Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Archive for 19 febbraio 2022

La Ministra Cartabia e la situazione carceraria italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

“Dall’inizio dell’anno vi sono stati 12 suicidi, una sessantina di aggressioni di agenti e una dozzina di rivolte prontamente bloccate dal personale penitenziario e forse la ministra capirebbe che il carcere non lo comanda lo Stato ma i delinquenti; inoltre, dovrebbe vivere un mese da cittadina comune per le strade di Napoli, di Catania e Bari o in alcuni quartieri di Torino per capire le problematiche che i cittadini affrontano tutti i giorni per potersi difendere da furti, scippi e spacciatori di droga che sono in ogni dove. Questo forse servirebbe a far capire chi sono le vere vittime. Un mese obbligatorio per ogni Ministro della Giustizia potrebbe essere utile a far comprendere da una parte la disumanità con cui scontano la pena tanti detenuti alcool dipendenti, tossico dipendenti e psichiatrici che il carcere non dovrebbero viverlo ma stare in strutture dove essere curati e rieducati e non ammassati in celle da dieci e subire i soprusi dei detenuti più forti, questi rappresentano il 90% dei suicidi annuali; dall’altra parte servirebbe a far comprendere la prepotenza di chi ha già commesso reati atroci ed associativi che dall’interno del carcere riescono ancora a gestire i loro traffici dando ordini all’esterno”. Ad affermarlo è il segretario generale del S.PP. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Aldo Di Giacomo impegnato da settimane in un tour attraverso le carceri dove l’emergenza è più acuta e per il quale: “la Ministra dimostra di vivere, come Alice nel Paese delle Meraviglie, in un altro mondo, molto lontano dalla realtà carceraria. L’esempio più vistoso è il testo di riforma della giustizia nel quale non c’è solo la riforma del Csm come vorrebbero far credere ai cittadini per tenere lontana la loro attenzione. Tenuto decisamente occultato c’è lo “svuota carcere”, un vero e proprio sistema che offende le vittime di omicidi, violenze, rapine e i servitori dello Stato che hanno il compito di individuare, ricercare ed arrestare gli esecutori dei reati e di vigilarne la custodia in carcere”. “Dopo che la Corte Costituzionale si è pronunciata sui quesiti referendari depositati, in attesa che i cittadini esprimano il voto, diventa indispensabile, prima di tutto – continua Di Giacomo – un’operazione verità perché i cittadini sappiano cosa si nasconde dietro le nobili parole della Ministra “tempi ragionevoli per i processi”. Altro che riduzione dei tempi dei procedimenti giudiziari che tutti auspichiamo nell’interesse innanzitutto dei cittadini. Nel disegno del Governo sostenuto da quasi tutti i partiti – continua Di Giacomo – non ci sarà il carcere per finanziamento illecito ai partiti e per tutti «i delitti puniti con pene sopra i 5 anni» (per gli altri già non è prevista), salvo nei casi di «concreto e attuale pericolo» che uno reiteri «gravi delitti con armi o di altri mezzi di violenza» o di mafia e terrorismo. Così ladri, scippatori, bancarottieri, evasori frodatori, corrotti, corruttori, concussori, truffatori, stalker verrebbero fermati e subito scarcerati dopo 48 ore. Siamo oltre il “tana per tutti” che temevamo e che dalla fase di più acuta emergenza pandemica – dice il segretario del S.PP. – in tanti hanno invocato, perché gli autori di efferati delitti e reati non conosceranno proprio come è fatta una cella e quindi cos’è la detenzione. Si aggiunga a questo che gli agenti penitenziari sono declassati a “badanti” dei detenuti ancora presenti per avere un’idea più completa della giustizia così come è concepita da Ministra e Governo.” (n.r. Oggi ci troviamo con una giustizia che umilia se stessa)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rincari bollette: Dal governo misure insufficienti

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

«Da gennaio ad oggi l’aumento delle bollette della luce è stato intorno al 131% e quello del gas intorno al 94%. Significa che i provvedimenti che fin qui ha portato avanti il governo sono assolutamente insufficienti. Del resto la priorità dell’Esecutivo è stata convocare il Consiglio dei ministri per occuparsi di concessioni balneari e questo la dice lunga sull’attenzione che hanno verso questo tema. Vedremo che cosa il governo porterà per trovare una soluzione a famiglie che si stanno impoverendo sempre di più e aziende che rischiano la chiusura. Fratelli d’Italia ha fatto le sue proposte come quella di un credito d’imposta pari all’aumento del costo energetico. Intanto, però, il governo potrebbe lavorare sull’Iva: a un aumento delle bollette, infatti, corrisponde un aumento degli introiti dello Stato. ragionevolmente parliamo di 8-9 miliardi e se il governo dice di spenderne 7, di fatto, non sta mettendo niente. Intanto, abbatta l’Iva e poi spenda altre risorse». Lo dichiara in una intervista all’agenzia Vista il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consumatori su bollette: a famiglie appena un terzo delle risorse

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

“E’ una vergogna! Abbandonate a se stesse le famiglie. Il Governo con il decreto contro il caro bollette ha stanziato a favore delle famiglie solo 2,7 miliardi su un ammontare complessivo di 8, appena un terzo, e anche considerando solo i 5,5 mld di intervento diretto per famiglie e imprese, è comunque meno della metà, un importo inferiore ai 2,8 mld destinati alle imprese. Insomma, le famiglie non sono la priorità” afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il decreto varato ieri dal Governo. “Se poi si toglie quanto destinato ai bonus sociali, riservato a una esigua minoranza di famiglie, 2,5 milioni di nuclei per l’elettricità e 1,4 milioni per il gas, l’aiuto scende ad appena 2,2 miliardi” prosegue Vignola. “Quanto ai 700 mln per regioni e enti locali, è un affronto aiutare i Comuni, non solo perchè hanno le risorse per gestire l’emergenza, ma perché chiedono soldi allo Stato invece che alle loro partecipate che, da Milano a Roma, stanno incassando utili su utili” aggiunge Vignola. “Presi in giro poi gli italiani che in questo momento non sanno come fare per pagare le bollette, visto che questo decreto riguarderà solo le bollette da aprile a giugno, quando i caloriferi saranno spenti. Per questo invitiamo gli italiani a protestare, pubblicando sui social il loro appello al Premier Draghi con l’hashtag siamoinbolletta” conclude Vignola. (n.r. Dovremmo meravigliarci? Questo governo a guida Draghi è stato insediato solo per sostenere gli interessi di parte che non contemplano quello delle famiglie che continuano ad essere taglieggiate perchè nessuno le rappresenta politicamente.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Richard Galliano al teatro Regio di Parma

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Parma domenica 20 febbraio 2022, ore 20.30 al Teatro Regio di Parma, Richard Galliano ripercorre i 50 anni di carriera del fisarmonicista e compositore francese nell’ambito della Stagione Concertistica 2021-2022 realizzata da Società dei Concerti di Parma in collaborazione con Casa della Musica e con il sostegno di Chiesi. Passion Galliano è il memoriale dell’artista che ha rivoluzionato lo stile, i linguaggi, i generi della fisarmonica, riscrivendone la storia attraverso un’instancabile ricerca sulle risorse timbriche, espressive, ritmiche dello strumento, in un programma che accosta composizioni originali a musiche di Erik Satie, Michel Legrand, Claude Debussy, Enrique Granados y Campiña, Astor Piazzolla. Nato nel 1950 da una famiglia di origini italiane, Richard Galliano si avvicina alla fisarmonica all’età di 4 anni, grazie al padre, Lucien Galliano, professore di fisarmonica. Frequenta il Conservatorio di Nizza dove studia l’armonia, il contrappunto e il trombone. È all’età di 14 anni che si innamora del jazz, con la scoperta di Clifford Brown, di cui inizia a trascrivere i chorus per fisarmonica. È l’inizio di un percorso che lo avvicinerà allo studio dei fisarmonicisti brasiliani e alla scoperta dei virtuosi dello strumento che si sono avvicinati al jazz (Tommy Gumina, Ernie Felice, Art Van Damme, Felice Fugazza, Adamo Volpi, Luciano Fancelli). L’incontro con Astor Piazzolla, avvenuto nel 1983 in occasione di un lavoro per musica di scena per la Comédie-Française, lo sprona a tornare alle sue radici, al repertorio tradizionale composto di valzer musette, di java, di tango, contaminandolo con le influenze ritmiche, armoniche, espressive del jazz. Un percorso in grado di partire dalla tradizione francese e svincolare la fisarmonica da quest’ultima, anche nella sua immagine, portandolo ad imporsi come uno degli strumenti di spicco nel jazz. “Il mezzo secolo di carriera che Richard Galliano celebra quest’anno – scrive Giuseppe Martini – si è giocato proprio sulla capacità di pensare con i ritmi e i timbri. L’abilità tecnica fa il suo, ma non è tutto […]. Galliano ha scoperto in più che la fisarmonica può avere la dignità e i requisiti per rileggere senza timori il grande repertorio. Non è tanto il mondo di Piazzolla, che per Galliano significa comunque ritorno alle origini, muoversi fra sponde amiche: qui si costeggia il jazz senza tradire lo spirito argentino”. La carriera di Richard Galliano è stata interamente dedicata a una ricerca costante, instancabile, sulle risorse timbriche, ritmiche, compositive della fisarmonica, che è riuscito a innovare da quell’immagine che le era tradizionalmente accostata, in grado di ripartire dai maestri della prima metà del ’900 e costruire sullo strumento un’identità del tutto nuova, sperimentando una nuova concezione di ritmo e armonia attraverso contaminazioni jazz. “C’è una congiuntura alchemica, per esempio, fra il colore pianistico di Andalusa di Granados e le malinconie delle chitarre scoppiettanti o i colori dei cortili arabi di Spagna. O fra la tonalità e il suo timbro come nell’inaggirabile blu del Claire de lune di Debussy. Oppure persino fra la sbadata atmosfera delle Gnossiennes o delle Gymnopédies di Satie e gli accostamenti epidermici dei suoni. Eppure Galliano va proprio alla ricerca di quello. È allora solo attraverso questo viaggio nei mondi altrui che si può capire il Galliano compositore e la sua logica delle sensazioni, che suoni Tango pour Claude o Chat pitre o Barbara o French Touch o il New York Tango, o quella passeggiata nell’abisso che è Spleen, per non dire Akkordéon, che solo nel titolo è già un compromesso storico fra Germania e Francia”. Biglietti da €10,00 a €35,00, riduzioni per Under 30 e associati Società dei Concerti di Parma.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

10a edizione del Premio Canada-Italia per l’Innovazione

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Il Premio, nato nel 2013, ha proprio l’obiettivo di rafforzare i legami tra i nostri due paesi nei campi della Scienza, Tecnologia, Innovazione e Scienze Sociali. É rivolto a esperti, ricercatori, scienziati, startup, professionisti delle industrie creative e innovatori italiani interessati a sviluppare e approfondire le proprie ricerche con colleghi e omologhi canadesi.L’appello alle candidature è concentrato su progetti e ricerche in ambiti prioritari per il Governo del Canada, così come per l’Italia, e l’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile.Questi i settori prioritari identificati quest’anno: Ø Salute mentale Ø Gestione dei rifiuti di plastica Ø Energia pulita per contrastare i cambiamenti climatici Ø Tecnologia quantistica Il premio consiste nel rimborso di spese sostenute per la realizzazione del progetto o di un viaggio in Canada, se consentito dalle regole anti-Covid in vigore, fino a un massimo di €3.000.Il Premio, nelle scorse edizioni, ha riscosso un notevole successo. Sono state ricevute numerose domande, provenienti da tutta Italia e caratterizzate da un alto livello scientifico-accademico.Questo è per il Canada motivo d’orgoglio e incentivo a impegnarsi ancora di più nello scambio tra i due paesi nei campi delle Scienze, delle Tecnologie, dell’Innovazione e delle Scienze Sociali al fine di incentivare lo sviluppo economico sostenibile e la prosperità delle nostre società.La data di scadenza per presentare le domande è il 1 aprile 2022. I vincitori verranno resi noti il 16 maggio 2022. Tutte le informazioni e il bando per partecipare sono reperibili ai seguenti link:Bando (in inglese e francese) https://bit.ly/3gTNZtP Modulo di domanda (in inglese e francese) https://bit.ly/3sMQhAv

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Webinar “Settimana Mondiale dell’Armonia tra le Fedi”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Roma. “Può la Pace essere raggiunta dal solo sforzo umano? Il Ruolo delle Fedi verso la Vera Fratellanza Umana” è il tema del webinar organizzato in occasione della Settimana Mondiale dell’Armonia tra le Fedi e della Giornata Mondiale della Fratellanza Umana. L’incontro è promosso dall’Associazione Interreligiosa per la Pace e lo Sviluppo (IAPD- Italia) e si terrà lunedì 21 febbraio 2022 dalle 18:00 alle 19:30. Interverranno la Rabbina Barbara Aiello, l’Imam Nader Akkad, il Pastore Francesco Canale, Don Valentino Cottini, il Vescovo Miguel Perea, il Monaco Tibetano Tenzin Khentse e il Presidente Sergio Coscia. Modera Maria Gabriella Mieli, Relazioni esterne UPF “Con questo incontro la IAPD si propone di sostenere l’appello delle Nazioni Unite per l’armonia interreligiosa e la fratellanza rivolto alla comunità internazionale attraverso le due ricorrenze. Quando gli appartenenti alle varie denominazioni religiose e spirituali si incontrano, dialogano e si rispettano, scoprono di avere lo stesso Genitore Celeste, ispiratore delle varie fedi. Convergendo verso l’Origine, sentono di appartenere a un’unica grande famiglia umana” ha dichiarato Michele Cavallotto, coordinatore IAPD-Italia. La Settimana Mondiale dell’Armonia tra le Fedi è stata stabilita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nell’ottobre del 2010. Scopo della ricorrenza è quello di promuovere la comprensione reciproca e il dialogo interreligioso, aspetti importanti di una cultura di pace. La Risoluzione incoraggia la diffusione del messaggio di armonia tra le fedi e di buona volontà, secondo le proprie religioni, tradizioni e convinzioni. La Giornata Mondiale della Fratellanza Umana è stata proclamata dalle Nazioni Unite nel dicembre 2020. Si propone di promuovere lo spirito di unità, solidarietà, cooperazione interreligiosa e interculturale per favorire la consapevolezza dei comuni valori condivisi da tutta l’umanità. La scelta della data celebrativa del 4 febbraio stabilita dall’ONU non è casuale. Nel 2019 Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyib firmarono ad Abu Dhabi il “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune”.Per Carlo Zonato, Presidente di Universal Peace Federation (UPF-Italia) “Questo incontro si propone di promuovere la consapevolezza della necessità di ricollegarci alla nostra Comune Origine. Questa relazione può nutrire e illuminare la nostra dimensione spirituale come parte essenziale della nostra esperienza di vita. Il cammino di ricerca e di comunione con Dio, nostro Genitore, ci arricchisce e ci dà la dimensione della vera fratellanza umana. Nostro compito è capire il Cuore e l’Ideale del Creatore per poter superare le nostre fragilità personali e sociali”. La IAPD è un progetto di UPF, organizzazione fondata dai coniugi Moon. Si propone di promuovere un mondo di pace attraverso il dialogo, il rispetto reciproco, la collaborazione tra le religioni, il confronto con gli esponenti governativi, della società civile e del settore privato per affrontare e risolvere concretamente le problematiche del mondo contemporaneo. http://www.europe.upf.org

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Moda Italiana: ” il commercio interno soffre ancora e deve essere aiutato”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

“La moda continua ad essere una filiera strategica per la ripresa economica del Paese, ma servono ancora misure di sostegno per recuperare le perdite causate dalla pandemia” ha affermato Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, ieri in audizione presso la Commissione Bilancio del Senato sul Decreto Sostegni Ter. Così, se la Moda italiana ha perso, solo nel 2020, 24 miliardi di euro, riuscendo a recuperane 16 nel 2021, oggi il settore si confronta con gli aumenti vertiginosi che stanno vessando tutta l’industria “Energia elettrica, ma non solo – dice Capasa – il settore ha visto i costi della logistica toccare il +300%, ecco perché servono ancora provvedimenti che aiutino a calmierare e ristorare questi aumenti”. La Camera Nazionale della Moda chiede quindi che si continui con le iniziative di supporto agli affitti “perché se l’export vola – ricorda il presidente – il commercio interno soffre ancora e deve essere aiutato“ e proprio in questa direzione va l’invito di Capasa al mantenimento delle norme sulle rimanenze di magazzino che prevedono un credito d’imposta proporzionale alle rimanenze del non venduto.“Ben vengano poi misure, ma anche operazioni di comunicazione, capaci di supportare il turismo legato allo shopping” dice ancora Capasa che ribadisce la leadership di Milano la quale, prima della pandemia, era la meta turistica preferita dagli stranieri per gli acquisti legati a moda e design. Infine il presidente sottolinea il danno subito dal settore a causa dell’esclusione dei marchi di impresa dalle tutele previste dalla norma della patent box per l’agevolazione fiscale sui redditi derivati dall’uso di opere d’ingegno “Nel mercato globale – dice Capasa – la competitività della moda Made in Italy si gioca sempre di più su innovazione e creatività, strumenti che vanno protetti e sostenuti”. E conclude con un appello perché vengano diffuse norme specifiche per favorire il reshoring “È il momento giusto perché le nostre produzioni rientrino in Italia – conclude il Presidente – ma servono misure ad hoc”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proseguono le “Pillole Musicali”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Roma La terza Pillola Musicale, che si svolgerà martedì 22 febbraio alle ore 12.00 nella Galleria del Policlinico di Tor Vergata ad ingresso gratuito, è dedicata alla canzone romana nell’interpretazione del Triollalléro. Insieme a Raffaela Siniscalchi – una delle più interessanti ed eclettiche voci del panorama italiano, che fa parte della Compagnia della Luna di Nicola Piovani ed ha avuto l’onore di registrare con Ennio Morricone – i membri di questo trio sono il chitarrista Massimo Antonietti e il fisarmonicista Denis Negroponte. Questi tre musicisti collaborano da tanti anni in vari progetti dal jazz alla musica d’autore, passando per il repertorio popolare. La loro Pillola Musicale sarà un viaggio appassionato nella canzone romana antica e moderna, da Romolo Balzani ad Armando Trovajoli e a Gabriella Ferri.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rome: Rossocinabro is pleased to present a group exhibition entitled “Cultural Differences”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

The show opens February 23rd and continues through March 23rd, 2022. The choice of the title for this exhibit is curiously interesting. For these artists, the concept of Cultural Differences arose from of their idea of personal knowledge and their realization about the nature of differences between each of us. The concept of Cultural Differences is a pure illusion. In their search for their cultural identities, I saw the absurdity of trying to describe a spiritual human in short sentences. These artists discovered the new exciting way of expressing their self through art. The Art gives them the freedom to choose their ways to deliver their message. Freedom of artistic expression will no more be restrained by logic it will convey our meaning or thought. Only with respect to the Cultural uniqueness of every human can we discover true answers to core questions of our life, see the much greater truth about other people, cultures, and even about ourselves. The artists come from: Europe, UK, USA, Japan, Indonesia, South Korea, Australia, China, Center and South America, Canada

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cultural Differences

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Roma, 23 febbraio – 23 marzo 2022 Rossocinabro Via Raffaele Cadorna 28 Curator Joe Hansen Visit: rossocinabro.com In mostra: Kimberly Adamis, Felicia Adérian, Ralph Aiken, Rosemarie Armstrong, Brian Avadka Colez, Tom Avino, Audrey Beharie-McGee, Monique Boudreau, Glenys Buzza, Carol Anne, André Colinet, Nathanael Cox, Patricia Delorme, Sophie Donatien, Joel Douek, Luise Ellerbrock, Graciela Garza, Susumu Hasegawa, Tondi Hasibuan, Banke Jemiyo, Michael Jiliak, Monika Katterwe, Alice Daeun Kim, Elia Kleiber, Chikara Komura, Alexandra Kordas, Sandra Lages, Larz, Claudia Lima, Fiona Livingstone, Annette Mahoney, Kirstine Mengel, Susan Nalaboff Brilliant, Eva Öfors, Bernard Pineau, Antonella Quacchia, Erwin Rios, Steffi Rodigas, Belle Roth, Nataša Segulin, Yijun Ge Sookie, Christophe Szkudlarek, Taka & Megu, Kari Veastad, Wilma Wijnen, Peter Zarkob La scelta del titolo per questa mostra è curiosamente interessante. Il concetto di differenze culturali nasce dall’idea di conoscenza personale e dalle differenze tra ognuno di noi. Partendo dal presupposto che il concetto di differenze culturali è una pura illusione, nella ricerca sull’identità culturale, si nota l’assurdità di cercare di descrivere lo spirito umano con semplici e brevi espressioni. Questi artisti hanno scoperto in modo entusiasmante di esprimersi invece attraverso l’arte. L’arte dà loro la libertà di scegliere la modalità per consegnare il loro messaggio. Solo rispetto all’unicità culturale di ogni essere umano possiamo scoprire risposte vere a domande fondamentali della nostra vita, vedere la verità attraverso altre persone, culture e persino su noi stessi. Essi Gli artisti provengono da: Europe, UK, USA, Japan, Indonesia, South Korea, Australia, China, Center and South America, Canada

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Siamo un Paese inconcludente? Teniamoci stretta l’Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

L’italiano che parla male di se stesso è un pilastro della cultura. Lo stesso che poi alla fin fine, pur nel più terribile dei mali, riesce a sopravvivere e a cascare in piedi. Vuoi la famiglia, vuoi la fratellanza, vuoi le protezioni più o meno legali che si instaurano soprattutto a livello locale, l’annientamento dell’individuo a livello economico non c’è. Altro annientamento, però, è quello a livello civico, in crescita, con minore partecipazione e disinteresse verso lo Stato. Qualcosa di “anomalo” è accaduto di recente: la raccolta firme per i referendum eutanasia e cannabis sembra aver risvegliato, soprattutto nei giovani, slancio di partecipazione… per ora è troppo presto per dire che c’è un percorso, anche se la tendenza c’è ed è più che tangibile.Questo spirito inconcludente si riversa ovviamente anche su chi fa leggi e chi governa: la classe dirigente è lo specchio di chi l’ha eletta.E ne stiamo avendo dimostrazione, ultima in ordine di tempo, nella crisi energetica che avvampa. Sappiamo che le soluzioni non sono dietro l’angolo e potrebbero essere soluzioni che vanno oltre il nostro dato nazionale: in materia energetica non siamo autosufficienti, dipendiamo dall’estero. Se sentiamo e leggiamo coloro che deleghiamo a governarci e rappresentarci, l’inconcludenza impera: tranne rare eccezioni (quasi sempre fuori di queste categorie di “eletti” e comunque senza potere) parlano di cose che non ci risolvono l’immediatezza, il caro-bolletta, il caro-benzina, il caro-prezzi. “Potremmo”, “dovremmo”, “occorre investire”, etc anche e perché in periodo pre-crisi non si sono comportati come formiche che accumulavano, ma come cicale sul ramo a tessere e gioire delle proprie lodi.

E’ per questo che siamo incapaci e impotenti. Ma una cosa giusta, tra le altre, abbiamo fatto: essere motori dell’Unione Europea. Certo, fra i motori di oggi abbiamo anche quelli che ieri volevano farci uscire, tornare alla lira… ma è bene riconoscere che questa nostra capacità di essere in un certo senso inaffidabili nelle cose che diciamo un giorno rispetto a quello che diciamo il giorno dopo, è quella che ci permette di avere, per esempio, un Governo e un Parlamento europeista coi numeri di quelli che ieri sostenevano il contrario.E’ bello? E’ brutto? E’! Prendiamone atto e andiamo avanti. Anche perché in Europa abbiamo dei motori che, con le dovute differenze come tra Francia e Germania, pur prendendoci talvolta in giro non ci mollano, agiscono anche per noi, ed hanno bisogno di altre nostre virtù che non l’affidabilità e la coerenza. François-Marie Arouet – Aduc: http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Grano: Cia e Italmopa insieme per costruire una “filiera bio equa italiana”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Collaborare per sviluppare e promuovere insieme progetti di filiera del grano 100% biologico italiano, con l’obiettivo di soddisfare i requisiti di qualità e sostenibilità e di garantire il giusto prezzo a tutti i soggetti coinvolti. Questo il senso del protocollo d’intenti siglato oggi a Roma dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, e dal presidente della Commissione Prodotti biologici di Italmopa, Nicola De Vita.Lo scopo delle due organizzazioni è quello di costruire una vera e propria “filiera bio equa italiana”, partendo dai primi anelli della filiera, vale a dire produttori agricoli e industria molitoria, per poi allargarlo agli altri attori, fino alla Grande distribuzione organizzata.Alla base del protocollo, la consapevolezza della centralità del settore biologico, sia per i consumatori, sia per le nuove politiche comunitarie e nazionali, dalla Pac al Green Deal al PNRR, in un’ottica di maggiore sostenibilità ambientale, economica e sociale.D’altra parte -ricordano Cia e Italmopa- in Italia l’agricoltura biologica conta 2 milioni di ettari coltivati, il 16% circa (330.284 ettari) destinato ai cereali, di cui il 34% al grano duro e il 10% al frumento tenero; oltre a impegnare 80.000 operatori per un valore alla produzione di 3,5 miliardi di euro. Anche nella sfida europea, ovvero arrivare entro il 2030 a destinare il 25% dei terreni agricoli al bio, l’Italia risulta in vantaggio, con una percentuale di coltivazioni dedicate al 16% contro l’8% della media Ue. L’obiettivo finale resta quello di comprendere, in tali accordi di filiera, tutti i soggetti coinvolti, dai produttori agli stoccatori, dai primi e secondi trasformatori alla Gdo. Con due considerazioni sullo sfondo: pagare il giusto prezzo ad agricoltori e molini è indispensabile per permettere la programmazione della produzione di grano, mentre oggi il ruolo della Grande distribuzione è sempre più centrale per poter valorizzare i prodotti biologici sul mercato.In particolare, Cia e Italmopa si impegnano a favorire, tra le proprie strutture, modalità quali Contratti di Filiera e Contratti di Coltivazione, con dettagliati disciplinari di produzione tracciati, particolarmente avanzati dal punto di vista ambientale e sociale, promuovendo al contempo la ricerca e i processi innovativi, per esempio l’utilizzazione di strumenti digitali come la Blockchain.“Questo protocollo d’intenti è un contributo importante per consolidare e rafforzare i rapporti nella filiera del grano bio Made in Italy -hanno detto i presidenti Scanavino e De Vita- e costruire percorsi sempre più green e di qualità, riconoscendo contemporaneamente il giusto reddito a tutte le componenti della catena produttiva, dal campo allo scaffale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Asiago DOP chiude un 2021 di transizione

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago chiude un 2021 di transizione con un graduale ritorno a livelli produttivi degli anni precedenti la pandemia e scelte orientate ad una produzione sempre più sostenibile, diventata il “new normal” per oltre dieci milioni di famiglie. Nel 2021, il Consorzio Tutela Formaggio Asiago torna ad una produzione più in linea con le annualità precedenti la crisi pandemica. Nel 2020, il formaggio Asiago DOP aveva toccato i massimi storici, grazie agli sforzi dei soci per dare ai consumatori una garanzia di presenza nei punti vendita. Nel 2021, con l’applicazione del Piano di Regolazione dell’Offerta introdotto per il biennio 2021-2023, Asiago DOP giunge ad una produzione complessiva di 1.651.083 forme di cui 283.133 di Stagionato e 1.367.950 Fresco, con un calo produttivo del 4,7% rispetto al 2020 ma che, rispetto al 2019, l’ultimo anno prima della pandemia, segna una crescita del 5,9%, con un significativo aumento dell’Asiago DOP Stagionato (+31%), la tipologia particolarmente apprezzata durante il lockdown, e una sostanziale stabilità dell’Asiago DOP Fresco (+1,8%).I profondi cambiamenti strutturali del mercato e dell’intero sistema del mondo caseario, la sofferenza del canale Horeca, la forte contrazione del comparto dei formaggi semiduri, unito alla difficile situazione internazionale tra dazi e pandemia, ha reso il 2021 un anno particolarmente complesso nel quale, il Consorzio Tutela Formaggio Asiago ha scelto d’abbracciare le profonde trasformazioni in atto puntando con decisione e coerenza sulla sostenibilità e naturalità del prodotto, la valorizzazione delle lunghe stagionature e l’introduzione del caglio vegetale.Proprio l’evoluzione di un diverso approccio al cibo, fatto di valori autentici, orientati ai temi della salute, del benessere, della sostenibilità e dell’acquisto “consapevole” ha portato il formaggio Asiago ad essere l’interprete del desiderio di “normalità”. Nel 2021, la specialità veneto-trentina è diventata il “new normal” per oltre dieci milioni di famiglie italiane, con un aumento del 2,2% rispetto al massimo storico raggiunto nel 2020 (dati GFK) e una crescita, nel mese di dicembre 2021, delle vendite a volume, del 6,2%. Una conferma che Asiago DOP è sempre più protagonista del ritorno a una socialità che riscopre il gusto della convivialità e del buon cibo capace di raccontare la sua origine.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contrasti Radioattivi di Paolo Laddomada

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

I Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno sono lieti di annunciare l’uscita di una pubblicazione nell’ambito fotografico di grande valore documentale. L’opera in questione è lo splendido lavoro di Paolo Laddomada dal tiolo emblematico “Contrasti Radioattivi”. 26 aprile 1986 – Alle ore 1:23:45 locali, durante un test sulla sicurezza nella centrale nucleare di Chernobyl, precisamente sul reattore n. 4 sito in Pripyat, per un (presunto) errore del personale al lavoro in quel momento, accade l’irreparabile. Il test doveva essere condotto di giorno, da personale appositamente preparato ma, a causa di un parallelo calo nella rete che forniva l’energia alla vicina Kiev, il via libera per ridurre la potenza del reattore di Chernobyl senza rischiare deficit di fornitura, venne dato solo di notte, quando era in servizio il personale del turno successivo, completamente all’oscuro delle procedure di emergenza. L’esplosione e il conseguente incendio del reattore n. 4 provocano, a tutt’oggi, il più grave disastro nucleare della storia. Si tratta fondamentalmente della storia vera del disastro che ha sconvolto e scosso il mondo, un racconto per immagini fotografiche affascinante, intrigante ed esaustivo che ha il ritmo incalzante di una narrazione che solo un romanzo può dare. L’autore con le sue foto è come se fosse riuscito a collegare una serie di tasselli indispensabili per un viaggio nel luogo, e nei luoghi, nel tempo e nei tempi, n cui tutto ebbe inizio e tutto cambiò. Tra le pagine di questo libro, pertanto, rivivono per immagini testi, contesti, visionari e fantasmatici di un multiverso comunque appartenente alla nostra più recente storia contemporanea. Paolo Laddomada è nato a Napoli nel 1963, vive a Pesaro dal 2004. Successivamente al brevetto subacqueo, inizia a ritrarre l’ambiente marino. Partecipa anche come operatore videofotografico alla realizzazione di alcune puntate di “Linea Blu “ (Capri, isola di Ponza, Sorrento) per la RAI e di “Scherzi a parte” per Mediaset.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Boom di esami cardioradiologici

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

“Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un netto incremento delle richieste di esami cardioradiologici, TC ed RM, per pazienti ricoverati ed ambulatoriali; tale incremento è dovuto all’inserimento nelle linee guida cardiologiche nazionali ed internazionali dell’imaging non invasivo sia per lo studio della cardiopatia ischemica sia non ischemica. Relativamente all’esperienza del presidio Molinette dell’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, nel triennio 2017-2019 è evidenziabile un tangibile incremento nelle prestazioni cardioradiologiche eseguite e, in particolare, la TC coronarica ha subito un incremento costante del 70% nel 2018 e del 58% nel 2019”. Dati alla mano, Riccardo Faletti, Professore Dipartimento Scienze Chirurgiche – Diagnostica per immagini Università degli Studi di Torino, illustra un quadro che nel corso del tempo è cambiato, mettendo in luce allo stesso tempo la necessità di un adeguamento delle risorse tecnologiche e delle competenze professionali. L’occasione è la Winter School 2022 di Pollenzo, dal titolo ‘Oltre la logica dei silos per un’offerta integrata di salute’, organizzata da Motore Sanità, in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, evento di alto profilo in ambito sanitario, promosso e divulgato da Mondosanità e da Dentro la Salute, nella sessione “Cronicità e approccio integrato: le sfide per una filiera dell’offerta di diagnosi, azioni, controllo e formazione tecnologica – Le malattie cardiovascolari: bisogni irrisolti, che cosa curare a livello territoriale e con quali supporti tecnologici ed informatici”. “L’elevato valore predittivo negativo (prossimo al 95%) della TC coronarica consente di escludere in tempi rapidi la patologia coronarica significativa nei pazienti a rischio basso, evitando di dover ricorrere alla coronarografia che, per costi ed invasività, non dovrebbe essere eseguita nei pazienti a basso rischio – prosegue il Professor Faletti -. La RM cardiaca consente una valutazione estremamente accurata delle caratteristiche del muscolo cardiaco, unica nel suo genere, che si presta allo studio di tutte le cardiomiopatie sia nei soggetti anziani, ma soprattutto nei giovani”. “Nell’attuale situazione di pandemia da Covid-Sars-2 è ben noto l’aumentato rischio di patologia cardio-vascolare legato a questa infezione e alle eventuali complicanze post-vaccinali – conclude Faletti – ne consegue che negli ultimi due anni si è verificato un ulteriore incremento della richiesta di tali tipologie di esami per lo studio delle complicanze cardio-vascolari da questa infezione. All’aumentare della richiesta di tali prestazioni è parzialmente corrisposto un adeguamento delle risorse tecnologiche e delle competenze professionali. Tale tipologia di esami richiede infatti un equipaggiamento tecnico delle apparecchiature TC ed RM non sempre presente nelle strutture ospedaliere e nei poliambulatori sul territorio e anche le competenze professionali dei radiologi impiegati nell’esecuzione e nella refertazione di tali esami non sono comprese nella formazione di base dello specialista in diagnostica per immagini. Per ciò che concerne quest’ultimo aspetto le scuole di specialità si stanno adeguando cercando di prevedere dei percorsi specifici per l’imaging cardioradiologico”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’evoluzione della medicina di laboratorio

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

“La Medicina di Laboratorio è una disciplina composita che si applica alla prevenzione, alla diagnosi, alla prognosi, al monitoraggio della terapia e che condiziona in modo sostanziale l’outcome del paziente se applicata al paziente giusto, al tempo giusto, con la metodica giusta”, spiega Sergio Bernardini, Professore di Biochimica clinica e Biochimica molecolare dell’Università Tor Vergata di Roma, nel corso della Winter School 2022 di Pollenzo, organizzata da Motore Sanità, in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, evento di alto profilo in ambito sanitario, promosso e divulgato da Mondosanità e da Dentro la Salute. “È un settore di grande efficienza ed efficacia: il 70% delle decisioni cliniche si basano sulle informazioni di laboratorio, a fronte di un’incidenza sul budget dell’azienda sanitaria del 2-4%”, continua Bernardini. “La Medicina di Laboratorio spesso è percepita come una serie di strumentazioni che producono dati, viceversa richiede alta specializzazione sia per i medici, sia per i biologi e i chimici e rappresenta, nei fatti, la semeiotica dei fluidi corporei e quindi una dimensione internistica. Con un utile netto di circa 1 euro a test. Nelle ultime decadi, la medicina di laboratorio ha vissuto cambiamenti sostanziali e lo scenario nel quale opera è in continua evoluzione con la caduta delle barriere tra le diverse discipline e l’avvento delle cosiddette Omiche, cioè di tecnologie di indagine che tornano a vedere il paziente in modo olistico trascendendo dalla singola via metabolica e dai singoli analiti, ma piuttosto ragionando su pattern e profili”, prosegue Bernardini. “Questa evoluzione è alla base della Medicina di Precisione o personalizzata, che si avvale dell’acronimo SMART (Speed, Metrics, Automation, Remote and Technologies). D’alta parte le analisi di laboratorio non sono effettuate solamente nei tradizionali laboratori clinici, ma sempre più in ambiti decentrati come avviene per analisi al letto del malato (near-patient testing), a domicilio (home testing), nelle farmacie, nelle ambulanze ed in contesti di urgenza-emergenza, grazie allo sviluppo di tecnologie efficienti per il point-of care testing (POCT) che permettono la rapida diagnosi di molte condizioni cliniche, incluse malattie infettive e genetiche”. Quanto ai prossimi obiettivi e le prossime sfide, il Professor Bernardini non ha dubbi: “La Medicina di Laboratorio accompagna già oggi in diverse realtà il “nuovo” paziente nato dalla trasformazione digitale che conduce in senso stretto alla tele-patologia, usando nuovi approcci per l’accesso on line e per risposte più informative, dirette e “virtuali”. Il percorso segnato dalla futura “casa come primo luogo di cura” deve vedere i professionisti della Medicina di Laboratorio attori principali nella costruzione del previsto modello condiviso per il potenziamento dell’assistenza domiciliare tramite la tele-assistenza, il tele-consulto, il tele-monitoraggio e la tele-refertazione. Non solo. La Medicina di Laboratorio ha la necessità che sia costruito, nell’ottica di una efficace programmazione sanitaria, un moderno percorso formativo per le varie figure professionali, dai tecnici di laboratorio ai biologi, chimici, medici fino agli informatici, sempre più indispensabili nella costruzione di un moderno modello di Medicina di Laboratorio”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Italia mancano più di 60mila infermieri

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

“In Italia occorre con coraggio affrontare e risolvere la questione infermieristica: rispetto alla media dei Paesi europei, e riferendoci alla popolazione nel suo complesso, l’Italia presenta un gap di –3,93 infermieri ogni 1.000 abitanti, soprattutto rispetto al fabbisogno per le fasce più anziane (e in crescita) della popolazione perché nel paese si registra un tasso molto inferiore alla media europea”. L’appello arriva forte e chiaro da FNOPI, la Federazione nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche, alla Winter School 2022 di Pollenzo, dal titolo ‘Oltre la logica dei silos per un’offerta integrata di salute’, organizzata da Motore Sanità – evento in collaborazione con l’Università degli Studi degli Studi di Scienze Gastronomiche, promosso e divulgato da Mondosanità e da Dentro la Salute – durante la sessione intitolata “Distinzione tra diagnostica di 1° e 2° livello, home care di alta complessità e offerte integrate – La normativa sui futuri ruoli del personale non medico nel territorio”. I dati sono allarmanti e devono spingere ad un cambiamento organizzativo. Nel 2018 in Italia operano 5,5 infermieri per 1.000 abitanti contro i 7,8 del Regno Unito, i 10,8 della Francia ed i 13,2 della Germania. Solo la Spagna si attesta a un tasso simile a quello italiano, pari a 5,8 ogni 1.000 abitanti. Alla luce di questi dati, per adempiere agli obiettivi di riorganizzazione dell’assistenza territoriale in Italia mancano oltre 60mila con una suddivisione su base regionale pari a 27mila al Nord, circa 13mila al Centro e 23.500 al Sud e nelle Isole. Secondo FNOPI, le proposte a breve, medio e lungo termine per far fronte alla carenza di infermieri sono: la possibilità di aumentare il numero di docenti-infermieri nelle università (oggi ce n’è uno ogni 1.350 studenti contro uno ogni sei di altre discipline) per poter poi incrementare con la giusta qualità il numero di infermieri la cui carenza è ormai un allarme sotto gli occhi di tutti; la previsione di una valorizzazione economica e organizzativa delle competenze specialistiche degli infermieri introducendo corsi di laurea magistrale ad indirizzo specialistico professionale e sviluppare le competenze digitali per supportare l’innovazione dei modelli di servizio; promuovere una cultura diffusa della ricerca clinica; il superamento del vincolo di esclusività che oggi lega l’infermiere nel rapporto di lavoro con il servizio sanitario pubblico. In ultimo, con l’avvio di tutti i processi correlati al Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR) si tenta di armonizzare e contestualizzare l’insieme dei servizi territoriali valorizzando la figura dell’infermiere e dell’“infermiere di famiglia e Comunità” in particolar modo, quale agente di cambiamento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Spazio ai nuovi artisti del fumetto

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

C’è tempo fino al 19 aprile per partecipare al concorso ‘Una lettura tra le nuvole’, promosso da Passaggi Festival della saggistica in collaborazione con La Lettura, inserto culturale del Corriere della Sera, che premierà lo short graphic-novel più meritevole.Il concorso, gratuito e riservato a fumetti inediti di non-fiction in lingua italiana, si pone l’obbiettivo di portare a pubblicazione opere meritevoli per originalità e novità di sperimentazione, sia nella realizzazione grafica, sia nel linguaggio.In palio c’è una vetrina prestigiosa: la possibilità di vedere le proprie tavole pubblicate sulle pagine de ‘La Lettura’. Al vincitore, che sarà premiato a Fano nelle giornate del festival (20/26 giugno), andrà anche un riconoscimento in denaro pari a ottocento euro e l’abbonamento per un anno all’app de La Lettura.L’opera vincitrice, inoltre, insieme con una selezione delle migliori graphic-novel in concorso, sarà esposta in mostra all’interno di Passaggi fra le Nuvole, la rassegna libraria che Passaggi Festival dedica al mondo delle graphic novel e che ha ospitato, tra gli altri, Vittorio Giardino, Davide Reviati, Sara Colaone e Mara Cerri.A decretare il miglior progetto in gara sarà una giuria di esperti presieduta da Zuzu, pseudonimo di Giulia Spagnulo, tra le più apprezzate fumettiste e illustratrici italiane, e composta da Marco Del Corona, vicecaporedattore de La Lettura, Giovanni Di Bari, curatore della rassegna, e dal critico di fumetti Alessio Trabacchini. Spiega Di Bari: “Il premio è rivolto a tutti i fumettisti, ma ci piacerebbe che l’iniziativa rappresenti anche un trampolino di lancio per artisti meritevoli nel settore del graphic novel che ancora non hanno trovato la loro occasione per affermarsi”.Il bando di concorso lo si può scaricare qui: https://www.passaggifestival.it/bando-del-premio-una-lettura-fra-le-nuvole-per-graphic-novel-inedite/

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dramas of Light and Land: The Martyn Gregory Collection of British Art

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

London Online, from 10 to 24 March. Travel across Scotland, Wales, England, France and Italy in Christie’s Dramas of Light and Land: The Martyn Gregory Collection of British Art online, from 10 to 24 March. A remarkable survey of British art, the collection predominantly comprises works on paper, from the 18th, 19th and 20th centuries. Martyn Gregory, a renowned St James’s dealer of British Drawings and Historical Pictures relating to China, India and South East Asia, is offering these British works as part of scaling back his business, having recently entered his 80th year. A true connoisseur collector-dealer, Martyn’s notable eye is well-known in the field, resulting in a collection which successfully spans centuries and movements to tell a broad and far-reaching story of the history of this section of British art. The strength and breadth of the collection, as well as the remarkable condition and presentation of the pictures, are testament to Martyn’s skill and knowledge as a dealer and Specialist. Landscape is the dominant theme throughout, including works by John Sell Cotman and both John and Paul Nash, portraiture, still-life and interiors are also represented. Featuring 198 lots, estimates range from £700 to £50,000. The top lot of the sale is an imposing Daniel Gardner, Portrait of the Drake Family (estimate: £30,000-50,000). Further highlights include: Samuel Scott, Rochester Castle, Kent, from the north-west (estimate: £15,000-25,000); John Sell Cotman, A ruined Roman aqueduct (estimate: £15,000-20,000); David Cox, The Promenade at Aberystwyth (estimate: £15,000-20,000); William Turner of Oxford, Dawn, Loch Torridon (estimate: £15,000-20,000); Peter De Wint, A Summer landscape (estimate: £15,000-20,000); Edward Dodwell, The Phlegraean Fields (estimate: £12,000-18,000); Thomas Girtin, A Watermill (estimate: £12,000-18,000); George Fennel Robson, Scene on the Isle of Skye (estimate: £10,000-15,000; John Varley, Cader Idris (estimate: £8,000-12,000); Richard Parkes Bonington, The ruins of Chateau d’Harcourt, near Lillebonne (estimate: £6,000-8,000). Annabel Kishor, Head of Sale, British Drawings, Christie’s London: “We are delighted to be offering the Martyn Gregory collection. It is a really exceptional survey of British watercolour painting from the 18th to 20th Centuries, including many of the great names of the Golden Age. Martyn’s connoisseurial eye is evident throughout, as is his attention to detail in choosing examples in fantastic condition, and presenting them beautifully. Much of the collection has not been exhibited or on the market since the 1970s or 1980s, and so it has been a pleasure to ‘re-discover’ these works.” Martyn Gregory: “I first began my art dealing career 57 years ago. With gallery premises off New Bond Street, then on Albemarle Street and for the last 44 years on Bury Street, St James’s, I have specialised predominantly in English watercolours and drawings. As I am entering my 80th year I shall be scaling back and will no long deal in British drawings, instead concentrating on the other side of our business: historical and topographical pictures relating to China, India and South East Asia by both travelling Western and Eastern artists. Our love of early British drawings remains undiminished.”

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pay trade launches to better financial protection and reduce cost for all in construction

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2022

A revolutionary new tool to protect consumers and the construction industry, Pay Trade celebrates its official launch of its escrow and construction contract administration tool in Q1 2022, providing free registration for all property owners, contractors, and architects. Pay Trade has launched with an aim of Bridging The Trust Gap In Construction.Construction projects are high value items often involving unfamiliar parties. We wouldn’t second think about using a solicitor when making a property purchase, so why isn’t the use of a third party the norm for what is likely to be the second if not biggest purchase a person will make in their lifetime. The use of escrow globally in a variety of industries has been increasing with the development of new technology and services to make the process quicker, easier and cost effective. Escrow technology is disrupting a variety of industries payment processes to safeguard consumers and providers. It is time for the construction industries financial revolution.So often financial risk is ignored by the industry with standard industry contracts even suggesting that proof of affordability clauses to be used sparingly in a domestic setting. The standardisation of the use of escrow alongside construction contracts for even the most minor construction project will better protection for all. Additionally, the segregation, off balance sheet, in escrow, of construction retention payments will put the impact of disasters such as Carillion’s administration behind us. Even the biggest entities can fail, and parties should be reminded of this and seek financial protection.To help raise awareness, Pay Trade are beginning with education by releasing of a series of how to guides and CPD sessions on escrow payment in construction. We are also seeking to engage with industry bodies, trade unions and the media. As part of its launch, access to the system will remain free for the foreseeable future.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »