Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 27 luglio 2022

Volo in deltaplano: Italia e Alessandro Ploner campioni d’Europa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Continua la serie positiva di titoli internazionali vinti dal team azzurro di volo libero in deltaplano.Dopo i dieci mondiali, l’ultimo nel 2019, quest’anno è stata la volta del sesto titolo europeo vinto dopo nove entusiasmanti giornate di volo nei cieli del Monte Cucco sopra Sigillo in Umbria. Una decima task è stata annullata per meteo avversa. Due settimane fantastiche per il volo senza motore che si regge sulle correnti d’aria ascensionali e che hanno sorpreso anche il responsabile delle previsioni meteo, il vicentino Damiamo Zanocco.Il team italiano ufficiale, formato da Marco Laurenzi, Alessandro Ploner, Manuel Revelli, Filippo Oppici, Christian Ciech e Davide Guiducci. sotto la guida del varesino Flavio Tebaldi, ha condotto il campionato fin dalle prime battute, aumentando il vantaggio giorno dopo giorno fino a rendere incolmabile il divario sulla Germania, seconda classificata. Medaglia di bronzo per la Repubblica Ceca. Seguono Austria, Regno Unito, Svizzera e Francia.Il titolo individuale è toccato per la terza volta al pilota bolzanino di San Cassiano Alessandro Ploner, già campione del mondo in carica, titolo questo vinto in passato ben cinque volte. Ha preso il comando della gara il terzo giorno e non l’ha più mollato fino alla fine, supportato dal collega Christian Ciech, trentino trapiantato nel varesotto, medaglia d’argento da aggiungere al titolo europeo vinto nel 2016 e a tre mondiali.A superare gli italiani ci hanno provato prima il britannico Grant Crossingham, alla fine quarto davanti a Dan Vyhnalik, (Repubblica Ceca), e poi Primoz Gricar, pilota d’origine ceca, ma con passaporto tedesco. Sua la medaglia di bronzo. Ci ha provato anche il ciociaro Marco Laurenzi, arrivando a occupare il secondo posto prima di essere risucchiato oltre il decimo. Buone le prestazioni di Filippo Oppici di Parma e, fuori dalla rosa nazionale, di Lorenzo De Grandis di Caronno Varesino, rispettivamente sesto e settimo.All’evento hanno partecipato 22 nazioni per un totale di 93 piloti che si sono confrontati su percorsi tra i 91 e i 201 km, spaziando anche nei cieli delle Marche, oltre a quelli dell’Umbria. Eccellente l’organizzazione affidata a Volo Libero Monte Cucco e Aero Club Lega Piloti sotto l’egida della FAI, Fédération Aéronautique Internationale, e dell’Aero Club d’Italia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Mutui: Crif, torna interesse per quelli a tasso variabile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Secondo la Bussola Mutui Crif- MutuiSupermarket.it il rialzo dei tassi risveglia l’interesse per i mutui a tasso variabile e per i mutui a tasso variabile con Cap. “Attenzione al rialzo dei tassi!” mette in guardia Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “E’ importante che il consumatore, quando sceglie il tasso per il mutuo, sia consapevole del fatto che quelli variabili sono in futuro destinati ad aumentare per le scelte che la Bce è stata costretta a prendere per contenere l’inflazione galoppante” prosegue Dona “Considerando, ad esempio, un rialzo come quello deciso ieri dalla Bce pari a mezzo punto, la rata subirà in media un aumento pari a 41 euro al mese, 492 euro all’anno. Per questo nella scelta del tasso bisogna ricordare una vecchia regola valida per la maggioranza delle famiglie ossia che il rapporto rata – reddito famigliare non deve mai essere superiore al 30% per essere sostenibile nel tempo. Questo significa, immaginando possibili rialzi futuri dei tassi fino al 30%, che la rata dei mutui a tasso variabile sarebbe meglio fosse inizialmente pari al 23% del reddito della famiglia, così da restare sempre sotto quella soglia critica” prosegue Dona. “Un altro possibile criterio di valutazione è che lo stipendio della famiglia sia superiore, detratta la rata del mutuo, alle soglie di povertà relativa decise dall’Istat, pari per una famiglia di 2 persone a 1002 euro, 1332 euro per una di 3 componenti. Infine, per quanto riguarda il tasso variabile con cap, il vantaggio è che si conosce prima la rata massima, lo svantaggio è che lo spread è maggiore e le polizze assicurative più onerose” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dal 2011 al 2021 la Lombardia ha fatto registrare una crescita economica pari allo zero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

E’ questo il dato significativo emerso dal focus elaborato dal Centro Studi Sintesi sull’andamento delle economie regionali e macroregionali per CNA Veneto, CNA Emilia Romagna e CNA Lombardia, quest’ultima presente a Verona proprio per celebrare i 10 anni della collaborazione con le “colleghe” e lo stesso Centro Studi Sintesi.In un quadro esclusivamente nazionale, le tre Regioni locomotive d’Italia, ovvero Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna si confermano trainanti per il sistema economico italiano: rappresentano più del 40% del PIL totale e più del 50% delle esportazioni complessive. Sul fronte europeo, in realtà, anche la Lombardia (come le cugine Veneto ed Emilia Romagna) è invece maglia nera rispetto alle principali regioni europee per crescita economica negli ultimi dieci anni.Il +0% è il risultato di dieci anni in cui l’economia lombarda e di riflesso anche quella italiana hanno trovato numerosi ostacoli e difficoltà sulla propria strada. Un risultato opposto ad altre economie di altri Paesi d’Europa che con politiche più illuminate hanno saputo valorizzare le proprie eccellenze, su tutte le Fiandre (+13%), la Baviera (+14%), la Renania del Nord-Vestfalia (+6%), la Catalogna (+5%), il Baden Wurttemberg (+11%), i Paesi Baschi (+3%), la Comunità Valenciana (+5%).“Se guardiamo al complesso dei dati e delle tendenze che il nostro Ufficio Studi ha fotografato in un’indagine condivisa tra le CNA della Lombardia, del Veneto e dell’Emilia-Romagna, emerge un primato ancora più solido delle tre economie regionali nel contesto nazionale – sottolinea il presidente di CNA Lombardia Giovanni Bozzini -. Ma è un primato problematico e su cui riflettere seriamente, un primato che richiede scelte non più prorogabili. Infatti nel decennio 2011-2021 le tre Regioni sono sostanzialmente cresciute dello 0%. I nostri volumi sono i medesimi, ma all’interno di uno scenario europeo che cambia e che corre come in Baviera nelle Fiandre, nel Baden e in Catalogna”.All’interno dell’economia della Regione, la micro e piccola impresa si conferma con un ruolo chiave all’interno dei sistemi economici regionali, tanto che esprime circa il 54% del fatturato globale lombardo. Secondo CNA Lombardia troppe volte si assiste a riforme o trasformazioni imposte dall’alto, anche in sede legislativa e di policy, che non partono da questo presupposto, e dalla necessaria, anzi realistica messa al centro di questa classe dimensionale di imprese, vero fulcro della competitività del territorio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’olio extravergine d’oliva italiano è in orbita

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

I campioni di olio extravergine di oliva italiano hanno raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale, grazie a un progetto inserito nel quadro dell’accordo tra l’Agenzia Spaziale Italiana e il CREA, in collaborazione con Coldiretti e Unaprol-Consorzio Olivicolo Italiano. Nel quadro del suo ruolo di Agenzia Nazionale, L’ASI si è fatta promotrice del progetto e, nel contesto delle proprie relazioni istituzionali con altre Agenzie Spaziali e in qualità di Paese partecipante al programma ISS, ha reso disponibili l’opportunità di volo e il coordinamento con ESA necessario all’attuazione dell’esperimento. La collaborazione con Coldiretti e Unaprol- Consorzio Olivicolo Italiano ha lo scopo di rimarcare l’importanza del patrimonio agroalimentare italiano e di valorizzare e sensibilizzare un asset per l’export del Paese, oltre che promuovere i principi di una corretta alimentazione. L’Italia ha un primato nel mondo per la sua agrobiodiversità e qualità con più di 500 varietà di olivo e 250 milioni di piante, vantando il maggior numero di oli extravergine a denominazione di origine in Europa, una produzione nazionale media di oltre 300 milioni di chili e una filiera che conta oltre 400 mila aziende agricole specializzate.I risvolti scientifici del progetto verranno monitorati dal Centro CREA Olivicoltura Frutticoltura e Agrumicoltura, sede di Rende, in Calabria, che sta investendo fortemente per fornire soluzioni che rendano sempre più competitivo e apprezzato l’olio extravergine di oliva italiano. Il progetto si propone di studiare, attraverso un esperimento originale e inedito, gli effetti della permanenza nello spazio sulle caratteristiche chimico-fisiche, sensoriali e nutrizionali dell’olio extravergine. I campioni di olio extra vergine di oliva saranno riportati sulla Terra dopo rispettivamente 6, 12 e 18 mesi per essere analizzati e confrontati con quelli dei controlli lasciati a terra. In particolare, l’esperimento andrà ad investigare come la composizione dei metaboliti secondari – fenoli e tocoferoli (vitamina E) – venga influenzata dalla microgravità e dalle radiazioni presenti nello spazio e servirà a raccogliere nuove informazioni sulla stabilità dell’EVOO e sulla durata di conservazione nelle condizioni ambientali spaziali. Il progetto studierà inoltre il modo in cui la tipologia di contenitori correntemente utilizzati a bordo dell’ISS influisce sul prodotto. I campioni di olio EVO vanno ad unirsi ai quattro oli extravergini selezionati che fanno parte del “bonus food” scelto, nell’ambito della missione Minerva, dall’astronauta ESA Samantha Cristoforetti, che ha effettuato ieri la sua prima passeggiata spaziale, e dagli altri membri dell’equipaggio. Questi oli sono accomunati da un alto contenuto in antiossidanti naturali e, in particolare, di fenoli dell’olivo che sono indispensabili per chi, come gli astronauti, è sottoposto a condizioni di intenso stress psico-fisico. Si tratta di prodotti italiani di altissima qualità, provenienti da diverse regioni, e ottenuti, ciascuno, da una singola varietà, in rappresentanza dell’immenso patrimonio di biodiversità che rende unico il nostro Paese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Finanza.tech e Viceversa diventano partner per promuovere capitali revenue-based

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Finanza.tech S.p.A. Società Benefit – fintech company quotata su Euronext Growth Milan – e Viceversa – fintech innovativa che offre smart capital ad aziende digitali per le spese di marketing – annunciano una partnership di lungo periodo.La collaborazione tra le due realtà nasce con l’obiettivo di veicolare i capitali messi a disposizione da Viceversa, secondo il modello del revenue-based financing, alle PMI identificate da Finanza.tech, che le presenterà al partner solo dopo una prima valutazione sui requisiti di idoneità. L’azienda viene valutata dal software e dal team di Finanza.tech in base a specifici indicatori finanziari. Le aziende selezionate verranno poi analizzate dall’algoritmo di Viceversa per valutarne solidità finanziaria e potenziale di crescita.Ancora una volta, il protagonista del successo della collaborazione è il matching tra la tecnologia e smart capital per rispondere alle necessità, manifeste o latenti, delle PMI, identificate dalle due realtà fintech. La peculiarità che accomuna le due realtà è la centralità del ruolo della tecnologia all’interno dei modelli di business. Il matching finanziario è solo il primo passo di questa collaborazione; l’intento dei due partner è, infatti, quello di lavorare a stretto contatto per co-creare e promuovere nuove forme di finanziamento per PMI, che siano sempre più data-driven e che, quindi, riescano a rispondere con sempre maggiore efficacia alle specifiche necessità di nuovi clienti e nuovi segmenti di mercato.Finanza.tech è un financial enabler – ovvero abilitatore tecnologico di nuovi prodotti e processi nel mondo finanziario – e si occupa di fornire consulenza finanziaria alle PMI in modo semplice e innovativo. Grazie ad un algoritmo proprietario, è in grado di interpretare i dati finanziari delle imprese ed identificare i loro bisogni latenti proponendo all’impresa le soluzioni e i prodotti finanziari più adatti a rispondere alle esigenze emerse durante l’analisi. Tutto avviene in maniera interamente digitale. Tutti gli utenti hanno la possibilità di ottenere, con un click, un dossier che fornisce una fotografia generale dello stato economico-finanziario dell’azienda e di incrociare le proprie esigenze con le offerte di decine di istituti di credito, tradizionali o fintech, in modo automatico e istantaneo.Fabio Pisano, Marketing and Communication Manager di Finanza.tech commenta: “Siamo molto felici di poter annunciare la partnership con Viceversa con cui condividiamo valori e modo di fare. Siamo entrambi forti fautori dell’innovazione digitale e abbiamo messo la tecnologia al centro dei nostri modelli di business. Con questa collaborazione abbiamo l’opportunità di supportare le piccole e medie imprese che operano nel mondo del retail digitale, dando una spinta concreta alla loro crescita, grazie agli investimenti in marketing e comunicazione che Viceversa rende possibili – questo ci rende orgogliosi e ansiosi di metterci all’opera”. Viceversa supporta la crescita di e-commerce e aziende digitali offrendo capitali e advanced analytics per la gestione delle attività di digital marketing. Invece di chiedere garanzie personali o una percentuale del capitale della società, Viceversa viene rimborsata con una percentuale dei ricavi futuri dell’azienda. Gli e-commerce ottengono tra 10K e 1M in 3 giorni senza inviare alcun documento, ma solo collegandosi alla piattaforma di Viceversa, che valuta il potenziale di crescita dell’azienda target grazie ad un algoritmo proprietario. “In Viceversa vogliamo offrire un prodotto semplice, veloce e che impatti in maniera tangibile il tessuto economico e le aziende che lo compongono. Con Finanza.tech abbiamo trovato un partner strategico con cui condividere questa missione. Insieme porteremo risorse ed innovazione ad un’audience sempre più ampia e che vuole crescere” – dichiara Pedro Salvi, CFO & Co-Founder. Un forte focus sull’innovazione tecnologica e una volontà comune di accelerare lo sviluppo delle PMI che operano nel mondo dell’e-commerce – questi i due elementi che hanno reso possibile questo progetto sinergico che si prepara a partire. Una partnership coraggiosa e importante, che ha l’opportunità di dare un supporto concreto all’economia reale in un momento cruciale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Integratori & Salute sulle nuove frontiere della ricerca sul microbiota

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Integratori & Salute ha da sempre riconosciuto l’importante ruolo svolto dal microbiota, inteso come l’insieme di microrganismi che popolano e colonizzano un determinato ecosistema, nella modulazione della salute dell’intero organismo. Fabio Pace, Direttore U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva che da anni collabora con Integratori & Salute, fa il punto sui risultati delle ricerche condotte finora sul microbiota, e illustra come la scienza intende rispondere alle numerose sfide presenti e future. “I probiotici sono da intendersi quali microrganismi vivi e vitali che somministrati in dosi adeguate (più di 1 miliardo) consentono di ottenere risultati benefici nell’ospite che li assume – Spiega il Prof. Fabio Pace, Direttore U.O.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva. – Diverse ricerche finora condotte confermano il ruolo che questi microrganismi vivi svolgono nel contrastare discretamente o notevolmente una serie di patologie. Tra queste, la sindrome dell’intestino irritabile, la sindrome metabolica, la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e le cardiopatie ischemiche. Degno di nota anche il grande settore degli psico-biotici, cioè quei probiotici che vengono somministrati per rispondere a patologie del sistema nervoso centrale o malattie psichiatriche”. Gli studi sul microbiota, resi oggi meno costosi e veloci dalle recenti tecniche omiche, ovvero di caratterizzazione molecolare, hanno riproposto i probiotici come un settore in cui investire risorse per l’avanzamento delle conoscenze relativamente al rapporto fra salute e batteri. Si parla spesso di “rivoluzione del microbiota”, intesa come lo studio approfondito delle comunità microbiche presenti su tutte le superfici mucose, in primis il tratto gastrointestinale. Il punto di partenza di questa svolta è stata la possibilità di determinare geneticamente quali sono i batteri che popolano non solo il nostro intestino ma anche altri organi come la pelle, le vie respiratorie e le vie urinarie. “La vera rivoluzione è iniziata quando si è passati dai metodi colturali alla determinazione genetica, attraverso sistemi di sequenziamento del cosiddetto meta-genoma, cioè il genoma del microrganismo presente nel nostro corpo, il microbiota” – sottolinea il Prof. Pace. “Le ricerche più interessanti scaturiranno, a mio parere, dalla combinazione di varie omiche, cioè le tecniche che possono consentire di definire quali batteri, virus o altri costituenti sono presenti all’interno del nostro organismo e la loro funzione. Molti studi, in effetti, sono già avviati non soltanto nel riconoscere un’alterazione nella cosiddetta “microbial signature”, ovvero nella traccia microbica presente in una determinata malattia, ma nel comprendere quale è la conseguenza di questa alterazione”. A testimoniare la rilevanza strategica di questo ambito della ricerca, microbiota e microbioma sono anche oggetto di interesse del Programma nazionale per la ricerca (PNR) 2021-27, le cui linee guida sono mirate alla promozione della salute ed uno stile di vita sano e sostenibile, lo stop al declino della biodiversità e l’efficientamento della produzione alimentare. Tali obiettivi dovranno avvenire anche attraverso lo sviluppo di strategie di prevenzione più efficaci delle patologie umane e animali anche avvalendosi di probiotici/prebiotici, che permettano una riduzione dell’utilizzo di antibiotici o che contrastino patogeni e metaboliti tossici, riducendo l’impatto delle malattie non trasmissibili (NCD). Un focus particolare è dedicato alla valorizzazione del microbioma nei sistemi produttivi agroalimentari, con l’obiettivo di una sua migliore conoscenza, comprensione e utilizzo nell’ambito dell’intero sistema alimentare, compreso l’ambiente di produzione. Entro il 2027 il PNR si ripromette di raggiungere: +10% di miglioramento della prevenzione di malattie associabili ad un’alterazione del microbioma/microbiota; + 15% di efficienza dei sistemi produttivi alimentari; -30% di pesticidi ed antibiotici nella produzione primaria vegetale e animale sfruttando le interazioni positive tra microbioma-pianta e microbioma-animale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diritti consumatori ed elezioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Si va a votare a settembre. Noi avremmo preferito che il governo di Mario Draghi avesse continuato, non tanto perché eravamo sostenitori a prescindere, ma ché ci è sembrato il meno peggio tra i tanti delle ultime decine di anni, soprattutto per la sua propensione europeista. Ma, non si può avere tutto e, del resto, i partiti che lo fiduciavano erano molto diversi fra loro, con molto, ma proprio molto opportunismo caso per caso.Non chiediamo ai concorrenti la lista delle promesse. Non ci fidiamo di nessuno. In questa fase, nostri interlocutori non sono coloro che si apprestano ad avere il consenso elettorale, ma chi dovrebbe esprimere questo consenso, gli elettori.Chiediamo agli elettori di prestare attenzione, già in questa fase di formazione delle liste, a coloro che, nell’ultimo governo e negli anni precedenti, hanno operato con risultato (quindi bando alle chiacchiere), per gli interessi degli utenti e dei consumatori. E soprattutto che lo abbiano fatto non violando le leggi base del nostro patto civico ed economico: concorrenza, libero mercato, mutualità, rispetto e affermazione dei diritti individuali. L’elenco è lungo e ci sono anche questioni che, per esempio, sono tra quelle considerate causa della caduta del governo . Un elenco che svilupperemo nel tempo da qui alla consultazione di fine settembre, sì che ogni elettore posa avere strumenti di valutazione.In questa fase di partenza della “campagna elettorale” crediamo sia opportuno che il cittadino utente e consumatore, nonché elettore, faccia mente locale e tesoro del proprio potere. Il voto che esprimeremo per il rinnovo di Camera e Senato è il massimo potere in assoluto, individuale ed istituzionale del nostre regime democratico. Ogni elettore non dovrebbe essere passivamente in attesa di vedere programmi e volti di chi si offre per rappresentarci, per poi scegliere, ma dovrebbe contribuire a partire dal proprio bagaglio di informazioni, e in base a questo “attivamente partecipare” con stimoli di vario tipo alla formazione delle liste.Sia chiaro. Non siamo nati ieri. Non ci aspettiamo niente di particolarmente rivoluzionario da questa “partecipazione attiva”. Conosciamo i nostri interlocutori istituzionali, che hanno confermato ciò che sono in come e perché è stato sfiduciato il governo Draghi. Ma il pessimismo del giudizio non deve necessariamente compromettere la speranza e l’impegno per un mondo diverso.Perché sia chiaro, soprattutto per le legioni di persone che stano già valutando di non partecipare al voto… il mondo non si cambia da sé e, nonostante i deliri dei metodi putiniani di fare politica, non ci sono Bastiglie o palazzi d’Inverno da assaltare e far diventare propri, ma “solo” da far funzionare la democrazia. Vincenzo Donvito Maxia: http://www.aduc.it

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Microplastiche, rimpiazzabili con la seta. Ricerca

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Le microplastiche sono ovunque. Ma non sono tutte il ??risultato del degrado degli oggetti di plastica. Molte sono utilizzate nei prodotti di consumo di tutti i giorni. E sta diventando imperativo trovare una soluzione a questo inquinamento invisibile. I ricercatori stanno ora proponendo di sostituirli con la seta.In acqua, aria e suolo. E anche nel nostro sangue. Le microplastiche sono ormai ovunque. Inquinano gli ecosistemi e rappresentano un rischio per la nostra salute. Provengono dal degrado dei nostri rifiuti di plastica. Il nostro packaging, le nostre bottiglie. Ma non solo. Perché le microplastiche entrano direttamente anche nella composizione di vernici, cosmetici, detersivi o prodotti chimici utilizzati in agricoltura. Non meno di 50.000 tonnellate all’anno, solo nel nostro continente, secondo l’Agenzia europea per le sostanze chimiche.Come mai? Perché le microplastiche proteggono efficacemente alcuni principi attivi dalla degradazione dell’aria o dell’umidità. Consentono a detti ingredienti di essere rilasciati lentamente al momento giusto. E quindi ridurre gli effetti nocivi di questi principi attivi sull’ambiente. Sfortunatamente, le microplastiche utilizzate finiscono nell’ambiente che avrebbero dovuto proteggere. Stanno anche lì. Tanto tempo. Sempre secondo l’Agenzia europea per le sostanze chimiche, rappresenterebbero dal 10 al 15% della quantità totale di microplastiche nel nostro ambiente.I ricercatori dimostrano infatti che per questo tipo di applicazione possono essere ampiamente sufficienti bozzoli di bachi da seta di qualità non tessile. Oggi questi vengono solitamente scartati, poiché non trovano utilità. Inoltre, anche i tessuti di seta usati potrebbero essere utilizzati per queste applicazioni. Di conseguenza evitare alcuni sprechi.I ricercatori mostrano anche che le fibre di seta possono essere semplicemente disciolte in acqua. Sostengono inoltre che la seta prodotta in questo modo può essere perfettamente adattata alle apparecchiature esistenti per la produzione di cosmetici o altre vernici. I primi test effettuati sono stati su un erbicida microincapsulato, in una serra per la coltivazione del mais. Con un risultato ancora migliore rispetto al prodotto commerciale esistente.L’altro vantaggio è che questo filo può essere modellato quasi su richiesta. Con l’aggiunta di tensioattivi. Diventare idrofobi o idrofili, per esempio. O qualunque caratteristica sia utile all’applicazione.I ricercatori sottolineano inoltre che se per il momento il 90% della produzione mondiale di seta è fatto in Cina, quella destinata a sostituire le microplastiche, molto meno impegnative, potrebbe facilmente insediarsi in qualsiasi parte del mondo. Per una produzione quindi, oltre che semplice ed economica, che sarebbe anche locale. (Nathalie Mayer su Futura-Science del 22/07/2022 https://news.mit.edu/2022/silk-alternative-microplastics-0720) fonte: http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le malattie sensibili al clima comprendono circa il 70% dei decessi globali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Quelle cardiovascolari costituiscono la percentuale maggiore (il 32,8%). È uno dei dati contenuti nel report “Il cambiamento climatico in Italia: l’impatto sulla salute umana e i processi di adattamento. Lo scenario italiano alla luce del documento Climate Change Is A Health Crisis”, realizzato dall’Italian Institute for Planetary Health (IIPH), un Istituto dal respiro internazionale, nato nel 2019 dalla collaborazione tra l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS e l’Università Cattolica, che ha lo scopo di salvaguardare la salute dell’uomo mantenendo in buona salute anche il nostro Pianeta. La ricerca, presentata oggi, sottolinea come l’impatto dei cambiamenti climatici sia fortemente dannoso per la salute e il benessere umano, ed evidenzia come l’Italia, nel contesto europeo, sia al momento il Paese che sta pagando il prezzo più alto come confermano, ad esempio, i dati relativi agli incendi: nel 2021, infatti, l’Italia è stato il Paese in area Ocse con il maggiore numero di incendi registrati: 1.422. Dopo la Turchia, il nostro è stato il secondo Paese per superficie bruciata con ben 159.537 ettari. Si tratta numericamente del dato più alto registrato nell’ultimo decennio. Dagli incendi alle ondate di calore, il dato non cambia. Nell’anno 2020 l’Italia ha segnato uno degli incrementi di temperatura maggiori in tutta Europa, con +1,54 °C rispetto alla media del periodo 1961-1990 e continua a surriscaldarsi più velocemente della media globale. Questi numeri, confermati anche dal dato sempre più allarmante legato alle vittime per i disastri climatici, che in Europa ha superato il numero di 650mila casi negli ultimi 50 anni, hanno spinto gli esperti della sanità a lanciare un allarme alle Istituzioni. Per Walter Ricciardi, Professore ordinario d’Igiene e Medicina Preventiva presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, “il Rapporto delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, pubblicato due mesi fa, è stato silenziato. In Italia non ha avuto alcun ascolto, eppure è strano, lo stiamo vedendo in questi giorni, perché il nostro è uno dei Paesi più colpiti dal cambiamento climatico e forse quello che necessita di più di interventi urgenti”. L’Italia, ha aggiunto Ricciardi, “è il Paese che ha avuto il maggior numero di incendi in Europa, il secondo al mondo, e che ha la più alta desertificazione, come stiamo vedendo dalla siccità del Po, dalla difficoltà di irrigare la Pianura Padana. È il Paese che sta vivendo più ondate di calore, quello che sta vedendo l’insorgenza di nuove malattie infettive da vettori, sono già 3 i morti per West Nile Fever, una malattia trasmessa dalle zanzare, che stanno ritornando a infestare parti importanti del nostro territorio. È importante combattere questo cambiamento climatico, abbiamo le soluzioni ma vengono largamente ignorate, anche perché questo ha un impatto enorme sulla salute mentale della popolazione e sul benessere”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Immissioni in ruolo Dirigenti scolastici 2022/2023

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Qualche giorno fa c’è stato un incontro al Ministero dell’Istruzione con le Organizzazioni sindacali di categoria rappresentative di area. Durante l’incontro l’Amministrazione ha fornito l’informativa sulle immissioni in ruolo dei futuri dirigenti scolastici, a partire dal primo settembre 2022. Il Direttore Generale, dott. Filippo Serra, ha dato notizia che l’Amministrazione scolastica ha avanzato la richiesta di ben oltre 500 posti per le immissioni in ruolo, in modo da esautorare le graduatorie ancora in vigore. Il Ministero Economia e Finanze, a fronte della richiesta dell’Amministrazione, ha dato il suo consenso solo per 317 immissioni, a cui si devono sommare ben 44 posti che saranno occupati da dirigenti scolastici trattenuti in servizio. Questo determina una manciata di posti. Il MEF, a suo dire, sostiene di non poter prendere al momento in considerazione le sedi normo-dimensionate, ai sensi dell’art. 1, comma 978 della Legge 178/2020 come modificato dall’art. 1, comma 343 della Legge 234/2021, non essendo ritenute abbastanza stabili a lungo termine.Adesso si aspetta solo l’approvazione del Consiglio dei ministri per l’assunzione di 317 Dirigenti e i relativi provvedimenti amministrativi. Come afferma Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, “Prendiamo atto di questa notizia che ci amareggia e non ci piace per nulla. Già 398 assunzioni, date come certe nella precedente informativa, erano a nostro avviso troppo poche. Ora quest’ultime si sono ridotte ulteriormente a 317 posti. Noi non ci stiamo, le nostre scuole hanno bisogno di più dirigenti scolastici, basta con le reggenze e basta con le attese. Più sedi di presidenza è un passaggio obbligato”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Olio sostenibile: Guida tecnica di sostenibilità per la filiera olivicolo-olearia italiana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Di Luca Lombardo, Camilla Farolfi, Ettore Capri. Il volume è concepito come supporto operativo per le aziende olivicolo-olearie che intendano migliorare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica dei processi e dei prodotti aziendali. Il nucleo del libro è costituito da una Guida tecnica di sostenibilità, articolata in 42 requisiti, che si propone come strumento gestionale e conoscitivo a sostegno dell’agricoltura sostenibile, incentivata dalle moderne politiche agricole. Per la sua stesura si è fatto riferimento a normative nazionali e regionali, a buone pratiche, a evidenze scientifiche, agli Standard ISO, alle certificazioni di sostenibilità nazionali e a indagini di campo.Per la selezione dei requisiti, la filiera olivicola è stata analizzata nei processi di produzione della fase agricola e di frantoio, caratterizzati in termini di valorizzazione del paesaggio e delle tipicità colturali e culturali, sicurezza e qualità alimentare, comportamenti eticamente e socialmente responsabili e, non per ultime, profittabilità e condivisione del valore sul territorio. € 28,00 – Edagricole di New Business Media srl Pagine 280 – formato 17 x 24 cm

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Consumatori su indagine Bankitalia: dati drammatici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

“Dati drammatici, che destano molta preoccupazione. Il leggero calo rispetto al 2016 non sposta di una virgola l’allarme che genera questo dato. Se più della metà degli italiani arriva con difficoltà a fine mese, vuol dire che spenderà il meno possibile e solo per i consumi obbligati. Non è un caso, ma ne è anzi la diretta conseguenza, che, sempre secondo Bankitalia, nel 2020 la spesa media familiare si è ridotta in termini reali del 9,7 per cento rispetto al 2016 e si attesta sul valore più basso dal 1980” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Cifre che dimostrano l’urgenza di una riforma fiscale che riduca quei tributi che gravano su tutti indipendentemente dalla capacità contributiva, ad esempio abbassando ulteriormente le bollette di luce e gas o azzerando l’Iva sui beni necessari” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il risparmio passa dall’idrogeno verde

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Risparmiare energia, tutelare le risorse ambientali, abbattere l’inquinamento, ridurre la spesa di famiglie e imprese: da sempre argomenti di cruciale importanza per il nostro Paese, tornati prepotentemente in primo piano negli ultimi mesi per via dei forti rincari di carbone, gas e petrolio. E.HY. Energy Hydrogen Solution Spa, start-up innovativa fondata a Pisa dall’ingegner Marco Bertelli nasce come risposta al problema dei costi esorbitanti per l’approvvigionamento delle fonti energetiche provenienti dall’estero. Energy Hydrogen sta così facendo da apripista a livello mondiale nel settore delle energie rinnovabili, presentando una gamma di caldaie a idrogeno per la produzione di energia elettrica, acqua calda sanitaria e da riscaldamento per uso domestico. Il micro-cogeneratore domestico HYDRO sfrutta un principio chimico-fisico: attraverso un catalizzatore di titanio viene fornita energia con pochissimi grammi di idrogeno e dal quale viene ricavato vapore che tramite una turbina permette di produrre energia elettrica, acqua calda sanitaria e da riscaldamento. Obiettivi della nostra tecnologia? Risparmiare sulle bollette di luce e gas, rispettare l’ambiente (zero emissioni ed ecosostenibilità) ridurre le importazioni dall’estero di gas, petrolio e carbone. E. HY. Energy Hydrogen Solution SpA si occupa di progettazione e realizzazione di micro co-generatori a idrogeno in grado di fornire riscaldamento ed elettricità senza emettere CO2 e di generatori di vapore industriali con potenze fino a 20 MWh.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Studiare nei Collegi di Merito dell’Università di Pavia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Pavia La Fondazione del Collegio S. Caterina da Siena di Pavia ha pubblicato i bandi per l’anno accademico 2022/2023 relativi al Collegio Universitario S. Caterina e alla Residenza Universitaria Biomedica, Collegi di Merito riconosciuti e accreditati dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR). Il Collegio di Merito si differenzia rispetto agli altri collegi tradizionali per le opportunità e le offerte formative che vengono proposte.Viene, infatti, richiesto alle studentesse e agli studenti di sottoscrivere il “Progetto Formativo” a integrazione del proprio curriculum universitario, partecipando in questo modo a specifiche iniziative didattiche e culturali interne, quali corsi, conferenze, seminari, laboratori/workshop, lettorati di lingue straniere, mostre d’arte, visite culturali. Vengono offerti percorsi individuali di approfondimento accademico e di acquisizione di competenze trasversali che, al compimento degli studi, portano al rilascio del Diploma di Collegio. Il Collegio Universitario S. Caterina da Siena è sorto nel 1973 per iniziativa della Diocesi di Pavia, in adempimento a un desiderio di papa San Paolo VI. Aderisce alla Conferenza dei Collegi Universitari di Merito accreditati dal MUR quali istituzioni di alta formazione. Il Collegio è tra gli enti che figurano come partecipazioni istituzionali della Scuola Superiore Universitaria di Pavia (IUSS) riconosciuta dal MUR come Scuola Superiore a ordinamento speciale. Il Collegio, riservato a studentesse, si trova a pochi passi dalla storica sede centrale dell’Università di Pavia, nel centro della città e dispone di 75 posti, conferiti mediante un concorso per titoli ed esami.Le alunne hanno a disposizione camere singole (con servizi individuali, telefono, accesso gratuito a internet e pulizia settimanale), mensa interna, biblioteca, aula magna, cappella, sale studio dotate di LIM, palestra attrezzata, sala yoga, sala musica, sale relax con quotidiani e riviste, spazio copisteria e legatoria, lavanderia, sala TV, computer collegati alla rete del centro di calcolo dell’Università, ampi giardini e assistenza medica dedicata.Per l’anno accademico 2022-2023 il bando di concorso prevede almeno 17 posti da conferirsi a studentesse che si iscrivono o intendano iscriversi a qualsiasi Corso di Laurea presso l’Università di Pavia. Il concorso è per titoli ed esami e prevede un colloquio di autopresentazione. Sono previste agevolazioni e borse di studio. La Residenza Universitaria Biomedica della Fondazione Collegio Universitario S. Caterina da Siena è un Collegio di Merito riconosciuto e accreditato dal Ministero dell’Università e della Ricerca, situato in Pavia, Via Giulotto 12, nel cuore del polo medico e scientifico della città.Per l’anno accademico 2022-2023 il bando di concorso prevede almeno 13 posti, alcuni coperti da borse di studio. La Residenza assegna inoltre borse di studio per soggiorni all’estero e per la partecipazione a convegni. La domanda di ammissione per partecipare ai rispettivi bandi va presentata compilando on-line l’apposito modulo disponibile sul sito http://www.collegiosantacaterina.it entro il 25 agosto 2022.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Bando per l’accesso al corso di laurea magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

Parma università. Il numero dei posti disponibili, per studenti comunitari e non comunitari legalmente soggiornanti in Italia, per l’anno accademico 2022-2023, è determinato per il primo anno di corso in 30. I posti definitivi verranno assegnati con successivo Decreto Ministeriale.Per sostenere la prova di ammissione è necessario presentare domanda di iscrizione al test esclusivamente online fino al 29 agosto entro le 12, secondo le modalità indicate nel bando.La prova di ammissione è in programma il 28 settembre 2022, alle 9.30.Per i corsi a numero chiuso a livello nazionale anche quest’anno l’Università di Parma offre incontri online gratuiti in preparazione alle prove di ammissione. Per partecipare agli incontri è necessario iscriversi, fino alle 12 di lunedì 18 luglio, attraverso il link https://www.unipr.it/preparazionetestingresso2022. Per i corsi di area medico-sanitaria le lezioni si terranno dal 25 luglio al 2 agosto. È inoltre previsto per il 25 luglio (dalle 10 alle 13) l’incontro di preparazione per il test di Architettura Rigenerazione Sostenibilità. Tutte le informazioni relative ai corsi a numero programmato sono costantemente aggiornate sul sito dell’Università di Parma, alla pagina dei “Test di ammissione”.Le future matricole e le loro famiglie e gli studenti già iscritti all’Ateneo possono inoltre rivolgersi al Welcome Point Matricole, il punto di informazione, comunicazione e accoglienza dell’Università di Parma, realizzato in collaborazione con il Comune di Parma e ER.GO, l’Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori, aperto dal 1° luglio al 31 ottobre (chiuso solo nella settimana di Ferragosto) nel Sottopasso del Ponte Romano (orari di apertura: da lunedì a venerdì 9-18, sabato 10-13).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Taxi: sconfitta per il Paese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 luglio 2022

“Non chiediamo il ritiro del ddl concorrenza, visto che la sua formale approvazione è legata al Pnrr, ma certo si tratta di un provvedimento inutile e privo di qualunque effetto per le famiglie” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Non che la riforma dei taxi o delle concessioni balneari sia importante per le famiglie che non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese, ma certo lo stralcio dell’art. 10 dimostra per l’ennesima volta come in questo Paese basta lanciare fumogeni o bottigliette di plastica, o per dirla con le parole di Draghi, fare proteste non autorizzate e violente, per essere premiati e bloccare qualunque riforma, anche se generica come questa, che chiedeva solo di adeguare l’offerta del servizio alle forme di mobilità che si svolgono mediante l’uso di applicazioni web, ossia di aggiornarsi all’era moderna invece di restare all’età della pietra” prosegue Dona. “Lo stralcio dell’art. 10 è una sconfitta per il Paese, la dimostrazione di come le lobby vincono sull’interesse generale degli italiani” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »