le disponibilità organizzative da parte delle scuole per mettere in pratica il rientro in classe alle superiori di quasi tre quarti della popolazione scolastica. Anche perché il personale non è totalmente vaccinato contro il Covid19, con 335.819 docenti e dipendenti ai quali non è stata somministrata nemmeno la prima dose di vaccino anti-Covid19. Per non parlare dei trasporti, che soprattutto nei centri urbani continuano a essere insufficienti e a operare, sempre per motivi legati ai contagi, solo al 50%. Infine, si continuano ad avere classi sovraffollate, spazi ridotti, spesso angusti, nessun impianto di aerazione e organici inadeguati rispetto alle impellenze derivanti dal periodo emergenziale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anief organizza assemblee sindacali esclusivamente dedicate al personale educativo

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Da lunedì 3 maggio, infatti, per circa un mese, avranno luogo le assemblee sindacali territoriali organizzate da Anief dedicate prettamente al personale educativo: si svolgeranno su tutto il territorio nazionale, sempre da remoto, per informare e consultare sulle proposte di rinnovo del CCNL che il sindacato sarà chiamato a sottoscrivere. Marcello Pacifico (Anief): “Le priorità per il rinnovo del contratto devono riguardare la parità di trattamento giuridico ed economico tra personale precario e di ruolo, gli aumenti stipendiali che recuperino almeno il costo dell’inflazione, il riconoscimento del rischio biologico e del burnout al tempo del Covid-19 anche ai fini pensionistici, l’abolizione dei vincoli su mobilità e assegnazioni provvisorie, la formazione, la carriera, le prerogative sindacali e la sicurezza”. La seconda riunione ci sarà mercoledì 5 maggio dalle 15 alle ore 18. e, riguarderà tutte le istituzioni scolastiche educative delle regioni Abruzzo e Marche,

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario, esaminato il 20% degli scritti

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Un posto su tre tra quelli banditi rimarrà vacante – 9 mila -. Escluso uno su due candidati che hanno partecipato alle prove. Un idoneo su sei tra chi le ha superate rimarrà fuori dalle graduatorie ad esaurimento utili per i ruoli nonostante abbia vinto. Anief ribadisce la necessità di ricorrere al Tar dopo i ricorsi vinti in passato dai propri legali convenzionati. Infatti, come riporta anche Tuttoscuola, “il bilancio delle 132 procedure del concorso straordinario concluse è il seguente: posti in concorso relativi ai risultati pubblicati: 4.737; candidati che avevano presentato; domanda di partecipazione: 8.841; candidati che hanno superato lo scritto: 4.185 pari al 47,3% delle domande presentate; candidati che risulteranno vincitori: 3.406; posti che rimarranno vacanti: 1.331 pari al 28% dei posti delle classi di concorso pubblicate”. Il sindacato Anief, per tutelare chi ha diritto a entrare nei ruoli, ha presentato ricorso al Tar del Lazio per ottenere il superamento del limite dei vincitori rispetto ai 32mila posti messi a bando per ciascuna regione, per ottenere così la possibilità per tutti gli idonei di essere individuati quali vincitori del concorso per scorrimento delle graduatorie. L’adesione è riservata a coloro che hanno superato la prova concorsuale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: “Dopo la riapertura, lavoriamo per far finire l’anno scolastico in presenza”

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

“Bene la riapertura delle scuole superiori, adesso serve lavorare per far sì che gli istituti non debbano più richiudere fino alla fine dell’anno scolastico. Servono senso di responsabilità, tamponi rapidi, test salivari e soprattutto un piano trasporti che funzioni efficacemente” ha dichiarato Gabriele Toccafondi, deputato fiorentino di Italia Viva, durante il programma “Dentro la Notizia” su Italia 7. “Sono contento per il ritorno in classe di almeno il 70% degli studenti delle superiori, adesso però la regione deve lavorare al massimo per poter evitare quarantene generalizzate e nuove chiusure. L’impegno deve essere quello di garantire la scuola in presenza fino alla fine dell’anno scolastico. Per farlo è assolutamente necessario il senso di responsabilità dei ragazzi. Devono, inoltre, essere forniti ed effettuati i test rapidi e i test salivari, fondamentali per lo screening degli studenti più piccoli. La Toscana, inoltre, si impegni a garantire un funzionale trasporto pubblico locale, punto debole dei mesi scorsi. Su questo argomento la regione ha assoluta autonomia: può e deve trovare accordi con i bus turistici, i taxi e gli Ncc per poter alleggerire la pressione sui mezzi pubblici negli orari di punta e limitare la diffusione dei contagi sugli stessi” ha continuato il deputato.“La scuola è un posto sicuro, dove le regole si rispettano. Se lavoriamo anche sugli aspetti più delicati e problematici, come il trasporto pubblico, consentiremo ai ragazzi di finire l’anno scolastico e non avremo rimpianti” ha concluso Toccafondi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Riforma reclutamento

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Come si andrà a realizzare la riforma del reclutamento voluta dalla Funzione pubblica? “Per quanto riguarda la scuola – spiega il leader dell’Anief – c’è un concorso ordinario che è stato bandito, ci sono centinaia di migliaia di domande presentate, ma se si cambiano le regole bisogna riaprire i termini. Inoltre, servirebbe un test semplificato da realizzare attraverso una prova scritta e un orale come prova simulata. Per quel che riguarda invece gli idonei che hanno svolto con esito positivo tutte le precedenti procedure concorsuali, come gli insegnanti di religione cattolica o coloro che hanno superato i concorsi ordinari e riservati tra il 2016 ed oggi, deve essere garantita la loro immissione in ruolo. Così come a coloro che risulteranno idonei all’ultimo concorso straordinario, le cui graduatorie sono state pubblicate o si è in procinto di farlo”.Il sindacalista autonomo ricorda che “per avere tutti gli insegnanti in cattedra a settembre sarà importantissimo dare la possibilità di assumere direttamente dalle graduatorie Gps, cioè dalle Graduatorie provinciali per le supplenze. Sono graduatorie per titoli già pronte e laddove le GaE sono esaurite, senza più candidati o non pronte le graduatorie del concorso straordinario”, vanno utilizzare “per evitare di trovarci con 70 mila cattedre nuove vacanti autorizzate per il ruolo e anche il ‘balletto’ delle supplenze”.Marcello Pacifico, quindi, sostiene che vi sono tutti i motivi per “ricorrere alla cosa più semplice: il reclutamento attraverso queste graduatorie, ovviamente facendo fare un corso di abilitazione per chi ne è sprovvisto con la valutazione finale e il tirocinio eventualmente svolto nell’anno di prova. Quindi, l’importante è avere tutti gli insegnanti a settembre: docenti che meritano, sia chi è risultato idoneo ai concorsi sia chi insegna da anni nelle nostre scuole”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Recovery: Mura (Pd), lavoro di qualità è obiettivo primario del Pd

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

“La creazione di posti di lavoro di qualità è uno degli obiettivi primari del Pd che ci attendiamo di raggiungere dagli investimenti del Recovery, fermando la caduta occupazionale che ha colpito in particolare donne e giovani, soprattutto nel Mezzogiorno. La priorità assegnata dal segretario Letta al lavoro a tempo indeterminato non può che rientrare tra gli effetti indicati dal presidente del Consiglio Draghi. Occorre dunque puntare con decisione alla quinta missione del Recovery sulle politiche attive del lavoro e all’inclusione sociale, e accompagnarla con azioni che privilegino la stabilità contro la precarietà, come ad esempio l’istituzione di un bonus”. Lo ha affermato la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), raccogliendo la proposta del segretario nazionale Enrico Letta in merito all’istituzione di un “bonus sul lavoro a tempo indeterminato”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

M9 – Museo del ’900 e la mostra temporanea “Foresta M9”

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Venezia – Mestre. Dopo oltre un mese di porte chiuse, mercoledì 28 febbraio riapre M9 – Museo del ’900 di Venezia Mestre. La ripartenza avverrà secondo i protocolli di sicurezza già adottati prima dell’ultima chiusura. Le visite si svolgeranno, con ingressi contingentati, il mercoledì, il giovedì e il venerdì, dalle ore 14.30 alle 20.30, con biglietto speciale a tariffa ridotta di 8 € (5 € per minori 7-18 anni, studenti con Carta dello Studente o tesserino universitario, diversamente abili, visitatori di età superiore ai 65 anni). La novità principale di questa nuova ripartenza riguarda i fine settimana: sarà possibile visitare M9, e partecipare agli eventi collaterali promossi dal museo, su prenotazione scrivendo a ufficiogruppi@m9museum.it, almeno un giorno prima rispetto alla visita. M9 conferma la tariffa speciale anche il sabato e la domenica, dalle ore 10.30 alle ore 20.30 (ingressi sempre su prenotazione).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le sfide che attendono banca e finanza

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Il prossimo 11 maggio i principali protagonisti del mondo del credito e della finanza si confronteranno in tre sessioni (ore 9.30 – 16) in diretta streaming su http://www.eccellenzedimpresa.it per un’ampia riflessione a più voci sui grandi temi e le sfide che attendono il mondo del credito alla luce dell’innovazione tecnologica, del processo di raggruppamento degli istituti e della ripresa economica post pandemia. “La ripresa che tutti ci auspichiamo dovrà poter contare sul supporto del sistema bancario. Si dovranno trovare anche nuovi strumenti finanziari per raccogliere e indirizzare il risparmio privato. L’Italia resta uno dei Paesi con i più alti tassi di risparmio personale, una risorsa importante che potrebbe essere utilizzata per favorire la crescita del sistema economico del Paese.” aggiunge Ugo Loeser, amministratore delegato di Arca Fondi SGR e che proprio su questo tema coordinerà la tavola rotonda del pomeriggio.Apriranno i lavori del Forum Enrico Sassoon, direttore di Harvard Business Review Italia e presidente di Eccellenze d’Impresa, Massimo Gaudina, capo della Rappresentanza a Milano della Commissione europea che dà il patrocinio all’iniziativa, Rony Hamaui, segretario generale di ASSBB Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa e docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e Angelo Tantazzi, presidente di Prometeia. Nella prima sessione, dedicata ai nuovi modelli strategici e operativi che caratterizzano l’evoluzione del sistema bancario, interverranno, moderati da Nazzareno Gregori, presidente di ASSBB e direttore generale di Credito Emiliano: Patrizia Grieco presidente di MPS, Giuseppe Latorre partner e head of Financial Services di KPMG, Elena Lavezzi head of Southern Europe di Revolut, Giuseppe Lusignani vicepresidente di Prometeia, Giovanni Sabatini, direttore generale di ABI e Davide Serra amministratore delegato di Algebris Investments.La successiva sessione avrà come tema centrale la riflessione sul vortice della trasformazione digitale. A parlare di nuovi protagonisti, nuova organizzazione e nuovi sistemi di pagamento si alterneranno: Ugo Cotroneo managing director & partner di Boston Consulting Group, Elena Goitini amministratore delegato di BNL BNP Paribas, Alessandra Losito direttrice generale di Pictet Wealth Management Italia, Roberto Nicastro presidente di Aidexa, Ignazio Rocco ceo di Credimi e Pietro Sella ceo di Sella Group, moderati da Angelo Tantazzi, presidente di Prometeia.L’ultima sessione lancerà uno sguardo oltre la crisi, analizzando gli strumenti finanziari migliori per sostenere lo sviluppo. Coordinati da Ugo Loeser ceo di Arca Fondi SGR, interverranno: Ugo Bassi direttore Mercati finanziari della Commissione europea, Raffaele Jerusalmi amministratore delegato di Borsa Italiana che patrocina l’evento, Monica Mandelli managing director di KKR, Victor Massiah past president di ASSBB, Giovanni Sandri country head for Italy di BlackRock e Giovanni Tamburi presidente di Tamburi Investment Partners.Prima delle conclusioni dell’intensa giornata di lavori, affidate al presidente di GEA – Consulenti di direzione Luigi Consiglio, interverrà Alessandra Perrazzelli, vicedirettrice generale di Banca d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I primi ETP al mondo sulle criptovalute Stella

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Zurigo. 21Shares, società con sede a Zurigo leader negli ETP sulle criptovalute, lancia oggi i primi ETP al mondo sulle criptovalute Stellar XLM (AXLM) e Cardano ADA (AADA), listati sul mercato regolamentato della borsa svizzera (SIX Exchange), consolidando ulteriormente la sua posizione di principale emittente di ETP sulle criptovalute.A seguito dell’ultima ricalibrazione, Stellar è stato inserito nel nostro 21Shares HODL basket ETP in qualità di quarta criptovaluta sottostante, dopo che il Bitcoin Cash (BCH) e l’XRP sono stati rimossi. Questo ha fatto sì che venisse a crearsi il momento perfetto per aggiungere degli ETP con un singolo asset sottostante, rispettivamente per Stellar e Cardano, all’attuale range di prodotti offerti da 21Shares.Cardano (ADA) è una piattaforma di smart contract basata sulla tecnologia blockchain, che permette agli sviluppatori di creare applicazioni decentralizzate. A differenza di altre piattaforme di smart contract come Ethereum, Cardano attualmente ricorre a un algoritmo Proof-of-Stake chiamato Ouroboros per regolamentare le transazioni e per produrre nuovi blocchi da aggiungere alla blockchain. La sua prima versione è stata lanciata nel 2017 da Input-Output (IOHK), una società a scopo di lucro, fondata nel 2015 dal suo CEO Charles Hoskinson, co-fondatore di Ethereum.Stellar è una blockchain creata con lo scopo di abilitare il trasferimento di ogni tipo di asset o valuta – come Bitcoin, dollari ed euro – e per permettere agli sviluppatori di offrire servizi finanziari a basso costo sulla piattaforma. Lumen (XLM), la criptovaluta nativa di Stellar è usata per pagare le commissioni sulla piattaforma. Stellar è stata fondata nel 2014 da Jeb McCaleb, co-fondatore di Ripple, e da allora il network ha processato oltre 450 milioni di operazioni, compiute da oltre 4 milioni di utenti. Ulteriori approfondimenti e analisi su Stellar e Cardano possono essere travati in due nuove ricerche appena pubblicate dal team di ricerca di 21Shares. Il lancio aveva l’obiettivo di rispondere al recente aumento dell’interesse verso questi asset; in generale, la domanda per gli ETP di 21Shares sulle criptovalute è triplicata dal primo trimestre del 2021, come indicano i nuovi flussi monetari attratti dalla nostra gamma. La domanda è stata guidata dagli investitori istituzionali, che hanno scelto i nostri prodotti open-ended e institutionl-grade.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Abbattere i preconcetti sulla governance delle imprese a conduzione familiare

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

A cura di Alain Caffort, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management. Nonostante i rendimenti interessanti generati dalle società a conduzione familiare, gli investitori rimangono cauti su questo universo.Un pensiero comune è che le aziende a conduzione familiare abbiano strutture di governance deboli, una percezione rafforzata anche dal giudizio delle agenzie di rating indipendenti, che si pronunciano periodicamente su questi aspetti.La nostra opinione è che la rigida applicazione delle metriche di governance stabilite delle agenzie di rating sia poco adatta per giudicare come vengono condotte e gestite le aziende familiari. Questi parametri non solo ignorano molti dei vantaggi che la conduzione familiare apporta alla gestione aziendale, ma perdono anche di vista le prove empiriche: a parità di capitale impiegato, le aziende a conduzione familiare generano rendimenti migliori a un rischio inferiore. Le critiche sollevate dalle agenzie di rating si basano su tre dimensioni della governance delle aziende a conduzione familiare: struttura del Consiglio di Amministrazione, diritti degli azionisti e retribuzione dei dirigenti. Ma ci preme dimostrare che, nonostante la mancanza di indipendenza del Consiglio di Amministrazione, le aziende a conduzione familiare tendono ad avere rendimenti più elevati, mantenendo al contempo una minore leva finanziaria. Considerato che la disciplina finanziaria è uno degli elementi chiave per valutare l’indipendenza del Consiglio di Amministrazione, le aziende a conduzione familiare non dovrebbero essere penalizzate su questo aspetto. Per quanto riguarda i diritti degli azionisti, la remunerazione indipendente, l’audit e i comitati per le nomine sono più importanti dell’indipendenza del Consiglio di Amministrazione. Infine, guardando alla retribuzione dell’Amministratore Delegato, non ci sono prove che dimostrino il fatto che le famiglie proprietarie utilizzano la loro posizione privilegiata per premiarsi in modo eccessivo. Le aziende a conduzione familiare sono generalmente meno indebitate rispetto alle loro rivali, in base al rapporto tra debito netto e utili rettificati. Ciò è importante, perché la solidità del bilancio è un parametro fondamentale per la protezione del capitale.Pertanto, l’indipendenza del Consiglio di Amministrazione dovrebbe essere un buon indicatore della performance aziendale relativa. Ma non lo è. Le prove dimostrano che, sebbene le aziende a conduzione familiare abbiano generalmente Consigli di Amministrazione meno indipendenti, presentano rendimenti migliori e standard di disciplina finanziaria più elevati rispetto alle società non finanziarie. Le ricerche condotte da HSBC mostrano che, a livello regionale, non esiste alcuna correlazione tra l’indipendenza del Consiglio e le prestazioni aziendali – è probabile che le differenze si riducano ai diversi modi in cui nei vari Paesi vengono applicati i diritti degli azionisti. Esiste, invece, una correlazione a livello settoriale, che abbiamo analizzato concentrandoci sul settore dei beni di lusso, perché queste società tendono a presentare famiglie dominanti in possesso di quote di proprietà molto rilevanti. Abbiamo scoperto che in questo settore esiste una correlazione inversa tra i punteggi di governance/indipendenza del Consiglio e i rendimenti per gli azionisti. Le aziende a conduzione familiare hanno performance così positive rispetto ad altre aziende che devono porsi seri interrogativi sui motivi per cui hanno ottenuto un punteggio insoddisfacente dalle agenzie di rating in merito alla governance. È giusto pensare che le società a conduzione familiare siano gestite in modo peggiore rispetto alle loro omologhe non a conduzione familiare, nonostante la costante generazione di rendimenti migliori per gli azionisti con rischi minori per il capitale degli investitori? A nostro avviso, no. Pertanto, crediamo che queste società siano un investimento eccellente e troppo spesso trascurato, soprattutto se le loro strutture di governance vengono analizzate con maggior dettaglio. (abstract fonte: https://www.am.pictet/it/italy/articoli/2021/idee-di-investimento/04/abbattere-i-preconcetti-sulla-governance-delle-imprese-a-conduzione-familiare#overview

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Soluzioni al problema sempre più impellente dei rifiuti plastici

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

A cura di Olivia Watson, Analista senior – Ricerca nell’investimento responsabile e Drew Kettwick, Analista senior – High yield USA di Columbia Threadneedle Investments. La plastica può generare vantaggi ambientali ed economici. Per esempio, riduce gli sprechi alimentari, taglia le emissioni dei trasporti alleggerendo il peso dei prodotti di consumo, abbassa i costi degli imballaggi e aumenta la flessibilità delle filiere produttive. Questi ed altri vantaggi hanno reso possibile la rapida diffusione della plastica, che negli ultimi 50 anni ha per lo più superato il tasso di crescita del PIL globale. Vista la portata di tale espansione, tuttavia, la plastica e gli imballaggi plastici monouso rappresentano ora una quota crescente dei flussi di rifiuti. La quota di rifiuti plastici mondiali riciclati è stimata ad appena il 9%. A questo tasso di riciclo decisamente ridotto si unisce la carenza di servizi di raccolta dei rifiuti plastici e di infrastrutture di lavorazione in gran parte del mondo. La maggior parte dei rifiuti plastici viene incenerita, inviata alle discariche o finisce nei corsi d’acqua, negli oceani o nei terreni, dove rischia di diventare un inquinante di lungo termine, entrando negli ecosistemi e persino nelle catene alimentari.Negli ultimi anni consumatori e Organizzazioni non governative (ONG) si sono opposti al crescente utilizzo della plastica, ottenendo in breve tempo l’appoggio delle autorità di regolamentazione. Il numero di paesi che hanno vietato i sacchetti di plastica o introdotto una tassa sulla plastica è ora talmente elevato che non è possibile menzionarli uno ad uno. All’inizio della pandemia di coronavirus si è temuto che questo slancio potesse perdere forza in virtù della igienicità di alcuni prodotti monouso e degli imballaggi in plastica. Ma ciò non è successo: le aziende riportano che la questione della plastica rimane in cima alle priorità dei consumatori e molte di esse, tra cui Coca-Cola, hanno accelerato gli obiettivi e i piani legati alla plastica dopo l’inizio della crisi sanitaria. Il divieto di utilizzare i sacchetti di plastica potrebbe avere un impatto solo limitato, ma altre norme cambieranno il panorama della plastica e degli imballaggi per le società e i loro investitori. L’evoluzione del panorama normativo e delle preferenze dei consumatori rispetto agli imballaggi in plastica ha ricadute molto ampie per il settore degli imballaggi. A nostro avviso, la crescita degli imballaggi in plastica dovrebbe proseguire, ma a un ritmo inferiore man mano che si intensificherà il grado di controllo sugli impatti ambientali. È inoltre probabile che la crescita globale sarà esposta in misura maggiore alle economie emergenti, dove l’adozione degli imballaggi plastici è inferiore e le norme sono meno stringenti. Come investitori, continuiamo a coinvolgere i team dirigenti dei produttori di beni di consumo e di imballaggi per comprendere meglio il loro posizionamento relativo e i progressi compiuti verso la realizzazione di prodotti e imballaggi in linea con l’evoluzione del panorama normativo e delle richieste dei consumatori. Continuiamo inoltre a spingere per una migliore comunicazione degli obiettivi e dei parametri ESG e relativi alla plastica, al fine di comprendere meglio l’esposizione al rischio delle aziende e gli avanzamenti rispetto alle tematiche chiave. I produttori di beni di consumo e di imballaggi giocheranno un ruolo di primo piano nel passaggio a un’economia della plastica più circolare e sostenibile, e riteniamo che l’adesione a iniziative come la Alliance to End Plastic Waste, la Sustainable Packaging Coalition e il Global Commitment della Ellen MacArthur Foundation sia un segnale positivo dell’impegno a trovare soluzioni di lungo termine per gli imballaggi in plastica. Gli imballaggi in plastica offrono dei vantaggi alla società e crediamo che siano un prodotto percorribile nel lungo termine, ma permangono alcune sfide. Il passaggio a un modello più circolare e innovativo consentirà agli imballaggi in plastica di rimanere rilevanti e diventare un’opzione più sostenibile in futuro.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Assoprevidenza: entra Anima Sgr

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

NIMA SGR entra a far parte del Club dei Partner di Assoprevidenza, l’Associazione italiana per la previdenza e l’assistenza complementari. Il Club riunisce i sostenitori della diffusione della cultura previdenziale e del welfare in Italia. ANIMA è il più grande gruppo indipendente del risparmio gestito in Italia, con un patrimonio complessivo in gestione di oltre 194 miliardi di Euro – di cui il segmento dei clienti istituzionali rappresenta il 73% del totale degli AUM (dati al 31 dicembre 2020) – e più di un milione di clienti e conta oggi su più di 300 professionisti, in Italia e all’estero. Realizza e gestisce soluzioni di investimento flessibili e costruite intorno alle esigenze specifiche dei clienti, siano essi investitori istituzionali (gruppi assicurativi e finanziari, fondi pensione, casse di previdenza), imprese o privati. La capogruppo ANIMA Holding è una public company quotata alla Borsa di Milano dal 2014. ANIMA Sgr è la società operativa controllata da ANIMA Holding.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A febbraio e a marzo il manifatturiero accelera

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Le indagini sulla fiducia delle imprese evidenziano a febbraio e a marzo una accelerazione del recupero del manifatturiero nel Nord Ovest e in Lombardia, più che nella media nazionale e a fronte di una progressione significativa dell’industria tedesca, ma anche crescenti rischi per il consistente rincaro delle materie prime a livello globale. Al contrario, il clima dei servizi ripiega nuovamente sia nel nostro territorio che nella media nazionale, mentre risale in Europa. L’impatto della pandemia sul mercato del lavoro è diffuso in Europa, ma mentre nelle regioni benchmark si rileva un aumento dei disoccupati, in Lombardia – così come in Italia – il calo di occupazione non si traduce in maggiore disoccupazione ma in un incremento considerevole degli scoraggiati.Sono queste alcune delle evidenze contenute nel booklet economia a cura del Centro Studi di Assolombarda, pubblicato su Genio & Impresa (Genioeimpresa.it), webmagazine dell’Associazione. Nel manifatturiero la fiducia delle imprese del Nord Ovest aumenta ancora a marzo ed è al di sopra dei livelli di inizio 2020 di 6 punti percentuali, più della media italiana (+ 2 punti), grazie proprio all’accelerazione nei primi mesi del 2021. L’incremento dell’indice è spiegato da un netto aumento dei giudizi sugli ordini, sia interni sia esteri, e da un ulteriore miglioramento delle attese di produzione nel breve termine. In Germania l’indice di fiducia, dopo aver toccato il punto di minimo nel mese di aprile dello scorso anno, a marzo 2021 si attesta al di sopra dei livelli di gennaio 2020 di circa 25 punti percentuali, con un saldo positivo vicino ai massimi storici del 2018 e con aspettative di produzione per i prossimi tre-quattro mesi su livelli record nella serie storica. Arretra invece la fiducia nei servizi in Italia e soprattutto nel Nord Ovest, mentre rimbalza nei principali Paesi europei. Per quanto riguarda i consumatori, la fiducia nel Nord Ovest è stabile a marzo ma l’incertezza rimane diffusa: l’indice si attesta ancora sotto i livelli pre Covid-19 di circa 10 punti percentuali, con livelli storicamente molto bassi. L’accelerazione del manifatturiero lombardo nei primi mesi del 2021 segue a una chiusura del 2020 meno brillante a causa della seconda ondata di contagi che ha colpito il Paese (nel quarto trimestre 2020, infatti: -2,3% l’export tendenziale della Lombardia, -1,8% Italia, +1,6% Cataluña, +2,7% Baden-Württemberg). Ma si evidenzia che la performance complessiva annua (-10,6%) è allineata ai benchmark europei (-10,3% Cataluña, -7,3% Baden-Württemberg) grazie alla sostenuta ripresa dei mesi estivi, chiaro segnale di competitività sui mercati esteri. Al quadro attuale si aggiungono i nuovi rischi legati al consistente rincaro delle materie prime a livello globale, che potrebbero compromettere la velocità della ripartenza. Nei primi tre mesi del 2021, infatti, sale al 14% (dall’8%) la quota di imprese manifatturiere del Nord Ovest che incontrano crescenti ostacoli alle esportazioni in termini di prezzi e costi e al 10% (dal 5%) la quota di imprese che riscontrano problemi di allungamento dei tempi di consegna. Nel mercato del lavoro, il confronto europeo offre spunti interessanti per leggere le conseguenze differenziate dell’emergenza sanitaria. Infatti, se nelle regioni benchmark l’impatto del Covid è visibile direttamente sul tasso di disoccupazione – in salita al 13,9% nel quarto trimestre 2020 in Cataluña, al 3,6% in Bayern, al 4,2% in Baden-Württemberg -, in Lombardia la diminuzione dell’occupazione si accompagna a una flessione della disoccupazione (5,3% il tasso nel quarto trimestre 2020), riflettendo un aumento ingente di inattivi che hanno rinunciato alla ricerca di un impiego. Inoltre, sebbene prosegua la discesa delle richieste di CIG – con 22 milioni di ore autorizzate a febbraio 2021, il minimo mensile dallo scoppio della pandemia – il livello ancora elevato nel confronto storico indica il permanere di tensioni. Infine, l’aumento di prestiti bancari alle piccole, grandi e medie imprese lombarde di qualsiasi settore è ancora sostenuto a dicembre 2020 (+7,2% rispetto al 2019) come conseguenza delle misure per far fronte all’emergenza.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

L’informazione quotidiana nel tg a misura di senior

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Un’informazione chiara e puntuale sull’attualità, sulle vaccinazioni, l’evoluzione della pandemia, ma anche con un occhio agli aspetti pratici, alle piccole grandi problematiche di ogni giorno, dall’economia alla cura della casa, la salute, il benessere, l’offerta culturale, la tecnologia. Questo e molto altro in Senior News, il primo tg a misura di senior, che offre informazione, rubriche utili, consigli sui più vari aspetti della quotidianità, con un linguaggio pensato appositamente per gli utenti silver, centrato sui loro bisogni e interessi. Nato da Senior Italia FederAnziani, il format spazia fra i temi più importanti per i senior, viaggiando sul social network più frequentato dagli over 65 (Facebook), su Youtube, attraverso la rete virtuale dei centri anziani, divenuta, in questi mesi di pandemia, più attiva che mai. Insomma un tg interamente dedicato agli over 65 e ai loro bisogni, in rete tutti i giorni dal lunedì al venerdì, alle 14.30, sul web. Tanta attualità ma anche tante rubriche di carattere pratico, come l’appuntamento con la cucina, e poi ancora la rubrica per la digital inclusion, utile per imparare per esempio ad usare le app, i consigli sulla salute sessuale dei senior, e ancora l’appuntamento settimanale con grey-panthers.it con i suoi preziosi suggerimenti su temi di grande interesse per i senior.“Senior News cerca ogni giorno di ascoltare le necessità che emergono dai senior e rispondere con dei contenuti adeguati”, dichiara Eleonora Selvi, Portavoce di Senior Italia FederAnziani e Direttrice Responsabile di Senior News, “Un tg pensato appositamente per loro significa non solo informare, ma anche aiutarli ad affrontare la preoccupazione, la solitudine, l’ansia per una situazione, come quella attuale segnata dal Covid, impegnativa sul piano psicologico. D’altra parte sono proprio loro, i senior, che hanno dimostrato, in tanti, grande forza nel reagire e adattarsi al contesto della pandemia. L’idea di questo tg è nata, infatti, proprio nel momento della chiusura dei centri anziani e del distanziamento sociale. Ci siamo resi conto di quanto ‘tecnologici’ siano i nostri senior, che hanno dimostrato tutta la loro resilienza riorganizzando rapidamente la loro vita sociale attraverso Youtube, Facebook e i sistemi di messaggistica per proseguire a casa propria le attività che prima svolgevano nei centri sociali: dai corsi di ginnastica, ballo e musica, a quelli di cucina, solo per fare qualche esempio. A questa loro dimestichezza con smartphone e Pc vogliamo rispondere portando loro nuovi contenuti, con una striscia di informazione quotidiana che veicoli importanti consigli su come mantenersi in salute, fare prevenzione, imparare a riconoscere i sintomi delle principali patologie croniche e gestirle al meglio, ma anche informare su temi come pensioni, economia, risparmio, diritti, difesa dei consumatori, su come difendersi dalle truffe e su come vivere bene anche in periodi difficili come quello che stiamo attraversando, che vede negli anziani la fascia di popolazione più fragile e bisognosa di corretta informazione. E tutto questo anche con il coinvolgimento delle società scientifiche e delle organizzazioni dei medici e degli operatori sanitari che da sempre lavorano al nostro fianco, in modo da garantire un’informazione scientifica corretta e impeccabile”.Ampio spazio alla salute, per rispondere ai bisogni e alle domande del popolo della terza età. Ecco quindi che il tg arricchisce, grazie alla sua ampia diffusione e al suo linguaggio peculiare, l’impegno che Senior Italia FederAnziani da sempre porta avanti nel sensibilizzare i senior con le sue campagne di informazione sanitaria. I temi, quelli centrali dal punto di vista della salute dei senior: la promozione dei sani stili di vita, l’attenzione alla prevenzione, le malattie croniche, le patologie respiratorie, l’asma, l’asma grave, la bpco, le patologie oncologiche, il tumore del polmone o carcinoma polmonare, la leucemia, il diabete, lo scompenso cardiaco, l’ipertrofia prostatica benigna, la cistite, la fragilità ossea, le patologie delle valvole cardiache, l’ipercolesterolemia, l’incontinenza urinaria, l’epatite C, l’aderenza alla terapia. Argomenti puntualmente approfonditi anche attraverso video interviste a medici ed esperti.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rivitalizzare l’economia di montagna

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Rivitalizzare un’area interna del nostro Appennino, creare attività per la difesa del territorio e opportunità per la valorizzazione dell’agricoltura e della zootecnia di montagna, sviluppare nuove forme di lavoro come driver per l’economia verde, mettere al centro la salute, la tutela dell’ambiente e il risparmio dell’acqua grazie allo sviluppo di tecnologie innovative come la pirolisi e la produzione di idrogeno verde. Creare un sistema di formazione continua – attraverso la realizzazione di una scuola residenziale per l’economia della conoscenza – e un albergo diffuso per l’ospitalità dei pellegrini lungo la via Francigena.I tre pilastri fondamentali di ispirazione del progetto – presentato dall’Autorità Distrettuale del fiume Po al Ministero della Transizione Ecologica con la richiesta di un finanziamento di oltre 165 milioni di euro per tre anni – sono uomo, natura e tecnologia. Il progetto pilota, a partire dalla mitigazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico e la messa in sicurezza del territorio attraverso nuove strategie di gestione forestale, genera un circuito virtuoso e circolare.Il primo ritorno occupazionale verrà ottenuto con la formazione di una cooperativa di comunità composta da un team di persone under 45: in totale RESTART BERCETO porterà – nel corso di tre anni – all’impiego e all’assunzione di circa 200 persone, tra tecnici specializzati, tecnici forestali, agronomi, operatori turistici e ambientali.La produzione della biomassa di qualità potrà essere impiegata nella generazione di energia tramite nuove tecnologie come la pirolisi, che andrà ad affiancare una stazione sperimentale per la produzione di idrogeno green, oltre al recupero dei salti idraulici di rii e torrenti che, in passato, alimentavano vecchi mulini, generando un ulteriore volano economico ed occupazionale altamente specializzato.Nell’ottica di una formazione continua, necessaria per tutte le attività del progetto pilota, verrà realizzata una scuola residenziale per l’economia della conoscenza, presieduta e diretta da un Comitato Tecnico Scientifico di un istituto universitario forestale e di un incubatore per Start-up innovative nella Fornace di Ghiare ristrutturata, non solo per la formazione degli addetti al progetto ma per l’esportazione del sapere anche ad altri territori.Per rafforzare la ricettività – una delle criticità del territorio montano – verrà creato un albergo diffuso che ospiterà i pellegrini della Via Francigena, oltre agli operatori non residenti che parteciperanno al progetto. RESTART BERCETO prevede anche il ripristino del patrimonio abitativo pubblico e privato, attraverso alcune riqualificazioni del tessuto urbano.La valorizzazione dei prodotti di montagna – tramite un nuovo paradigma di agricoltura sostenibile ad alta integrazione ambientale – avverrà attraverso la creazione della ‘Vetrina dell’Appennino’, un banco per la vendita diretta dei prodotti del territorio lungo l’autostrada A15 Parma-La Spezia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Seduta scientifica on line dal titolo “L’ipertensione secondaria”

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Martedì 4 maggio alle 17.30, l’Accademia di Medicina di Torino organizza una seduta scientifica on line dal titolo “L’ipertensione secondaria”. Introduce l’incontro Franco Veglio, Professore Ordinario di Medicina Interna presso l’Università di Torino e socio dell’Accademia di Medicina. I relatori saranno Paolo Mulatero, Professore Ordinario di Medicina Interna presso l’Università di Torino e Guido Grassi, Professore di Medicina Interna presso l’Università di Milano Bicocca e Presidente della Società Italiana Ipertensione Arteriosa (SIIA).Il tema della relazione del prof. Mulatero riguarda i due “Consensus” sulla diagnosi e terapia dell’ipertensione endocrina della Società Europea dell’Ipertensione, recentemente pubblicati sul “Journal of Hypertension”. L’Iperaldosteronismo primitivo è la forma più frequente di ipertensione arteriosa secondaria con una prevalenza del 5-6% nella popolazione ipertesa generale, ma molto più alta nei soggetti con ipertensione di difficile controllo o resistenti dove raggiunge anche al 20%. Il feocromocitoma è molto più raro, intorno allo 0.3-0.5% della popolazione ipertesa, ma può avere una presentazione drammatica con complicanze che pongono a rischio la vita dei pazienti.La lettura del prof. Grassi riguarda le somiglianze e differenze tra le linee guida della Società Europea di cardiologia (ESC) e della Società Europea di ipertensione (ESH) e quelle della Società Internazionale di Ipertensione (ISH), cercando di evidenziare le implicazioni pratiche e le raccomandazioni che possono avere maggiore impatto nella pratica clinica quotidiana. Si sottolinea la necessità, raccomandata dalle Linee guida, dell’impiego precoce nella storia clinica della malattia della terapia farmacologica di associazione, in modo da permettere un miglior controllo pressorio nella popolazione.In ottemperanza alle disposizioni del DPCM relative alle misure di contenimento della pandemia, si potrà seguire l’incontro solo collegandosi al sito http://www.accademiadimedicina.unito.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma: Caos sepolture

Posted by fidest press agency su martedì, 27 aprile 2021

Ha superato ogni limite la gestione delle sepolture nella capitale. Questo il giudizio dell’associazione Codici, che annuncia un esposto alla Procura affinché si indaghi su una vicenda ritenuta intollerabile oltre che grave. “Siamo di fronte a qualcosa di scandaloso – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e sinceramente non sappiamo se sia peggio il ritardo accumulato per le sepolture oppure la giustificazione fornita dai responsabili. La vicinanza alle famiglie non si esprime a parole, ma con i fatti. È da un anno ormai che il Paese lotta con l’emergenza Covid19, non è certo una novità, così come non è più tollerabile il ritornello del personale esiguo, della burocrazia che rallenta tutto e degli impianti di cremazione insufficienti. La situazione era chiara e nota da tempo, non bisognava arrivare a questo punto. Ama e Roma Capitale dovevano intervenire prima per evitare di aggiungere dolore a dolore, con la protesta straziante di chi aspetta da settimane e settimane di dare l’ultimo saluto a chi non c’è più. Ora che il caso è scoppiato e Roma si sta distinguendo per l’ennesima pessima figura ai danni dei propri cittadini, arrivano le promesse e gli impegni per un miglioramento della situazione. Verificheremo che ciò accada realmente, ma intanto abbiamo deciso di presentare un esposto alla Procura affinché venga fatta luce su quanto accaduto. A nostro avviso ci sono delle violazioni alle disposizioni di legge in materia e non è possibile archiviare tutto come una conseguenza dell’emergenza Covid19, come qualcuno sta tentando di fare”. (n.r. Quanto accade bei cimiteri romani, e lo è da tempo, è sconcertante. Lo è ancora di più se si pensa che questo andazzo va avanti da mesi senza che nessuno delle istituzioni intervenga. Si parte dal fatto più grave per il ritardo accumulato per le sepolture alla sporcizia dei bagni alle buche stradali, alle fontanelle spesso senz’acqua, alle erbacce che rendono difficoltoso l’accesso alle tombe, ai cassonetti che spariscono e via di questo passo. Ma ciò che rende più arrabbiati i visitatori è la mancanza di un interlocutore considerato che ad ogni protesta si risponde invariabilmente con il “silenzio”. Fino a quando dovrà durare questo scempio?)

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »