Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Influenza aviaria negli Usa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 gennaio 2022

Un uccello selvatico nella Carolina del Sud è stato infettato dall’influenza aviaria eurasiatica H5 ad alta patogenicità, il primo caso di questa variante di influenza aviaria riscontrato negli Stati Uniti dal 2016, ha annunciato venerdì il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.L’uccello, un fischione americano selvatico, è stato trovato nella contea di Colleton, nella Carolina del Sud. Altre varianti dell’influenza aviaria sono state rilevate negli Stati Uniti negli ultimi anni.L’USDA ha aggiunto che i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi considerano ancora basso il rischio per la collettività derivante dalla variante. Negli Stati Uniti non si sono verificate infezioni umane dalla variante. L’USDA ha consigliato alle persone di ridurre al minimo il contatto diretto con gli uccelli selvatici e ha consigliato ai proprietari di uccelli di praticare una buona biosicurezza e di mantenere i loro uccelli isolati dagli uccelli selvatici.Un gran numero di focolai di influenza aviaria sono stati segnalati in tutta Europa, Africa e Asia nelle ultime settimane, principalmente a causa del sottotipo H5N1, che proviene dal lignaggio H5, secondo l’Organizzazione mondiale per la salute animale. Negli ultimi mesi è stato riscontrato che oltre un milione di uccelli è stato infettato dalla variante in Israele, anche se venerdì il ministero dell’Agricoltura israeliano ha dichiarato che l’epidemia è ora sotto controllo .L’OIE ha esortato i paesi ad aumentare la sorveglianza per i focolai di HPAI, poiché il virus è stato segnalato in oltre 40 paesi da luglio.I sottotipi H5N1, H5N3, H5N4, H5N5, H5N6 e H5N8 dell’HPAI stanno circolando nelle popolazioni di uccelli e pollame in tutto il mondo, suscitando preoccupazione all’OIE che ha definito questa una “variabilità genetica senza precedenti dei sottotipi creando uno scenario epidemiologicamente impegnativo”. All’inizio di questo mese, il direttore generale dell’OIE Monique Eloit ha dichiarato alla stampa che “questa volta la situazione è più difficile e più rischiosa perché vediamo emergere più varianti, che le rendono più difficili da seguire”. “Alla fine il rischio è che muti o si mescoli con un virus influenzale umano che può essere trasmesso tra esseri umani, quindi improvvisamente assume una nuova dimensione”, ha aggiunto. L’Istituto federale di ricerca tedesco per la salute degli animali, il Friedrich Loeffler Institute, ha dichiarato alla Deutsche Presse-Agentur (DPA) tedesca che l’Europa sta vivendo la sua “più forte epidemia di influenza aviaria mai vista”. L’istituto ha aggiunto, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che “non c’è fine in vista” poiché il virus si diffonde in tutto il continente e in tutto il mondo, con nuovi casi segnalati su base giornaliera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: