Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Pecci Open Weekend

Posted by fidest press agency su sabato, 20 novembre 2021

Prato. Oggi e domani il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta Pecci Open Weekend, due giorni in cui il museo apre gratuitamente le sue porte non solo agli appassionati di arte e cultura, ma anche a tutti i cittadini, proponendo una ricca offerta di attività. Si comincia con l’inaugurazione dell’Urban Center, il nuovo spazio al piano terra del Centro Pecci, voluto all’interno del museo da Comune di Prato e Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana, e progettato dal collettivo Fosbury Architecture per essere un luogo di dibattito culturale con mostre, eventi, convegni e webinar.Primo progetto a essere ospitato nel suo spazio camaleontico sarà Osservatorio Prato 2050, con un allestimento ideato appositamente da Fosbury Architecture per affrontare temi per i quali la città si distingue come laboratorio internazionale di ricerca: la transizione ambientale e digitale, il metabolismo urbano circolare e l’equità sociale.In concomitanza con l’apertura dell’Urban Center il museo presenta due nuovi progetti espositivi a cura di Stefano Pezzato: la mostra L’arte e la città (fino al 12 giugno 2022), una panoramica inesplorata dei rapporti fra arte contemporanea e ambiente urbano realizzata con decine di opere tra dipinti, sculture, installazioni, fotografie, video, insieme a disegni, stampe – integrate da rari materiali d’archivio – di circa 40 fra artisti e gruppi italiani e internazionali provenienti dalle collezioni e dagli archivi del Centro Pecci.La mostra sarà affiancata dal progetto espositivo Urban Trilogy (fino al 30 gennaio 2022), che presenta film e progetti di Architettura Radicale incentrati sul tema della città ad opera di Gianni Pettena e dei gruppi Superstudio e UFO, sempre provenienti dalle collezioni e dagli archivi del Centro Pecci: tre brevi film, insieme a progetti originali, pubblicazioni e documenti d’archivio che confermano l’interesse del Centro per le esperienze pionieristiche e visionarie in architettura, dal design di oggetti alla scala urbana, sviluppate tra la seconda metà degli anni Sessanta e i primi anni Settanta.Torna inoltre visibile il Wall Drawing #736. Rectangles of Color (1993), opera murale site-specific del grande artista americano dell’avanguardia Minimalista e Concettuale Sol LeWitt, restaurato grazie all’intervento dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze: un progetto che concretizza l’accordo sottoscritto tra il Centro e l’Istituto, per sviluppare forme integrate di collaborazione sul piano tecnico-scientifico, della formazione, della ricerca e della valorizzazione nell’ambito della conservazione e del restauro d’arte contemporanea.Riapre, dopo le recenti ristrutturazioni, e con il nuovo allestimento di Fosbury Architecture, la prima delle due aule didattiche del museo, con il Laboratorio Liberatorio munariano gratuito per le famiglie, e una esposizione di scatti inediti della prima apertura degli spazi nel 1988 alla presenza di Bruno Munari, mentre Pecci Open Weekend sarà anche l’occasione per presentare il progetto Primi mille giorni d’arte. L’arte a misura delle future mamme e dei neo-genitori, nato dalla collaborazione con Buona Steve Jones, Società di Sesto Fiorentino leader nello sviluppo e nella commercializzazione di integratori alimentari, dispositivi medici ed alimenti per l’infanzia, da un’idea di Ambra Nardini, Coordinatrice Coop.Keras.L’iniziativa è rivolta alle donne in gravidanza e ai neogenitori con i loro bambini e intende contribuire al benessere di grandi e piccini grazie alla sperimentazione attiva del potere creativo e generativo dell’arte contemporanea, con l’obiettivo di offrire un’occasione di scambio, relazione, espressione e consapevolezza attraverso l’arte stessa.Domenica 21 novembre, saranno inoltre organizzate visite guidate gratuite alla retrospettiva dedicata a Chiara Fumai – Chiara Fumai. Poems I Will Never Release, 2007 –2017, coprodotta con il Centre d’Art Contemporain di Ginevra (fino al 2 gennaio 2021).Completa la ricca offerta della due giorni di apertura anche Pecci Cinema, che presenta Urban film, con proiezioni di City Halldi Frederick Wiseman; The importance of being an architect di Giorgio Ferrero e Federico Biasin e The Arch di Alessandra Stefani, imperdibili film dedicati ai temi dell’urbanistica, sostenibilità e architettura del presente e del futuro. In occasione di Pecci Open Weekend il biglietto di Pecci Cinema sarà ridotto.Un weekend che sottolinea ancora la volontà del museo di affermarsi come centro di riferimento nazionale e internazionale per la creatività contemporanea, ma anche di coinvolgere in modo attivo la comunità rendendosi spazio comune, aprendo sempre più i suoi spazi alla condivisione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: