Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

L’intelligenza delle bestie è proprio straordinaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 settembre 2021

Bellinzona 11 September 2021 – 30 April 2022 Vernissage: Saturday 11 September 2021 from 6.00 p.m. Spazio 5B Via Carlo Salvioni è stata presentata un’istallazione di Alex Hanimann per la prima volta nel 1999 presso il Centro d’Arte Contemporanea Ticino (CACT) e che lo Spazio 5B ripropone in una veste e secondo delle modalità espositive parzialmente diverse.L’opera – recentemente entrata a far parte della collezione dello Spazio 5B – è costituita da più di duecento frasi in italiano quasi tutte tratte da manuali o guide linguistiche destinate a chi (come l’artista stesso) non conosce la lingua italiana ma desidera intraprendere un viaggio o fare una vacanza in Italia o nella Svizzera italiana.La funzione di queste pubblicazioni (oggi sempre più sostituite da programmi scaricabili da Internet) non è di introdurci allo studio della grammatica e della sintassi, ma di offrirci una selezione di parole e di frasi utili per chi si trova in un paese di cui non conosce la lingua.Ed è proprio questa funzione pragmatica che interessa l’artista, poiché introduce – forse inconsapevolmente – una dimensione narrativa in queste pubblicazioni. I loro autori infatti sono chiamati a prevedere delle situazioni che potrebbero verificarsi in un viaggio o in una vacanza (come ad esempio, la doccia che non funziona in una stanza d’albergo o la necessità di acquistare un medicamento in una farmacia perché il figlio ha la febbre oppure ancora l’automobile presa a noleggio che si blocca nel bel mezzo di una gita in una zona discosta a quaranta chilometri dal centro abitato più vicino…) e a predisporre delle soluzioni linguistiche appropriate, le quali possono essere viste come delle tracce di una piccola storia o di un racconto i cui sviluppi sono tutti da immaginare. Il procedimento usato da Hanimann nella costruzione della sua istallazione è molto semplice. L’artista toglie delle frasi da manuali e guide linguistiche per l’apprendimento dell’italiano, annullando così la loro funzione d’uso originaria. Ciò consente di riutilizzare le frasi combinandole in modo diverso secondo dei criteri scelti dall’artista (la lunghezza delle frasi, la lunghezza delle pareti dello spazio espositivo, il colore delle placche su cui sono incise le frasi o – come nel caso della mostra presso lo Spazio 5B – delle combinazioni liberamente scelte dal pubblico durante la visita, ecc.). I testi prescelti si trovano così inseriti in un contesto diverso, assumendo nuovi significati e aprendosi alla possibilità di immaginare nuove storie e nuovi racconti. This work, which recently joined the collections at the 5B Space, comprises more than 200 phrases in Italian taken from phrasebooks intended for people (like the artist himself) who know no Italian but want to travel or take a holiday in Italy or Italian Switzerland.The function of such publications (which have largely been replaced these days by programs that can be downloaded from the web) was never to introduce the user to a study of grammar and syntax, but to offer a selection of useful words and phrases for those who spend time in a country whose language they do not know.It was this pragmatic function that caught the artist’s interest, as it introduced – maybe unconsciously – a narrative dimension in these publications. Their authors had to do their best to predict the situations that could come about when travelling or taking a holiday (such as a malfunctioning shower in a hotel room or the traveller’s need to buy medicines in a pharmacy for a child running a fever, or again a hire car that breaks down in the middle of a trip, forty kilometres from the nearest large town…) and to prepare suitable language solutions that could be used as the basic input for the stories or narratives whose further developments were open to the imagination.The procedure used by Hanimann when piecing his installation together was very simple. The artist took phrases out of the phrasebooks for learning Italian, in the process eliminating their original function. This enabled him to reuse the phrases, combining them in different ways that accorded with criteria of the artist’s own choice (the length of the phrases, the length of the walls in the exhibition space, the colour of the plaques where the phrases are engraved or – as in the case of the exhibition at the 5B Space – of the combinations chosen freely by the public during their visits etc.). in this way, the chosen phrases end up in a different context, acquiring new meanings and paving the way for imagining new stories and new narratives.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: