Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Scuola: Aumentano gli stipendi dei docenti dell’area Ocse, ma non in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 21 settembre 2021

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Ormai, quando si parla di stipendi del corpo docente italiano sembra come raccontare una barzelletta con lo stesso finale tragicomico. L’ultimo aumento è arrivato tre anni fa, dopo quasi dieci di blocco, ed è stato circa del 3,5%. Adesso ci si attesta su percentuali simili, che ovviamente reputiamo insufficienti. Il nostro sindacato ha già detto che occorre trovare le risorse per provvedere ad aumentare gli stipendi di opera nella scuola di 200 euro, ma siccome bisogna anche pensare al recupero dei sette punti percentuali persi per via dell’inflazione degli ultimi lustri, riteniamo che l’incremento che farebbe cambiare le cose e colmare finalmente il gap che si separa dai Paesi a noi più vicini sia di 300 euro netti”. “Nel computo – continua Pacifico – va anche messo il fatto che tra il 2009 e il 2015 le buste paga di docenti e Ata sono state congelate e che il 2013 è stato cancellato di fatto dalla ricostruzione di carriera. Inoltre, bisogna valorizzare il personale con forme di carriera reali e indennità di rischio biologico sinora negate. Riteniamo che si tratti di elementi fondamentali da collocare nel confronto con l’Aran che porterà, speriamo a breve, alla firma del nuovo contratto collettivo nazionale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: