Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 6 settembre 2022

Finanza internazionale: La Fed nel pallone

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

di Mario Lettieri e Paolo Raimondi Come ogni anno, nell’ultima settimana di agosto l’attenzione del mondo della finanza internazionale è puntata sul seminario organizzato dalla Federal Reserve Bank di Kansas City nella cittadina di Jackson Hole tra le montagne del Wyoming. Il tema di quest’anno è “Riesaminare i vincoli su economia e politica”, per cercare di far fronte all’inflazione galoppante e alla recessione incipiente. In altre parole alla stagflazione. Dal discorso del presidente della Fed, Jerome Powell, emerge la mancanza di ammissione degli errori fatti in passato. Invece, egli avverte che, per mettere sotto controllo l’inflazione, sarà necessario uno sforzo prolungato e doloroso per le famiglie e le imprese. Egli parla di alti tassi d’interesse per un periodo più lungo, sperando che “a un certo punto sarà opportuno rallentare il ritmo degli aumenti”. Purtroppo, come sempre, gli effetti delle politiche monetarie della Fed si riverseranno su tutto il resto del mondo, in particolare sui Paesi emergenti e sull’Europa. Per capire sia la grave situazione sia la “pochezza” della visione e della politica del banchiere centrale è il caso di ricordare quanto disse nei due passati incontri di Jackson Hole. Nel 2021 si distinse per le affermazioni relative alla “temporaneità” dell’inflazione, che, secondo lui, sarebbe tornata sotto il fatidico, magico 2%. Un “wishful thinking”, un pio desiderio. Nel 2020, invece, Powell affermò che avrebbe continuato ad acquistare asset fino a ottenere progressi sostanziali quali la massima occupazione e la stabilità dei prezzi. “La mia opinione, disse, è che il test di un nuovo progresso sostanziale sia stato soddisfacente per quanto riguarda l’inflazione.”. Un altro abbaglio. Oggi il bilancio della Fed è di 9.000 miliardi di dollari, con un aumento di circa 4.800 miliardi dal Covid del 2020. Nel discorso di qualche giorno fa, egli ha spiegato la crisi in corso negli Stati Uniti affermando che “l’alta inflazione attuale è il prodotto di una forte domanda e di un’offerta limitata“. Ancora una volta l’abusata e semplicistica legge del mercato, dove domanda e offerta non trovano equilibrio. In questo modo si cercano delle spiegazioni e delle giustificazioni oggettive per coprire le politiche finanziarie “soggettive”, cioè le decisioni e i comportamenti errati e tolleranti verso le speculazioni e le innumerevoli bolle del debito. La politica del tasso zero e degli acquisti di titoli attraverso i quantitative easing hanno gonfiato a dismisura il debito pubblico e privato. Siamo in una situazione peggiore di quella del 2008, con un’incipiente crisi finanziaria con effetti globali. Infatti, tutti gli strumenti di “gestione della crisi” sono già stati utilizzati! Powell ha affermato che, dalle crisi economiche dei passati cinquanta anni, ha imparato tre lezioni. La prima è che “la banca centrale può e dovrebbe assumersi la responsabilità per raggiungere un’inflazione bassa e stabile”. Troppo ovvia. Ci mancherebbe altro. La seconda lezione riguarda il fatto che “le attese pubbliche rispetto all’inflazione futura possono giocare un ruolo importante nel tracciare il percorso dell’inflazione nel tempo”. Quando mancano i programmi e le politiche ancora una volta si ricorre alla psicologia più spicciola per rimpiazzare l’economia. Powell spera che non ci siano altri “grandi choc” e ricorda la Great Inflation del 1979 quando l’allora governatore della Fed, Paul Volcker, intervenne con alti tassi d’interesse. Dimentica, però, di dire che nel giugno 1981 il tasso era del 20%! La terza e ultima lezione sarebbe stare sul pezzo fino alla fine, a qualunque costo. Ricorda che nei 15 anni precedenti l’inizio degli anni ottanta tutti i tentativi di contenere l’inflazione fallirono. In seguito, Volcker impose “una politica monetaria molto restrittiva per un lungo periodo”. Prospettiva amara. Veramente l’ottimismo è poco. Ovviamente le tensioni geopolitiche tra gli Usa, la Cina e la Russia contribuiscono a ridurre ancora di più le speranze di affrontare insieme anche le grandi sfide economiche, finanziarie e monetarie globali. L’unico spazio operativo rimasto è il G20, che alcuni addirittura vorrebbero smantellare. Spazi enormi per l’Europa si aprono se vuole giocare a tutto campo il ruolo di “pacificatore” da un lato e dall’altro di riformatore del sistema economico, finanziario e monetario tra i Paesi del cosiddetto mondo occidentale e i Paesi degli altri continenti, a partire dalla Cina. Di Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inflazione agricoltura: Cia, nuovo aumento ad agosto

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Il nuovo balzo dell’inflazione, che ad agosto segna +8,4% annuo, il dato più alto dal 1985, avrà ulteriori effetti drammatici sul portafoglio delle famiglie e sui bilanci delle imprese agricole. Così Cia-Agricoltori Italiani, in merito ai dati diffusi oggi dall’Istat. I beni energetici continuano a trascinare l’aumento dei prezzi, registrando +44,9% sullo stesso periodo del 2021, e rendono i costi di produzione sempre più insostenibili per aziende, agriturismi, stalle, serre, vanificando di fatto gli sforzi del governo e i sacrifici dei produttori, alle prese anche con la lunghissima siccità che ha già causato danni accertati per oltre 3 miliardi. “Il caro-energia è arrivato a livelli insopportabili. Siamo in piena emergenza con migliaia di aziende che rischiano di chiudere per colpa dei continui rincari -commenta il presidente nazionale di Cia, Cristiano Fini-. Ecco perché bisogna consolidare le misure previste dal Decreto Aiuti bis, ad esempio allargando il credito d’imposta per l’acquisto di gasolio agricolo a tutto il 2022-2023. O anche autorizzando, in sede Ue, le imprese del settore a immettere in rete energia elettrica prodotta con il fotovoltaico oltre i propri livelli annui di autoconsumo”. Insomma, “ora più che mai, serve tenere alta l’attenzione lungo la catena del valore e della distribuzione, immaginando più risorse, strumenti straordinari e interventi strutturali contro il caro-energia sui campi e lungo la filiera -aggiunge Fini-. Il prezzo dei beni alimentari lavorati è cresciuto del 10,5% ad agosto rispetto a un anno fa e sta incidendo pesantemente sul carrello della spesa delle famiglie. E’ assolutamente necessario, quindi, scongiurare altri aumenti e rischi di speculazione sui prezzi al dettaglio che né le aziende né i consumatori possono accettare”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I dipendenti di Istruzione, Università e Ricerca senza contratto da 4 anni

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Domani riprenderà anche la trattativa all’ARAN per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro dei comparti Istruzione, Università e Ricerca. Anief ricorda che i suoi dipendenti, assieme a pochi altri del pubblico impiego, sono gli unici a non avere rinnovato il contratto collettivo nazionale. E questo è gravissimo se si pensa che tra il 1990 e oggi nel nostro Paese l’aumento medio delle buste paga è stato di appena lo 0,3%, come riferito oggi da Il Fatto Quotidiano. “Quello di non avere voluto accettare la richiesta dell’Anief di rinnovare il Ccnl 2019/21 è stato un grave errore – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – perché si è detto no ad un’operazione necessaria: stiamo vivendo un periodo particolarmente difficile per l’economia italiana e internazionale, tanto che l’inflazione accertata nell’ultimo periodo è stata di oltre il 6 per cento, e quella sul lungo periodo sicuramente a due cifre. Questo significa che gli insegnanti, gli Ata e i dipendenti di Università e Ricerca, devono sempre più stringere la cinghia per arrivare a fine mese”. “Per non parlare – continua Pacifico – di quei lavoratori pubblici che devono affrontare spese ulteriori perché collocati professionalmente a centinaia di chilometri da casa, a volte pure da algoritmi ‘impazziti’, con non pochi casi di dipendenti costretti a rinunciare e a rimanere precari, proprio perché non in grado di potere sostenere le spese da affrontare. La verità è che nel comparto Istruzione occorre firmare il prima possibile il CONTRATTO PONTE che abbiamo proposto ad inizio estate: non è possibile che i suoi lavoratori siano rimasti gli unici del pubblico impiego senza aumenti: diamo ai docenti tra i 103 lordi fino a 123 euro e da 88 euro fino a 97 agli Ata, più 2mila e i 3mila euro di arretrati. Subito dopo – conclude il presidente Anief – ci siederemo al tavolo col nuovo Governo e verificare come produrre aumenti ulteriori e più consistenti”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Stipendi, in 30 anni in Italia solo lo 0,3% di aumento

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Gli stipendi in Italia sono praticamente fermi a trent’anni fa: da un’analisi dei dati Ocse prodotta oggi dal Il Fatto Quotidiano risulta che tra il 1990 e oggi nel nostro Paese l’aumento medio delle buste paga è stato di appena lo 0,3%: “29.694 euro contro i 29.588 del 1991”. Si tratta di un incremento “infinitesimale” che diventa ancora più ridicolo se si guarda agli “aumenti di cui hanno goduto i lavoratori tedeschi, francesi e inglesi per non parlare di quelli dell’Est Europa e degli statunitensi”. Il confronto è impietoso: nello stesso, infatti, Francia e Germania hanno visto aumentare gli stipendi dei loro dipendenti del 33%; la stessa Grecia, dove si è sviluppata una crisi economica spaventosa, ha comunque assicurato ai suoi lavoratori un +22%. Ma è da “Slovacchia, Repubblica ceca e Slovenia, per le quali i dati sono disponibili solo a partire da metà anni Novanta” che arriva la lezione maggiore: “hanno visto il salario medio schizzare rispettivamente del 134, 120 e 73%. Ancora più spettacolari i progressi registrati nello stesso periodo in Lituania, Lettonia ed Estonia: +292, +218 e +256%”. Fuori dall’Europa il copione non cambia: “inglesi e statunitensi nel 2021 hanno portato a casa rispettivamente il 50,5 e 52% in più rispetto a 30 anni prima. Addirittura in Spagna “gli stipendi hanno ristagnato comunque meno che da noi: rispetto al 1991 sono saliti di un 4,7%”. In questi giorni, i partiti politici italiani, evidentemente consci di questo, si stanno azzuffando per promettere incrementi stipendiali mirabolanti, ad iniziare da quelli del personale scolastico: sono a piena conoscenza del fatto che docenti e Ata, con il contratto scaduto da quasi quattro anni, vengono pagati a fine mese meno degli impiegati italiani e la metà di tanti colleghi europei. Gli economisti Tito Boeri e Roberto Perotti lunedì su Repubblica hanno proposto di non fermarsi ai meri finanziamenti dello Stato, chiedendo che a pagare di più siano i datori di lavoro, grazie al salario minimo salariale legale e approvando una nuova legge sulla rappresentanza dei lavoratori che velocizzi il rinnovo di contratti scaduti da anni. Anief ritiene questa seconda parte della proposta particolarmente interessante: “Bisogna recuperare subito almeno una parte dell’inflazione accumulata nel corso degli ultimi anni, ben il 14% tra il 2008 e il 20018 – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – andando a sottoscrivere in fretta il contratto collettivo nazionale del pubblico impiego degli anni 2019, 2020 e 2021. Diamo al personale della scuola, oltre un milione e 100mila lavoratori i soldi che sono già loro: parliamo di cifre che vanno da 103 lordi fino a 123 euro per i docenti, da 88 euro fino a 97 per gli Ata. E anche tra i 2mila e i 3mila euro di arretrati. Subito dopo, è chiaro che occorrerà cambiare registro, cambiando la normativa che danneggia i lavoratori tra un contratto e l’altro, per poi portare risorse fresche, ingenti, con le nuove leggi di Bilancio, a cominciare dal quella del 2023”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Raffaella De Chirico Arte Contemporanea

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Torino 15 settembre – 31 ottobre 2022. Opening Giovedì 15 settembre, ore 17.00 – 23.00. La galleria Raffaella De Chirico presenta CITY BREAK, la prima mostra personale di Matteo Procaccioli Della Valle (Jesi, 1983) negli spazi torinesi della galleria. Ultima tappa di un percorso di valorizzazione del lavoro dell’artista che Raffaella De Chirico ha avviato a marzo 2022 – iniziato con la pubblicazione e mostra/evento Private. Polaroid, 2012-2022, a cura di Benedetta Donato, passando poi in aprile al solo-show presentato al MIA Milan Image Art Fair 2022 – CITY BREAK porta a Torino un’ampia selezione di lavori di Matteo Procaccioli Della Valle, da opere di grande formato a intime Polaroid, accompagnate da un testo sempre a cura di Benedetta Donato. CITY BREAK analizza la struttura urbana da diverse prospettive: in Microcities sorvola la città con inquadrature dall’alto che ne evidenziano la visionarietà ma anche la frammentazione; in Structures intercetta linee grafiche in costruzioni avvolte da uno spazio senza tempo; in Urban Hives si interroga sulla densità architettonica che diventa riflessione su un’umanità omologata e compressa dalle stesse costruzioni in cui vive. Il senso del viaggio nella ricerca di Procaccioli Della Valle è quello di scoprire significati ancora inediti, scenari nuovi, diversi livelli di lettura, muovendosi da edifici e architetture già esistenti. Nelle fotografie di Procaccioli la narrazione sta proprio nella non narrazione esplicita. L’artista lascia al fruitore la possibilità di lasciarsi trasportare nella dimensione del non luogo, senza fornire specifiche indicazioni, e di cercare il passaggio umano attraverso suggerimenti delicati, scevri da giudizi antropologici, politici o messaggi sociali. http://www.dechiricogalleriadarte.com

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rivoluzioni di idee: pratiche e metodologie per una didattica attiva

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Roma Venerdì 30 settembre Museo delle Civiltà Piazza Guglielmo Marconi n. 14 Orario: dalle 15.00 alle 18.00 E’ unFormat per insegnanti, educatori e operatori culturali udenti e sordi. Un incontro di formazione al Museo delle Civiltà con Gabriella Manna, responsabile del servizio educativo del Museo delle Civiltà, e i formatori di “Senza titolo” dedicato alla sperimentazione di pratiche e metodologie della didattica museale. Gli oggetti presenti nelle diverse collezioni del museo saranno il punto di partenza per indagare la realtà in un’ottica multiculturale. Si approfondirà il concetto de “Il museo delle realtà”, che è l’obiettivo primario che si pongono i progetti del servizio educativo del Museo delle Civiltà. La realtà sociale contemporanea è infatti protagonista di tutti i percorsi educativi che mirano attraverso le collezioni – a prima vista distanti nel tempo e nello spazio – a fornire elementi di riflessione utili per interpretare i rapidi e a volte sconcertanti cambiamenti che stiamo vivendo.L’incontro di formazione sarà tradotto in LIS da una storica dell’arte specializzata in Lingua dei segni italiana con lo scopo di offrire ad un pubblico sempre più ampio occasioni di conoscenza e di accessibilità al patrimonio culturale della città di Roma. Gabriella Manna – Storica dell’arte islamica, dal 2016 è stata referente del servizio educativo del Museo delle Civiltà, del quale è attualmente responsabile. È stata dal 2007 al 2016 responsabile del servizio didattico del MNAO – Museo Nazionale d’Arte Orientale “Giuseppe Tucci” di Roma. Ha ideato e realizzato progetti e percorsi educativi mirati alla conoscenza delle culture altre, per favorire il dialogo multiculturale.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Rivoluzioni di idee: pratiche e metodologie per una didattica attiva per educatori, operatori culturali, insegnanti udenti e sordi

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Roma Venerdì 23 settembre MAXXI Via Guido Reni n. 4/A Orario: dalle 15.00 alle 18.00 Un incontro di formazione al MAXXI con Giovanna Brambilla, responsabile Servizi Educativi GAMeC, e i formatori di “Senza titolo” dedicato alla sperimentazione di pratiche e metodologie della pedagogia del patrimonio. L’incontro di formazione sarà tradotto in LIS da una storica dell’arte specializzata in Lingua dei segni italiana con lo scopo di offrire ad un pubblico sempre più ampio occasioni di conoscenza e di accessibilità al patrimonio culturale della città di Roma. Giovanna Brambilla – È stata responsabile dei Servizi Educativi della GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo dal 2000, dove si è occupata del rapporto tra il museo e i possibili pubblici, con una particolare attenzione alle tematiche dell’accesso e dell’inclusione. Storica dell’Arte, attualmente è docente del Master “Economia e Management dei Beni Culturali”, della Business School de Il Sole24Ore e del Master “Servizi Educativi per il patrimonio artistico, dei musei storici e di arti visive”, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, e docente di Iconologia all’Accademia di Belle Arti di Siracusa. Da settembre 2020 è membro della Commissione Diocesana Arte Sacra di Bergamo. Socia ICOM, tra i suoi interessi di ricerca ci sono gli intrecci tra arte e società, letti attraverso le immagini. È autrice di articoli e saggi dedicati alla relazione tra musei e pubblici, tra iconografica, religione e società.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rivoluzioni di idee: pratiche e metodologie per una didattica attiva

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Roma Venerdì 16 settembre Formazione per insegnanti, educatori e operatori museali udenti e sordi Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Viale delle Belle Arti n. 131 Orario: dalle 15.00 alle 18.00 Un incontro di formazione alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea con Barbara Goretti, responsabile di Cinecittà si Mostra e del Dipartimento educativo di Cinecittà si Mostra, insieme ai formatori di “Senza titolo” dedicato alla sperimentazione di pratiche e metodologie della didattica museale. Un intervento incentrato sul tema del dialogo inteso come strumento di conoscenza, come valore intrinseco dell’opera d’arte e come attitudine metodologica e educativa. L’incontro di formazione sarà tradotto in LIS da una storica dell’arte specializzata in Lingua dei segni italiana con lo scopo di offrire ad un pubblico sempre più ampio occasioni di conoscenza e di accessibilità al patrimonio culturale della città di Roma. Barbara Goretti – È responsabile di Cinecittà si Mostra, il progetto culturale permanente di Cinecittà SpA che permette al pubblico di visitare gli storici Studios e del Dipartimento educativo di Cinecittà si Mostra dal 2011. Ha lavorato per diversi musei, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea e il MACRO di Roma, organizzando mostre, curando cataloghi e progetti di ricerca; è stata responsabile del Dipartimento educativo del MACRO. Autrice di saggi, volumi e articoli sull’arte contemporanea, sul patrimonio cinematografico e sull’audiovisivo con particolare attenzione all’animazione e alla relazione tra arte e cinema.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rivoluzioni di idee: pratiche e metodologie per una didattica attiva

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Roma Venerdì 9 settembre MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma via Nizza n. 138 Orario: dalle 15.00 alle 18.00 per educatori, operatori culturali, insegnanti udenti e sordi.Un incontro di formazione alla mostra “Il video rende felici. Videoarte in Italia” presso Palazzo delle Esposizioni con Laura Zocco del Dipartimento Educativo di Pirelli HangarBicocca, Milano, e i formatori di “Senza titolo” dedicato alla sperimentazione di pratiche e metodologie della didattica museale. Un percorso che mette al centro le connessioni fra gesto, immagine e corpo in relazione alle opere, allo spazio e all’Altro: un modo per scoprire insieme come l’arte contemporanea offra sempre punti di vista e stimoli diversi che aprono a nuove modalità critiche, creative e di pensiero. L’incontro di formazione sarà tradotto in LIS da una storica dell’arte specializzata in Lingua dei segni italiana con lo scopo di offrire ad un pubblico sempre più ampio occasioni di conoscenza e di accessibilità al patrimonio culturale della città di Roma. Laura Zocco – Dal 2009 si occupa dei Progetti Educativi di Pirelli HangarBicocca, Milano, sviluppando percorsi, progetti e collaborazioni esterne per la comunità scolastica, bambini, ragazzi e famiglie. Dal 2011 coordina il servizio di mediazione culturale dedicato all’accoglienza del pubblico di Pirelli HangarBicocca e si occupa della proposta di visite guidate e percorsi tematici per adulti.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Salvare il benessere psico-fisico dell’anziano

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

E’ questo l’obiettivo che si pone la nuova metodica non farmacologica “e-MemoryCare” rivolto a oltre 4,2 milioni di uomini e donne che in Italia soffrono di questi problemi (sono 600 mila solo quelli colpiti da demenza di Alzheimer). Un’iniziativa innovativa e unica nel suo genere che si sviluppa interamente on line, sfruttando le nuove tecnologie informatiche. Una metodica non farmacologica per prevenire le ospedalizzazioni e i ricoveri in strutture protette, mantenere così una buona qualità di vita al paziente e al tempo stesso assicurare risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Attraverso un’apposita piattaforma digitale e quattro diverse App si può fare riabilitazione e stimolazione per preservare così l’indice di riserva cognitiva. Si tratta di interventi non farmacologici e i vari esercizi previsti dalla metodica attivano una stimolazione che interviene non solo sulla sfera conoscitiva, ma anche su quella affettiva, sociale, comportamentale e relazionale. Il progetto è stato ideato da una giovane studente prossima alla laurea in psicologia, Marianna Messina, e si avvale di un Advisory Board scientifico che riunisce psicologi, psichiatri, neurologi, nutrizionisti, fisiatri, cardiologi, neuro-psicologi ed economisti. “e-MemoryCare” è patrocinato da Senior Italia FederAnziani. “Il deficit cognitivo è uno dei grandi problemi sociosanitario legati alla terza età” – afferma il prof. Francesco Fazio, presidente del comitato scientifico di Senior Italia Federanziani-. E’ una condizione che provoca la progressiva compromissione delle funzioni conoscitive in modo tale da pregiudicare il mantenimento di una vita autonoma e soprattutto di arrivare a fine vita in casa propria. I dati e le previsioni delle autorità sanitarie internazionali sono francamente preoccupanti. Si calcola che in tutto il Pianeta il numero dei pazienti raddoppierà nel 2030 e triplicherà nel 2050 con 7,7 milioni di nuovi casi all’anno. L’impatto economico sui vari sistemi sanitari sarà di circa 604 miliardi di dollari l’anno. Non va poi mai dimenticato che l’Italia è uno dei Paesi più “anziani” del mondo”. Dobbiamo attivare un percorso di aiuto concreto attraverso le condizioni di ricostruzione autobiografica o della capacità di stimolare reminiscenze. Occorre non solo aiutare a “perfezionare” alcune competenze cognitive ma anche a migliorare le condizioni di umore e comunicazione con gli altri”. “E’ un progetto tecnologico e innovativo che si pone due grandi obiettivi – sottolinea Alessandro Padovani, Direttore della Clinica Neurologica e Direttore Scuola Specialità in Neurologia dell’Università di Brescia -. Il primo è quello di aprire una luce su un problema rilevante come quello delle demenze e più in generale il decadimento cognitivo. Il secondo aspetto fondamentale è dare una risposta di intervento con una presa in cura o in carico che permette di contrastare il decadimento e soprattutto la sua progressione”. “L’attenzione verso gli anziani va coniugata con la messa a punto di programmi basati sulle evidenze per ridurre i problemi e migliorare la qualità della vita – sottolinea David Lazzari, Presidente del CNOP Consiglio Nazionale Ordine Psicologi -. Gli aspetti psicologici devono avere la giusta attenzione come nel caso di questo progetto”. By Marianna Messina

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Energia: Nuovi provvedimenti ma senza scostamento

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Roma – “Possiamo parlare di aiuti, ma la verità è che se non si struttura con grande forza, come stiamo facendo la soluzione nel lungo termine, noi non possiamo pensare di passare la fine del 2022 e tutto il 2023 a erogare risorse. Cioè bisogna trovare soluzioni definitive e queste vengono solo da dalle battaglie più grandi. Abbiamo misure che valgono fino a fine settembre, ma gli aumenti ci obbligano a ragionare non solo di prolungarle, ma anche di alzarli”. Lo ha detto, intervenendo a Radio 24 Mattino, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.“La strada che si è intrapresa – prosegue – sulle grandi aziende energivore, quindi sul sostegno più pesante, sui grandi energivori, sia corretta. Io ho sempre parlato di aziende madri di produzione, queste vanno molto più incentivate ed aiutate, perché tutelano la filiera e impediscono anche il verificarsi di disoccupazione, perdita di posti di lavoro. Quindi stiamo lavorando a diverse cose. Abbiamo la fortuna, mi permetto di dire, di aver impostato tutto un 2022 sulla crescita, tanto che abbiamo raggiunto il record europeo anche qui, quindi le risorse allo Stato entrano. Penso che nel giro di un paio di settimane si riesca a intervenire ancora con degli aiuti”.“Non dobbiamo dimenticare -aggiunge – che quando qualcuno sbeffeggia l’agenda Draghi o il metodo Draghi non si rende conto che sta puntando il dito su un sistema che ha fatto crescere l’Italia e continua a farla crescere. Quando riesci a mettere in moto la crescita riesci ad avere quelle risorse che ci hanno permesso in questi mesi di fare decreti di aiuti senza fare scostamenti di bilancio che sappiamo quanto problema porterebbero anche sui mercati. Questo ce lo dobbiamo dire”.“Le maggiori entrate ci saranno – conclude – si tratta di verificare quanto e quando le possiamo esplicitare. In questi giorni, soprattutto, si è parlato di extraprofitti di tutto il problema di tasse, eccetera. Nel ricordare che la scadenza ultima per il pagamento degli extra profitti per me e per le aziende che hanno questa incombenza e ottobre si sta ragionando comunque di misure, se necessarie, per fare ulteriori risorse. Però non ci dimentichiamo che i fronti sono sempre due. Sicuramente non parliamo di scostamento di bilancio. Lo voglio dire chiaramente metterebbe a rischio ancora di più il Paese e non noi. Crediamo che così si debba fare con queste due strade. Quindi maggiori entrate grazie al fatto che si è pianificato un anno di crescita e maggiori entrate, se sarà necessario, con altri strumenti”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Numero di domande ricevute dall’Università di Parma per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Parma Sono 1051 le domande ricevute dall’Università di Parma per i 9 corsi di laurea delle Professioni sanitarie (Fisioterapia, Infermieristica, Logopedia, Ortottica e assistenza oftalmologica, Ostetricia, Tecniche audioprotesiche, Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia). A questi va aggiunto il corso interateneo in “Assistenza sanitaria” con sede amministrativa all’Università di Modena e Reggio Emilia.518 il numero dei posti complessivi, comprensivo anche di quelli riservati agli extracomunitari e ancora provvisorio in attesa del relativo Decreto Ministeriale. Di seguito il riepilogo delle domande per i singoli corsi di laurea: Fisioterapia: 355 domande – 46 posti disponibili Infermieristica: 355 domande – 310 posti disponibili Logopedia: 52 domande – 15 posti disponibili Ortottica e assistenza oftalmologica: 18 domande – 21 posti disponibili Ostetricia: 133 domande – 25 posti disponibili Tecniche audioprotesiche: 5 domande – 20 posti disponibili Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro: 16 domande – 25 posti disponibili Tecniche di laboratorio biomedico: 56 domande – 36 posti disponibili Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia: 61 domande – 20 posti disponibili. La prova di ammissione unica per l’accesso ai corsi di laurea delle Professioni Sanitarie dell’Università di Parma si terrà giovedì 15 settembre nella Sede didattica di Ingegneria – Campus Scienze e Tecnologie, Parco Area delle Scienze. Maggiori info sul sito del Dipartimento di Medicina e Chirurgia: https://mc.unipr.it/it/didattica/ammissioni-aa2022-2023/cdltri.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prorogato al 5 ottobre il taglio delle accise sui carburanti

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, hanno firmato il Decreto Interministeriale che proroga fino al 5 ottobre le misure attualmente in vigore per ridurre il prezzo finale dei carburanti.”Bene, ma troppo poco! L’estensione dal 20 settembre al 5 ottobre del taglio delle accise, appena 15 giorni, è un topolino che viene mangiato dal gatto. Ci rendiamo conto che il Governo è in carica solo per il disbrigo degli affari correnti, ma, essendo le elezioni il 25 settembre, per i primi di ottobre non avremo certo in carica un nuovo Esecutivo, considerato il timing previsto dall’articolo 61 della Costituzione, quindi tanto valeva prorogare la misura almeno fino a fine ottobre” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Quanto alla conferma del precedente taglio, bisognava almeno attendere la riunione dei Paesi Opec+, prevista per il 5 settembre, per capire se poteva bastare una riduzione delle accise di 25 cent. Da quando a luglio si è alzata la produzione di petrolio, il prezzo della benzina è sceso di oltre 31 cent al litro, con un ribasso del 15,1%, pari a 15 euro e 63 cent per un pieno da 50 litri, il gasolio è diminuito di oltre 22 cent al litro, con una riduzione dell’11,1%, pari a 11 euro e 26 cent a rifornimento. Insomma, se venisse ancora incrementata la produzione, 25 cent potrebbero anche bastare, altrimenti sarebbe una misura del tutto inadeguata” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ucraina: Le carovane della pace dei volontari italiani

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

«Abbiamo dovuto affrontare un viaggio estremamente difficile per arrivare nella città sotto assedio, con la popolazione allo stremo della fame e della sete. Per questo gli abitanti della città ci avevano chiesto aiuti umanitari necessari per sopravvivere. Oggi sono stati bombardati i silos di grano nel porto di Mykolaiv, nel distretto di Korabelny, alle porte sud della città. Da due giorni sono in corso pesanti combattimenti sulla linea del fronte 10 km a sud. Ieri è stato attaccato il ponte che collega Odessa a Mykolaiv, la strada che abbiamo dovuto percorrere». Spiega Gianpiero Cofano, uno degli organizzatori dell’iniziativa, nonché segretario generale della Comunità Papa Giovanni XXIII. «Con la nostra presenza – continua Cofano – intendiamo portare semi di pace. Non siamo negoziatori, non risolveremo il conflitto ma vogliamo, concretamente, essere al fianco delle vittime innocenti di questa guerra, stringere le loro mani, abbracciarle, piangere e pregare. Al loro fianco». «A Mykolaiv abbiamo scaricato una parte degli aiuti umanitari alla Caritas locale ed una parte ad un centro che ogni mese fornisce da mangiare a 10mila persone. Abbiamo inoltre dotato di un dissalatore, frutto delle donazioni che la rete di StopTheWarNow ha organizzato nei mesi scorsi, per risolvere il grande problema di accesso della popolazione ad acqua pulita», spiega Alberto Capannini di Operazione Colomba, il corpo civile di pace presente in Ucraina dall’inizio della guerra. Tra i partecipanti alla carovana vi è Monsignor Giovanni Ricchiuti, vescovo di Altamura e presidente di Pax Christi, in rappresentanza dei Vescovi italiani. Stopthewarnow è una rete di oltre 175 associazioni, movimenti ed enti italiani tra cui la Comunità Papa Giovanni XXIII, Pro Civitate Christiana, CGIL, Focsiv, Aoi, Rete italiana Pace e Disarmo, Libera contro le mafie, Nuovi Orizzonti, ARCI, Legambiente, Focolarini, Mani Tese, Un ponte per. Una prima carovana della pace si è tenuta il 1 Aprile scorso a Leopoli, dove hanno partecipato 221 persone che hanno portato aiuti umanitari, incontrato la società civile ucraina ed al ritorno hanno evacuato 300 persone fragili e disabili. Da allora sono stati organizzati numerosi viaggi umanitari promossi dalle associazioni italiane. Una seconda carovana si è tenuta a fine giugno. https://www.stopthewarnow.eu/

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Rainbow annuncia l’avvenuta acquisizione di Poliarte

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

E l’Accademia di Belle Arti e Design, sede primaria di alta formazione, di specializzazione, di ricerca e di progettazione artistica. L’operazione si inscrive in una precisa strategia del gruppo orientata alla formazione e all’innovazione. «Ci sono molte possibilità di crescita per la creatività e le produzioni italiane che abbiano l’ambizione di parlare alla platea dei pubblici mondiali puntando su innovazione e qualità» conferma infatti Iginio Straffi, fondatore e guida del Gruppo Rainbow e Presidente di Colorado Film. «Ma la creatività va nutrita: è necessario che le aziende investano nella formazione delle nuove leve Made in Italy. Quello tra Poliarte e noi rappresenta un passaggio di testimone, l’ottimo lavoro svolto in questi anni dalla squadra di Giordano Pierlorenzi non potrà che essere valorizzato ancora di più per affrontare le grandi sfide della nostra epoca digitale, nella creazione di nuovi talenti”. Il Gruppo Rainbow opera già da anni in ambito educational, nel quale ha quindi accumulato considerevole esperienza, grazie all’attività di due realtà interne al Gruppo. Oltre il 95% degli studenti trova impiego entro un anno dal termine degli studi, alcuni all’interno del gruppo Rainbow stesso e altri in aziende leader del settore come DoubleNegative, Framestore, ILM, Ubisoft Milan e Rockstar Games. La seconda è “Liberi Reggiomonte International School”, una scuola materna in provincia di Loreto che ha raggiunto i 70 iscritti annuali in cinque anni di attività e impronta il suo metodo educativo sulla creatività, il bilinguismo, la musica, l’espressione artistica e la psicomotricità. L’acquisizione di Poliarte è, quindi, un nuovo tassello nella strategia di investimento in ambito educational del Gruppo Rainbow: uno dei maggiori gruppi indipendenti del sistema audiovisivo italiano che è protagonista di tutta la filiera – dalla produzione alla distribuzione – oltre che del management artistico con l’agenzia Moviement, parte del Gruppo e che rappresenta oltre cento artisti tra attori, sceneggiatori, registi e nuove promesse.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’emergenza idrica non è finita

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

“Senza interventi urgentissimi per calmierare i costi dell’energia sono a rischio anche la sicurezza idraulica dei territorio e la competitività del made in Italy agroalimentare”: a lanciare un nuovo appello è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), che prosegue: “Non vogliamo essere additati come affamatori di popolo o affossatori dell’agricoltura italiana, ma dovendo per legge chiudere i bilanci in pareggio ed essendo più che quadruplicati i costi dell’energia per contenere le conseguenze della grave siccità ed alla vigilia di una stagione complessa per il rischio idrogeologico, ci appelliamo, affinché si intervenga a sostegno dei bilanci dei Consorzi di bonifica, altrimenti costretti a distribuire gli aumenti sui prossimi contributi consortili, incrementando la pressione economica sulle famiglie e sui prezzi delle derrate agricole.”“Vogliamo evitare una guerra fra poveri – gli fa eco Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – perché i Consorzi di bonifica sono organi di autogoverno del territorio, amministrati da cittadini, in gran parte agricoltori, che vivono le difficoltà quotidiane e sono impegnati nell’espletamento di funzioni di interesse pubblico, quali la gestione delle acque di superficie e la salvaguardia dalle alluvioni. La situazione è gravissima e nessuno ha la bacchetta magica. Ancora in questi giorni – prosegue il DG di ANBI – i Consorzi di bonifica ed irrigazione sono impegnati a gestire, con la massima efficienza, la distribuzione dell’acqua alle campagne in una situazione di perdurante siccità e temperature eccezionalmente alte. Ciò ha finora comportato un incremento del 30% nei consumi complessivi, che generalmente si attestavano sui 600.000 megawattora annui. Congiuntura internazionale e speculazione stanno facendo lievitare anche le più fosche previsioni, che indicavano in circa 270 milioni di euro l’incremento di spesa.”È indispensabile che la questione idrica in tutte le sue complessità, potabili, energetiche, ambientali ed irrigue, torni al centro dell’attenzione e del dibattito politico di questi giorni.” Conclude Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Bollette energia

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Istituzioni, campagna elettorale e commercianti contro consumatori Allo stallo di governo nazionale e istituzioni Ue, corrisponde una campagna elettorale di progetti “astratti” o di pappagalli di Draghi, nonché la solita guerra dei commercianti contro i consumatori. Continuiamo ad essere stupiti. A parte alcune necessarie “toppe” d’emergenza come: – il rigassificatore di Piombino e non solo, per garantire l’uso delle forniture che l’Italia è riuscita a racimolare in alternativa al gas di Putin, – l’auspicio che il governo ancora in carica faccia un decreto legge per accelerare l’estrazione del gas in Italia nel rispetto delle compatibilità ambientali; sburocratizzi le procedure previste per gli impianti delle rinnovabili, e incentivi risparmio energetico, i comportamenti virtuosi dei consumatori e produzione e utilizzo delle rinnovabili ad uso domestico e rurale, senza fare da predatore degli utili dei privati per il surplus prodotto. Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Prezzi come nel 1984. Meno male che c’è l’euro

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Inflazione, dati preliminari Istat per agosto: tutto in crescita, sia rispetto ad un mese fa e, soprattutto, rispetto ad un anno (+8,4%); tra i vari confronti, colpisce il “carrello della spesa” a +9,7, una percentuale che per ritrovarla bisogna tornare al 1984. Scontato che tutto dipenda dai prodotti energetici (+44,9% rispetto ad un mese fa), crescita mitigata dai carburanti su cui grava l’intervento del governo per tenerli bassi. Ma non potrebbe essere altrimenti: stupirsi e pretendere che i prezzi diminuiscano per l’intervento del governo, costi quel che costi, pur se accattivante da un punto di vista mediatico, non si capisce dove dovrebbe portarci, come tutta la scia di contributi e facilitazioni continue che ci siamo abituati dal covid in poi.Il governo ancora in carica è impegnato e il consiglio dei ministri Ue sull’energia del 9 settembre è già convocato e pieno di aspettative e proposte, a partire dal cosiddetto price cap (tetto al prezzo di acquisto del gas). Noi crediamo che in questo momento, oltre alle dovute pressioni verso le istituzioni perché agiscano il meglio possibile senza creare voragini di problemi per risolvere i buchi di oggi, occorre che i consumatori si impegnino per farsi meno male, soprattutto per denunciare ed evitare che le categorie/corporazioni più forti ne approfittino… non perché non sia legittimo aumentare i prezzi, ma perché senza armonia e comprensione di produttori/venditori e consumatori/clienti, ci si fa solo male.Un’occasione d’oro ce l’abbiamo il 25 settembre. Prima di tutto partecipando al voto, e facendolo con cognizione di causa/effetto di chi chiede consenso, ricordandoci che le dentiere per tutti non crescono su alberi selvaggi… la cui presenza sarebbe anche difficile nelle nostre città inquinate e che i cestini di monete d’oro non esistono neanche ai piedi dell’arcobaleno. Ricordando soprattutto: meno male che c’è l’euro e premiando chi si è impegnato perché ci fosse, ci sia e si rafforzi. Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

David Hockney’s ‘Early Morning, Sainte-Maxime’ to highlight 20th

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

LONDON – David Hockney’s Early Morning, Sainte-Maxime (1969, estimate: £7,000,000-10,000,000) is a radiant painting that is situated between the artist’s seminal Californian swimming pool paintings and the pioneering ‘naturalistic’ double portraits. Early Morning, Sainte-Maxime will highlight Christie’s 20th / 21st Century: London Evening Sale on 13 October 2022. The painting is a sublime tribute to the South of France, rendered in exquisite detail. Originally unveiled in London as part of Hockney’s retrospective at the Whitechapel in 1970, the sale will mark the first time that the work has been seen in the capital in more than 50 years. Early Morning, Sainte-Maxime was last seen at auction in New York in 1988. A global exhibition will begin in Seoul from 3 to 5 September, before touring to Hong Kong from 14 to 16 September and New York from 24 to 28 September. The pre-sale exhibition at Christie’s Headquarters on London’s King Street will take place from 6 to 13 October 2022. Early Morning, Sainte-Maxime is one of four paintings based on photographs taken during a trip to France with Hockney’s then partner, Peter Schlesinger, in autumn 1968. It was at this time that the pair first spent time in the home of the film director, Tony Richardson, near Saint Tropez. They became regular guests at the lavish parties Richardson threw at ‘Le Nid du Duc’, set in the mountains just outside Le Garde-Freinet. Hockney had returned to London in 1968 after spending four years in California and the South of France became an instant draw for him and Schlesinger, with its sparkling waters and endless summers, and would come to play a central role in their relationship. It was Richardson’s home that became the setting for Portrait of an Artist (Pool with Two Figures) when the relationship ended between Hockney and Schlesinger in 1971. It was Peter Schlesinger who, indirectly, had first prompted Hockney to think about light: a move that brought about a seismic shift in his practice. While painting The Room, Tarzana (1967), a tender portrait of Schlesinger asleep upon a bed, the artist began to perceive light as a subject in its own right. Hockney had broached some of these concerns in his depictions of swimming pools: water ultimately became a repository of light, ever-changing and never static. These concerns came to a head in Early Morning, Sainte-Maxime.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Con agrado pongo en tus manos la opción de leer mis escrito

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2022

Todos referidos al complejo mundo de la Economía Social cuyas organizaciones: cooperativas, asociaciones y mutuales, hoy como jamás, están demostrando sus bondades en cuanto a que la gente, el común, con base en valores y principios, esfuerzos y recursos propios, con participación en marcha hacia la autogestión, generando riquezas con reales impactos socio – económicos en sus localidades sin esperar dádivas de gobiernos populistas, y confiando en conceptos claros, direccionalidad compartida y trabajo mancomunado, están demostrando ser las herramientas organizacionales más efectivas para enfrentar los retos de la actual sindemia. Entendiendo por sindemia la sinergia de pandemias que allende al Covid, también nos embarga: desempleo, pobreza, hambre, migraciones, desigualdad, violencia de todo tipo particularmente contra las mujeres, cambio climático, explotación y el maltrato laboral, y otras. Los libros que te ofrezco, todos electrónicos, puedes adquirirlos por dos vías: Directo Conmigo: Será vía oscarbastidasdelgado@gmail.com, en ese caso cada libro tendrá como contraprestación a mi trabajo el valor de 10 US$, los dedicaré a ti y a quienes desees obsequiarlos. Via Amazon: En esta opción tendrás los anteriores en sus tres versiones (kindler, tapa dura y tapa blanda), unos sobre PyMEs y otros. Puedes verlos y adquirirlos mediante mi link de autor amazon.com/author/oscar.bastidas-delgado_2022. By Prof. Oscar Bastidas-Delgado. Universidad Central de Venezuela (UCV).

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »