Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 25

Giornata mondiale prematurità

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2021

A pochi giorni dalla presentazione al Ministero della Salute degli “Standard organizzativi per l’assistenza perinatale” e del progetto sugli “Standard assistenziali europei per la salute del neonato”, che mirano al miglioramento dei contesti e delle pratiche assistenziali, la Giornata Mondiale della Prematurità, il cui tema per l’edizione 2021 è “Act now! Keep parents and babies born too soon together”, offre l’occasione di ricordare e sottolineare la grande importanza dell’assistenza al neonato, in particolare in caso di problematiche.In Italia sono più di 30.000 le nascite premature (6,9%) e il tasso di sopravvivenza è in costante miglioramento, ma l’assistenza rimane sempre una importante sfida. «L’Ostetrica/o, quale figura fondamentale in tutto il processo di presa in carico nel Percorso Nascita, supporta le famiglie passo dopo passo per soddisfare i loro bisogni e accompagnare l’accudimento del neonato, in particolare quando questi richiede una maggiore attenzione e guida come nel caso dei nati prematuri. Inoltre, rafforza le competenze dei neogenitori, spesso immersi in un contesto altamente tecnicistico, potenziando tutte quelle pratiche che mirano al contatto con il bambino, in special modo se pretermine, come la Kangaroo mother care, alla creazione del legame genitore-figlio, al sostegno nell’avvio e proseguimento dell’allattamento materno, sempre nel rispetto delle scelte personali – spiega il Comitato centrale FNOPO -. Anche dopo l’ospedalizzazione, la continuità dell’assistenza ostetrica a livello territoriale, anche domiciliare, consente di seguire la famiglia, spesso frastornata e impaurita, nella quotidianità, al fine di recuperare quella naturalità che l’evento nascita non ha potuto rappresentare, ma che attraverso il giusto sostegno può essere ricostruita.Affinché tutto questo sia garantito a tutte le donne/coppie, i grandi obiettivi di tutta la politica sanitaria devono essere lavorare sulla prevenzione e sull’assistenza di qualità, uniformando le cure; potenziare le risorse umane e gli strumenti per la presa in carico del neonato e della famiglia nei luoghi per la nascita appropriati e idonei; sostenere la vicinanza dei genitori e coinvolgerli come parte integrate del processo di cura del proprio bambino. Concetto, quest’ultimo, richiamato anche dal recente documento “La continuità del rapporto madre-bambino e il mantenimento dell’allattamento in caso di ricovero ospedaliero” elaborato dal Tavolo Tecnico Ministeriale per l’allattamento al seno (TAS), di cui la FNOPO è componente», concludono i vertici nazionali della professione ostetrica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: