Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Energia: prezzi alle stelle. I tempi sballati degli aiuti istituzionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 ottobre 2021

I prezzi dell’energia sono alle stelle. Elettricità +40%, gas +31%, benzina con record storici e prospettive ancor più nere visto che il prezzo del petrolio cresce a livello mondiale. Sui carburanti è rilevante, per esempio, il costo del metano: lo scorso gennaio il prezzo medio era 0,981 €/kg, oggi in alcuni distributori supera i 2 euro, il doppio: la scelta di un veicolo a metano, con costi di manutenzione elevati compensati dal basso costo del carburante, viene così penalizzata.I governi europei sono stati chiamati a sostenere i consumatori per evitare tracolli diretti e di tutte le attività connesse al consumo di energia. Le riunioni di Eurogruppo ed Ecofin, dove alcuni Stati avevano chiesto interventi più o meno dirigisti (riserva strategica comune di gas, con acquisti centralizzati), nonché una riforma del mercato dell’elettricità all’ingrosso, non hanno dato risultati. E’ di oggi una dichiarazione della commissaria europea all’Energia Kadri Simson: “Dopo una discesa durante l’ultimo decennio i prezzi dell’energia sono tornati a salire, e resteranno alti durante tutto l’inverno per poi scendere in primavera”. Un contesto in cui ogni Stato, per “l’oggi” è chiamato a fare da sé. E l’Italia è intervenuta con provvedimenti che, per gli ultime tre mesi dell’anno, quasi dimezzeranno gli aumenti di elettricità e gas; ma nessun provvedimento per la benzina. Questo mentre dalla Commissione ci dicono di tenere duro fino a primavera… che succederà in Italia dopo il trimestre di dimezzamento degli aumenti? Un inverno da incubo, proprio nella stagione in cui i consumi energetici sono maggiori, soprattutto nelle famiglie.In attesa che a livello europeo arrivino a qualche conclusione che, comunque, dovrà confrontarsi con la tempistica di applicazione rispetto al problema che è “l’oggi” e, soprattutto, che l’impostazione del Green deal di Ursula von der Leyen rischierebbe di sgretolarsi… siamo sicuri che i tempi, i modi e le quantità degli aiuti istituzionali nazionali italiani siano adeguati alle necessità? Ci sembra di no. COMUNICATO STAMPA DELL’ADUC http://www.aduc.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: