Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Intervento per la stenosi uretrale

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2021

By Johann Rossi Mason. Un calcolatore di rischio dedicato per i pazienti con stenosi dell’uretra del pene che devono essere sottoposti a uretroplastica che potrebbe essere utilizzato per consigliare i pazienti in base al loro rischio di fallimento, è quello messo a punto da un gruppo di ricercatori italiani e ora utilizzato di routine. Afferma il Professor Salvatore Sansalone Specialista in Urologia e Andrologia, Università di Tor Vergata Consulente del Ministero della Salute: “Numerose ricerche hanno definito i fattori prognostici negativi che possono portare al fallimento dell’intervento, le recidive e la necessità di operare una seconda volta: l’essere fumatore raddoppia il rischio di fallimento dell’intervento a 10 anni, mentre l’uso di un innesto nella tecnica chirurgia lo aumenta di 1,8 volte e la stenosi causata dalla strumentazione la aumentava di 2 volte e mezza. Interessante però è che proprio il tabagismo è un comportamento modificabile dal paziente e che la cessazione qualche mese prima dell’intervento (e definitivamente) potrebbe avere effetti positivi non solo sulla risoluzione della stenosi ma su tutto il resto dell’organismo diminuendo anche il rischio oncologico.Secondo il calcolatore di rischio utilizzato la probabilità di fallimento del trattamento a 10 anni variava dal 5,8% per i pazienti con caratteristiche favorevoli (ad es. fumatori attuali, nessun uso di innesti ed eziologia idiopatica) al 41,1% per i pazienti con caratteristiche sfavorevoli (ad es. ex fumatori, uso di innesti ed eziologia della strumentazione).Alcune caratteristiche della stenosi: eziologia, lunghezza, stenosi obliterante vs non obliterante, storia di precedente riparazione chirurgica fallita, possono anche influenzare notevolmente l’indicazione per una riparazione in più fasi. Caratteristiche o preferenze del chirurgo, background sulle procedure di trasferimento dei tessuti, uso corrente dell’innesto di mucosa orale per l’uretroplastica, risultato funzionale vs estetico e altro ancora, possono svolgere un ruolo nel prendere una decisione. Per tutte queste ragioni la consulenza al paziente è fondamentale per quanto riguarda la strategia chirurgica e la previsione dell’esito. Sono stati sviluppati calcolatori di rischio per la previsione della malattia linfonodale positiva nei pazienti con cancro alla prostata e aiutano l’urologo nel processo decisionale. Le probabilità derivate dal modello hanno mostrato che il rischio a 10 anni di fallimento del trattamento variava dal 5,8 al 41,1% in base alle caratteristiche del paziente. La prognosi a lungo termine nei pazienti sottoposti a uretroplastica peniena è incerta. Ad oggi, il calcolatore di rischio rappresenta il primo strumento che potrebbe aiutare i medici a prevedere il rischio di fallimento del trattamento a 10 anni. Secondo il nostro modello, tale rischio è largamente influenzato dall’eziologia della stenosi, dall’uso di innesti e dalle abitudini al fumo del paziente. La ‘stenosi’ uretrale’ è una condizione relativamente poco nota ma abbastanza diffusa (specialmente nei maschi con più di 50 anni) che per essere diagnosticata correttamente ha bisogno di una accurata anamnesi prima (la raccolta dei dati della storia medica e familiare del soggetto) e di esami strumentali poi”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: