Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Agricoltori: Freddo e caro energia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 gennaio 2022

Il freddo degli ultimi giorni, insieme al caro energia, sta causando seri danni all’agricoltura in diverse regioni italiane mettendo a rischio molte colture – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Sono più in particolare le produzioni di verdure e ortaggi coltivate in pieno campo a soffrire maggiormente gli effetti del maltempo. Il rapido passaggio dalle temperature miti dei giorni scorsi a quelle rigide ha peggiorato ulteriormente lo scenario.Tenere al caldo gli ortaggi è sempre più costoso a causa dell’impennata dei prezzi. I costi alle stelle degli input energetici possono costringere a spegnere le serre e minacciano direttamente alcune delle colture tipiche del florovivaismo, riducendo al tempo stesso il potere di acquisto delle famiglie – continua Tiso. Oltre ai necessari interventi per gli agricoltori che hanno subito danni, sono ora necessarie misure per tenere sotto controllo i costi dell’energia consentendo loro di superare questo momento difficile. Gli aumenti dei costi di gas ed elettricità si ripercuotono su molteplici fattori di produzione: dai concimi all’alimentazione per il bestiame, dalle macchine agricole ai pezzi di ricambio. Siamo insomma di fronte a una crisi energetica di vista portata, resa ora più insidiosa dalle basse temperature, che necessita di interventi mirati a sollevare il peso dei prezzi in aumento dalle spalle dei coltivatori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: