Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Robeco: La moda sostenibile, è un ossimoro?

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

A cura di Sam Brasser, Trend Analyst di Robeco. Il modo più efficace per ridurre l’impatto della moda sull’ambiente sarebbe una riduzione in termini assoluti dei volumi di consumo. Ogni anno vengono prodotti circa 100 miliardi di capi di abbigliamento, 14 per ogni persona sul pianeta. Circa il 20% rimane invenduto. Meno dell’1% viene riciclato in nuovi capi di abbigliamento e il settore è responsabile di circa il 2-8% delle emissioni globali di gas serra. A voler essere realisti, è necessario produrre molto meno perché le persone possano ancora permettersi di vestirsi. Quindi, se da un lato è innegabile che la moda apporti gioia e sia un modo di esprimersi per milioni di persone in tutto il mondo, dall’altro l’industria della moda ha anche un forte impatto sociale e ambientale. In sintesi, la situazione è piuttosto critica e un cambiamento è necessario ormai da tempo. Riteniamo che il passaggio a modelli di business più sostenibili e circolari richieda alle aziende di ripensare le modalità di produzione e utilizzo degli abiti. L’industria della moda crea una grande quantità di rifiuti per diverse ragioni, tra cui l’uso di materiali di bassa qualità e il continuo cambiamento delle preferenze dei consumatori. L’adozione di passaporti digitali dei prodotti, riconosciuti a livello internazionale, sarà fondamentale per migliorare la trasparenza e aumentare la circolarità nel settore della moda nei prossimi anni. L’obiettivo dei passaporti digitali dei prodotti è quello di registrare, elaborare e condividere per via elettronica le informazioni relative ai prodotti tra le aziende della filiera, le autorità e i consumatori. I vantaggi attesi dall’adozione su larga scala dei passaporti digitali dei prodotti sono duplici: maggiore trasparenza per le aziende della filiera nonchè per i consumatori e maggiore efficienza in termini di scambio delle informazioni.A partire dal 2018, 130 firmatari della Carta dell’ONU dell’industria della moda a favore del clima si sono impegnati a raggiungere l’azzeramento delle emissioni di gas serra entro il 2050. Ciò richiederà l’adozione su larga scala di materiali di provenienza responsabile e di materiali riciclati. Attualmente, la produzione di materiali e la preparazione e lavorazione di filati e tessuti sono responsabili di circa due terzi di tutte le emissioni di gas serra del ciclo di vita di abbigliamento e calzature. due materiali più utilizzati nell’industria della moda – poliestere e cotone – comportano una serie di problemi dal punto di vista della sostenibilità. Il poliestere è economico, versatile e affidabile, caratteristiche che lo hanno portato a diventare la fibra di gran lunga più utilizzata al mondo: nel 2021 rappresentava circa il 58% della produzione globale di fibre. Prodotto a partire da combustibili fossili e spesso mescolato con altre fibre, il poliestere vergine richiede molte risorse ed è difficile da riciclare. Anche il cotone, la seconda fibra più utilizzata nella moda, che rappresenterà circa il 24% del mercato globale delle fibre nel 2020, è oggetto di controversie. È tra le colture più bisognose d’acqua, in quanto richiede circa 2.700 litri d’acqua (acqua potabile sufficiente per una persona per 900 giorni) per produrre una quantità di cotone sufficiente a confezionare una sola maglietta. Nei prossimi anni prevediamo ulteriori investimenti nelle infrastrutture necessarie per il riciclo dei materiali, con conseguente aumento della diffusione di diverse tecnologie di riciclo a ciclo chiuso e aperto, tra cui il riciclo meccanico da fibra a fibra, il riciclo rigenerativo della cellulosa, il riciclo rigenerativo di materiali sintetici, il riciclo termomeccanico di materiali sintetici e il riciclo rigenerativo misto. (abstract)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: