Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 221

Obesità o sovrappeso

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Maggio 2022

È noto come il solo body mass index (BMI) non sia sufficiente a individuare i soggetti obesi a rischio di malattia metabolica o cardio-vascolare (CV) (Neeland IJ, et al. J Am Coll Cardiol 2015), ma come tale rischio aumenti in base all’eccessivo deposito di tessuto adiposo viscerale (VAT) ed ectopico (es. epatico) (Neeland IJ, et al. Obesity (Silver Spring) 2013). «Numerosi studi» segnala Carla Micaela Cuttica, SSD Endocrinologia, EO Ospedali Galliera, Genova – Commissione AME (Associazione Medici Endocrinologi) Obesità e Metabolismo «hanno indagato gli effetti della liraglutide sulla distribuzione del grasso corporeo in soggetti affetti da diabete mellito di tipo 2 o pre-diabete» (Bizino MB, et al. Diabetologia 2020; Santilli F, et al. Diabetes Care 2017). Un recente studio randomizzato, controllato, in doppio cieco, è stato condotto in una popolazione di soggetti adulti non diabetici affetti da obesità (BMI ≥ 30 kg/m2) o sovrappeso (BMI ≥27 kg/m2) e sindrome metabolica ad alto rischio CV. «Per sindrome metabolica si intendeva la presenza di almeno tre dei seguenti criteri: circonferenza vita > 102 cm (uomini) o > 88 cm (donne); trigliceridi a digiuno ≥ 150 mg/dL, pressione arteriosa ≥ 130/85 mmHg, HDL < 40 mg/dL (uomini) o < 50 mg/dL (donne); glicemia a digiuno ≥ 100 mg/dL (in assenza di diabete mellito)» specifica Cuttica. L'obiettivo era valutare gli effetti della liraglutide sul grasso corporeo. «Ogni soggetto è stato avviato a dieta (deficit di 500 kcal/die), attività fisica adeguata (150 min/settimana di attività moderata/intensa) e randomizzato, con rapporto 1:1, a liraglutide 3 mg/die sc o placebo» riporta l'endocrinologa. «La valutazione del VAT è stata effettuata con risonanza magnetica al basale e al follow-up».Questi i risultati. «Hanno completato le 40 settimane di studio 128 partecipanti (92% donne, età media 50 anni, BMI medio 37.7 kg/m2), di cui 73 in terapia con liraglutide e 55 in placebo» riferisce la specialista. Riguardo all'endpoint primario, «liraglutide ha ridotto la percentuale di VAT (-12.5%) rispetto al placebo (-1.6%), con una differenza stimata del trattamento -10.9% (IC 95% da -7.0 a -14.8, p < 0.0001). Nessuna differenza è stata evidenziata in sotto-gruppi di età, sesso, etnia, BMI e stato di pre-diabete al basale». In relazione agli endpoint secondari, «rispetto al placebo, liraglutide ha ridotto il grasso corporeo totale (-8.6%), il tessuto adiposo sotto-cutaneo addominale (-9.1%) e della parte inferiore del corpo (-8.7%), il grasso epatico (- 33.0%), il tessuto magro totale (-1.6%) e il rapporto fra tessuto grasso e tessuto magro (-7.2%)». È stata ottenuta una riduzione del peso corporeo ≥ 5% nel 63% dei soggetti in terapia vs 21.8% dei soggetti in placebo (p < 0.0001 e una riduzione del peso corporeo ≥10% nel 19.2% dei soggetti in terapia vs 3.6% dei soggetti in placebo (p < 0.0001). «Sebbene la riduzione dei depositi di grasso corporeo correlasse con la perdita totale di peso, la correlazione col peso perso è stata meno evidente per la riduzione di VAT e del grasso epatico, suggerendo effetti di liraglutide sulla distribuzione del grasso corporeo, parzialmente peso-indipendenti» specifica Cuttica. «Liraglutide» prosegue la specialista «ha ridotto in maniera significativa la glicemia del mattino e la PCR (parametro che correla fortemente con la riduzione di VAT) rispetto al placebo». Inoltre, «la riduzione del grasso epatico correlava con la riduzione del rapporto trigliceridi/HDL». Non si è osservato nessun effetto sui livelli di insulina a digiuno o sul peptide natriuretico e non sono stati evidenziati effetti collaterali importanti, eccetto quelli tipici noti (principalmente gastrointestinali per i pazienti trattati) e infezioni delle vie respiratorie superiori (in entrambi i gruppi di soggetti), riferisce l'esperta.In conclusione, osserva la specialista, «liraglutide 3 mg in aggiunta a dieta e attività fisica si è dimostrata efficace nel ridurre in maniera significativa il grasso viscerale ed epatico in soggetti non diabetici in sovrappeso od obesi ad alto rischio CV, suggerendo anche in questa popolazione la comparsa di effetti CV protettivi. Ulteriori studi più prolungati e con maggiore numerosità potranno valutare meglio gli effetti sulla distribuzione del grasso corporeo e sugli eventi CV». (fonte doctor33)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: