Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Il caffè sarà presto un lusso?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 1 settembre 2021

Nel giro di pochi giorni gli speculatori hanno aumentato il prezzo del caffè del 50 % sul mercato mondiale. Cosa c’è dietro l’aumento dei prezzi? Il mercato del caffè sembra scatenato: il Vietnam, secondo maggior produttore al mondo di caffè e primo esportatore in assoluto della varietà cosiddetta “robusta”, i cui chicchi trovano grande utilizzo anche nella produzione delle miscele destinate alla preparazione di caffè istantaneo ed espresso,sta vivendo una fase complicata dell’emergenza pandemica, che ha spinto le autorità verso misure di contenimento particolarmente rigide per compensare il crescente numero di contagi e la scarsità di vaccini. E il lockdown, come si legge sul Financial Times, ha assestato un colpo durissimo ai torrefattori vietnamiti, innescando un repentino aumento dei prezzi e un’ondata di preoccupazioni che hanno travolto il settore dell’esportazione di caffè. Il grande timore, ha spiegato al quotidiano finanziario l’analista di Rabobank Carlos Mera, “è di non essere in grado di trasportare il caffè al di fuori del Paese”. Cifre alla mano, venerdì scorso il prezzo di una tonnellata di robusta all’ingrosso ha toccato il picco di 2’043 dollari; la vetta più alta da quattro anni a questa parte, con un incremento pari al 50% circa dall’inizio del 2021.L’associazione mantello dei produttori di caffè del Paese sud-est asiatico, unendosi al coro di altre associazioni di categoria, si è rivolta al governo di Hanoi chiedendo di allentare le restrizioni per consentire una ripresa più regolare dell’attività, in modo da evitare nuovi ritardi e ulteriori costi, riporta la BBC. Se il trend dei prezzi continuasse in tal senso il caffè della varietà cosiddetta “robusta”, i bevitori di caffè italiani ed europei vedrebbero prezzi al dettaglio più elevati per caffè in cialde e capsule. A tal fine, le imprese del caffè, non si sono ancore espresse e non si sono avventurate in nessuna previsione. Ancora una volta, la questione dell’aumento improvviso dei prezzi delle materie prime e delle derrate alimentari, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, comporta inevitabili conseguenze per i consumatori anche a causa delle speculazioni senza controllo che si verificano nei mercati globali sui quali, viene dimostrata l’assenza di qualsiasi regola che possa calmierare le fluttuazione. Non ci resta, dunque, che aspettare quello che accadrà sui prezzi al dettaglio della singola tazzina anche nel Nostro Paese, anche se confidiamo che le imprese italiane possano parare i colpi per una bevanda che non può mancare nei nostri bar e nelle nostre case.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: