Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Archive for 16 febbraio 2022

Dal Ministro Speranza una visione condivisa della sanità del futuro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi) esprime soddisfazione per le dichiarazioni pronunciate dal Ministro della Salute, Onorevole Roberto Speranza, nel corso dell’audizione in Commissione Affari sociali sull’attuazione del Pnrr, che pongono la farmacia dei servizi al centro del nuovo modello di sanità di prossimità che si sta delineando con la riforma del territorio. Negli ultimi due anni i farmacisti hanno dato prova di saper rispondere in maniera immediata ed efficace alle esigenze dettate dalla pandemia, e la farmacia si è affermata come un presidio di prossimità fortemente radicato sul territorio, facilmente accessibile e vicino ai cittadini e parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale. La sperimentazione della ‘Farmacia dei servizi’ che sarebbe dovuta partire nel 2020, si è pienamente realizzata in questi mesi con il pieno coinvolgimento dei farmacisti nell’esecuzione tamponi Covid per il tracciamento dei contagi e nelle campagne vaccinali anti Covid-19 e antinfluenzali.Si tratta di una svolta per la sanità territoriale, che conferma il ruolo del farmacista sempre più preparato e in grado di rispondere alle crescenti esigenze di salute dei cittadini, in sinergia con tutti gli altri professionisti del SSN.Chiediamo – conclude Fofi – che l’esperienza della ‘Farmacia dei servizi’ maturata durante la pandemia venga valorizzata e messa a sistema con l’adozione di atti concreti che consentano di superare la fase sperimentale, realizzando appieno la visione espressa dal Ministro Speranza che vede la farmacia come pilastro dell’assistenza territoriale e presidio fondante della sanità del futuro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Will Putin launch his war in Ukraine?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

Ukraine is still with us, or rather Russia’s threatening, thuggish behaviour towards its neighbour. We considered what a unique trove of open-source intelligence tells us about the build-up and, more recently, the deployment of Russian soldiers near the borders. Shuttle diplomacy continues this week, with Olaf Scholz, the newish German chancellor, taking his turn to call on Vladimir Putin in Moscow. On the Western side, defence ministers gather in Brussels in midweek, then diplomatic experts (including America’s vice-president, Kamala Harris) hold a conference in Munich where they can chew over the latest analysis. In the past couple of days the sense of foreboding has been mounting, with American officials warning an invasion could come at any moment and some foreigners leaving the country. But again, nobody really knows what’s happening inside Mr Putin’s mind.How painful will the fall-out be, as inflation in America soars to new heights? Consumer prices for January, released on Thursday, showed the fastest annual rise since 1982. Cue widespread predictions that interest rates are likelier to rise earlier, and higher, than optimists had previously hoped. The meeting of the Federal Reserve in March will be a tense moment, and in the weeks before it, don’t bet on a calm ride in the markets (and certainly not if war erupts in Ukraine). Our cover story in the weekly edition asks what would happen if they crashed. In short: the world economy faces a stern test. Two other looming stories could come to the fore. Emmanuel Macron will soon declare he is running for re-election in France—probably when falling rates of covid-19 allow it. Check out our election-forecast model to see our latest estimate (it is updated daily) of his chances of reaching the first round and then of winning in the second. Spoiler alert: he has every reason to be confident. Over in America, Joe Biden will shortly name whom he wants to fill a vacant Supreme Court seat. We published an Explainer on some of the candidates, though the name I’m focused on is Ketanji Brown Jackson.Beyond that, keep an eye out for Aung Sang Suu Kyi, the detained former leader of Myanmar, who is back on (show) trial this week. Her main offence is that the military bosses feel threatened by her. She’ll be found guilty.Be aware, too, that climate change is not going away. A meeting of the International Panel on Climate Change begins this week, and will conclude later in the month by issuing a report setting out in more detail than ever the growing threats to our ecosystem and the safety of human life. I confidently predict it won’t be cheery reading. Ambassador K P Fabian, an Economist reader for six decades, warns against Western sanctions on Russia, lest they push Mr Putin closer into the arms of China’s Xi Jinping. Maybe so, but if two autocrats want a bromance, there’s little the West can do to discourage them. Could there even be a co-ordinated, simultaneous pair of invasions of Ukraine (by Russia) and Taiwan (by China), ask both Barb Beatty and Dagget Harvey? That sounds like a nightmare, but is extremely unlikely. China makes its moves to suit its own timing, and the notion that America and its allies are distracted by the Ukraine crisis is unlikely to hurry it up. Finally, Arijit Das and others asked for more on my meeting with Yogi Adityanath a decade ago. All I’ll say here is that his effort to stir up hostility against religious minorities is not what India needs.It’s Valentine’s Day tomorrow. If nothing else, may your tea bring you a warm, loving feeling. Please keep sending me your comments and let me know your own predictions of what to expect in the coming days. Adam Roberts Digital editor The Economist.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Coazze un nuovo allestimento per l’Ecomuseo della Resistenza della Val Sangone

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

Sabato 19 febbraio h 16 a Coazze si inaugura il nuovo allestimento dell’Ecomuseo della Resistenza della Val Sangone realizzato dal Comune di Coazze con il sostegno anche di Città metropolitana di Torino attraverso il piano tematico Pa.C.E. finanziato dal programma transfrontaliero Alcotra Italia – Francia.L’Ecomuseo è ospitato al primo piano dell’edificio di viale Italia ’61 dove si sono appena ultimati gli allestimento dei pannelli, dei materiali e reperti che raccontano pagine della Resistenza delle comunità e del territorio della Val Sangone anche attraverso venti pannelli con foto d’epoca, le sagome del Comandante Sergio De Vitis e della maestra Reginalda Santacroce per un percorso di visita proposto dallo storico Gianni Oliva attraverso tre fasi, l’età dei comandanti, il carattere autonomo della Divisione “Sergio De Vitis” e la democrazia interna alla bande partigiane.Nell’allestimento ha trovato posto anche un importante documento ritrovato a Coazze, il registro stilato subito dopo la fine della seconda guerra mondiale con tutti i nomi e dati dei partigiani che hanno combattuto in Val Sangone.All’inaugurazione di sabato 19 febbraio interverrà il vicesindaco della Città metropolitana di Torino Jacopo Suppo con il gonfalone dell’Ente.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Ue trattiene i soldi alla Polonia per multe non pagate. E’ la prima volta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

Non paghi le multe? E allora tratteniamo i soldi dei finanziamenti che ti dovevamo dare. E’ quanto ha stabilito la Commissione europea che ha comunicato la propria decisione alla Polonia. Le multe erano state comminate dalla Corte di Giustizia europea, organo giudicante riconosciuto da tutti gli Stati membri della Ue, relativamente all’inquinamento provocato da una miniera di carbone, che viola le normative comunitarie in materia e per non aver sospeso l’attività della Sezione disciplinare della Corte Suprema polacca che, infarcita di nomine governative, impediva l’imparzialità dei giudici, infrangendo le norme che garantiscono lo Stato di diritto. Si tratta in totale di 160 milioni di euro che verranno trattenuti dai finanziamenti europei che, per la Polonia, ammontano a 78 miliardi nel periodo 2021-2027. E’ la prima volta che la Commissione europea decide di procedere in questo senso, anche perché è la prima volta che un Paese membro si rifiuta di pagare le multe inflitte dalla Corte di Giustizia europea e la Polonia, furbescamente, aveva deliberato di non rispettarne le sentenze. Come affermare che le sentenze di un tribunale non si rispettano perché non piacciono. Ora, la Polonia deve decidere se vuole continuare a essere membro della Ue, con tutti gli aiuti consequenziali, considerato che è un beneficiario netto dei fondi comunitari (anche nostri), oppure uscirne. La porta è sempre aperta, basta imboccarla. Primo Mastrantoni, Aduc http://www.aduc.it

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Salutequità: ultima chiamata per il diritto alla salute in Molise

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

L’assistenza domiciliare integrata (ADI) in Molise è tra quelle che in Italia assistono la maggiore percentuale di ultrasessantacinquenni. Una medaglia importante se si considera che la Regione si caratterizza per un’alta presenza di aree montane e zone disagiate. Ma ogni medaglia ha il suo rovescio e se le prestazioni di ADI per 100mila abitanti sono tra le più numerose del Paese, il totale delle ore per singolo caso trattato nel 2019 è la metà rispetto alla media nazionale: 9 ore in Molise rispetto alle 18 dell’Italia e 50 del Lazio, 36 della Campania e della Sicilia.Le “buone notizie”, però, finiscono sostanzialmente qui. Per gli altri indicatori di salute ed efficienza dei servizi, il Molise, in piano di rientro da oltre 10 anni (dal 2007) e commissariata per la sanità, è oggi tra i fanalini di coda delle Regioni. Secondo i dati del monitoraggio sui Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), nel 2019 (ultimo anno analizzato) è l’unica Regione insieme alla Calabria a non aver rispettato i LEA. Le cose non vanno – ma sono “in miglioramento” – anche per quanto riguarda i posti letto per gli anziani nelle strutture residenziali, mentre si ricade nel “non accettabile” per lo scostamento dai valori normali per l’assistenza ospedaliera e la salute mentale. Nel 2019 in Molise sono stati assistiti presso i dipartimenti di salute mentale 1,9 cittadini per 1000 residenti contro i 21,52 in Emilia-Romagna, con un peggioramento significativo rispetto agli anni precedenti. I dati del Molise sulla sanità sono (quasi) tutti in rosso e non è un problema di finanziamento, in linea con il resto d’Italia. Alla base piuttosto c’è un difetto di programmazione sanitaria, organizzazione dei servizi e una carenza di personale, andato diminuendo negli anni, anche per colpa dei blocchi di turn over (ricambio rispetto a chi va in pensione) dovuti al piano di rientro e al commissariamento, ma non solo. Tra il 2010 al 2018 la Regione ha perso 1027 unità di personale sanitario: di cui 204 medici e 366 infermieri.E i cittadini molisani si spostano per curarsi: il tasso di ospedalizzazione fuori Regione per 1.000 abitanti è il più alto d’Italia (27,70).Per non parlare degli investimenti per l’edilizia sanitaria, previsti – e via via incrementati – fin dal 1988: oltre 142 milioni ancora da utilizzare su poco meno di 170 a disposizione.Il Molise ha difficoltà evidenti nell’implementazione delle decisioni assunte: è l’esempio dei Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA). Ne sono stati approvati 14 tra il 2016 e il 2019, ma dai dati del monitoraggio del Ministero la loro attuazione è critica e con difficoltà crescenti negli anni. E ancora il fascicolo sanitario elettronico è attuato ma poco utilizzato, con valori percentuali che non raggiungono (al secondo trimestre 2021) nemmeno il 5% della popolazione, contro Regioni (quasi tutte al Nord a onor del vero) che raggiungono o comunque sfiorano il 100 per cento.E le criticità sono anche nel Piano nazionale Cronicità: recepito con due anni di ritardo e rimasto per ora solo sulla carta: il gruppo di lavoro regionale di coordinamento e monitoraggio del Piano sembrerebbe non essere stato attivato e non si trovano informazioni sul sistema di stratificazione della popolazione nella Regione (a parte una sperimentazione del 2018 su dati del 2017).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Premiato PROTECT, il progetto per la cura dei migranti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

Il programma, promosso dalla Sapienza, dal Policlinico Umberto I e dall’Inail e finanziato dal Ministero dell’Interno, ha consentito di effettuare oltre 12 mila visite odontoiatriche, otorinolaringoiatriche, oculistiche e maxillofacciali a favore di pazienti migranti in condizioni di fragilità e la formazione di operatori nelle attività integrate testa-collo. Il riconoscimento è stato conferito dall’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (Inmp). Sono stati sottoposti a screening specialistico 3023 pazienti, di cui 2058 di sesso maschile e 965 di sesso femminile, per un totale di 12.092 visite effettuate (odontoiatriche, otorinolaringoiatriche, oculistiche e maxillofacciali). L’età media rilevata è stata di 31 anni. Le aree maggiormente coinvolte sono state l’Africa sub-sahariana, il Medio Oriente e Asia meridionale. L’intero percorso, nel suo complesso, ha comportato interventi sanitari di prevenzione secondaria determinando, nello specifico, un miglioramento della qualità della vita di questi pazienti dopo la risoluzione dei disagi, spesso legati a sintomatologie dolorose acute di natura infiammatoria/infettiva, se non a problematiche più gravi intercettate precocemente (es. neoplasie). Il complesso delle iniziative avviate è stato tracciato mediante la creazione di un sito internet, http://www.famiprotect.it, a carattere informativo riguardante il progetto, con una parte dedicata al glossario relativo alle patologie testa-collo più frequenti, tradotto dal Centro linguistico di Ateneo in inglese, francese e arabo.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agricoltura e finanziamento alle imprese agricole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

“Grazie all’accesso diretto al Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale, le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura hanno potuto ottenere oltre 4,7 miliardi di euro di finanziamenti. Un risultato raggiunto in appena un anno e mezzo di operatività e che ha visto beneficiarne ben 27.760 aziende in tutta Italia. L’importo medio è stato pari a 170mila euro, a riprova che sono state istruite pratiche più complesse di quelle sino a 30mila euro previste con garanzia statale al 100% per fronteggiare la pandemia da Covid-19”. Lo rende noto il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S), promotore della norma inserita nel Dl Cura Italia e divenuta parte del ‘Progetto Credito’ che ha avviato al Mipaaf quando ricopriva il ruolo di sottosegretario.“Tra i territori che maggiormente stanno attingendo al fondo – aggiunge – vi sono il Veneto (739 milioni di euro), la Lombardia (681 mln) e la Toscana (635 mln) che da sole raggiungono il 43 per cento degli impieghi totali. Rilevante anche il risultato del Lazio con 427 milioni di euro ottenuti per 2.487 imprese. Appena 1,16 miliardi di euro i finanziamenti giunti nel Sud e nelle Isole, invece, un segnale chiaro di come sia necessario in alcuni territori incentivare il dialogo tra imprese agricole e istituti di credito. Leader è la Campania con 417 milioni di euro finanziati per 2.987 pratiche”. “La palma dell’istituto di credito più operativo – prosegue L’Abbate – spetta a Intesa Sanpaolo con 876 milioni di euro di pratiche istruite, con un valore medio di 173mila euro per ognuna, che da sola rappresenta poco meno del 20 per cento del totale finanziato dalla misura. A seguire, con circa 485 milioni di euro a testa di finanziamenti, Unicredit (2.355 pratiche) e Banco BPM (2.131). Ben 394 gli istituti di credito coinvolti”. “Alla luce di questi risultati eccezionali, che testimoniano necessità di liquidità e investimenti nel comparto primario, siamo al lavoro per rendere strutturale l’accesso diretto al Fondo di Garanzia anche oltre il periodo pandemico. Un ulteriore tassello del ‘Progetto Credito’ che stiamo portando avanti per riaprire le porte degli istituti finanziari alle imprese agricole” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brasile: “Pacchetto veleni” minaccia i popoli indigeni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

A

llarmata dall’approvazione del cosiddetto “pacchetto veleni” da parte della Camera dei Deputati brasiliana e in grande preoccupazione per la salute delle comunità indigene nelle regioni agricole dello stato sudamericano, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) chiede con urgenza all’UE di avviare al più presto un divieto di esportazione di pesticidi altamente nocivi. “Molte comunità indigene sono messe in pericolo dall’applicazione di pesticidi estremamente tossici, distribuiti anche dall’impresa chimica tedesca BAYER”, riferisce Eliane Fernandes, referente per i popoli indigeni dell’APM. “In Germania e in Europa, i veleni altamente nocivi che sono ancora utilizzati in Brasile sono stati vietati da tempo – questo è scandaloso! L’esportazione di queste sostanze altamente pericolose deve essere fermata per legge e la società Bayer deve essere ritenuta responsabile delle gravi conseguenze causate dall’uso di tali sostanze”. La Camera dei Deputati brasiliana ha approvato mercoledì il disegno di legge PL 6299/2002, noto anche come “pacchetto veleni”. Ora la legge deve essere approvata dal Senato federale e poi dal presidente Jair Bolsonaro. Si apre il mercato per un certo numero di nuovi principi attivi, prodotti in particolare dalla Bayer, ma già vietati nell’UE. Il progetto di legge apporta anche una serie di modifiche all’ispezione, all’autorizzazione, al controllo e persino alla pubblicità dei pesticidi in Brasile. L’organizzazione ombrello indigena brasiliana APIB sulla sua pagina Instagram critica il fatto che l’Agenzia nazionale brasiliana per la sorveglianza sanitaria ANVISA e l’Istituto brasiliano per l’ambiente e le risorse naturali rinnovabili IBAMA saranno privati del potere di decidere l’approvazione o la non approvazione dei pesticidi e che entrambi gli organismi saranno responsabili solo dell’analisi del rischio delle sostanze. L’approvazione delle sostanze altamente tossiche sarebbe allora di esclusiva competenza del Ministero dell’Agricoltura. È noto per aver spinto l’opinione del gruppo trasversale di parlamentari che rappresentano gli interessi dei grandi proprietari terrieri, la cosiddetta “Bancada Ruralista”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: La vicenda dell’ospedale Forlanini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

“Continuiamo ad offrire collaborazione a questa maggioranza, ma i ‘niet’ della sinistra, a cominciare da quello sulla vicenda dell’ospedale Forlanini, sono continui, monotoni, inequivocabili latori di una visione fantasiosa e inconcludente, anzi dannosa, per l’efficienza dei servizi e la sicurezza dei romani”. Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino della Lega e segretario d’Aula Fabrizio Santori, commentando la bocciatura in Assemblea capitolina dell’ordine del giorno presentato dalla Lega sull’argomento. “Ribadiamo l’urgenza di restituire l’ospedale alla città: basta scandali, annunci e sperperi. La Regione Lazio valuti il ripristino della destinazione sanitaria per realizzare un centro di eccellenza a supporto strutture già sul territorio, anche in ipotesi di future situazioni emergenziali come quella attuale”, insiste Santori. “Serve un ospedale di riferimento in Italia dedicato solo alle malattie infettive, e tutto il Forlanini potrebbe esserlo. Il centro sulla Portuense, con il suo meraviglioso parco ricco di essenze rare e medicinali, va in rovina dal 2008”, spiega l’esponente della Lega. “Molti dei suoi spazi sono stati occupati abusivamente e si continua a pagare la sorveglianza. Una vergogna quotidiana davanti ai romani che si accodano e attendono per rispettare regole e prescrizioni anticovid in strutture di fortuna, o addirittura in spazi privati costati cifre enormi per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Cittadini. Contribuenti costretti a subire il triste rituale antico e mai risolto delle attese di ore nei pronto soccorso e delle nottate nei corridoi sulle barelle”, conclude Santori.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

What would happen if financial markets crashed?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

This week we ask: what would happen if financial markets crashed? America’s financial system looks nothing like it did before the crashes of 2001 and 2008, yet lately there have been familiar signs of froth and fear on Wall Street: wild trading days on no real news, sudden price swings and a queasy feeling among many investors that they have overdosed on techno-optimism. America’s new-look financial system is still loaded with risks . Asset prices are high; interest rates are rising. If big losses materialise, the question is whether the system will safely absorb them or amplify them. The answer is not obvious, for finance has been transformed over the past 15 years by the twin forces of regulation and technological innovation. Banks have been made safer, but also less pivotal. Risk has been pushed into shadow banks and investment funds. And although the new system is more decentralised, it still relies on transactions being channelled through a few nodes that could be overwhelmed by volatility. The financial system may be in better shape than it was in 2008, but it faces a stern test.Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Enforcing tough covid policies turns ugly

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

Welcome to our weekly newsletter highlighting the best of The Economist’s coverage of the pandemic and its effects.As infections hit record highs in Hong Kong, a worryingly high proportion of pensioners remain unvaccinated. Only 30% of over-80s have had a first dose, compared with 86% of residents aged 12-69. The old and unjabbed could now pay a heavy price for their reticence. But enforcing tougher covid policies can turn ugly. Just look at Ottawa. This week we explain why the anti-government rage sparked by covid rules in the Canadian capital will live on despite a state of emergency. Divisions are becoming entrenched in many countries between those who favour precautionary covid policies and those who are hostile to state interference. The latest edition of the Democracy Index from our sister company, the Economist Intelligence Unit, reflects the further suspension of civil liberties in both developed democracies and authoritarian regimes in 2021 because of the pandemic. The index fell to a record low. Variants that have already spread worldwide are unlikely to be the last. Researchers are trying to map where the next variant of concern is most likely to emerge. The answer: a handful of poor African countries. By Zanny Minton Beddoes Editor-In-Chief The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Robert Zandvliet: Le Corps de la Couleur

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 febbraio 2022

Frankfurt / Main Niddastrasse 84 Saturday, 19th February 2022 from 5 PM until 9 PM. Spring show Le Corps de la Couleur with the Dutch artist Robert Zandvliet. The exhibition unites Zandvliets latest painting from the work series “Le Corps de la Couleur” and “Le Jardin” with recent landscapes on paper.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »