Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 20 ottobre 2021

L’autunno ai Giardini di Castel Trauttmansdorf

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Resta ancora un mese prima della chiusura della stagione 2021 dei Giardini di Castel Trauttmansdorff. Il 15 novembre, infatti, il giardino botanico meranese per l’ultimo giorno accoglierà i visitatori che potranno ammirare il meraviglioso foliage d’autunno. Per invitare ad affrettarsi chi ha intenzione di visitarli prima della chiusura e per dare un’idea della bellezza dei Giardini di Castel Trauttmansdorff a chi per certo non riuscirà ad andarci per il 2021, è a disposizione una gallery di foto dell’autunno a Trauttmansdorff.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Massimiliano Camellini: Al di là dell’acqua

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

A partire dal 4 dicembre 2021, Massimiliano Camellini presenta a Venezia, nei suggestivi ambienti di SPARC* Spazio Arte Contemporanea, il suo progetto fotografico Al di là dell’acqua. La mostra, include una serie di oltre 20 scatti in bianco e nero, tutti rigorosamente calibrati nell’aspetto contenutistico e formale, com’è proprio del lavoro dell’artista.Massimiliano Camellini sceglie di esplorare il tema del viaggio come desiderio sconfinato di scoperta. La chiave metaforica di un percorso, che è prima di tutto esistenziale, porta l’artista all’interno delle navi cargo dove si focalizza sulla vita che si svolge a bordo, guardando al di là della superficie del mare o dell’oceano, visibile attraverso l’oblò e in direzione di una meta che non è solo geografica.Il fascino da cui lui stesso è ammaliato oscilla tra il senso di libertà e l’esorcizzazione della paura per l’ignoto, ricollegandosi all’opera Novecento di Alessandro Baricco, che Giuseppe Tornatore trasformerà nel film La leggenda del pianista sull’oceano, dove il protagonista preferisce la nave alla terraferma in quanto proiettata – sempre e comunque – verso il sogno infinito della scoperta. La stretta relazione che lega i soggetti ai luoghi e agli spazi architettonici, tanto fisici quanto mentali, è sottolineata dalle immagini di oggetti di uso comune: il binocolo, l’orologio nel corridoio, la lavatrice, gli attrezzi per gli esercizi ginnici, il timone, il quadro comandi, gli apparecchi elettronici. Oggetti da cui trapelano storie vissute all’interno della nave, intesa come città-stato: uno spazio architettonico progettato per adattarsi a una nuova organizzazione ma anche uno spazio universale che contiene i simboli di tante appartenenze culturali ed etniche che condividono lo stesso viaggio, rappresentate in particolare dalla fotografia che inquadra tanti passaporti diversi su una stessa scrivania.Lo spazio espositivo veneziano che ospita la mostra rappresenta la cornice perfetta per questo progetto: *SPARC nasce da un’antica abitazione privata lagunare, che mantiene la suddivisione per stanze propria dell’intimità domestica con un affaccio panoramico sui canali e sulla storia di navigazione dell’antica repubblica marinara. In omaggio alla storia del luogo e della città, Massimiliano Camellini ha realizzato una piccola serie d’immagini all’interno dello stesso spazio espositivo che ritraggono le tracce di arredo propriamente “navale” di cui è portatore, e che saranno esposte in una sorta di ‘mostra nella mostra’.Il progetto espositivo Al di là dell’acqua è accompagnato dal catalogo italiano/inglese edito da Greta’s Books (2017) con testi di Andrea Tinterri (critico fotografico), Fabio Dei (antropologo) e Donatello Bellomo (scrittore), realizzato con il patrocinio del Comune di Venezia, Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Capitolo Italiano della Royal Photographic Society, Laboratorio di Storia Marittima e Navale – DAFIST (Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia) dell’Università di Genova, e in collaborazione con Mu.MA – Musei del Mare e delle Migrazioni (Genova), l’Associazione Promotori Musei del Mare e della Navigazione, e il Doc SAI – Archivio Fotografico del Comune di Genova.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rome Business School ha inaugurato il nuovo campus

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Roma Rome Business School (membro di Planeta Formación y Universidades, un network internazionale creato nel 2003 da De Agostini e dal Gruppo Planeta) apre le porte del suo nuovo campus, più di 2500mq nel cuore di Roma, offrendo MBA, Master e Executive Education. Situato nel quartiere di Prati, il nuovo campus è pronto ad accogliere oltre 2.500 studenti provenienti da tutto il mondo ogni anno. Rome Business School è infatti tra le business school più internazionali del Paese contando con un 60% di studenti stranieri (in contrasto con la media nazionale del 35%).Il nuovo campus, di 2500mq, sviluppato su di un villino costruito per la Mostra Universale del 1911 e ristrutturato rispettando l’essenza e la storicità del palazzo, mette a disposizione degli studenti 12 aule, una biblioteca, spazi di incontro per gli imprenditori e una green zone dove poter usufruire al meglio delle opportunità offerte dalla Scuola. Lo studio e i lavori di restauro dell’edificio, cominciati a novembre 2020, volti a salvaguardare la bellezza estetica dell’edificio, e allo stesso tempo renderlo capace di ospitare più di 2500 studenti all’anno e dotarsi di tecnologie innovative, sono terminati a giugno 2021. La Scuola attrae studenti provenienti dai cinque continenti grazie alla sua variegata offerta formativa. Attualmente, RBS forma 1500 studenti attraverso i Master ogni anno, la maggior parte di loro studia MBA, Marketing, HR, Project Management, Data Science, Fashion & Luxury e Management Culturale. Oggi RBS fa un salto di qualità dove non saranno solo gli studenti a beneficiarne, ma anche l’intera città di Roma e così anche l’Italia.Con l’apertura di questo nuovo campus, RBS, una realtà che è cresciuta 60% negli ultimi due anni nonostante la pandemia, mira a diventare un punto di riferimento a livello internazionale per qualità ed eccellenza di educazione, confermando il suo impegno a formare “better managers for a better world” e fonda la sua proposta sull’essere una vera Business School internazionale, con forte impatto positivo sulla carriera dei suoi studenti e collegata al mondo delle aziende in Italia.Inoltre, RBS offre una faculty composta da 157 professori, di cui il 30% in possesso di dottorato di ricerca e la restante parte composta da esperti del settore, imprenditori, dirigenti di alto livello e manager del Corporate Advisory Board (CAB), formato 70 managers di aziende come Starbucks, Jaguar Land Rover, Sky Italia, Bulgari, Coca Cola. Quella con il CAB, una collaborazione che garantisce l’implementazione di una strategia per migliorare e innovare continuamente l’offerta della Scuola, ricalcando le reali esigenze del mercato del lavoro, rimanendo vicina al mondo aziendale dell’Italia e lasciando un impatto positivo nella carriera degli studenti.Il nuovo campus della Rome Business School vuole essere accogliente e aperto al mondo, presentandosi come un hub di manager e imprenditori dotato delle più avanzate tecnologie e spazi dedicati sia allo studio che alla convivialità, rivolto al futuro. Lo studente infatti è seguito anche grazie a programmi come RBS4Entrepreneurship, dove si supporta lo sviluppo di start-up innovative (nel 2021 sono stati 42 i progetti di start up presentati da studenti provenienti da 48 diverse nazioni di cui 6 sono stati scelti per essere sviluppati con l’accompagnamento dalla Scuola); alla possibilità di essere collegati con multinazionali e aziende autorevoli come, Eni, Enel, Bulgari, Coca-Cola, Fendi, Tim, American Express, Nike, BNL, Chanel, EY, Deloitte tra tante altre; oltre all’occasione di svolgere esperienze di studio internazionale (bootcamp/study tour) nella Silicon Valley, a Dublino, Barcellona e Parigi.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Docenti di sostegno, in Italia sono 172mila e in continuo aumento

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Sono numeri importanti, ma ancora inadeguati rispetto alle necessità, quelli dei docenti che operano nella scuola italiana: in base a quanto pubblicato in queste ore dal ministero dell’Istruzione attraverso un dettagliato Report, risulta che i posti istituiti per l’a.s. 2021/2022 sono 684.317 per le cattedre comuni e 172.110 di sostegno. Entrambe le quantità comprendono sia l’organico dell’autonomia, sia l’adeguamento di detto organico alle situazioni di fatto: quindi, per il sostegno sono compresi anche i posti in deroga e lo stesso Ministero specifica che si tratta di numeri in via di aggiornamento da parte degli Uffici periferici.Ancora l’amministrazione centrale ha spiegato che dei circa 684mila posti comuni, 14.142 sono “posti per l’adeguamento”, mentre, dei 172.110 posti di sostegno, 65.940 sono “posti di sostegno in deroga”. A queste cattedre, il ministero quest’anno ha aggiunto quelle temporanee, non più annuali, dell’organico cosiddetto Covid, derivanti dall’art. 231- bis del D.L. 34/2020, l’art. 58, comma 4-ter, del D.L. 73/2021 (cd. decreto “Sostegni bis”), convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106: si tratta di supplenze – finalizzate al recupero degli apprendimenti, da impiegare in base alle esigenze delle istituzioni scolastiche nell’ambito della loro autonomia – che dalla data di presa di servizio si prolungheranno fino al 30 dicembre 2021. Il numero totale ammonta a circa 44mila posti, una parte di quali però andranno assegnati al personale Ata.I dati del report ministeriale confermano in pieno le perplessità espresse dal leader dell’Anief Marcello Pacifico: “Ancora una volta quest’anno, nonostante le 15mila immissioni in ruolo, più di 60mila insegnanti italiani insegnano su posti di sostegno senza la specializzazione”, ricorda il leader del sindacato ed “ecco perché noi riteniamo assolutamente illegittimo il numero programmato”.Il sindacalista autonomo ha invitato “tutti i candidati che stanno partecipando all’ultimo ciclo del TFA sostegno, qualora risultino esclusi, di impugnare il decreto ed aderire al ricorso con Anief per incrementare il numero dei posti ed essere ammessi poi alla frequenza per conseguire la specializzazione. Per noi è importante ma soprattutto è importante per gli alunni”, ha concluso Pacifico. Anief, infine, conferma la volontà di tutela anche i docenti e gli alunni a cui viene negato il sostegno, rilanciando la campagna gratuita #nonunoradimeno: l’obiettivo, in questo caso, è quello di garantire ad ogni alunno con disabilità le ore settimanali di sostegno richieste dalle scuole come da consolidata giurisprudenza. Una campagna che in alcuni casi ha garantito anche il diritto al risarcimento del danno in favore della famiglia dell’alunno con disabilità il cui diritto all’istruzione e all’integrazione era stato palesemente violato dal ministero di competenza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Roma – “ Investire sulle giovani generazioni, sia in termini economici che di fiducia, vuol dire investire sul futuro del Paese! Lo abbiamo fatto, come MoVimento 5 Stelle, in questi anni, favorendo la creazione di imprese under 35, con misure come il fondo “On – Oltre nuove imprese a tasso zero”, gestito da Invitalia, che ha già finanziato 583 iniziative, concesso agevolazioni per 132 milioni di euro e creato 3010 nuovi posti di lavoro, o incentivando l’assunzione di “under 36” con un esonero contributivo riservato ai datori di lavoro che nel 2021 assumono giovani o ne stabilizzano il rapporto a termine. Lo stiamo facendo, in modo importante, anche con le agevolazioni fiscali ed il Fondo di garanzia con cui aiutiamo i ragazzi e le ragazze ad acquistare la prima casa. Garantiamo così la piena indipendenza dalla famiglia di origine. Da oggi è operativo il bonus “prima casa per gli under 36”, che abbiamo introdotto con il Decreto “Sostegni Bis”, un’insieme di agevolazioni fiscali che prevedono, per i giovani con meno di 36 anni ed Isee fino a 40mila euro annui, l’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale per l’acquisto della prima casa ed esenta dall’imposta sostitutiva i finanziamenti erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione delle abitazioni. Ed a queste si aggiunge la garanzia dello Stato prevista dal “Fondo di garanzia per la prima casa”. Con il Decreto “Sostegni Bis”, infatti, abbiamo previsto che, per le coppie con uno dei componenti under 35, le famiglie monogenitoriale con figli minori, i giovani che non abbiano compiuto i trentasei anni ed i conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari, la garanzia sui mutui possa arrivare fino all’80% della quota capitale. Ma lo faremo, con maggiore incisività, con le risorse del PNRR, dove i giovani rappresentano uno dei target trasversali. Investendo, sempre di più, in formazione e accesso al lavoro. Ai giovani vanno dati fiducia ed opportunità. Ne sono sempre stata convinta. Possono sembrare piccole cose, invece cambiano profondamente la società”. Così, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce Doctolib Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

E’ la tech company italo-francese al servizio della salute che permetterà ad ogni cittadino un contatto semplice e rapido con il proprio medico, aiutando tutto il personale sanitario a gestire meglio il lavoro di ogni giorno. Nicola Brandolese sarà il nuovo CEO di Doctolib Italia. Nicola Brandolese, con 25 anni di esperienza nel settore digitale, ha fatto parte del team fondatore di Sky Italia e ha guidato la crescita digital del Gruppo Luxottica, trasformando a livello globale i suoi brand retail. Per favorire lo sviluppo ulteriore di servizi nel contesto italiano, Doctolib ha acquisito la società Dottori.it, presente in Italia dal 2013. L’accesso all’assistenza sanitaria in Italia è spesso complesso, soprattutto per le cure secondarie. Nel nostro paese i tempi d’attesa per una visita specialistica con il SSN sono tra i più lunghi d’Europa: fino a 9 mesi, a seconda della regione o del tipo di cura. Doctolib permette di trovare lo specialista più indicato e ridurre drasticamente i tempi di attesa per un appuntamento. Ad esempio, in Francia e Germania Doctolib ha ridotto le attese da 2 a 4 volte e punta a ottenere i medesimi risultati anche in Italia. Doctolib ha l’obiettivo di garantire a tutti gli Italiani un accesso rapido e facile all’assistenza sanitaria, a partire dai medici di medicina generale, offrendo un servizio online che consenta ad ogni paziente di prenotare istantaneamente un appuntamento e disporre di tutte le informazioni necessarie prima e dopo la visita. Sarà possibile richiedere una prescrizione online al proprio medico di famiglia e condividere i referti in totale sicurezza. Tutto ciò in modo semplice, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Doctolib rende finalmente semplice e immediato accedere alle cure mediche: il risultato è che il 97% dei pazienti che utilizza Doctolib in Francia e Germania lo consiglia ai propri amici e familiari.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Approvazione da parte del G20 dell’accordo sulla riforma fiscale internazionale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

A seguito della riunione dei ministri delle Finanze del G20 il Commissario Gentiloni ha dichiarato: “L’approvazione da parte dei ministri delle Finanze del G20 segna un passo fondamentale verso l’attuazione della storica riforma fiscale globale concordata venerdì scorso. Con 136 giurisdizioni aderenti, tra cui tutti i membri del G20, tutti i membri dell’OCSE e tutti gli Stati membri dell’UE che fanno parte del quadro inclusivo, si tratta di una vera e propria rivoluzione fiscale. Uscendo dall’ombra della pandemia, abbiamo l’opportunità unica di ricostruire le nostre economie su basi nuove. Vogliamo vedere non una semplice ripresa, ma una nuova era di crescita sostenuta e sostenibile. I Pandora papers sono un’ulteriore conferma delle ingiustizie che caratterizzano oggi il nostro sistema economico. Le transizioni verde e digitale possono compiersi solo se basate sull’equità. Pertanto, questo nuovo sistema di tassazione globale delle società è una componente fondamentale del cambiamento di cui abbiamo bisogno: tutti devono pagare la giusta quota. Una volta che l’OCSE avrà messo a punto le norme tipo per il pilastro 2, la Commissione presenterà rapidamente una direttiva per l’attuazione nell’UE. Per quanto riguarda il pilastro 1, esamineremo attentamente se sia necessaria una direttiva per garantirne un’attuazione coerente ed efficace a livello dell’UE. La Commissione europea ha lavorato intensamente per portare avanti questo sforzo internazionale. Per arrivare a questo punto sono state necessarie scelte difficili per molti paesi, sia nell’UE che altrove. Uno spirito di compromesso e di interesse comune, in Europa e nel mondo, ci ha permesso di raggiungere questo obiettivo. Dobbiamo essere fieri di questo trionfo del multilateralismo. Ora dobbiamo procedere insieme e senza indugio.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Consumi: spesa famiglie oltre 1.000 miliardi a fine anno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Secondo il rapporto Censis-Confimprese, la spesa delle famiglie supererà i 1.000 miliardi di euro a fine anno, con un incremento di 60 miliardi rispetto all’anno scorso. A Natale si prevedono almeno 9 miliardi di spesa in più rispetto alle passate festività.”Bene, dati molto positivi, anche se attesi. Non c’è settore dell’economia, infatti, per il quale non sia previsto, in assenza di nuovi lockdown, un rimbalzo consistente” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “In particolare, è sui beni durevoli che si prevede un recupero di quanto non acquistato durante i periodi di chiusura degli esercizi e, in tal senso, sia per il Black Friday che per Natale è facile immaginare un balzo delle vendite” prosegue Dona.”Il problema, però, è per il futuro. La scommessa è cosa accadrà nel 2022. Il rischio è che la caduta del potere d’acquisto, favorita dal rialzo dell’inflazione e dai rincari di luce, gas e carburanti, si ripercuota sui consumi finali, rallentando la ripresa in corso” conclude Dona. (By Mauro Antonelli)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Conferito il Dottorato honoris causa al Prof. Peppino Ortoleva

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

La cerimonia si è svolta nel Grande Anfiteatro della Sorbona. Insieme al Prof. Ortoleva sono stati insigniti dell’importante riconoscimento due economisti, tra cui il premio Nobel Robert Aumann, e tre giuristi, tra cui l’ex presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo Linos-Alexandre Sicilianos. Il prof. Ortoleva, unico studioso di comunicazione, è stato presentato dalla professoressa Cécile Méadel, nota studiosa di storia dei media, e dal prof. Fabrice d’Almeida, che nel corso della sua carriera si è occupato di storia dei media e ha scritto importanti opere sulla storia del nazismo.Peppino Ortoleva è stato professore di Storia e teoria dei media all’Università di Torino. È profesór ajunto all’Universidad de los Andes di Bogotà. Ha tenuto corsi e seminari in numerosi paesi tra cui Australia, Francia, Portogallo, Spagna, Germania, Usa. Ha pubblicato oltre cento articoli e saggi scientifici in più lingue. I suoi ultimi libri, pubblicati da Einaudi, sono Miti a bassa intensità. Racconti, media, vita quotidiana e Sulla viltà. Anatomia e storia di un male comune. “Quando si ottiene un riconoscimento come questo Dottorato honoris causa – ha dichiarato il Prof. Peppino Ortoleva – credo sia normale chiedersi prima di tutto se lo si merita, e poi che cosa si sia fatto di così singolare per riceverlo. Credo che ci sia in effetti un filo rosso da cui è stato attraversato tutto il mio lavoro, anche se mi sono occupato di temi molto diversi, dal gioco al ballo fino alla viltà: mentre gli studi sulla comunicazione tendono fin troppo spesso a concentrarsi sull’attualità immediata, io ho cercato sempre di leggere le tendenze di lunga e lunghissima durata sotto i fenomeni apparentemente di più corto respiro, e i cambiamenti anche i più precipitosi e inattesi sotto quel che sembra restare sempre uguale”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Green-pass e pubblico impiego

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Tra i diversi segnali di un ritorno al passato registriamo il DPCM governativo sulle “Linee guida” per l’applicazione del green-pass nelle pubbliche amministrazioni. Il decreto instaura infatti un sistema di controlli che sembra uscito dalla penna di Kafka. E meno male che tra i principali obiettivi del PNRR c’era la semplificazione dei procedimenti amministrativi, lo snellimento delle procedure e la modernizzazione della Pubblica Amministrazione. Nel decreto troviamo dieci pagine fitte di disposizioni su verifiche preventive e successive, divieti assoluti e obblighi tassativi, soggetti controllanti e controllati, intimazioni, attivazioni di procedimenti, comunicazioni, accertamenti, responsabilità amministrativa, responsabilità penale, sanzioni e chi più ne ha più ne metta. Altro che qualità dei servizi ai cittadini. Sembra che lo sforzo principale della macchina amministrativa pubblica consista nello stanare i furbetti del green-pass, costi quel che costi. E a proposito di costi, sarebbe interessante avere una stima del costo indiretto che graverà sulle finanze pubbliche il funzionamento dell’apparato di controllo sul green-pass nelle sedi della Pubblica Amministrazione. Quante unità di personale dovranno impegnare ore e ore per conseguire la straordinaria performance di mettere alla porta gli impiegati colti in flagranza di no-pass? E quanto tempo verrà sottratto alle altre attività istituzionali per controllare e ricontrollare a tappeto e a campione ed eventualmente ricontrollare ancora il green-pass dei dipendenti? Le Linee Guida appena varate finiscono per incartarsi su sé stesse creando una pletora di situazioni che viaggiano sul crinale dell’ambiguità, si rivelano ingovernabili e foriere di difformità interpretative. Quanto alle misure di sicurezza per gli utenti non obbligati al green-pass, il decreto scarica tutta la responsabilità sugli uffici. Neanche mezza parola sulle misure di sicurezza da adottare nei confronti dei lavoratori che dovranno operare a contatto (anche) con utenti non vaccinati e men che mai sulla sicurezza delle strutture pubbliche che, dal 15 ottobre, torneranno a riempirsi di personale in rientro dallo smart-working. Anzi no: per loro è prevista la possibile flessibilità degli orari, il cui unico scopo è quello di evitare gli assembramenti ai tornelli in entrata e in uscita. Appare implicito che quello che sta per accadere all’interno delle strutture durante l’orario di lavoro in presenza (uso di spazi comuni, accesso alla mensa, riunioni, spostamenti, ecc.) non interessa a nessuno se non ai diretti interessati, che evidentemente dovranno gestire le situazioni affidandosi al buon senso, come del resto hanno sempre fatto da 18 mesi a questa parte. Convenzioni tra enti senza particolari formalità? Riorganizzazione interna? Mobilità tra uffici o aree diverse? Ma di cosa si parla? La soluzione alle carenze organizzative causate dai no-pass sarebbe quella di usare i dipendenti in regola col green-pass come tappabuchi di giornata da spostare qua e là a discrezione dei dirigenti? Davvero un bel modo per incentivare i “Volti della Repubblica” e ringraziarli del senso di responsabilità civica dimostrata scegliendo di vaccinarsi, anche se non erano obbligati a farlo. Infine un tocco surreale: per venire incontro alle esigenze dei pendolari che intasano treni e autobus, i mobility manager delle amministrazioni definiranno i Piani Spostamento Casa Lavoro (PSCL). Non basta: in raccordo con i mobility manager dei comuni creati per decreto interministeriale, i mobility manager aziendali agiranno: “anche per la verifica complessiva e coordinata dell’implementazione dei PSCL e l’identificazione e la promozione di azioni di miglioramento complessivo dell’offerta di mobilità sul territorio di riferimento alla luce delle nuove fasce di ingresso e uscita dalle sedi di lavoro.” Non nascondiamo il disagio provocato dalla lettura delle Linee Guida emanate ieri dal governo perché sembra che basti un decreto per far funzionare e subito. Il timore che avevamo paventato nei giorni scorsi diventa più forte: tra pochi giorni la Pubblica Amministrazione rischia di piombare nel caos.Sandro Colombi, Segretario generale UIL Pubblica Amministrazione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La “trappola” della dipendenza dalle materie prime

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

By Mario Lettieri e Paolo Raimondi. Il rapporto “State of Commodity Dependence 2021” recentemente pubblicato dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (Unctad) evidenzia l’aumento nell’ultimo decennio del numero dei paesi dipendenti dalle materie prime: da 93 paesi nel 2008-2009 a 101 nel 2018-2019. L’Unctad considera un paese dipendente dalle esportazioni di merci quando più del 60% del totale delle sue esportazioni è composto di materie prime e di prodotti agricoli. Più che una condizione, è una vera e propria “trappola”, che blocca la crescita di molte economie. Il valore nominale delle esportazioni mondiali di materie prime ha raggiunto 4.380 miliardi di dollari nel 2018-2019, con un aumento del 20% rispetto al 2008-2009. La dipendenza rende i paesi più vulnerabili agli shock economici con inevitabili impatti negativi sulle entrate fiscali, sull’indebitamento e sullo sviluppo economico. Infatti, nel 2008-2009 la maggior parte dei paesi, il 95%, che dipendeva dalle materie prime, è rimasta tale nel 2018-2019. Naturalmente, la dipendenza tende a colpire principalmente i paesi in via di sviluppo. Lo sono ben 87 dei 101 emersi nel 2019. In specifico, dei 101 paesi, 38 facevano affidamento sulle esportazioni di prodotti agricoli, 32 sulle esportazioni minerarie e 31 sui combustibili.La dipendenza è particolarmente forte in Africa. Tre quarti dei paesi africani lo è per oltre il 70% del loro export. In Africa centrale e occidentale essa è mediamente pari al 95%. Anche tutti i 12 paesi del Sud America hanno un livello di dipendenza dalle materie prime superiore al 60% e per tre quarti di essi la quota supera l’80%.Nell’Asia centrale, il Kirghizistan, il Kazakistan, il Tagikistan, l’Uzbekistan e il Turkmenistan, hanno registrato una quota media delle esportazioni di materie prime sul totale dell’export di merci superiore all’85%. Consapevole di ciò, l’Unctad ha esortato i paesi in via di sviluppo a migliorare le proprie capacità tecnologiche per sfuggire alla “trappola”. Un processo non facile in assenza di sostegni e di trasferimenti di tecnologia.Infatti, l’analisi mostra che i livelli di tecnologia sono molto bassi nei paesi succitati. Il “Technology Development Index”, l’indice di sviluppo tecnologico dei paesi cosiddetti commodity-dependent developing countries, è mediamente dell’1,55 rispetto al 5,17 dei paesi in via di sviluppo che non dipendono dalle materie prime, come Cina, India, Messico, Turchia e Vietnam.Il “Frontier Technology Readiness“, relativo all’utilizzo delle nuove tecnologie, dà un punteggio medio dello 0,25 ai paesi dipendenti rispetto allo 0,47 degli altri. Si tenga presente che l’indice dei prezzi delle materie prime, elaborato dall’Unctad, che, a causa della pandemia, nel periodo gennaio 2020 – aprile 2021 era diminuito del 36%, a luglio ha raddoppiato il suo valore e i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 41%. L’indice Fao sul cibo ha già raggiunto i 127,4 punti lo scorso agosto, con un aumento del 3,1% in un mese. Si ricordi che alla vigilia dell’esplosione dei prezzi dei beni alimentari del 2011, che portarono alle rivolte del pane in molti paesi, l’indice era di punti 137,1. Secondo l’Unctad, la correlazione tra i prezzi delle materie prime e la crescita economica può arrivare al 70%. Milioni di persone, soprattutto nelle aree rurali dei paesi in via di sviluppo, non hanno ancora accesso a cibo, elettricità, acqua e servizi igienico-sanitari. Si prevede che la domanda di cibo aumenterà del 60%, man mano che la popolazione mondiale si avvicinerà ai 10 miliardi entro il 2050. La “trappola” delle materie prime, di fatto, è il proseguimento “moderno” del vecchio rapporto colonialistico. Sembra di rileggere “La ricchezza delle nazioni” di Adam Smith, scritta prima del 1776, che, di là delle teorie economiche, come la divisione del lavoro, invitava le colonie inglesi nel Nord America a limitarsi a produrre cotone perché le manifatture e lo sviluppo industriale erano riservati all’Inghilterra. Si ricordi che quell’imposizione coloniale fu una delle cause principali che portarono alla Rivoluzione americana e alla nascita e all’indipendenza degli Stati Uniti. Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’Italia della lettura è sempre più divisa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Diminuisce la percentuale degli italiani che leggono, oggi al 56% (persone tra i 15 e i 75 anni che hanno letto almeno un libro anche solo in parte, compreso manuali, ebook e audiolibri) ma chi legge lo fa più di prima. “È da tempo che diciamo che la lettura è un’emergenza nazionale – sottolinea il presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi –. Come evidenziato dalla ricerca, la vera emergenza è proprio questa: le disparità all’interno della società italiana”. La non lettura è sempre più connotata come una condizione correlata al livello socio-economico, culturale e geografico: le fasce più deboli (basso titolo di studio, basso livello tecnologico, area geografica di residenza, ecc.) e chi vive nel Sud legge sempre meno libri. Sono questi i risultati principali del progetto di ricerca sulla lettura frutto della collaborazione tra il Centro per il libro e la lettura (CEPELL) e l’Associazione Italiana Editori (AIE) e presentato il 24 ottobre al Salone internazionale del Libro di Torino nel convegno Leggere in pandemia #1 – Nuovi percorsi di lettura degli italiani. Quanti sono i lettori, quanto leggono. Secondo i dati raccolti a settembre da Pepe Research e rielaborati dal Centro Studi di AIE, i lettori (15-75 anni) passano dal 65% del 2019 al 59% nel 2020, per scendere ancora al 56% quest’anno (per il 2019 e il 2020 sono state ricalcolati i valori medi: il recupero che si era verificato tra maggio e ottobre 2020 non è stato sufficiente a recuperare le perdite accumulate nella prima parte dell’anno). La fascia d’eta 15-17 anni è quella dove si registra il calo più robusto: sono i ragazzi che hanno scaricato e utilizzato, quindi un’altra forma di lettura, milioni di contenuti didattici integrativi per la didattica a distanza. Allo stesso tempo, però, il numero medio di libri a stampa, ebook e audiolibri fruiti sale a 7,8 contro i 7,2 dell’anno precedente e i 6,6 del 2019. Aumenta rispetto al 2019 anche il tempo dedicato a questa attività: chi legge un’ora ogni giorno è oggi il 15% della popolazione contro il 9% di due anni fa. Crescono le disparità. Al Nord, i lettori in tre anni passano dal 63% (2019), al 60% (2020) e quindi al 59% (2021), valori simili al Centro (61% nel 2019, 57% nel 2020, 56% nel 2021), ma al Sud si passa dal 41% del 2019 al 40% del 2020 e al 35% del 2021. Il divario Nord-Sud si amplia da 22 punti percentuali fino a 24. I lettori con basso titolo di studio oggi sono il 36%, in calo di 14 punti percentuali in due anni, mentre i lettori con la laurea sono l’84%, in calo di 7 punti. Si mantiene invece intatto il differenziale tra uomini e donne: entrambi leggono meno di prima: sono lettrici il 60% delle donne, lettori il 52% degli uomini. Un mercato sempre più dipendente da pochi, forti lettori. Tra i lettori, la maggioranza assoluta ha letto da uno a tre libri (il 55%), il 23% ha letto da 6 a 4 libri, il 14% da 11 a 7 e il 9% più di 12 libri. I forti lettori (più di 12 libri), leggono mediamente 17 libri l’anno, 3 in più di quanti non ne leggessero nel 2020. Oltre a leggere, comprano anche più di prima: in media 12,3 libri, due e mezzo in più dell’anno precedente. Il risultato è un mercato sempre più concentrato: il 59% delle copie vendute sono acquistate dal 23% dei lettori (quelli che leggono più di 7 copie l’anno).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Osteoporosi e invecchiamento”: Seduta in presenza dell’Accademia di medicina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Torino Venerdì 29 ottobre alle ore 21, l’Accademia di Medicina di Torino organizza, in collaborazione con la Fondazione per l’Osteoporosi O.N.L.U.S., una seduta scientifica in presenza, pur continuando la trasmissione via web, dal titolo “Osteoporosi e invecchiamento”. L’incontro verrà introdotto da Giancarlo Isaia, Presidente dell’Accademia di Medicina e della Fondazione per l’Osteoporosi. La relatrice sarà Patrizia D’Amelio, Primario di Geriatria presso il Centre Hospitalier Universitaire Vaudois di Losanna. Viviamo in un mondo che invecchia, nel 2050, una persona su tre avrà più di 65 anni e una persona su dieci avrà più di 80 anni. Tuttavia l’aumento dell’aspettativa di vita non coincide con l’aumento dell’aspettativa di vita passata in buona salute. Per questa ragione le malattie associate all’invecchiamento meritano una diagnosi ed una terapia precoce ed adeguata, tra queste l’osteoporosi è una patologia cronica estremamente diffusa le cui conseguenze, le fratture da fragilità, incidono pesantemente sulla quantità e qualità di vita residua dei soggetti anziani.Si potrà seguire l’incontro sia accedendo all’Aula Magna dell’Accademia di Medicina di Torino (via Po 18, Torino), previa prenotazione da effettuare via mail all’indirizzo accademia.medicina@unito.it e dietro presentazione del Green Pass, sia collegandosi da remoto al sito http://www.accademiadimedicina.unito.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lavoro donne e parità salariale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

“E’ stato fatto un passo importante per superare il cosiddetto gender pay gap, divario retributivo che penalizza, da sempre, le donne e rappresenta una piaga nel mondo del lavoro. Ora occorre il massimo impegno per una rapida approvazione al Senato, in modo da garantire al più presto una pari opportunità sui luoghi di lavoro”. Così la presidente nazionale di Donne in Campo-Cia, Pina Terenzi, dopo l’approvazione all’unanimità alla Camera della legge sulla parità salariale. “Il ruolo delle donne in agricoltura è sempre più vitale. In Italia sono oltre 200.000 le imprenditrici agricole, molte under 35, e il 40% della forza lavoro del comparto è “rosa”. Il loro ruolo è legato strettamente a una visione multifunzionale del settore –prosegue la Terenzi- che coniuga la produzione alimentare con welfare, tutela del paesaggio e salvaguardia della biodiversità. Questo le pone in prima linea di fronte ai cambiamenti in atto: dalle sfide della transizione verde, alla risposta alla terribile crisi pandemica”. Un aspetto del testo unico che viene reputato particolarmente importante è l’istituzione della “certificazione della parità di genere” con premialità per attestare le misure dei datori di lavoro per ridurre il divario di genere su opportunità di crescita in azienda, parità salariale, politiche di gestione delle differenze di genere e tutela della maternità.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christie’s announces an open call to London

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

London. Christie’s announces an open call to London-based artists to participate in Next at Christie’s: London 2022, a physical and virtual non-commercial exhibition of work by the next generation of artists, which will take place in January 2022. The call for artists is open until 9 November and follows the appointment of two London-based curators, Sasha Shevchenko and Pia Zeitzen, who met while undertaking an MFA Curating at Goldsmiths University. They subsequently formed a curatorial collective, co-developing a practice focused on transcribing theoretical notions into exhibitions as collaborative settings. Additionally Christie’s Education has awarded Sasha and Pia scholarships, alongside two further curatorial candidates, on the Christie’s Education Art Business Masterclass Certificate. Sasha Shevchenko and Pia Zeitzen, Co-curators Next at Christie’s: “As an existing curatorial collective of two international and recently graduated curators, we are excited to have been appointed by Christie’s for this opportunity. Next at Christie’s: London 2022 not only allows us to experiment with our own practice, but enables us to connect individuals, build a community and provide a space of expression for a diverse group of artists. The concept of this upcoming exhibition will address the absurdity of contemporary reality by letting it infiltrate its artistic and curatorial expression. In doing so, it aims to collectively envision alternative modes of meaning-making.” The exhibition presents an exciting opportunity for emerging curators and artists looking to jumpstart their careers in the art world. Applicants must not be represented by a commercial gallery and must either be currently studying or have graduated within the last five years. Christie’s welcomes applicants from all backgrounds, and are looking for candidates who represent ‘new’ talent.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Via il tetto allo sconto sui libri scolastici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

“Vorrei che la nuova legge sul libro fosse approvata entro la fine della legislatura per dare sostegno all’editoria” ha dichiarato oggi il ministro della Cultura, Dario Franceschini.”Basta che si abroghi l’articolo 8 della precedente vergognosa legge, la n. 15 del 13/2/2020, che ha posto un tetto allo sconto praticabile sui libri, come se dovessero essere le famiglie a finanziare l’editoria attraverso prezzi più alti e non invece lo Stato” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Nel caso poi dei libri scolastici, dove lo sconto non può superare il 15%, si è toccato il fondo. Per tutelare qualche libreria le famiglie sono state costrette a pagare i libri il 10% in più, visto che lo sconto delle piattaforme digitali e della maggior parte dei supermercati nel 2019 arrivava al 25%. Insomma, invece di rendere effettivo il diritto allo studio previsto dall’art. 34 della Costituzione, invece di ridurre la stangata che le famiglie pagano ogni anno per mandare i figli a scuola, ci si è preoccupati di salvaguardare gli interessi di pochi. Intollerabile ed immorale!” conclude Dona.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CAR-T Destinazione futuro: da AIL una campagna itinerante e online sul trattamento tumori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Offrire percorsi informativi a pazienti ematologici e famigliari e favorire il confronto tra pazienti, specialisti e Istituzioni: sono gli obiettivi di CAR-T – Destinazione futuro, campagna itinerante e online promossa da AIL – Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma con il supporto non condizionante di Celgene (ora parte di Bristol Myers Squibb), Gilead, Janssen e Novartis. Un vero e proprio “viaggio nel futuro” della lotta ai tumori, che fa leva su una landing page dedicata sul sito AIL, con la mappa aggiornata dei Centri autorizzati alla somministrazione delle CAR-T, eventi organizzati nei capoluoghi di Regioni che ospitano i Centri abilitati e un video-racconto orale, che narra il percorso di scoperta delle CAR-T, dalle prime intuizioni alla pratica clinica. Una campagna “in progress” che proseguirà nel 2022 e sarà aggiornata in relazione alle continue novità che arrivano dal fronte della ricerca, delle autorizzazioni dell’AIFA e delle esperienze cliniche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra dal titolo “Finestre sul mondo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Bologna 27 ottobre 2021 – 28 febbraio 2022 Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 19.30 MUG – magazzini generativi Via Emilia Levante 9/F. Lo sguardo artistico di Paolo Gotti tra natura, cultura e umanità a cura di Licia Mazzoni con oltre 30 opere fotografiche di grandi dimensioni. Il nuovo hub bolognese – realizzato grazie al contributo di Emil Bancacon l’obiettivo di creare uno spazio collaborativo e attivare percorsi ad alto impatto sociale – ha scelto di proporre un excursus tra gli scatti più significativi che il fotografo Paolo Gotti ha realizzato in quasi 50 anni di esplorazioni attorno al mondo. MUG – Magazzini Generativi nasce nel 2021 dalla riqualificazione di un ex magazzino di oltre 1700 metri quadrati, riconvertito in una smart working area per imprese, organizzazioni del terzo settore, startup e talenti. Spazi contemporanei con infrastrutture tecnologicamente avanzate, all’interno dei quali MUG sviluppa idee e progetti con una particolare attenzione alla tutela dell’ambiente e delle persone per generare un cambiamento positivo e di impatto sul lungo periodo. Per il suo primo evento espositivo, la curatrice Licia Mazzoni ha invitato Paolo Gotti con l’obiettivo di “spalancare le finestre sul mondo”: le grandi opere fotografiche dell’artista bolognese si presentano come veri e propri varchi aperti su paesaggi, architetture, culture e umanità differenti. Scorci meravigliosi di angoli del pianeta così distanti da noi, visioni di natura incontaminata o popolata di umanità che è ancora più importante ritrovare in questo periodo così difficile, in attesa di ritrovare la libertà di muoversi e viaggiare con serenità. FINESTRE SUL MONDO include oltre 30 opere fotografiche di grandi dimensioni, tratte dal monumentale repertorio di oltre 10.000 immagini realizzate da Paolo Gotti in occasione dei suoi numerosi viaggi che hanno interessato oltre 70 paesi nei cinque continenti: dal Niger alla Cina, da Haiti al Brasile, e ancora il Messico e il Guatemala, il Nepal, Ceylon e le Maldive, l’Indonesia, gli USA, il Canada, la Thailandia, i Caraibi, la Malesia, lo Yemen, il Venezuela, le Filippine, Cuba, l’India, il Cile, la Bolivia, l’Islanda, l’Australia, la Colombia. Suggestioni internazionali – naturali, culturali, geografiche – che seguono il filo conduttore del grande “atlante visivo” che da decenni Paolo Gotti va componendo con la sua fedele Nikon. In mostra sono rappresentati non solo i paesaggi e i visi delle persone che Gotti ha incrociato dal 1974 a oggi, ma soprattutto emerge evidentissimo lo sguardo del fotografo, mai disincantato ma sempre curioso ed entusiasta, convinto che la destinazione non esista senza il percorso e che il viaggio più bello sia quello che bisogna ancora compiere.Oltre alle opere da esporre in parete, sul grande schermo installato nella gradinata centrale saranno proiettati i video che compongono una narrazione ancora più completa e descrittiva dell’opera dell’artista.Paolo Gotti nasce a Bologna e si laurea in architettura a Firenze, dove frequenta il Centro di studi tecnico-cinematografici.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Vediamoci Chiaro!” per scoprire il disturbo in farmacia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

Prende il via “Vediamoci chiaro!”, l’iniziativa promossa dall’Associazione Lombarda tra titolari di Farmacia e Fondazione Muralti, con il supporto incondizionato di Polifarma, per sensibilizzare i cittadini lombardi sulla malattia dell’occhio secco, patologia oculare che colpisce 1 persona su 5 dopo i 40 anni e fino al 33% degli over-65, ma che spesso viene ignorata e sottovalutata, mettendo a rischio la salute degli occhi. Fino al 1° dicembre, sarà possibile recarsi nelle farmacie aderenti al progetto delle province di Milano, Lodi e Monza-Brianza per verificare, attraverso la compilazione di un questionario e il colloquio con il farmacista, se sussistono fattori di rischio e sintomi riconducibili al disturbo che richiedono un consulto dallo specialista. “L’occhio secco è causato dall’impoverimento del film lacrimale che lubrifica la superficie oculare, e si manifesta con sintomi quali bruciore, prurito, sensazione di un corpo estraneo nell’occhio, che possono compromettere lo svolgimento di attività quotidiane come leggere, guidare, lavorare” – spiega Maurizio Rolando, Responsabile Unità per la Superficie Oculare dell’ISPRE Oftalmica di Genova. È una malattia cronica tipica dell’anziano, ma oggi sempre più diffusa fra giovani e adulti, anche a causa dell’esposizione prolungata agli schermi di computer e smartphone che riduce il numero di ammiccamenti ed aumenta il numero degli ammiccamenti incompleti, cioè di quei movimenti di apertura e chiusura delle palpebre che consentono la distribuzione ed il ricambio del film lacrimale. Inquinamento, scorretti stili di vita e l’utilizzo di alcuni farmaci sono tra gli altri fattori che possono favorire l’insorgenza dell’occhio secco”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima giornata nazionale della prossimità locale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 ottobre 2021

eroiNORMALI il prossimo 23 ottobre dedica un’intera giornata alla sensibilizzazione dell’importanza della condivisione basata sulla vicinanza territoriale che, se messa in rete, crea immediatamente valore.Dalla bottega storica al sito culturale, dal prodotto tipico alla locale associazione di volontariato: pensare Think LocaL significa connettersi con tutte le realtà del proprio quartiere, vivere la cultura di prossimità senza darla per scontata, valorizzare e rilanciare l’economia limitrofa, donare una parte del proprio tempo alla comunità, adottare la logica di prossimità per una sostenibilità ambientale percorribile.Grazie alla digitalizzazione dell’iniziativa sarà possibile entrare a far parte di una rete virtuale che crea sinergia e rende immediata la consapevolezza di quanto di meraviglioso circonda la nostra quotidianità. Pepper, un robot umanoide, farà da trait d’union in questa esperienza phigital, dove fisico e digitale si fondono per creare valore. “Erroneamente abbiamo inteso l’utilizzo del digitale al fine di creare un mondo parallelo, attratti dal fascino della non distanza, del contatto infinto – spiega Massimiliano Molese, ideatore e fondatore di eroiNORMALI – perdendo il significato originario di qualsiasi innovazione tecnologica: abilitare un processo per renderlo più semplice, fruibile, immediato. Ecco questo è il nostro messaggio: vivere consapevolmente di prossimità locale utilizzando il digitale come mezzo abilitante per semplificare l’accesso al valore che ci circonda: il nostro quartiere, la nostra città”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »