Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°30

Scuola. Supplenti brevi: anche il tribunale di Perugia riconosce il diritto alla retribuzione accessoria

Posted by fidest press agency su sabato, 9 luglio 2022

Ancora successi per i ricorsi Anief promossi per il riconoscimento del diritto dei supplenti “brevi” a percepire la Retribuzione Professionale Docenti (RPD) – o il Compenso Individuale Accessorio (CIA) per il personale ATA. L’aumento mensile illegittimamente non corrisposto dall’amministrazione come a tutti i supplenti brevi per un’anzianità di servizio (0-14) corrisponde per il personale docente a 175,50 euro, per un collaboratore scolastico a 66.90 euro, per un Ata a 64,50 euro, quasi uno stipendio in più a fine anno. ” Sulla illegittimità delle somme sottratte si era espresso favorevolmente a febbraio il tribunale di Forlì, poi quelli di Modena, Catania, Paola e Cosenza. Adesso anche il tribunale di Perugia riconosce che si tratta di somme da restituire a supplenti che già percepiscono stipendi ridotti poiché privi di scatti automatici. Si legge nella sentenza che i supplenti a tempo determinato “non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili per il solo fatto di avere un contratto o rapporto di lavoro a tempo determinato, a meno che non sussistano ragioni oggettive” e si riconosce “una disparità di trattamento non obiettivamente giustificata nei confronti dei lavoratori a tempo determinato”. I giudici richiamano una sentenza della Suprema Corte di cassazione che, alla luce del principio di non discriminazione, riconosce il diritto allo stesso trattamento anche a tutti gli assunti a tempo determinato, a prescindere dalle diverse tipologie di incarico previste dalla l. n. 124 del 1999.Nello specifico la recente sentenza di Perugia si è espressa a favore di un’iscritta Anief appartenente al personale ATA che, a causa di contratti brevi e saltuari, non si era vista riconoscere l’attribuzione della CIA (Compenso individuale accessorio). I giudici hanno dichiarato il diritto alla percezione del compenso individuale accessorio, previsto dall’art.25 del CCNI del 31.08.1999, in relazione al servizio prestato in forza del contratto a tempo determinato stipulato nell’a.s. 2020/21 con il Ministero dell’Istruzione e condanna il Ministero dell’Istruzione al pagamento della somma di € 553,04 oltre interessi. La Segreteria Regionale dell’Anief Umbria supportata dai Legali Territoriali Francesco Cerotto, Melissa Cogliandro, Agnese Franceschini, esprime soddisfazione per il riconoscimento ottenuto e proseguirà nell’azione di rivendicazione dei diritti non riconosciuti al personale della scuola. Il ricorso può essere promosso anche dal personale che ha stipulato contratti per “supplenze Covid”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: