Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Archive for 9 giugno 2022

Mostra “Giù la maschera” di Giuseppe Catone

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Legnano. sabato 11 giugno alle 18, nella Sala Caironi di Villa Jucker a Legnano, la mostra “Giù la maschera” di Giuseppe Catone. Organizzata da Famiglia Legnanese, Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Circolo Culturale e Ricreativo (CCR) della banca e da Bcc Insieme Mutua, la mostra presenta 18 ritratti realizzati da Catone nei mesi segnati dalla pandemia che hanno come comun denominatore la presenza della mascherina. «La volontà è stata quella di raccontare, con un pizzico di ironia, il periodo in cui tutti siamo stati obbligati a metterci la mascherina», racconta l’autore. «In quei mesi durante i quali eravamo limitati anche negli spostamenti, ho ripreso la mia passione per i ritratti; così, coinvolgendo familiari e amici, ho deciso di riproporli su tela, con l’intenzione di non dimenticare quel periodo e di farlo in un certo modo rivivere in una serie dedicata». La mostra a Legnano prosegue l’attività della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, del CCR e di Bcc Insieme Mutua nel dare valore agli artisti locali, nell’intento non solamente di offrire una vetrina ai protagonisti ma anche e soprattutto uno spunto di riflessione ai visitatori. Al contempo rilancia l’azione di promozione culturale della Famiglia Legnanese che ospita nei locali della propria sede l’esposizione. Giuseppe Catone è un pittore di Solbiate Olona. Ha coltivato la passione per l’arte in generale e per la pittura in particolare fin da giovane. Formatosi negli anni Ottanta alla scuola del maestro Francesco Giovinazzo, dal quale ha appreso l’arte classica e le tecniche di disegno, ha trovato nel ritratto una delle sue forme espressive predilette. La costante ricerca lo ha portato successivamente a incontrare il maestro Claudio Calzavacca con il quale ha affrontato un’arte più concettuale. Lo studio della corrente pittorica dei Fauves (le belve), che a inizio 900 ha visto tra i suoi massimi rappresentanti Henry Matisse, lo ha portato a sviluppare una pittura spontanea e istintiva. È un componente attivo dell’associazione Blaue Reiter di Cavaria con la quale ha partecipato a esposizioni collettive.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Assoholding e Regenerative Marketing Institute

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Roma Martedì 23 giugno 2022 dalle 9,30 alle 17, Luiss University. La Luiss University (Aula Magna Pola/Parenzo) ospiterà giovedì 23 giugno 2022 dalle ore 9:30 alle ore 17:00 l’esclusivo evento COMMON HOME, di lancio dell’omonimo Istituto COMMON HOME, creato da Assoholding –associazione di categoria delle holding di partecipazione che già da tempo aveva indicato la sostenibilità come via maestra per il futuro delle aziende e delle persone – e dal Regenerative Marketing Institute – think tank fondato da Philip Kotler, Enrico Foglia e Christian Sarkar per diffondere un nuovo approccio al business che porti ad una rigenerazione delle comunità sia a livello sociale che ambientale.L’evento, che ha ad ora il Patrocinio della Regione Lazio, si prefigura come tra i più importanti in Italia tra quelli dedicati a Sostenibilità, Innovazione, Energia, Cambiamento Climatico, Diritti Civili, Diversità & Inclusione, per la qualità degli interventi che annoverano i principali opinion leader internazionali e per l’approccio innovativo all’approfondimento dei temi abbracciato dalla formula della giornata, che prevede oltre 12 keynote speeches, una parte dedicata ai LUISS XLABS Awards, tavole rotonde e talks. La conduzione è affidata a Giulia Lapertosa, premiata alla Camera dei deputati tra i laureati eccellenti d’Italia, co-founder e project leader di Carriere.it, piattaforma di formazione ad alto impatto sociale.Tra i dodici speakers dei keynote di apertura ci saranno: Christian Sarkar, Co-founder Regenerative Marketing Institute, Anthony Ulwick, Strategyn Founder and CEO, Inventor, Author and Innovation Thought Leader, Andrew Winston, Author of “Net Postive”- Global sustainability expert, Mauro Porcini, SVP & Chief Design Ocer at PepsiCo, Enrico Foglia, Director and Co-founder Regenerative Marketing Institute, Lorenzo Echeoni, Head of strategy and communication Assoholding and CEO & Founder G2R. L’evento è gratuito e la partecipazione ad esso ad inviti. La stampa interessata potrà accreditarsi in un canale ad essa dedicato: http://www.commonhome.com/press-area

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il momento d’oro del Real Estate è ritornato

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

A cura di Paolo Paschetta, Country Head di Pictet Asset Management. L’inflazione unita all’attuale crisi geopolitica sta spostando l’interesse degli investitori globali verso asset contraddistinti da un valore reale in ottica difensiva. Ma se questa è la situazione contestuale, già da tempo è in atto un trend che vede crescere man mano gli investimenti sul mondo dei private asset. Sono sempre di più gli investitori che li includono nella propria asset allocation per fornire valore aggiunto al portafoglio complessivo. Investimenti storicamente legati a una clientela facoltosa o a investitori istituzionali, con le dovute cautele e la giusta consulenza, oggi possono costituire una possibilità anche per la clientela retail.A determinare questo trend sono soprattutto gli investitori istituzionali, come evidenziato anche dall’ultimo sondaggio europeo della casa di consulenza internazionale Mercer che ha coinvolto 850 portafogli istituzionali paneuropei di 11 Paesi, per una copertura totale di mille miliardi di asset in gestione. L’indagine ha fatto emergere come, in media, la presenza di investimenti alternativi nei portafogli europei è ormai quasi equiparabile a quella dell’azionario. Gli alternativi, infatti, compongono il 20% del portafoglio, a cui aggiungere un 3% sulla proprietà immobiliare, a fronte di un 21% riservato all’azionario. A questo, bisogna poi aggiungere che i governi a livello europeo sono sempre più intenzionati a creare un ponte tra risparmio privato ed economia reale, nel tentativo di finanziare e stimolare la crescita economica. Ed è per questo che nel 2015 sono stati introdotti a livello europeo strumenti come gli Eltif. L’acronimo sta per European Long Term Investment fund, una categoria di fondi chiusi, ovvero veicoli di investimento dove l’ingresso e l’uscita da parte degli investitori sono regolati da specifiche previsioni indicate nel regolamento di gestione. Le asset class eleggibili sono riconducibili a categorie di investimento reali, cioè legate al capitale proprio o al capitale di credito di piccole e medie imprese o a progetti di sviluppo infrastrutturali.A spingere il mercato è anche la trasformazione che ha toccato gli stili di vita negli ultimi anni. Su questo punto la ricerca PwC rileva come la maggiore sensibilità sui temi Esg e sulla transizione energetica, ma anche la spinta verso edifici costruiti sulla base delle nuove esigenze delle persone, si faranno sentire in tutte le classi di attività. Il settore immobiliare, pertanto, si trova ad affrontare tutta una serie di sfide e opportunità di lungo termine legate a nuove tendenze accelerate o addirittura scatenate dalla pandemia.Il 92% degli intervistati ha dichiarato di essere d’accordo o fortemente d’accordo circa il fatto che salute e benessere rimarranno un fattore centrale da considerare in tutti i segmenti del real estate. Questo, soprattutto dopo l’esperienza della crisi sanitaria, consoliderà la spinta verso la creazione di edifici più umanocentrici e attenti alle esigenze delle persone. In particolare, ad essere coinvolti maggiormente dal cambiamento saranno gli uffici, che dovranno riadattarsi alle nuove modalità di lavoro (modalità mista da remoto/in presenza). Ma non solo: il 68% degli intervistati è allineato sul fatto che nei prossimi cinque anni il settore immobiliare dovrà trasformarsi nel suo complesso. I locatari, ad esempio, chiedono sempre più flessibilità e contratti a breve termine, per far fronte alla rapida evoluzione dei bisogni, spesso legati al desiderio di un più elevato livello di comodità, servizi, salute e benessere e connettività digitale. Infine, il 73% degli intervistati ritiene che nei prossimi 12 mesi in alcuni settori del Real Estate si verificheranno situazioni di instabilità, cosa che potrebbe creare delle occasioni d’investimento per chi ha una prospettiva di più lungo termine. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Medicina personalizzata: un progetto europeo da 7 milioni di euro

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

La ricerca è finanziata dalla Commissione Europea con quasi 7 milioni di euro e coinvolge oltre all’Italia, enti di ricerca e aziende di Croazia, Francia, Grecia e Spagna.Lo studio alla base di HERVCOV è incentrato sulla proteina HERV-W-ENV, una molecola attivata durante l’infezione da SARS-CoV-2, presente a livelli elevati nel sangue di pazienti gravi di COVID-19 ed associata ai disturbi chiamati “Long-COVID”.La proteina HERV-W-ENV deriva da sequenze di retrovirus endogeni umani (Human Endogenous RetroVirus – HERV) originate da infezioni avvenute nell’uomo milioni di anni fa e che attualmente costituiscono l’8% del genoma umano. Sebbene la maggior parte delle sequenze degli HERV sia stata silenziata da meccanismi evolutivi, alcune copie possono essere attivate da stimoli diversi, come le infezioni virali, e produrre proteine retrovirali patogene tra cui HERV-W ENV. Questa proteina è nota per contribuire all’insorgenza e alla progressione di diverse malattie infiammatorie e neurologiche, e durante la pandemia di COVID-19 è stata osservata la sua attivazione nei pazienti affetti da SARS-CoV-2, in particolar modo in associazione alle forme gravi. Nuove informazioni per ottenere una medicina sempre più predittiva e personalizzata. È lo scopo di HERVCOV, il progetto di ricerca che riunisce ricercatori di 5 diversi Paesi dell’UE, tra cui l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, e ha come oggetto di studio una proteina scoperta nelle infezioni gravi di COVID-19. La ricerca è finanziata dalla Commissione Europea con quasi 7 milioni di euro e coinvolge oltre all’Italia, enti di ricerca e aziende di Croazia, Francia, Grecia e Spagna. Lo studio alla base di HERVCOV è incentrato sulla proteina HERV-W-ENV, una molecola attivata durante l’infezione da SARS-CoV-2, presente a livelli elevati nel sangue di pazienti gravi di COVID-19 ed associata ai disturbi chiamati “Long-COVID”.La proteina HERV-W-ENV deriva da sequenze di retrovirus endogeni umani (Human Endogenous RetroVirus – HERV) originate da infezioni avvenute nell’uomo milioni di anni fa e che attualmente costituiscono l’8% del genoma umano. Sebbene la maggior parte delle sequenze degli HERV sia stata silenziata da meccanismi evolutivi, alcune copie possono essere attivate da stimoli diversi, come le infezioni virali, e produrre proteine retrovirali patogene tra cui HERV-W ENV. Questa proteina è nota per contribuire all’insorgenza e alla progressione di diverse malattie infiammatorie e neurologiche, e durante la pandemia di COVID-19 è stata osservata la sua attivazione nei pazienti affetti da SARS-CoV-2, in particolar modo in associazione alle forme graviPer l’Università di Roma “Tor Vergata” lo studio sarà supervisionato dalla dott.ssa Claudia Matteucci, ricercatrice della Cattedra di Microbiologia e Microbiologia Clinica presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale, e realizzato in collaborazione con il Policlinico Tor Vergata, in particolare con la prof.ssa Loredana Sarmati della Clinica di Malattie Infettive. Al fianco dell’Università di “Tor Vergata” ci sarà l’Associazione Frascati Scienza, ideatrice di molti format per la divulgazione scientifica, che si occuperà di coordinare le azioni di comunicazione per tutti i Paesi coinvolti. l progetto HERVCOV potrebbe offrire importanti informazioni su altre malattie studiando le risposte dell’ospite in diversi contesti. Grazie a questi studi, nel prossimo futuro si potrà garantire una maggiore conoscenza dei fattori di rischio, dell’interpretazione dei sintomi, della progressione di diverse malattie e degli esiti clinici in relazione alle caratteristiche della persona, con risvolti nell’ambito del sistema sanitario. Questo porterà a una nuova consapevolezza nei confronti della propria salute e una revisione del rapporto col medico: anche il supporto medico decisionale sarà stabilito in base a studi personalizzati sul paziente.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PIMCO: BCE, probabile fine anticipata dell’APP per preparare la strada a un rialzo dei tassi a luglio

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Commento a cura di Konstantin Veit, Senior Portfolio Manager European Rates di PIMCO. L’inflazione rimane elevata, il che rende quasi certa un’altra consistente revisione al rialzo delle proiezioni trimestrali sull’inflazione della BCE in occasione della prossima riunione di giugno ad Amsterdam. Poiché la BCE è più preoccupata della dinamica dell’inflazione che della crescita, riteniamo che continuerà il processo di normalizzazione della politica monetaria, iniziato nel dicembre dello scorso anno. Il Consiglio direttivo deciderà probabilmente di porre fine in questo mese agli acquisti netti di asset nell’ambito dell’ordinario programma di acquisto di asset (APP) e di preparare il mercato a un rialzo dei tassi di interesse a luglio e settembre, il primo nell’area euro negli ultimi 11 anni. La conferenza stampa si concentrerà probabilmente sull’andamento e sulla portata complessiva della prossima normalizzazione della politica dei tassi di interesse. Sebbene non ci aspettiamo grandi indicazioni in termini di target, ci aspettiamo che la BCE sottolinei che ci sono condizioni in cui il gradualismo non sarebbe appropriato.La conclusione degli acquisti netti nell’ambito dell’APP è attualmente prevista per l’inizio del terzo trimestre, ossia luglio, ma riteniamo che la BCE deciderà probabilmente di anticipare a questo mese. Per quanto riguarda i tassi di riferimento, il Presidente Lagarde e il capo economista Lane hanno recentemente dato indicazioni per un rialzo iniziale di 25 punti base (bp) a luglio, seguito da un altro rialzo di 25 bp a settembre, che riporterebbe il tasso ufficiale di riferimento della BCE allo 0% nel terzo trimestre, dopo otto anni in territorio negativo. Il mercato prevede circa 120 pb di rialzi dei tassi entro la fine di quest’anno, sostanzialmente 25 pb di rialzo a ogni riunione di politica monetaria nel secondo semestre, con probabilità di un intervento più aggressivo, data la grande incertezza sull’inflazione.Anche se la BCE continuerà a sottolineare che sta monitorando attentamente l’evoluzione della politica monetaria nelle varie giurisdizioni nel corso del processo di normalizzazione, non crediamo che presenterà presto un quadro o uno strumento per affrontare potenziali problemi di frammentazione. Piuttosto, e in linea con il passato, pensiamo che la BCE preferirà rispondere a shock esogeni consistenti con soluzioni ah hoc, con il rischio che i mercati mettano alla prova l’inclinazione della BCE a neutralizzare eventuali risposte non lineari del mercato che potrebbero derivare dall’aumento dei tassi. Tuttavia, in un contesto di abbondanti riserve in eccesso, il tasso sui depositi rimane l’unico tasso di riferimento per i mercati monetari, una situazione che probabilmente si protrarrà negli anni a venire, data l’enorme quantità di liquidità in eccesso nel sistema e l’assenza di piani di run-off del bilancio in corso. Un run-off passivo delle operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO) vedrebbe il bilancio della BCE ridursi di circa il 25% nei prossimi 2 anni e mezzo, senza spingere la liquidità in eccesso al di sotto della soglia richiesta per mantenere i tassi del mercato monetario ancorati intorno ai depositi presso la banca centrale, poiché non crediamo che la BCE intraprenderà a breve una riduzione aggressiva del bilancio. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rivoluzione negli acquisti, il punto vendita diventa digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Rivoluzione acquisti. Lo dimostrano i dati della ricerca The Global Payments Report di Worldpay from FIS che rilevano come il mondo dei pagamenti sia continuamente ridefinito, rivisitato e ripensato. La ricerca identifica le tendenze nell’utilizzo dei metodi di pagamento fino al 2025 mostrando come le tradizionali linee di confine tra banche, sistemi di pagamento e mondo del commercio si sono praticamente dissolte.Questo cambiamento è visibile soprattutto nel punto vendita dove, seppure l’utilizzo del contante sia ancora molto utilizzato, le nuove tecnologie e l’avvento di strumenti di pagamento elettronici stanno modificando radicalmente le abitudini di acquisto.Il declino dell’uso del contante – accelerato notevolmente dalla chiusura di negozi fisici nel 2020 a causa del COVID – è continuato nel 2021 nonostante la diffusa riapertura degli esercizi commerciali. Nel 2021, il contante ha rappresentato il 25,6% degli acquisti, risultando inferiore sia al 27,4% del 2020 che al 40,2% del 2019. Esistono ampie disparità tra i mercati, da un minimo del 4% in Norvegia a un massimo del 47,1% in Spagna; la Spagna è infatti l’unico mercato europeo in cui si prevede che il contante sarà il principale metodo di pagamento tramite POS fino al 2025. Diversi mercati europei dovrebbero diventare quasi completamente cashless (senza contanti) entro il 2025; tra questi Danimarca (3,8%), Norvegia (2,6%) e Svezia (4%).Per quanto riguarda la sfera dei pagamenti tramite POS, il mercato europeo ha risposto alla recessione causata dalla pandemia con una forte ripresa già nel 2021, recuperando più di quanto perso nel 2020. La crescita regionale dei POS per il 2021 è stimata al 14% su base annua, con le maggiori espansioni prospettate in Norvegia (25% su base annua), Belgio (21%) e Spagna (20%). Le maggiori economie della regione hanno tutte registrato una crescita percentuale a due cifre nel 2021: tra queste Regno Unito (15%), Germania (11%) e Francia (14%).Per gli acquisti tramite POS continuano a dominare le carte di debito che superano quelle di credito in rapporto due a uno. Le carte di debito rimangono il metodo di pagamento preferito in tutta Europa, come si evince dal fatto che ammontano al 39,7% del valore delle transazioni tramite POS nel 2021. Le carte di debito sono il principale metodo di pagamento tramite POS in 10 dei 15 mercati presenti in questo report, con le quote più alte del 2021 in Norvegia (64,4%), Finlandia (62,7%), Paesi Bassi (60,8%) e Danimarca (59,2%).Anche se la percentuale totale di carte di debito a livello regionale dovrebbe diminuire leggermente al 37,7% entro il 2025, si prevede che il sistema di debito diventi il principale metodo di pagamento POS in Germania nel 2022 e in Polonia entro il 2023. Le carte di credito hanno rappresentato il 19,3% del valore delle transazioni POS regionali nel 2021 e si prevede una loro crescita modesta al 22,5% nel 2025. Il calo dell’uso dei contanti sarà compensato dall’uso di mobile wallet e BNPL (Buy Now Pay Later), per i quali si prevede la più grande crescita percentuale tra i metodi di pagamento in Europa entro il 2025. I mobile wallet hanno rappresentato il 7,7% della spesa POS regionale nel 2021, una quota che si prevede raddoppierà quasi fino al 14,7% entro il 2025.I consumatori svedesi hanno adottato tali strumenti al tasso più alto finora, con il 12,9% del valore delle transazioni nel 2021. I BNPL hanno guadagnato l’1,9% di quota in tutta Europa nel 2021 e si proiettano al 2,8% entro il 2025, con quote che dovrebbero superare il 5% entro il 2025 in Danimarca, Germania, Svezia e Regno Unito.Worldpay from FIS fa parte di questo mondo interconnesso e con i propri strumenti è in grado di creare nuove opportunità per modellare il futuro del commercio e dei servizi finanziari. Così come sono cambiati i metodi di pagamento, è mutato anche il modo di pensare ad essi, questo è quanto emerge dal The Global Payments Report che è possibile scaricare a questo link: https://worldpay.globalpaymentsreport.com/it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro: il 21,8% degli italiani lo cerca nell’ho.re.ca.

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Se, in numeri assoluti, il 2022 registra complessivamente un minor numero di ricerche di lavoro rispetto allo scorso anno – anno eccezionale, di assoluta ripresa post lockdown – il settore ho.re.ca. raccoglie un interesse ben più alto del passato: l’anno scorso cercava un lavoro in somministrazione in questo settore solo il 12,3% degli italiani. Ciò si spiega considerando il generale “ritorno alla normalità” degli altri settori, che stanno tornando più velocemente ad una condizione pre-covid per quel che concerne la forza lavoro. A questo proposito, Jobtech ha elaborato 5 suggerimenti utili per migliorare i processi di ricerca nel settore. Offrite stipendi chiari, dignitosi e rispettosi delle ore extra, Diciamolo: è il vero elemento di discussione. La media degli stipendi non viene reputata all’altezza delle mansioni, degli orari e degli alti livelli di stress; gli straordinari non vengono quasi mai pagati e i contratti spesso brevi e non offrono abbastanza prospettive. Prospettate un percorso di carriera. Dopo due anni di pandemia e ricollocazione dei lavoratori in altri settori, il datore di lavoro deve entrare nell’ottica di prendere personale da formare, se vuole programmare una stabilità nel suo personale. Il turn over che ha visto protagonisti i lavoratori del settore dal lockdown in poi va colmato con forze giovani, nonostante la loro inesperienza. La consapevolezza di questo elemento può essere davvero strategica nel lungo periodo. Definite un team operativo per creare relazioni di valore La relazione tra i colleghi deve essere chiara e propositiva, perché è anche da gerarchie, ruoli e mansioni definite che passa la serenità del lavoratore. L’attaccamento al posto di lavoro rappresenta uno dei fattori più determinanti per la retention del dipendente, soprattutto in un momento storico in cui la passione per il mondo della ristorazione sembra scemata tra i lavoratori italiani. ll cosiddetto “orario spezzato” è uno degli elementi più difficili da gestire per i dipendenti, che praticamente azzerano la possibilità di avere una vita privata al di fuori del lavoro. Chi cerca personale deve tenerne conto se vuole attrarre e mantenere i propri dipendenti. Appendere un “cercasi cameriere” sulla vetrina del proprio ristorante non è più sufficiente per trovare dipendenti: il processo di recruiting è diventato, soprattutto per i lavori stagionali, più complesso, veloce e soprattutto digitale. Chi cerca lavoro, oggi, è un millennial o appartiene alla Generazione Z, è abituato a gestire via web qualunque aspetto della propria vita personale, lavoro compreso. Jobtech è la prima Agenzia per il Lavoro italiana completamente digitale, nata con l’obiettivo di valorizzare le tecnologie a disposizione per ottimizzare il processo di incontro tra aziende e candidati sul mercato del lavoro https://jobtech.it

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“La fame di grano va affrontata in modo strutturale”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Così il presidente di Confagricoltura Toscana Marco Neri commenta il decreto firmato dal ministro delle Politiche Alimentari e Forestali Stefano Patuanelli che rende operative le deroghe per ottenere il pagamento di inverdimento e la riammissione di oltre 200 mila ettari a livello nazionale (60mila in Toscana) per poter essere coltivati. “Spesso fanno parte di questi ettari zone che gli agricoltori non coltivano perché poco fertili o limitate in aree residuali dei propri appezzamenti. Il quadro del settore – dice Neri – è chiaro. Gli agricoltori hanno preso batoste in serie: siamo partiti dal problema della siccità, per poi arrivare al prezzo alto delle materie prime, all’aumento esponenziale del costo del carburante. Poi è scoppiata la guerra in Ucraina. Apprezziamo da un lato l’iniziativa del governo per cercare di venire incontro agli agricoltori, ma servono mosse più strategiche e interventi che risolvano la stessa sostenibilità dell’impresa agricola.”. Per sbloccare il grano – circa 22 milioni di tonnellate – stoccato nei porti ucraini, aggiunge Neri, “è necessaria un’azione diplomatica che consenta di velocizzare il processo, accelerando appunto lo sblocco del grano fermo nei porti. Tutte le alternative, dalle ferrovie alle rotte stradali, richiedono tempi più lunghi: non possiamo permettercelo”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Lezioni finite, si va verso 60 mila assunzioni in ruolo

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Le scuole chiudono e già si guarda già al prossimo anno. Come segnala Il Sole 24 Ore, il ministro Patrizio Bianchi deve risolvere diversi problemi: secondo Orizzonte Scuola, il primo riguarda la decisione di mantenere le misure anti Covid, ma una risposta definitiva ci sarà solo a fine agosto. L’altro problema, ciclico a dir la verità, riguarda i professori da assumere: lo stesso Bianchi ha affermato che saranno circa 60 mila i prof assunti (o da assumere) nel 2022, che si sommano ai 57 mila del 2021 e questo avverrà da più graduatorie. Tuttavia, i sindacati sostengono che i i numeri resi noti dal titolare del dicastero di Viale Trastevere non bastano per coprire i vuoti d’organico, stimati in quasi 80 mila cattedre. Considerando anche i pensionamenti, sono almeno 5mila i maestri da assumere nella scuola dell’infanzia, 20mila alla primaria, poi vi sono 24mila cattedre scoperte alle medie e 29mila alle superiori. Secondo Anief, però, all’interno di questi numeri vi sono solo una piccola parte di posti di sostegno: la maggioranza, almeno altre 60mila cattedre di didattica speciale, continua ad essere collocato in deroga, fino al 30 giugno, pur essendo nei fatti prive di titolare e quindi assegnabili in organico di diritto.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Identità: il caso Crimea

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

L’identità di un popolo si identifica in una area individuata come Patria, come appartenenza a un destino comune? Vediamo il caso della Crimea rivendicata come “appartenente” al popolo russo e che non può che essere inglobata nella Federazione russa. E’ sempre stata russa, si afferma. Ma è proprio così? Vediamo. La Crimea per la sua collocazione è considerata zona di transito e rifugio. Fu occupata dai Cimmeri (primo secolo a.C), poi da Sciti e Tauri nel settimo secolo, successivamente arrivarono i Sarmati, i Goti, gli Unni e gli Alani. La occuparono anche greci, romani, bizantini, mongoli, turchi e tatari. Nel 1783, fu annessa alla Russia imperiale. Ogni popolo che si è succeduto ha lasciato un’impronta identitaria che può essersi persa o indebolita da operazioni di sostituzione etnica come, ad esempio, quella effettuata da Stalin che deportò la popolazione tatara, stabilita in Crimea, sostituendola con quella russa. Nella ripartizione territoriale sovietica del 1954, la Crimea su assegnata all’Ucraina. Fatti più recenti sono noti: nel 2014 la Russia ha occupato la Crimea e dopo un referendum, non riconosciuto dalle organizzazioni internazionali, è stata annessa alla Federazione russa. Dunque, la Crimea fa parte della Russia perché abitata da russi, come rivendica il presidente russo Vladimir Putin? Ma allo stesso modo i Sudeti fanno parte della Germania perché abitata da popolazione tedesca! E’ la tesi di Hitler. Ogni Paese del Mondo ha minoranze etniche o linguistiche il che non giustifica operazioni predatorie degli Stati vicini. Sono le regole che determinano lo status di una nazione e quelle sulla integrità territoriale dell’Ucraina sono state sottoscritte più volte dalla stessa Russia. La strategia putiniana appartiene al retroterra culturale e ideologico che supporta ambizioni nazionaliste e imperialiste. La Storia insegna che il nazionalismo conduce alla guerra. Così è oggi in Ucraina. Primo Mastrantoni, Aduc http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La rotta Venezia-Parigi compie 60 anni

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Siamo orgogliosi di servire Venezia da ben 60 anni” ha affermato Stefan Vanovermeir, DG Air France KLM East Mediterranean. “Questa tappa importante della nostra storia ben rappresenta l’importanza della Serenissima nel nostro network. Per Air France l’Italia è, se si esclude il mercato interno francese, il secondo mercato in Europa e Venezia è una delle nostre principali destinazioni italiane. Lo dimostra anche il fatto che Venezia sia stata recentemente scelta come una delle prime città europee ad essere collegata dall’Airbus A220, il nostro ultimo aeromobile medio raggio entrato nella flotta Air France”.“La lunga collaborazione tra Air France e l’aeroporto di Venezia riflette il forte legame che da sempre contraddistingue il rapporto tra le due città, al quale molto hanno contribuito i collegamenti aerei effettuati dalla compagnia” ha dichiarato Camillo Bozzolo, Direttore Commerciale e Marketing Aviation del Gruppo SAVE. “Nel 2019, i voli tra Venezia e Parigi hanno trasportato oltre 800mila passeggeri, a conferma della forte domanda di mercato che le due città sono in grado di generare sia per turismo, che per i viaggi d’affari. Le frequenze plurigiornaliere verso l’hub di Charles de Gaulle hanno inoltre consentito di sviluppare il flusso di passeggeri in prosecuzione verso l’ampio network intercontinentale di Air France”. La linea Venezia-Parigi è stata inaugurata il 7 giugno 1962. La città lagunare veniva raggiunta con gli aerei “Caravelle” di Air France, in 1h35 minuti, con 3 voli settimanali notturni: partenza da Parigi alle 23h40 ed arrivo all’aeroporto Marco Polo alle 1h15 del mattino. Il 13 luglio dello stesso anno, la compagnia aumenta da 3 a 6 i collegamenti settimanali. Tre voli rimangono notturni mentre per gli altri tre il decollo da Parigi era alle 16h10 con arrivo a Venezia alle 17h45.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il caro spesa non si arresta

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Secondo le rilevazioni dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori diminuisce di oltre il 16% il consumo di carne e pesce (visti i forti rincari in entrambi i settori, dovuti da un lato ai maggiori costi sostenuti per l’allevamento, dall’altro al caro gasolio per i pescherecci). Si scelgono, inoltre, verdure e ortaggi più convenienti: bando alle primizie e ai frutti esotici. Nei banchi dei supermercati la merce vicina alla scadenza, posta in offerta, finisce sempre prima. Anche le spese per la cura della persona e la salute sono fortemente intaccate dalla crisi.A incidere sugli aumenti e sulle conseguenti rinunce sono i costi delle materie prime e del trasporto dei beni alimentari, ma non solo: in molti casi, infatti, rileviamo inaccettabili fenomeni speculativi che abbiamo prontamente denunciato all’Antitrust.Quello che preoccupa maggiormente è che a subire forti rincari non sono solo i prodotti più cari, quelli su cui i cittadini tagliano per primi (carne e pesce freschi), ma anche quelli meno onerosi, che spesso costituiscono opzioni di emergenza per far fronte a budget sempre più ristretti. Rientrano in tale categoria pasta, pane, patate, uova, verdura e formaggi. Sono proprio questi i prodotti che troviamo in testa alla classifica dei prodotti che registrano maggiori aumenti: la pasta (+77%), seguita dalla farina (+63%). Segue la pasta integrale, l’olio extravergine, il pane, i prodotti sottolio e i gelati.Se il rapporto con i prezzi dell’anno scorso appare allarmante, il confronto con il 2001, l’anno di entrata in vigore dell’Euro, risulta improponibile. Il rincaro più alto riguarda la passata di pomodoro in bottiglia (+173%) e le patate (+171%), ma in ogni caso nessuno dei prodotti monitorati, in 11 anni, registra un aumento inferiore al +21%. Questo illustra bene quanto sia stato progressivo e inesorabile l’impoverimento delle famiglie, che oggi si trovano ad affrontare una crisi inedita.Ecco perché è necessario un intervento urgente del Governo, per sostenere il potere di acquisto e i redditi, specialmente delle famiglie meno abbienti, nonché per contrastare con decisione le speculazioni in atto, specialmente nel comparto dei carburanti e dell’alimentazione. Per rivendicare questa e altre efficaci misure contro il caro vita il 10 giugno saremo in Piazza SS. Apostoli a Roma e nelle principali piazze italiane: invitiamo i cittadini a partecipare, per far sentire la loro voce e manifestare le proprie esigenze.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Leave a Comment »

Editoria di varia in flessione

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Nei primi cinque mesi del 2022 l’editoria italiana di varia, ovvero romanzi e saggi venduti nelle librerie fisiche e online e nella grande distribuzione, è in flessione del 4,5% a valore e del 3,6% a numero di copie rispetto ai primi cinque mesi del 2021. Le vendite a prezzo di copertina nelle prime venti settimane sono state pari, infatti, a 565,6 milioni di euro, le copie vendute pari a 38,3 milioni (si sono persi a valore 27,0 milioni di euro e 1,4 milioni di copie vendute rispetto al 2021).Nel solo mese di maggio (24 aprile-21 maggio) si registra un -8,6% a valore e -8,2% a copie rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le vendite sono state pari a 96,2 milioni e le copie sono state pari a 6,7 milioni (rispetto al maggio 2021 si sono persi rispettivamente 9,1 milioni a valore e 600mila copie).Rispetto ai primi cinque mesi del 2019, le vendite sono in crescita del 15,3% a valore e del 15,8% a numero di copie, ovvero 72,4 milioni di euro in più e 5,2 milioni di copie in più rispetto al periodo corrispondente del 2019.Sono i dati rielaborati dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) su rilevazioni di Nielsen BookScan, aggiornati mensilmente e disponibili online nella pagina Studi e ricerche del sito AIE.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Emozioni Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

Ostia antica. torna il 23 luglio ore 21 al Teatro Romano di Ostia Antica, il fantastico spettacolo “EMOZIONI- Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”. Sul palco il Maestro Mogol, autore di testi intramontabili racconta Lucio Battisti a 23 anni dalla sua scomparsa e del fortunato sodalizio artistico che ha prodotto brani memorabili come “Mi ritorni in mente”, “La collina dei ciliegi” e “Anima Latina” canzoni che verranno eseguite dal vivo dall’orchestra di 16 elementi. L’interpretazione dei brani è affidata a Gianmarco Carroccia che con la sua voce dà un “interpretazione perfetta”, accompagnato da una formazione orchestrale di 16 elementi.Il 23 luglio sarà anche l’occasione per ascoltare per la prima volta l’inedito “Un Vero Amore” scritto da Mogol e Gianmarco Carroccia. Spero potrai darne notizia. Biglietti: http://www.ticketone.it By Marina Luca

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jeff Koons’ Balloon Monkey (Magenta) Presented by Victor and Olena Pinchuk Will Raise Funds for Humanitarian Aid for Ukraine

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2022

LONDON AND PARIS – On 28 June 2022, Jeff Koons’ seminal sculpture Balloon Monkey (Magenta) (2006-13, estimate: £6,000,000-10,000,000) will be presented for sale at Christie’s by Victor and Olena Pinchuk to raise vital funds for humanitarian aid for Ukraine. In particular, the proceeds will be used to assist soldiers and civilians gravely wounded by war who urgently require prosthetics, medical treatment and rehabilitation to recover as much quality of life as possible*. Representing childhood innocence and joy for both children and adults alike, Balloon Monkey (Magenta) stands as a monumental symbol of hope and solidarity with those men, women and children living in war-torn Ukraine who have suffered terrible loss.A significant highlight of Christie’s 20th / 21st Century: London Evening Sale, the work demonstrates the power of art to unify and rally support for the defence of freedom and life in urgent times. The sculpture will be exhibited in St James’ Square, adjacent to Christie’s Headquarters in London, inviting audiences across the capital to come together for a moment of contemplation from 14 June to 3 July 2022.Balloon Monkey (Magenta) is a masterpiece of paradoxical power, its contradictions oscillating between mind-bending complexity and total simplicity; seriousness and play; pop culture and our deepest, most primal structures of myth and belief. It is an object free of irony, created with near-unimaginable dedication, and presented as an expression of trust, openness, sincerity and love. For Koons, Balloon Monkey (Magenta) is a profound and buoyant affirmation that art is not only what we see, but what happens inside us.In 2008, Koons’ sculpture Balloon Flower (Magenta) was similarly installed in St James’s Square. Much admired in its garden setting in central London, the artwork set a record at the time for Jeff Koons, realising $25.7 million. In November 2014, Balloon Monkey (Orange), from the same series as the present lot, achieved a price of $25.9 million. Balloon Monkey (Magenta) is the artist’s proof and one of five unique versions (Red, Magenta, Blue, Yellow, Orange).

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »