Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

I voli pindarici hanno portato i rendimenti a una corsa sfrenata

Posted by fidest press agency su sabato, 13 agosto 2022

I commenti falco della Fed hanno provocato un’inversione di tendenza nei rendimenti dei Treasury. n seguito ai segnali di rallentamento della crescita, i mercati hanno cercato di prezzare una svolta da parte della Fed verso la fine dell’anno, con i contratti futures che hanno scontato tagli dei tassi nel 2023 fino a 75 punti base. In questo contesto, una contrazione tecnica del PIL nella prima metà dell’anno è stata ampiamente respinta dai policymaker. Per il momento, sembra che l’attenzione rimanga concentrata più sul contenimento delle pressioni sui prezzi che sul sostegno alla crescita. Ad ora, riteniamo che il FOMC probabilmente aumenterà i tassi di 50 punti base a settembre, con ulteriori rialzi previsti per il quarto e il primo trimestre, portando i Fed Funds a circa il 3,5% tra sei mesi. Riteniamo che questo possa essere il punto di massimo dei tassi, ma al momento non c’è molta chiarezza. La realtà è che la Fed continua a reagire ai dati in arrivo, in un momento in cui la forward guidance ha perso importanza.In definitiva, è probabile che il viaggio non serva ad alleviare le tensioni nella regione. Cinicamente parlando, pensiamo che la visita possa in realtà avvantaggiare i Democratici in vista delle elezioni di metà mandato, per l’atteggiamento duro nei confronti della Cina, e dando al contempo a Xi la possibilità di flettere i muscoli in vista del prossimo Congresso del Partito in ottobre. Per quanto riguarda la curva dei rendimenti USA, siamo propensi a pensare che sia più invertita di quanto dovrebbe essere a questo punto del ciclo. Questo ci porta ad avere una visione negativa sui rendimenti decennali, ravvisando al contempo l’opportunità di assumere una posizione corta sui contratti in eurodollari, sulla base di una percezione di sottovalutazione dei tassi di fine dicembre 2023.L’inflazione potrebbe raggiungere il suo picco nell’Eurozona solo verso la fine di quest’anno. In tutto il continente, i governi stanno attuando un allentamento fiscale per isolare le popolazioni dalla crisi del costo della vita, sulla scia dell’aumento delle bollette energetiche. Di conseguenza, riteniamo che la BCE possa mantenere un atteggiamento un po’ troppo aggressivo per i prossimi mesi, fino a quando l’inflazione non si muoverà nella giusta direzione. Nel frattempo, rimaniamo scettici sul fatto che la BCE utilizzi il TPI per sostenere i BTP italiani in vista delle prossime elezioni, a meno che la debolezza degli spread non si manifesti su base ampia in tutta la Zona Euro. I dati più recenti hanno dimostrato come l’Eurotower abbia spostato i reinvestimenti del PEPP verso i BTPS nell’ultimo mese, ma questo ha fatto relativamente poco per evitare che gli spread si allargassero. Riteniamo che si possa registrare un’ulteriore debolezza con l’inizio della campagna elettorale nelle prossime settimane.Nel Regno Unito, la Banca d’Inghilterra ha aumentato i tassi di 50 punti base, in linea con le aspettative del mercato. Tuttavia, si è trattato di un rialzo dovish, con il Governatore Andrew Bailey che ha sottolineato che i tassi non sono su un percorso pre-pianificato e che l’economia probabilmente vivrà un lungo periodo di recessione. Gli spread delle obbligazioni societarie hanno registrato un’impennata a luglio, in linea con l’ampio rally degli asset di rischio, grazie al calo delle aspettative sui tassi. Con molti operatori di mercato che hanno espresso una visione ribassista, questo rally è stato pronunciato sulla scia di una copertura delle posizioni corte, anche se i fondamentali della crescita sembravano peggiorare. Tuttavia, in agosto pensiamo che potrebbe essere difficile che questo rally si estenda ulteriormente. Riteniamo che i rendimenti governativi e le aspettative sui tassi di interesse futuri siano scesi troppo. L’azione dei prezzi nei mercati valutari è stata relativamente tranquilla. Lo yen ha registrato un robusto rally, legato ai timori di un rallentamento della crescita statunitense. Tuttavia, l’azione dei prezzi sembra probabilmente legata alla chiusura delle posizioni e ora che le posizioni sono state ripulite, è interessante vedere che lo yen ha ricominciato ad avere un andamento più morbido.Continuiamo a sottolineare la mancanza di visibilità sulle prospettive macro, un fattore che ha visto le Banche Centrali cercare di abbandonare la forward guidance sui tassi, facendo dipendere la definizione delle politiche dai dati in arrivo su base mensile. Nel frattempo, la volatilità rimane elevata in un contesto di incertezza, come dimostrato dai rendimenti statunitensi a 2 anni che si sono mossi in un intervallo di 45 punti base nell’arco di 24 ore a metà di questa settimana. In questo periodo dell’anno la liquidità è stagionalmente scarsa e i movimenti di mercato possono diventare rapidamente esagerati in entrambe le direzioni.In effetti, questo serve a ricordare che agosto – lungi dall’essere un mese tranquillo, in cui la maggior parte delle persone sarà lontana dagli schermi e andrà in spiaggia – è in realtà un mese che vede una volatilità più elevata rispetto a molti altri periodi dell’anno. Dopo una settimana piuttosto eccitante, ci si augura che l’ottantaduenne Speaker della Camera dei Rappresentanti sia in grado di rilassarsi un po’ per il resto dell’estate. (abstract) Fonte: RBC BlueBay Asset Management,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: