Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Cosa sta succedendo al settore tecnologico in Cina?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 settembre 2021

A cura di Mario Amabile, Investment Specialist di Pictet Asset Management. La Cina sta ricalibrando le sue priorità cercando di migliorare il tenore di vita delle persone: come effetto di ciò, non si punta più alla crescita nel breve periodo, bensì a una crescita a lungo termine più sostenibile. L’obiettivo è ridurre le disuguaglianze e migliorare la previdenza sociale tramite un’ampia revisione delle normative vigenti, favorendo i consumatori attraverso la riduzione dei costi dell’istruzione, degli immobili (lotta alla speculazione sui prezzi del real estate e freno alle plusvalenze sul ciclo delle costruzioni) e della sanità (rafforzamento della previdenza sociale), un importante investimento per il futuro.Tali misure mirano a rafforzare la fiducia dei consumatori, in modo tale che riducano i risparmi (al momento pari al 40% delle entrate), spendano di più e facciano più figli grazie anche al sostegno di normative più favorevoli (come la politica dei 3 figli entrata in vigore il 31 maggio 2021).Il nuovo corso del governo cinese è iniziato nel 2016 con la riorganizzazione del settore finanziario, la riduzione dell’indebitamento delle banche e il freno al sistema bancario ombra. I prossimi passaggi a livello regolamentare riguarderanno il segmento internet e saranno presentate nel corso del congresso quinquennale del Partito Comunista in programma nel 2022.Tutto ciò apre la strada alla riduzione delle disuguaglianze sociali tramite un incremento delle imposte sul reddito delle persone fisiche e giuridiche, nonché un aumento delle tasse sugli immobili e di successione e la promozione delle donazioni di beneficenza. Tuttavia, nel breve termine una tassa patrimoniale appare improbabile poiché le conseguenze sono poco prevedibili e vi sono difficoltà di implementazione. La Cina ambisce ad avere il primato a livello globale in molti campi. Perché ciò avvenga, le occorre il sostegno della popolazione: ecco perché il governo si sta occupando seriamente dell’ambiente e sta modificando gli obiettivi anche dal punto di vista sociale e della governance.Il Partito, però, sa bene anche che per arrivare – e restare – in vetta occorre dominare in ambito tecnologico, quindi non affosserà mai le sue migliori società. In tal senso, internet si conferma uno dei settori più importanti per la Cina, soprattutto perché parecchie aziende mirano alla “innovazione tecnologica” e a una “maggiore digitalizzazione industriale”, in linea con le direttive di Pechino.Nelle VIE (Variable Interest Entity) gli azionisti hanno il controllo delle operazioni, mentre la proprietà giuridica resta in Cina (usufruttuario e nuda proprietà). Le VIE sono state create per eludere il controllo sugli investimenti esteri nelle aziende cinesi. Tramite queste entità infatti gli azionisti stranieri potevano arrivare a ottenere sino al 100% degli utili di una entità cinese onshore, motivo per cui alcuni ritengono le VIE illegali. Ma questa non è una novità, dato che la questione era già emersa prepotentemente nel 2011. Oggi c’è però maggiore chiarezza: se una VIE non soddisfa i principi contabili statunitensi, il relativo ADR (American Depositary Receipt) potrebbe essere escluso dai listini, ma questo in ogni caso non accadrà sino alla fine del 2023 o addirittura del 2024. Inoltre, gran parte delle VIE principali sono già quotate a Hong Kong e hanno azioni interscambiabili sui mercati di USA e Cina. Non dimentichiamo che quando i trend di mercato iniziano a essere irrazionali occorre aumentare la vigilanza sui rischi e non il contrario. Tuttavia, riteniamo che gli investitori internazionali siano eccessivamente pessimisti sul settore tecnologico cinese. I più grandi player digitali paiono infatti in grado di reggere l’urto di questa nuova regolamentazione, avendo le dimensioni per assorbire i costi legati alle nuove normative e continuare a generare una crescita dei profitti. Ai prezzi attuali, dunque, siamo alquanto costruttivi sulle aziende di internet cinesi, in quanto il rischio è generosamente premiato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: