Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Fixed Income – Obbligazioni cinesi in renminbi: una nuova linea di difesa?

Posted by fidest press agency su giovedì, 29 aprile 2021

A cura di Cary Yeung, Head of Greater China Debt di Pictet Asset Management. Il mercato obbligazionario da 16.000 miliardi di dollari ha superato la crisi mostrando la stabilità di norma associata ai Treasury USA.Non solo ha esibito una performance migliore dei titoli di Stato dei mercati sviluppati durante il tumultuoso primo trimestre del 2020 ma, da allora, è oscillato all’interno di intervalli molto più ristretti. Le sue qualità di strumento in grado di mitigare il rischio sono state evidenti.Negli ultimi mesi, le obbligazioni in renminbi (RMB) non si sono mosse di pari passo con gli altri principali mercati obbligazionari mondiali, e non hanno replicato nemmeno il comportamento degli strumenti finanziari dei mercati emergenti. Tutto ciò suggerisce che potrebbero rivelarsi una buona copertura rispetto agli attivi più rischiosi che gli investitori detengono nei loro portafogli. Una spiegazione per la scoperta di questa resilienza è legata al fatto che le riforme messe in atto in Cina hanno consentito alle obbligazioni denominate in renminbi di occupare un posto di maggior rilievo nei principali indici di riferimento obbligazionari globali. A marzo, l’indice FTSE Russell ha annunciato che i titoli di Stato cinesi saranno inclusi nei suoi indici di riferimento, sulla scia di quanto già fatto da JP Morgan e Bloomberg-Barclays.L’inserimento negli indici è un passo decisivo, sia per la Cina che per gli investitori di tutto il mondo.Per le autorità di Pechino, si tratta di un marchio d’approvazione per il loro impegno nel liberalizzare il mercato dei capitali nazionale e integrarlo completamente nel sistema finanziario internazionale.Per gli investitori, si spalanca un nuovo mondo in cui il renminbi è destinato a diventare una valuta d’investimento veramente globale. In altre parole, il mercato obbligazionario cinese onshore svolgerà un ruolo molto più importante nei portafogli obbligazionari internazionali.La quota di obbligazioni cinesi in mano agli investitori esteri era già in crescita, in vista dell’annunciata inclusione all’interno degli indici di riferimento. Gli investitori esteri hanno incrementato l’ammontare di debito in renminbi detenuto, arrivato a 3.200 miliardi di RMB a dicembre 2020, in crescita di quasi il 50% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.Dei 9.500 miliardi di dollari di attività in gestione da parte di fondi pensione societari e pubblici di tutto il mondo, lo 0,26% era detenuto in obbligazioni cinesi nel terzo trimestre del 2020, in crescita dallo 0,04% del 2015.Per migliorare ulteriormente il suo posizionamento nel mercato internazionale, la Cina ha realizzato una serie di riforme che facilitano l’accesso al mercato da parte degli stranieri.Tra le più importanti, il programma “Bond Connect”, lanciato nel 2017, consente agli investitori non cinesi di effettuare operazioni a Hong Kong senza possedere un conto onshore. Già 75 dei 100 gestori patrimoniali più importanti al mondo hanno aderito al programma, mentre il volume degli scambi è raddoppiato lo scorso anno arrivando a 4.800 miliardi di RMB.Tutto ciò significa che i flussi di investimento registrati dalla pandemia in poi faranno probabilmente parte di una riallocazione di dimensioni molto più ampie. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, la sola inclusione negli indici di riferimento potrebbe tradursi in flussi nelle obbligazioni cinesi dagli investitori internazionali pari a 7.400 miliardi di RMB. Un altro elemento favorevole è il recente impegno della Cina per diventare carbon neutral entro il 2060. Questo ambizioso obiettivo probabilmente richiederà fino a 16.000 miliardi di dollari di investimenti per i quali, a nostro avviso, i green bond rappresenteranno un canale importante.La PBOC ha già promesso di migliorare la regolamentazione relativa alla finanza “green” del Paese per sostenere l’obiettivo del 2060 e facilitare l’ingresso degli investitori esteri in questo mercato.A giugno 2020, i green bond cinesi in circolazione avevano raggiunto i 1.200 miliardi di RMB, il secondo mercato al mondo per dimensioni. Questa cifra dovrebbe crescere nei prossimi anni, contribuendo a espandere l’universo e ad aumentare la profondità del mercato obbligazionario cinese onshore nel lungo termine. Con il rapido invecchiamento della popolazione e il conseguente aumento delle sue esigenze di investimento, la Cina ha ogni interesse a eliminare le restrizioni ai flussi di capitale con l’estero e ad attingere a fondi esteri.E in nessun altro luogo, se non nel mercato obbligazionario onshore in renminbi, gli investitori potranno assistere chiaramente alla trasformazione economica cinese nei prossimi anni. L’anno del Toro promette crescita per le obbligazioni cinesi denominate in renminbi, una classe di attivi destinata a diventare sempre più centrale all’interno dei portafogli obbligazionari degli investitori di tutto il mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: