Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Sostegni bis: La Camera approva, per i precari della Scuola la delusione è tanta

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 luglio 2021

Spazio anche alla terza procedura concorsuale straordinaria per l’assunzione di insegnanti precari dopo le prime due non risolutivem Secondo alcune stime si tratta di circa 10 mila docenti. Il bando prevede che possano partecipare precari con un certo numero di anni di servizio, che vi sia un percorso di formazione e una prova conclusiva. Al termine del percorso, si legge nel provvedimento, “il candidato è assunto a tempo indeterminato dal primo settembre 2022”. Il bando determinerà altresì il contributo di segreteria posto a carico dei partecipanti tale da coprire integralmente l’onere della procedura concorsuale.Ciascun candidato potrà partecipare alla predetta procedura in un’unica regione, per la classe di concorso per la quale sia stata maturata almeno una annualità di servizio specifico. Le graduatorie di merito regionali saranno predisposte sulla base dei titoli posseduti e del punteggio conseguito in una prova disciplinare che dovrà tenersi entro il 31 dicembre 2021 da definirsi con decreto del Ministero dell’Istruzione. Le graduatorie di merito regionali decadranno con l’immissione in ruolo dei vincitori. Il percorso annuale di formazione iniziale e prova sarà seguito da una prova disciplinare e metodologico-didattica; detta prova è superata dai candidati che raggiungono una soglia di idoneità ed è valutata da una commissione esterna all’istituzione scolastica di servizio.Via libera anche alla stabilizzazione di una parte dei docenti di sostegno precari. In commissione è stato approvato anche un emendamento per la stabilizzazione di altrettanti insegnanti di sostegno. In questo caso, la norma comprende tutti coloro che siano specializzati sul sostegno entro il 31 luglio 2021 e dunque anche coloro che si stiano specializzando.In sostanza, potrà entrare in ruolo anche chi sta terminando ora la formazione. I docenti verranno assunti a partire dal prossimo anno scolastico a tempo determinato e, dopo l’anno di prova e la relativa valutazione finale (stabilita dal Ministero con specifico provvedimento), a tempo indeterminato.Negli emendamenti approvati c’è stata anche la parte relativa all’individuazione del 30% dei posti disponibili per le immissioni in ruolo da destinare specificatamente ai precari in occasione dei concorsi. Tra le disposizioni aggiunte dalla commissione Bilancio ci sono anche i 400 milioni per l’organico Covid: si tratta di una serie di assunzioni di docenti e Ata nelle scuole, a tempo determinato, con scadenza dei contratti fissata per il momento al 30 dicembre 2021. Una data, quest’ultima, oggettivamente troppo vicina e contro la quale Anief esprime sin d’ora il proprio disappunto, chiedendo di posticiparla alla fine dell’anno scolastico 2021/2022.Inoltre, è stata superata l’odiosa norma inserita nel testo base del Decreto Sostegni bis che impediva ai docenti che non superassero un concorso di iscriversi al successivo: un apposito emendamento ha ripristinato il diritto di accedere liberamente ai concorsi, ritentando quindi con la partecipazione al successivo anche se non si è superato l’ultimo. Vengono attribuiti poi 10 milioni in più per gli istituti paritari per l’infanzia: un fondo che va ad aggiungersi ai 350 milioni già stanziati per le scuole statali ed ai 50 milioni investiti per le scuole paritarie primarie e secondarie. Via libera, infine, al concorso per dirigente tecnico: si prevede una quota riservata ai soggetti che abbiano ottenuto l’incarico e svolto le funzioni di dirigente tecnico per almeno 3 anni. L’esame si baserà su due prove scritte e una prova orale finale.Tra gli emendamenti approvati dalla V commissione della Camera c’è anche l’avvio di “un fondo, denominato «Fondo per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 per l’anno scolastico 2021/2022», con lo stanziamento di 350 milioni di euro nel 2021, da destinare a spese per l’acquisto di beni e servizi”. Più un secondo apposito fondo nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, con la dotazione di 6 milioni di euro per l’anno 2021”: con questa seconda tranche di risorse che saranno “destinate alle istituzioni scolastiche che necessitano di completare l’acquisizione degli arredi scolastici”, si legge ancora nel testo. Via libera, quindi, per gli istituti che ne avessero bisogno, di nuovi banchi, all’occorrenza anche monoposto e a seduta innovativa, così come è stato fatto nell’anno scolastico 2020/21, quando ne sono stati acquistati circa un milione e 400mila.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: