Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Archive for 21 febbraio 2022

Simone Attilio Bellezza: Il destino dell’Ucraina

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Il futuro dell’Europa pp. 208 € 16 Dopo l’annessione unilaterale della Crimea e la guerra nel Donbas sembrano moltiplicarsi i rischi di una possibile invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia. Per comprendere le dinamiche che hanno portato all’escalation del conflitto è necessario risalire al rapporto dell’Ucraina con l’Impero russo, l’Unione sovietica poi e l’attuale Federazione russa e al percorso di democratizzazione ed europeizzazione avviato dal governo di Kyïv. L’incompiuta Rivoluzione arancione del 2004 e la Rivoluzione della Dignità del 2013 hanno avvicinato l’Ucraina al mondo occidentale aprendo una profonda crisi, al tempo stesso interna e internazionale, con la Russia. Pagine che guardano non solo agli equilibri della geopolitica, ma presentano l’evoluzione storica dell’Ucraina post-sovietica, e aiutano a comprendere le ragioni dei venti di guerra che oggi spirano di nuovo sull’Europa. SIMONE ATTILIO BELLEZZA è ricercatore di Storia contemporanea presso il Dipartimento di Scienze sociali dell’Università di Napoli Federico II. Studia principalmente le appartenenze nazionali, soprattutto nel caso ucraino. Editrice Morcelliana Brescia

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Salvatore Enrico Anselmi: Passaggi di Proprietà

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Tra le novità librarie si segnala la pubblicazione Passaggi di proprietà dello storico dell’arte, docente e scrittore Salvatore Enrico Anselmi (LINEA edizioni, Padova 2021). Dopo due anni dall’uscita di Exitus (GB Editoria, Roma 2019), che ha suscitato apprezzamenti di critica e pubblico, segnalato dalla Società Dante Alighieri e in concorso al Premio letterario Mastercard 2020, l’autore torna a dialogare con i lettori con questo nuovo romanzo che può essere considerato l’originale biografia di un dipinto. Il tracciato narrativo del libro attraversa un ampio lasso cronologico, dalla genesi di un’opera pittorica, – un’Annunciazione eseguita nel primo Cinquecento da un giovane artista della Maniera, che ne costituisce il legante tenace – alle vicende che hanno come oggetto le peregrinazioni nel corso del tempo, per l’appunto i relativi passaggi di proprietà. Gli avvenimenti pertengono a furti, recuperi, restauri, vendite. Ascese e cadute in disgrazia, affermazioni e contraddittorie negazioni delle stesse, ispirazione creativa e prosaica mercificazione, unità familiari e sociali al collasso, derive morali e gracilità dell’indole costituiscono il contesto nel quale operano tutti coloro che, a vario titolo, sono parte integrante o collaterale della narrazione: artisti, mecenati, collezionisti, eredi della famiglia aristocratica che commissiona l’opera e la conserva nella sua quadreria, restauratori, nuovi acquirenti, studiosi d’arte. Lo sviluppo diacronico che scandisce la lunga “vita” dell’Annunciazione si conclude in un contesto futuribile nel quale le dinamiche sociali e la presenza umana rispondono a circostanze distopiche di ribaltamento. Il romanzo, pertanto, è segnato da una sorprendente e inaspettata svolta che imprime un abbrivio destabilizzante. L’originalità del romanzo consiste anche nell’aprire margini di riflessione, quanto mai attuali, sul valore di civiltà del patrimonio artistico e sulla sua trasmissione alle generazioni future. Indicativo, in tal senso, è l’incipit del romanzo, dove il protagonista parla di sé in prima persona e ravvisa il particolarissimo valore attribuito alla sua stessa esistenza.Novità librarie LINEA edizioni, Padova 2021,nuovo romanzo dello scrittore Salvatore Enrico Anselmi “Passaggi di proprietà”, romanzo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Ordini Cavallereschi, guerra e preghiera

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

23 Febbraio 2022 ore 19,00 Radio Fenice Europa. La redazione di Radio Fenice Europa ha deciso di trasmettere una puntata dedicata agli Ordini Cavallereschi ove la figura del monaco coincide con il guerriero, e la creazione di eserciti al servizio di un idea: la Regola dell’Ordine. Gli Ordini Cavallereschi hanno profondamente mutato gli equilibri di potere esistenti. Il papato e le nascenti nazioni d’Europa hanno dovuto trovare un equilibrio economico e politico per gestire gli ordini stessi che arrivarono addirittura a creare degli stati indipendenti, ed a trovare una giustificazione teologia alle uccisioni con la definizione di malicidio.La linea editoriale di Radio Fenice Europa vuole avere un ruolo informativo e divulgativo alla portata di tutti, presentando, in questa occasione, una trasmissione di tipo storico narrando le vicende e le gesta degli Ordini Cavallereschi in un ottica di comunione fra religione e guerra.Nella trasmissione sarà presente uno spazio dedicato al commento dei fatti della settimana che la redazione ritiene di dover proporre agli ascoltatori come momento di riflessione e stimolo. La trasmissione, organizzata in capitoli per aumentare la fruibilità dei contenuti, potrà essere ascoltata anche in streaming.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Russia edges closer to a Ukrainian invasion

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

When journalists talk of the fog of war we usually mean the confusion that spreads as fighting flares. These days a pea-souper has preceded a possible war. Russia keeps its large, menacing presence on the borders of Ukraine, while claiming it won’t invade. President Joe Biden is certain it will. Separatists inside Ukraine have been lobbing more shells than usual at civilians, and Ukrainian officials are preparing for vicious cyber-attacks. Whatever happens, and war looks increasingly likely, we think that Vladimir Putin has blundered by even threatening an invasion, and that Russia will pay a heavy price in the long term. We’re gathering all our Ukraine coverage at our online hub.The uncertainty spreads economic costs far beyond central and eastern Europe. Even before the prospect of war loomed, world markets were in turmoil. The persistent worry is inflation. A wage-price spiral threatens in many economies, and interest-rate increases seem certain. Workers are the likeliest to lose out. Watch for oil prices to swing as much as markets. By one measure, a barrel of the stuff passed the $100 mark last week. Mr Putin might welcome high prices for his country’s main exports of oil and gas, but consumers suffer. All the more reason to cut dependence on fossil fuels sooner.In Britain the last covid-19 restrictions will go shortly. Adults have been offered at least three doses of vaccine, and hospitals now seem unlikely to be overwhelmed. London’s pubs, theatres and restaurants are all bustling again (we’re checking on that regularly). Britain’s experience will soon be shared by most of the rest of the rich world. But a grimmer prospect faces Hong Kong, where covid is spreading fast even as officials try to impose a covid-zero approach mirroring that in mainland China.Meanwhile Americans may learn more about the fate of Donald Trump. He and members of his family have been told to give evidence to a New York investigation into possible fraud at the family businesses. His accountants have stopped working with him. (He denies wrongdoing.) CPAC—an annual gathering of influential conservatives—will be held later this week. In previous years fealty to Mr Trump was overwhelming at such events. Now there are signs that Mr Trump’s star is on the wane, even among Republicans.Beyond that, watch for a perennial story. I checked our historical archive and found we mentioned Argentina back in 1844, then first wrote about the IMF in Argentina in 1965. The country has long offered a lamentable tale of economic mismanagement. Now the president, Alberto Fernández, hopes to persuade lawmakers to accept the latest IMF deal to restructure some $44.5bn in debt. Here’s one confident prediction: we’ll be writing about such troubles in Argentina for decades to come.Thanks again for your thoughtful emails. Many of you wrote to tell me, often with great confidence, that there is no chance of a new war in Ukraine. Mr Putin, you say, has no intention of sending his troops over the border. I hope you’re right. Ambassador Georgios Poukamissas, from Greece, says Ukraine is “unfit” to join NATO and, anyway, has not implemented the Minsk accords from 2015. My response: none of that, in any case, would justify a war.A plea from Gysvier Aldana Noriega, in Melbourne, for more commentary on tech news. We’ll try, I promise. And my favourite this week: David French, in Britain, says he has been reading us since the spring of 1950, when the cover price was a princely one shilling. (On the cover on August 19th that year: a look at a proposal from Winston Churchill for a joint European army.) Mr French calls himself just “one humble reader”; but after more than seven decades, we thank him as one of our most loyal. May you have a peaceful week ahead. Adam Roberts Digital editor The Economist

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro “Le dimore di Dio. Dove abita l’eterno”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Martedì 22 febbraio alle ore 20.30, in diretta su YouTube, si terrà un incontro sul tema del dialogo interreligioso. Interverranno Franco Cardini, storico e autore del libro Le dimore di Dio, Miriam Camerini, studiosa di ebraismo e Hamdan Al-Zeqri, consigliere UCOII delegato nazionale dialogo interreligioso. L’evento è organizzato da Festival Francescano, in collaborazione con Il Mulino e con il sostegno di BPER Banca. La moderazione sarà a cura di fra Dino Dozzi, direttore scientifico di Festival Francescano.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

GAM: Le tre ragioni per cui l’inflazione core sta aumentando

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

A cura di Adrian Owens, Investment Director Global Macro e Currency Fixed Income di GAM. Un rischio da tenere d’occhio è la portata di un rallentamento dell’economia statunitense. L’affievolirsi dell’influenza delle precedenti misure governative legate al Covid, insieme ad una Fed aggressiva, potrebbe essere un fattore negativo in tutto il mondo. Il potenziale conflitto Ucraina-Russia potrebbe anche avere implicazioni per i sistemi di pagamento e i prezzi dell’energia. Nel complesso, nonostante questo, ci troviamo ancora in un ambiente solido per gli utili aziendali.Negli ultimi 18 mesi abbiamo sostenuto che l’inflazione non sarà temporanea, ma probabilmente si rivelerà molto più ostinata di quanto molti prevedevano. Tuttavia, una cosa che è cambiata nelle ultime settimane è che la Federal Reserve (Fed), insieme alla Banca Centrale Europea (BCE) e alla Banca d’Inghilterra hanno finalmente realizzato che c’è un’enorme quantità di liquidità nel sistema e che non stanno agendo abbastanza velocemente. Anche se il mercato ha iniziato a prezzare i rialzi dei tassi da parte di Fed, BCE e Banca d’Inghilterra, crediamo che questi eventi non siano stati ancora completamente assimilati dai mercati.Nei prossimi mesi è probabile che l’inflazione primaria scenda lievemente, soprattutto a causa degli effetti base. Tuttavia, dobbiamo tenere d’occhio l’inflazione core, perché è probabile che aumenti e questa è in definitiva la fattispecie dell’inflazione che preoccupa le banche centrali più dell’inflazione primaria, che può essere spinta da componenti volatili come i prezzi di cibo ed energia.Ci sono tre ragioni principali per cui pensiamo che l’inflazione core stia aumentando. La ragione principale è il mercato del lavoro, che è molto teso. La crescita dei salari sta aumentando e negli Stati Uniti abbiamo visto un enorme calo del tasso di partecipazione, il che significa che il mercato del lavoro si è ridotto di circa l’1,5% negli ultimi anni. Inoltre, ci sono alcuni fattori demografici sfavorevoli sullo sfondo. Nel 2000, la Cina stava aggiungendo 15 milioni di persone alla popolazione in età lavorativa ogni anno. Oggi, c’è una contrazione di circa uno o due milioni provenienti dalla Cina a causa della demografia. La Cina esportava disinflazione; oggi esporta inflazione. I prezzi di fabbrica in Cina stanno crescendo del 10%. Non abbiamo più quelle influenze disinflazionistiche globali che abbiamo avuto negli ultimi due decenni.A parte il mercato del lavoro, gli affitti costituiscono un terzo delle spese di consumo personale di base (PCE). Il dato suggerisce che gli affitti negli Stati Uniti stanno correndo tra l’8% e il 10%. I numeri ufficiali negli attuali rapporti sull’inflazione suggeriscono che sono più vicini al 4%, tuttavia tutti gli indicatori principali suggeriscono che nei prossimi sei mesi saranno in aumento. La terza ragione è il cambiamento climatico e l’impatto che sta avendo sulla necessità di un aumento delle tasse sul carbonio, e l’impatto che questo avrà sull’inflazione nel medio termine.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Leave a Comment »

Neuberger Berman: Nuovo fondo US Large Cap Value

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Neuberger Berman, società di gestione indipendente, non quotata, interamente controllata dai propri dipendenti, ha lanciato in Europa la propria strategia, di lungo data, US Large Cap Value, includendola nella gamma di fondi UCITS.Neuberger Berman US Large Cap Value Fund è gestito da due portfolio manager di comprovata esperienza, Eli Salzmann e David Levine, basati nella sede New York e supportati da 38 analisti senior dedicati alla ricerca.Con i titoli value USA ancora a livelli storicamente bassi rispetto ai titoli growth, il team utilizza un approccio fondamentale, bottom-up e incentrato sulla ricerca per identificare business statunitensi sottovalutati, ma con un potenziale di crescita. Cercando di evitare le ‘trappole del valore’, i gestori di portafoglio cercano titoli con valutazioni interessanti in settori che sono stati privati di capitale e a loro volta privati di capacità. L’investimento nel fondo è soggetto a rischi, inclusi il rischio di cambio, derivati, liquidità, mercato, operativo e di controparte. Non vi può essere alcuna assicurazione o garanzia che gli obiettivi del fondo saranno raggiunti o che gli investitori genereranno un rendimento sui loro investimenti nel fondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Investimenti in sicurezza informatica

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Con la “nuova normalità” caratterizzata da modalità di lavoro in alternanza casa-ufficio e il costante aumento degli attacchi, molte imprese italiane hanno intrapreso o potenziato gli investimenti in sicurezza informatica. Nel 2021 il mercato della cybersecurity ha raggiunto il valore di 1,55 miliardi di euro, +13% rispetto al 2020, evidenziando un ritmo di crescita mai così elevato, con un 60% di grandi organizzazioni che ha previsto un aumento del budget destinato alle attività di sicurezza informatica. Il rapporto tra spesa in cybersecurity e PIL resta però limitato (0,08%), all’ultimo posto tra i Paesi del G7, ma l’Italia – insieme al Giappone – è l’unica nazione a non aver registrato una diminuzione nel corso dell’ultimo anno.Di fronte a una crescita costante delle minacce (1053 incidenti gravi nel primo semestre del 2021, +15% rispetto al primo semestre 2020, secondo i dati Clusit), ben il 31% delle grandi imprese italiane rileva un ulteriore aumento degli attacchi informatici nell’ultimo anno, che va a sommarsi a quello riscontrato nei primi mesi di emergenza. Una vera e propria “guerra cyber” in cui la sicurezza informatica è diventata la maggiore priorità di investimento nei diversi ambiti del digitale in Italia, non solo nelle grandi imprese, ma anche nelle piccole realtà. Le organizzazioni hanno come obiettivo innanzitutto accrescere la consapevolezza dei dipendenti sulle minacce informatiche: di fronte al diffondersi delle nuove modalità di lavoro, il 54% delle organizzazioni giudica necessario rafforzare le iniziative di sensibilizzazione al personale sui comportamenti da adottare. Se l’interesse delle imprese alla cybersecurity è ai massimi storici, cresce anche l’attenzione delle istituzioni, che hanno introdotto importanti misure in questo ambito. Il PNRR prevede nella Missione 1 investimenti per 623 milioni di euro in presidi e competenze di cybersecurity nella PA e nella Missione 4 ulteriori fondi per la ricerca e la creazione di partenariati su temi innovativi, tra cui la sicurezza informatica. È stata introdotta l’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (ACN), verso cui le imprese si dimostrano aperte e disponibili: il 17% ha già stabilito la volontà di collaborare con l’Agenzia, più di metà (53%) è in attesa di linee guida e indicazioni, un ulteriore 22% vuole approfondire meglio il ruolo dell’organismo nell’ottica di individuare opportunità future.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cambiamenti climatici e povertà rurale

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

I leader mondiali chiedono investimenti urgenti e innovativi per aiutare le comunità rurali dei paesi più poveri del mondo ad adattarsi al cambiamento climatico. Parlando all’apertura della riunione annuale del Consiglio dei Governatori a cui partecipano 177 Stati membri del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) delle Nazioni Unite, i leader hanno sottolineato in particolare la vulnerabilità dei piccoli agricoltori ai gravi eventi meteorologici, come le tempeste che hanno devastato il Madagascar nelle ultime settimane uccidendo almeno 121 persone e distruggendo più di 176.000 ettari di terreno.In risposta alla minaccia che il cambiamento climatico rappresenta per le popolazioni rurali, il Ministro dell’Economia e delle Finanze italiano Daniele Franco, ha detto che quest’anno l’Italia aumenterà il suo impegno finanziario internazionale per far fronte ai cambiamenti climatici di tre volte, raggiungendo circa 1,5 miliardi di dollari all’anno fino al 2026. “Il cambiamento climatico, il degrado ambientale e la perdita di biodiversità rappresentano una minaccia immediata per le risorse naturali, così come per la vita e i mezzi di sussistenza delle popolazioni rurali”, ha detto. E ha aggiunto: “I sistemi alimentari risentono fortemente degli shock climatici in rapido aumento. I loro effetti sono più gravi per le comunità rurali povere ed emarginate che pur essendo le più colpite, sono quelle che contribuiscono meno a tali fenomeni. Invertire queste tendenze richiede soluzioni innovative. Dobbiamo evitare che i progressi fatti all’interno dell’Agenda 2030 siano resi vani, a tal fine il Fondo svolge un ruolo chiave”.Nel suo discorso di apertura, il Presidente dell’IFAD, Gilbert F. Houngbo, ha sottolineato che i piccoli produttori sono colpiti duramente da una crisi che non hanno creato, eppure attualmente ricevono solo l’1,7% dei finanziamenti per il clima. Il cuore del problema è l’iniquità. Molte di queste soluzioni richiedono l’accesso alla finanza, secondo Sua Maestà Máxima Zorreguieta Cerruti d’Orange-Nassau, Regina dei Paesi Bassi, Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la finanza inclusiva per lo sviluppo (UNSGSA). “L’agricoltura impiega due terzi delle popolazioni dell’Africa sub-sahariana e rappresenta quasi un terzo del PIL. Eppure i piccoli produttori rurali sono sistematicamente sotto finanziati – e lo sono ancora di più dopo la pandemia”, ha detto. “C’è un’opportunità per gli innovatori responsabili del settore privato di intervenire e contribuire a colmare il deficit di finanziamento globale di 170 miliardi di dollari, per aiutare i piccoli produttori ad avere accesso al credito e ai mercati”.Nel 2020, la fame nel mondo è aumentata in gran parte a causa del cambiamento climatico, della povertà e dell’impatto della pandemia da COVID-19. Una persona su 10 nel mondo oggi soffre la fame.Nei prossimi 3 anni, l’IFAD dedicherà almeno il 40% delle sue risorse principali ai finanziamenti per il clima. Attualmente sta mobilitando 500 milioni di dollari per il suo fondo climatico ASAP+ che vuole essere il più grande fondo per il clima dedicato ai piccoli produttori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Covid, Sileri: è finita solo la parte acuta dell’epidemia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

“Quando si dice ‘è finita’, non è corretto, dobbiamo piuttosto dire che ‘è finita la parte più acuta dell’epidemia’, siamo infatti in una fase di transizione e stiamo andando verso l’endemia, un momento in cui i dati ci consentono di allentare alcune misure ma, ancora, con molta gradualità”. Avanti sì ma con giudizio, dice Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, rispondendo alle domande dell’agenzia Dire sulla rimodulazione di alcune misure come il green pass, anche nella sua versione rafforzata. “Una riformulazione del green pass può essere programmata più avanti, farlo oggi è prematuro- sottolinea Sileri- Serve ancora osservare l’andamento dell’epidemia delle prossime settimane, potrà esservi, mi auguro, un dimezzamento del numero dei posti letto in terapia intensiva occupati e questo potrà aiutarci a fare delle scelte. Accanto ad una modifica del green pass però ci sono anche altre misure da rivedere- evidenzia il sottosegretario- tra queste la quarantena per la scuola, su cui possiamo agire per i dati dei contagi in diminuzione, che vediamo già in queste settimane, così come grazie al numero di nuove vaccinazioni. Le altre misure su cui agire, ma su questo servirà ascoltare la comunità scientifica, sono l’isolamento dei positivi asintomatici e quello dei paucisintomatici”, precisa ancora Sileri.”E ancora l’utilizzo della mascherina al chiuso: più avanti potrà essere programmato ma aspetterei comunque ancora due o tre settimane per poter mettere in cantiere questa nuova gradualità di misure, sicuramente una riflessione sul green pass andrà fatta a livello europeo. Stiamo andando incontro ad una stagione con più spostamenti e a livello comunitario sarà importante concertare eventuali modifiche al certificato verde. Attenzione però-avverte Sileri- tutto questo dobbiamo farlo in un’ottica di prospettiva sul lungo termine, programmando per tempo le misure da intraprendere al termine della stagione calda. Servirà ragionare a livello globale per far fronte ad un’eventuale recrudescenza della circolazione del virus nel periodo autunnale, programmando le eventuali necessità per le persone più a rischio”. (fonte «Agenzia DIRE»)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Deutsche Bank PB & WM: un nuovo ingresso di alto profilo per il team di Milano

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Continua a crescere la squadra italiana del Private Banking & Wealth Management (PB&WM) di Deutsche Bank, che si arricchisce con l’arrivo di Paula Flenkenthaller, una professionista di alto standing che lavorerà come Senior Banker nel team di Milano a riporto di Massimo Furno. Nata a Milano, doppia cittadinanza italiana e austriaca, laurea in Giurisprudenza, Flenkenthaller vanta un’esperienza di circa trent’anni nel wealth management. Proviene da Credit Suisse, dove negli ultimi dieci anni, in qualità di dirigente, ha seguito family office, imprenditori e professionisti, affiancandoli nelle scelte riguardanti il patrimonio, con l’obiettivo di ottimizzarne gli aspetti finanziari, fiscali e di governance. Ha cominciato la sua carriera a Milano in Citigroup per poi passare in Bnp Paribas, dove tra le altre specializzazioni si è anche occupata di art advisory in coordinamento con il dipartimento di arte del Gruppo a Parigi.Roberto Coletta, Head of PB&WM e responsabile della Bank for Entrepreneurs per l’Italia, ha dichiarato: “L’ingresso di Paula, una delle figure più apprezzate e stimate del settore a cui va il nostro più caloroso benvenuto, è un’ulteriore dimostrazione dell’attrattività della nostra piattaforma per i tanti professionisti che vogliono offrire un reale valore aggiunto ai propri clienti e che stanno rafforzando il posizionamento di Deutsche Bank come banca di riferimento per gli imprenditori e le loro famiglie sul mercato italiano”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Religione cattolica, docenti al palo anche da 20 anni

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Bandire una procedura straordinaria per titoli riservata agli insegnanti di religione cattolica in possesso dell’idoneità rilasciata dall’ordinario diocesano competente per territorio e 36 mesi di servizio nell’insegnamento della disciplina nelle scuole del sistema nazionale di istruzione: ai vincitori del concorso sarà assegnata la metà dei posti vacanti e disponibili a partire dall’anno scolastico 2023/2024 e per gli anni successivi. La proposta, che non avrebbe alcun impatto finanziario per lo Stato, è stata presentata dal sindacato Anief – sotto forma di emendamento al disegno di legge 2505 Sostegni ter – nel corso dell’audizione svolta ieri dinanzi ai senatori della VI Commissione del Senato e intende superare lo stato di stallo in cui versano gli insegnanti di religione il cui ultimo concorso è stato pubblicato nel lontano 2003.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Le urgenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Tra un mese e mezzo, il 31 marzo prossimo, la scuola rischia di perdere 44mila docenti e Ata da un giorno all’altro: sono i supplenti assunti quest’anno sugli organici Covid, che la Legge di Bilancio ha confermato solo fino a quella data. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, annuncia che il suo sindacato con un emendamento al decreto Sostegni ter ha chiesto “di finanziare l’ulteriore prolungamento dell’organico Covid fino alla fine delle lezioni, ma anche di inserire questo organico Covid a tempo indeterminato, in organico di diritto per il fabbisogno delle scuole”.Durante un’intervista all’agenzia Teleborsa, il sindacalista autonomo spiega anche che “ci sono diverse criticità nella scuola che il decreto Sostegni ter può sanare”: per questo abbiamo suggerito delle “proposte di emendamento ai senatori”. Secondo Pacifico, ad esempio, sarebbe anche “importante garantire l’assegnazione provvisoria a tutti quanti”, anche agli oltre 12mila “neoassunti di prima fascia delle GPS, a chiunque abbia presentato domanda, al di là dei limiti attualmente imposti dal legislatore, visto lo stato della pandemia e le restrizioni che ci sono state”. Secondo il leader dell’Anief risulta “fondamentale poi un intervento sul dimensionamento scolastico: noi non possiamo più tollerare – ha detto Pacifico – il sovraffollamento delle classi. Abbiamo bisogno di classi con un rapporto alunni-insegnati inferiore a quello che abbiamo ora. Abbiamo bisogno di riportare tutti gli studenti in presenza senza discriminarne neanche uno”. E c’è anche, ha concluso Pacifico, l’esigenza “di prevenire il malessere psicologico dei nostri studenti e del personale, rientrare nella normalità, ma lavorare tutti quanti in sicurezza”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Formazione obbligatoria, con il nuovo contratto si cambia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Presto dovrà essere presa una decisione su come collocare la formazione obbligatoria dei docenti all’interno del nuovo contratto nazionale di lavoro: se con la Buona Scuola di Renzi, nel luglio 2015, è diventata un diritto dovere annuale, da definire da ogni collegio dei docenti, la parte attuativa non è stata mai sottoscritta. Le intenzioni del ministro dell’Istruzione, su come definirla, sono contenute nell’Atto di indirizzo già presentato, nel quale si anticipa che “il contratto definirà un pacchetto di ore specificamente e obbligatoriamente destinate alla formazione, finalizzate in particolare alla formazione dei docenti. (…) Il contratto, valorizzando l’impegno ulteriore previsto per tutto il personale e fermo restando il principio della remunerazione per il lavoro svolto al di fuori dell’orario di servizio, potrà altresì prevedere le modalità attraverso le quali l’impegno in attività di formazione in servizio certificate, valutate e coerenti con l’attività didattica svolta si collegherà a ulteriori sviluppi di valorizzazione professionale”. Questo è ancora un foglio bianco tutto da scrivere, ricorda Orizzonte Scuola. Marcello Pacifico, presidente Anief, ricorda che “la formazione è centrale nella vita professionale di tutti i lavoratori della scuola, ma deve essere retribuita, come ci ha ricordato la Corte di Giustizia Europea. E va necessariamente svolta durante l’orario di servizio e senza ore aggiuntive. Piuttosto, è bene che dal tavolo contrattuale esca un messaggio forte: visto che un docente su quattro è precario ed ha gli stessi diritti-doveri del collega di ruolo, è giunta l’ora che si assegni la Carta dei docenti anche ai precari. Come pure al personale educativo, equiparato per legge ai docenti della primaria, e naturalmente a quello amministrativo: per quale motivo il personale Ata è escluso della card che permette l’aggiornamento professionale?”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Mobilità dei dirigenti scolastici

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Sulla mobilità, secondo il sindacato, ci sono delle norme vecchie inamovibili che rendono difficoltosa la mobilità soprattutto da una regione all’altra. “Noi proponiamo che ci sia uno snellimento delle procedure e la messa a disposizione dei dirigenti scolastici del 100% dei posti disponibili in altre ragioni. Ovviamente seguendo le norme relative alla posizione delle graduatorie, le valutazioni del servizio, dei titoli, però se i posti ci sono perché non possono essere messi a disposizione? Ne parliamo in due degli emendamenti presentati: bisogna dare risposte ai dirigenti scolastici finiti in una situazione incatenata, in cui non si ravvisa più la possibilità di tornare nelle regioni di origine o in un luogo dove si desidera vivere. Si chiede una mobilità straordinaria”. Lo sostiene il sindacato Udir, attraverso un emendamento al disegno di legge 2505 Sostegni ter, presentato in audizione ai senatori della VI Commissione del Senato.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso infanzia e primaria, mancano procedure da calendarizzare

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Come riporta Tutto scuola, “al termine della seconda settimana di febbraio, mancano soltanto le pubblicazioni di quattro calendari delle prove orali del concorso Infanzia e Primaria rispetto ai 59 previsti. Mentre i calendari delle prove per i posti di sostegno di primaria e infanzia sono quasi tutti noti (manca soltanto quello del sostegno infanzia della Liguria), tre calendari dei posti comuni di primaria tardano ad essere pubblicati, forse a causa dell’elevato numero di candidati ammessi che determina tempi lunghi per la costituzione delle sottocommissioni (una ogni 500 o frazione ulteriore)”. Nel dettaglio, “sono attesi i calendari del Veneto che interessano 1.602 candidati ammessi su 4.335 che avevano presentato domanda (36,8%), quello del Lazio di cui 1.801 candidati ammessi su 9.952 che avevano presentato domanda (18,9%) e infine il concorso della Sardegna con 586 candidati ammessi su 2.671 (21,9%). Diversi calendari hanno disposto la conclusione delle prove anche a fine maggio; altri prevedono che gli orali si svolgano anche nel mese di giugno. Vi sono inoltre calendari parziali dei quali è stata disposta la pubblicazione per il primo mese o due con riserva di procedere al completamento della pubblicazione. In ogni modo, in base ai calendari delle prove orali finora pubblicati, è pressoché certa l’immissione in ruolo dei vincitori dal prossimo settembre”.Per i non vincitori che hanno comunque superato prova scritta e prova orale, “potranno avvalersi di punteggi aggiuntivi per le graduatorie provinciali (GPS) e per i prossimi concorsi. Per effetto anche delle aggregazioni, i dati relativi al numero dei candidati ammessi alla prova orale riguardano ora tutte le 59 procedure previste”.Anief ricorda che ha deciso di ricorrere per l’inserimento di tutti gli idonei nelle graduatorie di merito concorso ordinario 2020 infanzia/primaria. La preadesione è per il ricorso che sarà presentato presso il Tar del Lazio per ottenere la pubblicazione delle graduatorie di merito complete di tutti i candidati che supereranno tutte le prove del concorso ordinario 2020 infanzia/primaria. Il ricorso si propone di ottenere il superamento dello sbarramento del 10% degli idonei da inserire nelle graduatorie di merito pubblicate dai singoli Usr e per ottenere la possibilità per tutti gli idonei di essere individuati quali vincitori del concorso.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IV edizione di Health “Contamination Lab”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Le candidature sono aperte fino al 28 febbraio. Si tratta del percorso di formazione imprenditoriale legato a salute, innovazione e impresa dell’Università degli studi di Bergamo. La IV edizione di HC.Lab è aperta ad un massimo di 70 partecipanti. Possono candidarsi gli studenti (anche di dottorato) provenienti da tutti i dipartimenti dell’Università degli studi di Bergamo, chi ha terminato tali percorsi da meno di tre anni, gli assegnisti di ricerca, gli studenti del quarto e quinto anno delle scuole superiori partner dell’iniziativa, ma non solo: tutte le informazioni e i requisiti per l’accesso si possono trovare nel bando consultabile sul sito internet dell’Università degli studi di Bergamo. Numerose le partnership interdisciplinari del progetto HC.Lab con le imprese, le istituzioni, i partner internazionali e del settore “Health”, il mondo della scuola e i Contamination Lab nazionali.Tema della IV edizione di HC.Lab è “L’impatto della digitalizzazione sulla salute” – in termini di nuovi prodotti, di nuovi servizi e di miglioramento dei processi –, a sua volta declinato in tre aree di approfondimento: la remotizzazione dei servizi di diagnosi, monitoraggio e terapia, la cura della cronicità, della fragilità e degli anziani, e la medicina territoriale. Ambiti non ‘solo’ sanitari, ma legati, più in generale, alla salute e al benessere in una prospettiva ampia sia in termini di bisogni che di necessità di innovazione. Ad un modulo di introduzione all’imprenditorialità seguirà un approfondimento su scenari e bisogni di innovazione nel settore e l’approfondimento di strumenti e metodologie a supporto di un progetto d’impresa, come quelle legate alla stesura di un corretto modello di business. Quindi, i partecipanti lavoreranno in team, ognuno dei quali – guidato e accompagnato da mentor in grado di far emergere e dare forma alle idee più promettenti – sarà chiamato ad elaborare un progetto imprenditoriale: gli studenti si troveranno così a lavorare insieme a progetti comuni, acquisendo strumenti e capacità progettuali, organizzative e di comunicazione trasversali a diversi ambiti del sapere. All’interno di 10 giornate, a partire dall’11 marzo, si alterneranno didattica – 40 ore di lezioni frontali in presenza e online secondo la modalità ibrida di formazione entrata negli ultimi due anni nella quotidianità della vita universitaria – e workshop, seminari, approfondimenti e confronti con esperti provenienti da realtà esterne legate in vario modo all’innovazione nel campo della salute. La lista aggiornata è riportata sul sito di HC.LAB. 60 ore da marzo a giugno tra didattica (online e in presenza), workshop con esperti e affiancamento nella stesura in team di un progetto imprenditoriale costituiscono la struttura portante della proposta di HC.Lab 2022, che si rivolge ad un massimo di 70 partecipanti. Nato nel contesto del CYFE – Center for Young and Family Enterprise dell’Università degli studi di Bergamo – e inserito nella Rete Italiana dei Contamination Lab (CLab), HC.Lab trova il proprio valore aggiunto in un approccio interdisciplinare, innovativo e vicino ai bisogni del territorio, ma soprattutto nell’attenzione che rivolge al legame sempre più stretto tra salute – delle persone e della comunità –, tecnologia e iniziative imprenditoriali all’altezza delle sfide del settore dell’healthcare.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La crisi informatica ucraina: essere preparati ma senza panico

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

A cura di Sandra Joyce, EVP, Head of Mandiant Intelligence. La situazione in Ucraina è in continuo sviluppo e la prospettiva di gravi attacchi informatici ha catturato l’attenzione di tutti i professionisti di cyber intelligence, come me e le numerose organizzazioni con cui collaboriamo, sia nel settore pubblico che privato. Le preoccupazioni sono valide e ragionevoli; la Russia ha uno storico consolidato di utilizzo aggressivo delle proprie capacità informatiche sia in Ucraina che all’estero.Il pensiero è che a seguito dell’escalation della situazione, gravi attacchi informatici non riguarderanno solo l’Ucraina. Per questo stiamo avvertendo i nostri clienti di prepararsi ma siamo fiduciosi sul poterli contrastare con efficacia. È necessario essere pronti ma senza panico.La Russia in passato ha staccato in due occasioni la corrente a Kiev in pieno inverno, ha effettuato un attacco distruttivo su scala globale che ha bloccato le spedizioni a livello globale e la produzione dei vaccini e ha anche messo in atto strumenti per colpire la tecnologia delle infrastrutture critiche che potrebbero avere conseguenze importanti.Gli Stati Uniti e l’Europa hanno subito tentativi di penetrare nelle infrastrutture critiche sensibili, che riteniamo siano stati progettati per preparare uno scenario come la crisi in atto in Ucraina. Senza dubbio la minaccia è seria, in particolare per i team di sicurezza che devono difendere le reti da alcuni dei servizi di intelligence più preparati al mondo. Non si tratta di un problema limitato all’Ucraina. Riteniamo, infatti, che dopo aver attaccato le elezioni americane e francesi, i media occidentali, i Giochi Olimpici e molti altri obiettivi con ripercussioni limitate, la Russia sarà incoraggiata a utilizzare le sue capacità informatiche più aggressive in tutto l’Occidente. Questa possibilità fornisce alla Russia i mezzi per competere in maniera aggressiva con le altre Nazioni senza rischiare un conflitto armato aperto. Se gli Stati Uniti e gli alleati dovessero prevedere sanzioni in caso di un’invasione, il rischio aumenterebbe di certo.Siamo preoccupati nel caso avvengano attacchi distruttivi che sfruttino un ampio accesso alla catena di fornitura dei software o altri mezzi che permettano di ottenere l’accesso a più reti in contemporanea. Anche un attacco automatizzato e di semplice cancellazione dei dati potrebbe avere gravi conseguenze per reti pubbliche e private. Se i team di sicurezza prendessero ora delle contromisure per fronteggiare eventuali attacchi ransomware potrebbero essere preparati e più forti contro un determinato attore statale.I cyber attacchi possono essere costosi per le singole organizzazioni e possono anche sembrare spaventosi, ma il loro vero obiettivo è la nostra percezione.Lo scopo di questi attacchi informatici non è solo quello di cancellare gli hard disk o spegnere le luci, ma di spaventare coloro che devono contrastarli. Il pubblico di questi attacchi è ampio, ma ha anche il potere di determinare quanto questi siano efficaci.Per molti, questi incidenti possono assumere una gravità elevata ma è necessario essere consapevoli dei limiti. Sopravvalutandone la portata si contribuisce solamente ad avvantaggiare l’attaccante. Attacchi distruttivi e disruptive sono vicini ad altri strumenti di influenza. Alcuni degli stessi attori che effettuano questa tipologia di attacchi svolgono anche attività di hacking, di leak o di promozione di false notizie. Tutte queste operazioni possiedono il medesimo effetto: minare le istituzioni diffondendo dubbi e incertezze.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmaci anticoagulanti orali

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

La piattaforma per la prescrizione con piano terapeutico degli anticoagulanti orali (Nao) ai pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (Fanv) sarà attiva fino al 31 marzo, a partire dal 1° aprile 2022 entrano in piena operatività le prescrizioni tramite TS sistema Tessera Sanitaria (TS). Lo comunica l’Aifa richiamando quanto previsto dalla Nota 97 (adozione definitiva con Determinazione n. 1034 del 14 ottobre 2020) in merito ai farmaci anticoagulanti AVK (Warfarin, Acenocumarolo), NAO/DOAC (Dabigatran, Apixaban, Edoxaban, Rivaroxaban). Per quanto concerne la prescrizione, “la terapia anticoagulante nella Fanv deve essere personalizzata considerando innanzitutto il rischio trombo-embolico ed emorragico individuale, ma anche le caratteristiche di ciascun paziente tenendo conto in particolare della presenza di fattori in grado di influenzare la scelta terapeutica (es. le terapie farmacologiche concomitanti, la storia clinica, le patologie concomitanti e la compliance al trattamento). In particolare, la prescrizione di una terapia anticoagulante richiede una più accurata valutazione nei soggetti anziani/grandi anziani. Si tratta infatti di una popolazione ad alto rischio sia embolico sia emorragico, a maggior rischio di repentine variazioni nella funzionalità renale anche di notevole entità sia per condizioni intercorrenti (febbre, disidratazione, scompenso cardiaco, ecc.) sia per gli effetti di trattamenti concomitanti (Ace inibitori, sartani, diuretici, ecc.). In questi soggetti è necessario uno stretto monitoraggio clinico e di laboratorio per cogliere tempestivamente variazioni che richiedano una rivalutazione del tipo e/o del dosaggio del farmaco anticoagulante utilizzato”. (fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Concessioni balneari: Gli interessi di pochi e quelli di molti

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2022

Forse non è chiaro ai gestori degli stabilimenti balneari: tutte le concessioni scadranno automaticamente il 31 dicembre 2023 e chi continuerà a esercitare l’attività potrà essere denunciato per occupazione di suolo pubblico. La decisione, sul termine improrogabile di scadenza delle concessioni, l’ha presa il Consiglio di Stato, il massimo organo della giustizia amministrativa della Repubblica Italiana. L’Antitrust ha ricordato che “nel 2019, su un totale di 29.689 concessioni demaniali marittime (con qualunque finalità) ben 21.581 pagavano un canone inferiore a 2500 euro”. La disposizione della messa a bando dei servizi deriva da una direttiva europea del 2006, detta Bolkestein, che ha permesso di liberalizzare alcuni settori, dei quali il consumatore ha tratto benefici. Basterebbe pensare a quello dei telefonini che ha consentito la concorrenza e, quindi, di abbassare i prezzi e aumentare la qualità. Il rispetto della direttiva europea consente al nostro Paese di accedere ai fondi comunitari per un valore di 248 miliardi di euro, compresi quelli destinati al Piano nazionale di ripresa e resilienza, a beneficio dell’intera economia italiana e di evitare di pagare le sanzioni per inadempienza alle direttive comunitarie, multe che indirettamente paga il contribuente. Il Governo ha varato un decreto per regolamentare il settore delle concessioni balneari prevedendo forme di tutela per le attività già avviate. La presidente di FdI, Giorgia Meloni vuole una proroga, inapplicabile, di 99 anni delle concessioni. Facciamo un calcolo semplice: a fronte di 115 milioni di euro ricavati dalle concessioni, si metterebbero in discussione 248 miliardi di fondi europei e si dovrebbero pagare le multe per mancato adempimento. In realtà, la presidente Meloni pensa ai voti dei concessionari per le prossime elezioni, il resto non interessa. Il resto sarebbero 60 milioni di italiani. Primo Mastrantoni, Aduc http://www.aduc.it

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »