Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 25 giugno 2022

Scuola: Decreto Pnrr riforma formazione e reclutamento

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Sul Decreto Legge 36 Pnrr che introduce la nuova formazione e il reclutamento dei docenti italiani il Governo intende presentare un maxi-emendamento nell’Aula del Senato, rendendo impossibile qualsiasi ulteriore nuova modifica in vista del voto finale: secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “sebbene le commissioni Affari Costituzionali e Istruzione siano riuscite a recepire una parte degli emendamenti che mitigano i tagli e alcune delle storture normative originarie, il nostro giudizio sul decreto di riforma contenuto nel Pnrr rimane fortemente negativo. Le assunzioni dei giovani docenti diventano infatti un percorso ad ostacoli, fatto addirittura di cinque verifiche e manca ancora una volta quel canale di reclutamento riservato ai precari reclamato anche dal Comitato europeo dei diritti sociali, dalla Corte di Giustizia europea e dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. A questo punto – conclude Pacifico – la parola passerà ai ricorsi e alle denunce che faremo a livello europeo e nazionale”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola, De Santis (LcR): “Riapertura settembre, legittime preoccupazioni di famiglie e personale scolastico”

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

“L’Amministrazione capitolina ha il dovere di dare risposte per tempo e, soprattutto, certezze alle famiglie, alle insegnanti e alle educatrici che, a partire da settembre, saranno alle prese con la ripartenza dei nidi e delle scuole dell’infanzia capitoline. A tal proposito restano ancora molti dubbi e interrogativi che dovranno essere chiariti, soprattutto per quel che concerne la prolungata fase di stallo sul fronte assunzioni e quindi l’assenza di un cronoprogramma certo e puntuale riguardo alle attività che dovranno essere svolte. Preoccupa, inoltre, l’assenza di linee guida da parte della Regione Lazio che tarda a dare nuove indicazioni rispetto agli organici e alla loro relativa distribuzione nella fase post-pandemica. Bisognerà, dunque, chiarire al piú presto se e quale forma di ‘organico potenziato’ vorrà essere adottato dall’Amministrazione. Desta qualche preoccupazione la situazione del personale educativo e scolastico impiegato durante la pandemia, quando l’Amministrazione Raggi stipulò, con uno sforzo straordinario, circa 3.400 contratti per insegnanti ed educatrici il cui futuro professionale, adesso, va garantito con chiarezza.Settembre si avvicina ed è necessario che l’Amministrazione a trazione Dem dica apertamente quale sarà il loro destino al momento della riapertura”.Lo dichiara, in una nota, il capogruppo della Lista Civica Raggi Antonio De Santis.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sondaggio: con la guerra in Ucraina, aumenta il sostegno all’UE

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Quasi due terzi (65%) degli europei vedono favorevolmente l’appartenenza all’UE. Si tratta del risultato più alto dal 2007, quando il dato era al 58%. L’adesione è vista infatti come “una cosa positiva” dalla maggioranza relativa dei cittadini in tutti i paesi, ad eccezione di Grecia e Slovacchia, dove un numero maggiore di intervistati la considera “né una cosa buona né una cattiva”. Rispetto all’ultimo sondaggio Parlemeter del Parlamento condotto alla fine del 2021, i risultati sono aumentati in modo significativo nella maggior parte dei paesi, in particolare in Lituania (+20 punti percentuali), Malta (+12 pp) ed Estonia (+9 pp). Per l’Italia, il 49% ha risposto di avere un’immagine positiva dell’appartenenza all’Unione, con un aumento di 5 punti rispetto al 2021, contro il 10% che ha dato una risposta negativa.Il 52% degli europei oggi ha una percezione positiva dell’UE con un aumento di tre punti rispetto a novembre-dicembre 2021. Si tratta del miglior risultato misurato dai sondaggi del Parlamento europeo dal 2007. Per quanto riguarda i risultati nazionali sull’immagine positiva dell’UE, si va dal 76% in Irlanda al 32% in Grecia. L’Italia si posiziona appena sotto il dato medio, con il 48% di cittadini che ha una percezione positiva dell’UE (+3 pp sul 2021).La presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha accolto i risultati commentando: “Con il ritorno della guerra nel nostro continente, gli europei si sentono rassicurati dal far parte dell’Unione europea. I cittadini sono profondamente attaccati alla libertà, sono pronti a difendere i propri valori e si stanno rendendo conto sempre più che la democrazia non può più essere data per scontata.” Gli eventi recenti hanno anche definito la percezione che gli europei hanno di altri importanti attori sulla scena internazionale. La Russia è vista positivamente solo dal 10% degli intervistati, in calo rispetto al 30% del 2018, quando è stata posta l’ultima volta questa domanda. La Cina torna al penultimo posto con il 22% (-14 pp). Al contrario, gli europei hanno un’immagine più positiva del Regno Unito (65%, +1 pp), seguito dagli Stati Uniti con il 58% (+13 pp).La maggior parte dei cittadini percepisce la guerra in Ucraina come un cambiamento fondamentale: il 61% degli europei non è sicuro che la propria vita continuerà come prima, opinione condivisa dal 50% degli italiani. Solo un terzo circa degli intervistati UE (37%) crede resterà tale, mentre in Italia la percentuale di fiducia sale al 49%. Un sondaggio pubblicato la scorsa settimana dalla Commissione europea mostra che otto intervistati su dieci (80%) sono d’accordo nell’imporre sanzioni economiche al governo russo, nonché alle aziende e ai cittadini ​​russi. La maggioranza dei cittadini in 22 Stati membri è soddisfatta della risposta dell’UE all’invasione russa dell’Ucraina.Con l’inflazione e il costo della vita in aumento da molto prima dell’inizio della guerra russa in Ucraina, quattro europei su dieci affermano di subire già un impatto sul proprio tenore di vita (40%). In Italia il dato scende al 33%. Come segno della resilienza e dell’unità europea, il 59% degli europei considera prioritaria la difesa di valori europei comuni, come la libertà e la democrazia, anche se ciò dovesse incidere negativamente sul costo della vita. Questo vale anche per il 55% degli italiani. Le crescenti preoccupazioni economiche si riflettono anche nelle priorità politiche su cui i cittadini vogliono che il Parlamento europeo si concentri: prima viene citata la lotta alla povertà e all’esclusione sociale (38%), seguita dalla salute pubblica (35%), che è diminuita significativamente di 7 pp negli ultimi sei mesi, e democrazia e stato di diritto (32%), che a sua volta ha subito un aumento significativo di 7 pp. La percezione della guerra e di cosa significhi per l’Unione europea emerge anche nei valori fondamentali dei cittadini che vogliono che il Parlamento europeo difenda in via prioritaria: la democrazia è ancora una volta in cima alla lista, con un aumento di sei punti rispetto all’autunno 2021 (38%, +6pp); per gli italiani il dato sale al 40%. La protezione dei diritti umani nell’UE e nel mondo, così come la libertà di parola e di pensiero, seguono entrambe con il 27%. In Italia, la salute pubblica (47%) e il sostegno all’economia e al mercato del lavoro (43%) sono i temi che più si vorrebbero affrontati dall’istituzione.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Se tutti gli Stati vicini alla Russia vogliono aderire all’Ue e perfino alla Nato, avranno motivi convincenti per farlo

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Noi conosciamo i francesi meglio di polacchi e finnici, loro conoscono i russi meglio del prof. Orsini. E questo dovrebbe bastare. Per quanto riguarda l’emergenza energetica siamo d’accordo al tetto per il prezzo del gas, ma manca una risposta di sistema che per noi è l’autosufficienza. Draghi ha il potere di sospendere il Pitesai, firmato nel febbraio di quest’anno per riavviare subito le attività estrattive ed esplorative sospese. Ci consentirebbero di avere 300 miliardi di gas domestico, una quantità tale da renderci per oltre 10 anni autonomi dal gas russo, non dovremmo chiedere a Putin neppure una bomboletta di gas da campeggio. Sì al fotovoltaico ma non sulle aree agricole, perché prima dell’emergenza energetica c’è l’emergenza alimentare e dobbiamo coltivare ogni fazzoletto di terra. Ci sono migliaia di superfici coltivabili alternative e il nostro paesaggio è tutelato dalla costituzione. Infine, una domanda sul ddl concorrenza, che mette a bando non solo le nostre coste per gli stabilmenti balneari, le nostre piazze per il commercio ambulante, ma anche i bacini idroelettrici, in una fase drammatica di siccità che richiede urgenti interventi di riconduzione forzata per produrre energia sempre con la stessa acqua. Che cosa mettono sul tavolo della concorrenza le altre nazioni europee? Coloro che non hanno arenili commerciabili, non hanno il clima per i mercati rionali, non hanno le montagne e quindi le centrali idroelettriche… Cosa mettono a disposizione delle imprese italiane e della nostra comunità? Perché l’ideologia liberista prevede la reciprocità, se non c’è reciprocità c’è circonvenzione d’incapace”. E’ quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia in replica alle comunicazioni del presidente del Consiglio Mario Draghi intervenuto in aula Montecitorio in vista della riunione del Consiglio europeo del 23 e del 24 giugno 2022.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’obiettivo di riduzione dei pesticidi resta prioritario per l’agricoltura del Vecchio continente

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Lo dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Il Pacchetto natura che la Commissione europea presenterà domani introduce nuovi stringenti limiti e punta a dimezzare il ricorso alla chimica entro il 2030. Sono inoltre previste nuove misure per tutelare la biodiversità. Sarà importante capire come gli Stati membri accoglieranno le nuove regole e con quali tempi e modalità le faranno proprie. Le strategie europee ‘Farm to fork’ e Biodiversità sono state messe più volte in discussione e giudicate troppo ambiziose in un periodo di rincari e di difficoltà di approvvigionamento – continua Tiso. Proseguendo per la sua strada la Commissione lancia un forte segnale e ribadisce il suo impegno per la realizzazione del Green Deal. Il principale ostacolo resta il divario tra gli obiettivi stabiliti a Bruxelles e le politiche dei singoli Stati membri, che si sono mostrati troppe volte esitanti di fronte alla prospettiva di un vero cambiamento. La svolta sui pesticidi è fondamentale, ma da sola non basterà a riformare l’agricoltura europea. È necessario trasformare l’intero processo produttivo e distributivo, rimettendo al centro piccoli e medi coltivatori e promuovendo le filiere corte e sostenibili. Questa transizione deve infine essere sostenuta da consumatori sempre più consapevoli e capaci di effettuare scelte di acquisto che premino le produzioni in armonia con la salute e l’ambiente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Italia, pensioni e mobilità: storie di partenze e di ritorni”

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Questo il tema del convegno che si svolgerà a Roma il prossimo 4 luglio, alle ore 11, presso Palazzo Wedekind (Piazza Colonna, n. 366).Al convegno, promosso dall’Inps (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) e dalla Fondazione Migrantes, interverranno, fra gli altri, il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, il Presidente della Fondazione Migrantes, S.E. Mons. Gian Carlo Perego, il Direttore Generale dell’INPS, Vincenzo Caridi, il Direttore Generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie MAECI, Luigi Maria Vignali. Modera Federico Luperi – Giornalista ADNKRONOS.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma costituzionale per Roma capitale

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

“Proporrò al Sindaco Roberto Gualtieri la convocazione di un consiglio straordinario sul tema della riforma costituzionale per Roma Capitale”. Lo ha annunciato la Presidente dell’Assemblea Capitolina Svetlana Celli nel corso del convegno ‘Cities: the past in their future” organizzato da Inasa e Antel nell’Aula Giulio Cesare in Campidoglio.”La riforma costituzionale per Roma Capitale, all’esame del Parlamento, sta registrando una positiva convergenza politica. Si tratta di un momento storico che segnerà fortemente il futuro di Roma, in coerenza e nel rispetto del suo ruolo di Capitale d’Italia, della sua storia e della rilevanza a livello mondiale. Con maggiori risorse e competenze, con l’attribuzione del potere legislativo, Roma farà un decisivo salto in avanti e avrà finalmente uno slancio reale per affrontare e governare con gli strumenti necessari e adeguati un territorio dalle grandi potenzialità. Rilanciare Roma significa rimettere in moto l’intero Paese”, afferma la Presidente Celli.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Le carceri italiane da tempo sono diventate veri e propri aeroporti per i droni”

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

E’ possibile atterrare e consegnare facilmente ai detenuti telefonini, droga e persino armi. Ma proprio come per gli aeroporti ci sono strumenti e sistemi tecnologici in grado di garantire il divieto di volo sulle “No Fly Zone” che includono i penitenziari, salvo aggirare il divieto. Certo, hanno un costo che è decisamente inferiore a quello (28 milioni di euro) delle “casette per l’amore”. A sostenerlo è il segretario generale del Sindacato Penitenziari – S.PP. – Aldo Di Giacomo per il quale “aggirare le “No Fly Zone” è diventato molto semplice come riprovano le decine di casi di droni in carcere nell’ultimo anno. Ad un tecnico esperto bastano 80 euro per intervenire e rimuovere le limitazioni imposte agli apparecchi dalle Autorità di volo. A fronte di questo, come è stato sperimentato, in diverse carceri Italiane, tra cui Siracusa, un sistema, brevettato da un’impresa israeliana, esiste ed è efficace. Ci sono tante soluzioni, pocanzi detta, che possono vedere in tempo reale la posizione, altitudine, velocità, direzione del drone in avvicinamento, ed altre più economiche come la recinzione attraverso reti con una spesa decisamente ridotta ed un risultato efficace. A questo punto – dice Di Giacomo – la nostra domanda diventa non solo lecita ma anche “pesante” di problematicità: perché non si mettono in atto le misure più idonee a bloccare l’arrivo di droni? Ci sembra davvero difficile solo pensare che l’Amministrazione Penitenziaria non conosca il “segreto di Pulcinella”, vale a dire come manomettere il drone per aggirare il divieto di volo. Il risultato di tutto questo è che nelle carceri circolano troppi telefonini strumenti essenziali per capo clan e uomini di spicco della criminalità organizzata per continuare a comandare, ad impartire ordini ai territori e non certo per parlare con mogli e amanti. Il nostro – aggiunge Di Giacomo. – non è un allarme isolato: da tempo alcuni magistrati antimafia mettono in guardia sul diffuso impiego di telefonini dal carcere che tra l’altro vanifica proprio il loro grande lavoro e quello degli inquirenti con il rischio sempre più diffuso che chi ha subito violenze, ricatti, richieste estorsive, per paura, rinunci a collaborare. E allora cosa aspettare ancora? O piuttosto si preferisce dotare le celle di prese per carica- batterie telefonini?”.www.sindacatospp.it

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gi Group apre oltre 300 posizioni interne su tutto il territorio nazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Oggi i candidati prima di inviare il CV scorrono il doppio delle offerte di lavoro rispetto al 2019 e i costi per le aziende necessari per ottenere una candidatura sono aumentati di oltre il 50% rispetto all’anno scorso. Sintomi del dinamismo che contraddistingue il mercato del lavoro in Italia e dell’aumentata competitività tra aziende: i rifiuti dopo l’accettazione di un’offerta di lavoro sono passati da 1 su 10 a 4 su 10 e le contro-offerte delle aziende sono passate da 3 su 10 a 6 su 10. La colpa? Sicuramente di un elevato candidate shortage che sta appunto mettendo a dura prova la capacità delle aziende di attrarre e trattenere i talenti. A questo si aggiungono anche le mutate priorità dei candidati: se nel 2020 il principale driver per cambiare lavoro erano questioni economiche e retributive, oggi queste sono scese al terzo posto e al primo troviamo il bilanciamento tra vita professionale e famigliare. Tutto ciò delinea un mercato del lavoro fortemente candidate-driven, dove diventano fondamentali competenze come saper interpretare e rispondere a esigenze sempre più sfidanti, aiutando e orientando i candidati a scegliere e supportando le aziende a dotarsi dei migliori talenti. Sono proprio queste skill che Gi Group, la prima agenzia per il lavoro italiana, ricerca al fine di inserirle in organico, a seguito anche di una costante crescita: +30% della domanda a oggi rispetto al 2021, chiuso con 44mila FTE (full time equivalent), di cui 11mila stabilizzati. Nello specifico, si tratta di oltre 300 profili in tutta Italia tra responsabili Ricerca & Selezione, Technical Consultant, Sales Account e Responsabili Amministrativi. I requisiti? Essere creativi e flessibili, possedere un approccio consulenziale e orientato agli obiettivi, oltre ad avere capacità organizzativa e di team building. Richiesta possibile laurea in economia o materie umanistiche e conoscenza della lingua inglese. I candidati verranno assunti direttamente in Gi Group, società di Gi Group Holding, la multinazionale italiana specializzata nelle risorse umane presente in 29 Paesi che ha chiuso il 2021 con un fatturato di 3,3 miliardi di euro. Un’organizzazione giovane – età media 35 anni – e molto diversity oriented – oltre il 70% di occupazione femminile – molto attenta alla diffusione e condivisione dei propri valori e al coinvolgimento delle risorse. Secondo l’ultima Global HR survey interna, infatti, le persone di Gi Group presentano un elevato livello di engagement (77%), di trust nei valori e nella cultura (86%) e di fiducia nei colleghi (89%).Tutte le posizioni a cui è possibile candidarsi sono disponibili sul sito http://www.gigroup.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Di Maio, da Beppe Grillo al Marchese del Grillo il salto della quaglia è stato breve

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

“Si dice che in politica vada bene tutto… va bene il cambiare alcune idee, la diversità di opinioni, il mood sulla guerra, il sostegno tout-court al governo, il cumulo dei ministeri e delle cariche, il trasversalismo, il trasformismo, il poltronismo, l’evoluzione della specie e pure la ragion di Stato! Ma prendere in giro gli elettori no, proprio NO! “ –cosi Vincenzo Pirillo, Presidente del Circolo Culturale Saragat Matteotti di Roma.- “In questo Parlamento italiano malato di autorefenzialismo, supponenza e prepotenza, la nostra classe politica vive un assurdo scollamento con la realtà, uno stato quasi comatoso che è cosa ancor più grave per chi è stato eletto da un movimento popolare del quale si è eretto addirittura portavoce!! Ma si sa, per alcuni maschietti l’erezione dura poco… In Italia abbiamo avuto il celodurismo leghista che si è dimostrato più molle di un budino scaduto; oggi abbiamo la disfunzionalità androgina del poltronismo incoerente ed assolutista! Fuori dai mondiali di calcio e dalle competizioni sportive, l’unica attività praticata è il salto della quaglia! Sport risibile se non ci fosse da piangere come disperati, si, perché mentre a palazzo di fanno i (soliti) giochi di potere, le persone comuni, o meglio, il Popolo, deve fare i conti con la vita di tutti i giorni, con il caro bollette, con i problemi del mondo del lavoro, con l’incertezza del futuro! Tutti argomenti che dovrebbero essere al centro dell’agenda elettorale dei vertici di qualunque partito politico, tanto più di quel movimento popolare e popoloso che doveva cambiare le sorti di tutti gli italiani ed invece a cambiato le fortune di pochi! Altro che aprire il parlamento come una scatola di tonno, altro che uno vale uno; la verità è che qualcuno ha fatto il furbo pensando di seguire la filosofia del Grillo, ma non quella di Beppe bensì del più nobile Marchese Onofrio, nella scena dell’osteria: io so io, e voi non siete un…! ““A questo punto la guerra tra Marchesi e Conte è aperta, e forse tutti noi, plebei, dovremmo rimboccarci le maniche e ri-prendere parte attivamente alla vita politica del Paese! Rimpiango amaramente gli anni della gloriosa prima repubblica e della partecipazione popolare di massa, rimpiango l’ideologia e ancor di più quella classe politica di sinistra fatta di uomini e donne convinti e coerenti, auspico il ritorno di una vera sinistra riformista resistente e battagliera arricchita da una maggior presenza di donne in Politica e nei posti di potere! Ma in questa Italia decadente –conclude Enzo Pirillo- e nel marasma che ha portato il movimento dalle stelle alle stalle, mi consola solo un pensiero: con la nuova legge elettorale Di Maio ed i suoi accoliti dovranno fare i conti con l’oste… e mi sembra di vedere una grande osteria di elettori arrabbiati, chi vivrà vedrà!” Vincenzo Pirillo, Presidente del Circolo Culturale “Saragat – Matteotti”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diritti umani: Stupri usati come arma di guerra

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

“Fratelli d’Italia vota convintamente a favore della mozione di supporto alla Corte penale internazionale per ciò che concerne la violenza alle donne nelle guerre”.Lo afferma in aula in dichiarazione di voto la senatrice di Fratelli d’Italia Isabella Rauti, vice capogruppo vicario e responsabile del Dipartimento di FdI Pari Opportunità, Famiglia e valori non negoziabili. “Questa mozione – sottolinea Rauti – si inserisce in un perimetro giurisdizionale internazionale robusto, che va dalla Convenzione di Ginevra allo Statuto di Roma, passando per le due risoluzioni specifiche dell’Onu, la 1325 e la 1820”. “Le violenze sessuali sono sempre meno ‘una conseguenza della guerra’ – come si è detto per troppo tempo – e sempre più un’arma utilizzata a fini di terrore politico, di sradicamento di un gruppo, di un disegno di genocidio e di una volontà di epurazione etnica”.”Lo stupro è quindi un’arma di guerra – osserva Rauti – lo è stato storicamente e continua ad esserlo nei conflitti post-moderni. Le donne come bottino, dal Ratto delle Sabine alle ‘marocchinate’ della Ciociaria, dagli stupri in Sudan, in Sierra Leone, in Ruanda, in Liberia, in Congo e in Bosnia Erzegovina; dalle studentesse nigeriane rapite da Boko Haram alle vittime dell’Isis ed ora in Ucraina . Oggi come sempre, da secoli. La differenza è che ora il nodo ‘donne e conflitti armati’ non è più “un affare di donne” ma una questione definitivamente inserita nelle politiche di sicurezza umana, con un forte impatto anche sul diritto internazionale, sull’emancipazione femminile e sulle missioni di pace”. “Lo stupro – conclude Rauti – è una tattica sistematica per destabilizzare, terrorizzare, umiliare e costringere all’abbandono del territorio, per questo la violenza sui vinti e sugli invasi, qualunque sia il contesto, va condannata in quanto atto che viola i diritti umani fondamentali”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le cellule staminali hanno un ruolo centrale per la medicina rigenerativa

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Lo spiega Eugenio Caradonna, presidente SIMCRI –. Si trovano nel sangue e nei tessuti come i muscoli e sono responsabili del loro funzionamento. Incidono in modo importante sull’invecchiamento e sullo sviluppo di patologie neurodegenerative e cardiovascolari. Tenerne sotto controllo il numero, ed eventualmente intervenire per aumentarle, è molto semplice: è sufficiente un prelievo di sangue, come per glicemia e colesterolo. Si possono migliorare le capacità ristorative dell’organismo, riparare danni muscolari e alla pelle, aiutare nel recupero dalle ustioni e persino supportare nella riabilitazione da long-Covid. Il Congresso SIMCRI di ottobre assume particolare importanza in questo periodo post-pandemico, perché la medicina rigenerativa svolge un’azione di unione tra le diverse branche per migliorare la qualità di vita delle persone, con protocolli di aumento della staminalità studiati per essere impiegati dalla grave patologia fino al piccolo disturbo.” “La SIMCRI è nata nel 2014 con l’obiettivo di occuparsi di staminali, fattori di crescita e biomateriali – afferma Michele Angelo Farina, Presidente Onorario e Fondatore –. Si tratta di elementi che coprono tutti i rami della medicina. La dermatologia è interessata alla medicina rigenerativa per quanto riguarda le ulcere agli arti e le ustioni; la ginecologia per le patologie infiammatorie e autoimmuni; l’andrologia per le malattie del tessuto connettivo. Tra le ultime discipline che hanno trovato in questo settore, in particolare nelle staminali, un valido supporto, c’è l’algologia, che la utilizza nelle terapie del dolore. Siamo multidisciplinari e polispecialistici, operiamo dalla ricerca di laboratorio fino ai trattamenti clinici. Uno dei nostri obiettivi è formare i giovani, per questo abbiamo dato vita a un Master in Chirurgia e medicina rigenerativa in associazione con l’Università Cattolica di Roma, alla SIMCRI School, una scuola di alta formazione professionale teorico-pratica e al Premio SIMCRI, dedicato alla migliore pubblicazione o video under 40. È importante che i giovani medici siano formati per dedicarsi a questa specializzazione, che negli anni si svilupperà sempre più. Abbiamo 12 CMR (Centri di Medicina Rigenerativa) pubblici e privati in Italia e partecipiamo alla costituzione delle linee guida per l’applicazione dei protocolli di trattamento.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Proctologia senza ricovero

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

By Paola Baroni. Firenze – “Rispetto a febbraio 2020 ed in generale al periodo prepandemico, le liste di attesa della Proctologia dell’ospedale Palagi si sono ridotte a fronte di un alto numero di visite proctologiche eseguite. Il presidio fiorentino ha anche contribuito al calo della lista di attesa dell’ospedale di Prato attraverso la presa in carico di numerosi pazienti. I dati premiano i percorsi alternativi attivati nell’ambito della proctologia negli anni Covid quando a livello aziendale si è puntato molto sugli interventi eseguibili direttamente in ambulatorio, senza occupazione di sale operatorie e ove possibile contestualmente alla visita diagnostica, senza necessità di un secondo accesso da parte del paziente. Per permettere ciò si è reso necessario un upgrade tecnologico che ha visto l’acquisizione di un Laser CO2 micro-scanner di ultima generazione, di un bisturi a radiofrequenza e di una poltrona proctologica dedicata.Nel polo hub del Palagi a Firenze e nel polo spoke del Santo Stefano a Prato, sedi della struttura operativa semplice dipartimentale (Sosd) di Proctologia diretta da Claudio Elbetti, nel 2021 si è concentrata oltre due terzi della produzione elettiva (programmata) non urgente aziendale. In questi due presidi è stato possibile trattare la quasi totalità degli interventi proctologici – emorroidi, ragadi anali, cisti pilonidali e tutte quelle patologie che potevano essere curate in ambulatorio – senza necessità di ricovero.Grazie all’attività dei due centri, l’Azienda è riuscita a mantenere lo stesso numero di interventi dell’era pre-covid riducendo a livello aziendale l’uso della sala operatoria per queste patologie: su un totale di 1.528 interventi il 62% è stato eseguito in regime ambulatoriale e il restante 38% in regime di ricovero, risultato in linea con la nuova politica aziendale di miglioramento dell’efficienza dei percorsi assistenziali.“Solo al Palagi l’utilizzo di percorsi alternativi ha permesso tra il 2020 e il 2021 di liberare 140 sale, di evitare 697 giorni di ricovero e di risparmiare 763mila euro – spiega Claudio Elbetti, direttore della Sosd Proctologia che in questi anni con un gruppo di colleghi professionisti provenienti da più unità di Chirurgia Generale della Usl, ha lavorato per implementare i percorsi proctologici in regime ambulatoriale, cambiando la proctologia per costruire percorsi migliori per il paziente”. La proctologia e’ la branca medica super specialistica che si occupa dello studio della fisiologia, delle patologie e delle funzioni del colon-retto e dell’ano, e quindi studia tutte le funzioni a carico di questi organi ma sopratutto le relative patologie quali emorroidi, ragadi, tumore del colon retto, colite, morbo di chron, fistole e diverticoliti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Clean Energy: nell’agenda di Biden, uno stimolo alle energie rinnovabili domestiche

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

A cura di Jennifer Boscardin-Ching, Product Specialist del team Thematic Equities di Pictet Asset Management. Il tema delle energie rinnovabili è di fondamentale importanza. Si tratta di un argomento non nuovo, ma che trova oggi ampia copertura a seguito del conflitto Russia-Ucraina. La questione dell’indipendenza energetica e della stabilità dei prezzi dell’energia è infatti diventata una priorità per governi, aziende e consumatori, che stanno cercando di accelerare progresso e investimenti in questa direzione. Il 18 maggio abbiamo visto l’Unione Europea adottare il Piano REPowerEU. Esso conferma l’interesse del Vecchio Continente nell’investimento in energie rinnovabili, delinea le misure per velocizzare la transizione energetica europea e mira a ridurre la dipendenza dalle importazioni russe di combustibili fossili. Fanno parte delle tecnologie “critiche”: pannelli fotovoltaici, materiali per l’isolamento termico, pompe di calore, infrastrutture chiave (tra cui i trasformatori), elettrolizzatori e celle a combustione, tutte aree cruciali per lo sviluppo di nuove energie. Un secondo aspetto chiave della transizione riguarda l’isolamento degli edifici. Circa la metà di tutte le case negli Stati Uniti sono state costruite prima che i codici energetici moderni fossero fissati. Ciò significa oggi significative perdite di capacità energetica. L’ordine esecutivo voluto da Biden mira a espandere rapidamente la produzione di materiali isolanti per soddisfare le esigenze di ottimizzazione energetica sulle costruzioni esistenti e, più in generale, del mercato immobiliare di nuova costruzione. C’è poi il tema delle infrastrutture critiche della rete elettrica. Il Dipartimento dell’Energia statunitense prevede una crescita senza precedenti dell’elettrificazione necessaria per supportare la transizione verso l’energia pulita. Lo stesso Dipartimento stima inoltre che il paese dovrebbe avere bisogno di espandere i sistemi di trasmissione dell’elettricità del 60% entro il 2030 per soddisfare l’aumento del fabbisogno nazionale di energia rinnovabile ed elettrificazione. In quanto tale, nuovi investimenti saranno direzionati verso l’implementazione domestica di componenti di rete moderni.Un ultimo paragrafo è destinato agli elettrolizzatori, alle celle a combustione e ai metalli del gruppo del platino (sei in tutto, e in particolare rutenio, rodio, palladio, osmio e iridio, oltre allo stesso platino). Il targeting di questi prodotti aiuterebbe a costruire una catena di approvvigionamento locale stabile a supporto della nascente industria dell’idrogeno verde.In Pictet Asset Management riteniamo che l’idrogeno verde abbia un enorme potenziale nel lungo periodo (specie per alcune applicazioni, come nell’ambito dell’industria pesante). Tuttavia, la tecnologia a supporto del suo sviluppo e le opportunità di investimento in questo settore sono ancora in una fase iniziale, con molte società pure-play ancora volatili, negative in termini di free cash flow. Pertanto, continuiamo a tenere d’occhio gli sviluppi in questa direzione e a cercare interessanti e concrete opportunità di investimento quando si presenteranno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Frammenti di Paradiso

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2022

Caserta Dall’1 luglio al 16 ottobre la grandiosa residenza reale, patrimonio Unesco ospiterà la mostra Frammenti di Paradiso. Giardini nel tempo alla Reggia di Caserta, curata da Tiziana Maffei, direttore della Reggia di Caserta, Alberta Campitelli e Alessandro Cremona. Circa duecento opere tra dipinti, disegni, sculture, erbari, libri e oggetti d’arte e interpretazioni contemporanee racconteranno la storia del giardino attraverso i secoli. Partendo dal complesso della Reggia di Caserta verranno messi in relazione sistemi di ville e i loro giardini che hanno caratterizzato la penisola, dal Rinascimento ai primi anni dell’Ottocento. Ne deriverà un caleidoscopio di rappresentazioni che, nella diversità di paesaggi, modelli culturali e stili di vita, evocheranno, attraverso i l contatto con la natura, l’Eden perduto a cui l’uomo da sempre aspira. Il ricco progetto espositivo, nel mettere a fuoco i vari temi legati alla storia del Parco Reale della Reggia di Caserta, ripercorrerà anche quella del “giardino”. Con questo contributo di conoscenza, trasmesso anche grazie al fascino di un luogo incomparabile come la Reggia di Caserta, si mira a promuovere maggiore consapevolezza dell’importanza e del valore di questo patrimonio quanto mai fragile e prezioso nel suo essere frutto dell’interagire armonico dell’uomo con la natura. La mostra, organizzata dal Museo della Reggia di Caserta con Opera Laboratori, si avvale di un prestigioso Comitato scientifico internazionale e del contributo fondamentale degli Orti Botanici di Napoli e Portici. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Fondazione Kainon, Camera di Commercio di Caserta, Amici della Reggia di Caserta, Colonnese&Friends, Associazione Parchi e Giardini d’Italia, Grandi Giardini Italiani e European Route of Historic ​gardens.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »