Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Omeopatia e oncologia

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2022

Di Massimo Saruggia. L’articolo di Bagot, Legrand e Theunissen si propone di confrontare la prevalenza dell’utilizzo dell’omeopatia in oncologia in tre centri di Strasburgo e di fare un confronto con uno studio analogo realizzato nel 2005. Un lavoro descrittivo dunque che ha utilizzato il medesimo questionario dello studio del 2005 e somministrato a 633 pazienti in trattamento farmacologico anti tumorale. I risultati mostrano come tra i 535 pazienti che hanno terminato lo studio 164 (30,7%) hanno fatto ricorso anche all’omeopatia come terapia integrativa con lo scopo principale (75%) di ridurre gli effetti collaterali del trattamento antitumorale. Tra di essi l’82,6% era abbastanza o interamente soddisfatto. I pazienti poco (15,5%) o per nulla soddisfatti (1,9%) erano una minoranza dell’intera popolazione. Il trattamento era prescritto quasi sempre da un medico competente in omeopatia e il paziente informava regolarmente il medico di famiglia o l’oncologo della terapia associata (82% dei casi). I sintomi più controllabili dal trattamento omeopatico associato si sono rivelati l’astenia, la nausea, l’ansia, la depressione e la diarrea con punte di miglioramento nell’80% dei pazienti. Al contrario l’alopecia, le alterazioni del peso corporeo e il calo della libido sono apparsi i sintomi più resistenti. L’omeopatia è dunque il trattamento integrativo più utilizzato nel centri oncologici di Strasburgo con una prevalenza del 30,7% del pazienti con un incremento esponenziale (83%) rispetto ad un analogo studio compiuto 12 anni prima negli stessi centri oncologici della città. Da segnalare anche che i pazienti si sono sentiti più liberi di informare della loro terapia sia il loro medico di famiglia che il proprio oncologo. Insomma una consapevolezza delle proprie scelte terapeutiche che ha permesso di trasformare quella che un tempo era una semplice bugia o solo una omissione in una post-verità. Quando leggo report come questo ancora una volta mi chiedo perché si continua a chiamare medicina alternativa quel fenomeno politico che incontra il favore crescente dei cittadini e che ha un suo nome preciso: Medicina Integrata. (fonte Omeopatia33)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: