Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Prelievi forzosi dai conti correnti

Posted by fidest press agency su domenica, 24 ottobre 2021

Le banche hanno deciso che sia il cliente a partecipare al finanziamento della politica economica della BCE, prelevando i soldi dal loro conto corrente. Di tale prelievo forzoso della BCE non ne avevamo percezione, anche perché, quando le banche e gli economisti parlano o scrivono, non sintetizzano per il cittadino della scuola dell’obbligo e le stesse banche inviano comunicazioni in “banchese”, infatti, nei loro comunicati si sono guardati bene da specificare che tale prelievo sarebbe stato effettuato 4 volte l’anno ma hanno scritto “ogni chiusura di contabilità” e abbiamo scoperto che oggi è trimestrale e domani …. potrebbe essere anche mensile.Ovviamente i correntisti possono chiudere il conto corrente ma ci hanno informato che era inutile cercare un’altra banca perché TUTTE LE BANCHE hanno attivato detti prelievi dai conti correnti per ora dalle aziende ma non è detto che poi non passino ai conti correnti personali dove il cittadino è più debole non essendo organizzato in associazioni come lo sono le aziende. A questo riguardo è stato chiesto al Garante della concorrenza se ciò sia lecito perché in tal modo detti prelievi diventano forzosi; alle associazioni che rappresentano le aziende se condividono questa azione di prelievo forzoso da parte della BCE; agli europarlamentari e ai parlamentari se è per loro lecito che la BCE: prelievi dalle banche per ridurre i tassi di interesse negativi per poi prelevare in percentuale da TUTTI I CONTI CORRENTI DELLE AZIENDE, cioè, facendo bella figura con un tasso favorevole mentre non è reale visto che poi le aziende si trovano sottratti soldi sul conto corrente. Correttezza vuole che il tasso praticato sia chiaro e omni comprensivo; prelevare dal conto corrette dei soldi anche alle aziende sane che NON chiedono finanziamenti, infatti, essendo imprenditori non capiscono perché devono finanziare altri imprenditori che potrebbero essere anche loro concorrenti; prelevare dal conto corrente delle aziende che per forza devono mantenere una giacenza media per far fronte agli acquisti e ai pagamenti dei dipendenti.In proposito si cercherà di far chiarezza su questo aspetto in modo da predisporre un preciso intervento perché, in questi anni di crisi economica gli italiani devono chiedere che la BCE annulli tale prelievo forzoso a carico delle banche che a loro volta lo effettuano sui conti correnti dei loro clienti. La vittoria dei ricorrenti sarà la vittoria di tutti i cittadini. Se la risposta sarà negativa significa che la politica dell’UNIONE EUROPEA è gestita per gli interessi economici di pochi (quei ricchi che ogni anno aumentano i loro capitali mentre i poveri aumentano di numero), pertanto, dobbiamo cominciare a mettere le basi per un’UNIONE EUROPEA SOCIALE dove al primo posto ci sono i cittadini e chi produce mentre ci sia la sicura galera per chi specula. By Pier Luigi Ciolli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: