Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Archive for 7 aprile 2022

Catarina e a beleza de matar fascistas

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Roma Teatro Argentina 11-14 aprile 2022 ore 20 Largo di Torre Argentina, 52 (biglietteria aperta dal martedì alla domenica dalle ore 11.00 alle ore 15.00, e 3 ore prima dell’inizio della replica nei giorni di spettacolo) una importante coproduzione internazionale firmata da Tiago Rodrigues, direttore del Teatro Nacional Dona Maria II di Lisbona, e dall’autunno 2022 del Festival d’Avignon.Con questo spettacolo Rodrigues dà vita a una drammaturgia elettrizzante, esemplare del suo teatro a vocazione politica, spazio di confronto dialettico aperto al coinvolgimento attivo dello spettatore: Catarina racconta il rito di una famiglia che da oltre settant’anni si tramanda la missione di uccidere un fascista.Otto interpreti, una macchina scenica ingegnosa, una sceneggiatura ironica, surreale e avvincente impreziosita da canti corali e affascinanti momenti di danza tradizionale: la scena si apre su una casa di campagna nel sud del Portogallo nel giorno in cui tutta la famiglia è riunita. In questa famiglia si chiamano tutti Catarina, da tre generazioni, in memoria della capostipite Catarina Eufémia, una bracciante assassinata nel 1954 durante la dittatura fascista in Portogallo.È un giorno di celebrazioni, di bellezza e di morte: Catarina, la figlia più giovane, sta per uccidere il suo primo fascista, rapito per questo scopo. Ma si scopre incapace di eseguire il suo compito o forse si rifiuta. Scoppia un litigio familiare, emergono molte domande: chi è un fascista? C’è posto per la violenza nella lotta per la conquista di un mondo migliore? Possiamo rompere le regole della democrazia mentre cerchiamo di difenderla? Nel frattempo appare il fantasma dell’antenata Catarina Eufémia, arriva di notte, mentre la famiglia dorme, per parlare con il fascista che aspetta di sapere quale sarà il suo destino oggi, un giorno del prossimo futuro nel 2028.Catarina nasce durante l’esplosione della pandemia e innesca una riflessione sull’ascesa dei nuovi populismi in Europa, il senso di impotenza di fronte al crescere dell’autoritarismo come soluzione alle crisi. Conseguentemente la scena è ambientata nel prossimo futuro, per aprire una opportunità al teatro di reagire immaginando nuove prospettive.Soprattutto questo racconto iniziatico portato in scena con umorismo e originalità, apre una spirale di domande. In che modo i demagoghi populisti già abituati a sfruttare la paura e la miseria, eserciteranno il loro opportunismo politico di fronte alle catastrofi del nostro tempo? In che misura potrà aumentare il sentimento di impotenza delle democrazie al cospetto del dispiegarsi della retorica xenofoba e autoritaria? Che genere di violenza sistemica porterà a violenti scoppi di indignazione? In che modo le società che oggi scelgono la solidarietà e il consenso per affrontare le crisi potrebbero spaccarsi in futuro? In che misura la diversità di convinzioni che nutre la democrazia sarà minacciata dall’unanimità e dal totalitarismo? Quanto tempo passerà prima che i popoli che oggi vivono democraticamente accettino dittature eccezionali per risolvere problemi eccezionali? Già al Festival d’Automne e alle Wiener Festwochen, dopo il debutto italiano a Roma Catarina sarà al Teatro Storchi di Modena per ERT / Teatro Nazionale il 28 e il 29 aprile 2022.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ridiamo la cittadinanza agli italiani che l’hanno perduta in seguito ad espatrio

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

“La cittadinanza è di nuovo all’ordine del giorno della Camera dei Deputati. Infatti, la riforma della cittadinanza che prevede l’introduzione dello ius scholae è attualmente in discussione in Commissione Affari Costituzionali.Un testo semplice e di facile comprensione che tuttavia manca dell’attenzione agli italiani all’estero che hanno perso la cittadinanza in seguito ad espatrio ed oggi si trovano ad essere stranieri secondo la legge pur essendo nati e cresciuti in Italia.Per queste ragioni abbiamo presentato degli emendamenti che prevedono la possibilità di riacquistare la cittadinanza italiana con una semplice richiesta amministrativa al Consolato competente per residenza estera per coloro che hanno perso la cittadinanza italiana in seguito ad espatrio.Abbiamo anche previsto che tale possibilità venga estesa anche alle donne italiane per nascita che hanno perduto la cittadinanza, a seguito di matrimonio con uno straniero, contratto prima del 1° gennaio 1948 e ai loro figli.Si tratta di emendamenti dettati dal buon senso, tesi a riconoscere una condizione di fatto, quella di essere italiani sia sul piano culturale che di nascita, ma che manca del riconoscimento giuridico.Vogliamo che gli italiani di fatto si possano sentire italiani a tutti gli effetti e quindi anche secondo il diritto.Auspichiamo, pertanto, che su questo ci sia una ampia convergenza che porti all’approvazione dei nostri emendamenti tenendo conto, quindi, dell’evoluzione della disciplina sulla cittadinanza sia a livello interno che internazionale.” Lo hanno dichiarato le deputate di Forza Italia Annagrazia Calabria (Vicepresidente Commissione Affari costituzionali) e Fucsia Fitzgerald Nissoli (Coordinatrice di Forza Italia in Nord e Centro America).

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quando si parla di lotta al cambiamento climatico, non si può non menzionare il ruolo determinante delle singole città

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Secondo Ener2Crowd.com, la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, i centri urbani sono responsabili dell’80% del consumo energetico e delle emissioni.Dati non di poco conto visto che influenzano significativamente la salute delle persone e quello dell’intero pianeta, ma la soluzione può arrivare dalle stesse città se si attua un cambiamento di rotta che vuole il ripensamento dell’urbe in ottica sostenibile. Ed è proprio qui che s’inserisce il ruolo dei GreenHero che proprio nelle grandi città vivono e lavorano.Ad inquinare maggiormente sono le megalopoli cinesi ma anche Mosca, Istanbul, Tokyo e New York. A metterlo in evidenza è una elaborazione di Ener2Crowd, basata sui dati della ricerca “Keeping Track of Greenhouse Gas Emission Reduction Progress and Targets in 167 Cities Worldwide” condotta da Ting Wei, Junliang Wu e Shaoqing Chen, ricercatori della School of Environmental Science and Engineering della Sun Yat-sen University in Cina.«La città italiana più inquinante in assoluto è Torino, settima in Europa ed al 52mo posto del ranking mondiale, con 23 milioni di tonnellate di Co2 equivalenti immesse in atmosfera ogni anno» puntualizzano gli analisti di Ener2Crowd.com, la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico.E proprio a partire dalle grandi città, il nuovo modello di finanza etica di Ener2Crowd permetterà di ridurre l’inquinamento, grazie all’appetito degli investitori per i prodotti finanziari in grado di combattere il climate change che garantiscono comunque un ottimo ritorno economico.Nelle grandi città italiane, inoltre, risiedono la maggior parte dei GreenHero: i maggiori investitori della piattaforma Ener2Crowd si trovano infatti a Roma, Milano, Napoli e Torino, dove oggi questa forma di investimento è una realtà all’ordine del giorno.La città più inquinante del Continente Europeo rimane Mosca —al settimo posto del ranking mondiale— con 112 milioni di tonnellate di Co2 equivalenti immesse in atmosfera ogni anno, seguita da Istanbul —al quattordicesimo posto del ranking mondiale— con 72,9 milioni di tonnellate di Co2 e da Francoforte con 46 milioni di tonnellate di Co2. E seguono sul podio europeo San Pietroburgo (43 Mt Co2 eq.) Atene (39 Mt Co2 eq.), Berlino (28 Mt Co2 eq.) e Torino (23 Mt Co2 eq.) che è appunto settima in Europa ed al 52mo posto del ranking mondiale.Lo studio trova riscontro anche nei dati del Parlamento Europeo, secondo il quale all’interno dell’Ue le grandi città sono responsabili di emissioni di CO2 in una misura che arriva fino all’80% del totale. L’idea di Ener2Crowd.com è quella di convincere quella massa critica di risparmiatori che da sempre puntano sugli investimenti più sicuri possibili —che una volta erano gli immobili ed i titoli di Stato— oggi in fuga dai prodotti finanziari dai rendimenti irrisori e non più solidi come un tempo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A “Spazio Margutta arrivano le nuove collezioni moda primavera estate 2022”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Come da tradizione, in tv, sui magazine e sui blog dedicati alla moda, non si fa altro che parlare delle tendenze fashion per la nuova stagione primavera-estate 2022. Come potremmo essere alla moda, non rinunciando alla propria personalità e scoprire quali saranno gli outfits, i gioielli e gli accessori moda di maggior tendenza? Tutto questo, sarà possibile scoprirlo nel mese di aprile a “Spazio Margutta”, in quattro eventi moda nei quali Vittoria Roma, Pakamé, Jajo madeinitaly, Roberta Baiardi e Gaia Caramazza, brand tra i più quotati del panorama nazionale ed internazionale, presenteranno le loro capsule-collection, nella magica atmosfera di Via Margutta.Un forte background nel settore, ed eterogenee esperienze dirette, sono alla base degli ideatori del progetto di “Spazio Margutta”: Grazia Marino, CEO di Spazio Margutta e Vice Presidente di Federazione Moda Italia Roma , si occupa da anni di progettare piani marketing per il lancio e il posizionamento di brand del settore luxury. Tenacia, sensibilità e capacità professionale, i punti forza della sua poliedrica personalità. Antonio Falanga, opera nel fashion system dal 1990 in qualità di produttore, organizzatore e press office. Inizia dieci anni prima come “testimonial” per diverse maison sartoriali e griffe di prèt-à-porter nazionali, esperienze da cui trae i presupposti per costituire quella che è attualmente è la sua attività di fashion producer. Primo appuntamento, l’8 aprile con le creazioni sartoriali di Vittoria Roma, a seguire il 13 aprile la presentazione della capsule collection della stilista Ungherese Pakamé, il giorno 21 aprile sarà dedicato all’urban style di Jajo madeinitaly, mentre il 29 aprile a chiusura del “Fashion Month” sarà possibile ammirare la collezione beachwear di Roberta Baiardi e le preziose creazioni uniche e artigianali della jewelry designer Gaia Caramazza. Partners dei quattro appuntamenti programmati a Spazio Margutta sono: “Ciù Ciù Tenimenti Bartolomei”, è un gruppo di aziende vitivinicole leader sul mercato tra i produttori di vino, che vanta la presenza di cinque cantine annoverate fra le principali realtà italiane. Ciù Ciù Tenimenti Bartolomei nasce con l’obiettivo di creare una sempre maggior sinergia tra le cantine dei fratelli Bartolomei, per presentarsi al mercato come un unico soggetto, capace di esprimere al meglio le caratteristiche dei territori da cui provengono i vini. La “Background Model Management” è una agenzia di moda del centro Italia. Fondata nel 2007 a Viterbo, oggi è presente anche a Roma e con importanti partnership a Milano. L’agenzia, che si avvale di uno staff composto dai migliori professionisti del settore, si occupa della selezione della formazione e dell’inquadramento professionale per il mondo della moda e della pubblicità a livello internazionale. “Raffaele Squillace”, professionista della bellezza, sperimentatore e cultore del Fashion System e Beauty Luxury, lavora da anni al fianco di aziende cosmetiche e gruppi di alta profumeria, come Estèè Lauder, Collistar, Dior e Calvin Klein Beauty, Sempre presente alle più prestigiose kermesse del settore moda, cinema e spettacolo, collabora con Rai, Mediaset e Sky come coordinatore e creatore dell’immagine per numerosi servizi, campagne pubblicitarie e fashion show, tra cui Altaroma e Pitti Immagine. La MODA a SPAZIO MARGUTTA venerdì 8 aprile: VITTORIA ROMA(Prét à Couture) mercoledì 13 aprile: PAKAME’ (Prét à Couture) giovedì 21 aprile: JAJO madeinitaly (Urban Style Collection) venerdì 29 aprile: ROBERTA BAIARDI (Beachweare Collection) GAIA CARAMAZZA (Handmade Jewelry)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra: Mozzarella Light. Domovoi

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Roma 8 aprile – 31 maggio 2022 Casa Vuota (via Maia 12, int. 4A) Presentazione al pubblico venerdì 8 aprile 2022 (orari 17:00-20:30) ORARI: visitabile su appuntamento. “Un’unica grande installazione, composta di enunciati di luce, riflessi, sculture cinetiche, elementi portanti che puntellano le superfici e di una membrana traslucida, definisce gli spazi di Casa Vuota, in un intervento che è insieme esperienziale, scultoreo, architettonico e poetico”, spiegano i curatori Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo. I differenti ambienti espositivi sono caratterizzati da una variazione di forme e colori, all’interno di un continuum dinamico in costante movimento. Nelle credenze popolari slave, i Domovoi sono creature invisibili, protettrici del focolare, benevole nei confronti degli umani e custodi dell’unità familiare, capaci avvertire gli abitanti della casa di pericoli imminenti e ingraziate da questi tramite piccole offerte di cibo, così legate alla famiglia da essere invitate a seguirla nella nuova abitazione in caso di trasloco.L’incontro con i Domovoi si impone ai Mozzarella Light in modo misterioso, con il sapore di un presagio. Mentre la mostra è in fase di progettazione, infatti, in una pausa del lavoro, il duo incontra al Quadraro, il quartiere romano in cui sorge Casa Vuota, un misterioso uomo dell’Est, un viandante senza nome con il quale si intrattiene in una breve conversazione. Alla domanda dello sconosciuto su cosa stessero facendo lì, i Mozzarella Light raccontano della mostra e di Casa Vuota e, in risposta, l’uomo racconta la leggenda dei Domovoi, consigliando loro di ingraziarseli per la buona riuscita del progetto. Da questo nome e da questo incontro nasce il titolo della personale.“A partire dalla suggestione arcana e immaginifica dei Domovoi – scrivono Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo – che arriva da un passato e da un territorio lontano ma che si connette con le nostre tradizioni e con la nostra storia, fino a riecheggiare i Lari e i Penati venerati nella Roma antica, il progetto espositivo dei Mozzarella Light evoca negli ambienti espositivi di Casa Vuota la presenza di numi tutelari che si manifestano in forme tanto effimere quanto insolite e affascinanti. Il dispositivo della mostra si configura come una soglia, confine tra il visibile e l’invisibile, dove si palesano fasci luminosi che costruiscono volumi immateriali o che sembrano indicare costellazioni incognite. In una penombra scandita da tempi e ritmi ripensati e autonomi, che sembrano dettati dalle stesse mura domestiche, dalle quali fuoriescono bracci meccanici simili a protesi o fantascientifiche superfetazioni, Casa Vuota si fraziona e si riflette, attraverso membrane e specchi, facendosi spazio altro, offerto all’esperienza della fruizione tra la vertigine dello schermo e l’insorgenza di una vita non umana, remota e artificiale. I Domovoi trovano così il loro habitat a Roma. Mozzarella Light è il nome del duo artistico composto da Giulia Ciappi (1997) e Marco Frassinelli (1992), che vive e opera a Roma. Si formano nelle Accademie di Belle Arti di Firenze e di Roma, dove entrambi conseguono il diploma di Scultura, e presso la Universidad del País Vasco di Bilbao in Spagna, facendo workshop e residenze negli USA, in Grecia e in Israele. Il nome scelto per designare il sodalizio artistico punta sullo spaesamento e su un’apparente anti-artisticità, con un’ambiguità semantica che fa anche riferimento alla luce, elemento essenziale del loro linguaggio espressivo. A partire dal 2019 portano avanti il progetto installativo Spazi intermedi all’interno di luoghi abbandonati.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nunzia Gionfriddo “Cioccolata calda per due”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Si presenterà a Napoli venerdì 8 aprile 2022 alle ore 18,30 “Cioccolata calda per due” dell’autrice napoletana Nunzia Gionfriddo, edito da Phoenix Publishing e vincitore del Premio Milano International. Assieme all’autrice saranno presenti la fotografa Alma Carrano e il giornalista Giuseppe Giorgio che modererà l’incontro tra le letture di Mario Mauro e Vanda Riccio. All’evento, che si terrà alla Libreria Raffaello in via Kerbaker 35, l’autrice proietterà e illustrerà immagini di Storia e di vita del periodo trattato nel libro.Un romanzo complesso, vagamente romantico, anche se il titolo trae in inganno. Il titolo rimanda infatti a una storia d’amore, in realtà quello che vibra nelle 214 pagine del libro non è l’amore che il lettore si aspetta. Al centro della narrazione, storie di guerra, tenerezza, paura, attese.Con l’obiettivo di approfondire le sue ricerche sulle vicende drammatiche avvenute nell’ex- Jugoslavia, Florinda chiede aiuto ad un giornalista, Giovanni. Presto, la donna si scontra con il dolore profondo e mai superato dell’uomo che in quegli eventi terribili ha perso la moglie. Ne nasce un rapporto affettuoso fatto di scambi d’idee, ricordi, piccole condivisioni, riti comuni come una cioccolata al bar, una passeggiata nel quartiere, una gita al mare.I fatti tragici del secondo Dopoguerra che hanno interessato Istria, Dalmazia, Fiume, Trieste, il tentativo d’invasione serba della Bosnia, le atroci sofferenze e le decimazioni subite dalle popolazioni,nell’indifferenza delle grandi nazioni europee irrompono nella loro quotidianità.La storia di Giovanni, della sua famiglia e della moglie scomparsa, una misteriosa telefonata a un cellulare (“Pronto, amore…”) sono i temi di questo racconto a due voci che gioca tra amore e morte, tra leggerezza e tormenti, ed emergono come spruzzi di onde di un mare in tempesta, tra lerighe della posta elettronica o davanti a due tazze di cioccolata calda.“Questo romanzo”, spiega l’autrice “nasce da varie sollecitazioni nel corso di almeno due anni. La prima emerse durante la presentazione di un mio romanzo “Gli angeli del rione Sanità”. Durante la discussione che si accese sul quesito se nelle aule scolastiche facesse più presa sugli studenti il manuale di Storia o il romanzo storico, una signora intervenne affermando che argomenti come, per esempio, il dramma delle foibe e l’esodo degli italiani da Pola, Istria e Dalmazia, per non parlare poi dei campi di concentramento nazisti e fascisti o titini, erano quasi del tutto ignorati da studenti e docenti”.La seconda sollecitazione, racconta Nunzia Gionfriddo, fu inviata attraverso le onde della radio da Edoardo Camurri che leggeva da un giornale la provocazione di Alessandro Baricco: “Sapreste scrivere un racconto che abbia come spunto la telefonata: «Pronto, amore…».Collana: Talos Pagine: 214 Formato: 148×210 Prezzo: € 16,90.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Sibilla Cumana di Domenichino dalla Galleria Borghese

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Bologna dall’8 aprile al 31 luglio 2022 Pinacoteca Nazionale la Sibilla Cumana di Domenichino, concessa in prestito da Galleria Borghese in relazione a una progettualità di scambi e iniziative comuni tra i due musei. Il dipinto sarà esposto nella Sala di Guido Reni in prossimità della Sibilla reniana proveniente dal lascito di Sir Denis Mahon alla Pinacoteca. Raffigurazioni della medesima iconografia, le due opere, pur nella diversità cronologica e ideativa che contrappone la complessa costruzione di Domenichino all’essenzialità dell’ultimo Reni, condividono la comune matrice raffaellesca raggiungendo esiti tra i più significativi nell’ambito dell’ideale classico seicentesco. Ma il dipinto di Domenichino consentirà interessanti connessioni con altre opere della Pinacoteca, come la Sibilla con Cartiglio del Guercino e la Sibilla di Elisabetta Sirani, oltre a costituire un fondamentale completamento alle diverse tipologie di opere di Domenichino presenti, come i paesaggi di piccolo formato e le grandi pale d’altare. La Sibilla della Galleria Borghese è singolarmente accompagnata da elementi musicali, uno spartito e una viola da gamba. Fin giovane Domenichino riservò alla musica un ruolo di particolare rilievo, divenendone da adulto un raffinato conoscitore. La sua pittura riflette sovente questa passione e talvolta ne diviene uno strumento di divulgazione, come nel caso della Sibilla Cumana. La melodia trascritta sullo spartito dipinto è stata relazionata alle Nuove Musiche di Giulio Caccini, raccolta di brani a voce sola e basso continuo pubblicata nel 1602. Domenichino condivideva con Caccini l’interesse per lo stile monodico in opposizione all’imperante polifonia, e sembra dichiararlo apertamente nel raffigurare la Sibilla con le labbra socchiuse in atto di cantare come solista, e la viola da gamba, strumento del basso continuo. Sarà proprio questo interessante connubio tra musica e pittura al centro delle attività di approfondimento promosse dalla Pinacoteca in occasione della permanenza del dipinto a Bologna. In collaborazione con Bologna Festival, il museo presenterà infatti un concerto con musiche di Giulio Caccini e autori coevi, in occasione della presentazione del dipinto, e una conferenza tenuta da una studiosa che ha approfondito con particolare evidenza la relazione tra Domenichino e la musica. Altri eventi accompagneranno il periodo di permanenza della Sibilla Cumana a Bologna, tra cui visite guidate, per le quali sarà data comunicazione nel sito e sui profili social della Pinacoteca, e conferenze programmate volte ad approfondire la produzione artistica di Domenichino, sia romana che bolognese.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Emanuel Pietrobon ZELENSKIJ

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Prefazione di Salvatore Santangelo pp. 144 Euro -13,50 euro. Zelenskij è l’uomo del momento. Ma di lui si parlerà ancora a lungo: verrà ricordato come colui che ha portato a compimento la costruzione dell’identità nazionale ucraina, come il primo “leader online in tempo di guerra”, che si è rifugiato nei social network anziché nei bunker, e come il Presidente che ha trasformato la comunicazione in un’arma letale quanto i carri armati russi. Con le sue dirette, entrate ormai nelle case e nei parlamenti occidentali, Zelenskij si è trasformato nella variabile impazzita capace di ribaltare un risultato dato per certo. Scegliendo di rimanere – e da protagonista – anziché scappare, ha alimentato una resistenza civile che ha stupito il Cremlino e convinto un riluttante Occidente a diventare co-belligerante informale, sullo sfondo della presa esercitata sulle opinioni pubbliche ucraina, europea e americana – nonché su quella russa. Zelenskij ha applicato alla guerra competenze acquisite negli anni del cabaret e si è circondato di strateghi militari, di social media manager e di spin doctor facendo della comunicazione la sua arma vincente, riuscendo a smuovere l’Occidente attraverso una propaganda di guerra innovativa, modellata secondo canoni pubblicitari. Una cosa è certa: se nelle relazioni internazionali ci sarà un prima e un dopo Ucraina, nelle guerre ibride ci sarà un prima e un dopo Zelenskij. Questo libro racconta la sua storia e il suo ruolo in questa guerra. Emanuel Pietrobon: Analista geopolitico, consulente e autore di vari libri, tra i quali L’arte della guerra segreta (2020), e Resistance Economics (2020). Scrive per vari think tank e riviste specializzate, tra cui «InsideOver», e ha lavorato per la Commissione Europea e Wikistrat. Esperto di geopolitica, guerre ibride e spazio postsovietico, ha soggiornato a lungo in Russia e nelle ex repubbliche sovietiche di Azerbaigian e Kazakistan e anche in Polonia e Romania. By Carlo Prosperi

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“La Ruota della Vita: tra mito, storia e astrologia”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Libro di di Riccardo Ferrari. L’uomo è un universo in miniatura. Tutte le cose che si trovano nei cieli e sulla Terra hanno un leggero ascendente sul suo essere. L’uomo è collegato ad una ruota, la ruota della natura e, deve sottostare al ritmo di quella ruota. Cosi, la grande ruota del cosmo gira e porta all’uomo sul globo terrestre il tempo della semina e del raccolto, la luce e l’oscurità, il caldo e il freddo, la notte e il giorno, L’Astrologia, così com’è qui interpretata, ci fa acquisire una conoscenza più rigorosa e dettagliata di noi stessi e delle persone che ci circondano. Non è la scoperta del nostro futuro che qui è importante, ma la possibilità di modificare positivamente gli aspetti del destino di ognuno di noi. Puoi acquistare il libro su Amazon, cartaceo o in formato digitale, cliccando questo link. http://www.amazon.it/dp/B093J5HX1X/ref=cm_sw_r_wa_apa_glt_HN20N49P1R5X80B9906Y

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festival del Giornalismo – International Journalism Festival

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Perugia 8 aprile 2022 alle ore 21.00 all’Auditorium San Francesco al Prato, Via S. Francesco, 4 – va in scena Onora il tuo errore come fosse un’intenzione nascosta, incontro-performance con Morgan moderata dal giornalista e musicologo, Andrea Lai, già direttore artistico di Maker Music per la Maker Faire – European Edition e Music For Uncertain Time per il Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale. In un dialogo sul confine, il luogo condiviso fra creatività musicale/artistica e l’errore Morgan e Andrea Lai, fra parole e musica e suoni propongono una lettura dell’errore che ne esalta la potenza generatrice, i successi e la costante presenza nella cultura. Errare è un verbo polisemico, può voler dire vagare senza una meta precisa e può voler dire fare qualcosa nel modo sbagliato. Come nell’errare non si procede lungo una via retta, nell’errore si imbocca percorso non previsto. L’abbandono della via conosciuta segna l’errare come segna l’errore, entrambi sono un allontanamento dal razionale. L’errore è un’intenzione nascosta (nelle parole di Brian Eno), irrazionale appunto. Come da detto Francesco Pacifico: L’errore è come un tuo io dietro al tuo io che ti guarda e fa le cose che deve fare. Solo l’errore ha la capacità di squarciare il mondo e portarti con una scorciatoia da un’altra parte.Morgan, attore culturale denso, espressionista e splendido system error, insieme ad Andrea Lai studioso del contemporaneo e del rapporto fra innovazione e creatività, indagano sull’errore come scintilla creativa, guizzo d’innovazione capace del rinnovamento della musica. Musica e tecnologia corrono parallele. Il violino, la chitarra, la chitarra elettrica, il giradischi, le tastiere i campionatori sono tutte innovazioni che la musica ha chiesto e contemporaneamente ha stimolato. L’arte invisibile, di massa e che tutti frequentano quotidianamente è anche quella più legata all’innovazione. L’uso improprio di strumenti e tecnologie spesso ha portato alla nascita di nuovi generi musicali. Un esempio su tutti, lo scratch diventato il tratto distintivo della musica rap, nato dall’errore di un giovane DJ di New York e diventato una delle discipline fondamentali dell’hip hop. Ma le note stesse sono vittime dell’errore: non solo il be bop e l’improvvisazione di Monk erano considerati non corretti dai puristi, ma anche alcuni accordi tensivi di Wagner che ora sono diventati uno standard del sound design del cinema thriller.Musicista, giornalista, innovatore, dj, consulente discografico e designer di intrattenimento, Andrea Lai è stato protagonista dell’innovazione musicale italiana ed europea dagli anni Novanta a oggi. Impegnato nel racconto e nella proposta di nuove visioni della contemporaneità attraverso musica e arti integrate, disegna progetti di cultura contemporanea. È curatore della sezione musica di Maker Faire, consulente musicale di LAZIOsound per la Regione Lazio, Direttore artistico di Star Walks, serie di live e interviste prodotta dal Paco Archeologico del Colosseo con artisti come Maneskin, Daniele Silvestri e Zen Circus. Per il Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale ha ideato e curato la direzione artistica di Music For Uncertain Time con Francesca Michielin, Vasco Brondi, Fiorella Mannoia, Clementino e La Rappresentante di Lista. Per l’Alternanza Scuola Lavoro del Museo MAXXI ha curato la direzione artistica del progetto di sound design dedicato all’architettura di Zaha Hadid. È Creative Director di HF4.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Webinar sul “riuso neurale” con Michael Anderson

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Parma venerdì 8 aprile alle 17 su piattaforma Teams il webinar Neural reuse, dynamics, and constraints: Getting beyond componential mechanistic explanation of neural function organizzato dal Laboratorio Interdipartimentale Neuroscience & Humanities con il Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese culturali dell’Università di Parma. Ospite sarà Michael Anderson, della Western University (Canada). In questo webinar Michael Anderson passerà in rassegna alcune delle prove del riuso neurale – una forma di plasticità neurale per cui le risorse neurali esistenti sono destinate a molti usi diversi – e le utilizzerà per sostenere che dobbiamo andare oltre (anche se non necessariamente abbandonare) la spiegazione meccanicistica componenziale nelle neuroscienze. Si sosterrà che ciò che è necessario per catturare l’intera gamma di plasticità e dinamiche neurali è uno stile di spiegazione basato sulla nozione di vincoli – in particolare vincoli abilitanti. Saranno forniti esempi di fenomeni neurali che sono difficili da spiegare nel quadro meccanicistico, mostrando che sono naturalmente gestiti da vincoli abilitanti.Michael L. Anderson è Rotman Canada Research Chair in Philosophy of Science al Dipartimento di Filosofia della Western University, Canada.La ricerca di Michael L. Anderson si trova all’intersezione della psicologia, delle neuroscienze, dell’informatica e della filosofia della scienza cognitiva, ed è apparsa in riviste come Artificial Intelligence, AI Magazine, Behavioral and Brain Sciences, Connection Science, Journal of Cognitive Neuroscience, NeuroImage, The Neuroscientist, Philosophical Psychology, Synthese e Topics in Cognitive Science. Il suo libro più recente After Phrenology: Neural Reuse and the Interactive Brain (MIT Press, 2014) delinea un nuovo quadro per comprendere l’organizzazione funzionale complessiva del cervello, colloca la sua funzione nel contesto evolutivo, e dimostra come i meccanismi originariamente evoluti per il supporto della coordinazione sensomotoria sono stati cooptati per facilitare il linguaggio e la matematica. Anderson è stato un borsista 2012-13 al Center for Advanced Study in the Behavioral Sciences, all’Università di Stanford.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentazione della collana editoriale MADLab

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Parma venerdì 8 aprile alle 17, in presenza, all’Auditorium Carlo Mattioli del Palazzo del Governatore (Piazza Garibaldi, Parma) sarà presentata la collana editoriale MADLab – Monitoraggio Analisi e Diagnosi del costruito, attivata nel 2019, arrivata ora alla pubblicazione del 5° volume (dedicato alla Didattica per il Restauro). Seguirà una breve presentazione del piano editoriale e degli scopi della collana da parte di Federica Ottoni, docente di Restauro dell’Università di Parma e Direttrice della collana, nonché Responsabile Scientifica del MADLab (https://www.madlab.unipr.it/). Parteciperà, da remoto, anche Martina Tognon, della casa editrice Quasar. Alle 18 spazio a brevi interventi di alcuni componenti del Comitato Scientifico della collana: Carlo Blasi, Nazarena Bruno, Eva Coisson, Daniele Ferretti, Barbara Gherri, Paolo Giandebiaggi, Carlo Mambriani, Marco Pretelli, Emanuela Sorbo, Chiara Vernizzi.L’incontro potrà essere seguito anche in streaming (per partecipare scrivere a federica.ottoni@unipr.it). La collana ha lo scopo di pubblicare alcune ricerche interessanti che si possano ricondurre all’approccio empirico–sperimentale, di conoscenza e controllo degli edifici, mirate alla conservazione ma allargandosi, come spesso succede, a territori di confine (monitoraggio, diagnostica, analisi strutturale, caratteri costruttivi storici). Il comitato scientifico della collana, multidisciplinare e variegato, vede la presenza di docenti del Laboratorio MADLab e di altre Università, oltre a studiosi internazionali (Jean-Francois Cabestan e Mario Santana-Quintero).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Futuro dell’Europa: dibattito in Plenaria sulle proposte dei gruppi di lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Strasburgo venerdì 8 e domenica 9 aprile 2022 (incluse le riunioni preparatorie dei gruppi di lavoro e dei caucus politici) presso il Parlamento europeo.Questa sessione plenaria darà seguito al lavoro svolto il 25-26 marzo dalla sessione precedente e dai nove gruppi di lavoro, in cui sono state discusse le proposte preliminari dei gruppi di lavoro.La Plenaria presenterà le proposte finali al Comitato esecutivo, che redigerà una relazione in piena collaborazione e trasparenza con la Plenaria stessa. Per maggiori informazioni sulla composizione, lo scopo e il lavoro della Plenaria, e per scaricare tutti i documenti pertinenti (compreso l’ordine del giorno) del prossimo fine settimana, è possibile consultare la pagina web della Plenaria della Conferenza.La relazione finale della piattaforma digitale multilingue, basata sui contributi dei cittadini raccolti fino al 20 febbraio, è disponibile online.I cittadini possono ancora presentare contributi sulla piattaforma, per permettere al dibattito di continuare online. I contributi presentati dopo il 20 febbraio potranno essere inclusi in una relazione finale dopo il 9 maggio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Guerra. Trattative affidate ad un paese con inflazione oltre il 61%?

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

La Turchia di Erdogan ha un tasso inflattivo del 61,4% su base annua, e ad essa sembra ci si voglia affidare per le trattative di pace relative all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia . Certo, la Turchia in questi ultimi anni è diventata come il prezzemolo, dove ti giri la trovi a condimento e non solo di varie iniziative economiche, soprattutto lì dove il tradizionale colonialismo occidentale è fallito e continua a fallire, e lì dove i regimi dei singoli Paesi aiutati sono meno democratici possibile. Turchia come una sorta di Paesi arabi del Golfo, pieni di soldi da investire e in tanti che li accolgono senza andare tanto per il sottile rispetto a democrazia e diritti umani. Certo, la Turchia non è, per esempio, l’Arabia Saudita o il Qatar, dove non si sa quanti siano gli schiavi utilizzati, morti e vivi, per dare strutture e lustro ai campionati mondiali di calcio. Ma le carceri turche hanno tanti, ma proprio tanti ospiti per opinioni e iniziative non in linea con la politica del premier Erdogan. Comunque è un Paese con l’inflazione oltre il 60%: sintomo di una politica interna problematica. Paese che i soldi che ha preferisce investirli per il proprio potere al di fuori dei confini che non per il benessere dei suoi amministrati… investimenti che, visto per l’appunto il 60%, non sembra abbiano grande ricaduta su ricchezza e felicità interna. Ovviamente non esistono parametri economici per il “perfetto mediatore di pace”. Valgono in genere quelli politici. Ma nel 2022 esistono grandi differenze tra economia e politica, non sono entrambe coibentate per ricchezza e prosperità degli amministrati? Consumatori (economia) e cittadini (politica) non sono astrazioni, ma realtà portanti e determinanti la cui armonia determina benessere individuale e collettivo. Se l’auto si rompe, qualcuno andrebbe da un meccanico sapendo che lo stesso, nel 60% dei casi, fa tariffe più alte della media perché non è in grado di amministrare la propria bottega? François-Marie Arouet – Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus. Verso la quarta dose

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

La Food and drug administration (Fda), l’ente federale americano che si occupa di farmaci, ha autorizzato la quarta dose, ovvero il richiamo o booster, del vaccino contro il Coronavirus (Sars-Cov-2) per chi ha più di 50 anni. L’approvazione è relativa ai vaccini a Rna messaggero, cioè quelli prodotti da Pfizer e Moderna. E’ noto che i vaccini in uso diminuiscono la protezione nel tempo e quindi c’è la necessità di un rinforzo della protezione con un aumento della risposta anticorpale. Nel nostro Paese la quarta dose è raccomandata per le persone particolarmente fragili (immunodepresse). Ora, attendiamo che anche l’Ema, l’ente europeo dei farmaci, esamini le informazioni provenienti da una ampia casistica fornita dagli studi in Israele, e si determini in merito.Occorre, comunque, non abbassare la guardia perché il virus è ancora in circolazione, anche con nuove varianti. Non vorremo ritornare a situazioni già vissute in precedenza, a causa della leggerezza con cui si è affrontata la diffusione virale. Primo Mastrantoni.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Processo dopo 23 anni dal fatto.. Giustizia?

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

Si è aperto il 4 aprile di quest’anno a Pisa il processo in Corte d’Assise per fare luce sulla morte, 23 anni fa, del parà Emanuele Scieri per un presunto atto di nonnismo militare. La vicenda è nota in tragicità e sintomaticità, comitati ad hoc si sono costituiti nel tempo per far luce e giustizia. Fatti talmente tragici che sembra abbiano avuto ed hanno il sopravvento su un altro aspetto: 23 anni perché il processo cominciasse. Ventitre anni in cui la doppia funzione della Giustizia non ha potuto manifestarsi: Giustizia in sé e allerta/certezza per scongiurare altri atti del genere. Per la Giustizia in sé emerge in modo particolare il dolore dei familiari, amici e commilitoni dell’epoca del giovane 26enne. Oltre lo sconforto civico e umano di ogni persona di buon senso che non si rassegna alla barbarie di questa attesa. Per l’allerta/certezza – colpevoli o meno che saranno giudicati gli imputati – cosa hanno comportato questi 23 anni di attesa? Quanti altri atti del genere (magari senza il morto e lo specifico clamore) non sono stati scongiurati grazie al monito che una sentenza rappresenta per la comunità? Sentenza, sia chiaro, di condanna o assoluzione… poco importa, ma “sentenza” che comunichi ed educhi su presenza, vigilanza e giustizia di uno dei poteri dello Stato.Se non ci si indigna e non si reagisce per questi 23 anni, vuol dire assecondare il regime che, per silenziare, demotivare e boicottare i referendum sulla giustizia giusta, ha fissato la data elettorale per il prossimo 12 giugno, auspicando con calcolo politico l’annullamento degli stessi per mancanza di quorum (1). Referendum che non possono essere panacea di tutto quello che non funziona nella Giustizia: a fronte di un potere dello stato che amministra questa Giustizia conservandosi, tutelandosi e procrastinando il corporativismo, i Referendum, al di là e oltre gli specifici quesiti, sono un segnale, un urlo di dolore degli elettori al potere legislativo perché non si continui con altri “23 anni”. François-Marie Arouet – Aduc http://www.aduc.it

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

OLVEA Fish Oils retains Friend of the Sea certification since a decade

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2022

OLVEA Fish Oils has continued to bolster its sustainable industry benchmark for the second time in 11 years by retaining its Friend of the Sea Sustainable Certification, owing to its vigorously displayed and continually expanding sustainable fish oil production. Although fish oils deliver widely documented and profound health benefits in humans, the golden supplement may be having unintended impacts on marine environments. It is estimated that 20% of the global wild fish catch is indirectly induced through a steadily rising demand for fish oils. With fish stocks depleting at concerning levels, it has become imperative for fisheries to manage marine resources sustainably to ensure their availability for future generations. The Friend of the Sea Sustainable Certification, the leading international standard for producers of fish oil, has been established as a tangible means to ameliorate the issue by promoting the sustainable management of fish stocks, and as a mark of environmental stewardship for those fisheries already practicing conscious fishing. (www.friendofthesea.org)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »