Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Report annuale “Climate Impact Pledge”

Posted by fidest press agency su sabato, 18 giugno 2022

Londra. Legal & General Investment Management (LGIM), uno dei più grandi asset manager al mondo, ha pubblicato il suo report annuale “Climate Impact Pledge”, che evidenzia un maggiore impegno nel contrasto al cambiamento climatico da parte delle circa 1.000 imprese incluse nella sua analisi.Nel corso di un anno, il numero di imprese soggette alle sanzioni di voto di LGIM per non aver rispettato gli standard climatici minimi si è ridotto del 35%, passando da 130 a 80; un segno evidente dell’impatto positivo sia delle attività di engagement di LGIM, sia della crescente attenzione per questa tematica in tutto il mondo. Tra le 80 imprese che saranno sanzionate durante le assemblee del 2022, i settori prevalenti sono quello oil&gas, bancario, degli investimenti immobiliari ed estrattivo. Il Climate Impact Pledge è stato lanciato nel 2016, e questa è la seconda edizione del report pubblicata dopo che nel 2020 LGIM aveva annunciato un rafforzamento del suo approccio, arrivando a considerare 1.000 multinazionali in 15 settori critici per il clima, responsabili di oltre la metà delle emissioni di gas serra da parte delle maggiori compagnie quotate al mondo. Inoltre, LGIM ha identificato 59 società che necessitano di attività di engagement individuali più approfondite. Si tratta di realtà particolarmente influenti nel loro mercato di riferimento, che non hanno ancora totalmente intrapreso la strada verso le zero emissioni nette, ma che hanno il potenziale di generare effetti molto positivi nei settori e nelle catene di approvvigionamento in cui operano qualora lo facessero. Di queste 59 imprese, ben 31 si sono poste l’obiettivo del net-zero; più del doppio rispetto al 2021.LGIM è anche molto soddisfatta di annunciare che la Japan Post Holdings è stata reinserita nei suoi investimenti dopo aver fatto registrare progressi significativi in numerose aree di engagement – i più rilevanti includono la pubblicazione delle emissioni scope 3 associate agli investimenti e la pubblicazione di obiettivi a medio e a lungo termine per raggiungere le zero emissioni nel 2050. Nel corso del 2022, LGIM amplierà ulteriormente la portata del suo programma e aumenterà le aspettative sulla gestione dei rischi e delle opportunità legate al clima da parte delle aziende.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: