Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Ucraina: La centrale di Zaporizhzhia e le minacce russe

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 marzo 2022

L’invasione militare dell’Ucraina decisa da Vladimir Putin porta con sé anche una minaccia atomica senza precedenti, data la presenza nel Paese di 15 reattori nucleari commerciali, inclusa la centrale di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, in queste ore al centro delle cronache a causa dei combattimenti che si sono svolti nelle sue vicinanze. Una situazione che ha destato la preoccupazione anche dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA), che ha sollecitato la Russia a “mettere fine alle azioni” in prossimità dei siti nucleari. Dall’inizio della guerra in Ucraina, Greenpeace International ha seguito da vicino le possibili conseguenze per gli impianti nucleari presenti nel Paese. In queste ore, l’organizzazione ambientalista ha pubblicato un’analisi tecnica sui rischi relativi allo stato di sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia, nel sud dell’Ucraina. Secondo questo rapporto, nello scenario peggiore, in caso di bombardamento accidentale o di un attacco deliberato, le conseguenze potrebbero essere molto gravi, con impatti su vasta scala peggiori del disastro nucleare di Fukushima nel 2011. A causa della vulnerabilità delle centrali nucleari, della loro dipendenza da un complesso sistema di supporto e del tempo necessario per portare la centrale a un livello di sicurezza passivo, l’unico modo per ridurre i rischi in modo sostanziale è fermare immediatamente la guerra. Greenpeace desidera esprimere il suo profondo rispetto e apprezzamento a tutte le persone che in queste ore stanno operando in condizioni estreme per mantenere la stabilità delle centrali nucleari in Ucraina. Non stanno solo proteggendo la sicurezza del loro Paese, ma anche dell’Europa. (n.r. Ora la centrale è controllata dai russi e dopo le minacce di Putin di usare l’arma atomica il rischio di una folle iniziativa dei russi di farne uso per ricattare l’occidente è molto concreto. Ci aspettiamo momenti drammatici per l’umanità anche se riusciamo a contenere questo pericolo. Il pericolo per la sicurezza del pianeta poggia nella mani di un uomo che ha perso ogni controllo e tutto ciò lo sarà anche in futuro dopo l’Ucraina.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: