Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

La ‘qualità’ è una protezione per l’inflazione?

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 febbraio 2022

A cura di Alistair Wittet – Analista e Gestore dell’azionario europeo di Comgest. L’aumento dell’inflazione e la prospettiva di una serie di aumenti dei tassi di interesse hanno turbato gli investitori, portando al recente crollo del mercato. In mezzo a tutto il nervosismo del mercato, crediamo che uno dei modi migliori per gli investitori di salvaguardare i loro portafogli contro l’inflazione e gli aumenti dei tassi di interesse sia quello di mettere i loro capitali in aziende di qualità che hanno potere di determinazione dei prezzi e solidi bilanci.Nessuno può davvero prevedere quanto gravi saranno le pressioni inflazionistiche. Tuttavia, dato che per battere l’aumento dei prezzi, le aziende devono aumentare i prezzi al di sopra del livello dell’inflazione, il potere di determinare i prezzi dovrebbe essere una considerazione fondamentale per qualsiasi decisione di investimento. Un certo numero di diverse aziende europee che vendono prodotti diversi come energia, borse e farmaci anti-obesità, sono attualmente in un’eccellente posizione di pricing power.Mentre una pletora di fornitori di energia è recentemente crollata a causa degli aumenti dei prezzi, la società chimica industriale Linde, il più grande fornitore di gas industriale al mondo, sa bene come trasferire gli aumenti dei prezzi. Dato che una fornitura ininterrotta di gas è fondamentale per i loro processi di produzione, i clienti avversi al rischio firmano contratti di 20 anni in cui i costi vengono contrattualmente trasferiti.Alcuni giganti del lusso, come LVMH e Hermès, sono sostenuti dalla forza di determinare i prezzi dei loro marchi. Questa forza a sua volta deriva dalla natura esclusiva degli articoli di lusso che fa sentire l’acquirente parte di qualcosa di unico e speciale. Nel 2020, nel bel mezzo della pandemia di Covid-19, LVMH ha aumentato i prezzi del suo marchio Louis Vuitton di circa il 5% e del suo marchio di liquori Hennessy dal 3% al 4%, nonostante l’epidemia del virus. Un’ipotesi iniziale potrebbe essere quella di un calo delle vendite, ma in realtà la crescita dei volumi ha continuato senza sosta.Anche le aziende che producono le cosiddette tecnologie ‘trasformazionali’ sono una scelta saggia. L’azienda sanitaria danese Novo Nordisk è un buon esempio di un’azienda “game changer” e che detta i prezzi. Il suo farmaco anti-obesità Wegovy ha dimostrato di portare una perdita di peso media del 16%-18% dopo 68 settimane.* Poiché 1 americano su 3 è clinicamente obeso, questo farmaco sta vivendo una domanda eccezionalmente alta. Non dobbiamo dimenticare che, di fronte all’aumento dei tassi d’interesse, le aziende con bassi livelli di leva finanziaria sono in una posizione favorevole, poiché non devono spendere tanto per ripagare il loro debito. In effetti, a parità di condizioni, questo le pone in una posizione di vantaggio competitivo, permettendo loro di continuare a investire nelle loro attività. Per minimizzare il rischio d’inflazione, gli investitori potrebbero anche cercare un rapporto debito netto/EBITDA nei loro portafogli che sia più vicino a 1x, un livello inferiore a quello dell’indice MSCI Europe (1,8x).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: