Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Archive for 14 aprile 2022

Commento post-BCE

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Commento a cura di Charles Hepworth, Investment Director di GamlDopo una svolta aggressiva nel mese di marzo volta a ridurre gli acquisti di obbligazioni un po’ più velocemente del previsto, la riunione odierna della BCE è stata una sorta di non-evento in termini di eventuali nuove notizie, anche perché piuttosto ravvicinata all’ultimo meeting. Il Consiglio direttivo, nel mantenere la narrativa di “opzionalità, gradualità e flessibilità” sul ridimensionamento degli acquisti di obbligazioni, si aspetta ora di terminare gli acquisti netti entro la fine del terzo trimestre di quest’anno, il che rappresenta l’unico reale elemento di novità. La guerra in Ucraina continua a confondere le acque per le previsioni dell’istituto centrale e, nonostante l’inflazione rimanga dilagante, ciò ha spinto a rimandare ancora per qualche altro mese ogni decisione sulla politica di una certa importanza – il che con probabilità renderà la riunione di giugno un evento importante per i mercati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

BCE: il compromesso possibile?

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

A cura di Pasquale Diana, Head of Macro Research di AcomeA SGR.La BCE conferma che la fine del QE si avvicina. Nel meeting di marzo, la BCE aveva annunciato una riduzione più rapida dell’APP (€40mld a aprile, €30mld a maggio, €20mld a giugno), con una sua possibile fine nel 3zo trimestre. Oggi, la BCE ha indicato che i dati recenti rafforzano questa aspettativa, ma non ha accelerato questo processo di uscita dal QE. “Gradualità, flessibilità e apertura alle opzioni” sono il nuovo mantra della BCE. Ma che vuol dire? In sostanza la BCE riconosce che la combinazione dell’uscita dalla pandemia, i prezzi energetici e il conflitto in Ucraina creano una situazione di enorme incertezza. In questi frangenti, le previsioni macro sono importanti ma bisogna essere pronti a qualsiasi scenario.In questo senso, la parte finale del comunicato è molto interessante: la BCE dice che è pronta a “adeguare tutti gli strumenti nell’ambito del proprio mandato, in modo flessibile ove necessario, per assicurare che l’inflazione si stabilizzi sull’obiettivo del 2% a medio termine”. Il testo aggiunge inoltre che “la flessibilità rimarrà un elemento della politica monetaria ove i rischi per la sua trasmissione mettano a repentaglio il conseguimento della stabilità dei prezzi”.Di quale flessibilità si parla, esattamente? Di quella già presente nella politica dei reinvestimenti del PEPP? Oppure di qualcosa di nuovo? Quando la BCE parla di “adeguare” tutti gli strumenti, lascia pensare che stia predisponendo uno strumento nuovo. Questo è d’altronde ciò che la Lagarde stessa aveva lasciato intendere nel corso dell’ultima ECB Watchers Conference, quando aveva menzionato esplicitamente la creazione di “nuovi strumenti”, se necessario.Verso un grande compromesso? In estrema sintesi, la situazione macroeconomica in eurozona è la seguente (vd anche grafici a lato). L’inflazione di tipo headline è salita al 7.5%Y a Marzo e – nonostante l’inflazione di tipo core sia molto più bassa (3%) – questo preoccupa molto i falchi all’interno del Consiglio. Negli ultimi meetings, c’è stata la netta sensazione che i falchi stessi abbiano preso il sopravvento, il che ha spinto il mercato a prezzare ben 5 rialzi dei tassi nei prossimi 12 mesi, nonostante un chiarissimo deterioramento delle prospettive di crescita in eurozona.A fronte di tutto questo, la BCE sa che deve normalizzare la politica monetaria prima portando a termine il QE, e poi alzando i tassi. Allo stesso tempo, non può correre il rischio di creare tensioni finanziarie eccessive (ad esempio sugli spreads), che a loro volta la obbligherebbero a fare marcia indietro.Ecco allora che si creano le basi per un possibile compromesso tra falchi e colombe. Da un lato la BCE segue la scia della Fed e delle altre banche centrali. Non facendolo, la BCE correrebbe il rischio di un deprezzamento eccessivo dell’euro (basti vedere cosa è successo allo Yen nelle ultime settimane), il che creerebbe a sua volta ulteriori pressioni inflattive. D’altro canto, la BCE può porre le basi per un nuovo strumento – con dettagli tutti da definire – che combatterà la frammentazione e garantirà una efficace trasmissione della politica monetaria nell’eurozona. In sostanza, ridurrà il rischio di eccessivo allargamento degli spreads.Hawkish ieri, dovish oggi, domani? Chissà. Rispetto alle attese del mercato, la percezione è che la Lagarde sia stata al margine più dovish delle attese oggi, non accelerando la fine del QE. Con ogni probabilità vedremo uno o due rialzi dei tassi già quest’anno, e qualcuno a seguire nel 2023. Il gap con i tassi Fed continuerà ad ampliarsi, viste le differenti condizioni macro. L’incognita più grande nei prossimi mesi a nostro giudizio è: quanta frammentazione (leggi: ampliamento degli spreads) è disposta a tollerare la BCE in questo processo di normalizzazione prima di intervenire con nuovi strumenti?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Torna la Fiera di Modena

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Modena sabato e feriali 17-23; domenica 24, lunedì 25 aprile dalle 10 alle 23; domenica 1 maggio dalle 10 alle 20. il pubblico potrà visitare gratuitamente le tradizionali aree dedicate all’arredo casa e giardino, allo shopping, all’enogastronomia e alla creatività. Ma non solo. In questa edizione 2022 si festeggia la voglia di ritrovarsi con la nuova area live MusicMo, nel padigione C, che accoglierà tutte le sere il pubblico con artisti dal vivo: dalle band emergenti del territorio per due serate-concertone (il 25 aprile e il 1° maggio), ai big come i Planet Funk (il 30 aprile) e alle risate con Fabrizio Fontana, il comico di Striscia la Notizia e i suoi Capitan Ventosa e James Tont (il 27 aprile).Spazio anche agli “incontri con l’autore”, la rassegna a cura della libreria Ubik di Modena che porterà al quartiere fieristico nomi amatissimi come la vincitrice dell’ultima edizione di Masterchef Tracy Eboigbodin (sabato 30 aprile “Soul kitchen”, Baldini + Castoldi), la giornalista e food blogger Giusina Battaglia che il grande pubblico ha imparato ad apprezzare in Giusina in Cucina, il programma che la siciliana conduce su Food Network (domenica 24 aprile con il libro “Giusina in cucina. La Sicilia è servita”, Cairo editore), fino alla mental coach dell’oro olimpico Marcell Jacobs Nicoletta Romanazzi (venerdì 29 aprile con “Entra in gioco la testa”, Longanesi).Altri numerosi ospiti e appuntamenti novità bollono in pentola per “accendere” le serate modenesi di primavera: concerti, laboratori, libri, incontri con l’autore andranno a comporre un calendario di eventi per tutte le età. Infoline: https://www.fieradimodena.com/

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Salviamo il mondo con la biodiversità

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Perugia Venerdì 22 aprile 2022, dalle ore 17, all’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali DSA3 – Università degli Studi di Perugia, presso l’Abbazia di San Pietro, si terrà l’incontro “Salviamo il mondo con la biodiversità. L’importanza degli Orti Botanici”, organizzato dal CAMS Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con l’Associazione weTree e con il patrocinio della Sezione Umbro-Marchigiana della Società Botanica Italiana.Sarà l’occasione per la consegna del “Premio weTree” (5.000 euro) da parte della Presidente Ilaria Borletti Buitoni al progetto vincitore per la riqualificazione dell’Orto Botanico di Perugia.Ideatori del progetto vincitore dal titolo “Reinventing hortus, una nuova visione per l’Orto Botanico di Perugia” sono gli Architetti Paesaggisti Francesca Capellini e Marco Nelli.Il Premio weTree per la riqualificazione dell’Orto Botanico di Perugia è dedicato alla scienziata americana Rachel Carson per aver reso l’ecologia e la biodiversità un argomento popolare. I saluti istituzionali saranno portati da Maurizio Oliviero, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia – Andrea Romizi, Sindaco del Comune di Perugia – David Grohmann, Direttore del C.A.M.S. Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia – Gaetano Martino, Direttore del Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali DSA3 dell’Università degli Studi di Perugia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una web radio che vuole ascoltare ed accogliere

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Non solo trasmissioni radiofoniche, ma anche video. Radio Onda UER, la web radio del Centro di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma, ha aperto un canale YouTube per ampliare la sua programmazione, che resta sempre gratuita ed aperta a tutti.“Siamo felici di questo passo di crescita della nostra web radio”, afferma Padre Gonzalo Monzón LC, direttore del Centro di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma. “Sarà un’ulteriore opportunità di collaborazione con i giovani e con tutte le persone che desiderano dialogare e partecipare alle nostre trasmissioni”.“Oltre al nuovo canale YouTube, la nostra radio continuerà ad essere presente sul suo solito spazio web, dove si possono ascoltare e scaricare gratuitamente i podcast”, spiega Carlo Climati, ideatore e coordinatore di Radio Onda UER. “Ci ispiriamo a quella cultura dell’incontro che Papa Francesco ci invita a vivere ogni giorno. Prima di comunicare, Radio Onda UER desidera soprattutto ascoltare, incoraggiare uno spirito di accoglienza e di amicizia con tutte le persone, in ogni parte del mondo”. Ecco il link del nuovo canale YouTube di Radio Onda UER: https://www.youtube.com/channel/UC47seCf65xM0ODfWADOpATg

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Italia: Pressione fiscale reale al 49%

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

La pressione fiscale reale italiana, calcolata al netto del sommerso, ha raggiunto ormai il 49%, il livello più alto d’Europa. Nel 2019 era al 48,2%. Il dato è stato fornito dal Consiglio nazionale di commercialisti nel corso di un’audizione sul Def svoltasi presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. “Stante l’elevata quota di economia sommersa e illegale in Italia – hanno spiegato Tommaso Di Nardo e Pasquale Saggese, ricercatori della Fondazione nazionale della categoria- la pressione fiscale reale, il sacrificio cioè realmente imposto alla collettività che opera nell’economia emersa, è di gran lunga più elevato di quello ufficialmente registrato dall’Istat per tutta l’economia. La contabilizzazione da parte dell’Istat di una consistente quota di economia sommersa ed illegale nel Pil, pari per il 2019 a 203 miliardi di euro, l’11,3% del Pil, determina un livello particolarmente elevato della pressione fiscale reale, pari nel 2019 al 48,2%”.

Pur non essendo ancora disponibili le stime Istat dell’economia sommersa per il 2020 e il 2021, i commercialisti hanno sostenuto che, “alla luce dell’incremento della pressione fiscale ufficiale, è comunque possibile ritenere che la pressione fiscale reale si sia incrementata di pari passo. Mantenendo costante la quota di economia sommersa all’11,3% del Pil nominale, come rilevato dall’Istat per il 2019, la pressione fiscale reale nel 2021 raggiunge il 49% del Pil emerso, portando l’Italia al primo posto in Europa”. “Per il 2022 e per gli anni successivi – hanno proseguito – il DEF prevede una riduzione della pressione fiscale essenzialmente dovuta alla revisione dell’Irpef operata nella legge di bilancio 2022 e all’abolizione dell’Irap per le attività di impresa e lavoro autonomo svolte in forma individuale”. Per il sostegno alla ripresa economica, sarebbe secondo i commercialisti “fondamentale ridurre la pressione fiscale che grava sulle famiglie che, negli ultimi anni, è sempre aumentata. Nonostante gli interventi volti alla riduzione del cuneo fiscale sul lavoro dipendente, il livello complessivo del gettito tributario imputabile alle famiglie è quello che ha subito l’effetto maggiore dello shock fiscale 2012-2013 anche per effetto di una tassazione immobiliare particolarmente elevata a cui si aggiunge l’incremento della fiscalità locale che, anche per compensare il venir meno dei trasferimenti statali, è cresciuto progressivamente seppure in maniera ampiamente differenziata sui territori”. I rappresentanti della categoria hanno poi sottolineato come “l’evidente incremento del gettito delle imposte indirette trainato dall’Iva e generato in larga misura dall’importante crescita dell’inflazione, si abbatte sulle famiglie italiane contribuendo ad appesantire ancora di più il carico fiscale complessivo. Pertanto – hanno concluso – sarebbe auspicabile tenere sotto controllo il gettito Iva che sta alla base della lievitazione della pressione fiscale indiretta dell’ultimo anno, ed eventualmente, laddove le condizioni del quadro macroeconomico e di finanza pubblica lo permettessero, compatibilmente con la normativa europea, adottare opportuni provvedimenti di sterilizzazione dell’aumento del gettito Iva”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quale futuro per la professione infermieristica

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Il futuro della professione infermieristica dei prossimi venti anni per gli oltre 456mila infermieri iscritti agli ordini provinciali si disegna ora. Oltre gli Stati Generali della professione infermieristica che prevedono una consultazione trasparente a cui tutti gli infermieri possono partecipare e che, avviati da poco meno di due settimane hanno già raccolto l’opinione di migliaia di professionisti, si è attivata l’8 febbraio una Consensus Conference che da ora fino a giugno prevedrà un confronto tra le principali istituzioni nazionali e i rappresentanti di alcune associazioni infermieristiche. Obiettivo della Consensus conference sarà l’elaborazione di un position sulla politica della FNOPI in merito allo sviluppo professionale e della formazione. I principali temi discussi saranno: le nuove esigenze del Sistema Sanitario Nazionale per gli infermieri alla luce dell’evoluzione normativa degli ultimi mesi e dai cambiamenti introdotti dal PNRR, con uno sguardo oltre l’emergenza pandemica; l’evoluzione della professione infermieristica e le modifiche delle organizzazioni sanitarie in risposta ai nuovi bisogni di salute della popolazione; la revisione dell’assetto formativo infermieristico in risposta all’emergente fabbisogno formativo di base e specialistico. Su questi argomenti tre gruppi di lavoro della Consensus Conference, a partire dall’8 aprile metteranno a punto un documento di intenti e prospettive che sarà validato da un panel di esperti e istituzioni del settore, ed enti di ricerca, università, ministeri, Regioni, associazioni infermieristiche e cittadini. Il position fornirà un punto di vista condiviso sugli input necessari per ridisegnare la professione infermieristica in Italia anche attraverso la modifica di norme primarie e percorsi formativi universitari e di specializzazione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riunione scientifica su: “La gestione del dolore neuropatico”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Martedì 26 aprile alle ore 21, l’Accademia di Medicina di Torino terrà una riunione scientifica, sia in presenza, sia in modalità webinar, dal titolo “La gestione del dolore neuropatico”. L’incontro verrà introdotto da Maria Teresa Giordana, Professore Ordinario di Neurologia e socio dell’Accademia. I relatori saranno Giuseppe Lauria Pinter, Professore Ordinario di Neurologia, Università di Milano e Direttore Scientifico Fondazione IRCCS Istituto Neurologico “Carlo Besta” e Nicola Luxardo, Specialista in Anestesia, Rianimazione, Terapia del Dolore, Città della Salute e della Scienza, Torino.Il prof. Lauria Pinter spiega come nell’evoluzione filogenetica delle diverse specie animali, il sistema nocicettivo si sia adattato per rispondere alle esigenze dei diversi ecosistemi. Il dolore neuropatico è un evento che segue lesioni o alterazioni funzionali del sistema somatosensoriale, determinando un’alterazione della fisiologia del sistema nocicettivo. Negli esseri umani, a tale evento segue un’ampia variabilità di manifestazioni cliniche dipendente da numerose variabili ancora non del tutto comprese, ma indicative di come per propria natura il dolore neuropatico sia un evento dinamico e la sua variabilità espressione di modificazioni legate all’ambiente, ad aspetti genetici ed allo stato cognitivo individuale. Questi elementi offrono oggi indirizzi sempre più concreti verso una medicina personalizzata per le persone affette da dolore neuropatico. Il dott. Nicola Luxardo osserva come la maggioranza dei pazienti affetti da dolore neuropatico non risponda alla terapia farmacologica nonostante i progressi della ricerca; negli studi basati sull’evidenza è consuetudine considerare “responder” al trattamento quei pazienti che riportano un sollievo dal dolore superiore al 50%.Gli obiettivi della terapia sono: la modulazione del dolore e la relativa riduzione dei suoi parametri come l’intensità, la frequenza e la durata, l’ottimizzazione del riposo notturno, il tono dell’umore, lo stato funzionale, il reinserimento nell’ambiente sociale. Le prime due linee di trattamento sono farmacologiche sistemiche (orali, transdermiche ed endovenose), la terza comprende le tecniche loco-regionali infiltrative come le peridurali e le tecniche loco-regionali procedurali come la radiofrequenza pulsata. La neurostimolazione elettrica midollare rappresenta la IV linea di trattamento, la neuromodulazione farmacologica midollare, la V. La terapia interventistica è quindi una risposta successiva alla terapia farmacologica e viene proposta nel caso di un suo fallimento.Si potrà seguire l’incontro sia accedendo all’Aula Magna dell’Accademia di Medicina di Torino (via Po 18, Torino), previa prenotazione da effettuare via mail all’indirizzo accademia.medicina@unito.it e dietro presentazione del Green Pass, sia collegandosi da remoto al sito http://www.accademiadimedicina.unito.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La notizia falsa della Nato che si espande: E’ una bufala

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

C’è la condanna dell’aggressione e degli orribili massacri che si compiono nell’Ucraina ma permane, in fondo, la convinzione che tutto sia accaduto perché la Nato si è allargata ad Est. E’ una bufala che la propaganda putiniana ha diffuso, che i nostri media hanno ampliato e alla quale molti italiani hanno creduto. Per togliere i dubbi, speriamo definitivamente, informiamo che la Russia aveva accettato l’allargamento della Nato ad Est. E’ tutto scritto nel Founding Act, firmato dalla Nato e dalla Federazione Russa il 27 maggio del 1997, 25 anni fa! L’allargamento veniva accettato dalla Russia a patto che nei nuovi Paesi aderenti non fossero collocati missili a testata nucleare. Così è stato: nei Paesi dell’Est Europa non ci sono missili con testate nucleari. In compenso, nel 2018, nell’enclave russa di Kaliningrad, situata tra la Polonia e Lituania, sono stati istallati missili che possono essere armati con testate convenzionali o nucleari. Insomma, la minaccia missilistica nucleare è solo russa. Il resto è disinformazione, alla quale molti italiani hanno creduto.Primo Mastrantoni, Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rassegna trimestrale sull’occupazione e gli sviluppi sociali in Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

In occasione dell’Anno europeo dei giovani 2022 la Commissione ha pubblicato oggi l’ultima edizione della rassegna trimestrale sull’occupazione e gli sviluppi sociali in Europa che include un approfondimento tematico specifico sul divario retributivo di genere tra i giovani lavoratori.Queste rassegne trimestrali danno una panoramica dei recenti sviluppi sociali e del mercato del lavoro nell’UE, con analisi tematiche specifiche.Dall’ultima edizione emerge che sul mercato del lavoro dell’UE le giovani donne (di età compresa tra i 25 e i 29 anni) subiscono a inizio carriera un divario retributivo di genere non corretto del 7,2 %, percentuale pari a circa la metà del divario retributivo di tutti i lavoratori, il che indica ancora maggiori disparità retributive tra i lavoratori più anziani. D’altro canto la rassegna rileva anche che le differenze retributive tra giovani lavoratori e lavoratrici sono difficili da spiegare sulla base dei dati disponibili e che la situazione varia molto da paese a paese.Vi sono poi differenze nelle caratteristiche dei lavoratori che determinano importanti divari retributivi, pur operando in direzioni diverse: i giovani lavoratori tendono a guadagnare di più perché lavorano in attività economiche più remunerate ma le giovani lavoratrici tendono a percepire salari più alti in quanto più istruite.L’eliminazione del divario retributivo di genere è indicata come priorità nella strategia per la parità di genere 2020-2025 della Commissione. Sempre in questo senso la Commissione ha presentato una proposta di direttiva sulla parità di retribuzione tra uomini e donne per uno stesso lavoro attraverso la trasparenza delle retribuzioni e meccanismi esecutivi. La proposta è attualmente oggetto di discussione al Parlamento europeo e al Consiglio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza sul futuro dell’Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Bruxelles. La Plenaria della Conferenza sul futuro dell’Europa dell’8-9 aprile ha discusso le proposte concrete dei gruppi di lavoro. I Presidenti e i portavoce di nove gruppi di lavoro della Plenaria hanno presentato alla plenaria della conferenza le loro proposte consolidate e raggruppate per temi. Le proposte, basate principalmente sulle raccomandazioni fatte dai panel dei cittadini europei, sugli input dei panel nazionali e sulle idee raccolte nella piattaforma digitale multilingue, sono state discusse da tutti i membri della plenaria. I deputati hanno affermato che la Conferenza è un esercizio di apertura e democrazia senza precedenti e lodato il lavoro dei cittadini europei. Hanno poi promesso che il Parlamento europeo farà in modo che le proposte dei cittadini siano prese sul serio. Molti deputati si sono detti d’accordo con la richiesta dei cittadini di modifiche ai trattati e hanno chiesto una convenzione per discutere il tema. Un certo numero di deputati ha suggerito di rafforzare i poteri del Parlamento europeo per coinvolgere maggiormente i cittadini nel processo decisionale dell’UE. In particolare, hanno evidenziato, come richieste principali, il diritto all’iniziativa di bilancio, il diritto di controllo dell’esecutivo attraverso commissioni d’inchiesta, e una piena competenza nel campo della politica estera e di sicurezza. I deputati hanno anche chiesto che le scuole includano l’educazione dei bambini ai valori europei, alla democrazia e alla storia, e al funzionamento dell’UE. Per quanto riguarda le diverse aree politiche, i deputati hanno chiesto un sistema sanitario più forte, che garantisca un livello minimo di assistenza, e un equo accesso alla digitalizzazione per tutti i cittadini, indipendentemente da dove vivono nell’UE. Hanno infine sottolineato l’importanza di una forte dimensione sociale come parte della transizione verde, e la promozione dell’apprendimento delle lingue e della diversità culturale e linguistica.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Progetto RigeneraDerma

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Roma mercoledì 20 aprile 2022 dalle ore 14.00 alle 15.00, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, sarà presentato il Progetto RigeneraDerma, che ha come obiettivo quello di curare pro bono le cicatrici al volto di 500 persone che non possono permettersi le terapie. Il progetto utilizza la metodologia Biodermogenesi® e prevede la collaborazione del Telefono Rosa, poiché offriremo la cura anche a donne oggetto di violenza, e dell’Università di Verona, partner scientifico che raccoglierà tutte le informazioni relative ai pazienti trattati, al fine di pubblicare uno studio specifico sulle cicatrici al volto.Data l’importanza del progetto abbiamo deciso di presentarlo in ambito istituzionale. Sarà possibile seguire in diretta la conferenza sul sito della Camera dei Deputati (https://www.camera.it/leg18/1), cliccando su Conferenze Stampa. Non ci sarà però la possibilità di interagire e di rispondere alle domande da parte di coloro che si collegano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dario Franceschini: “Con la cultura non si mangia?”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Collana i Fari, pp. 176, 18 euro. «La cultura non è solo il racconto di quello che siamo stati e che siamo, è il centro di una strategia per rilanciare lo sviluppo, per costruire un paese più inclusivo e accogliente, più forte nello scenario europeo e internazionale. Un paese aperto al futuro.» Dario Franceschini. «In attesa che Dario Franceschini reindossi le vesti del narratore puro, del romanziere padano, che tanti consensi ha avuto, anche oltralpe, questo suo nuovo saggio è quanto mai opportuno. Dopo la crisi pandemica e nel mezzo dell’invasione dell’Ucraina, è giusto che cresca la consapevolezza del ruolo centrale, unico, della cultura a tutti i livelli, anche politico e anche nel dialogo tra le nazioni.» Elisabetta Sgarbi, Dir. Generale e Editoriale La nave di Teseo. “Con la cultura non si mangia” scolpiva lapidaria una frase attribuita a un noto ministro di qualche anno fa. Eppure, in un paese come l’Italia che dell’intreccio tra arte, storia, creatività, paesaggio ha fatto da secoli il tratto più forte della propria identità, la cultura può e deve essere non solo una leva di crescita civile, ma il motore di uno sviluppo economico sostenibile, la chiave per iniziare a costruire il mondo che verrà, dopo la pandemia e la guerra in Ucraina. Questo libro è insieme manifesto di idee e diario di viaggio, racconto dal vivo di una stagione vissuta nel cuore del ministero che presidia la bellezza: da Pompei al Colosseo, dai musei al teatro, dalla musica al cinema, dalle grandi capitali dell’arte al più piccolo dei borghi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Nuove modalità di assunzione precari

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha oggi convocato i sindacati della scuola per un incontro da svolgersi martedì prossimo, 12 aprile, con inizio alle ore 16.30: il motivo della riunione è il nuovo reclutamento degli insegnanti e un aggiornamento sull’utilizzo degli oltre 15 miliardi in arrivo dal PNRR per l’istruzione italiana, a fronte di 31,9 miliardi di euro complessivi (30,9 miliardi dal Dispositivo RRF e 1 dal Fondo) previsti per i settori “Istruzione e Ricerca”. I due temi sono, tra l’altro, fortemente collegati, poiché nel progetto del Piano nazionale di ripresa e resilienza è prevista “una riforma del sistema di reclutamento che porterà, una volta approvata, l’immissione in ruolo di 70.000 docenti entro il 2024”.Anief reputa importante la decisione del ministro di convocare i sindacati: “Con questa convocazione è stata accolta la richiesta Anief di incontro urgente – dice Marcello Pacifico, leader del giovane sindacato rappresentativo – perché non si può più procrastinare il problema delle assunzioni sui tanti posti vacanti e disponibili, anche per il personale Ata. Noi, come Anief, reputiamo indispensabile reinserire quel doppio canale di reclutamento che per anni ha permesso di immettere in ruolo con efficacia i precari della scuola: vanno quindi utilizzate per intero le graduatorie Gps, prevedendo un periodo di formazione-abilitazione all’insegnamento per coloro che sono inseriti in seconda fascia. Come vanno collocati in organico di diritto tutti i posti senza titolarità, il tempo delle deroghe ci ha portato a questa condizione. Non possiamo più permettercelo”, ha concluso il presidente Anief.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Sostegno, Anief chiede ammissione con riserva per i docenti che si specializzeranno entro il 31 luglio

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

Marcello Pacifico (Anief): “Esprimiamo soddisfazione innanzitutto per l’accoglimento, da parte dell’Amministrazione, di una delle richieste che avevamo presentato: ovvero della possibilità di dichiarare con riserva il servizio prestato fino alla fine dell’anno. Le proposte ministeriali continuano però a comprimere i diritti del personale precario. Non si può immaginare che i supplenti che devono esprimere le preferenze siano trattati come il personale di ruolo che deve fare domanda di trasferimento senza conoscere le disponibilità – come ipotizza il Ministero. Qui conoscere in anticipo le preferenze è essenziale talvolta per assicurarsi un contratto a tempo determinato, senza contare che le preferenze da ordinare sono ben più delle quindici previste per la mobilità. Come sindacato insisteremo anche per far riconoscere la possibilità di dichiarare titoli di accesso conseguiti fino al 31 luglio”.Come sempre ANIEF esprime la necessità di una maggiore trasparenza da parte dell’Amministrazione, con la previsione di pubblicazione delle disponibilità effettive ai fini del conferimento degli incarichi prima – e con un numero di giorni di anticipo adeguato – della procedura di compilazione della procedura informatizzata per le supplenze.Tra le tante richieste proposte dal sindacato Anief, anche la previsione di attribuzione del punteggio come servizio specifico sul grado di istruzione dei servizi svolti come IRC o materia alternativa e il riconoscimento del punteggio al servizio militare svolto non in costanza di nomina.Sull’aggiornamento delle GPS, comunque, e sul conseguente conferimento degli incarichi, gli incontri tra Ministero e sindacati proseguiranno, in particolare sarà materia di confronto una delle richieste più incalzanti del nostro sindacato: garantire a chi ha più punteggio di poter beneficiare delle disponibilità sopraggiunte successivamente al suo turno di nomina. Ciò anche per garantire l’accesso per merito nella Pubblica Amministrazione che le ultime nomine hanno visto compromesso con l’assegnazione di supplenze più durature ad aspiranti con punteggi inferiori a quelli degli aspiranti collocati più in alto in graduatoria e per i quali non erano presenti disponibilità al momento del loro turno di nomina.Per le date di presentazione delle domande il Ministero continua a ipotizzare l’ultima decade di aprile per l’avvio e la metà di maggio per il termine delle domande.Si attendono le decisioni da parte dell’Amministrazione nonché le prossime occasioni di confronto rispetto ai temi posti oggi dai sindacati e la calendarizzazione dei prossimi incontri.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Pensione, 10mila domande in meno del 2021

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2022

La fine di Quota 100, solo parzialmente compensato soltanto per un anno con Quota 102, sta producendo i primi effetti negativi per i lavoratori e “benefici” per le casse dello Stato: nella scuola quest’anno sono state presentate 10mila domande in meno di pensionamento. “Sono troppo poche le domande per le pensioni – afferma il sindacalista – perché Quota 102 e Opzione Donna penalizzano chi lavora a scuola, dove bisogna lavorare 43 anni per avere la pensione, tra l’altro pure ridotta del 35% se si vuole uscire qualche anno prima a 63-64 anni”, ha detto Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. All’agenzia Teleborsa, il sindacalista ha detto che questo modo di trattare i lavoratori pubblici “è criminale perché si lavora tutta una vita intera ed è scandaloso che questo avvenga nella scuola, dove si è stato registrato il più alto livello di burnout nell’ambito del pubblico impiego”. Pacifico è tornato a chiedere “una finestra” di uscita anticipata dalla scuola senza penalizzazioni.“È a questo – ha continuato il presidente – che punta l’Anief: ad una finestra non penalizzante per il personale della scuola, che vada a svecchiare il personale più vecchio al mondo e, nel contempo, vada a riconoscere il lavoro svolto e gli anni di formazione a partire dal riscatto gratuito degli anni universitari per un titolo che oggi è considerato titolo di accesso a questa professione”. Secondo Anief è sempre più indispensabile permettere il pensionamento a 63 anni per tutti i dipendenti della scuola, includendoli nell’elenco delle professioni gravose che meritano l’anticipo senza tagli all’assegno di pensione: l’incidenza tumorale a fine carriera risulta infatti molto più alta rispetto ad altri comparti pubblici e privati. Come va data la possibilità ai docenti del riscatto gratuito della laurea. Il sindacato, invece, respinge la soluzione prospettata dal Governo di approvare dal 2023 ‘Opzione per tutti’, che come l’anticipo ‘Opzione Donna’ sottrae dall’assegno pensionistico fino al 35-40% che corrispondono a 500-600 euro al mese sottratti illegittimamente a chi ha lavorato per una vita.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »