Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 25

Una testimonianza sull’immigrazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2021

Eros Tetti (giornalisti-indipendenti-attivisti) ci segnala una lettera di Cecilia Zera che ha scritto a proposito degli immigrati in Italia. E’ una pagina interessante e che fa meditare su una problematica italiana tra le più spinose soprattutto per una classe politica incapace d’affrontare i problemi per risolverli invece di girarci intorno solo per suscitare polemiche artificiose: “Insegno Italiano ai migranti e da tre anni sto seguendo molto da vicino le storie di ragazzi che, quando non formati già nel loro paese e quindi già avvantaggiati, finiscono quasi inevitabilmente per delinquere proprio “grazie” al nostro sistema di accoglienza. I decreti sicurezza hanno dato il colpo di grazia in questo senso ma inviterei a non nasconderci dietro a quei mostri senza andare a vedere anche se le strutture preposte ad accogliere e integrare le persone migranti in Italia funzionino e non abbiano nei importanti. Non parlo solo dei CPR che in modo evidente e vergognoso violano i diritti umani, parlo anche degli SPRAR che una volta finito il periodo di accoglienza di una persona la buttano fuori senza seguirla più o passare la palla a qualche altra struttura, della totale mancanza di un supporto psicologico serio a persone che hanno vissuto l’inferno delle carceri libiche e il terrore sui barconi.Parlo delle complicazioni burocratiche per il rinnovo dei documenti e dei permessi di soggiorno, parlo dei legali che ci lucrano sopra, parlo dei cosiddetti “tirocini” lavorativi in aziende convenzionate che assumono pochissimo e si avvalgono del lavoro sottopagato di tirocinanti in loop ecc.Il sistema dell’accoglienza è evanescente e storto. L’unica vera forza è il volontariato di singole persone e associazioni come Baobab, la Caritas, cooperative sociali. Il sistema è fatto apposta per creare criminalità. Quanto meglio potrebbero essere impiegati tutti i soldi spesi dallo Stato per i legali di ufficio, i processi, i soggiorni in carcere o nei CPR di persone abbandonate alla disperazione?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: