Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Archive for 14 marzo 2022

Ucraina: si agli aiuti, anche in armi

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Per capire facciamo un esempio, tornando indietro di 80 anni: Hitler dichiara guerra alla Polonia. In difesa, scendono in campo Regno Unito e Francia (poi USA). E’ la Seconda guerra mondiale e, secondo i pacifisti di turno, si doveva fare appello a Germania e Polonia affinché deponessero le armi, non distinguendo tra aggressore e aggredito. Non fornire supporto alla Polonia, di fatto, significava favorire l’aggressore nazista. Anzi, la Polonia doveva arrendersi al primo colpo di fucile per evitare morti e distruzioni. Oggi la Russia ha invaso l’Ucraina. Dopo l’appello alla pace dei pacifisti, dei quali nelle settimane scorse abbiamo visto le manifestazioni, cosa doveva fare l’Ucraina? Arrendersi all’invasore? E cosa dovevano fare le democrazie occidentali? Osservare l’occupazione dell’Ucraina da parte della Russia, limitandosi all’invio di generi alimentari e, di fatto, sostenendo l’aggressore? Per analogia, nel 1939, Regno Unito e Francia avrebbero dovuto organizzato solo aiuti umanitari alla Polonia! Oggi, se possiamo vivere in un sistema di democrazie liberali, lo dobbiamo al sacrificio di milioni di persone che hanno combattuto con le armi le dittature nazifasciste.Quella di Putin in Russia è una dittatura che dura da venti anni, mascherata da finte elezioni nelle quali si impedisce la partecipazione alle liste di opposizione, si uccidono gli avversari (Politkovskaja, Nemcov, Litvinenko), si incarcerano i dissidenti (Navalny) e si reprimono brutalmente le manifestazioni di protesta.Putin in 20 anni di potere assoluto non è riuscito a far uscire dalla povertà il popolo che governava: il Pil della Federazione russa è minore di quello dell’Italia e il Pil procapite russo è circa 3 volte inferiore a quello italiano. Un fallimento che cerca di coprire rivendicando una inesistente identità tra Russia e Ucraina che giustifichino l’invasione. La motivazione è altra: quando si ha un problema interno si cerca un nemico esterno, ma non c’è nessun nemico alle porte. In 73 anni di esistenza, la Nato non ha mai invaso alcun Paese e gli Stati che hanno aderito alla Ue hanno visto crescere il benessere del proprio popolo (es. la Polonia ha raddoppiato il PIL). L’invasione della Ucraina è il frutto di una mente criminale che vuole conservare il proprio potere e quello dei suoi accoliti, provocando morte e distruzione. Primo Mastrantoni, http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Senior Italia FederAnziani sostiene l’UNICEF per aiutare i bambini e le famiglie dell’Ucraina

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Senior Italia FederAnziani si schiera al fianco dell’UNICEF a sostegno dei bambini e delle famiglie dell’Ucraina. In questo momento, oltre 7,5 milioni di bambini e di bambine dell’Ucraina hanno urgente bisogno di protezione e assistenza umanitaria. Di questi, oltre 1 milione di bambini ha lasciato il paese a causa dell’intensificarsi del conflitto. Molti sono scappati con le loro famiglie in Polonia, Ungheria, Slovacchia, Moldavia e Romania. L’UNICEF continua a lavorare con i suoi operatori in Ucraina per fornire assistenza umanitaria a bambini e famiglie, come pure è attivo nei paesi confinanti per proteggere e assistere quanti sono costretti a fuggire a causa del conflitto. “Quando si verifica un’emergenza i bambini sono i più vulnerabili, perché viene sottratto loro ogni diritto al gioco, all’istruzione, a una vita sicura e adeguata. Per supportarli, c’è bisogno dell’aiuto di tutti” – ha dichiarato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia. “Siamo grati a Senior Italia FederAnziani per aver deciso di sostenere i bambini dell’Ucraina attraverso l’UNICEF. Questa iniziativa rappresenta concretamente quel ponte ideale di solidarietà che viene a crearsi quando gli adulti decidono di aiutare i più piccoli, i bambini. Insieme vogliamo garantire loro un futuro migliore, più sereno e di pace.” “Come organizzazione che rappresenta i senior siamo lieti di poter sostenere il prezioso lavoro dell’UNICEF”, dichiara la Presidente Senior Italia FederAnziani Eleonora Selvi, “Quello che lega gli anziani e i bambini è spesso il loro essere i più fragili nelle crisi. Ma la forza del legame intergenerazionale è una risposta al dramma dell’Ucraina. E i nostri senior dimostreranno ancora una volta il loro grande cuore: i bimbi ucraini in questo momento sono i nipoti di tutti i nonni” Da oggi e fino a tutto il mese di aprile Senior Italia FederAnziani coinvolgerà i suoi aderenti per dare un contributo concreto e aiutare tanti bambini vulnerabili in Ucraina e nei paesi vicini. In particolare, Senior Italia FederAnziani si impegnerà a diffondere i messaggi dell’UNICEF attraverso i propri canali digitali, il Tg Senior News e il Notiziario Radiofonico, invitando a effettuare una donazione sul sito http://www.unicef.it/ucraina L’UNICEF ha lanciato un appello per 349 milioni di dollari, diretto a fornire un sostegno salvavita fondamentale ai bambini dell’Ucraina e alle loro famiglie. Insieme con l’UNICEF sarà possibile garantire ai bambini acqua pulita, coperte per ripararsi dal freddo, cure mediche di base, kit per l’igiene personale e assistenza psico-sociale.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conflitto russo-ucraino – L’invito di CAMMINO

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

L’emergenza generata dal conflitto in corso e l’arrivo in Italia di numerosi profughi, tra i quali persone particolarmente vulnerabili, spinge CAMMINO – Camera Nazionale degli Avvocati per la persona, le relazioni familiari e i minorenni – a sollecitare tutti gli interlocutori istituzionali per l’individuazione urgente e mirata di misure efficaci volte ad evitare modalità inidonee di accoglienza, proteggendo soprattutto le persone di età minore dal rischio di essere vittime di sparizione e di circuiti poco virtuosi attivati anche mediante l’uso improprio del web e la circolazione di fake news. Circuiti che rischiano di incrementare fenomeni criminali, correlati anche alla tratta di essere umani ed allo sfruttamento minorile. CAMMINO ritiene necessarie ed invita ad attivare modalità operative – e di informazione, anche tramite i mass media e i canali del Ministero dell’Interno e di AGIA, l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza – che valorizzino gli strumenti di tracciamento dei minorenni in Italia che siano arrivati soli, favorendo la conoscenza della legge 7 aprile 2017 n. 47, che prevede la nomina di tutori volontari, cui si dovrà necessariamente ricorrere per una loro efficace tutela.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il prezzo del carburante e la risposta dei petrolieri

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

“Le parole pronunciate dal Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ‘Colossale truffa…’ nell’intervista degli scorsi giorni a SkyTG24 sono riferite, da come abbiamo ben interpretato, ad una situazione energetica che il sistema dell’Oil & Gas sta vivendo a livello internazionale e non solo all’Italia. Si stanno strumentalizzando anche le parole di un Ministro pur di fare confusione e criminalizzare ‘i cattivi petrolieri’”. Così FederPetroli Italia in una nota. “Siamo certi e convinti che il Ministro non intendeva assolutamente criminalizzare l’indotto energetico italiano né tantomeno la raffinazione – dichiara il presidente di FederPetroli Italia Michele Marsiglia – La situazione di queste ultime settimane è rara, dopo oltre 30 anni si sta assistendo ad uno stravolgimento delle rotte petrolifere internazionali con paesi che in pochi giorni ritornano sulla scena petrolifera a pieno titolo come Iran e Venezuela. I prezzi dei carburanti per quel che riguarda l’Italia, nella media europea sono tra i più bassi, solo che la nostra componente fiscale porta il prezzo all’utente finale e sulla Rete Carburanti con un delta maggiore che penalizza il privato e le aziende”. ECO NG01 taw 141016 MAR

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli aumenti del prezzo del carburante toccano quota 60% in 2 mesi

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Immotivato e spropositato aumento del costo del carburante, del 60% negli ultimi due mesi. CNA Lombardia pensa che questa situazione di difficoltà che sta colpendo famiglie e imprese sia dettata da speculazioni, responsabili dell’amplificazione dei naturali effetti della crisi geopolitica in corso.CNA Lombardia si rifà a due concetti espressi dal Presidente Draghi e dal Ministro Cingolani: “il Presidente del Consiglio ha evocato la necessità di prepararsi ad un’economia di guerra, il Ministro Cingolani ha parlato di truffa a proposito dell’aumento dei carburanti. Se qualcuno ha truffato i cittadini, le famiglie e le imprese, allora chi lo pensa sia serio e vada fino in fondo.” spiega in una nota la Confederazione Nazionale della Piccole e Media Imprese Lombarde.Nelle stesse ore in cui ha chiesto un decreto ad hoc per il computo in fattura dei costi del carburante a favore delle imprese di trasporto, CNA Lombardia vuole andare ancora più a fondo. “Il Governo dovrebbe ripensare il regime delle accise sui carburanti, ma soprattutto Governo, autorità competenti e anche il Parlamento dovrebbero indagare a fondo sulla fisiologia degli aumenti dei carburanti e anche di altri beni di largo consumo e prima necessità.”, puntualizza il Presidente di CNA Lombardia Giovanni Bozzini.”Se ci sono soggetti che speculano sul contesto di guerra in cui si ritrova l’Europa, bisogna essere seri e analizzare a fondo le dinamiche speculative in atto. Se qualcuno specula, bisogna saperlo, bisogna impedirgli di farlo e se ci sono gli estremi bisogna punirlo. Noi pensiamo ad una Commissione parlamentare d’inchiesta su quella che non è solo il frutto della situazione geopolitica, ma anche l’esito di una catena di speculazioni. Anche tutte le autorità competenti dovrebbero entrare in campo in questa fase”, prosegue Bozzini. CNA Lombardia apprezza le parole del ministro Cingolani sull’ipotesi di un tetto europeo sul costo di gas ed energia elettrica in questa straordinaria fase geopolitica, ma oltre a questo bisogna “tracciare una linea di confine” tra pratiche lecite e pratiche illecite, oltre che speculativamente intollerabili sul delicato corpo sociale ed economico in fragile ripresa dopo la pandemia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Unc: Governo mandi Guardia di finanza da petrolieri e distributori

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Secondo le rilevazioni di Quotidiano Energia, la media nazionale del gasolio supera di poco la benzina, posizionandosi sopra i 2,3 euro/l in modalità servito e oltre i 2,2 euro nel self. Il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 2,217 euro/litro. Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 2,220 euro/litro (venerdì 2,173).”Il Governo mandi la Guardia di Finanza in tutte le società petrolifere e in tutti i distributori d’Italia, a tappeto, per bloccare le speculazioni in corso” chiede a gran voce Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Visto che il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha dichiarato sabato che il mercato specula e che siamo in presenza di una colossale truffa, occorre che il Governo compia gli atti conseguenti e mandi controlli delle forze dell’ordine per verificare chi, lungo la filiera, sta speculando” prosegue Dona.”Abbiamo già chiesto di farlo anche all’Antitrust, nel nostro esposto, chiedendo all’Authority di avvalersi dell’ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza e chiediamo di farlo anche alla Procura di Roma, che deve anche sentire il ministro Cingolani come persona informata sui fatti” aggiunge Dona. “Bisogna bloccare immediatamente questi rialzi del tutto ingiustificati e per farlo serve anche una drastica riduzione delle accise. Se fosse irrisoria, infatti, non produrrebbe alcun effetto pratico sull’impennata dei prezzi” conclude Dona. (Mauro Antonelli)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parte oggi la “Settimana Mondiale del Cervello”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

E’ l’iniziativa annuale realizzata dalla Società Italiana di Neurologia (SIN) che ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla prevenzione e la lotta a tutte le malattie neurologiche, informando nello stesso tempo sugli importanti progressi che la ricerca scientifica sta ottenendo. “Le stagioni del cervello” è il tema scelto per l’edizione 2022 e A.L.I.Ce. Italia Odv, Associazione per la Lotta all’ictus cerebrale, anche quest’anno aderisce a questa importante iniziativa, sottolineando ancora una volta quanto sia importante essere attivi nel tutelare la propria salute fin da giovani e avere una maggiore consapevolezza sui principali fattori di rischio per prevenire l’insorgenza di malattie cerebrocardiovascolari. L’ictus cerebrale, che è più frequente dopo i 55 anni, è spesso considerato una malattia che interessa soltanto soggetti anziani. E’ vero: la probabilità di malattia aumenta con l’aumentare dell’età (il 75% degli ictus si verifica nelle persone con più di 65 anni), ma sempre più spesso ne sono colpiti anche i giovani. “L’età avanzata resta uno dei principali fattori di rischio non modificabili – dichiara il Prof. Danilo Toni, Direttore Unità Trattamento Neurovascolare Policlinico Umberto I di Roma e Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico di A.L.I.Ce. Italia Odv. Tuttavia, si calcola che, nel nostro Paese, circa 12.000 soggetti di età inferiore a 55 anni vengano colpiti da questa patologia ogni anno: la fascia di età più giovane tende ad essere sempre più a rischio perché sono sempre più diffuse condizioni predisponenti come ipertensione arteriosa, diabete, obesità, sedentarietà e cattiva alimentazione”. Inoltre, il sensibile aumento che si è riscontrato in questi ultimi anni, soprattutto nei soggetti under 45, va senz’altro attribuito anche ad una maggiore diffusione di alcol e droghe; l’uso smodato di alcolici e superalcolici rappresenta un fattore di rischio sia per l’ictus ischemico che per quello emorragico, aumentando anche di 3-4 volte la probabilità di incorrere in un episodio di patologia cerebrovascolare, ma può costituire anche un fattore precipitante, determinando l’insorgenza dell’evento acuto, ad esempio in occasione di una forte bevuta (binge drinking), magari nel fine settimana.“La prevenzione gioca come sempre un ruolo determinante, è un elemento chiave che va perseguito fin dalla più giovane età – continua il Prof. Toni. È necessario concentrare i propri sforzi per seguire uno stile di vita sano, in cui trovino ampio spazio una corretta alimentazione e un’attività fisica costante, tenendo sotto controllo tutti quei fattori di rischio che possono portare a patologie cerebrocardiovascolari. Davvero importante, inoltre, sottoporsi a periodici controlli medici, che devono essere adeguati al passare degli anni”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premiere de la película ‘CORAZÓN DE PADRE’ en la Basílica de la Sagrada Familia de Barcelona

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

El próximo martes 15 de marzo, la Basílica de la Sagrada Familia de Barcelona será escenario de la PREMIER de “Corazón de Padre”, un documental de Goya Producciones que redescubre la figura de José de Nazaret, no como una figurita de Belén o un silencioso personaje histórico, sino como ese aliado poderoso en la familia para el mundo de hoy. Andrés Garrigó, director del largometraje, señala que “es muy significativo que la proyección del documental se lleve a cabo en el Templo de la Sagrada Familia; además, inicialmente Gaudí la pensó para honrar al santo, y la historia de este templo nos lo muestra. Por ejemplo, el 19 de marzo de 1882, festividad de San José, se coloca la primera piedra, y el año 1885 se inaugura la Capilla que lleva su nombre; luego, en 1958, también un 19 de marzo, el conjunto escultórico de la Sagrada Familia es colocado en la Fachada del Nacimiento.” Por su parte, Mn. Josep Maria Turull Garriga, rector de la Basílica de la Sagrada Familia, explica que la proyección en el Templo “es un hecho excepcional y tiene razón de ser, porque estamos celebrando los 140 años de la primera piedra”.Mn. Turull agregó además que este evento “es significativo porque terminamos de celebrar el año de San José que el Papa Francisco clausuró el 8 de diciembre pasado, y ese mismo día en Barcelona se bendijo e inauguró en la basílica la torre de la Virgen María. También, el próximo 19 de marzo, se clausura el camino de San José, una peregrinación por las parroquias dedicadas al santo en la Archidiócesis de Barcelona”.El documental, que distribuye en España European Dreams Factory y que llegará a las salas de cine de España el 18 de marzo, nos descubrirá facetas ocultas del esposo de María, entre las que destaca su incesante intervención, atendiendo súplicas de millares de personas en los lugares más insospechados del mundo.“Corazón de Padre” fue rodado en diversos países del mundo (Italia, Estados Unidos, Canadá, Perú, Francia, Filipinas, entre otros), donde los protagonistas de milagros nos cuentan historias que muestran cómo, San José, que trabajaba en su taller de carpintería y que vivió hace más de 2000 años, se sigue manifestando también hoy de manera extraordinaria. En España, el documental descubre la especial presencia de San José en Toledo, en Ávila y en Barcelona, donde se han filmado escenas tanto en el templo de la Sagrada Familia como en el Santuario de San José de la Montaña.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La pace dei popoli e quella di chi ci governa

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Da quando l’esercito russo ha invaso l’Ucraina, senza una ragione e con brutalità, in molti paesi del mondo la gente è scesa nelle piazze per invocare la pace. Ma sono state manifestazioni sterili nel senso che non hanno spostato di un millimetro l’arroganza dell’aggressore. E’ stata la cruda presa di coscienza di chi scende in piazza per una ragione valida ma non riesce per nulla a tacitare la volontà genocida di un tiranno. E allora che fare? Immagino una risposta diversa. Cosa accadrebbe se milioni di pacifisti armati solo di ramoscelli d’ulivo e guidati da una figura carismatica come potrebbe essere il Santo Padre varcassero i confini ucraini per dirigersi nelle zone dove infiamma la battaglia? E mettendosi davanti ai carri armati formano una barriera. Non credo a questo punto che gli aggressori sarebbero capaci di sparare a zero con i loro cannoni e far crepitare le armi di cui sono dotati. Suppongo che solo in questo modo i pacifisti e gli uomini e le donne di buona volontà potrebbero farsi rispettare e ottenere il risultato che ora invocano nelle piazze di tutto il mondo. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

The peace of peoples and that of those who govern us

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Since the Russian army invaded Ukraine, for no reason and with brutality, in many countries of the world people have taken to the streets to call for peace. But they were sterile manifestations in the sense that they did not move the arrogance of the aggressor by an inch. It was the raw awareness of those who take to the streets for a valid reason but cannot at all silence the genocidal will of a tyrant. So what to do? I imagine a different answer. What would happen if millions of pacifists armed only with olive branches and led by a charismatic figure such as the Holy Father could be, crossed the Ukrainian borders to head to the areas where the battle is inflamed? And by standing in front of the tanks they form a barrier. I do not believe at this point that the attackers would be able to shoot at zero with their cannons and crackle the weapons they are equipped with. I suppose that only in this way could peacemakers and men and women of good will be able to be respected and achieve the result they are now calling for in the squares of the whole world. (By Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rincari benzina e speculazioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

L’Unione Nazionale Consumatori ha deciso di presentare un esposto all’Antitrust contro i rincari di benzina e gasolio, chiedendo che la Guardia di Finanza accerti le speculazioni lungo la filiera.”E’ evidente che ci sono speculazioni vergognose in corso sui prezzi dei carburanti. I rialzi, infatti, non sono certo giustificati dalla guerra in Ucraina, non tanto e non solo perché al momento non c’è un blocco dell’import dalla Russia di gas e petrolio, ma soprattutto perché l’impennata delle quotazioni sui mercati internazionali non possono già essere arrivata alla pompa, visto che il petrolio greggio prima di diventare benzina va distillato e raffinato” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Chiediamo, quindi, che l’Antitrust accerti, tramite la Guardia di Finanza, quando e con che tempistica sono iniziati gli aumenti e se qualcuno si è approfittato di questa emergenza e dei timori per gli effetti della guerra per condizionare indebitamente il comportamento economico dei consumatori, attuando così una pratica commerciale scorretta, e, nel caso siano accertati reati, quali il rialzo fraudolento di prezzi sul pubblico mercato, di segnalare alla Procure territorialmente competenti gli eventuali profili penalmente rilevanti” conclude Dona.In una sola settimana, dal 28 febbraio al 7 marzo, secondo i dati ufficiali del Mite elaborati dall’Unc, la benzina è rincarata del 4,5%, 8,43 cent al litro, pari a 4,21 euro per un pieno di 50 litri, equivalenti a 101 euro su base annua, mentre il gasolio ha fatto un balzo ancora maggiore, +5,1%, 8,89 cent al litro, che corrispondono a 4 euro e 44 cent a rifornimento, 107 euro annui. (Mauro Antonelli)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rassegna Tra diritto e società. La questione penitenziaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Parma martedì 15 marzo la seconda edizione della rassegna Tra diritto e società. La questione penitenziaria, un ciclo di seminari interdisciplinari promossi dal Dipartimento di Giurisprudenza, Studî politici e internazionali dell’Università di Parma dedicati alle tematiche carcerarie.I sei incontri sono ideati e organizzati da Fabio Cassibba e Chiara Scivoletto, docenti, rispettivamente, di Diritto penitenziario e di Criminologia in Ateneo, e si rivolgono in primis alle studentesse e agli studenti iscritti ai corsi di laurea del Dipartimento. Il primo appuntamento è fissato per martedì 15 marzo alle 15 su Teams (urly.it/3hz98) e tratterà della Giustizia riparativa. Da utopia a programma. I relatori saranno Marco Bouchard, Presidente di Rete Dafne Italia, Giovanni Ghibaudi, Presidente del Comitato nazionale dei mediatori esperti in giustizia riparativa e Isabella Mastropasqua, Dirigente del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità del Ministero della Giustizia. Il secondo seminario, in programma giovedì 31 marzo alle 15 e intitolato Le infinite riforme. Il carcere e la città, vedrà la partecipazione di Stefano Anastasia, della Conferenza dei Garanti per le persone private della libertà personale, Giuseppe Mosconi dell’Università di Padova e Giacinto Siciliano, Direttore della Casa Circondariale di San Vittore di Milano. Si proseguirà mercoledì 13 aprile alle 15 per trattare di “Carcere duro” e diritti fondamentali del detenuto. Dialogheranno sul tema Pasquale Bronzo, di Sapienza Università di Roma, Veronica Manca, avvocata del coordinamento di «Diritto di difesa» e Gabriele Terranova, Presidente della Camera penale di Prato. Il quarto appuntamento, previsto per martedì 26 aprile alle 15, sarà dedicato a La sicurezza e l’uso legittimo della forza. Il tavolo dei relatori sarà composto da Pietro Buffa, Provveditore del Dipartimento della Amministrazione Penitenziaria della Lombardia, Cosima Buccoliero, Direttrice dell’Istituto penale minorile ‘C. Beccaria’ di Milano, Alessandro Maculan, dell’Università di Padova e Angelo Napolitano, Dirigente di Polizia penitenziaria presso la Casa Circondariale di Pavia. Il penultimo incontro è in programma mercoledì 4 maggio alle 15. Si parlerà di Sex offenders e “infami”: i bisognosi di protezione dentro e fuori dal carcere. Il tema verrà affrontato da diverse prospettive professionali: ne tratteranno Laura Cesaris, Università di Pavia e Garante dei detenuti della Provincia di Pavia, Monica Dotti e Paolo De Pascalis, del Centro LDV dell’Azienda USL di Modena, Fabio Gianfilippi, del Tribunale di Sorveglianza di Spoleto e Silvia Merli, presidente del ClPM Emilia di Piacenza. Il ciclo si chiuderà giovedì 12 maggio alle 13 con un appuntamento su Il diritto allo studio in carcere. Pensare il futuro. Quest’ultimo seminario si svolgerà in presenza presso il teatro degli Istituti penitenziari di Parma (via Burla) e vedrà la partecipazione di Franco Prina, Presidente della Conferenza Nazionale Universitaria dei Poli penitenziari (l’organismo della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane dedicato allo studio in carcere), che dialogherà con Vincenza Pellegrino, Delegata del Rettore ai rapporti con gli Istituti penitenziari di Parma e con Francesca Vianello ed Elton Kalika, dell’Università di Padova. Questo appuntamento richiede la prenotazione, secondo le indicazioni contenute nella locandina.Per l’importanza dei temi trattati e per la competenza dei relatori coinvolti tutti gli appuntamenti (in modalità webinar, su piattaforma Teams) saranno aperti alla partecipazione libera dei professionisti, degli operatori, degli studenti degli istituti scolastici superiori e della cittadinanza tutta.Il Coordinamento scientifico dell’iniziativa è curato da Fabio Cassibba e Chiara Scivoletto.La segreteria organizzativa è affidata a Virginia Oddi e Ettore Crippa. L’accesso è libero.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E’ possibile predire il rischio di gravi complicazioni neonatali?

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

È possibile predire il rischio di gravi complicazioni neonatali nei bimbi nati dopo ipossia intrapartum? Questa la domanda all’origine di uno studio condotto dal gruppo di ricerca della Clinica ostetrica dell’Università di Parma, con il coordinamento di Tullio Ghi, docente di Ginecologia e Ostetricia.Utilizzando un approccio innovativo nell’analisi dei tracciati del cuore fetale registrati in sala parto, è stato dimostrato che se il feto giunge al parto in condizioni di buona ossigenazione ha la capacità di tollerare molto bene un’eventuale ipossia del travaglio di parto, e pur se presenta acidosi metabolica alla nascita il rischio di danni cerebrali o di morte è molto basso. Viceversa, il bimbo nato con ipossia e acidosi sul cordone che presentava sul tracciato di ammissione al travaglio dei segnali di ridotta ossigenazione ha una probabilità molto più alta di andare incontro a gravi complicazioni dopo la nascita. Questo studio rappresenta un importante passo avanti nella comprensione dei meccanismi responsabili della tolleranza del feto alla grave ipossia intrapartum, un’evenienza che si realizza in circa 2 parti su 1000 e che può essere responsabile della morte o della paralisi cerebrale infantile.Per prevenire queste gravi complicazioni i feti durante il parto vengono sottoposti a controllo della frequenza cardiaca mediante registrazione continua, ma la lettura del tracciato con i sistemi classificativi tradizionali non è semplice e non consente di identificare con accuratezza i casi che presentano realmente un’ipossia, e tra questi quelli che sono a maggior rischio di complicazioni.Una recente classificazione dell’analisi dei tracciati cardiotocografici basata sulla conoscenza della fisiologia del cuore e del cervello fetale sembra più accurata nell’identificazione dei bimbi che presentano una sofferenza ipossica durante il parto. Lo studio multicentrico condotto dal gruppo coordinato dal prof Ghi, pubblicato sulla più importante rivista internazionale di Ostetricia (“BJOG: An International Journal of Obstetrics and Gynaecology”), dimostra che grazie a questa nuova classificazione è possibile predire gli esiti dei bimbi nati con ipossia e fornire importanti informazioni prognostiche ai genitori e ai neonatologi. L’ampia casistica “arruolata” (più di 400 neonati) e la partecipazione di alcuni tra i più importanti punti nascita italiani (oltre a Parma, Torino e Varese) sono tra i punti di forza del lavoro.Inoltre la collaborazione clinica e scientifica tra ginecologi, neonatologi e neuropsichiatri infantili del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma è un esempio virtuoso di come la trasversalità delle competenze sui temi di salute più importanti porti al raggiungimento di traguardi di rilievo. Sul tema dell’ipossia intrapartum e della sua prevenzione mediante l’uso della cardiotocografia la Maternità di Parma è tra i centri all’avanguardia in Europa, sia per i risultati clinici (bassissimo numero di bimbi con complicazioni da grave ipossia e bassa percentuale di tagli cesarei) sia per l’attività scientifica (numerose pubblicazioni su riviste di alto impatto e organizzazione di master, corsi e congressi di respiro nazionale e internazionale).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La moltiplicazione delle crisi non dà tregua alle imprese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

L’inattesa crisi pandemica del 2020, trascinatasi nel 2021, aveva già causato nel mondo della ristorazione 56 miliardi di perdite, determinando la chiusura di 45mila imprese, con le immaginabili conseguenze in termini di occupazione, dispersione delle competenze, fragilizzazione delle famiglie e impoverimento del tessuto sociale che proprio la rete dei Pubblici Esercizi italiani anima e caratterizza. Poi, mentre faticosamente calavano la curva e l’impatto dei contagi impennatisi nell’inverno, grazie anche alla diffusione dei vaccini, i primi mesi del 2022 hanno soffiato nuova aria di crisi: gli operatori hanno ormai cominciato a soffrire palesemente le conseguenze del caro energia e di una pericolosa fiammata inflattiva. L’esordio del 2022 per il settore della ristorazione ha visto crescere esponenzialmente il costo delle materie prime e della bolletta energetica delle aziende del settore, che registra aumenti dell’80%, tendenzialmente in ulteriore crescita, determinando un inevitabile aumento di prezzi, che alimenta inflazione aggiuntiva penalizzando la ripresa dei consumi e generando nuove difficoltà nel riscontrare le esigenze del mercato del lavoro. Un circolo vizioso che ha trovato nella guerra un detonatore ulteriore. Guerra vicinissima, aberrante nelle conseguenze umane, desolante per la fiducia dei mercati e i flussi internazionali, nefasta nelle conseguenze economiche anche di medio periodo, tra scarsità di materie prime, sanzioni commerciali moralmente doverose ma inevitabilmente dolorose anche per la parte che le commina.Questa la durissima analisi che l’Ufficio di Presidenza di FIPE-Confcommercio, ha condiviso, manifestando l’enorme preoccupazione per il contesto internazionale e per le ripercussioni sul mondo della ristorazione, dell’intrattenimento e la filiera turistica nel nostro Paese. Rischia di andare definitivamente in crisi il qualificato modello diffuso dei Pubblici Esercizi Italiani e si chiede al Governo di coinvolgere le rappresentanze d’impresa per trovare le soluzioni più efficaci a misura di economia reale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La comunità “Il Gabbiano” di Melendugno celebra i 56 anni di riabilitazione del programma Narconon nel mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Torre dell’Orso – La comunità Narconon “Il Gabbiano” ha onorato i 56 anni di riabilitazione del programma Narconon a livello mondiale. Il centro, presente dal 1994 a Torre dell’Orso, ha salvato in questi anni di ininterrotta attività migliaia di persone dalla tossicodipendenza e dall’alcolismo riportandoli letteralmente in vita e restituendo alle loro famiglie una serenità che pensavano definitivamente perduta. Nonostante la situazione pandemica la comunità “Il Gabbiano”, come tutti i restanti centri esistenti nel mondo, ha continuato a accogliere persone da riabilitare provenienti da tutt’Italia, ma anche dall’estero. Con l’applicazione di rigidi protocolli e adeguati periodi di quarantena per i nuovi ingressi, il centro è riuscito a superare indenne questi due anni di pesante crisi sanitaria. Questi protocolli hanno permesso agli operatori del centro di seguire con tutte le attenzioni e le cure necessarie anche chi, a causa dell’isolamento pandemico, è caduto nella trappola infernale della droga e dell’alcol. Il programma Narconon è nato 56 anni fa e oggi sono moltissimi coloro che possono ringraziare l’efficacia riabilitativa di questo programma. Molti di loro lo devono al centro Narconon di Torre dell’Orso che è il più grande centro al mondo. Tutte le persone che portano a termine la loro riabilitazione e iniziano una vita libera da droga e alcol testimoniano la loro caparbietà di farcela, come pure il grande impegno degli operatori Narconon che li seguono con dedizione e passione.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oksana Zabuzhko: “Gli ucraini lottano per liberare l’Europa dallo spettro del totalitarismo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Subito prima del discorso di Oksana Zabuzhko nell’emiciclo di Strasburgo, la Presidente del PE Metsola ha dichiarato: ”In questa giornata, il termine celebrazione non è esattamente quello da utilizzare. In Ucraina, vediamo le donne resistere, alzarsi e prendere le armi contro il loro aggressore. È un privilegio avere con noi una donna e una scrittrice ucraina che mostra, con la sua letteratura e la sua voce ferma, la forza delle donne ucraine di fronte all’oppressione. Queste donne coraggiose e resistenti sono un’ispirazione per tutti noi, perché difendono gli stessi valori europei che noi sosteniamo”. Oksana Zabuzhko, che ha lasciato l’Ucraina due settimane fa solamente con un bagaglio a mano, ha sottolineato che nei suoi scritti era solita dar voce alle donne nella lotta per i loro diritti, ma che ora, per la prima volta, si trova a difendere il diritto delle donne alla loro stessa vita. Ha poi aggiunto: “Non posso che ammirare le mie compagne che combattono a fianco dei nostri uomini, che gestiscono la distribuzione dei rifornimenti nelle nostre città assediate e che partoriscono nei rifugi antiatomici sorvegliate da medici online. Il problema è che le bombe di Putin non saranno fermate dalla forza del nostro spirito”.Sulle intenzioni di Putin, ha affermato: ”Molte vite avrebbero potuto essere salvate se l’UE e gli Stati Uniti si fossero svegliati otto anni fa quando ha invaso la Crimea. Un nuovo Hitler era pronto a riprendere da dove il precedente aveva lasciato. Sono qui per dirvi, come scrittrice che ha una certa conoscenza del linguaggio, che questa è già una guerra, non solo un conflitto locale. Fidatevi di Putin quando pronuncia le sue ambizioni. Non abbiate paura di proteggere il cielo sopra coloro che vi combattono per liberare l’Europa da questo spettro di nuovo totalitarismo”.A seguito del suo discorso, i rappresentanti dei gruppi politici hanno lodato il coraggio degli ucraini che difendono il loro paese e i condivisi valori UE. Hanno anche ricordato che, come spesso accade in queste circostanze, le donne e le ragazze sono tra i gruppi più vulnerabili. Hanno infine lodato le donne russe e bielorusse che manifestano coraggiosamente per le strade e che non sono d’accordo con questa guerra.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuove regole sulle batterie: il PE chiede maggiore impegno ambientale e sociale

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Bruxelles. i deputati europei hanno sottolineato il ruolo cruciale che un’opportuna gestione delle batterie potrebbe avere nella transizione verso un’economia circolare a impatto zero sull’ambiente, e nella competitività e autonomia strategica dell’UE.Il testo legislativo è stato adottato giovedì con 584 voti favorevoli, 67 contrari e 40 astensioni.I deputati sono a favore di una revisione dell’attuale legislazione che tenga conto degli sviluppi tecnologici. Chiedono requisiti più risoluti sulla sostenibilità, il rendimento e l’etichettatura, compresa l’introduzione di una nuova categoria di batterie per “mezzi di trasporto leggeri (Light Means of Transport – LMT)”, come scooter elettrici e biciclette, e criteri che chiariscano l’impronta di carbonio. Entro il 2024, le batterie portatili degli apparecchi, come gli smartphone, e le batterie per i LMT dovranno essere progettate in modo che i consumatori e gli operatori indipendenti possano rimuoverle facilmente e in sicurezza.Inoltre, l’industria dovrebbe garantire che la catena produttiva delle batterie rispetti pienamente i diritti umani e gli obblighi di diligenza (due diligence), affrontando così i rischi relativi all’approvvigionamento, alla lavorazione e al commercio delle materie prime, che spesso sono concentrati in uno o pochi paesi. Nel testo vengono anche fissati i livelli minimi per la quantità di cobalto, piombo, litio e nichel che dovrebbe essere recuperata dai rifiuti e riutilizzata per nuove batterie, e degli obiettivi di raccolta più rigorosi per le batterie portatili.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le proposte del PE per combattere ingerenze straniere e disinformazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Bruxelles. La commissione speciale sulle ingerenze straniere e la disinformazione (INGE) del Parlamento ha realizzato un’indagine su come le potenze straniere compromettono i processi democratici nell’UE, manipolando le informazioni e attuando ingerenze. Nell’indagine, si conclude che paesi malintenzionati possono influenzare le elezioni, organizzare attacchi informatici, reclutare ex esponenti politici di alto livello e polarizzare l’opinione pubblica, senza subire alcuna conseguenza.Il testo è stato approvato con 552 voti favorevoli, 81 contrari e 60 astensioni. Nella relazione finale della commissione INGE si evidenzia una generale mancanza di consapevolezza della gravità dell’ingerenza straniera e della manipolazione delle informazioni, condotte prevalentemente da Russia e Cina, aggravata dalle lacune legislative e dall’insufficiente coordinamento tra i Paesi UE. Nell’aggressione in corso contro l’Ucraina, il governo russo ha dimostrato infatti che “anche le informazioni possono essere trasformate in un’arma”, poiché la Russia diffonde “attività di disinformazione caratterizzate da una malevolenza e una portata senza precedenti” per ingannare i suoi cittadini e la comunità internazionale sulla guerra. Il Parlamento accoglie con favore il divieto recentemente introdotto in tutta l’UE nei confronti di mezzi di propaganda russi quali Sputnik TV e RT

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Leave a Comment »

Christie’s Modern British and Irish Art Evening Sale

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

LONDON – Christie’s Modern British and Irish Art Evening Sale, taking place on 22 March 2022, will be led by Bridget Riley’s Gala (estimate: £2,500,000-3,500,000), a pioneering painting from the artist’s curving-colour series. A rare seascape by L.S. Lowry will be presented alongside a village scene by the artist while a landscape by David Bomberg, The Bridge and the River Tajo, Ronda (1935, estimate: £850,000-1,200,000), depicts one of the artist’s Spanish landscapes. Sir John Lavery’s The Croquet Party (1890-93, estimate: £1,200,000-1,800,000) is a large-scale musing on the evolution of social and sporting interaction within society in the late 19th century. Modern sculpture is represented in the sale with large-scale works by Dame Elisabeth Frink, William Turnbull and Lynn Chadwick. In addition, Dame Barbara Hepworth’s Coré, (1960 estimate: £500,000-800,000) and Hollow Oval (January) (1965, estimate: £200,00-300,000) are presented. Ben Nicholson’s October 1949 (Rangitane) (estimate: £700,000-1,000,000), created in 1949 for the New Zealand Shipping Company’s steamship the M.V. Rangitane, is showcased together with 1936 (white relief) (estimate: £1,500,000-2,500,000). His father, Sir William Nicholson’s painting Miss Simpson’s Boots (1919, estimate: £300,000-500,000) has been in the same private family collection for 80 years. The Modern British and Irish Art Evening Sale will take place on 22 March 2022 and will be live and livestreamed to our clients globally.Angus Granlund, Head of Evening Sale, Modern British and Irish Art Evening Sale: “Following the success of the 20/21 Shanghai to London series at the beginning of the month, the March season at Christie’s continues with the Modern British and Irish Art Evening and Day Sales. The Evening Sale will be led by Bridget Riley’s captivating Gala from a seminal period of her career in the 1970s which saw her translate colour frequency to the canvas. Ben Nicholson’s October 1949 (Rangitane) and 1936 (white relief) harmoniously complement two exquisite sculptures by Barbara Hepworth from the 1960s. Large-scale works by Dame Elisabeth Frink and Lynn Chadwick complete the sculptural selection in the Evening Sale. A rare, empty seascape by L.S. Lowry is seen alongside a musing on rural life in The Village Street. One of the most significant ‘Wrestler’ paintings by Sir Peter Blake, a previously unseen Frank Bowling ‘Poured Painting’ and a bold still life by Sir William Nicholson are further highlights. We look forward to welcoming our clients to the London galleries.”

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

15 Paths to Sustainability: from Innovation to Social Design

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 marzo 2022

Elias Messinas & Despoina Kouinoglou, Editors 148 pages | 224 images | English | Dimensions: 22.8 x 15.2 x 0.70 cm. The book includes articles from 15 architects and designers from around the world, sharing their extraordinary work in the fields of sustainable design. The book includes examples of projects in architecture and design, in nanotechnology and innovation, on social design and design-build, on circular practices and the reuse of plastics into 3d print designs and urban furniture, on collaborative design and public participation in decision making, on the reuse of organic waste in cities, on the reuse of PET bottles for 3d printing and new designs, on the rehabilitation of buildings, and more. The book serves as a resource and inspiration for architects, designers, innovators, entrepreneurs and anyone interested in the practice of sustainability. Learning from experts how to design in a sustainable way is what this book is about. Supported by Galenica SA, it hosts writings by Arthur Mamou-Mani, Elias Messinas, Despoina Kouinoglou, Stefanie Leontiadis, Benjamin Gill, Theodora Kyriafini and Fotini Lymperiadou, Radu Negulescu and Ana Muntean, Margarita Kyanidou, Maria Carmela Frate, Panos Sakkas and Foteini Setaki, Maria Anastasiadou and Ellie Petridi, Lorin Nicuale and Alexandra Purnichescu, Luis Rossi, Nicolas Le Roux and Paula Lemos, Lena Beigel and Georg Sampl, Ulrike Schartner, Kostas Giannakopoulos and Nafsika Mouti, Katerina Novakova, and Anna Tsagkalou. ECOWEEK was created with the passion to change people’s habits and the mission to raise awareness and public participation in sustainability through design. For more than fifteen years, ECOWEEK is connecting extraordinary professionals, academics and students from around the world, with local communities, governments and organizations, to generate creative and innovative solutions through sustainable and social design. By http://www.ecoweek.org

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »