Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 10 ottobre 2021

USB: lunedì 11 ottobre lo sciopero generale nazionale dei sindacati di base

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Nonostante la cappa di silenzio spessa e pressoché impenetrabile, cosa assai strana in tempi di premi Nobel ai giornalisti, lo sciopero generale nazionale di 24 ore promosso da tutte le organizzazioni sindacali conflittuali, alternative e di base per lunedì 11 ottobre, si preannuncia partecipatissimo in tutto il Paese, a maggior ragione dopo le violenze dello squadrismo fascista di sabato a Roma. Manifestazioni si terranno in più di 40 città con una presenza davvero “confederale”, alimentata da lavoratrici e lavoratori di ogni categoria del settore pubblico e di quello privato. A Roma una molteplicità di appuntamenti alle 10 del mattino porterà la protesta delle aziende in crisi al Mise, sotto le finestre di Giorgetti; quella di professori, studenti e personale ATA sarà in viale Trastevere assieme ai ricercatori, precari e non; mentre Brunetta avrà nelle orecchie i sonori fischi dei lavoratori pubblici radunati a Palazzo Vidoni. L’appuntamento conclusivo è per le 12,30 a piazza Santi Apostoli, dove terminerà il corteo da piazza della Repubblica. Certamente presenti nelle varie piazze anche quanti respingono e contestano l’obbligo del green pass. Il Governo Draghi, i suoi ministri e le politiche antipopolari che stanno assumendo, saranno quindi al centro di questo sciopero, che segna un fatto nuovo e rilevante: mentre i sindacati complici Cgil Cisl e Uil il si avviano a sottoscrivere un nuovo Patto con il governo e i padroni per assicurare la pace sociale, si intravvede all’orizzonte una nuova unità di intenti e di lotta delle forze sindacali di base, ormai presenti e radicate ovunque, che non hanno rinnegato e abbandonato lo strumento del conflitto.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Modern British & Irish Art Evening Sale is Now Online for Browsing

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

LONDON – Christie’s Modern British & Irish Art Evening Sale, taking place on 20 October 2021, is a key auction in the 20th / 21st Century October season, which encompasses sales in both London and Paris. The auction will be led by Sir Winston Churchill’s The Bridge at Aix-en-Provence, which was gifted to the Swiss paint manufacturer, Willy Sax, who supplied Churchill with his artistic materials. Two sculptures by Elisabeth Frink; Lying Down Horse II (1985, £300,000-500,000) and Barking Dog (1981, estimate: £100,000-150,000), commissioned by Kirk and Anne Douglas, will highlight the Evening and Day Sales respectively. A group of three paintings by Samuel John Peploe, including Flowers and Fruits (circa 1920, estimate: £500,000-700,000), are being offered in the year that marks the 150th anniversary of the artist’s birth in Edinburgh. L.S. Lowry’s The Mill, Early Morning (1961, estimate: £500,000-800,000) has not been seen on the market for 50 years and is presented alongside Rising Street (circa 1940, estimate: £500,000-800,000) and Viaduct Works, Manchester (1959, estimate: £400,000-600,0000). Gerald Laing’s Lotus in the Sunset, thought to have been lost, is offered at auction for the first time, highlighting a section dedicated to British Pop Art that also includes works by Patrick Caulfield, Antony Donaldson and Eduardo Paolozzi. Further highlights include a rediscovered Marlow Moss, Spheres and Curved Line (1945, estimate: £40,000-60,000), Barbara Hepworth’s Curved Form with Inner Form (Anima) (1959, estimate: £300,000-500,000), from the Everson Museum of Art, and Jack Butler Yeats’ A Sea Town (1931, estimate: £200,000-300,000), formerly in the collection of B.J. Eastwood.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’editoria di varia cresce ancora

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Continua la crescita dell’editoria italiana nel 2021: nei primi nove mesi dell’anno il mercato di varia, ovvero libri di fiction e non fiction venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, vale 1.037,1 milioni di euro, in aumento del 29% sul 2020, anno della pandemia, e del 16,2% rispetto al 2019. Il dato fa parte della consueta analisi periodica che l’Associazione Italiana Editori (AIE) realizza in collaborazione con NielsenIQ e che verrà discussa al Salone internazionale del Libro di Torino il prossimo 15 ottobre. “Si consolida un andamento che avevamo già rilevato alla fine del 2020 e poi nel primo semestre dell’anno – spiega il presidente dell’AIE Ricardo Franco Levi –: sono numeri che impongono una riflessione attenta e siamo contenti di poterla fare assieme a grandi protagonisti del settore in occasione del Salone di Torino, la cui riapertura in presenza è un nuovo segno di vitalità dell’editoria italiana”. L’incontro “Il mercato del libro nei primi nove mesi del 2021” è in programma il 15 ottobre dalle 12 alle 13 in Sala Blu, moderato dalla giornalista Sabina Minardi (L’Espresso). Dopo la presentazione dei numeri a cura di Giovanni Peresson (responsabile ufficio studi AIE) e l’introduzione del presidente AIE Ricardo Franco Levi, ne discuteranno Enrico Selva Coddè (vicepresidente e amministratore delegato Trade di Mondadori Libri), Stefano Mauri (presidente e amministratore delegato di Gems), Isabella Ferretti (66thand2nd), Vittorio Anastasia (Ediciclo editore), Aldo Addis (vicepresidente Associazione Librai Italiani).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La tecnologia aiuta le nuove generazioni a gestire spese e risparmi senza stress

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Secondo una ricerca condotta dalla mobile bank N26 a livello europeo[1], la pandemia ha trasformato in modo significativo il modo in cui gli studenti affrontano i piccoli e grandi problemi finanziari di ogni giorno.Per far fronte al difficile panorama economico, gli studenti dimostrando lungimiranza e hanno cominciato a unire le forze per rendere più efficiente la gestione delle proprie spese. Un terzo del campione (74%) dichiara di condividere i pagamenti ricorrenti come le bollette, il 70% il costo dell’abbonamento a Internet e il 61% la spesa al supermercato.Sono in molti a ricorrere al supporto della tecnologia per avere un maggior controllo sui conti in sospeso per le spese collettive, evitando così imbarazzanti conversazioni del genere: “chi deve cosa”. In particolare, più della metà (55%) utilizza un’app per dividere le bollette con gli amici, tra queste le più popolari sono quelle di N26, Paypal e Bizum (in Spagna).Questi strumenti aiutano gli studenti a gestire le spese e avere in generale un migliore controllo delle proprie finanze. Oltre un terzo degli intervistati (37%) controlla regolarmente il proprio conto ed ha consapevolezza del budget mensile. Una percentuale maggiore (59%) descriverebbe il proprio atteggiamento nei confronti della gestione del denaro come prudente e il 47% si considera un “risparmiatore seriale”. Infatti, contro ogni previsione, gli studenti prevedono di risparmiare, in media, 153,56 euro al mese nel prossimo anno. Nell’ultimo anno accademico, il 41% degli intervistati ha dichiarato di essere stato penalizzato dal punto di vista finanziario a causa dello stravolgimento delle abitudini e del proprio stile di vita. Per il 18% le perdite in questo periodo hanno superato i 500 euro.Allo stesso tempo, le possibilità di guadagno per gli studenti si sono ridotte, con il 26% che ha perso il lavoro a causa della pandemia. Dal momento che gli studenti guadagnano, in media, € 339,54 al mese grazie a lavori occasionali, perderne uno può rappresentare un duro colpo per il proprio budget. In questo momento in cui ci affacciamo all’inizio di un nuovo anno accademico, il 30% degli studenti si dice preoccupato per la propria situazione finanziaria. Un quarto (25%) non dispone di risparmi e fa fatica a trovare un lavoro. Il campione italiano, rappresentato da 1.000 individui, ha fornito un interessante spaccato nazionale sotto molteplici punti di vista. Il primo riguarda il ritorno alla normalità e quindi il rientro nelle aule universitarie per assistere alle lezioni in presenza, evento che gli studenti italiani vivono con eccitazione (19%), ma anche un certo nervosismo (19%). Secondo le proiezioni dello studio, il prossimo anno accademico vedrà salire la percentuale di studenti che torneranno nelle aule degli atenei da 1% a 16%, con un conseguente beneficio dal punto di vista psicologico.Gli studenti italiani, infatti, hanno vissuto non poche pressioni in questo ultimo anno a causa dell’emergenza sanitaria. In primis quella dell’affitto dell’alloggio preso la città universitaria di riferimento. Seppur quasi la metà di loro abbia scelto di trasferirsi o tornare a vivere nella casa di famiglia, un quarto (27%) si è trovato a dover continuare a pagare l’affitto affrontando una spesa non da poco peso sul bilancio mensile. Il 26% del campione italiano vive quindi con una certa ansia la propria situazione finanziaria, con quasi un terzo preoccupato perché non dispone di adeguati risparmi per far fronte alle spese di tutti i giorni, di conseguenza 3 su 5 degli intervistati definisce oggi “cauto” il proprio atteggiamento generale nei confronti dell’amministrazione del budget personale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arriva il nuovo Dossier Statistico Immigrazione

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Roma. Giovedì 28 ottobre, alle ore 10.30, il Centro Studi e Ricerche IDOS, in collaborazione con il Centro Studi Confronti e l’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”, presenterà a Roma il Dossier Statistico Immigrazione 2021. Il convegno si svolgerà in presenza, presso il Nuovo Teatro Orione (via Tortona 7, Metro Re di Roma) e in diretta streaming sul sito e sul canale Youtube di IDOS. Interverranno autorevoli esperti del mondo sociale, istituzionale e della comunicazione, tra cui: Nello Scavo, inviato di Avvenire; Cecilia Strada, responsabile comunicazione della ong ResQ People Saving People; suor Gabriella Bottani, responsabile di Talitha Kum, Rete internazionale contro la tratta di persone; Ada Ugo Abara, fondatrice dell’associazione Arising Africans; Paolo De Nardis, presidente del “S. Pio V”; Alessandra Trotta, moderatora della Tavola Valdese. In contemporanea, il Dossier sarà presentato anche in tutte le regioni e province autonome, nei luoghi e secondo modalità che saranno comunicate prossimamente sul sito di IDOS.La 31ª edizione del Dossier è sostenuta dall’Otto per Mille della Tavola Valdese e dall’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”. A queste due organizzazioni, quest’anno si uniscono altri enti nazionali (Assindatcolf, Cittalia – Fondazione Anci, Enasc, Federcolf, Inas Cisl, Oim, Patronato Acli, Uil) e regionali (diverse Università, sindacati e organizzazioni del terzo settore) che nei prossimi mesi collaboreranno con IDOS a una capillare campagna nazionale di disseminazione del Dossier attraverso decine di eventi pubblici (convegni, conferenze, seminari, giornate di studio, incontri, corsi, seminari, workshop ecc.). Dallo scenario internazionale ed europeo ai flussi e alle presenze in Italia, dall’inserimento sociale al quadro economico e occupazionale, più di 100 autori e organizzazioni attive nello studio delle migrazioni analizzano, con l’aiuto dei numeri, in particolare come la vita di autoctoni e immigrati è stata condizionata dal Covid-19 e dalla conseguente crisi sanitaria, sociale, economica e lavorativa.Un contributo prezioso è assicurato dai 21 capitoli di approfondimento dedicati a ciascuna regione e provincia autonoma d’Italia, curati da ricercatori e operatori della rete territoriale del Centro Studi IDOS. Ciascun capitolo è corredato da una tavola statistica sull’immigrazione in regione, da una pagina di infografiche e, per la prima volta, da un’innovativa scheda a cura di Cittalia – Fondazione Anci sugli enti titolari di progetti Sai (Sistema di accoglienza e integrazione) in ogni regione, con relativo numero di progetti e posti. Chiude il volume un’ampia appendice statistica, con tabelle dettagliate per territorio, aree di origine e caratteristiche della popolazione di cittadinanza straniera.In vista dell’evento del 28 ottobre, sulla pagina Facebook di IDOS è intanto iniziata la pubblicazione di diverse anticipazioni, infografiche e pillole video di alcuni protagonisti del Dossier (tra cui il fondatore Franco Pittau, Gianfranco Schiavone, Antonello Mangano, Franca Di Lecce, Alessio D’Angelo).Solo durante la presentazione, il Dossier sarà scaricabile in forma gratuita dal sito di IDOS, mentre il pubblico in sala riceverà la copia cartacea. Ingresso a numero limitato e fino a esaurimento posti.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

149 progetti per le infrastrutture irrigue

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Con l’approvazione di 149 progetti per le infrastrutture irrigue, il Governo ha inserito in agenda una questione chiave per l’agricoltura come la gestione dell’acqua – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Come annunciato dal ministro Patuanelli, i nuovi interventi saranno finanziati con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) che destinerà nel complesso 1,6 miliardi alla ripartenza del settore. Anche se alcune Regioni, come la Sicilia, esprimono disappunto per la bocciatura dei progetti presentati, i fondi in arrivo rappresentano senza dubbio un’occasione unica.I cambiamenti climatici e l’obsolescenza della rete idrica nazionale hanno infatti reso l’attuale gestione della risorsa acqua non più sostenibile – continua Tiso. L’emergenza idrica si muove tra due estremi opposti: da un lato le precipitazioni intense, che causano inondazioni e danni, dall’altro la carenza di acqua in aree dove non ci sono i mezzi adatti per captarla e metterla a frutto. A seconda delle situazioni, l’acqua è insomma troppa o troppo poca. In entrambi i casi, a perderci sono i coltivatori e la tutela del territorio. Non si può infine non sottolineare il ruolo cruciale che rivestiranno le regioni nella gestione dei nuovi progetti. Dopo l’esame del ministero per le Politiche agricole, le amministrazioni locali saranno chiamate a dare seguito alle proposte presentate. Il rischio che un eccesso di burocrazia comprometta gli obiettivi da perseguire è sempre in agguato. Per questo semplificazione e trasparenza devono essere le parole d’ordine per il rilancio dell’agricoltura.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intermonte: comunicazione pre-ammissione a Borsa Italiana

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Intermonte Partners SIM S.p.A (di seguito ‘Intermonte’ o la ‘Società’), holding di controllo di Intermonte SIM, rende noto che è stata definita la struttura dell’offerta delle sue azioni e il range indicativo di prezzo delle stesse. La Società – Investment Bank indipendente specializzata in intermediazione istituzionale, ricerca, capital markets, M&A e advisory sul mercato italiano – ha inoltre presentato oggi a Borsa Italiana S.p.A. la Comunicazione di Pre-Ammissione, funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni sul mercato AIM Italia, dedicato alle piccole e medie imprese ad alto potenziale di crescita (“AIM Italia”).Intermonte intende cogliere tutte le opportunità offerte dall’AIM Italia per rendere la struttura del capitale più flessibile, per valorizzare al meglio il proprio modello di partnership di successo, supportare l’ulteriore crescita sul mercato anche per linee esterne, in particolare nel segmento dei canali digitali e nell’Investment Banking, e attrarre nuovi talenti, anche attraverso meccanismi di partecipazione azionaria.Il progetto di quotazione delle azioni della Società su AIM Italia prevede il collocamento istituzionale di un massimo complessivo di n. 13.750.000 azioni ordinarie, che saranno offerte da oltre 60 azionisti di Intermonte, ripartite tra: n. 13.062.500 azioni in vendita (“Azioni in Vendita”); n. 687.500 ulteriori azioni, corrispondenti al 5,3% circa delle Azioni in Vendita e oggetto dell’opzione Greenshoe, offerta da alcuni azionisti di Intermonte in favore del Global Coordinator. Le azioni poste in vendita, incluse quelle oggetto di opzione Greenshoe, sono complessivamente pari al 42,8% delle azioni in circolazione e quindi al netto delle azioni proprie detenute (o il 38,0% dell’intero capitale sociale rappresentato da n. 36.195.500 azioni ordinarie). Il range di prezzo indicativo delle azioni di Intermonte è stato fissato tra un prezzo minimo di €2,60 e un prezzo massimo di €2,90 per azione, corrispondente ad una capitalizzazione complessiva di mercato della Società, al netto delle azioni proprie, compresa tra circa €83,6 milioni, sulla base del prezzo minimo e, circa €93,2 milioni sulla base del prezzo massimo (il range, incluse le azioni proprie, corrisponde ad una capitalizzazione complessiva tra circa €94,1 milioni e circa €105,0 milioni).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mercati europei in crescita

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

A cura di Arnaud Cosserat, Gestore del fondo Comgest Growth Europe di Comgest. In agosto i mercati hanno continuato a salire e l’indice MSCI Europe ha raggiunto nuovi picchi. I timori riguardanti la diffusione della variante Delta del Covid-19 hanno portato a una sottoperformance delle società retail, dell’aerospaziale e delle bevande, mentre società più difensive e il settore tecnologico hanno sovraperformato.Nel settore farmaceutico, Novo Nordisk è cresciuta nettamente, dato che il successo superiore alle aspettative del suo nuovo farmaco per combattere l’obesità (Wegovy) ha portato la società a rivedere al rialzo le stime per tutto l’anno. Continuiamo a ritenere che il forte potenziale di Novo nei farmaci della classe GLP1 (cura del diabete) e contro l’obesità porterà a un periodo di crescita accelerata nei prossimi anni. Una società che spicca è inoltre Adyen, società di pagamento olandese valutata ad oltre 80 mld di euro, che sta rapidamente diventando un gigante mondiale tra le fintech. Adyen continua a ottenere risultati eccezionali, con una crescita dei ricavi del 46% e il raddoppio dell’EPS nel primo semestre 2021.Il gruppo multinazionale LVMH ha registrato un calo insieme al settore del lusso in generale, a causa delle inquietudini per l’impatto che l’obiettivo di prosperità comune del Partito Comunista cinese potrebbe avere sulla domanda di beni di lusso. Sebbene questo resti un rischio, esso è attentamente controbilanciato dalla prospettiva che un ampliamento della classe media in Cina possa consentire di creare una domanda ambiziosa. Ambu, società di tecnologia medica, ha continuato a perdere terreno, dopo aver già ridotto le stime per tutto l’anno a luglio, a causa dei ritardi nel lancio del suo broncoscopio usa e getta di quinta generazione. Da un punto di vista ambientale e di governance, tuttavia, la società ha fatto progressi nominando due nuovi membri del consiglio di amministrazione e sottoscrivendo l’iniziativa Science Based Targets per la riduzione delle emissioni di CO2.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le professioni digitali più richieste

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

In Italia c’è la necessità di avere figure professionali altamente specializzate in materie scientifiche: per via della crescente digitalizzazione di imprese pubbliche e private, infatti, profili del genere diverranno strategici negli anni a venire. Non a caso sono inseriti tra quelli su cui punterà il capitolo del PNRR destinato all’occupazione giovanile, con un fondo dedicato proprio alla creazione di 90 mila occupati in più nei settori che traineranno il rilancio.In un Paese scarsamente digitalizzato come l’Italia e con una certa allergia nei confronti delle materie STEM, però, sono in molti a pensare che queste ultime richiedano una particolare attitudine, una lunga esperienza sia teorica che pratica e una laurea di un certo livello per essere ‘maneggiate’ a dovere. E invece per molte delle posizioni aperte in questi ambiti è vero l’esatto contrario: in poche settimane è possibile cambiare vita e passare dal tablet per le ordinazioni in pizzeria ai terminali di lavoro di chi si occupa di Cybersecurity. Geeks Academy è una realtà che in Italia applica con successo il metodo che oltreoceano sta sperimentando un’azienda tecnologica del calibro di Google: percorsi di formazione di pochi mesi che permettono a soggetti, anche sprovvisti di laurea, di accedere alle professioni del futuro più richieste come profili specializzati che possano lavorare nel mondo della Cybersecurity, della Blockchain o della Big Data Analysis e molto altro.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Carburanti: Unc, benzina sempre più su

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Secondo i dati settimanali del ministero della Transizione Ecologica, salgono ancora i prezzi dei carburanti, che si attestano, in modalità self service, a 1,687 euro al litro per la benzina e a 1,537 euro per il gasolio.”Prosegue inarrestabile la corsa dei prezzi dei carburanti. Un balzo settimanale davvero preoccupante, che da solo incide su un pieno da 50 litri per più di 50 centesimi: +0,53 euro per la benzina e +0,66 euro per il gasolio. Urge un intervento che riduca le imposte, che tra accise e Iva pesano per circa il 60%: 61,2% sulla benzina e 58,2% sul gasolio stando ai dati di oggi” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “La benzina, arrivando a 1,687 euro al litro, raggiunge un nuovo record dal 20 ottobre 2014, ossia quasi 7 anni fa, quando svettò a 1698 euro al litro, mentre il gasolio, toccando i 1,537 euro al litro, straccia il precedente primato e arriva al valore massimo dal 19 novembre 2018, quando si attestò a 1.544 euro al litro” aggiunge Dona. “Dall’inizio dell’anno, dalla rilevazione del 4 gennaio, ossia in 9 mesi esatti, un pieno da 50 litri è aumentato di 12 euro e 27 cent per la benzina e di 10 euro e 88 cent per il gasolio, con un rincaro, rispettivamente, del 17% e del 16,5%. Su base annua è pari a una batosta ad autovettura pari a 294 euro all’anno per la benzina e 261 euro per il gasolio” prosegue Dona. “In un anno, dalla rilevazione del 5 ottobre 2020, quando la benzina era pari a 1.388 euro al litro e il gasolio a 1.263 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 14 euro e 93 cent in più per la benzina e 13 euro e 70 cent in più per il gasolio, con un incremento, rispettivamente, del 21,5% e del 21,7%. Un rialzo che equivale, su base annua, a una stangata pari a 358 euro all’anno per la benzina e a 329 euro per il gasolio” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNC: dati preoccupanti, consumi -5,9% sul II trim. 2019

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

“Dati preoccupanti. Dopo che nel 2020 il reddito disponibile delle famiglie è diminuito del 2,9% e il potere d’acquisto del 2,6%, avrebbero dovuto avere un rimbalzo decisamente più consistente. A differenza di altri indicatori che hanno già segnato un recupero sui valori pre-crisi, qui siamo ancora in alto mare, nel tunnel della crisi” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Va meglio, apparentemente, il dato tendenziale, con il reddito che sale del 6%, il potere d’acquisto del 5,2% e i consumi finali addirittura del 15,3%, ma sono rialzi del tutto insoddisfacenti, è solo un effetto ottico. Se, infatti, si confrontano i dati resi noti ora dall’Istat con quelli pre-crisi del secondo trimestre 2019, nei dati destagionalizzati il reddito è sotto dello 0,9%, il potere d’acquisto dell’1,6% e la spesa per consumi, quella che apparentemente è andata meglio, è ancora inferiore del 5,9%, meno 15 miliardi e 753 milioni” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Vaccini, anti-Covid e antiinfluenzale nella stessa seduta

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

La vaccinazione anti-Covid e quella contro l’influenza stagionale si potranno effettuare nella stessa seduta vaccinale. Il via libera è arrivato dal ministero della Salute, che ha inviato la bozza di circolare in materia ad Enti e Regioni. In considerazione dell’avvicinarsi della campagna di vaccinazione anti-influenzale, si legge, «è possibile che alcune categorie di soggetti per le quali la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata e offerta gratuitamente siano allo stesso tempo eleggibili per la vaccinazione anti-SarsCoV2 (ad esempio gruppi target della dose addizionale o booster, persone over 60 non ancora vaccinate, etc)». Sebbene nelle schede tecniche dei vaccini anti-Covid autorizzati dall’Agenzia europea dei medicinali Ema non siano presenti, ad oggi, indicazioni relative alla loro somministrazione concomitante con altri vaccini, precisa ancora la circolare, «tenuto conto delle attuali indicazioni dalle principali autorità di Sanità Pubblica internazionali e dei dati preliminari, sarà possibile programmare la somministrazione dei due vaccini nella medesima seduta». Il ministero precisa, inoltre che sarà possibile effettuare la somministrazione concomitante di un vaccino anti-Covid utilizzato in Italia e un altro vaccino del Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale, «con l’eccezione dei vaccini vivi attenuati, per i quali può essere considerata valida una distanza minima precauzionale di 14 giorni prima o dopo la somministrazione del vaccino anti-SarsCoV2». Si tratta dei vaccini per Febbre gialla, Herpes, Morbillo-Parotite-Rosolia, Rotavirus, Tifo e Varicella. Intanto, l’immunologo Anthony Fauci ha fornito un’ulteriore evidenza dell’efficacia della terza dose per la vaccinazione anti-Covid. Ha evidenziato che «a 15 giorni dalla somministrazione della terza dose del vaccino Moderna, rispetto a più varianti possiamo vedere un aumento della protezione di 23 volte rispetto alla mutazione D614G (la prima rilevante rispetto al ceppo originario di Wuhan), di 32 rispetto alla mutazione sudafricana e di 44 volte rispetto alla mutazione brasiliana. Dati simili a quelli rilevati per il booster Pfizer e indistintamente in giovani e anziani, nei quali si sono avuti drastici aumenti dei livelli anticorpali e della protezione da forme gravi e infezioni». La co-somministrazione potrà riguardare i soggetti eleggibili alla vaccinazione antinfluenzale e che devono ricevere la terza dose anti-Covid, come ad esempio gli anziani over-80, ma anche coloro che oltre all’ antinfluenzale devono ricevere ancora la prima o seconda dose anti-Covid. A pochi giorni dalla partenza della campagna vaccinale contro l’influenza – prevista dal ministero agli inizi di ottobre proprio per evitare una concomitanza di casi Covid e influenzali – «l’unica regione che ha iniziato la distribuzione dei vaccini ai medici di famiglia è la Campania, che sarà seguita dalla regione Lazio a partire dal 5 ottobre», spiega Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), che aggiunge: «Stiamo andando a rilento e questo può pesare sulla capacità di programmare la vaccinazione». Il vaccino antinfluenzale va ripetuto annualmente e le dosi ordinate dalle regioni quest’anno sono state 19 milioni, superando il record di 17 milioni del 2020/21. Fare il vaccino antinfluenzale, sottolinea, «è importante per ridurre il rischio di una ‘doppia epidemia’ Covid e influenza, e iniziare prima la somministrazione fa la differenza perché’ aumenta il tempo a disposizione per scaglionare gli appuntamenti». Tuttavia, secondo una ricognizione della Fimmg, le forniture arriveranno solo il 12 ottobre in Basilicata; in Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Umbria e Pa di Bolzano dopo il 15; in Valle d’Aosta il 18; nelle Marche dopo il 20; in Emilia Romagna, Calabria e Sicilia dal 25 ottobre; in Toscana ai primi di novembre. Mentre ai medici delle restanti regioni non è stato comunicato nulla. I medici si dicono comunque favorevoli alla somministrazione contemporanea dei due vaccini, così come i farmacisti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Anti-flu in farmacia: corso abilitante (obbligatorio) in via di predisposizione

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Intanto, sempre in tema di vaccini anti influenzali, dalla Fofi è stata analizzata, in una recente circolare, la possibilità “per le farmacie di concorrere alla campagna vaccinale antinfluenzale 2021/2022”, con la somministrazione a soggetti maggiorenni, “introdotta in sede di conversione del D.L. 105/2021 (art. 5, comma 4-bis, D.L. 105/2021 convertito in L. 126/2021)”. In sostanza, spiega il documento, “il farmacista, debitamente formato, viene abilitato alla somministrazione in farmacia del vaccino antinfluenzale, per la stagione in corso, sia con oneri a carico del SSN, nei confronti dei soggetti aventi diritto alla vaccinazione, sia con oneri a carico del cittadino, per coloro che, pur non rientrando nell’offerta vaccinale gratuita, vogliano comunque ricorrere, a proprio carico, alla vaccinazione”. “Procedure e condizioni”, così come la “remunerazione del servizio – che sarà a valere sulle risorse del fabbisogno sanitario nazionale standard – saranno stabiliti dal Protocollo di intesa”, su cui si è in fase di ultimazione. Con il “protocollo d’intesa sono disciplinate poi le procedure di registrazione delle somministrazioni eseguite presso le farmacie per l’alimentazione dell’Anagrafe nazionale vaccini, anche per consentire il monitoraggio del servizio erogato ai fini della remunerazione dello stesso”. Ma, chiarisce Fofi, fugando i dubbi che erano circolati anche sui Social, la partecipazione dei farmacisti nelle farmacie avverrà “a seguito del superamento di uno specifico corso organizzato dall’Istituto superiore di sanitaÌ”. E proprio in merito al corso relativo al vaccino antinfluenzale viene precisato che “è in via di predisposizione”. By Francesca Giani (fonte Farmacista33)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini Covid e influenza: indicazioni su co-somministrazione

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

È possibile programmare la somministrazione del vaccino anti Covid e di quello antinfluenzale nel corso della stessa seduta, laddove vi siano soggetti per i quali la vaccinazione antinfluenzale stagionale eÌ raccomandata e offerta gratuitamente che allo stesso tempo siano eleggibili per la vaccinazione anti-Covid (ciclo primario o dose addizionale e booster). A dirlo è la recente circolare del Ministero della Salute, che rilancia l’indicazione di Aifa. Intanto, per quanto riguarda la possibilità di inoculare il vaccino antinfluenzale nelle farmacie, da Fofi viene fatto un punto anche sul corso di formazione abilitante per i farmacisti. Dal Ministero, inoltre, viene confermata la possibilità di “effettuare la somministrazione concomitante (o a qualsiasi distanza di tempo, prima o dopo), di un vaccino anti-Covid utilizzato in Italia e di un altro vaccino del Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale”. Unica “eccezione sono i vaccini vivi attenuati, per i quali può essere considerata valida una distanza minima precauzionale di 14 giorni prima o dopo la somministrazione del vaccino anti Covid”. By Francesca Giani (fonte Farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allerta rosso meteorologico

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

E’ stato diramato a Nord-ovest d’Italia interessa territori inariditi da un’estate particolarmente siccitosa, inadatti quindi ad assorbire improvvise quantità d’acqua che, “ruscellando” sul terreno, aumentano fortemente il rischio idrogeologico: ad evidenziarlo è l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) di fronte alle allarmanti conseguenze, che stanno accompagnando “Christian”, la prima ondata di maltempo autunno-vernina.“Sono 25 anni che in Italia non si investe significativamente nella difesa del suolo, nonostante i fenomeni di dissesto interessino oltre il 90% dei comuni e circa 3 milioni di persone vivano in aree ad alta vulnerabilità; il rischio è accentuato dalla estremizzazione degli eventi atmosferici, che rende inadeguata la rete idraulica del Paese. Non solo – prosegue Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI – Sembra inarrestabile la corsa alla cementificazione del Paese, che ha ormai intaccato un’area pari alla superficie della Toscana, riducendo fortemente la capacità di assorbimento dei territori. Al contempo è dispersa nei meandri parlamentari la proposta di legge contro lo sfrenato consumo di suolo, di cui si parla dal 2013 e di cui continuiamo a chiedere l’approvazione! Ciò, nonostante in Italia si spendano mediamente 7 miliardi e mezzo all’anno per riparare i danni da eventi naturali, cui va aggiunto il tributo in vite umane.” ANBI chiede pertanto che, pur nel rispetto delle normative di legge, siano accelerate le procedure per l’attivazione quantomeno dei circa 220 milioni di euro per la difesa dal rischio idrogeologico, previsti dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 18 Giugno scorso, che si rifà al Piano “Proteggi Italia” del 2019. “E’ una cifra utile seppur largamente insufficiente, se consideriamo che solo il nostro Piano di Efficientamento della Rete Idraulica prevede investimenti per circa 4 miliardi e 339 milioni di euro – precisa Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – Noi abbiamo presentato, in una logica di multifunzionalità degli interventi, 729 progetti definitivi per lavori di manutenzione straordinaria sugli oltre 200.000 chilometri della rete idraulica minore; a ciò si aggiunge il disinterrimento di 90 bacini per recuperarne la piena capacità, il completamento di altri 16 e la realizzazione di 23 nuovi invasi per trattenere le acque di pioggia ed esaltare la loro multifunzionalità nel potabile, idroelettrico, ambientale ed irriguo migliorando la sicurezza dei territori ed incrementando le riserve idriche. Il nostro obiettivo di finanziamento è il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che prevede consegna e rendicontazione delle opere entro il 2026. I giorni, però, passano in attesa di scelte, che rischiano di rendere la missione più difficile anche per enti come i Consorzi di bonifica ed irrigazione, che stanno dimostrando, pure in questi giorni, efficienza operativa e capacità di spesa nei tempi previsti.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni e quelli che non votano. Chi li ascolta e chi gli parla?

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

E’ il tema del giorno, i risultati delle parziali elezioni comunali. Quelle in cui ha votato il 54% degli aventi diritto e per le quali – ci sono i segnali – c’è un certo imbarazzo e tentativi di classificare il mancante 46%. Tra il tripudio dei vincitori, quelli che aspettano il secondo turno, le ammissioni e i “distinguo” degli sconfitti, quelli che non vengono mai sconfitti, le analisi dei politologi che ci aiutano a comprendere… il 46% non dice la sua. E’ come fare dichiarazione d’amore ad una persona e questa guarda e pensa altrove.Coloro che guidano le amministrazioni si pongono il problema, ma preso atto, in genere vanno oltre. E si consolano col fatto che in Paesi con democrazie ben più solide e secolari della nostra (Usa per esempio), le percentuali di chi vota sono ancora più basse; non solo, ma le alte partecipazioni al voto sono considerate prerogativa dei regimi autoritari. Ed è vero. Come è vero che ci sono il 46% di consumatori che non sono interessati alla gestione di quei beni e servizi che poi loro acquistano o fruiscono. Magari protestano quando qualcosa non funziona, e pretendono rimedi, ma preferiscono che siano altri a scegliere per loro. Dovendo amministrare un paese, una città o una intera Nazione, come si fa a parlare a tutti? Probabilmente se il soggetto del “colloquio” è la nazionale di calcio, questo parlare diventa più facile. Ma perché il calcio appassiona e la gestione dell’amministrazione meno? Passione e svago, identità, facilità di comunicazione interpersonale… questi alcuni elementi dell’amore verso il calcio. Quali quelli verso l’amministrazione, più o meno considerata amica, nemica, onesta, corrotta, sorda o attenta ai propri desideri e alle proprie esigenze? Chi è in grado di farlo? E quali sono gli strumenti che, chi ha il potere, concede a tutti per comunicare i pro e i contro? Domanda con difficile risposta. Anche perché, chi dovrebbe darla, in genere prende il risultato di chi lo ha votato, se lo porta a casa e alimenta il proprio orticello in modo che alla prossima scadenza sia sempre rigoglioso. Certo, non tutti sono così. Ma sta di fatto che quelli che lo sono compromettono la credibilità anche di quei pochi che non lo sono. Noi crediamo che compito dello Stato dovrebbe essere di trovare il vaccino contro questa predominanza della politica considerata come bottino del vincitore, a favore della politica come servizio per tutti, incluso il 46% che non vota. (fonte comunicato Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Energia fra ambizioni e realtà. Transizione energetica

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Una parte consistente della bolletta elettrica non ha nulla a che vedere con il costo dell’energia fornita. Si tratta dei cosiddetti oneri di sistema che vengono accollati agli utenti con le voci più disparate: dalle fonti rinnovabili e di cogenerazione, ai rifiuti non biodegradabili, alle agevolazioni tariffarie per il settore ferroviario, al nucleare che non c’è (ma ci sono, ancora, le vecchie centrali, chiuse da più di 30 anni e le cui scorie nessuno vuole). D’altra parte, anche il settore dei combustibili fossili è sovvenzionato, sia direttamente, con sussidi statali, sia indirettamente con sconti fiscali che gravano sul contribuente. L’occasione per rimettere in ordine il costo delle bollette elettriche – pagare l’effettivo consumo di energia ed eliminare le sovvenzioni, distorsive del mercato – potrebbe arrivare con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) che sostiene lo sviluppo verde e digitale del nostro Paese, inserito all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto comunitario da 750 miliardi di euro, concordato con l’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. L’Italia ha presentato un Piano fissando un contributo del 30% (in percentuale del consumo finale lordo) all’obiettivo dell’UE in materia di energie rinnovabili per il 2030. Attualmente, i consumi energetici complessivi (elettrico, termico, trasporti) sono coperti per il 20% dalle energie rinnovabili (solare, eolico, idraulico, geotermico, bioenergie). Le rinnovabili, solare ed eolico, possono dare un contributo importante alla produzione di energia elettrica, ma sono fonti intermittenti che devono essere immagazzinate in modo consistente e le nuove tecnologie di stoccaggio, tali da poter sopperire alle necessità di fornitura costante, sono in fase di ricerca. Da rilevare che l’uso intensivo di solare ed eolico ha un impatto ambientale, paesaggistico e agricolo negativo. Si ridiscute del nucleare, come soluzione alla decarbonizzazione, il che ha suscitato polemiche. Facciamo un quadro della situazione. Accanto alle vecchie tecnologie nucleari, si stanno sviluppando quelle di quarta generazione, con impianti di piccola taglia, modulari e a maggior sicurezza che potrebbero (il condizionale è d’obbligo) essere connessi alla rete entro il 2030, data fissata dall’obiettivo europeo di riduzione del 55% dei gas serra. Il passo successivo potrebbe essere quello degli impianti a fusione nucleare, attualmente in fase sperimentale, che hanno un processo simile a quanto avviene nel Sole: emissioni zero, senza scorie e, in sostanza, a energia illimitata. Nulla a che vedere, dunque, con gli impianti a fissione nucleare. Già dalla fine degli anni ’50, l’Enea, l’Agenzia italiana per le nuove tecnologie, conduceva ricerche sulla fusione nucleare che, nel tempo, hanno visto coinvolti altri enti e Paesi. La fusione darebbe un apporto determinante (dipende dai tempi di realizzazione) per raggiungere la neutralità climatica nel 2050. Il programma per ridurre e annullare le emissioni carboniche è ambizioso e le fonti rinnovabili sono irrinunciabili per perseguirne gli obiettivi. Si tratta di verificarne la fattibilità.Primo Mastrantoni, Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Come cresco

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

E’ il terzo dei volumi illustrati della casa editrice Familium dedicati a tutta la famiglia. Il primo, Nonna parlami di te e Nonno parlami di te, che ha riscosso grandissimo successo in Italia, rappresenta il dono perfetto per tutti i nonni. Un libro speciale, tutto da scrivere e da comporre, e sono proprio i nonni a creare il racconto rispondendo alle tante domande sulla loro vita, così da serbare indelebili i loro ricordi e condividerli con i propri cari. Il secondo volume, Il nostro albero familiare, è anch’esso un libro adatto a grandi e piccini, un atlante familiare da costruire insieme a tutta la famiglia che ripercorre la storia e la genealogia dei propri parenti, ma anche un modo per passare del tempo prezioso con chi ci vuole bene, compilandolo e leggendolo tutti insieme. Come cresco invece è dedicato ai genitori in attesa o che stanno pensando di avere un bambino o a quelli che hanno appena accolto nella loro famiglia un bebè ed è il regalo ideale per compleanni, baby shower, battesimi e ovviamente per ogni nuova nascita, destinato a diventare una cronaca dei più bei momenti vissuti insieme che, da grande, potrà ripercorrere il protagonista, i suoi genitori e in futuro i suoi discendenti. Di grande formato, con la copertina rigida e soprattutto completamente illustrato a mano, Come cresco è disponibile su http://www.familium.it e in tutte le librerie italiane – fisiche e online.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CWT appoints Cristina Scott as Head of CWT’s Financial Services Unit

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

Minneapolis. CWT, the Business-to-Business-for-Employees (B2B4E) travel management platform, today announces the appointment of Cristina Scott as Head of its Financial Services unit effectively immediately. Based in Southlake, Texas, Cristina will report to Nick Vournakis, Head of the CWT Global Customer Group. Prior to her appointment, Cristina was Vice President of Global Operations at CWT Meetings & Events, the award-winning global corporate meetings & events management service.“Cristina brings a wealth of experience and a great track record of delivery to this role and I’m excited about our combined potential,” said Nick Vournakis, Head of the CWT Global Customer Group. “With the travel industry in recovery, she is well poised to support the unique needs of our Financial Services clients and empower their travel managers and travelers alike as their business travel plans gain momentum.” Cristina joined CWT in September 2019 after 24 years with Sabre, where she had many commercial management and sales operations roles. She holds an International Master of Business Administration degree with a concentration in International Marketing from Thunderbird – The Garvin School of International Management, a Bachelor of Arts degree in Interdisciplinary Studies from the University of North Carolina, and a certificate in Spanish Studies from the University of Salamanca.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2 miliardi di € di risorse supplementari per la ripresa in Italia, Spagna, Lussemburgo e Romania

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2021

La Commissione ha concesso 2 miliardi di € a Italia, Spagna, Lussemburgo e Romania a seguito della modifica di due programmi operativi del Fondo europeo di sviluppo regionale, di un programma operativo del Fondo sociale europeo (FSE) e di uno del Fondo di aiuti europei agli indigenti nell’ambito dell’assistenza alla ripresa per la coesione e i territori d’Europa (REACT-EU). In Italia il programma operativo nazionale “Governance e capacità istituzionale” riceverà un totale di 1,2 miliardi di €. Di questo importo, 761 milioni di € saranno destinati all’acquisto di 68 milioni di dosi di vaccini contro il coronavirus. Nelle regioni meridionali, le autorità utilizzeranno 374 milioni di € per assumere nuovi operatori sanitari pubblici e coprire i costi delle ore di straordinario dei lavoratori attuali. 108 milioni di € contribuiranno a rafforzare la capacità amministrativa delle autorità nazionali e regionali, anche nel sistema sanitario.In Spagna, la Comunidad Valenciana riceverà ulteriori risorse per 690 milioni di € per fornire, tra l’altro, capitale circolante alle piccole e medie imprese più colpite e per rafforzare la sanità, i servizi sociali e gli investimenti nelle infrastrutture di base per i cittadini, compresi i settori della sanità e dell’istruzione. Il Lussemburgo riceverà 69 milioni di € per finanziare test sul coronavirus su larga scala e l’acquisizione di vaccini, nonché investimenti a favore della sostenibilità, come l’elettrificazione della rete nazionale di autobus. In Romania saranno investiti 56 milioni di € per fornire sostegno materiale ai gruppi svantaggiati, ad esempio mediante pasti caldi, assistenza ai bambini svantaggiati con forniture scolastiche e alle madri svantaggiate con kit di prodotti essenziali per i neonati. REACT-EU fa parte di NextGenerationEU e nel corso del 2021 e del 2022 fornisce 50,6 miliardi di € di finanziamenti aggiuntivi (a prezzi correnti) ai programmi della politica di coesione.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »