Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Archive for 26 marzo 2022

Teatro: Venere in pelliccia

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Roma dal primo al 3 aprile Venerdì e Sabato ore 21; Domenica ore 17:30 Teatro Belli Piazza di Sant’Apollonia 11/A. Patrizia Bellucci e Alessio Caruso, diretti da Fabrizio Catalano, portano in scena al Teatro Belli, un inedito VENERE IN PELLICCIA, spettacolo tratto dal celebre testo di David Ives, in cui poter esplorare i seducenti meccanismi del metateatro e del rapporto tra realtà e finzione. Thomas è un regista esordiente alla disperata ricerca di un’attrice che interpreti in teatro Wanda, la protagonista femminile di un classico della letteratura erotica, Venere in pelliccia. Alla fine di una giornata di provini deludenti, nella sala ormai vuota, entra una donna: indossa dei tacchi vertiginosi, sotto il soprabito fradicio di pioggia è vestita di cuoio e borchie. Anche lei, come il personaggio di Leopold Von Sacher-Masoch, si chiama Wanda. Appare volgare e lamentosa, troppo ignorante per impersonare un ruolo così sofisticato, quello di una dea carnale, di un’incantatrice maliziosa e scaltra, nutrita da buone letture e profonda conoscitrice dell’animo maschile. Eppure, poco alla volta, Thomas, fondendosi nel suo alter ego del romanzo, Severin, viene sedotto dal talento sensuale e insondabilmente fosco di quella attrice quasi lunatica. Lavorando insieme sul testo, recitando e inventando battute, i due superano progressivamente il confine tra realtà e finzione, in un gioco sempre più conturbante di dominazione e dipendenza, da cui solo uno di loro potrà uscirne vincitore.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: il capolavoro della Metafisica Capitano Ulisse

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Roma Dal 6 al 9 aprile 2022 alle ore 21:00 e il 10 aprile 2022 alle ore 17:30 torna sul palcoscenico di via Jacopa de’ Settesoli 3, del Teatro Trastevere la compagnia Hangar Duchamp con il terzo capitolo della TRILOGIA DELL’AVANGUARDIA, progetto nato e cresciuto proprio al Teatro Trastevere.Dopo aver affrontato il dadaismo con “Il Cuore a Gas” di Tristan Tzara e il surrealismo con “Le Mammelle di Tiresia” di Guillaume Apollinaire, ecco “CAPITANO ULISSE”, un salto senza reti di protezione nella metafisica di Alberto Savinio.Una visione di Ulisse filtrata dalla lente deformante di un grande artista ed intellettuale del Novecento. Scritto nel 1925 per l’effimero Teatro d’Arte di Pirandello, venne rappresentato per la prima volta solo nel 1938, in un clima che viene definito “ostile”. Da allora, fino a oggi, il quasi totale oblio per un testo considerato minore tra gli scritti di questo prolifico autore. Ulisse è per Savinio un uomo sfinito, svuotato, un anti-eroe che non è in grado di prendere in mano la sua vita, soprattutto quella sentimentale, diviso com’è nel rapporto con tre donne che sembrano a lui la stessa persona. La regia di Andrea Martella proietta l’azione dentro la mente del protagonista, rappresentata come un carcere di massima sicurezza all’interno del quale Circe, Calipso e Penelope sono prigioniere dell’incubo ricorrente di un uomo disturbato e confuso, recluso lui stesso nel proprio caos psicologico, alimentato anche dalle altre presenze che si aggirano in modo poco nitido nei suoi ricordi, dalla Dea Minerva ai marinai della sua nave. Il contatto col pubblico avviene attraverso un personaggio fulminante e geniale, lo spettatore, portatore sano di una sottile ed inaspettata comicità. biglietti: intero 13, ridotto 10 http://www.teatrotrastevere.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torna “Space Dream”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Roma. Dopo l’entusiastica partecipazione nel 2021 di 17.300 studenti e 784 classi, quest’anno l’iniziativa si apre anche alle scuole secondarie di secondo grado. Ogni docente può già iscrivere la propria classe gratuitamente fino al 15 maggio e partecipare all’iniziativa inviando il proprio progetto legato alla cultura aerospaziale, “missioni” su temi differenti suddivise in 4 categorie in base all’anno scolastico: compilare manifesti didattici dove giocare e disegnare su temi spaziali, realizzare totem ispirazionali sul futuro, immaginare visivamente lo sbarco su Marte, realizzare spot pubblicitari spaziali. A disposizione di ogni classe iscritta tantissimi materiali didattici, testimonianze e approfondimenti. Oltre a collaborare a livello organizzativo, Treccani Scuola ha realizzato e gestisce la nuova piattaforma, http://www.ctna-spacedream.it, dove le classi possono iscriversi, trovare i materiali e le informazioni necessarie e infine inviare i loro elaborati finali. Una commissione qualificata sceglierà i migliori due progetti per ciascuna fascia d’età che verranno premiati a giugno nel corso di un evento che si svolgerà a Roma. Obiettivo di questa attività scolastica, avvicinare i giovani alla cultura aerospaziale, alle nuove tecnologie e ai nuovi mestieri legati a questo settore in costante espansione; anche quest’anno, il CTNA dedica un focus speciale alle bambine e alle ragazze nominandole team leader di ciascun gruppo, per dare un contributo significativo alla parità di genere incoraggiando la partecipazione femminile verso le materie scientifiche e le professioni in ambito spaziale. l’iniziativa culturale di CTNA (Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio) con Sapienza Università di Roma che porta nello spazio le studentesse e gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado che sognano di diventare gli astronauti e le astronaute, i piloti, gli ingegneri e medici di bordo di domani e che per questa seconda edizione si avvale del contributo scientifico di ASI, CNR, INAF, INGV e della collaborazione di Treccani Scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ucraina: Cia, da Ue primi aiuti ad agricoltura

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Dalla Ue arriva una prima risposta importante per garantire la sicurezza alimentare e aiutare gli agricoltori a fronteggiare gli effetti della guerra in Ucraina, stretti tra i costi alle stelle e le speculazioni sui mercati, con gli aumenti del 300% sui concimi e il raddoppio di mangimi ed energia. Bene, quindi, lo sblocco di almeno 4 milioni di ettari di terreni a riposo nelle aree di interesse ecologico (EFA) per aumentare la produzione comunitaria di cereali a partire dal mais, così come il ricorso alla riserva di crisi della Pac, che metterà a disposizione dell’Italia circa 50 milioni di euro. Tuttavia, per rispondere all’intensità della crisi, serve un vero Piano straordinario europeo, secondo la logica adottata con la pandemia, per mobilitare maggiori fondi sull’emergenza in atto anche attraverso un nuovo debito comune. Così Cia-Agricoltori Italiani commenta il pacchetto Ue di aiuti agli agricoltori, contenuto nella “Comunicazione sulla Sicurezza alimentare” approvata oggi dal Collegio dei Commissari europei.In particolare -spiega Cia- le deroghe al greening per tutto il 2022 sui terreni a riposo servono, in questa fase, per consentire la produzione più sostenuta di cereali e scongiurare la carenza di offerta sui mercati internazionali e le conseguenti speculazioni sui prezzi. D’altra parte, le stime già parlano quest’anno di un deficit in Ue di 7-8 milioni di tonnellate di import dall’Ucraina solo per il mais, indispensabile a tutta la filiera alimentare legata agli allevamenti, dal latte ai formaggi alla carne. Senza contare che, insieme, Russia e Ucraina sono protagoniste di un quarto delle esportazioni globali di grano. Ecco perché sono indispensabili strategie che incentivino i nostri agricoltori a seminare, partendo dal granturco, dopo 10 anni in cui per esempio l’Italia ha arretrato del 30% sulla produzione, ma questa misura deve essere sostenuta anche tramite strumenti assicurativi, in grado di remunerare un’eventuale riduzione dei prezzi pagati agli agricoltori nei prossimi mesi rispetto ai valori attuali.Altrettanto importanti, secondo Cia, sono l’attivazione della riserva di crisi Pac da 500 milioni, che gli Stati membri potranno cofinanziare al 200%, così come l’ulteriore quadro temporaneo sugli aiuti di Stato, con un tetto di 35 mila euro ad azienda per coprire le spese degli input produttivi, anche se entrambe le misure dipendono molto dalle risorse singole che ogni Paese metterà in campo e, quindi, potrebbero creare delle disparità nei sostegni al settore.Nel pacchetto Ue -ricorda Cia- ci sono anche i maggiori anticipi sulla Pac; lo stoccaggio delle carni suine; il monitoraggio di input e produzioni per assicurare la continuità delle forniture.Inoltre, per non fare passi indietro sugli obiettivi di maggiore sostenibilità fissati dal Green Deal ma assicurare allo stesso tempo la crescita di produzione e competitività delle imprese agricole europee -ribadisce Cia- occorrono finalmente regole e norme sull’utilizzo delle nuove tecniche di miglioramento genetico, che superino una legislazione ormai obsoleta e permettano agli agricoltori di garantire l’aumento delle rese, insieme alla riduzione dell’impatto dei prodotti chimici e al risparmio di risorse idriche.Per garantire la sicurezza alimentare globale, è molto positivo che la Commissione Ue, nella Comunicazione, abbia sottolineato che intende evitare ogni restrizione o divieto all’esportazione, anche attraverso il supporto del WTO, così come è importantissima la possibilità data agli Stati membri di ridurre l’IVA di alcuni prodotti per alleviare l’impatto degli alti prezzi degli alimenti, a tutto vantaggio dei consumatori. Sarebbe necessaria anche -conclude Cia- una riflessione concreta verso la definizione di una politica energetica comune, nonché un confronto internazionale necessario a ridurre, per quanto possibile, la volatilità a fini speculativi legata a prodotti finanziari in campo agricolo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Leave a Comment »

“Comgest: mercati globali incerti per inflazione e stretta monetaria”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

A cura di Laure Négiar, Gestore del fondo Comgest Growth World di Comgest. Le pressioni inflazionistiche, il ritmo e la portata della stretta monetaria della Federal Reserve statunitense sono rimasti in cima alla lista delle preoccupazioni degli investitori globali, a cui si è aggiunto il conflitto Russia-Ucraina alla fine del mese di febbraio.Inner Mongolia Yili, Eli Lilly e Align Technology sono stati tra i titoli che hanno fornito i principali contributi alla performance. Inner Mongolia Yili, uno dei principali produttori cinesi di prodotti lattiero-caseari, è stato sostenuto da una forte crescita a due cifre dei latticini, nonché da recenti relazioni che evidenziano continui guadagni azionari.Eli Lilly, azienda farmaceutica impegnata nella cura del diabete, ha riportato una crescita del 15% dei ricavi e del 20% degli utili per azione per l’esercizio 2021 e ha una linea di prodotti promettente per i prossimi cinque anni. Align Technology, produttore di allineatori trasparenti, ha comunicato stime di crescita del fatturato superiori al 20% nel 2022, cogliendo di sorpresa il mercato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rincari energetici, a rischio chiusura le imprese del riciclo

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Il mondo del riciclo è messo a dura prova dall’aumento dei costi energetici. A lanciare l’allarme, facendosi portavoce delle imprese iscritte, è il Consorzio nazionale del riciclaggio dei rifiuti in polietilene Polieco. All’aumento dei costi energetici da sostenere in azienda c’è da aggiungere anche quello dei trasporti e dell’approvvigionamento delle materie che costituisce un altro grave problema. “Si tratta di difficoltà che si inseriscono in un periodo storico complesso se si tiene presente che già la pandemia ha suscitato una profonda crisi produttiva, economica e sociale”, sottolinea Salvestrini, esprimendo il timore che la situazione attuale possa ripercuotersi negativamente sulla carenza già molto grave di impianti di riciclo. “Già abbiamo pochi impianti in Italia e questo per l’assenza di politiche industriali lungimiranti e per la scarsa incentivazione del settore, ma con i rincari energetici- osserva la direttrice del Polieco – si rischia davvero di aggravare la situazione”. Uno scenario che spaventa perché ad essere danneggiata non sarebbe solo l’economia, ma anche la situazione ambientale, visto che potrebbe aumentare il rischio di alimentare i traffici illeciti dei rifiuti, fenomeno con il quale non si smette di fare i conti, e quello di nuove modalità di tombamento. “In rappresentanza delle nostre aziende consorziate – lancia l’appello il presidente del Polieco Enrico Bobbio – chiediamo che si attuino politiche di accelerazione per una risoluzione immediata e concreta del problema, senza esitazioni o decisioni provvisorie con continui rinvii al futuro che alimentano incertezze devastanti per il mondo delle imprese”. Il Polieco chiede che “si lavori subito per la semplificazione degli iter autorizzativi e per incentivi economici in grado di favorire il ricorso all’energia pulita, nonché per agevolazioni fiscali che possano permettere alle imprese di far fronte all’emergenza”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

GAM: La Storia procede inesorabilmente in avanti, il nuovo mondo “just in case”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

A cura di Carlo Benetti, Market Specialist di GAM (Italia) SGR- Senza nemmeno salire su una DeLorean, Putin ha riportato indietro le lancette dell’orologio della Storia. Si rivolge ai suoi concittadini rievocando la Grande Guerra Patriottica, di quella guerra il suo esercito utilizza le tecniche e la stessa artiglieria pesante. Ma la Storia procede, sempre, inesorabilmente in avanti; anche quando sembra si stia tornando indietro nel tempo, in realtà se ne sta solo modificando o accelerando il corso futuro. La guerra in Ucraina cambia la direzione del futuro immediato prima di tutto in Russia. L’isolamento internazionale comincia a pesare sull’economia interna, si diffonde il dissenso e le pratiche del suo contenimento, anche loro vecchie di decenni, devono adeguarsi a giovani generazioni abituate alla comunicazione digitale. L’azzardo di Putin riporta con prepotenza la Russia nella ridefinizione dei blocchi di influenza economica e ideologica, rompe la dualità di Stati Uniti e Cina per un mondo che, secondo Mosca, dovrebbe essere diviso in tre grandi aree di influenza di potere: la Cina nell’area indo-pacifica, la Russia in Europa, in grado di condizionare le decisioni della stessa Unione Europea, gli Stati Uniti destinati al declino secolare.In questa grande incertezza prende velocità il passaggio, già messo in moto dalla pandemia, verso una nuova fase della globalizzazione. Cambia radicalmente il mercato globale come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi: probabilmente sono destinati a finire lo spostamento veloce delle merci, la frammentazione dei processi produttivi, l’efficienza dei costi e gli alti margini. Termina l’esperienza dell’economia “just in time”, resa possibile dalla tecnologia digitale e dagli alti standard di efficienza nei trasporti e nella logistica. Un modello produttivo molto efficiente che esige però, come precondizione, alti livelli di cooperazione internazionale. La pandemia aveva già sferrato un colpo duro, la guerra in Ucraina supera definitivamente il modello della frammentazione delle catene del valore globale.Il ritorno al confronto tra blocchi di influenza, come nei decenni della Guerra Fredda, apre la nuova fase dell’economia “just in case”. Le catene delle forniture vengono riconfigurate non sulla base dell’efficienza dei costi ma della affidabilità e del controllo, gli approvvigionamenti vengo avvicinati per ridurre la dipendenza dalle spedizioni da altri paesi. Aumentano affidabilità e controllo ma, parimenti, aumentano i costi. Caratteristica distintiva dell’economia “just in time” è l’iper-efficienza, il modello “just in case” comporta maggiori costi che concorreranno per la loro parte alla dinamica dei prezzi. Con l’inflazione, fenomeno sconosciuto nell’avvento della globalizzazione, e con il rallentamento della crescita si ripresentano le paure della stagflazione, quella perversa condizione economica di alta inflazione e crescita bassa o stagnante sperimentata negli anni Settanta.Ma gli scenari economici non presentano quasi mai contorni definiti, richiamano più la tecnica di Pollock che le linee precise di Mondrian. A fronte dell’incertezza degli esiti della guerra e delle conseguenze sull’inflazione, la crescita economica globale rallenta ma non si interrompe; negli Stati Uniti il valore di 58,6 dell’indice ISM manifatturiero in febbraio è stato superiore al dato di gennaio, l’economia americana resta sul sentiero di crescita e conferma la forza della domanda che concorre a sostenere i prezzi delle materie prime.Le attese degli utili restano positive, prosegue la creazione di nuovi posti di lavoro. Powell è stato di parola, l’aumento di 25 punti base del tasso ufficiale segnala la volontà di riprendere il controllo dell’aumento dei prezzi e, soprattutto, delle aspettative dell’inflazione. La Federal Reserve deve recuperare terreno ma per il momento, con tassi reali negativi, resta “dietro la curva”.Parlare di rischi di rallentamento non significa che l’esito nella recessione sia scritto sulla pietra, gli avvenimenti in Ucraina e gli esiti degli sforzi diplomatici porteranno maggiore chiarezza nelle prossime settimane. L’incertezza politica avvolge e rende imperscrutabile lo scenario economico e il vero rischio è un errore di policy delle banche centrali. Per il risparmiatore, la difesa contro l’inflazione è offerta da strumenti di investimento che diano protezione “reale” come le azioni, direttamente associate alla crescita economica. La difesa dalla volatilità è nella diversificazione “intelligente”, quella cioè attenta alle proprietà di decorrelazione tra asset class, e nella gestione attiva, la selettività è lo strumento affilato che sceglie, distingue, differenzia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Leave a Comment »

“Columbia Threadneedle Investments al 24° Premio Alto Rendimento sul podio dei migliori gestori esteri

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Il fondo Threadneedle (Lux) Global Smaller Companies AE EUR migliore fondo azionario internazionale small cap”.Columbia Threadnedle Investments, gruppo specializzato nell’attività di asset management leader a livello globale, sale sul podio tra i vincitori del 24° Premio Alto Rendimento. Durante questa edizione, che si è svolta in versione digitale, Columbia Threadneedle Investments è stata premiata per la categoria “Miglior fondo Azionari Internazionali – Small Cap” con il comparto Threadneedle (Lux) Global Smaller Companies AE EUR*, per il quarto anno consecutivo. Il comparto, gestito da Scott Woods, è un azionario globale che investe almeno due terzi del proprio patrimonio in azioni globali di società a piccola capitalizzazione, che il team di gestione ritiene abbiano un vantaggio competitivo sostenibile e che possano ottenere rendimenti superiori al loro costo del capitale più a lungo di quanto il mercato supponga. In particolare, si focalizza su quelle con un’imprenditorialità più marcata, attive in specifiche nicchie di mercato, che possano generare rendimenti potenzialmente rilevanti. “Alla base del successo della nostra strategia small cap globale, per il quarto anno consecutivo, ci sono quattro pilastri fondamentali: l’intensità della nostra ricerca, le prospettive globali con il lavoro di team, il miglioramento continuo e l’investimento responsabile. La nostra gestione attiva ci consente di individuare società che tendono ad avere modelli di business molto solidi e, come risultato dei loro alti rendimenti, tendono ad avere margini elevati e a generare un cospicuo flusso di cassa disponibile. Tutti questi fattori contribuiscono alla performance del fondo e al suo successo nel lungo termine” – ha dichiarato Davide Renzulli, Advisory Director di Columbia Threadneedle Investments.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Outbrain espande la partnership strategica con Microsoft

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Outbrain Inc. (Nasdaq: OB), una delle principali piattaforme di recommendation dell’open web, ha annunciato l’espansione della sua partnership globale con Microsoft utilizzando Microsoft Azure compresi business, tecnologia e servizi. Outbrain è un partner di lunga data di Microsoft, attraverso integrazioni tecnologiche e pubblicitarie che abbracciano MSN, Microsoft 365, Xbox, giochi e Microsoft Bing. L’espansione della partnership comporterà un accordo pluriennale con Azure per abilitare ulteriormente la rapida innovazione della piattaforma media di Outbrain.La piattaforma di Outbrain serve 1 miliardo di consumatori in tutto il mondo con oltre 10 miliardi di raccomandazioni e annunci ogni giorno, oltre 1,5 milioni di utenti coinvolti all’ora su più di 7.000 media partner. Attraverso una nuova partnership strategica pluriennale, Outbrain mira ad adottare Azure per promuovere la sua espansione globale, accelerare i cicli di sviluppo e migliorare la connettività tra inserzionisti ed editori, in particolare con i partner programmatic di Outbrain. Questa partnership sosterrà l’innovazione continua di Outbrain migliorandone i già ampi dati con una ricca serie di strumenti e servizi, permettendo ai suoi clienti di incrementare i loro risultati di business.“Outbrain è riconosciuto in tutto il settore come una piattaforma scalabile e altamente resiliente sia per gli editori che per gli inserzionisti”, ha affermato Tara Brady, Corporate Vice President of Strategic Partnerships di Microsoft. “Siamo lieti di espandere la nostra partnership consolidata e non vediamo l’ora di collaborare con i team tecnologici di Outbrain mentre sfruttano le tecnologie più avanzate di Microsoft Azure per servire i loro clienti”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commercio: Mura (Pd), servono politiche attive e nuovo Pnrr

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

“Il settore della ristorazione deve essere riammesso al sistema degli ammortizzatori sociali ma la prospettiva sono le politiche attive. Avremo dinanzi dei mesi complicati e perdere la clientela che arriva dalla Russia è un problema ulteriore. Servirà un altro Pnrr”. Lo ha detto oggi a Roma la presidente della commissione Lavoro della Camera dei Deputati Romina Mura, alla conferenza stampa di presentazione del Rapporto ristorazione 2021 curato dall’ufficio studi di Fipe-Confcommercio, presente Lino Enrico Stoppani, presidente Fipe-Confcommercio. Evidenziando che “il nostro Paese per decenni ha rinunciato a investire sulle politiche industriali e sulle politiche di filiera, mentre il covid ha ampliato le fragilità del sistema”, la parlamentare ha spiegato che “ci sono territori in cui gli ammortizzatori sociali sono diventati il reddito, e questo ha dilapidato competenze e anche dignità umana. Fruire delle politiche passive senza possibilità di ricollocazione ha influito molto anche sulla competitività” e dunque “le politiche attive sono la prospettiva. Con il Pnrr stiamo tentando di invertire la rotta ma – ha ribadito riferendosi alle conseguenze della guerra in Ucraina – a livello europeo servirà un altro Pnrr e anche prorogare la sospensione del patto di stabilità e crescita”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fiera Miart Milano

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Milano miart 2022 1 – 3 aprile 2022fieramilanocity_MiCo gate 5, padiglione 3. Torna miart la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano organizzata da Fiera Milano. Giunta alla sua ventiseiesima edizione e diretta per la seconda volta da Nicola Ricciardi, miart è la prima fiera d’arte del 2022 in Italia e tra le prime in Europa. miart è un appuntamento imprescindibile per il pubblico e i collezionisti italiani e internazionali alla ricerca di grandi capolavori del Novecento, delle ultime generazioni di artisti contemporanei e del design d’autore. Allo scopo di presentare una distribuzione degli spazi chiara e leggibile, per la prima volta le sezioni della fiera sono state ricondotte a tre: Established, la sezione principale che ospita in modo inedito gallerie che espongono opere della più stretta contemporaneità assieme a quelle dedicate all’arte del XX secolo, non tralasciando quelle attive nel settore del design da collezione e d’autore; Decades, a cura di Alberto Salvadori, che esplora la storia del secolo scorso attraverso progetti monografici dagli anni ’10 del Novecento agli anni ’10 del Duemila; ed Emergent, la sezione a cura di Attilia Fattori Franchini dedicata alle giovani gallerie e che eccezionalmente verrà posta all’ingresso del percorso espositivo, così da dare risalto alla ricerca delle più recenti generazioni di galleristi e artisti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agricoltura, De Carlo (FdI): nuove misure anti-crisi dell’Unione Europea inadeguate

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Il senatore e responsabile nazionale del Dipartimento Agricoltura di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, boccia senza appello le misure proposte dall’Unione Europea per frenare la crisi del settore agricolo a seguito della guerra in Ucraina considerandole inadeguate. “Le imprese agricole italiane si trovano ad affrontare maggiori costi stimati in 9 miliardi di euro, e la risposta europea è di 48 milioni di euro, che possono arrivare a 150-200 milioni con il finanziamento nazionale? Non ci siamo proprio, è evidente che non si capisce il dramma che si sta attraversando”, commenta De Carlo. “Secondo il Centro di Ricerca Agricoltura e Ambiente, chiuderà un’azienda agricola su 10, una su quattro se ci limitiamo a quelle suinicole o cerealicole. È evidente che di fronte a questi numeri questo provvedimento è totalmente insufficiente, visti anche i tetti massimi stabiliti per i contributi alla singola azienda”. Ogni azienda agricola potrebbe infatti ricevere come aiuto al massimo 35mila euro, a fronte dei costi schizzati alle stelle di mangimi, fertilizzanti, carburanti ed energia; un dramma che si aggiunge alla “beffa” arrivata in questi giorni dalla Francia: “Appena al di là delle Alpi hanno istituito un aiuto economico, un “bonus gasolio”, di 35 centesimi di euro al litro di gasolio per la pesca fino a fine luglio, inoltre hanno approvato un contributo di 60 euro per ogni tonnellata di mangime acquistato. La crisi è adesso, e non possiamo chiedere alle imprese agricole di restare ferme ad aspettare: c’è chi non può più permettersi di mantenere le proprie bestie, c’è chi tra energia e costi vari ci rimetterebbe solamente dal seminare e preparare i campi. Serve un sostegno vero, immediato e pesantemente concreto al settore, sia da parte dell’Unione Europea, che non può mettere una cifra così bassa per una delle sue principali economie, che dal Governo, che deve dimostrare di credere veramente alla ripresa economica, al lavoro e all’occupazione”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Uova di Pasqua AIL

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Il 1°, 2 e 3 aprile tornano in oltre 4.300 piazze italiane le Uova di Pasqua AIL, iniziativa posta sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, giunta alla sua 29°edizione. Come da tradizione è in programma l’importante appuntamento con la Solidarietà promosso dall’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma da sempre al fianco dei pazienti ematologici e delle loro famiglie.Il contributo minimo associativo per ricevere l’Uovo di Pasqua AIL è di 12 euro; per sapere in quali piazze trovare i Volontari dell’AIL vai su http://www.ail.it, rivolgiti alla sezione provinciale AIL più vicina, scarica l’app “AIL Eventi” o chiama il numero 06 7038 6060 attivo dal 29 marzo.Quest’anno le Uova AIL, al latte o fondente, saranno ancora più riconoscibili grazie a un nuovo incarto in cui il logo dell’Associazione è ancor più presente e che racchiude simbolicamente l’impegno quotidiano dell’Associazione: donare un futuro ai sogni dei pazienti con tumore del sangue. AIL da sempre mette al primo posto il paziente con tumore del sangue (ogni anno in Italia ci sono 33mila diagnosi) che è particolarmente fragile e delicato in quanto il suo sistema immunitario è altamente compromesso e, quindi, più a rischio. I risultati negli studi scientifici e le terapie innovative sempre più efficaci e mirate, tra cui l’immunoterapia con CAR-T, ultima frontiera nella cura dei tumori, e il trapianto di cellule staminali, hanno determinato un grande miglioramento nella diagnosi e nella cura dei pazienti ematologici, adulti e bambini. È necessario però proseguire su questa strada e investire sempre più risorse nella Ricerca per raggiungere nuovi traguardi e rendere queste malattie sempre più guaribili.L’Ematologia italiana in questi due anni di pandemia da Covid-19, attraverso i Centri di cura e grazie all’intensa opera delle 82 sezioni provinciali AIL e dei suoi 15.000 volontari, è stata in grado di garantire la continuità assistenziale e terapeutica. L’iniziativa Uova di Pasqua AIL ha permesso in tanti anni di mettere in campo progetti di Ricerca e assistenza e ha contribuito a far conoscere i progressi nel trattamento dei tumori del sangue.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siccità estrema nel distretto del Po

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

A distanza di una settimana dall’ultima rilevazione, concomitante con la riunione dell’Osservatorio Permanente dell’Autorità Distrettuale sulle crisi idriche, lo stato complessivo degli indicatori idro-meteo-climatici nel Distretto Padano del fiume Po non evidenziano miglioramenti sostanziali e il quadro che si delinea mostra chiaramente come lo stato di perdurante siccità si stia lentamente spostando da Ovest a Est incidendo progressivamente su tutte le aree lungo il corso del Grande Fiume.A fronte di un deficit di pioggia sull’intero Distretto che, negli ultimi trenta giorni, è superiore ai 100 millimetri in meno (pari a -92%) e dopo 107 giorni di assenza di precipitazioni significative nel comprensorio padano le portate evidenziano un abbassamento drastico in tutte le stazioni di registrazione del dato, tutte al di sotto della soglia di emergenza, raggiungendo i livelli più bassi dal 1972. L’area ad oggi che ancora mostra il deficit maggiore, quindi con una siccità definita estrema che si sta propagando verso valle, è sicuramente quella Piemontese fino alle province di Piacenza e Cremona, ma il trend si palesa anche a Boretto e Borgoforte, fino a raggiungere il Delta nella stazione di Pontelagoscuro (Fe).Rispetto alla scorsa settimana le quote rilevate hanno portato un ulteriore calo della risorsa idrica disponibile fino al 5% nelle stazioni di Piacenza, oggi a -70% (dal -66% di sette giorni fa) e Cremona a -62% (rispetto al -57% della settimana scorsa); ma sono in discesa anche le quote di Boretto, ora a -61% (da -60%), Borgoforte, a -56% (da -54%) e Pontelagoscuro, a -56% (da -55%).Sia i Grandi laghi che gli invasi artificiali, invasati dal 5 al 30% rispetto alla media, languono pesantemente e i possibili quanto necessari rilasci dal Lago Maggiore a beneficio delle aree sottostanti non saranno attuabili in modo proporzionale al fabbisogno agroambientale. Estremamente deficitario anche lo stato del manto nevoso su tutto l’arco Alpino e quasi del tutto assente da quello Appenninico. Prosegue anche l’invadenza progressiva delle acque salmastre verso l’interno (oltre 12 km) provenienti dal Mare Adriatico con inevitabili ripercussioni sul mantenimento della capacità di irrigare da parte delle colture che stanno entrando nel vivo della stagione. Proprio in questi giorni infatti i Consorzi di bonifica stanno dando il via alla stagione irrigua a beneficio delle produzioni tipiche dei rispettivi territori e il prelievo potrà inevitabilmente incidere su ciò che resta della risorsa idrica disponibile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aziende: Crisi del personale

Posted by fidest press agency su sabato, 26 marzo 2022

Dagli aspiranti camerieri che chiedono “di poter lavorare in nero per non perdere il reddito di cittadinanza” ai candidati che, dopo un primo colloquio, spariscono letteralmente nel nulla. Da quelli che si rifiutano di lavorare nel fine settimana a cuochi e baristi con famiglia e mutuo a carico che, a causa della pandemia, hanno abbandonato la professione in favore di occupazioni più stabili. Senza dimenticare gli ‘scippi’ di collaboratori tra locali concorrenti (“50 euro in più e ti salutano”). Sono queste alcune delle facce della crisi del personale che da diversi anni a questa parte attanaglia hotel, ristoranti e bar di tutta Italia. I nodi del mercato del lavoro saranno al centro dell’edizione 2022 di “Camerieri Venditori”, il corso dal vivo dedicato alla vendita professionale di sala, in programma martedì 29 marzo al Palazzo dei Congressi di Riccione (Rimini). In arrivo 1.350 persone da tutta Italia.”Non è più pensabile che basti uno stipendio a tenere stretto un dipendente di valore – afferma Giuliano Lanzetti – Sono d’accordo con chi afferma che non si può continuare con politiche retributive al ribasso. Nella mia attività siamo arrivati a garantire vitto e alloggio per essere più competitivi pagando cifre importanti a portarli di ricerca personale. Occorrono poi formazione continua e anche un sistema di incentivi progressivi, basato non solo sui numeri, che porti il cameriere a crescere professionalmente ma anche a vedere ricompensati i propri sforzi. Per le aziende serie il personale è un valore aggiuntivo, su cui investire, da formare, e retribuire degnamente. Non dobbiamo dimenticare che i collaboratori di talento sono come delle mosche bianche: non sono le aziende a sceglierli, ma loro a scegliere le aziende”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »