Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 201

Archive for 6 dicembre 2021

Presentazione di “EricèNatale – Il borgo dei presepi”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Erice (Trapani) Martedì 7 dicembre ore 10.30 Aula consiliare del Palazzo Municipale di Erice Piazza della Loggia, 3 sarà presentato il programma di “EricèNatale – Il borgo dei presepi”, un appuntamento annuale ormai consolidato e sempre ricco di eventi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Personale di Roselena Ramistella

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Napoli Venerdì 10 dicembre 2021 presso lo Studio Trisorio, in via Riviera di Chiaia 215, dalle ore 18 alle ore 21. La fotografa siciliana, che indaga temi sociali, ritrattistica, e la relazione tra uomo e natura, espone per la prima volta a Napoli una selezione delle sue immagini più iconiche tratte dai suoi progetti Deepland, Le guaritrici, Men of Troubled Waters, I giochi di Sophia, Be Twins.Gli scatti di Roselena Ramistella sono frutto di una ricerca di taglio socio-antropologico e raccontano storie di donne, uomini, animali e dell’armonia invisibile che li unisce. I suoi ritratti intensi mettono a nudo l’anima di eroi quotidiani e sono assimilabili ai paesaggi che la fotografa attraversa nel corso dei suoi viaggi, perché, come lei stessa ha dichiarato: «Anche i volti sono dei paesaggi, sono un paesaggio dell’esperienza umana, testimoniano quei luoghi. In alcuni casi sono volti segnati dalle rughe come una zolla di terra arida, in altri sono morbidi come la giovinezza che vive in simbiosi con la natura e con gli animali».Dal 2016 per il progetto Deepland Roselena Ramistella viaggia a dorso di un mulo lungo antichi sentieri montani e, ripercorrendo le antiche mulattiere siciliane, ritrae la vita delle comunità dedite all’agricoltura e i paesaggi rurali di cui evidenzia i cambiamenti determinati dalle mutate condizioni socio-economiche.Protagonisti della serie Men of Troubled Waters sono i pescatori di Mazara del Vallo in Sicilia che, oltre a lavorare quotidianamente in condizioni difficili, si trovano spesso a dover soccorrere con le loro navi i migranti che cercano di compiere la pericolosa traversata dall’Africa all’Europa, a volte agendo anche contro le restrizioni della loro stessa Marina e del governo.Le guaritrici sono chiamate in dialetto siciliano “majare”. Secondo la tradizione popolare queste donne sarebbero in grado di guarire dai mali fisici e dalle “fatture” (ovvero da incantesimi maligni capaci di indurre nelle vittime tristezza e depressione), utilizzando formule magiche e scongiuri. Tuttavia esistono pochissime testimonianze fotografiche della loro esistenza poiché in passato sono state assimilate alle streghe ed emarginate socialmente e sono state perciò sempre restie a mostrare la loro identità per paura di essere giudicate ma anche perché pensavano che lo scatto fotografico potesse rubare loro il dono.Le fotografie delle serie Be Twins e I giochi di Sophia sono invece più intimiste perché viene raccontato il percorso di crescita di due bambine gemelle che l’artista segue da molto tempo scattando una foto ogni anno, e il mondo di una bambina che si rifugia nei suoi giochi per sfuggire ai momenti più difficili della vita come il divorzio dei genitori. La mostra si potrà visitare fino al 12 febbraio 2022. orari galleria Lunedì – Sabato ore 10 – 13.30 / 15.30 – 19

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra personale dedicata a Olafur Eliasson

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Firenze, Palazzo Strozzi, 22 settembre 2022 – 29 gennaio 2023 la Fondazione Palazzo Strozzi presenta una mostra personale dedicata al celebre artista internazionale Olafur Eliasson. Curata da Arturo Galansino, l’esposizione sarà la più ampia mai realizzata in Italia dall’artista e permetterà di immergersi nel mondo artistico di Eliasson attraverso un’ampia panoramica di opere della sua trentennale attività, ma anche tramite nuove opere pensate appositamente per Palazzo Strozzi. Utilizzando spesso materiali elementari come luce, acqua e nebbia, Eliasson è celebre per un’arte che riflette sull’idea di percezione e in cui lo spettatore è al centro dell’esperienza come protagonista attivo. Attraverso scultura, installazione, pittura, fotografia, architettura, design, Eliasson esplora il ruolo dell’arte nel mondo contemporaneo come campo interdisciplinare che mette insieme ricerca scientifica, politica e tutela dell’ambiente. La mostra è promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi in collaborazione con lo Studio Olafur Eliasson.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Premio Natale Ucsi Verona

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Verona sabato 11 dicembre 2021, ore 11 – Palazzo Barbieri cerimonia di premiazione. I vincitori della 27° edizione sono:Andrea Priante (Corriere Veneto) e Bianca Senatore (menzione – L’Espresso) per la stampa, Alessio Lasta (La7) per la tv, Lucas Duran (Radio Vaticana) per la radio, Gerolamo Fazzini (Famiglia Cristiana) per “Il genio della donna”, Marialaura Iazzetti (L’Espresso) per la targa “Giovani” e Maria Teresa Ferrari per “Giornalisti e società”. Il premio giornalistico nazionale “Natale Ucsi”, intitolato al giornalista veronese Giuseppe Faccincani e promosso dall’Unione Cattolica Stampa Italiana-sezione di Verona, ha da sempre l’obiettivo di dare riconoscimento al giornalismo solidale, un giornalismo “di servizio”, che racconta e, nello stesso tempo, aiuta.I tre premi speciali sono stati assegnati a: Genio della donna (Fondazione Banca Popolare di Verona) Gerolamo Fazzini – Famiglia Cristiana, «Lancio un appello ai cristiani nel mondo: aiutateci» La fede di una donna, suor Ann Rose Nu Tawng, che, inginocchiata e disarmata, ha fatto tacere le armi in Myanmar, diventando simbolo di forza non violenta. Giovani Marialaura Iazzetti – L’Espresso L’anti-ghetto di Foggia che libera i braccianti dal racket dei caporali Una denuncia dura e partecipe del lavoro nero al Sud, tra la vicinanza di chi accoglie e la trascuratezza di chi potrebbe intervenire e non lo fa. Giornalisti e società (Conferenza Episcopale del Triveneto) Maria Teresa Ferrari per l’impegno professionale e personale nella lotta contro i tumori e la promozione della prevenzione. Comunicatrice al servizio della cultura e della salute, ha trasformato la malattia in un impegno a tempo pieno, per favorire la prevenzione e infondere speranza.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Città dell’Olio del Lazio in crescita

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

I soci laziali grande rete delle Città dell’Olio che raccoglie 395 enti pubblici impegnati nella promozione dell’olio extravergine di oliva e nella valorizzazione del patrimonio olivicolo italiano, raggiunge quota 27. Si tratta di Casperia (RI), Castro Dei Volsci (FR) e l’Unione Nova Sabina (la Rete dei Comune di Casperia, Comune di Montebuono, Comune di Poggio Catino, Comune di Roccantica, Comune di Selci, Comune di Collevecchio e Comune di Magliano Sabina) che da oggi in poi saranno protagoniste di progetti ed attività volte alla promozione dell’oleoturismo. “C’è una tendenza positiva che vede le nostre Città dell’Olio stabilmente in crescita. C’è una nuova sensibilità negli amministratori laziali che stanno scoprendo il valore del far parte di una grande associazione che lavora insieme per valorizzazione l’olivicoltura – ha dichiarato Alfredo D’Antimi Coordinatore regionale delle Città dell’Olio del Lazio – negli ultimi anni si stanno moltiplicando gli eventi e i progetti a cui aderiamo con convinzione che danno visibilità alle nostre eccellenze. Insieme possiamo promuovere un’offerta turistica integrata legata di cui i nostri Comuni soci sono gli attori principali”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Approvare la legge sul biologico

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

E’ un dovere nei confronti degli imprenditori agricoli che hanno investito, e continuano a farlo in maniera consistente, in questa tipologia di pratica agricola sostenibile. Perciò prendo atto, con forte rammarico, della mancata calendarizzazione della norma nel mese di dicembre come emerso dall’esito della capigruppo di Montecitorio. Chiaramente il mio auspicio, come relatore del provvedimento, è che la legge approdi in Aula a inizio 2022 e chiedo, dunque, ai primi firmatari della norma stessa di farsi promotori della sua calendarizzazione nel prossimo trimestre. La proposta attende solo il voto definitivo della Camera, dopo aver incassato l’approvazione a larghissima maggioranza in commissione Agricoltura ad agosto e, prima ancora, dei due rami del Parlamento”. Lo dichiara il deputato Pasquale Maglione, esponente M5S in commissione Agricoltura e relatore della proposta di legge ‘Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico’.“L’Italia è leader in Europa – prosegue – con il 15 per cento della superficie agricola utilizzata dedicata a colture biologiche ma, per raggiungere i target che le strategie comunitarie come il Green Deal ci pongono, dobbiamo raggiungere il 25 per cento. È nostro dovere, pertanto, fornire ai circa 82mila operatori biologici italiani una norma moderna che possa sostenere gli investimenti nel settore”.”Inoltre, abbiamo già previsto, nel fondo correlato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, una dotazione di 300 milioni di euro esclusivamente dedicata alla creazione di contratti di filiera e di distretto biologici” conclude Maglione.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il settore pesca demersale deve essere sostenuto e rilanciato”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Fiumicino (Roma) “Altrimenti il mercato italiano sarà conquistato dalle imprese ittiche estere, con gravi ripercussioni sull’occupazione, sia per i marittimi che per il personale delle aziende di lavorazione e commercializzazione. La politica a livello nazionale e regionale, può e deve rispondere alle istanze delle cooperative di pescatori che chiedono di rivedere le stringenti regole che le stanno schiacciando. A cominciare dal numero massimo consentito di giornate di pesca, che il Ministero ha ulteriormente ridotto alla cifra risibile di 139 giorni all’anno. Un provvedimento preso oltretutto in piena pandemia e che acuisce le difficoltà del settore, già limitato nell’attività dal periodo di fermo stagionale obbligatorio, dalle battute di pesca perse a causa del maltempo, dai tempi delle operazioni di manutenzione e riparazione, dalle festività e fine settimana di riposo previste da contratto nazionale di lavoro.Vanno ridimensionate anche le limitazioni all’operatività, consentita attualmente a 3 miglia dalla costa, sempre lontano dalle isole e mai nelle aree Riserva. A questo proposito c’è allarme tra gli operatori per le disposizioni di fermo biologico previste per il 2022, che se confermate andrebbero a decretare la fine del comparto pesca. Su questo punto riteniamo che ci debba essere massima attenzione alla tutela delle specie ittiche maanche al tessuto socio economico. Inaccettabile poi che ancora non sia istituita la Cassa Integrazione per questi lavoratori del mare, anche se e la cifra giornaliera che gli si prospetta, soli 30 euro al giorno tassabili, sarebbero poco più di una elemosina e non gli verrebbe erogata per tutto il periodo di fermo. Oggi con i fondi del PNRR anche le Regioni potrebbero fare bandi per sovvenzionare la sostituzione delle imbarcazioni, per la maggior parte obsolete, mettendo le aziende italiane di pesca in condizioni di lavoro analoghe a quelle dei colleghi di Spagna e Francia.>>. Così in un comunicato Giancarlo Righini consigliere regionale del Lazio di Fdi e Stefano Costa, capogruppo di Fdi al comune di Fiumicino.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’Italia ha bisogno d’acqua

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

“Per rispondere all’ormai conclamata emergenza climatica, che aumenta il bisogno di regolari apporti idrici per un’agricoltura compressa fra bombe d’acqua e siccità, bisogna innanzitutto provvedere alla manutenzione ed al completamento dei bacini esistenti, nonché contestualmente avviare un Piano Nazionale Invasi multifunzionali medio-piccoli, perché il sentiment delle comunità locali tuttora non accetta dighe, nonostante la internazionalmente riconosciuta capacità ingegneristica degli italiani”: a ribadirlo è Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) , intervenuto ad un convegno organizzato su questi temi da ITCOLD.Il Piano ANBI di Efficientamento della Rete Idraulica del Paese (il 70% delle infrastrutture ha più di 30 anni) prevede la pulizia straordinaria di 90 invasi, la cui capacità complessiva è ridotta di circa il 10% a causa del progressivo interrimento, dovuto al depositarsi di sedime sul fondale; si prevede di asportare oltre 72 milioni di metri cubi di materiale per un costo di 290 milioni di euro, capaci però di attivare più di 1450 posti di lavoro. Oltre a ciò, si propone di completare 16 bacini tuttora non in esercizio e di realizzarne altri 23, aumentando la capacità complessiva italiana di circa 360 milioni di metri cubi, concorrendo così ad incrementare la percentuale di acque meteoriche, trattenuta al suolo ed oggi ferma all’11%. A ciò si affianca il “Progetto laghetti”, presentato con Coldiretti: 6.000 invasi aziendali e 4.000 consortili da realizzare entro il 2030. “In gioco – conclude il DG di ANBI – c’è il futuro di un settore che, nel 2020, ha rappresentato 56 miliardi di euro del Prodotto Interno Lordo.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

‘Future’ exhibition, artists: Meeting with the artists

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Rome Saturday 11 December hours 5-7 pm Via Raffaele Cadorna 28 Visitabile da lunedì a venerdì 11-17 Incontro con gli artisti sabato 11 dicembre ore 17-19. Curator Cristina Madini.For the ‘Future’ exhibition, artists from all countries have shared their reflections on how they imagine could transform the world. Nothing more than art can create enchantment, vision, dreams and utopia.It is well known that utopias nourished and continue to nourish artists today, but what exactly does it mean and because it is so important for each of us today to believe in vision and strive to achieve utopias.We are short-sighted, we are used to seeing too closely, we satisfy immediate desires, thus limiting that discussion around themes, concerning the great ambitions, visions, utopias that in the past have allowed human progress. In fact, however, it would be necessary to reflect deeply on the still open scourge of world hunger, on social disparities, on great migrations, on climate change and the consequent new geographies, on the pollution of the land and the sea, to reflect on the level of freedoms, that are taking different forms in our world.We have before our eyes enormous challenges that seem to remain out of the public discussion and too often from the daily discussion of each of us, while these challenges could be precisely to generate opportunities for a revolution of the gaze to propose new ideas, new companies, new visions in a planetary ever-changing geography.Certainly, that’s a generalization, but the artists, through sensitivity, create and communicate what is no longer traceable on the planet: ideas.The prerogative of art isn’t solving the problems, but the artists are capable of highlighting, interpreting and simplifying them to generate new visions, approaches and ideas. Artists can focus on the relationship between man and planet, show human or war tragedies, raise environmental issues through their works. The exhibition organized by Rossocinabro is sponsored by AMACI (Association of Italian Contemporary Art Museums) on the 2021 Day Contemporary which provides for the extraordinary opening of Museums and Galleries on Saturday 11 December.The exhibition will be open until December 30th without reservation, changes due to new government measures will be communicated in real time on our website http://www.rossocinabro.com

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata del Contemporaneo AMACI

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Roma Via Raffaele Cadorna 28 Visitabile da lunedì a venerdì 11-17 Incontro con gli artisti sabato 11 dicembre ore 17-19 A cura di Cristina Madini. Per la mostra ‘Future’ artisti di tutti i Paesi hanno condiviso le loro riflessioni su come immaginano di poter trasformare il mondo. Niente più dell’arte è in grado di realizzare incanto, visione, sogno e utopia. Che le utopie abbiano nutrito e seguitino ad alimentare tuttora gli artisti è cosa nota, ma cosa significa esattamente e perché è così importante per ognuno di noi oggi credere nella visione e adoperarsi per realizzare utopie. Siamo miopi, siamo abituati a vedere troppo da vicino, soddisfiamo desideri immediati, limitando così quella discussione intorno a temi, riguardanti le grandi ambizioni, visioni, utopie che in passato hanno permesso il progresso umano. Di fatto, invece bisognerebbe riflettere profondamente sulla piaga ancora aperta della fame del mondo, sulle disparità sociali, sulle grandi migrazioni, sui cambiamenti climatici e le conseguenti nuove geografie, sull’inquinamento della terra e del mare, per arrivare a riflettere sul livello delle libertà che stanno prendendo diverse forme nel nostro mondo. Davanti ai nostri occhi abbiamo enormi sfide che sembrano restare fuori dalla discussione pubblica e troppo spesso anche dalla discussione quotidiana di ognuno di noi, mentre potrebbero essere proprio queste sfide a generare occasioni di rivoluzione dello sguardo per proporre nuove idee, nuove imprese, nuove visioni in una geografia planetaria in continuo mutamento. Naturalmente questa è una generalizzazione, ma gli artisti, attraverso la sensibilità realizzano e comunicano ciò che non è più rintracciabile sul pianeta: le idee. Non è prerogativa dell’arte risolvere i problemi, ma gli artisti sono capaci di evidenziarli, interpretarli, semplificarli per generare nuove visioni, approcci e spunti. Gli artisti possono porre l’attenzione sulla relazione tra uomo e pianeta, mostrare i drammi umani o della guerra, sollevare problematiche ambientali attraverso le loro opere. La mostra organizzata da Rossocinabro è sponsorizzata da Amaci (Associazione dei Musei di Arte Contemporanea Italiani) in occasione della Giornata del Contemporaneo 2021 che prevede l’apertura straordinaria di Musei e Gallerie sabato 11 dicembre. La mostra sarà visitabile fino al 30 dicembre senza prenotazione, le variazioni dovute a nuove misure del Governo saranno comunicate sul nostro sito internet http://www.rossocinabro.com Il lavoro di ciascuno è presentato all’interno del sito di Rossocinabro in uno spazio proprio, permettendo così, pur all’interno del contesto unitario della mostra, di mantenere le specificità delle rispettive ricerche.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allianz: le imprese di costruzione vedranno una crescita robusta

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Il mercato globale delle costruzioni si prepara ad un periodo sostenuto di forte crescita post-Covid-19, spinto dalla spesa del governo per le infrastrutture e dalla transizione verso una società “net zero”. Tuttavia, il passaggio a edifici e infrastrutture più sostenibili, l’aumento degli impianti a energia pulita e l’adozione di metodi di costruzione moderni trasformeranno il panorama dei rischi, con cambiamenti radicali nella progettazione, nei materiali e nei processi. Queste sfide si aggiungono a supply chain attualmente sotto pressione, alla carenza di materiali e di manodopera e all’aumento dei costi, il tutto sullo sfondo di anni di margini ridotti nel settore. Un nuovo rapporto di Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS), Construction risk after Covid, esplora le tendenze di rischio sia a breve che a lungo termine per il settore delle costruzioni. Il previsto boom apporta sfide specifiche oltre ai benefici. Nel medio termine, improvvise impennate della domanda potrebbero mettere le supply chain sotto ulteriore pressione ed esacerbare le carenze esistenti di materiali e di manodopera qualificata, causando sforamenti dei tempi e dei costi. Inoltre, molti nell’industria potrebbero aver bisogno di accelerare l’implementazione di misure di efficienza e di controllo dei costi qualora i margini di profitto siano stati colpiti nell’economia di Covid-19, che spesso può compromettere i livelli di qualità e manutenzione e aumentare la suscettibilità agli errori. L’analisi di AGCS mostra che i difetti di progettazione e la cattiva esecuzione sono una delle cause principali delle perdite nel settore dell’edilizia e dell’ingegneria, rappresentando circa il 20% del valore di quasi 30.000 reclami del settore esaminati tra il 2016 e la fine del 2020. La maggiore sostenibilità e l’attenzione alla “net zero” influenzeranno fortemente il tradizionale panorama dei rischi nel settore delle costruzioni. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, gli edifici e l’industria delle costruzioni sono responsabili del 38% di tutte le emissioni di anidride carbonica legate all’energia. Per ridurre le emissioni di carbonio, gli edifici esistenti dovranno essere ristrutturati e riutilizzati. Inoltre, nuovi materiali e metodi di costruzione dovranno essere introdotti sul mercato in periodi di tempo relativamente brevi. Questo porterà un aumento del rischio di difetti o potrebbe avere conseguenze inaspettate per la sicurezza, l’ambiente o la salute. La necessità di ridurre le emissioni di gas serra non solo guiderà un approccio più sostenibile agli edifici residenziali e commerciali e alle infrastrutture, ma potrebbe anche accelerare la tendenza mentre l’industria cerca di ottenere efficienza e ridurre al minimo i rifiuti. I cantieri dovrebbero anche cercare di mitigare l’impatto degli eventi causati dal clima, come incendi, inondazioni improvvise e frane. L’analisi dei sinistri di AGCS mostra che i rischi naturali sono già la seconda causa più costosa delle perdite nell’edilizia, dopo incendi ed esplosioni, e rappresentano il 20% del valore dei sinistri negli ultimi cinque anni. Nel frattempo, gli allagamenti continuano ad essere una delle principali fonti di perdita durante la costruzione. (abstract http://www.mypr.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Violenza donne: Nardi (Pd), ddl è passo avanti contro barbarie

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

“Il disegno di legge con norme contro la violenza di genere varato dal governo è un passo in avanti nella difesa delle vittime e nella prevenzione dei reati”. Lo dichiara la presidente della commissione Attività Produttive della Camera, Martina Nardi. “Contro la piaga delle aggressioni alle donne e dei femminicidi serve prima di tutto un’azione culturale, ma le norme di contrasto sono uno strumento indispensabile nella lotta contro la barbarie. L’obiettivo delle nuove norme è quello di limitare la libertà dei violenti, attraverso il rafforzamento delle misure cautelari e degli strumenti di controllo”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Università. Zaffini (FdI): Su numero chiuso medici

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

La pandemia ha evidenziato drammatica carenza medici.”Le dichiarazioni del ministro Messa sulla decisione di mantenere la facoltà di medicina a numero chiuso, dimostrano una chiara sconnessione dalla realtà dei fatti e dalle evidenze che, in questo periodo di pandemia, hanno reso ancor più drammatico il problema rappresentato dalla carenza di medici specializzati e in generale di personale sanitario”.A dichiararlo il senatore di Fratelli d’Italia Zaffini, segretario della commissione Sanità in Senato.”Possiamo anche essere concordi – sottolinea Zaffini – sulla impossibilità di apertura totale alle iscrizioni alla facoltà di Medicina e quindi a mantenere il ‘numero chiuso’, che però deve evidentemente essere riformato profondamente, ma comunque non possiamo condividere le motivazioni poste a supporto di tale scelta, e cioè che i numeri attualmente garantiti dalle Università sono sufficienti a coprire il fabbisogno nazionale del personale sanitario. E’ vero semmai il contrario.” “Un problema drammatico lasciato irrisolto sul quale Fratelli d’Italia ha invece focalizzato l’attenzione, presentando nella manovra di bilancio un ordine del giorno che prevede l’aumento dei posti disponibili nelle scuole di specializzazione, l’eliminazione del test d’ingresso – sostituito da un esame alla fine del primo anno – e un aumento del 25 per cento per ognuno dei tre anni del bilancio in esame, per la soglia d’ingresso dal secondo anno in poi. Tre proposte che pongono concreto rimedio ad una problematica molto sentita nel settore e che evidentemente il ministro Messa non conosce bene” conclude Zaffini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Obbligo mascherine all’aperto

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Il Sindaco Roberto Gualtieri ha firmato l’ordinanza che introduce a partire dalle 10 di sabato prossimo 4 dicembre, fino alla mezzanotte di venerdì 31 dicembre l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto nelle vie dello shopping individuate dalla Questura e sottoposte a misure straordinarie di controllo e in tutti i luoghi in cui non è possibile garantire il distanziamento interpersonale. Continuano ad essere esclusi da tale obbligo i bambini sotto i 6 anni, le persone con disabilità e quelle impegnate in attività sportiva. Zone interessate dal provvedimento: A partire da quelle del cosiddetto Tridente, nel centro storico (via del Corso, via di Ripetta, via del Babuino, piazza di San Lorenzo in Lucina, piazza del Parlamento, piazza San Silvestro, largo Chigi, largo Carlo Goldoni, piazza di Spagna, piazza del Popolo, via della Croce, via dei Condotti; via Borgognona e via Frattina) fino ad altre particolarmente interessate dal flusso dello shopping come: via Cola di Rienzo, via Marcantonio Colonna, via Fabio Massimo, piazza Cola di Rienzo, via Ottaviano, viale Giulio Cesare, via Candia e viale Libia.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Con la Legge di Bilancio pensione anticipata per pochi

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Un anno di “Quota 102”, l’anticipo concesso solo ai maestri della scuola d’infanzia e primaria, la conferma dell’Opzione donna che ti permette di lasciare il servizio in cambio della pensione poco più che sociale: poi via quasi tutti a 67 anni, come previsto dalla Legge Fornero. È questa la grigia prospettiva contenuta nella manovra di fine anno contro la quale Anief si è opposta ed ha presentato una serie di emendamenti proprio alla Legge di Bilancio 2022, a favore del personale dei comparti Istruzione, Ricerca e Sanità. Tra le richieste del sindacato, figurano l’uscita anticipata a partire dai 61 anni, con 35 anni di contributi, senza decurtazioni e con il calcolo interamente retributivo, diventata sempre più necessaria a seguito della pandemia e del gravoso stress psicofisico che vive il personale. Per Anief occorre equiparare i parametri già previsti per i lavoratori delle forze armate ai dipendenti della scuola; bisogna andare pure a cancellare le vigenti decurtazioni del trattamento retributivo ai fini del finanziamento del TFR ed introdurre nell’Ape Sociale tutta la categoria dei docenti. Riguardo la questione irrisolta dell’Interruzione e recupero del Trattamento di fine rapporto dei dipendenti pubblici TFR, Anief chiede “di garantire la parità di trattamento con i dipendenti del settore privato”, facendo venire meno la “trattenuta del 2,50 % sull’80% della retribuzione lorda, ovvero del 2% sulla retribuzione complessiva annuale, per il finanziamento del Trattamento di fine rapporto”. Dal 2022, scrive ancora il sindacato, questa trattenuta dovrà essere effettuata in base all’articolo 2120 c.c., “con applicazione dell’aliquota del 6,91 per cento”, cancellando in tal modo “le illegittime decurtazioni del proprio trattamento retributivo ai fini del finanziamento del TFR che deve essere a totale carico del datore di lavoro – amministrazione, come per i lavoratori privati dove la “rivalsa del 2,50% a carico dei dipendenti non è praticata”. Infine, Anief chiede di allargare il carattere della gravosità della professione docente a tutti gli ordini di scuola, non fermandosi alla scuola dell’infanzia e primaria, anche perché, si legge nell’emendamento, “i nostri docenti sono i più anziani non solo tra i Paesi sviluppati rispetto all’Europa

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Obbligo vaccinale docenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Dal 15 dicembre, così come stabilito dall’art 2 del DL 172/2021 del 26 novembre 2021, la vaccinazione costituirà requisito essenziale per lo svolgimento delle attività lavorative di tutto il personale scolastico. La scuola italiana, fra poco meno di 15 giorni, dovrà fare i conti con i prevedibili effetti di una imposizione che a quanto pare non riuscirà a convincere l’irriducibile 5/7 % di personale scolastico non ancora vaccinato. Migliaia le richieste di supporto e consulenza che su tutto il territorio nazionale stiamo ricevendo presso le nostre sedi territoriali. Servono istruzioni chiare che consentano ai dirigenti scolastici di operare senza incorrere in errore e garantiscono al personale interessato la corretta applicazione delle norme.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Precari, malpagati pure da immessi in ruolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

La Sezione Lavoro del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, condanna il ministero dell’Istruzione a risarcire cinque docenti, che erano stati precari per un decennio, per violazione del principio di non discriminazione: hanno pieno diritto riconoscimento dell’anzianità di servizio maturata ai fini dell’attribuzione della medesima progressione stipendiale prevista per i dipendenti a tempo indeterminato e come prevede la Direttiva Comunitaria 1999/70/CE. Quindi, oltre a una media di 6mila euro per ognuno, hanno anche accesso a fasce stipendiali maggiorate. Il sindacato invita tutti i precari che si trovano in situazioni analoghe ad utilizzare il calcolatore Anief per il recupero delle differenze retributive. Infine, il sindacato ricorda che è ancora possibile ricorrere vedersi riconosciuto il diritto all’integrale ricostruzione di carriera commisurata agli effettivi anni di servizio prestati con contratti a tempo determinato e per ottenere immediatamente il corretto inquadramento stipendiale anche con l’applicazione del gradone 3-8 anni per gli immessi in ruolo dopo il 2011.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La leucemia linfatica cronica è la forma di leucemia più frequente

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Milano giovedì 9 dicembre alle 11.30 (NON ALLE 11 COME PRECEDENTEMENTE COMUNICATO), a Milano (Starhotels E.c.ho.,Viale Andrea Doria 4, Sala Acqua) si terrà una conferenza stampa con gli interventi di Paolo Ghia (Direttore Programma di Ricerca Strategica sulla Leucemia Linfatica Cronica all’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e Professore Ordinario di Oncologia Medica all’Università Vita-Salute San Raffaele), Antonio Cuneo (Direttore Unità Operativa Ematologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara) e Paola Morosini (Medical Affairs Head Oncology AstraZeneca). È prevista anche la diffusione in streaming dell’evento. La registrazione è obbligatoria e va effettuata prima dell’inizio dell’evento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dario Antiseri: è il cristianesimo che rende tollerante l’Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

Interviene a gamba tesa il filosofo Dario Antiseri, autore di punta della casa editrice Rubbettino, a proposito del dibattito acceso qualche giorno fa dalla decisione della Commissione UE di promulgare un documento (poi frettolosamente ritirato) sulla comunicazione inclusiva con cui si suggeriva di evitare nei messaggi all’interno e all’esterno ogni riferimento a concetti e nomi cristiani per evitare di offendere la suscettibilità di chi cristiano non è. Per Dario Antiseri: «L’Europa è socratica nella mente e cristiana nella volontà». Così Salvador De Madariaga. E in realtà se è vero, per dirla con P. B. Shelley, che «noi tutti siamo greci», e altrettanto vero, come ha scritto W. Röpke, che «soltanto il Cristianesimo ha compiuto l’atto rivoluzionario di sciogliere gli uomini, come figli di Dio, dalla costrizione dello Stato e, per parlare come Guglielmo Ferrero, di demolire l’esprit pharaonique dello Stato antico». Fu «per semplice osservanza della verità» che Benedetto Croce volle precisare in Perché non possiamo non dirci cristiani che «il cristianesimo è stata la più grande rivoluzione che l’umanità abbia mai compiuto» – e ciò «per la ragione […] che la rivoluzione cristiana operò nel centro dell’anima, nella coscienza morale e, conferendo risalto all’intimo e proprio di tale coscienza, quasi parve che le acquistasse una nuova virtù, una nuova qualità spirituale, che fino ad allora era mancata all’umanità». E ne La società aperta e i suoi nemici Popper è pronto a riconoscere che «gran parte dei nostri scopi e fini occidentali, come l’umanitarismo, la libertà, l’uguaglianza, li dobbiamo all’influenza del Cristianesimo […]. I primi cristiani ritenevano che è la coscienza che deve giudicare il potere e non viceversa». E la coscienza di ogni singola persona, come ultima corte di giudizio nei confronti del potere politico, in unione con l’etica dell’altruismo, «è diventata la base della nostra civiltà occidentale». E, qua giunti, solo un’ulteriore annotazione. Prima dei pensatori richiamati, un intellettuale francese amante della libertà come E. Laboulaye faceva presente, in L’etat et ses limites, che noi dobbiamo la nostra libertà moderna al coraggio dei martiri cristiani di fronte al tardo dispotismo romano: «I palazzi dei papi hanno rimpiazzato il palazzo di Cesare, il Vaticano parla di potenza alla Chiesa; ma al di sotto di questo splendido edificio ci sono le catacombe, le quali parlano di libertà». È «per semplice osservanza della verità» che il valore che il Cristianesimo dà alla libera e responsabile coscienza di ogni singola persona, di ogni uomo “fatto ad immagine e somiglianza di Dio”, ha creato, a livello politico, una tensione che attraversa tutta la storia dell’Occidente. Káysar non è Kýrios: una spina nella carne nelle pretese onnivore del potere politico – principio religioso e insieme etico, sorgente inesauribile di una miriade di “corpi intermedi” (ospedali, orfanatrofi, associazioni di carità, ordini religiosi, confraternite, monti frumentari, scuole cattedrali, università, scuole professionali, cooperative, movimenti politici, casse di risparmio, giornali, case editrici, organizzazioni giovanili, ecc.) che, pur tra cedimenti e collusioni, rappresentano realizzazioni concrete di quel grande principio di libertà e solidarietà che è il principio di sussidiarietà. Agli inizi degli anni Cinquanta, Nikita Kruscev chiese ad Harold Macmillan – allora ministro degli Esteri della Gran Bretagna – che cosa fosse ciò in cui crede l’Occidente. E Macmillan rispose: «L’Occidente crede al Cristianesimo». È inimmaginabile un’Europa – nella sua storia e nella sua configurazione, nelle istituzioni dello Stato di diritto – senza l’irruzione del messaggio cristiano nella storia degli uomini. E certamente non aveva affatto torto Thomas S. Eliot a sostenere che «se il cristianesimo se ne va, se ne va tutta la nostra cultura. E allora si dovranno attraversare molti secoli di barbarie». Insomma, un’Europa desacralizzata, che pare aver dimenticato le idealità cristiane, quando esplicitamente non le rifiuta o addirittura le calpesta, questa Europa è ancora Europa? Della “spaventosa scristianizzazione” della nostra civiltà nessuno può ormai dubitare. Ed è proprio questa – annotava W. Röpke in quella grande opera che è Al di là dell’offerta e della domanda – quella malattia spirituale che via via ha infettato sempre più larghi strati delle popolazioni europee. Ed è esattamente così che del tratto più importante dell’identità europea, cioè del messaggio cristiano, si pretende da più parti di farne a meno quale ospite indesiderato nella propria casa. È quanto accadde, in modo eclatante, allorché si decise che dal Preambolo della progettata Costituzione europea venisse cancellato il richiamo alle radici cristiane dell’Europa. E, in altri contesti, cosa analoga è accaduta e accade a più riprese con la richiesta che, per esempio, venga tolto il crocifisso dai luoghi pubblici, come i tribunali o ancor più dalle scuole, o che venga vietato l’allestimento del presepe negli asili e in tutti gli altri ordini di scuola e in ogni altro edificio pubblico. E, finalmente, ecco la raccomandazione della Commissione europea: eliminare dal linguaggio degli auguri natalizi termini ed espressioni di chiaro riferimento alla fede cristiana. E perché mai tutto ciò? Per la ragione (!!!), si ripete, che si tratterebbe di “simboli” che offenderebbero quanti credono in fedi diverse dal Cristianesimo. Ora, a parte il fatto che non sono i fedeli di religioni differenti da quella cristiana ad esigere di staccare i crocifissi dalle scuole e dai tribunali, a non allestire i presepi o a imporre la neo-lingua degli auguri, viene subito da chiedersi: per quali mai ragioni fedeli di altri credo non cristiani, fuggiti dai loro Paesi dilaniati dagli orrori di oppressioni e di guerre dovrebbero sentirsi offesi da “simboli” e “tradizioni” di una fede – quella cristiana – costitutiva di una civiltà disposta ad accoglierli e a strapparli dalla morte e dalla fame? Perché mai tutti costoro non dovrebbero guardare con rispetto a “simboli” e “tradizioni” di una civiltà – la più inclusiva – che affonda le proprie radici nel messaggio di Colui che è morto in croce? Rispettare gli “altri” non significa né equivale a cancellare se stessi; e una società non è inclusiva di altre tradizioni e di culture altre solo a patto di escludere se stessa. Ma questo, purtroppo, sembrano aver pensato quei burocrati di Bruxelles che, quali burbere maestrine con la matita rossa, hanno preteso – magari con le migliori intenzioni – di insegnare alle mai cresciute popolazioni europee a non dire “parolacce”. L’Europa – e più ampiamente l’Occidente – non è il Continente più inclusivo, più tollerante e maggiormente rispettoso dei diritti individuali nonostante che sia cristiano – lo è proprio perché cristiano, pur nei non negabili errori della cristianità.Per concludere, un ammonimento di Antonio Rosmini: «Chi non è padrone di sé, è facilmente occupabile». E una cartolina a Bruxelles con un pensiero di Goethe: «Nulla è più funesto dell’ignoranza attiva!».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PENTAX Medical Europe amplia l’offerta di prodotti per dare agli operatori sanitari il potere di scegliere

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2021

AMBURGO. Fornire soluzioni endoscopiche innovative significa comprendere le esigenze dei medici di curare in modo ottimale i pazienti, in base alle loro specifiche condizioni. PENTAX Medical sta espandendo la sua offerta, per offrire ai medici e agli operatori sanitari il potere di scegliere. PENTAX Medical fornisce una gamma di apparecchiature per trattare ogni singolo paziente nel modo più ottimale, al fine di ridurre al minimo il rischio di infezioni. Il portafoglio di prodotti comprende il broncoscopio monouso PENTAX Medical ONE Pulmo™, e presto includerà il duodenoscopio Slim DEC™ (ED32-i10; OE-A65), il PlasmaTYPHOON™+ e il pacchetto igiene PENTAX Medical DEC™. Questo mese verrà lanciata la seconda generazione del sistema PlasmaTYPHOON, il PlasmaTYPHOON+. Entrambi i sistemi accelerano il processo di trattamento degli endoscopi riducendo sostanzialmente i tempi di asciugatura da ore a pochi minuti, mantenendo lo stato di disinfezione degli endoscopi fino a 31 giorni. L’ultima generazione di PlasmaTYPHOON+ asciuga ancora più velocemente di prima, in 1-3 minuti, e offre un’esperienza utente più intuitiva rendendo i processi più sicuri e facili per il personale addetto al trattamento. A sua volta, l’ingombro ridotto richiesto per l’asciugatura e lo stoccaggio degli endoscopi riduce notevolmente i costi e lo spazio necessario. PlasmaTYPHOON+ fornisce anche un ulteriore supporto nei processi quotidiani, offrendo una tracciabilità completa sia stampata che digitale con registrazioni di dati pronti per la revisione. Il vero cambiamento viene dalla comprensione del panorama sanitario e dalla sua ridefinizione. PENTAX Medical rafforza il suo forte impegno nell’affrontare le sfide dell’igiene dei dispositivi medici, innovando continuamente i prodotti, ottimizzando i processi e integrando i feedback del mercato. Rainer Burkard, Chief Executive Officer EMEA & Chief Commercial Officer Americas, spiega: “L’igiene è sempre stata uno dei fattori chiave nello sviluppo dei nostri prodotti e continua a modellare i nostri sforzi futuri. In PENTAX Medical ascoltiamo e ci preoccupiamo – il feedback del mercato plasma ogni passo del percorso. L’ascolto delle prospettive dei nostri clienti ha confermato il nostro approccio a continuare a concentrarci sulla prevenzione delle infezioni in endoscopia. A partire da dicembre, lanceremo una serie di nuovi prodotti innovativi per i prossimi dodici mesi e l’igiene è sempre stata un aspetto rilevante nel loro sviluppo.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »