Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 11 giugno 2022

Palermo: Serata al Dorian con WeMan

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Palermo 12 giugno ore 20. Sarà un concerto speciale tutto quello dei WeMan di domenica 8 maggio al Dorian, ovvero il locale, ma anche il brand, simbolo di musica a Palermo e provincia, sotto la guida artistica di Alessio Ciriminna, in via Rosario Gerbasi 6, di fronte al molo Santa Lucia del porto di Palermo. I clienti del locale potranno scegliere o il menù-pizza a 20 euro che comprende antipasto, pizza e birra o bibita analcolica, oppure il menù alla carta. Dopo la cena l’entrata è con drink card. In sala potranno entrare fino a 150 persone. Per l’occasione sarà aperto il baglio esterno del locale Alle 22 saliranno sul palco i WeMan. La band capitanata da Paola Russo porterà sul palco tutta l’energia delle loro canzoni pop, rivisitate a modo loro. Per prenotare un tavolo telefonare al 3807980615. (Vassily Sortino)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Vallesina accoglie il maestro Carlo Iacomucci

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

di Patrizia Minnozzi.Dopo 36 anni di permanenza nella città di Macerata, suo luogo di adozione e di elezione, da pochi giorni il Maestro Carlo Iacomucci ha preso residenza a Monsano, in provincia di Ancona, più nello specifico nella Vallesina, una zona industriale e artigianale, che profuma di agricoltura e, in particolar modo, di vino di cui le sue vigne sono ricche. Questo suo trasferimento è stato dettato da motivi affettivi e da esigenze familiari che, in seguito alla pandemia, lo hanno visto sempre più spesso spostarsi, per periodi più o meno lunghi, per essere vicino alla famiglia e alle sue adorate nipotine, per le quali la presenza dei nonni è stata ed è, tuttora, di fondamentale importanza.Già in precedenza, durante i due lunghi anni di lockdown causati dalla pandemia, il Maestro Iacomucci si era temporaneamente trasferito a Monsano, presso la casa di sua figlia dove, per ingannare le lunghe giornate di isolamento forzato, ha prodotto circa 60 opere originali e pochissime incisioni, non avendo a disposizione, per motivi tecnici, il suo prezioso torchio calcografico, con cui abitualmente esegue 4 o 5 prove di stampa, prima di decidere che la lastra incisa è pronta per la stesura finale.La prolungata permanenza di Iacomucci a Monsano, ha fatto maturare in lui la decisione di trasferirsi là, in via definitiva, per stare vicino agli affetti familiari e anche per ritrovare un nuovo slancio artistico e nuove ispirazioni per le sue opere, sempre con una attenta predisposizione nel dipingere su carta e stampare le incisioni su carte speciali, che gli derivano dalla sua formazione degli anni giovanili, quando frequentava la Scuola del Libro di Urbino, sua citta’ natale e di studi. Proprio in questi giorni, il Maestro è particolarmente impegnato a sistemare il suo nuovo studio/atelier nei pressi di Jesi, situato in una posizione veramente panoramica, che si affaccia su di un bellissimo cortile verde con piante di olivi, mandorli e fiori profumati, inondato di una bella luce naturale.Lasciando Macerata, sua città di adozione, per trasferirsi a Monsano, Iacomucci ha voluto affrontare, in modo originale e assolutamente personale, l’ennesimo viaggio della sua vita: il viaggio di Iacomucci è stato soprattutto un viaggio spirituale, un viaggio all’interno di sé, per mettere a nudo i suoi sentimenti più profondi e la sua colorata poetica. Un lunghissimo viaggio fatto di incisioni, dipinti, illustrazioni, tanti anni di vita vissuta e dedicata all’arte, sia come professore di discipline pittoriche che come artista.E’ un viaggio cominciato da lontano, ma non ancora terminato, perché un artista non esaurisce mai la sua creatività, la sua voglia di esplorare, di sperimentare e, come nel caso del Maestro Iacomucci, la sua capacità di mostrare, attraverso la pittura, i sentimenti più intimi e profondi dell’animo umano.L’arte non ha confini, perché l’arte é espressione di sé, è un dialogo con l’esterno, é restituire Ie proprie emozioni senza parlare; l’arte può raffigurare paesaggi o dimensioni umane contemporanee. Carlo Iacomucci nel suo pellegrinaggio artistico è, al tempo stesso, inizio e fine di un viaggio di cui sappiamo quando e dove è incominciato, ma non conosciamo ancora la meta finale e forse non la conosce nemmeno lui, perchè l’arte non ha mai fine e attraversa i secoli della storia , deliziando gli occhi e il cuore di chi sa ascoltarla! Patrizia Minnozzi (critico d’arte)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Che succede domani 12 giugno in Europa?

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Niente di particolarmente sconvolgente gli attuali assetti dell’Unione europea, ché sono in merito non suscettibili di scossoni se in Francia le liste del presidente Macron faranno flop o in Italia si registrerà l’ennesimo flop di disamore per la politica con l’annullamento dei referendum per mancanza di quorum. Francia. Elezioni legislative. Dopo la vittoria di Emmanuel Macron su Marine Le Pen alle presidenziali, l’attenzione politica da estremadestra/centro si è spostata a centro/sinistra, cioè all’interno di coloro che, insieme, hanno riconfermato il presidente uscente. Di fatto si è marginalizzata l’estrema destra. Vinceranno le liste che si riferiscono a Macron (territorialmente debole) o quelle a Jean-Luc Mélenchon (che ha rimesso in piedi una sorta di alleanza a sinistra che a tanti fa venire in mentre Mitterand)? A parte che per i risultati bisognerà aspettare il secondo turno (19 giugno) dopo il voto di domenica 12, di fatto nessuno scalzerà il presidente Macron con un risultato A o B che, al momento, si gioca per rendere a Macron stesso più facile o meno il governo della nazione. E anche se sulla politica estera ed europea della Francia ci sono delle differenze tra i due schieramenti (non omogenei al loro interno) , il 20 giugno avremo Macron che continuerà ilprocesso stentoreo di unificazione politica europea e i suoi tentativi di dialogo con Putin cercando di non umiliarlo(!). Italia. Certo, andiamo a votare e chiediamo a tutti di fare altrettanto per l’argomento giustizia in sé e per l’istituto referendario. Ma saremmo fanatici se non prendessimo atto che domani non ci sarà il quorum (2): visto che il NO ai quesiti accumula a suo vantaggio anche l’astensione (già notevole di per sé): tra chi “gli fa fatica” qualunque cosa comporti coinvolgimento oltre uno slogan (complice l’informazione di Stato/Rai), chi crede che il sospetto (giustizialismo) sia sufficiente a fare giustizia, chi teme di indispettire il potere dei magistrati “che è meglio tenerseli amici, non si sa mai”…. si fa prima a non andare alle urne. L’Italia del 13 giugno – pianeta Giustizia – sarà identico a quello del giorno prima dove l’unica cosa che possiamo auspicare a chi ha contributo a questa conferma è di non finire mai ad avere a che fare con questa giustizia, soprattutto per coloro che sono convinti che il sospetto sia sentenza.L’Italia del 13 giugno- pianeta referendum – avrà confermato che, se si vuole che questo istituto permanga, va riformato (3). Altrimenti è meglio cancellarlo e non si perde più tempo, soldi e salute; con guadagno anche per istituzioni che forse diventeranno più credibili non dovendo far finta ogni volta che c’è un referendum di ottemperare a quanto previsto dalla legge (per quanto discutibile l’attuale sia). La politica interna continuerà come prima, tutta proiettata al prossimo rinnovo delle Camere. La politica estera ed europea (per fortuna essenzialmente indirizzata dal premier Mario Draghi), ci terrà tra gli importanti dell’Ue… pur sempre aspettando le decisioni di Francia e Germania. In sostanza: il 12 giugno, Francia e Italia avranno fatto le pulizie di primavera. Un po’ più radicali quelle francesi (ché forse un po’ di tasse e diritti cambieranno in base ai risultati), di routine quelle italiane. By Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Parte la Summer Experience 2022 di Trenitalia

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Dal 12 giugno una nuova offerta estiva integrata, conveniente e sostenibile. Saranno oltre 240 le Frecce che circoleranno ogni giorno, con più fermate dedicate al turismo estivo, per garantire collegamenti sempre più capillari. Maggiori collegamenti e fermate anche per i 124 Intercity Giorno e Notte che viaggiano sul territorio nazionale. Aumentano, inoltre, durante i mesi estivi, i collegamenti e le fermate per i 6.800 treni regionali, con la conferma dei collegamenti Line per raggiungere in treno le migliaia di località italiane e Link (treno+autobus o treno+nave). Più treni e collegamenti da e per l’estero, in aumento rispetto al periodo pre-Covid, con il Frecciarossa Milano-Parigi e Parigi-Lione, e con gli Eurocity e gli Euronight per la Svizzera, l’Austria e la Germania.Tra le novità attese quest’anno c’è anche la nuova livrea del Frecciarossa, che progressivamente sarà estesa ai treni ETR 700 ed ETR 600, oltre che Frecciarossa 500 e 1000. E novità sono già state introdotte anche per i nostri amici a quattro zampe che fino al prossimo 15 settembre potranno viaggiate gratuitamente su Frecce e Intercity e a metà prezzo sui treni regionali.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

BCE. Ricchiuti (FdI): Lagarde fa esplodere mercati e ‘governo dei migliori’ tace

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

“Euro debole, scambiato a 1,051 con il dollaro e BTP italiani a 10 anni che chiudono sopra i 3,70%, ai massimi dal 2014. La Lagarde è riuscita nell’ impresa di indebolire l’Euro, far esplodere i rendimenti dei titoli sovrani dei Paesi a rischio, come Italia e Grecia, e aumentare lo spread con il Bund. Queste le mirabolanti conquiste economiche dell’Europa unita e solidale. Un vero strike da campioni. Nulla da eccepire. Qualcuno sta già giustificando dicendo che è per contenere l’inflazione. Peccato però che c’è inflazione e inflazione. Questa è inflazione importata (dal prezzo delle materie prime, euro forte sul dollaro…) e quindi gli aumenti dei tassi non aiuteranno in alcun modo, se non riducendo l’accesso al credito delle persone fisiche e delle aziende e sarà un bagno di sangue. Dal governo dei migliori, tutto tace”. Lo dichiara Lino Ricchiuti, viceresponsabile del Dipartimento Imprese e Mondi Produttivi di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Luigi Arcuti: un banchiere tra passato e futuro

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Roma Lunedì 13 giugno 2022 – ore 15,30 Sede ABI – Scuderie di Palazzo Altieri Via di Santo Stefano del Cacco, 1 Presentano il volume Piero Gastaldo, Presidente Fondazione 156 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo. Interventi Rainer Masera, Università degli Studi Guglielmo Marconi, Roma Giandomenico Piluso, Università degli Studi, Torino Testimonianze Enrico Filippi, Università degli Studi, Torino Carlo Corradini, già consigliere Delegato Banca IMI Maria Lucia Candida, già Direttore Generale Carisbo Dario Velo, Centro Studi sul Federalismo, Torino Intervistati da Nicola Forti, Direttore di BancariaLe ricerche e gli interventi sono a opera di Francesco Cesarini, professore emerito in materie finanziarie dell’Università Cattolica di Milano, di Alfonso lozzo, Amministratore delegato Sanpaolo IMI dal 2001 al 2006, e da Francesca Pino, storica e archivista, già direttrice dell’Archivio storico di intesa Sanpaolo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Senza personale la Sanità pubblica muore

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Il cortocircuito che si sta abbattendo sulla sanità pubblica attraverso il combinato disposto di assenza di medici e infermier grazie ad una programmazione della formazione universitaria miope e politicamente colpevole, di carenza di posti letto, di bassi stipendi, di tetto alle spese del personale, di acuirsi delle disuguaglianze dovute alla regionalizzazione del sistema, rischia di rendere irreversibile il processo di smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale. Il personale, in particolare medici e infermieri, è ridotto all’osso, tanto che le ferie – dopo oltre due anni di lavori forzati a causa della pandemia, possono essere garantite solo attraverso la chiusura di interi reparti e a ulteriore discapito dei cittadini. E non va meglio alle altre professioni sanitarie. Le regioni del Nord, che hanno possibilità di spesa, non trovano personale da assumere e i reparti si svuotano; le regioni del Centrosud hanno migliaia di precari che non possono assumere perché non hanno i soldi per farlo.Inoltre i pochi, insufficienti, neolaureati scelgono spesso di andare a lavorare all’estero, nel Nord Europa, dove gli stipendi sono di gran lunga più dignitosi e la funzione sociale non squalificata come in Italia, dove “gli eroi” subiscono migliaia di infortuni l’anno a causa di violenze, aggressioni e minacce da parte di una cittadinanza esasperata da tempi d’attesa biblici. Sono più di 12 mila gli infortuni denunciati all’Inail tra il 2016 e il 2020, ma parliamo ovviamente solo della punta dell’iceberg, perché il grosso resta sommerso.Il taglio dei posti letto e la chiusura di interi ospedali, rispettivamente quasi 50 mila posti letto e circa 200 ospedali solo nel periodo 2007/2017, secondo l’annuario statistico del SSN, completa il quadro di una sanità pubblica in coma irreversibile.È facile in fondo: basterebbe avere la volontà di investire subito nella Sanità pubblica almeno l’equivalente di quanto il governo Draghi ha deciso di concedere, nonostante la contrarietà popolare, per l’invio delle armi da guerra in Ucraina. Più ospedali pubblici, più posti letto, abolizione del numero chiuso nelle Università, investimenti in prevenzione e cure territoriali, ripubblicizzazione delle cure riabilitative, alzare i salari. Non esistono altre ricette!

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Capital Group: Il copione in Cina è cambiato?

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

A cura di Chris Thomsen, Equity Portfolio Manager di Capital Group. Gli investitori si trovano ad affrontare nuovi rischi e un mercato in costante evoluzione. Con il conflitto in Ucraina, l’inflazione elevata e l’aumento dei tassi di interesse, il futuro appare quanto mai incerto. In questi tempi di incertezza, crediamo sia importante fare un passo indietro e considerare le tendenze di lungo periodo che guidano le aziende e i mercati. Per questo motivo abbiamo identificato 10 trend chiave: 1) Potere dei prezzi Riteniamo che l’inflazione si accentuerà nei prossimi mesi, rivelandosi uno dei maggiori rischi che gli investitori dovranno affrontare nel 2022. 2) La tripletta tecnologica. I semiconduttori, il cloud computing e il software – quello che chiamiamo il trio tecnologico – sono tre settori che seguiamo da vicino. Nonostante i problemi legati alla catena di approvvigionamento, non prevediamo la fine della domanda mondiale per i semiconduttori. Oggi una nuova automobile utilizza fino a 3.000 chip e questo numero cresce con ogni nuovo modello. 3) Dividendi In modo particolare in Europa, le società hanno sospeso i dividendi durante la pandemia principalmente a causa di pressioni politiche o normative; tuttavia, molte di esse dispongono, al momento, di capitale in eccesso da reimpiegare sotto forma di dividendi. 4) Innovazione sanitaria. Oggi disponiamo di nuove terapie progettate per ingegnerizzare il modo in cui l’organismo riconosce e cura la malattia. Queste terapie hanno il potenziale per allungare la vita e generare ricavi miliardari per le aziende che sono in grado di svilupparle con successo. 5) Trasformazione dei trasporti. La curva di adozione dei veicoli elettrici (EV) si è impennata grazie soprattutto agli incentivi governativi e agli standard di emissione più severi per le auto a gas, in particolare in Cina e in Europa. Anche il prezzo delle batterie, che può rappresentare un terzo del costo di un veicolo, è crollato. 6) Cina: I rischi per gli investimenti in Cina sono aumentati a causa di questioni macro e normative. Gli investitori devono prestare attenzione a settori come l’immobiliare, l’istruzione e il gioco d’azzardo. 7) Media disruption. Sotto la spinta del boom di giochi dell’era pandemica, il panorama dei media sta trasformando radicalmente il modo in cui le persone comunicano e si svagano. 8) Il futuro dei finanziari. Oggi il settore finanziario comprende un insieme di opportunità più ampio rispetto alle banche e alle assicurazioni tradizionali. Tra queste vi sono le borse, i fornitori di dati e gli asset manager 9) Gli investimenti ESG sono ovunque e diventeranno sempre più importanti. 10) Reddito fisso flessibile. L’inflazione è in forte crescita e ciò ostacola i rendimenti obbligazionari. La buona notizia? L’inflazione elevata è in parte una risposta alla straordinaria domanda dei consumatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Concorso per l’ammissione dei medici alle Scuole di Specializzazione in Medicina

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Il MUR, Ministero dell’UniversitaÌ e della Ricerca, con il decreto n. 909/2022, ha reso nota la data per il concorso per l’ammissione dei medici alle Scuole di Specializzazione in Medicina (SSM) per il 2022, prevista quest’anno per il 26 luglio 2022. Il 1° novembre 2022 eÌ stata indicata come data di inizio delle attivitaÌ didattiche per coloro che saranno ammessi alle scuole di specializzazione. Al concorso possono partecipare tutti i candidati con laurea in Medicina e Chirurgia ottenuta entro 15 luglio 2022 e l’abilitazione alla professione medica. La domanda di iscrizione deve essere effettuata sul portale Universitaly, dal 31 maggio al 9 giugno. EÌ ancora ignoto il numero di borse e la loro ripartizione per Scuola, che saranno indicati con un provvedimento integrativo del bando prossimamente. Destano poi alcuni dubbi e sono oggetto di controversia i cosiddetti punti cv, ossia i punti bonus attribuiti in base al voto di laurea e alla media degli esami sostenuti che non possono essere assegnati ad alcune categorie, come ad esempio i medici specializzati o che stanno frequentando una scuola di specializzazione. TestBusters – il piuÌ grande network di docenti-studenti di Medicina in Italia fondato nel 2011 che si occupa di sviluppare attivitaÌ di orientamento e preparazione ai test di ammissione, da diversi anni ha esportato il suo metodo consolidato e codificato, con un approccio distintivo basato sulla peer education, anche alla preparazione del Concorso SSM con il suo brand dedicato, Peer4Med, che offre corsi online, in diretta e on demand e simulazioni online.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allarme Fao su fertilizzanti

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

8 giugno – “Il grido d’allarme lanciato dalla FAO sottolinea, ancor di più, la tragica situazione scaturita dalla guerra in Ucraina. Come già paventato da noi in Parlamento sin dai mesi scorsi, il blocco della commercializzazione globale dei fertilizzanti rischia di avere una ripercussione devastante sulle produzioni mondiali di cibo. I fertilizzanti, infatti, rappresentano il reale collo di bottiglia per la produzione di cereali, oleoginose e delle proteine vegetali per la prossima campagna agricola, raccolta 2023. In particolare, la produzione dell’azoto è legata ai costi energetici mentre fosforo e potassio sono fertilizzanti estratti per la maggior parte in Russia e Bielorussia e sono oggi, dunque, ostaggio delle politiche di guerra di Putin”. È il commento del deputato Luciano Cillis, esponente M5S in commissione Agricoltura alla Camera, a margine del primo Dialogo Ministeriale Mediterraneo sulla Crisi Alimentare tenutosi oggi alla Farnesina.“Diventa fondamentale migliorare la disponibilità di questi prodotti – aggiunge – riuscendo a gestire in maniera ottimale la diplomazia e i rapporti commerciali con gli altri Paesi estrattori, come già portato avanti dal ministro Luigi Di Maio”. “Inoltre, bisogna iniziare a pensare a tecniche di gestione agronomica delle concimazioni che mirino ad azzerare gli sprechi, in modo tale da ottenere ottime performance con benefici per l’ambiente e per l’economia aziendale. Rimane cruciale, comunque, l’apporto della Russia che produce oltre 50 milioni di tonnellate annue delle tre sostanze fertilizzanti” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ucraina: Cia, sbloccare grano nei porti per evitare colossale crisi alimentare

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Per scongiurare una colossale crisi alimentare, bisogna sbloccare subito il grano fermo nei porti ucraini. Non ci si può permettere una “guerra del pane” globale, che avrebbe ulteriori effetti destabilizzanti per tutti sia a livello geopolitico che economico. Così Cia-Agricoltori Italiani, in merito ai piani messi in campo per liberare circa 25 milioni di tonnellate di grano di Kiev, stoccato nei silos e ora anche a rischio marcimento per via del caldo eccezionale. Bisogna evitare ogni nuova escalation e fare di tutto per raggiungere al più presto un accordo che porti alla ripresa dell’export di grano bloccato nei porti del Mar Nero e destinato soprattutto ai Paesi dell’Africa, che sono quasi totalmente dipendenti da queste risorse -osserva Cia-. In diverse aree del continente africano le tensioni sono già iniziate, la carenza di cereali si aggrava e aumenta il pericolo povertà.D’altra parte, oltre il 50% del grano gestito dal Programma alimentare della FAO arrivava, abitualmente, dall’Ucraina -ricorda Cia-. E l’Onu ha già avvertito che, se la guerra andrà avanti e il “granaio del mondo” resterà sotto le bombe, potrebbe salire a quota 320 milioni il numero di persone a soffrire di fame acuta nel pianeta.Per questo motivo, Cia si unisce ai numerosi appelli già lanciati, dal premier Draghi a Papa Francesco, per chiedere di accelerare lo sblocco del grano ucraino ed evitare una catastrofe alimentare. Allo stesso tempo, i principali Paesi dovranno aumentare la produzione di grano, anche per colmare la minore offerta sui mercati internazionali. In quest’ottica, alla Commissione Ue spetterà decidere se accogliere la richiesta degli Stati membri, compresa l’Italia, all’ultimo Consiglio Agrifish, di una deroga alla rotazione per il 2023, per consentire un incremento delle semine. Quanto all’Italia, resta prioritario intervenire in maniera strutturale per abbassare i costi di produzione, in particolare del gasolio agricolo, arrivato fino a 1,45 euro al litro. Il prezzo straordinario dei carburanti mette a rischio le trebbiature nelle aree marginali e meno produttive -sottolinea Cia- riducendo i raccolti di grano duro in una fase così delicata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università Cattolica e E4Impact per un dottorato per l’Africa

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Oltre cento imprenditori diplomati, un network di atenei partner in crescita e un nuovo programma di dottorato internazionale per l’Africa. A inizio giugno si è svolta la Pan-African Graduation Ceremony 2022 per il Global MBA in Impact Entrepreneurship di Fondazione E4Impact, l’iniziativa di ALTIS, l’Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore che favorisce lo sviluppo sostenibile delle economie emergenti supportando la formazione di imprenditori ad alto impatto sociale e ambientale.I diplomati del corso sono 108, residenti in Etiopia (19), Mozambico (11), Sierra Leone (28), Tunisia (7), Uganda (10) e Zimbawe (33) e si aggiungono agli oltre 1400 che studenti che hanno frequentato il Global MBA erogato da Fondazione E4Impact dal 2010 a oggi. La cerimonia di consegna dei titoli è avvenuta in collegamento online con tutti gli atenei coinvolti: per l’Etiopia la St. Mary University, dalla Sierra Leone l’Università di Makeni, lo Zimbawe era rappresentato dalla Catholic University of Zimbawe, la Tunisia dalla Université Centrale Honoris United, il Mozambico dalla Universidade Sao Tomàs de Moçambique e l’Uganda dalla Ugandan Martyrs University. Assieme ai rappresentanti dei sei atenei coinvolti sono intervenuti l’Ambasciatore Fabrizio Lobasso, direttore per l’Africa sub-sahariana del Ministero degli Affari Esteri della Cooperazione Internazionale italiano, Thierry Vodounou, Managing director della senegalese Sarenga Group Llc e il professor Mario Molteni, ordinario di Economia Aziendale presso la facoltà di Economia dell’Università Cattolica, CEO di Fondazione E4Impact e delegato del Rettore ai rapporti con le imprese. «Siamo felici di aver supportato anche quest’anno la formazione di numerosi imprenditori e di aver sviluppato ulteriormente la nostra alleanza con gli atenei africani – ha dichiarato il professor Molteni – La E4Impact Alliance è un network destinato a diventare un punto di riferimento per ogni tipo di impresa che sia attenta all’impatto sulla società e sull’ambiente, anche grazie al nuovo programma di dottorato internazionale per l’Africa». E4Impact Foundation. Presente in 18 paesi africani con programmi di formazione imprenditoriale, acceleratori di impresa e molteplici progetti, da anni la Fondazione E4Impact favorisce e rende operative partnership win-win tra aziende italiane e africane. Grazie al nesso con oltre 6000 imprenditori africani formati, un’ampia rete di rapporti istituzionali e contatti con business network locali, E4Impact è in grado di garantire alle imprese italiane un approccio professionale e sicuro ai nuovi mercati.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pubblicato il QS World University Ranking

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

L’agenzia britannica Quacquarelli Symonds ha pubblicato il QS World University Ranking, forse il più noto e prestigioso ranking internazionale. L’edizione 2022-2023 vede un netto miglioramento in classifica dell’Università di Torino nonostante l’ulteriore allargamento della graduatoria con 124 nuove entrate per un totale di 1422 atenei classificati. UniTo è risalita di 10 posizioni rispetto all’edizione precedente e si colloca al 475° posto al mondo, quindi entro le prime 500 cui è data evidenza singola nella classifica (dopo le università sono presenti in classifica per fasce) risultando 12° in Italia su 41 atenei. I parametri valutativi di QS prendono in considerazione la reputazione accademica (che pesa il 40%), la reputazione delle aziende (10%), il rapporto studenti per docente (20%), le citazioni per docente (20%), l’internazionalizzazione dell’ateneo nel suo corpo docente (5%) e studentesco (5%). L’indicatore che registra la performance migliore è la reputazione accademica. L’Ateneo si colloca al 225° posto a livello mondiale, in risalita di 20 posizioni rispetto all’anno scorso. Nella nuova edizione sono stati calcolati due ulteriori indicatori, al momento non considerati nel ranking globale: l’occupazione dei laureati e la rete di ricerca internazionale, in cui UniTo eccelle collocandosi al 220° posto al mondo. L’Università di Torino inoltre ottiene punteggi nettamente superiori ai valori mediani anche nei parametri delle citazioni per docente e dei risultati occupazionali. Il livello di performance di UniTo in questo ranking molto competitivo è ulteriormente migliorato e raggiunge ora il top 33% delle migliori università del mondo secondo i parametri valutativi di QS, facendo registrare la sua migliore performance di sempre in questa classifica. Per quanto riguarda, invece, le classifiche disciplinari, pubblicate ad aprile 2022, l’Università di Torino si è ben posizionata anche in 20 subject ranking: 51-100° posto per Filosofia e Scienze delle Religioni (prima in Italia e tra le top 100 al mondo); 151-200° per Agraria e Scienze dell’Educazione; 201-250° per Lingue Moderne, Farmacia, Medicina, Fisica, Sociologia e Storia (dove compare per la prima volta); 251-300° per Letteratura Inglese, Diritto, Chimica e Matematica (queste ultime due discipline migliorano la loro performance rispetto al 2021); 301-350° per Informatica, Biologia, Psicologia, Economia e Scienze dei Materiali (disciplina che migliora la sua classifica rispetto all’anno precedente) e 401-450° per Scienze dell’Ambiente.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ottimo risultato per il Politecnico di Torino nel QS World University Rankings

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

E’ uno tra i più rinomati ranking internazionali pubblicato ogni anno dall’azienda britannica Quacquarelli Symonds: l’Ateneo si è infatti posizionato nel top 25% tra le migliori università al mondo, salendo dal 25,7% al 22,9%, e consolidando così il trend di crescita degli ultimi anni.Il Politecnico scala infatti di nove posizioni la classifica mondiale, passando dalla posizione 334 alla 325. Il risultato è stato conseguito nonostante l’ingresso nella graduatoria di 124 nuove istituzioni, non recensite nella scorsa edizione.Tra i principali dati positivi, si evidenzia il costante miglioramento del punteggio legato alla qualità della ricerca, Citation per Faculty: l’indicatore espresso attraverso la valorizzazione delle citazioni ricevute dalle pubblicazioni scientifiche prodotte dai ricercatori e dalle ricercatrici del Politecnico porta al collocamento dell’Ateneo al 236° posto, scalando 23 posizioni rispetto l’anno precedente.Il Politecnico inoltre scala la classifica 17 posizioni per la voce legata alla presenza di studenti stranieri, confermandone l’attrattività internazionale.Per quanto riguarda la reputazione accademica, l’Ateneo guadagna altre 10 posizioni rispetto il 2021, raggiungendo il 232° posto.“Questi risultati sono la conferma del percorso di crescita dell’Ateneo di questi anni, con un ottimo posizionamento nel panorama internazionale”, sottolinea il Rettore Guido Saracco, che prosegue: “il miglioramento del punteggio relativo alla ricerca e il costante miglioramento nella reputazione accademica rispecchiano la grande qualità dei nostri docenti e ricercatori”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fit for 55: uso terreni agricoli per rafforzare lotta al cambiamento climatico

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Il Parlamento ha adottato la sua posizione negoziale su una proposta di legge per migliorare i pozzi naturali di assorbimento del carbonio nel settore dell’Uso del suolo, dei cambiamenti di uso del suolo e forestale (Land use, land use change and forestry sector – LULUCF), con lo scopo di ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Il testo legislativo è stato approvato con 472 voti favorevoli, 124 contrari e 22 astensioni. Pozzi di carbonio per aumentare l’obiettivo UE di riduzione dei GHG al 57% nel 2030. I deputati sostengono la proposta della Commissione secondo cui l’obiettivo UE per l’assorbimento netto di gas a effetto serra nel settore LULUCF per il 2030 dovrebbe essere di almeno 310 milioni di tonnellate di CO2 equivalente. Tale aumento porterebbe di fatto l’impegno di riduzione dei gas a effetto serra UE al 57% entro il 2030.I deputati propongono infine di istituire un meccanismo relativo alle perturbazioni naturali per il periodo 2026-2030, a disposizione di quei Paesi UE che non sono stati in grado di raggiungere i loro obiettivi annuali a causa di perturbazioni naturali come gli incendi boschivi. Infine, ribadiscono la loro posizione secondo cui i pozzi di carbonio naturali sono fragili e volatili e quindi, contrariamente alla proposta della Commissione, non dovrebbero essere messi in comune con le emissioni del settore agricolo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobility: Blow for climate protection

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Parlamento europeo.The European Parliament delivered a setback for consumers and climate protection as a majority of MEPs voted to ban combustion engine cars, rejecting a technology-mix in road transport that – alongside e-mobility – would embrace all climate-friendly ways to accelerate the phase-out of fossil fuels.If the European Parliament has its way, conventional cars with combustion engines will be banned in Europe from 2035. A majority of European lawmakers approved an electrification-only strategy for road transport in their vote on stricter CO2 emission standards for new cars and vans on Wednesday.An amendment, also considered on Wednesday, to count the CO2 savings of sustainable renewable fuels towards the fleet targets of new cars, failed by only 44 votes. Had it passed, this would have offered consumers another climate-friendly alternative to fossil-fuelled cars. „Cutting emissions, not choices – this should be the guiding principle of European climate policy. Unfortunately, many MEPs have opted for exactly the opposite, simply ignoring the key role that sustainable renewable fuels like eFuels can play in reducing transport emissions,” said Dr. Monika Griefahn, managing chairwoman of the eFuel Alliance. However, the end of the combustion engine is not yet a done deal. The Environment Council is currently busy revising the regulation – a General Approach is still pending.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fit for 55: obiettivo zero emissioni per auto e furgoni nel 2035

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Parlamento europeo. Il Parlamento sostiene la revisione dei livelli di emissioni di CO2 per le autovetture nuove e i veicoli commerciali leggeri nuovi, parte del pacchetto “Pronti per il 55% nel 2030”. Il testo legislativo è stato approvato con 339 voti favorevoli, 249 contrari e 24 astensioni. Nel testo approvato, i deputati sostengono la proposta della Commissione di raggiungere una mobilità stradale a emissioni zero entro il 2035 con l’obiettivo, a livello europeo, di produrre autovetture nuove e i veicoli commerciali leggeri nuovi a zero emissioni. Gli obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni per il 2030 sarebbero fissati, secondo la posizione del PE, al 55% per le automobili e al 50% per i furgoni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’endometriosi non deve far paura

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Sono ferite che vanno oltre il dolore fisico, ma che possono essere rimarginate, quelle delle donne affette da endometriosi, circa il 10% della popolazione femminile. Gli aspetti psicologici legati alla malattia, una patologia cronica invalidante per la quale persiste ancora un ritardo diagnostico che va dai 5 agli 8 anni, sono spesso sottovalutati, pur essendo molto importanti per il benessere della persona. Come emerso a Parma, durante il recente incontro organizzato dall’A.P.E. Associazione Progetto Endometriosi, che unisce pazienti volontarie di tutta Italia nel fare informazione e creare consapevolezza sulla malattia, con la psicologa e psicoterapeuta Micaela Fusi – la quale da 11 anni si occupa di supportare le donne che soffrono della patologia, collaborando con l’A.P.E. a Parma, oltre ad essere stata relatrice ai due corsi di formazione per psicologi e psicoterapeuti organizzati dall’associazione -, ciò che più le spaventa è «il non essere credute nel dolore fisico, nell’idea che ciò che provino sia considerato esagerato, condizione che aumenta anche il dolore psicologico». Avere dolori forti durante il ciclo mestruale o l’ovulazione viene ancora troppo spesso considerato “normale”, frutto di un retaggio culturale che non aiuta le donne ad esprimere la propria femminilità e a convivere con sofferenze che non hanno nulla di ordinario. Lo sa bene Roberta, da molti anni volontaria dell’A.P.E., la quale oggi si impegna per aiutare donne che come lei convivono con l’endometriosi e il suo stigma. «Ho 42 anni – racconta Roberta – e ho avuto dolori durante il ciclo già da ragazzina. Per tantissimi anni ho considerato tutto questo normale. Una sera a teatro non riuscivo nemmeno a stare seduta. Così mi sono rivolta all’Ospedale Maggiore di Parma, scoprendo che era un centro specializzato in endometriosi. In poco tempo ho ricevuto la mia diagnosi e sono stata operata. Sono stata fortunata, perché tante ragazze cambiano ginecologo e nessuno riesce a dare un nome a questi dolori. Non sapere cosa si ha è ciò che fa più male». E non è facile parlarne. Di qui il ruolo fondamentale che rivestono i gruppi di supporto di associazioni come l’A.P.E. «Confrontarsi con altre donne che vivono una condizione simile può essere di grande aiuto – spiega la dottoressa Fusi -. È necessario che ogni donna si senta riconosciuta nella propria storia e possa parlarne con donne che hanno paure ed emozioni simili. Poter condividere, riuscire a conoscere sempre più cos’è la malattia, crea la consapevolezza necessaria per affrontarla. Si tratta di un tema che tocca la propria femminilità, l’intimità, la sessualità, ed è più facile confrontarsi con chi ha già vissuto un’esperienza». Agli incontri partecipano sia donne che hanno appena ricevuto la diagnosi e dunque sono alle prese con preoccupazioni e con la ricerca di informazioni, sia donne che hanno già elaborato le diverse fasi della malattia. Aprirsi diventa la chiave per sentirsi meno sole e scegliere consapevolmente. «Di fronte alle difficoltà fisiche ci si riprende, ma mentalmente è più complicato – spiega Roberta -. Un conto è avere un mal di schiena, cosa di cui si parla con serenità, un conto è avere un dolore che incide sulla femminilità e sul rapporto di coppia. Le donne hanno bisogno di essere credute e di essere partecipi delle proprie scelte, non deve essere la malattia a scegliere per te. Ma purtroppo ci sono ancora persone che sostengono che l’endometriosi sia una moda». Il consiglio è di rivolgersi ad un centro specializzato, ma all’inizio non è facile capire che sia questa la scelta giusta da fare. «Prendersi cura del corpo non trascurando la mente, è questo ciò che fa la differenza», sottolinea la psicologa Micaela Fusi. «L’endometriosi è molto invalidante e le donne fanno fatica a gestire il dolore psicologico, i vissuti legati al non riuscire ad avere una vita come si vorrebbe. Uscire con le amiche, andare a lavoro, frequentare la scuola o avere relazioni sentimentali non sono situazioni semplici per le donne con endometriosi. C’è inoltre la paura di non poter avere gravidanze. Parlarne, confidarsi con altre donne è un modo per concentrarsi sul femminile e far si che questo femminile ferito possa trovare altri ambiti per realizzarsi in modo pieno. Fondamentale è inoltre informare le adolescenti, affinché diventino portatrici di consapevolezza». L’associazione diventa un punto di riferimento importante, dà la possibilità di essere libere di potersi esprimere. «All’inizio prevale la paura – aggiunge Roberta – perché non si ha idea di cosa sia l’endometriosi, né a cosa si può andare incontro. Dopo anni, affrontando il problema, comprendendo cosa può succedere, condividendo la propria storia, la paura viene meno».Cos’è l’endometriosi? L’endometriosi è una malattia infiammatoria cronica che colpisce in Italia circa il 10% della popolazione femminile in età fertile, anche se i dati sono estremamente parziali e probabilmente sottostimati.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Christie’s to Offer Monet’s ‘Nymphéas

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

Claude Monet’s Nymphéas, temps gris (1907, estimate: £20,000,000-30,000,000) will be a highlight of Christie’s 20/21 London to Paris sale series, and is the second major painting by the artist to be offered in London this season, presented within the 20th / 21st Century: London Evening Sale on 28 June. Claude Monet’s depictions of the horticultural paradise that he designed and cultivated in Giverny stand among the greatest works of his career. Nymphéas, temps gris is one of a small series of Nymphéas that Monet painted in a moment of intense creativity in 1907. Here, Monet has employed a vertical format to capture the spectacular effects of late afternoon light upon his water lily pond. A long stream of light streaks through the height of the canvas, overlaid in places by clusters of lily pads. Using a variety of painterly techniques, including gestural brushstrokes, rich impasto for the flowers, and myriad layers of colour in the watery areas, with this vertical format, Monet masterfully captured both the reflections of light on the surface of the pond, and the changing hues in its depths. As a result, this canvas is filled with a majestic visual drama that sets this series apart from others of the same period. Of this rare series of 15 vertical Nymphéas of 1907, eight are now held in museum collections including the Museum of Fine Arts, Houston, and the Artizon Museum, Tokyo. This work has a distinguished provenance and was initially acquired by the Parisian pharmaceutical magnate and devoted Monet collector, Henri Canonne. Canonne amassed a notable group of 15 Nymphéas, among other important works by the artist.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Antonio Stradivari’s Finest Inlaid Violin

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2022

London – The ‘Hellier’ Stradivarius, 1679, is the finest inlaid violin ever made by the world renowned genius-craftsman Antonio Stradivari and one of the finest Stradivarius instruments in existence (estimate: £6,000,000-9,000,000). An extremely rare and important example of Stradivari’s work, this masterpiece is the top lot of The Exceptional Sale on 7 July and a highlight within Classic Week, London. The ‘Hellier’ exhibits new proportions that became the ‘blueprint’ of future violin models; enriching the tone and having a profound effect on future centuries of music and future generations of violin makers. It will be on view at Christie’s London in The Art of Literature: Auction Highlights Exhibition, which will run from 6 to 15 June, ahead of being part of the pre-sale exhibition for The Exceptional Sale, from 2 to 7 July. Antonio Stradivari (1644-1737) is the most famous and revered Italian violin maker, whose approximately 500 surviving violins are widely regarded as the finest and most valuable ever made. Stradivari’s supreme level of craftsmanship coupled with his inexhaustible artistic creativity resulted in instruments to which all subsequent makers have aspired, and which have been sought after by the leading musicians of each generation.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »